via Pietro Cossa 293/4E Torino

 TALENT CAFE'

Pub  Cocktail & Lounge Bar  Pizzeria

Pagina Facebook Mappa

Foto e info!



Promoser Serigrafia - Via Nino Bixio, 16/b - Borgaretto, Beinasco (TO) - Tel. 011 3583242


mar

17

gen

2017

Domenica è Promozione. Cocino del Lascaris: "Il Susa si è rinforzato, ma sono fiducioso. E nel ritorno..."

COCINO: "IL LASCARIS PUNTA IN ALTO"

Il mister: "Proveremo a riprendere il Susa. Ma occhio al Vanchiglia..."

Cocino, mister del Lascaris
Cocino, mister del Lascaris

17 gennaio 2017 - "Si sono rinforzate parecchie squadre, tra cui l'Union Susa con due pezzi da novanta come Carrassi e Romano, e noi no, dovendo rispettare il nostro budget...Abbiamo perso anche qualche giocatore come Radu, Gelfi e Salaniti. Nonostante questo le mie squadre fanno sempre più punti nel girone di ritorno rispetto all'andata, di solito almeno 7-8. Questo è un Lascaris che punta in alto e che riparte molto determinato. Se poi l'Union Susa riuscirà a tenere i ritmi del 2016 gli faremo soltanto un mucchio di applausi".

 

Ecco tutta la carica di Maurizio Cocino, mister del Lascaris. I bianconeri, a quota 32 assieme al San Maurizio Canavese (classifica Promozione B), sarebbero primi in altri gironi che hanno una quota-scudetto ad oggi più bassa. Invece nel gruppo B c'è un Susa squadra dell'anno solare 2016 che ha scritto una marea di record e che riparte dal +6 in classifica dopo il 2-2 proprio contro il Lascaris nell'ultima giornata dell'anno vecchio (con tanto di polemiche locali per qualche decisione arbitrale).

 

Cocino guarda solo avanti: "Ho le idee chiare. Vista l'assenza di acquisti nel mercato invernale, tranne il '96 ex Corneliano Roero Pagliasso, il primo obiettivo è recuperare al top della forma giocatori in cui credo molto come Pasqualone e Nicola Lavalle. Sono due pedine potenzialmente devastanti e presenti in zona gol. Pasqualone è reduce da un girone d'andata al buio, ci ho lavorato molto e spero di ritrovarlo a lucido. L'anno scorso ha segnato 20 gol e non si fanno per caso. Poi abbiamo inserito nel gruppo due '98 come Piras e Rauseo e il '99 Ventura. Linfa verde prodotta in casa, gestirla è sempre un piacere".

Domenica c'è la Nolese, siete un po' contati: "Vero. Dolce è ancora ai box per il problema al polso, ho anche Mandes, Leone e Secchieri in forte dubbio, ma ho una rosa molto valida. Dunque sono fiducioso. E si punta a riprendere l'Union Susa, tenendo però d'occhio il Vanchiglia. Ha un attacco atomico, sono convinto che supererà presto il San Maurizio Canavese. Poi chissà, magari il campo mi smentirà...".

 

Tre amichevoli per i bianconeri e due vittorie contro Savio Rocchetta e Collegno Paradiso. L'ultima, da giocare, è col Lucento. Qui sotto ecco una rinfrescata dello stato di forma delle squadre a fine 2016: meglio di tutti è andato l'Atletico Chivasso, molto bene anche Vanchiglia, Susa, Lascaris e Ivrea con la media di 2 punti a partita. Dietro ci si aspetta un segnale forte in casa Gassino, Caselle e Venaria, quest'ultimo club scosso positivamente dall'arrivo del nuovo tecnico Gousse assieme a tanti nuovi rinforzi come l'ex Lucento Mignano e la punta Abdoune Hamza.

Da sottolineare come il Mathi Lanzese di Binandeh, assieme all'Atletico Chivasso, non abbia mai perso nelle ultime cinque partite.

 

COSI' DOMENICA 22 GENNAIO (ghiaccio permettendo): Quincitava-Bollengo, Venaria Reale-Caselle, Vanchiglia-Gassino, Atletico Chivasso-Ivrea Banchette, San Maurizio-Santhià, Lascaris-Nolese, Mathi Lanzese-Union Susa, Victoria Ivest-Volpiano.

 

LE ULTIME CINQUE GARE del 2016

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
ATLETICO CHIVASSO 13 5 3 1 0 0 0 1 8 2
VANCHIGLIA 12 5 2 2 0 1 0 0 14 2
UNION SUSA 10 5 2 1 0 1 0 1 10 5
LASCARIS 10 5 2 1 0 1 1 0 11 5
IVREA BANCHETTE 10 5 2 1 0 1 1 0 10 6
SAN MAURIZIO C.SE 9 5 2 1 1 1 0 0 7 6
BOLLENGO 9 5 1 2 1 1 0 0 9 6
MATHI LANZESE 9 5 1 1 0 0 2 1 8 5
NOLESE 8 5 1 1 1 0 0 2 8 6
VOLPIANO 6 5 0 1 1 0 2 1 4 4
QUINCITAVA 4 5 1 0 0 3 1 0 4 11
VICTORIA IVEST 4 5 1 0 2 1 0 1 3 11
SANTHIA' 4 5 0 1 2 1 1 0 4 7
VENARIA REALE 1 5 0 0 2 2 0 1 2 10
GASSINO SR 1 5 0 0 2 2 0 1 2 8
CASELLE 1 5 0 0 1 3 1 0 3 13

mar

17

gen

2017

Una Commissione Tesseramenti per contrastare gli allenatori irregolari. Zaza: "Le regole vanno rispettate"

FILARDO: "TUTELARE GLI ALLENATORI ASSOCIATI E NON SOLO"

17 gennaio 2017 - di Michele Rizzitano

 

Sul tema che ha stuzzicato moltissimi lettori stamattina (tantissime mail ricevute dalla redazione, è stata in pratica istituita dal 1° gennaio una nuova Commissione Tesseramenti per combattere gli allenatori irregolari) abbiamo sentito anche Sebastiano Filardo, da poco nuovo presidente dell'Aiac Piemonte dopo esserlo stato nell'Aiac Torino.


Giusto un promemoria, un esempio su tutti: "Giocare in una società e allenare i piccoli di un'altro club dove non si è tesserati? Non si può. Si può allenare soltanto nella società nella quale si è tesserati. Lo si dà per scontato...E' un anno che lavoriamo in questa direzione. Forse a qualcuno sono sfuggite le regole e dovrà rileggersi il comunicato numero 1 pubblicato sul sito Lnd. O forse negli ultimi anni si è presa un'abitudine sbagliata pensando che tutto fosse lecito. Noi in questo anno ci siamo strutturati e mentre qualcuno borbottava e diceva che non facevamo nulla, avevamo invece già le idee chiare su molte cose e sul futuro, che ora passa dalle linee guida di Mossino, nuovo presidente della Lnd. Ora la nuova Commissione riceverà e gestirà segnalazioni a 360°, relative anche a settore giovanile e scuola Calcio. A fronte di una segnalazione il nostro primo obiettivo è quello di tutelare i nostri associati e dunque impedire che un allenatore non in regola eserciti l'attività. Poi entrerà in gioco, eventualmente dopo il primo richiamo, la Procura Federale. E lì ci sarà un percorso burocratico differente, che darà continuità al lavoro iniziale dei gruppi provinciali e regionali. Come detto dai colleghi non facciamo gli ispettori o i Carabinieri, ma facciamo rispettare le regole e ci sembra soltanto giusto. Aggiungo che non ci saranno deroghe, come magari successo in passato, di nessun tipo. Un altro nostro obiettivo è quello di avere sempre più allenatori qualificati. Rispettare le regole, abilitarsi alla professione, aggiornarsi e fare formazione diventano dunque tappe imprescindibili per diventare allenatori a tutti gli effetti e far parte, ufficialmente, di un movimento che vuole crescere a Torino, in Piemonte e in tutta Italia".

A TORINO NUOVA COMMISSIONE TESSERAMENTI

17 gennaio 2017 - Grossa novità nel calcio a nord ovest. Sì, perchè ufficialmente dal 1° gennaio 2017 l'Aiac Torino ha istituito una nuova "Commissione Tesseramenti" per le verifiche della posizione degli allenatori che esercitano in panchina o sul campo in settimana, ma che sono irregolari in quanto non patentati.

 

Il presidente è Vitantonio Zaza, che fa anche l'istrutore alla Scuola Calcio del Torino 2006.

Ci sono poi Donato Altieri, vicepresidente e consigliere, e tra gli altri consiglieri Vincenzo Di Gianni, responsabile della Commissione controllo patentini, Franco De Meo, Pino Cristiano, Alessandro Giraulo e Massimo Battistello.

Matteo Agnino, Sergio Silvestro, Camillo Gialanella, Renato Ientile, Andrea Conte, Gaetano Picone fanno invece parte della Commissione e sono tutti allenatori patentati Uefa B che danno una mano al nuovo movimento, uno dei primi gruppi in Italia ad occuparsi di allenatori "abusivi".

 

Come funziona la Commissione? A spiegarlo è proprio il presidente Vitantonio Zaza: "Innanzitutto vorrei precisare che non siamo Carabinieri o sceriffi. Siamo persone che vogliono assicurare il rispetto delle regole e che hanno a cuore la crescita di un movimento che ha bisogno di allenatori sempre più capaci, formati e aggiornati. Il gruppo riceve segnalazioni, effettua verifiche con giornali e siti internet, guarda le distinte e analizza la posizione di presunti dirigenti e massaggiatori che in realtà allenano nella provincia di Torino, anche tramite video e filmati".

E poi? "Scatta un primo richiamo verbale alla persona in questione e alla società. La differenza è che prima tutto moriva qui. Adesso non più. Se il comportamento persiste parte una segnalazione al gruppo Regionale Piemonte Valle d'Aosta, che potrà inoltrare una vera e propria denuncia alla Procura Federale di Coverciano. Lì inizierà poi la vera e propria indagine, che potrà portare dopo aver raccolto prove ed effettuato verifiche con i diretti interessati ad una squalifica dell'allenatore non provvisto di patentino. Sarà la stessa Procura a decidere l'eventuale sospensione del corso dell'allenatore che ha cercato di mettersi in regola in ritardo iscrivendosi dopo il richiamo e continuando nel frattempo ad allenare senza patentino".

Aggiunge Zaza: "Eravamo stufi dell'etichetta di quelli che fanno solo le tessere. Qui c'è un movimento che vuole salvaguardare e migliorare il percorso degli allenatori, che spendono 800 euro, oltre al tempo dedicato, per raggiungere il patentino ed essere abilitati. Tutti i mister hanno apprezzato. Abbiamo 1500 tesserati e se prima venivano a votare per il Consiglio poche decine di persone, ora sono quasi 400".

Donato Altieri, vicepresidente: "Vogliamo e dobbiamo tutelare i nostri associati. Voglio sottolineare come la prima azione della Commissione non sia quella dell'immediata denuncia, ma un richiamo. E' un tentativo morbido, ma allo stesso tempo efficace, serio e irreprensibile, per impedire subito che la regola venga aggirata".

Vincenzo Di Gianni, membro del Consiglio Aiac Torino: "Mi riallineo alle parole di Zaza. Non è una guerra verso nessuno e non c'è alcuna volontà di imporre un potere. E' ora di porre, invece, un termine ai tentativi di aggirare le regole. Oltretutto spesso è facilissimo individuare chi non ha il patentino, proprio perchè in Piemonte così come in altre regioni ci si conosce un po' tutti all'interno del movimento allenatori. Che le regole vengano rispettate è il minimo che si possa chiedere".

lun

16

gen

2017

Pavarolo: 1-1 a Borgaro con Scavone-gol. E' imbattuto assieme a Pont, Stresa e Rivarolese nelle ultime 5 gare

PAVAROLO, PESANTE 1-1 A BORGARO

Michael Scavone
Michael Scavone

16 gennaio 2017 - Eccellenza A: quattro sorprese nelle ultime cinque giornate. Sì, perchè le uniche squadre imbattute occupano posizioni da metà classifica in giù. Si tratta di Pont Donnaz (ieri 1-1 a Settimo), Stresa (ieri 3-0 al Trino), Rivarolese (match rinviato con l'Aygreville) e...Pavarolo.

 

Tre pareggi e due vittorie per la rilanciata squadra di mister Capobianco, che domenica ha fermato con un 1-1 esterno nientedimeno che un Borgaro fresco di Coppa e desideroso di approfittare dello scontro diretto Juventus Domo-Alpignano (gara in programma il prossimo 25 gennaio).

Per il Pavarolo quarto gol stagionale di Michael Scavone, che subentra al 16' della ripresa e trova su calcio d'angolo (incursione e primo tiro di Di Blasi) il tap vincente sul secondo palo al 21': l'ex Chieri (3 anni da fuoriquota in D) e Sciolze con Boschetto, protagonista anche della cavalcata vittoriosa in Coppa Promozione l'anno scorso al Pavarolo con Ballario, oggi è passato ai nostri microfoni.

 

Scavone, continua la striscia positiva del Pavarolo. Questo 1-1 è un altro segnale importante: "Sì, portare via un punto sul campo del Borgaro non è una cosa da poco visto il valore dell'avversario. Siamo in forma e quando scendiamo in campo non ci accontentiamo. Per uscire dalla zona salvezza serve vincere, poi magari arriva un pareggio o si perde. Ma la mentalità è quella giusta. Ballario ha fatto un gran lavoro e con lui ci sentiamo spesso. Resta l'amicizia fuori dal campo. Quando è arrivato Capobianco abbiamo sentito però una scossa. Il mister ha insistito sul concetto di compattezza di squadra e sta lasciando un'impronta diversa. I mezzi per salvarci ci sono tutti, abbiamo trovato equilibrio. Sono fiducioso e positivo".

Un unico tasto dolente, Pavarolo peggiore attacco: "Sì, 16 gol in 19 gare sono pochi, ma la responsabilità non è solo degli attaccanti. E' tutta la squadra a dover lavorare di più sotto il profilo della costruzione, prima che della finalizzazione. Comunque abbiamo attaccanti molto validi come D'Alessandro, Pinto, Monteleone...Sono sicuro che arriveranno altri gol pesanti".

Cosa è cambiato rispetto ad un inizio tutto in salita? "Prima prendevamo gol alla prima occasione e queste situazioni ci tagliavano le gambe, perchè comunque avevamo sempre creato occasioni. Ora siamo molto più aggressivi e cattivi. Abbiamo un atteggiamento diverso".

 

Charvensod che sembra spacciato a 9 punti, ma non è detto, poi Borgomanero (14), Cerano (14), Pavarolo (15), Rivarolese (21) e Settimo (21). Chi ha maggiori chance di salvezza? "Siamo tutte lì e non ci sono grandi differenze a livello tecnico. Da questo elenco di pericolanti credo che la Rivarolese possa uscire fuori più agevolmente. E' la squadra che ho visto meglio".

Un voto al 2016 del Pavarolo? "Facendo una media tra il salto di categoria con la vittoria in Coppa e l'andata del campionato in corso passata quasi tutta all'ultimo posto direi un 6,5. Vogliamo continuare a fare bene contro Aygreville, BorgoVercelli e Stresa".

 

ULTIME 5 GIORNATE: PAVAROLO, PONT, STRESA E RIVA IMBATTUTE

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
PONT DONNAZ 11 5 2 1 0 0 1 1 8 2
STRESA 11 5 1 2 0 0 1 1 9 3
BORGOVERCELLI 9 4 1 2 0 1 0 0 7 2
PAVAROLO 9 5 1 1 0 0 1 2 6 4
BORGARO 8 5 0 2 0 1 2 0 12 4
ORIZZONTI UNITED 8 5 2 0 0 1 0 2 5 5
SETTIMO 8 5 0 2 0 1 2 0 8 7
RIVAROLESE 8 4 2 0 0 0 1 1 7 4
ALPIGNANO 7 4 2 0 0 1 1 0 4 3
JUVENTUS DOMO 6 4 1 1 1 1 0 0 8 5
LA BIELLESE 6 4 1 1 0 2 0 0 5 6
LG TRINO 6 5 1 0 0 1 2 1 3 5
ALICESE 5 5 1 0 2 0 0 2 5 7
AYGREVILLE 4 4 1 0 0 2 0 1 4 5
CITTA' DI BAVENO 3 4 1 0 2 1 0 0 6 9
CERANO 1 5 0 0 2 2 1 0 4 13
BORGOMANERO 1 5 0 0 2 2 0 1 1 6
VDA CHARVENSOD 0 4 0 0 3 1 0 0 0 12

lun

16

gen

2017

San Mauro in semifinale di Coppa. Mister Perziano canta "Si può dare di più". Schinco: "Non abbiamo esultato"

SAN MAURO, SEMIFINALE (COL COMPITINO)

16 gennaio 2017 - Era il 1987 e "Si può dare di più" diventava un grande successo del trio Tozzi-Morandi-Ruggeri. Il ritornello torna d'attualità per un San Mauro che, sicuramente incerottato, fa 0-0 contro il Livorno Ferraris e si prende le semifinali di Coppa Prima Categoria. Per ora c'è soltanto un'altra semifinalista certa: il Cit Turin. Poi una tra Valdruento e Pro Collegno (rinviato il match tra le squadre di Balla e Rubino) e la vincitrice di un nuovo triangolare chiuderanno la lista dei quattro team a caccia del trofeo e del salto di categoria. Gli accoppiamenti saranno comunque sorteggiati.

 

"Si può dare di più", dunque, dice mister Perziano, non molto contento della prestazione dei suoi, privi di Saracino e Greco Ferlisi, cecchini esperti. Tra i migliori, invece, Schinco, Marocco (i due centrali), il nuovo portiere Ignazzi, Lasaponara e Di Fiore. Il Livorno Ferraris, più volte pericoloso, si mangia un po' le mani ma tenterà il passaggio in semifinale nel secondo triangolare.

 

Così Perziano: "Di positivo c'è solo la qualificazione. Le assenze erano pesanti, ma ho preso il timone di una squadra costruita per vincere e dalla quale ci si aspetta molto, non di certo uno 0-0 così poco convincente". Subito un segnale forte e chiaro del tecnico in vista del campionato: domenica si torna in campo, il San Mauro ospiterà il Rosta che in amichevole ha battuto 4-2 il Barracuda coi gol di Cestone e Laccetta (doppiette).

 

Capitan Michele Schinco dà ragione a mister Perziano: "Sì, è vero. Siamo scesi in campo per vincere, non per pareggiare, ma abbiamo giocato male. Il Livorno Ferraris è una buona squadra e bisogna anche dare merito a loro, inoltre avevamo assenze importanti. Certo, non devono essere un alibi. Abbiamo fatto il compitino ma non è stata una grande partita la nostra, tant'è che non abbiamo esultato".

Domenica il Rosta: "Guai a sottovalutare queste gare. Inoltre io sarò squalificato assieme a Di Fiore e Greco Ferlisi e Saracino è ancora in dubbio. Il Rosta verrà a cercare l'impresa, dovremo dimenticare questo 0-0 e tornare a giocare come sappiamo".

lun

16

gen

2017

Recupero Prima F: Ievolella-Mastroianni, la Bruinese vince 0-2 ad Airasca e rientra nella corsa salvezza

BRUINESE, 3 PUNTI PER SPERARE

16 gennaio 2017 - Recupero Prima girone F: un lampo di Ievolella, il sigillo di Mastroianni. La Bruinese di Maculan nel 2017 riparte da qui, ovvero dallo 0-2 di Airasca che rilancia le speranze-salvezza. Probabilmente solo una vittoria nel recupero (match saltato nella 12esima giornata) poteva rimettere in pista la Bruinese ed è puntualmente arrivata grazie ad uno svarione difensivo dell'Airaschese al 25': Ievolella si inserisce tra due difensori e batte l'ex Lesna Gold Boetto. Il portiere Digiglio salva lo 0-1 due volte a fine primo tempo.

Nella ripresa girandola di sostituzioni e ospiti in fase di contenimento di un prezioso risultato. Nel finale bomber Mastroianni scappa davanti a Boetto e lo castiga: 0-2.

 

Prossimo turno: domenica 22 gennaio ripresa del campionato. Spicca Infernotto-Pinasca, scontro la capolista da 38 punti in 15 gare e gli ospiti decisi a restare in zona playoffs e capaci di grandi imprese.

L'Atletico Racconigi insegue a -3 l'Infernotto e sarà atteso sul campo dell'AuroraRinascita. Occhio anche a Perosa-Airaschese e Racconigi-San Secondo per i piani alti. Il Nichelino di Di Nola, tra le squadre più in forma di fine 2016, giocherà invece a Bricherasio e il Lesna Gold di Calabrò sarà di scena a Vigone.

 

AIRASCHESE-BRUINESE 0-2

Airaschese: Boetto, Sergio, Lamanna, Andronico, Alcaro (21' st Forgia), Sposato, Guerrisi (32' st Lagori), Ghizzoni, Brescia, Gianquinto (1' st Savino), Schifano. A disp.: Fino, Rito, Cua, Ursoleo. All.: Biolatto.

Bruinese: Digiglio, Tonda, Rufrano, Fiore, Ballacomo, Galanzino, Ievolella (37' st Cabras), Mascia (14' st Lucchetta), Mastroianni, Sannino (24' st Bollino), Toriello. A disp.: Perotto, Circiello, Usignolo, Sansone. All.: Maculan.

Arbitro: Oneglio di Pinerolo.

Reti: 25' Ievolella, 46' Mastroianni.

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
INFERNOTTO 38 15 6 6 0 1 1 1 39 11
ATL. RACCONIGI 35 15 6 5 1 1 1 1 34 20
PEROSA 30 15 5 4 2 1 0 3 33 21
RACCONIGI 26 15 4 4 2 3 1 1 29 21
PINASCA 25 15 3 4 1 3 4 0 36 28
LESNA GOLD 24 15 5 2 1 4 2 1 31 18
NICHELINO H. 24 15 6 1 1 4 1 2 28 23
AUR. PIOSSASCO 23 15 3 4 3 3 1 1 25 26
BRICHERASIO 21 15 4 1 1 3 2 4 22 20
BORGARETTO 20 15 2 3 3 2 2 3 32 27
PRO POLONGHERA 19 15 3 3 4 4 1 0 25 26
SAN SECONDO 16 15 3 1 3 4 2 2 19 26
AIRASCHESE 14 15 3 1 4 5 1 1 14 28
FC VIGONE 13 15 3 0 2 6 2 2 10 21
BRUINESE 8 15 0 2 7 4 1 1 18 42
LUSERNA 1 15 0 0 6 8 1 0 16 53

dom

15

gen

2017

Coppa Promozione: Chisola in semifinale! Casamassima: "Gara emozionante". Avanti anche Lucento e Accademia

CHISOLA, 4 CECCHINI AI RIGORI: E' SEMIFINALE!

15 gennaio 2017 - Abbiamo tre verdetti su quattro! Ecco le semifinaliste di Coppa Promozione, ad un passo dal trofeo e dal salto di categoria:

 

  • Il Chisola di Boschetto: gara emozionantissima e un Chisola che riesce a spuntarla ai rigori nonostante la sconfitta dell'andata. L'1-2 del Pancalieri è stato replicato al 90': gol di Bortolas e Ramundo (0-2) e per il Pancalieri accorcia Cambria. Si va così ai supplementari: niente gol. Servono quindi i rigori per decretare il 5-3 del Chisola, che approfitta degli errori dal dischetto di Cambria e Dal Molin. Dopo aver ospitato sul suo campo la finale 2016 il Chisola è in semifinale ad un passo dal traguardo!

 

Le emozioni vissute da capitan Piero Casamassima, che trasforma uno dei rigori del passaggio del turno: "Partita bellissima e maschia tra due squadre di amici. Ci conosciamo tutti...In campo le abbiamo prese e date in un'atmosfera da battaglia, ma con grande rispetto reciproco. Per noi è una bella soddisfazione arrivare in semifinale e aver ribaltato l'1-2 dell'andata. Il Pancalieri Castagnole è una bella squadra e Viale un ottimo allenatore. Non era facile dover per forza giocare a tutta per segnare due gol. Oggi però abbiamo giocato un primo tempo ai cento all'ora...Gli episodi hanno fatto quasi tutto, ma ai rigori siamo stati infallibili".

 

Chisola che parte senza Barison (stirato), con Bettega centrale, Bortolas (tra i migliori in campo) su Cabiddu e Sammartino a uomo su Cambria. Dice Casamassima, che ha gestito Messineo: "Un calcio quasi in stile anni '60 con marcature a uomo e grande pressing. Oggi serviva questo...".

Dopo cinque minuti grande parata di Ussia su un colpo di testa. Poi i gol che fanno sognare il Chisola: uno-due Deasti-Bortolas e quest'ultimo trova lo 0-1. Messineo del Pancalieri calcia alto un rigore: niente 1-1. Nella ripresa rimessa lunga, mischione e Audino (subentrato a Beltramo) trova l'assist per il tap-in di Ramundo.

Casamassima: "Sullo 0-2 ci siamo abbassati un po' troppo. Forse abbiamo avuto la classica paura di vincere. Messineo ha conquistato un altro rigore, con esperienza, e Cambria ha fatto 1-2". E così, tutto pari: supplementari.

Ancora Casamassima: "Un palo di Messineo nel primo tempo e una grande palla-gol per Sammartino, uscita di un niente, sono state le palle-gol più importanti. Ma a quel punto ha prevalso l'equilibrio". Rigori: Chisola infallibile con Bettega, Casamassima, Vitale e Deasti, nel Pancalieri sbagliano Cambria e Dal Molin. Il verdetto è confezionato, non serve nemmeno il quinto rigore. Avanti Chisola.
Casamassima chiude così: "Siamo davvero felici. Questa è una partita che ci rimarrà dentro e sono convinto che il gruppo crescerà ancora molto grazie a questo match...".

 

  • Il Lucento di Telesca: altra gara pazza in casa Savio Rocchetta, con i torinesi a ipotecare la qualificazione con i gol di Perrone e Montesano nel primo quarto d'ora della ripresa. Poi il "Sando" fa vedere di che pasta è fatto e risale fino al 2-2 con due gol ravvicinati nella fase centrale di Modini e Rea tra il 28' e il 30'. Alla fine è assalto gialloverde, col Lucento che riesce a far pesare i gol in trasferta e a chiudere sul 2-2. Dunque, squadra di Telesca in semifinale!

 

  • L'Accademia Borgomanero di Tabozzi: dopo il 4-1 dell'andata, un comodo 2-1 al ritorno. E' semifinale, già ampiamente ipotecata nei primi 90 minuti!

 

  • Union Susa o Vanchiglia: manca l'ultimo verdetto! Rinviato il confronto del girone B tra biancorossi e granata a causa del campo ghiacciato di Susa e anche di quello di Bruzolo. Nei prossimi giorni sapremo la data del recupero.

dom

15

gen

2017

Rivoli, 2° posto: Cravetto assist-man, Arcari gol. Petrosino: "Domenica Castellazzo-Saluzzo, momento importante"

RIVOLI, GRAN PARTENZA NEL 2017

15 gennaio 2017 - Tra le tante notizie del giorno in Eccellenza B (tripletta di Alfiero a quota 21 reti, festival del gol in Cheraschese-Fossano 3-5, 0-0 in Corneliano Roero-Castellazzo) spicca sicuramente il salto in lungo del Rivoli: 0-1 a Valenza Po firmato Arcari e balzo al 2° posto assieme al Saluzzo. In concreto sono due punti presi proprio al Castellazzo capolista e al Saluzzo (fermato nel finale da Buongiorno del Cavour dopo l'1-0 di Pinelli).

 

Mister Petrosino: meglio il Rivoli non poteva proprio iniziare vero? "Assolutamente sì. Siamo molto felici, ma sotto la doccia ho già sentito qualcuno pensare al Benarzole, col quale abbiamo fatto 1-1 all'andata. Questo è l'atteggiamento giusto ed è lo spirito che serve per provare a stare in cima alla classifica. Oggi siamo secondi, sicuramente i risultati delle rivali sono stati favorevoli".

 

Decisivo (oltre che Volante, portiere che ha realizzato una doppia parata nella stessa azione nella ripresa) soprattutto il baby bomber Arcari, che ha scaricato in rete un piattone a rimorchio su assist dal fondo di bomber Cravetto al 13'. Petrosino: "Siamo tutti molto contenti per Arcari, un ragazzo giovane della società in evidenza. Ha dimostrato di essere all'altezza e di poter dare un contributo importante in un contesto come l'Eccellenza. Al Rivoli siamo comunque abituati a non elogiare mai solo un singolo, ma sempre la squadra. Tutti hanno fatto bene il proprio compito vincendo su un campo difficile. Ci aspettano ora Benarzole e Cheraschese, vogliamo riprenderci i punti lasciati per strada all'andata con queste due squadre. Si tratta di due partite fondamentali per la scalata al primo posto, anche perchè domenica c'è Castellazzo-Saluzzo. Noi riposeremo quando gli altri giocheranno, il momento di allungare è proprio questo".

 

Come è andato il primo Rivoli versione 2017? "Complessivamente bene. Non avevamo ancora totalmente il ritmo partita, ma abbiamo disputato un buon primo tempo e rischiato qualcosina nella ripresa. Ci sta, anche perchè la Valenzana aveva un'enorme fame di punti".

Grauso non è sceso in campo: "Sì, confermo. Nella fase di riscaldamento ha accusato un fastidio al polpaccio e ha preferito non rischiare. Pantaleo ha preso così il suo posto. Era già successo venerdì, poi insieme a Claudio abbiamo provato a valutare la condizione prima della partita. Sembrava tutto a posto e invece non lo è ancora".

dom

15

gen

2017

Calcio Piemonte: Eccellenza, il Rivoli è 2°. Coppa Promozione, in semifinale Lucento, Chisola e Accademia

RIVOLI, BALZO AL 2° POSTO. COPPA: GIOIA CHISOLA E LUCENTO!

Alfiero (21 gol) mostruoso! Coppa Prima: S.Mauro e Cit, semifinale

Il baby '98 Arcari (gialloblù) regala il secondo posto al Rivoli
Il baby '98 Arcari (gialloblù) regala il secondo posto al Rivoli

Amichevoli: vittorie per San Maurizio, Quincitava e Rosta

COPPA PROMOZIONE (gli abbinamenti per le semifinali sono da sorteggiare!)

 

Sotto l'intervista a capitan Casamassima del Chisola: rigori decisivi contro il Pancalieri, club di Vinovo in semifinale assieme a Lucento e Accademia Borgomanero.

Annotazione: ieri si è diffusa la notizia di un possibile Chisola-Lucento in semifinale e oggi (lunedì) qualche giornale lo ha confermato. Non ci risulta sia così. Le semifinali, come l'anno scorso, prevedono un abbinamento da sorteggiare. Ad oggi, dunque, nessuno può sapere chi affronterà.

 

E' SUCCESSO IN ECCELLENZA

 

Girone A: appena quattro partite coi 4 rinvii in casa Juve Domo, Aygreville, La Biellese e Borgovercelli. In più un Orizzonti-Borgomanero sospesa al 22' della ripresa (sull'1-0) per infortunio all'arbitro.

E' 1-1 Borgaro-Pavarolo con botta e risposta tra Piotto e Scavone. Stesso punteggio in Settimo-Pont (Baracco-Montari) e Cerano-Alicese (Ceriani-Menabò). La vittoria del giorno è targata Stresa: 3-0 al Trino, autogol, Scaramozza e Cabrini.

 

Girone B: la novità è il salto al 2° posto del Rivoli, che vince 0-1 a Valenza con gol di Arcari (qui l'intervista a Petrosino). Pareggiano 0-0 Corneliano Roero e Castellazzo, mentre il Saluzzo (che avrebbe potuto avvicinare seriamente la vetta in vista di Castellazzo-Saluzzo domenica prossima) viene ancora una volta beffato dal Cavour: Buongiorno-gol a tre minuti dalla fine dopo l'1-0 di Pinelli. Finale 1-1.

Altri risultati: 1-2 del Tortona in casa Colline, 2-1 del Savigliano nel derby col Benarzole, spettacolare 3-5 del Fossano a Cherasco (dopo il 4-2 dell'andata) per un totale di 14 gol in due incroci tra i club cuneesi. E Alfiero a quota 21 gol in 17 gare: mostruoso.

 

RECUPERO CAMPIONATO PRIMA GIRONE F: Airaschese-Bruinese 0-2

>>> La nuova classifica

 

AMICHEVOLI

San Maurizio Canavese-Ivrea 4-1 (0-1 Chiappero, 1-1 Carlos Torre, 2-1 Mezzela. Secondo tempo 3-1 Cannata, 4-1 Alestra)

Bella partita, nonostante il campo in parte ghiacciato e in parte scivoloso. L'Ivrea conferma le ambizioni di rilancio con un buon organico e una squadra che cerca il dialogo e il fraseggio tecnico, San Maurizio con la necessità di sperimentare nuove soluzioni anche per sopperire a qualche infortunio che ha lasciato il segno prima della sosta e per ritrovare il passo di inizio stagione. Segnali positivi per il tecnico Di Muro da un'amichevole impegnativa, cominciata dando spazio a chi aveva bisogno di mettere minuti nelle gambe.
Tra i migliori: Carlos Torre, solita garanzia da capitan Tano Alestra e da Bussi entrato nel secondo tempo causa impegni di lavoro, positivo l'inserimento di Bisacco, esterno destro basso arrivato dall'Atletico Chivasso. In evidenza i '99, Brian Torre nel primo tempo, Ravizza nel secondo, in ruoli differenti.

 

Quincitava-Ponderano 1-0 (5' st Montuori)
Barracuda-Rosta 2-4
(2 Cestone, 2 Laccetta)

ANTICIPO ECCELLENZA B - BONBONASCA – ALBESE 2-1

 

Marcatori: 17′ e 71′ Echimov, 80′ Freda

ECCELLENZA OGGI alle 14.30

 

CORNELIANO ROERO-CASTELLAZZO 0-0

Corneliano Roero: Maja, Errera, Vergori, Anderson, Chiatellino, Toscano, Giordano, Zichitella, Melle, Garrone, Capuano. A disp.: Calabrò, Morone, Amelotti, Colaianni, Busato, Lanfranco, Delpiano. All.: Dessena.

Castellazzo: Gaione, Cascio, Costa, Molina, Silvestri, Camusso, Federico Cimino, Limone, Viscomi, Rosset, Piana. A disp.: Baralis, Francesco Cimino, Alb, Boveri, Bronchi, Zunino, Cabella. All.: Merlo.

Arbitro: Greco di Roma (Ameglio di Torino e Cucchi di Pinerolo).

 

VALENZANA MADO-RIVOLI 0-1

Valenzana Mado: Teti, Bennardo, Ivaldi, Gerbaudo, Marelli, Robotti, Pellegrino, Mazzola, Dalessandro, Palazzo, Russo. A disp.: Capra, Bennardo, Roluti, Rizzo, Damoni, Manfrin, Gramaglia. All.: Pellegrini.
Rivoli: Volante, Montanino, Drago, Pavan, Grancitelli, Pantaleo, Gallace, Saadi, Arcari, Sardo, Cravetto. A disp.: Ghiglione, Saffioti, De Rosa, Ferone, Lippo, Cervino, Piroli. All.: Petrosino.
Rete: 13' Arcari

 

SALUZZO-CAVOUR 1-1

Saluzzo: Marcaccini, Berrino, Alessandro Sera, Gozzo, Caldarola, Carli, Micelotta, Porporato, Pinelli, Bissacco, Morero. A disp.: Nardi, Aleksovski, Romano, Rivarossa, Gatti, Tallarico, Favale. All.: Rignanese.

Cavour: Raica, Quattrocchi, Simone Bonelli, Dedominici, Cristiano, Cuttini, Fiorillo, Cretazzo, Buongiorno, Atterritano, Roberto Di Leone. A disp.: Gilli, Davide Bonelli, Laganà, Candela, Modugno. All.: Di Leone.

Arbitro: Nicolò di Genova (Barberis e Orsogna di Collegno).

Reti: 45' Pinelli, 40' st Buongiorno (C)

 

CHERASCHESE-FOSSANO 3-5

Cheraschese: Tarantini, Costamagna, Vittone, Nastasi, Prizio, Pirrotta, Cornero, Pupillo, Atomei, Celeste, Fontana. A disp.: Giustiniani, Sinato, Costa, Capocchiano, Gallesio, Faule, Oddenino. All.: Brovia.

Fossano: Masneri, Brondino, Galvagno, Tounkara, Mozzone, Douza, Armando, Giraudo, Alfiero, Romani, Tavella. A disp.: Aleati, Di Salvatore, Sammartino, Sacco, Fenoglio, War, Boniello. All.: Viassi.

Arbitro: Di Lorenzo di Agropoli (Barale di Torino e Pinna di Pinerolo).

Reti: 20' Alfiero (F), 23' rig. Celeste, 38' Atomei, 45' Tavella, 5' st Prizio, 30' st Alfiero, 37' st Armando, 40' st rig. Alfiero

 

COLLINE ALFIERI-TORTONA 1-2

Colline Alfieri: Franceschi, Arione, Lumello, Marino, Maglie, Di Savino, Gennari, Ahmed, Persiano, Piovano, Di Benedetto. All.: Brustolin, Sacco, Petraglia, Freschi, Pozzatello, Colonna, Capone. All.: Bosticco.

Tortona: Muriero, Mazzariol, Mazzocca, Versuraro, Giordano, Pavanello, Manzati, Sacchetti, Farina, Clementini, Comi. A disp.: Gramegna, Acerbo, Merlano, Rolandone, Acrocetti, Noarman, Mofena. All.: Visca.

Arbitro: Ciaccio di Nichelino (Enrione di Nichelino e Boni di Pinerolo).

Reti: 27' Manzati, 30' autogol Di Savino, 33' Persiano (C)

 

ECCELLENZA A:

Cerano-Alicese 1-1 (43' Ceriani (C), 42' st Menabò)

Juventus Domo-Alpignano rinviata

Orizzonti-Borgomanero 1-0 (sospesa per infortunio all'arbitro al 22' della ripresa)

BorgoVercelli-Città di Baveno rinviata

Stresa-LG Trino 3-0 (aut. Soncini, Scaramozza, Cabrini)

Borgaro-Pavarolo 1-1 (19' Piotto (B), 31' st Scavone)

Settimo-Pont Donnaz 1-1 (14' Baracco (S), 8' st Montari)

Aygreville-Rivarolese rinviata

La Biellese-Vda Charvensod rinviata

 

ECCELLENZA B:

BonBonAsca-Albese 2-1 (17' Echimov, 71' Echimov, 80' Freda)

Savigliano-Benarzole 2-1 (18' st Rostagno (S), 28' st Parussa, 35' st Rosso)

Corneliano Roero-Castellazzo 0-0 ad Alba

Saluzzo-Cavour 1-1 (45' Pinelli (S), 40' st Buongiorno)

Cheraschese-Fossano 3-5 (20' Alfiero (F), 23' rig. Celeste, 38' Atomei, 45' Tavella (F), 5' st Prizio, 30' st Alfiero, 37' st Tavella, 43' st Alfiero rig.) a Vinovo

Valenzana Mado-Rivoli 0-1 (13' Arcari)

Colline Alfieri-Tortona 1-2 (27' Manzati, 30' autogol Di Savino, 33' Persiano (C)

Riposano: Pro Dronero e Olmo.

 

PROMOZIONE: rinviato il recupero Villanova-Santostefanese (girone D)

 

COPPA PROMOZIONE: Accademia, Chisola e Lucento in semifinale

 

  • Accademia Borgomanero-Dufour Varallo 2-1 (and. 1-4 Accademia)
  • Pancalieri Castagnole-Chisola 1-2 (27' Bortolas, 20' st Ramundo (C), 32' st rig. Cambria - and. 1-2 Pancalieri) supplementari in corso, ai rigori 3-5 Chisola
  • Savio Rocchetta-Lucento 2-2 (14' st Perrone, 20' st Montesano (L), 28' st Modini, 30' st Rea - and. 0-0)
  • Union Susa-Vanchiglia (and. 1-0 Vanchiglia) rinviata

 

COPPA PRIMA: San Mauro e Cit Turin prime semifinaliste!

 

  • San Mauro (3 punti)-Livorno Ferraris (0 punti) 0-0
  • Valdruento (3 punti)-Pro Collegno (1 punto): rinviata
  • AuroraCalcio Alessandria (0 punti)-Cit Turin (3 punti): 0-2 (36' Garau, 38' st Bacconi)

ven

13

gen

2017

Ultim'ora: rinviate Juve Domo-Alpignano (Eccellenza) e Susa-Vanchiglia (Coppa). Aygreville sul sintetico?

SALTANO JUVE DOMO-ALPIGNANO E SUSA-VANCHIGLIA

LIVE dal campo principale dell'Aygreville
LIVE dal campo principale dell'Aygreville

13 gennaio 2017 - Visto l'argomento meteo verrebbe da dire che "era nell'aria". Lo si diceva da giorni, il vento polare in valle Susa non ha fatto "asciugare" il campo di Bruzolo e, anzi, ha peggiorato le cose. Dunque, rinviata Union Susa-Vanchiglia, ritorno dei quarti di Coppa Promozione. A confermarlo i dirigenti biancorossi, anche se al momento (19.40 di venerdì) non c'è l'ufficialità sul sito Lnd.

 

Altro rinvio importante in Eccellenza A. Anche in questo caso confermano i dirigenti (in primis il presidente dell'Alpignano Granieri): rinviata Juventus Domo-Alpignano. Un vero peccato che questa partita molto importante per le sorti del titolo e del salto in serie D quasi certamente debba essere incastrata di mercoledì in mezzo a due impegni domenicali. Ma tant'è. Il meteo borbotta anche a Domodossola.

 

Nel girone B una variazione: Corneliano Roero-Castellazzo non si giocherà a Corneliano ma ad Alba in corso Nino Bixio.

 

Sotto, invece, ecco la foto del campo dell'Aygreville: tanta neve in Valle d'Aosta ma i rossoneri potrebbero giocare sul campo di "riserva" contro la Rivarolese, ovvero il sintetico. Con la frese sabato potrebbe essere sgomberata la neve.

AMICHEVOLI: IVEST-OLYMPIC 1-3, S. MAURIZIO-ATL. VOLPIANO 0-2

Ancora tanti incroci Promozione-Prima in attesa del ritorno in campo il 22 gennaio. Tra le ultime partite giocate segnaliamo l'1-3 dell'Olympic all'Ivest (2 gol di Fina e Redavid) e lo 0-2 dell'Atletico Volpiano Mappano al San Maurizio Canavese: Aniello e Camerino presenti in zona gol.

ven

13

gen

2017

Menù calcio Piemonte: 15 gennaio con l'Eccellenza e i verdetti di Coppa Promozione e Prima Categoria

ECCELLENZA, BORGARO FRESCO DI COPPA: ARRIVA IL PAVAROLO

Girone B: Cheraschese-Fossano sul sintetico di Vinovo

Fossano al lavoro sulla neve
Fossano al lavoro sulla neve

13 gennaio 2017 - Un Juventus Domo-Alpignano tutto da seguire (la capolista potrebbe forse chiudere il campionato, l'Alpignano riaprirlo) e un Borgaro gasato dalla vittoria di Coppa contro il Pavarolo di Capobianco, che ritrova capitan Canavese, a lungo infortunato, oltre che il centrale ex Brandizzo Cellamaro e bomber Pinto. Tre pezzi da novanta per i biancorossi neopromossi, che puntano alla salvezza ripartendo da 2 vittorie e 2 pareggi di fine 2016.

Nel girone B big match Corneliano Roero-Castellazzo (qui tutti i numeri), Saluzzo in casa col Cavour, Rivoli a Valenza e un Cheraschese-Fossano spostato a Vinovo. Tutto il programma.

 

ECCELLENZA - Seconda di campionato:

 

Girone A: Cerano-Alicese, Juventus Domo-Alpignano, Orizzonti-Borgomanero, BorgoVercelli-Città di Baveno, Stresa-LG Trino, Borgaro-Pavarolo, Settimo-Pont Donnaz, Aygreville-Rivarolese, La Biellese-Vda Charvensod.

 

Girone B: BonBonAsca-Albese, Savigliano-Benarzole, Corneliano Roero-Castellazzo, Saluzzo-Cavour, Cheraschese-Fossano (Vinovo, via del Castello 3), Valenzana Mado-Rivoli, Colline Alfieri-Tortona.

Riposano: Pro Dronero e Olmo.

COPPA PROMOZIONE: SUSA, RAFFICHE DI VENTO. GARA A RISCHIO

13 gennaio 2017 - Tutti i siti meteo più informati parlano chiaro: a Susa e dintorni nella giornata di venerdì ci saranno raffiche di vento polare. Un bel problema-ghiaccio accompagnato dalla presenza di neve (oltre a una possibile nuova nevicata in bassa pianura) sul campo di Bruzolo.

In serata nuovi aggiornamenti sulla gara Union Susa-Vanchiglia, che adesso per gli stessi dirigenti locali potrebbe essere a rischio. Le gare:

 

  • Accademia Borgomanero-Dufour Varallo (and. 1.4 Accademia)
  • Pancalieri Castagnole-Chisola (and. 1-2 Pancalieri)
  • Savio Rocchetta-Lucento (and. 0-0)
  • Union Susa-Vanchiglia (and 1-0 Vanchiglia)

COPPA PRIMA: SAN MAURO, VALDRUENTO E CIT, BASTA UN PUNTO

13 gennaio 2017 - Ecco il menù completo della prima domenica di pallone del 2017. Da non dimenticare le tre gare di Coppa Piemonte Prima (anche sui ci si gioca un trofeo ed il salto di categoria). Ricordiamo: chi vincerà il triangolare accederà alle semifinali, ma le seconde avranno ancora modo di scontrarsi in un nuovo raggruppamento che definirà la quarta ed ultima semifinalista. Il programma:

 

  • San Mauro (3 punti)-Livorno Ferraris (0 punti): prima gara ufficiale per il nuovo duo Perziano-Diliberto, rispettivamente allenatore e direttore tecnico. Le semifinali sono alle porte: al San Mauro basta infatti un punto, cioè basta non perdere. Così sorpassera a quota 4 punti il Trecate, vittorioso 0-1 col Livorno Ferraris nel secondo match.
  • Valdruento (3 punti)-Pro Collegno (1 punto): qui serve l'impresa ai collegnesi di Rubino, che devono vincere sul caldo campo del team di Balla per scavalcare i druentini, già vittoriosi contro il San Secondo.
  • AuroraCalcio Alessandria (0 punti)-Cit Turin (3 punti) (via Giovanni Bosco 20, Alessandria): Cit Turin e Montatese hanno vinto entrambe 3-1 contro l'Aurora, per cui al Cit basta ora il pareggio per accedere alle semifinali.

gio

12

gen

2017

Scrivano (Vanchiglia): "Grande rispetto per l'Union Susa, ma niente paura. Vogliamo le semifinali di Coppa".

SCRIVANO E IL VANCHIGLIA PRONTI PER IL SUSA

12 gennaio 2017 - Tutto pronto per le prime gare ufficiali del 2017: si inizia con la seconda giornata di Eccellenza e con il ritorno dei quarti di Coppa Promozione. Ed è su questo che facciamo zoom oggi, perchè 4 squadre qualificate alle semifinali saranno davvero ad un passo dall'impresa, cioè dal possibile salto di categoria, oltre che dal trofeo.

Nel girone B è sfida tra due squadre toste. Il Vanchiglia contro l'Union Susa parte leggermente favorito: all'andata, a Torino, è finita infatti 1-0 con strano autogol di bomber Rizq Kamal, che ha spedito in rete nel tentativo di rinviare su corner.

Prima di tutto una notizia: meteo permettendo, non si giocherà a Susa (campo ghiacciato, è arrivata altra neve) ma a Bruzolo. Dopo l'ultima nevicata gli addetti ai lavori del Susa sono fiduciosi sul fatto che si giocherà senza problemi.

L'esterno Mattia Scrivano analizza il momento del Vanchiglia. Che voto diamo al 2016 granata? "Un 7. Abbiamo avuto qualche difficoltà iniziale, perdendo alcune partite di seguito, ma poi abbiamo trovato la quadra assieme alla costanza di risultati. La dimensione adatta alla rosa è quella dei playoffs, lo abbiamo capito col passare delle settimane".
Come vive lo spogliatoio questa attesa del match con il Susa? "Siamo carichi. Arriviamo da un buon momento, abbiamo vinto all'andata e anche in campionato siamo reduci da una lunga striscia positiva. Durante le feste ci siamo allenati e sacrificati, vogliamo portarci a casa la qualificazione ed esordire nel 2017 nel migliore dei modi. Certo, c'è grande rispetto di una squadra come l'Union Susa. Ha fatto parlare i numeri e la classifica è chiara, dice tutto. E' l'unica cosa che conta. Noi andremo comunque a giocarci il passaggio del turno senza paura e con grande determinazione".
Il secondo posto può diventare l'obiettivo stagionale oltre alla Coppa? "Faremo di tutto per conquistarlo, ma in generale crediamo nei playoffs. L'obiettivo deve essere quello".
Quale squadra ha impressionato di più Scrivano? "Domanda difficile...però credo che proprio l'Union Susa abbia dimostrato di essere la migliore. Inoltre non perde da un sacco di tempo in casa. Per questo ci piacerebbe fare l'impresa".

Dunque, tanta carica per Scrivano, Genzano, Bonsanto e compagni. Scrivano ha meritato una citazione nella top 11 Promozione 2016. E' un esterno ex Rivoli (3 anni), Juve e Canavese, che garantisce tanta spinta in fascia. Per lui terzo anno al Vanchiglia. E un sogno in corso, chiamato Coppa Promozione...

 

LE ALTRE GARE - Ritorno quarti di finale:

  • Accademia Borgomanero-Dufour Varallo (and. 1.4 Accademia)
  • Pancalieri Castagnole-Chisola (and. 1-2 Pancalieri)
  • Savio Rocchetta-Lucento (and. 0-0)

mer

11

gen

2017

Davide Lapadula da Sondrio: "Felice per Cantele. Tifo Saluzzo e Biellese. Gianluca? Anche al Milan ha sempre fame..."

DAVIDE LAPADULA: SGUARDO AL 2017 DA SONDRIO

Citazioni per Cantele del Borgaro, Saluzzo, Biellese e Alpignano

11 gennaio 2017 - di Michele Rizzitano

 

Primi bilanci lombardi per l'ex Saluzzo Davide Lapadula, che col Sondrio in Eccellenza insegue i playoffs. Là davanti Crema e CasateRodorego sembrano aver preso il largo a +12 e +11 sui blues, ma la griglia-spareggi è tutta da comporre. Lapadula, che in questa stagione ha cambiato un po' vita spostando famiglia e pallone in Lombardia, intanto butta un occhio ovviamente sul calcio piemontese oltre che sul Milan, che guarda da vicino seguendo il fratello Gianluca, talento e nuovo beniamino del calcio nazionale cresciuto sui campi di provincia qui in Piemonte.

 

Davide, allora come va a Sondrio? "Una bella esperienza di vita, oltre che una nuova avventura calcistica. La zona è molto bella, posso stare molto tempo con la mia famiglia e mio figlio. Calcisticamente spero di centrare assieme ai miei compagni la qualificazione ai playoffs. Siamo reduci da sette risultati utili consecutivi. Il Crema? E' una corazzata, lo sapevamo. Siamo 12 punti dietro, sono un po' tanti da recuperare ma proveremo a ridurre al minimo le distanze".

 

Cosa ci dici dell'attuale momento nell'Eccellenza piemontese? "Intanto sono molto contento per la vittoria della Coppa Eccellenza del Borgaro del mio amico Giorgio Cantele. Avevamo perso una finale insieme con la maglia del Saluzzo contro la ProSettimo a Novarello, sono felice che si sia riscattato. Per quanto riguarda il girone B ovviamente tifo Saluzzo, club dove sono stato molto bene. Proprio ieri sentivo per telefono Marco Serra. Spero che siano loro a vincere il campionato. Per il girone A credo che la partita Juventus Domo-Alpignano sia determinante soprattutto in caso di vittoria della Juve Domo. Se dovesse andare a +9 sarà difficile riprenderla. Spero comunque che La Biellese, mia ex squadra, scali diverse posizioni e arrivi in alto e che anche l'Alpignano di Gatta possa togliersi tante soddisfazioni. Cosa ne penso del girone B a 16 squadre? Strano, triste, per il passato di Novese e Acqui, e ingiusto. Non è stata data la possibilità di fare l'Eccellenza al Lucento, dispiace perchè a mio avviso Pesce e tutta la dirigenza lo meritavano".

 

Nel mercato inverale ci sono arrivate voci che ti riguardavano: è vero che il Finale Ligure e la ProSettimo ti hanno cercato? "Sì, confermo. In realtà anche il Fiorenzuola mi aveva contattato, ma proseguirò la mia avventura nel Sondrio. E poi in estate si vedrà...". Il calcio piemontese aspetta il ritorno di Davide Lapadula e chissà che non possano farsi avanti altre società di serie D.

 

Giorni fa intanto tutta Italia ha potuto assistere ad una scena molto simpatica, con Gianluca Lapadula alla Domenica Sportiva (sotto il video) applaudito dopo un'esibizione al pianoforte sulle note di Chopin.

Davide: "E' sereno e carico. Ecco perchè lo abbiamo visto così. Sono i piccoli gesti di un uomo, in fondo, a renderlo un grande uomo e questa sua semplicità è la sua forza. La gente continua ad apprezzarlo sempre più, tant'è che a San Siro sento vere e proprie ovazioni per lui. Sono molto felice per Gianluca e per la sua scelta di andare al Milan e lui continua a dimostrare fame e cattiveria senza mai fermarsi. Fa così da sempre, non è mai cambiato fin da quando giocava in D. La concorrenza? Ci sta tutto il fatto di arrivare al Milan e non essere titolare subito. Il posto va conquistato e lui sta facendo passi importanti in ogni partita, come l'ultima contro il Cagliari. Anche quando subentra lascia un segno. Gianluca è abituato a lottare, non gli è stato mai regalato nulla". E' proprio quella "garra" di cui ci parlò qualche mese fa, quando tirammo fuori dai nostri archivi foto esclusive del passato dei fratelli Lapadula al Collegno Paradiso.

 

Inseparabili i due. Davide riparte carico proprio come Gianluca Lapa-gol nel 2017: per lui ancora Sondrio e quattro/cinque mesi di calcio in Lombardia. E poi chissà...Noi intanto lo terremo d'occhio.

mer

11

gen

2017

Mister Camardo lascia l'Airaschese per motivi extra-calcio: "Grazie a tutti, esperienza fantastica".

CAMARDO: "GRAZIE A TUTTA L'AIRASCHESE"

11 gennaio 2017

 

A tutto Gianni Camardo. Ecco le parole del mister che lascia l'Airaschese, con un passaggio di testimone già avvenuto in Prima girone F all'ex Susa e Venaus Davide Vigliotti: qui motivazioni, precisazioni e ringraziamenti.

 

Camardo: "A fine novembre sono diventato papà di un bimbo, ho deciso per questo di allontanarmi dalla squadra non potendo più garantire la mia presenza con regolarità. Siamo così arrivati di comune accordo ad interrompere il nostro rapporto. Voglio ringraziare la società per avermi dato un'occasione così importante in un club dove sono anche cresciuto calcisticamente. E' stato come tornare a casa. La salvezza della squadra credo sia raggiungibile anche se ad oggi la classifica non è delle migliori. I motivi per essere fiduciosi sono molti. Innanzitutto c'è una gara in meno da considerare e soprattutto ci sono gli innesti di dicembre, tra cui Boetto, portiere esperto e di categoria. In alcune delle precedenti partite abbiamo giocato con 1-2 fuoriquota oltre al portiere, sono in particolare orgoglioso di aver portato in prima squadra e nei titolari alcuni giocatori che erano con me in Terza Categoria".

 

Camardo chiude così: "E' stata un'esperienza fantastica che mi ha insegnato molto. Un grazie di cuore al presidente Basano, al ds Biolatto, al direttore generale Ivan Nota, al preparatore Pasquariello oltre che ai ragazzi, coi quali si è creato un rapporto umano prima che calcistico, e a tutta la società".

mer

11

gen

2017

Olympic, Collegno, Cbs, Atletico Torino, Cit, Piscinese e KL: la bellezza del calcio sotto la neve

CALCIO PIEMONTESE, TACCHETTI SULLA NEVE

L'Atletico Torino sulla neve
L'Atletico Torino sulla neve

11 gennaio 2017 - "Amore vado ad allenamento". "Ma come, anche questa sera con tutta questa neve e col ghiaccio...?". Ebbene sì...Sapete di cosa stiamo parlando. Ieri sera in moltissime case dei giocatori del calcio dilettantistico piemontese e valdostano è sicuramente successo qualcosa di simile.

 

La neve sui campi di calcio è un'opportunità di divertirsi ancora di più: altro che problema. Il giocatore di calcio, dall'Eccellenza alla Uisp, mai come in queste serate è spinto mentalmente ad arrivare presto al campo...

La redazione non a caso ha ricevuto ieri sera diverse foto di gruppi ancora più uniti, perchè davanti alle intemperie del cielo il senso di "squadra" se possibile sembra poter essere ancora più forte. Le battaglie si fanno più più dure, serve un sacrificio in più anche in allenamento. Poi sono fioccate le partitelle sulla neve, qualcuno ha perso e...ha dovuto pagare la pizza. Proprio come in casa Olympic Collegno, dove in attesa della trasferta di Villarbasse del 22 gennaio in Prima girone D Ferrari, Fina e compagni hanno sconfitto il gruppo del leader Voci...e gli hanno mandato a dire "vincine una" come regalo di compleanno, che è proprio oggi 11 gennaio.

 

Al Cit Turin ieri, invece, è diventato virale un video postato dalla fan page di "Calciatori Brutti" (lo trovate sulla pagina Facebook di Sportovest): acqua e irrigazione sul sintetico per...sghiacciare la neve. Epico. Poi la sera la squadra è tornata al allenarsi.

 

Neve, sfide e scivolate anche per i ragazzi dell'Alpignano (qui l'articolo sul big match con la Juventus Domo), Cbs, Piscinese Riva, Fiano Plus e Kl Calcio...Una serata che per tutti è stata molto particolare. Adesso bisognerà capire se neve e ghiaccio rappresenteranno, invece, un problema per la ripresa dell'attività del 15 gennaio: Eccellenza e Coppa Promozione in programma.

mar

10

gen

2017

Ricky Poi: -4 ai 200 gol (50 con la sua Juve Domo). Il bomber, l'Alpignano e quella partitella con Ronaldo...

ECCO JUVE DOMO-ALPIGNANO: IL PUNTO DI RICKY POI

34 gol in una stagione e mezzo per l'ex Juve e Inter. E un ricordo...

10 gennaio 2017 - di Michele Rizzitano

 

Lo abbiamo inserito nella Top 11 Eccellenza di Sportovest: oggi chiacchierata piena di curiosità con Riccardo Poi della Juventus Domo, fortissimo puntero che si gioca un personale testa a testa con altri due bomber. Poi ha infatti segnato 34 gol in Eccellenza tra la stagione 2015/2016 e quella in corso (17 reti + 17), mentre il suo compagno di squadra Hado (26+9) e Delorentis del BorgoVercelli (20+15) sono a quota 35. Per il verdetto dell'attaccante più prolifico in due campionati dovremo quindi attendere ancora qualche mese, ma intanto Poi può vantare le 50 reti tonde tonde con la Juventus Domo, capolista del girone A attesa domenica dal big match contro l'Alpignano, ed è a sole 4 reti dal traguardo dei 200 gol a nord ovest tra serie D ed Eccellenza. Ecco il dettaglio:

 

  • Borgomanero: 2
  • Robbio: 6
  • Sesto: 10
  • Gavirate: 20
  • Varallo Pombia: 20
  • Gozzano: 57
  • Lecco/Asti: 7
  • Suno: 24
  • Juventus Domo: 50 = 196

 

Ricky Poi, che momento è per la Juventus Domo? "Una fase cruciale della stagione che arriva dopo aver macinato moltissimi punti e fatto molto bene in alcune partite, tanto da poter dire che abbiamo giocato divertendoci in almeno 6-7 gare. Ora siamo a pochi giorni dalla partita probabilmente più importante del nostro campionato e abbiamo le idee chiare. Se vinceremo andremo a +9 e una bella fetta del titolo l'avremo messa in tasca. Se perderemo nessun dramma, ma dovremo rialzarci subito perchè l'Alpignano salirà a -3. Faremo di tutto perchè non accada".

E un pareggio? "Non si butterà via, sono sincero...Anche perchè siamo reduci da due ko in amichevole contro il Borgosesia e una squadra di Promozione. Certo, abbiamo fatto esperimenti, abbiamo giocatori acciaccati e il Borgosesia fa serie D, ma perdere due gare di fila dopo la sconfitta con l'Alicese non può far piacere. Vogliamo davvero riscattarci contro l'Alpignano, che ci ha battuto 2-0 alla seconda giornata e che assieme al Borgaro è la squadra che all'andata mi ha impressionato di più. Contro Pont e Alicese, invece, abbiamo perso perchè abbiamo un po' mollato psicologicamente".

Pare che l'Alpignano salga a Domodossola sabato per ripetere un mini-ritiro che esattamente un anno fa (in occasione della Coppa vinta col Casale) portò più che bene ai ragazzi di Gatta: "Anche noi ci faremo trovare pronti. Se vuole riaprire il campionato l'Alpignano dovrà concedere qualcosa e noi cercheremo di castigarlo. Abbiamo davvero tanta voglia di ripartire col piede giusto".

I numeri dei granata sono tanta roba: 41 punti in 18 gare, 45 gol segnati, 7 vittorie interne, un duo Hado-Poi da 69 reti in un campionato e mezzo. Poi: "Mister Brando ha portato qui una mentalità vincente. Nel girone d'andata abbiamo dimostrato equilibrio e compattezza, giocando comunque un calcio offensivo. E' da tutto ciò che dobbiamo ripartire in questo nuovo anno".

 

Poi ha messo a segno i suoi 196 gol sui campi di Piemonte e Lombardia. Dopo due anni di Juve e Juventus Momo è passato agli Allievi dell'Oleggio e Borgomanero. Poi Beretti e Primavera con l'Inter, salto in D con Borgomanero, Robbio, Solbiatese e Gavirate e ancora Varallo Pombia (12 e 9 gol), Gozzano (18, 25, 14), Lecco, Asti, Osmon Suno (24 centri) e tre anni di Juventus Domo con 16, 17 e attuali 17 gol (totale 50).

 

Un ricordo calcistico su tutti: "Posso dire di aver fatto una partitella con Ronaldo. E' stato in occasione della mia esperienza con l'Inter, che ricordo ancora piacevolmente. Ci allenavamo ad Appiano Gentile e un giorno è stata organizzata un'amichevole solo per lui. Un momento emozionante, pur da juventino, ritrovarsi di fronte il Fenomeno". E intanto in Eccellenza è proprio Poi a presentarsi nel 2017 con numeri fenomenali: -4 ai 200 gol, ma prima di tutto un match importantissimo per la sua Juve Domo con l'Alpignano. Poi chiude così: "Un pareggio potrebbe anche andar bene, ma non ci accontenteremo. Andare subito a +9 sarebbe un segnale devastante indirizzato a tutte le rivali".

E INTANTO L'ALPIGNANO SI ALLENA SOTTO LA NEVE...

mar

10

gen

2017

Eccellenza B, arriva Corneliano Roero-Castellazzo. Domenica in campo: Saluzzo-Cavour, Rivoli a Valenza

ECCELLENZA B, SI PARTE FORTE

Rosset e Melle, 9 gol ciascuno
Rosset e Melle, 9 gol ciascuno

10 gennaio 2017 - In Eccellenza si riparte fortissimo nel nuovo anno: non solo Juventus Domo-Alpignano nel girone A, ma anche un intrigante Castellazzo-Corneliano Roero nel girone B.

 

All'andata: Castellazzo-Corneliano Roero 1-1 (47' Piana (Cast), 57' Colaianni)

 

Qui Castellazzo: 2.19 punti a partita per mister Merlo e i suoi ragazzi, che hanno chiuso il 2016 perdendo dopo una vita (ma in Coppa) 1-0 contro il Borgaro in semifinale di Coppa Eccellenza e prima ancora pareggiando 2-2 contro la Pro Dronero. I numeri sono da urlo: primato con 35 punti e una sola sconfitta alla prima giornata subita proprio a Dronero.

Il trend verso l'alto della squadra alessandrina è iniziato alla nona giornata dopo lo 0-0 interno col Benarzole: da quel momento (come è evidente nella tabella sottostante) si può dire che i verdi abbiano messo il turbo collezionando 25 punti in 9 partite, subendo appena 2 gol e segnandone 16, ma soprattutto andando a riprendere prima il Corneliano Roero e poi il Saluzzo. Le distanze vedono ora i cuneesi di Rignanese a -4, il Rivoli a -6 e il Corneliano Roero a -7. Per il Castellazzo un'amichevole vinta 2-1 contro l'Asti in questi giorni di preparazione invernale.

 

Complessivamente con 7 gol subiti (assieme alla Gemonese in Friuli, al Paceco in Sicilia e all'Altamura in Puglia) nell'Eccellenza italiana il Castellazzo è dietro solo a:

 

  • Real Senise (Basilicata) ed Ebolitana (Campania): 5 gol subiti
  • Chions (Friuli), Macchia (Molise), Palazzolo (Sicilia) e Capo Rizzuto (Calabria): 6 gol subiti

 

Qui Corneliano Roero: interessante la media di 0.88 gol segnati a partita in trasferta (15 su 28) da Melle e compagni, che compongono il secondo miglior attacco dietro al Fossano (34).

Il miglior momento della squadra di Dessena è stato tra la quinta giornata (3-2 alla Valenzana) e la settima (4-2 alla Pro Dronero) con tre giornate di primato. All'undicesima di nuovo vetta provvisoria dopo l'1-3 alla BonBonAsca ma con i turni di riposo i roerini sono stati poi sorpassati. Ora sono al 4° posto.

Due curiosità. La prima: un anno fa, dopo 16 gare, la squadra aveva esattamente 28 punti con la media di 1.75 punti ad incontro. Posizione identica tra 2016 e 2017, ma adesso i cuneesi possono puntare a crescere con i due nuovi arrivati Mario Giordano, centrocampista ex Gallipoli, e il difensore Manuel Vergori, ex settore giovanile del Lecce reduce dalle esperienze con Manfredonia e Gallipoli.

La seconda: il Corneliano Roero è la squadra che pareggia meno (appena un segno "x") di tutta l'Eccellenza B assieme alla BonBonAsca e nelle ultime 9 partite ha sempre vinto o perso.

 

Altre gare: subito gara insidiosa per il Saluzzo che ritrova il Cavour di Di Leone contro il quale perse 1-0 all'andata. Il Rivoli va a Valenza, ma occhio a valutare la Valenzana semplicemente come fanalino di coda: lo sanno bene Cravetto e compagni, che all'andata vinsero soffrendo 1-0. Molto bella Cheraschese-Fossano: ci aspettiamo un sacco di gol dopo il 4-2 dell'andata. Chiudono il programma Colline-Tortona, BonBonAsca-Albese (ospiti tra le squadre più in forma di fine 2016) e Savigliano-Benarzole.

Riposano Pro Dronero e Olmo.

 

CASTELLAZZO COL TURBO DALLA NONA GIORNATA

Classifica completa Eccellenza B

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
CASTELLAZZO 25 9 4 4 0 0 1 0 16 2
SALUZZO 17 9 4 1 1 1 0 2 12 8
ALBESE 16 9 4 1 0 3 1 0 10 12
TORTONA 15 9 3 2 2 2 0 0 11 8
RIVOLI 14 8 3 1 1 1 1 1 10 5
FOSSANO 14 9 3 1 1 2 0 2 19 14
CHERASCHESE 13 8 2 2 0 3 1 0 10 9
PRO DRONERO 13 9 3 1 1 3 0 1 15 13
BENARZOLE 13 8 2 2 2 1 0 1 12 11
CORNELIANO R. 12 9 1 3 2 3 0 0 15 12
FC SAVIGLIANO 10 9 2 1 1 4 1 0 12 12
OLMO 10 9 3 0 3 2 0 1 7 13
COLLINE ALFIERI 8 9 1 1 1 4 2 0 8 9
VALENZANA MADO 8 8 2 0 1 3 1 1 8 14
CAVOUR 7 9 1 1 2 4 1 0 9 17
BONBONASCA 6 9 2 0 3 4 0 0 7 22
ACQUI 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

mar

10

gen

2017

Vigliotti nuovo mister dell'Airaschese: "Proveremo ad evitare i playout". Il 15 recupero con la Bruinese

AIRASCHESE, VIGLIOTTI PER L'IMPRESA-SALVEZZA

10 gennaio 2017 - Tanta esperienza sul campo con un percorso chiuso a Susa, poi la panchina proprio nelle giovanili dell'Union Susa e in prima squadra a Venaus. Ora una nuova avventura per mister Davide Vigliotti, che sostituisce Gianni Camardo alla guida dell'Airaschese in Prima girone F. Lo stesso Camardo ha dovuto gestire dei problemi personali che non gli potevano più garantire una presenza fissa nel club.

 

E così parola, e panchina, a Vigliotti: "Ho accettato perchè credo che la rosa sia in grado di centrare l'obiettivo salvezza. Cercherò di guidare la squadra piazzandoci quanto più possibili lontani dalla griglia playout, perchè la missione è proprio quella di evitare gli spareggi. Conosco la rosa, è giovane ma di qualità. In molte delle gare precedenti ha giocato spesso sistematicamente con 7 fuoriquota". Ma nel mercato invernale Brescia e compagni hanno ritrovato con loro altri giocatori esperti, dal carismatico Boetto tra i pali (portiere ex Lesna Gold) all'ex Mirafiori Lagori e Guerrisi.

 

Dopo le vittorie con Luserna e Racconigi e il ko con il Bricherasio per Vigliotti c'è ancora un recupero da giocare il 15 gennaio prima della ripresa del 22 contro il Perosa. Il nuovo tecnico: "Sì, è la partita rinviata a fine 2016 con la Bruinese. Dobbiamo lavorare molto bene in questi giorni perchè vincere subito sarà importantissimo in chiave salvezza".

 

IL TREND DI FINE 2016 (ultime 6 gare) - Classifica completa Prima girone F

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
INFERNOTTO 16 6 2 3 0 0 1 0 14 3
ATL. RACCONIGI 16 6 2 3 0 0 1 0 16 6
NICHELINO H. 11 6 2 1 0 1 1 1 12 8
AUR. PIOSSASCO 10 6 1 2 2 0 0 1 10 10
RACCONIGI 9 6 2 1 1 2 0 0 6 7
SAN SECONDO 9 6 1 1 1 0 1 2 11 9
LESNA GOLD 8 6 1 1 1 1 1 1 15 11
PEROSA 7 6 1 1 2 1 0 1 10 11
PINASCA 7 6 1 1 1 2 1 0 13 11
BRICHERASIO 7 6 1 0 1 0 1 3 6 7
BORGARETTO 7 6 1 1 2 1 0 1 10 12
PRO POLONGHERA 7 6 1 1 1 2 1 0 9 9
AIRASCHESE 7 5 1 1 0 2 1 0 6 5
FC VIGONE 6 6 1 0 0 2 2 1 3 6
BRUINESE 3 5 0 1 3 1 0 0 7 16
LUSERNA 0 6 0 0 3 3 0 0 9 26

lun

09

gen

2017

Calcio Piemonte 2016: top 11 Promozione. Lucignani in porta, Clivio-Reka tra i baby, Magno esterno e davanti...

TOP 11 PROMO: CHE SQUADRONE

9 gennaio 2017 - Dopo l'Eccellenza ecco la Top 11 di Promozione, che si sofferma in particolare sul campionato 2016/2017 in corso tenendo però conto della stagione chiusa lo scorso maggio. Un giocatore per squadra rappresenta i top club di categoria.

 

PORTIERE - MICHELE LUCIGNANI (REVELLO): nessun dubbio, basandoci sui numeri. Con 5 reti subite in 15 gare Lucignani è per distacco il numero uno meno battuto nei quattro gironi di Promozione. Grande reattività ed esperienza.

Citazione: tra una marea di portieri-leader peschiamo un nuovo giovane in grandissima evidenza, ovvero Capello, '97 del San Maurizio Canavese. Alcuni attaccanti che abbiamo sentito in questi mesi hanno definito alcune sue parate "straordinarie, da categoria superiore".

 

SPINTA IN FASCIA - ANDREA FRATTIN (CENISIA): la freccia dei torinesi di Caprì, anima e personaggio dello spogliatoio da anni, oggi chioccia per molti baby. L'inserimento in top 11 è d'obbligo anche per elogiare il gran lavoro di mister Caprì, cresciuto a pane e Cenisia, per molte settimane in vetta al girone D con una caterva di giovani.

 

DIFESA - FEDERICO CLIVIO (CBS): uno dei '99 più promettenti nelle prime squadre. In casa rossonera un piccolo gioiellino ex Juve, tra i migliori anche contro il Lucento (prima della classe) nell'ultima gara del 2016 della Cbs. Nel 2016 cavalcata trionfale anche con gli Allievi rossoneri e il titolo regionale. Anche in questo caso elogio per il lavoro del tecnico Brunetta sui giovani.

 

DIFESA - SIMONE LAVALLE (LASCARIS): ormai uno dei "senior" del Lascaris, che è rimasto sotto la media di un gol subìto a partita con 13 reti al passivo in 15 incontri. Lavalle rappresenta un Lascaris che con 32 punti sarebbe primo nei gironi A, C e D. Invece nel girone B deve fare i conti con il Susa...

 

DIFESA - GAETANO ALESTRA (SAN MAURIZIO C.SE): un capitano a rappresentare la squadra dei miracoli, con citazione doverosa anche per Palma (8 gol). Sì, perchè il San Maurizio neopromosso ha oggi gli stessi punti di Lascaris, Revello, Arona (capolista del girone A), ovvero 32, cioè tre punti in più del Lucento e cinque della Denso tanto per capirci. Alestra è un giocatore di grande esperienza e carisma.

 

Citazioni: impossibile dimenticare tra i cursori di fascia Bortolas del Chisola, Scrivano del Vanchiglia, Fassina dell'Atletico Chivasso e Valeriano del Lucento, ma soprattutto l'eterno Mandes (37 anni e non sentirli). Tra i centrali ottima seconda parte di 2016 per Serpa dell'Union Susa, Munari dell'Ivrea, Di Benedetto del Vanchiglia, Casamassima del Chisola e annotate il nome di Magone, '97 del Cenisia.

 

REGIA - KRISTIAN REKA (ASTI): altro '99 in grande evidenza. Reka è un regista italo-albanese ex Toro di qualità. In molti sostengono che la Promozione gli sia assolutamente stretta. Intanto guida l'Asti a -3 dal Lucento e il club ha tanta voglia di risalire ai piani alti del calcio dilettantistico dopo la discesa in Promozione.

 

Citazioni: tra i baby nello stesso ruolo è da seguire Riva Governanda del Lucento. Tra i più esperti in costruzione e rottura del gioco spiccano i nomi di Viggiano del Bsr Grugliasco, Muratori della Piscinese Riva, Iorianni e Mazzone dell'Union Susa, Bettega del Chisola.


ESTERNO - ENZO MAGNO (PISCINESE RIVA): unico in quel ruolo. "Re" Magno è un giocatore che spacca in due le partite. Lo inseriamo in top 11 anche per il lavoro con Bertelli nel 2015/2016, quando si è giocato assieme ai compagni fino alle ultime giornate il titolo.

 

Citazioni: Nicola Lavalle del Lascaris è un altro giocatore che continua a essere devastante in fascia, così come Stangolini del Villafranca e Delise del Bsr Grugliasco (inserimenti taglienti). Tra i baby centrocampisti da seguire: Ben Mannai e Caracausi, '99 e '97 del Cenisia, Neri, '97 della Piscinese Riva, Tevino, '98 del Revello, Deasti, '98 del Chisola, Giuliano, '98 dell'Union Susa.

CENTROCAMPISTA CON LICENZA OFFENSIVA - STEFANO RIZZO (LUCENTO): lo trovi a raddoppiare nel cerchio centrale, poi in fascia, e infine là davanti in linea con le punte (già 6 gol in campionato) a chiudere le azioni. Giocatore di un'altra categoria sceso in Promozione per mettere le mani sul titolo col Lucento.

Citazioni: qui fioccano talenti nel calcio piemontese, da Dispenza della Santostefanese a Schiavone del Savio Rocchetta, da Todella della Cbs a Bonsanto del Vanchiglia, da Geografo della Denso a Domestici del Pedona.

 

RIFERIMENTO OFFENSIVO - FRANCESCO STERRANTINO (IVREA BANCHETTE): è stata dura scegliere tra lui e Rizq dell'Union Susa (giocatore eccezionale, fisicamente devastante e bravissimo di testa e nelle sponde), ma è il "Ciccio" di Calabria a prevalare in un anno e mezzo per numero di gol per 27 gol a 24. Liberato, chissà perchè, dal Pont Donnaz, ha trovato grande continuità anche ad Ivrea, anche all'inizio quando la squadra faticava. Classico numero 9.

 

GOL E FANTASIA - SIMONE ALOISI (UNION SUSA): imprescindibile. 18 gol nel 2015/2016, già 16 nel campionato in corso (a metà stagione) con la ciliegina dei 200 gol complessivi realizzati nel calcio a nord ovest proprio a fine 2016. A Susa "FantAloisi" cerca quella vittoria del campionato che ancora gli manca negli ultimi anni se escludiamo la vittoria dei playoffs ottenuta con il Pianezza di Musso e il salto Prima-Promozione.

 

BOMBER AL POTERE- EMANUELE BARISON (CHISOLA): 32 gol nel 2015/2016 con la Piscinese Riva, 9 nel campionato in corso con il Chisola dove mister Boschetto chiede che le reti vengano pesate, più che contate. Barison non può che essere un pilastro della top 11 e intanto gli mancano 7 gol per le 250 realizzazioni nel calcio piemontese.

 

Citazioni: Perrone del Lucento (14 centri), Messineo del Pancalieri (11), Cravero dell'Atletico Chivasso (11), Apetzeguia del Gassino (11), Torre del Cassine (10), Cavazzi del Lascaris, il duo Lipari-Vergadoro (10 gol a testa con l'Arona), il trio Magnino-Curti-Racca, giocatori molto interessanti del Centallo. Tra i numeri dieci non possiamo dimenticare anche i 17 gol in un campionato e mezzo per Martin della Piscinese Riva (10+7).

ALLENATORE - ALBERTO FALCO (UNION SUSA).

Qui nessun dubbio semplicemente per i numeri del 2016 (tutti i record del Susa in questo link). A Falco manca solo l'ultimo tassello, il salto di categoria: per il resto guida una squadra che è rimasta imbattuta per 308 giorni e che in casa non perde da 17 gare. Chapeau. Il 15 gennaio servirà però subito un'impresa ai segusini per ribaltare l'1-0 del Vanchiglia in Coppa. Falco la spunta su Perlo (enorme crescita del Revello da squadra-salvezza a capolista 2017) e sul duo Caprì/Brunetta, che prendono applausi in casa Cenisia e Cbs per il lavoro in corso sui giovani. Molto bravo anche Telesca, che in casa Lucento ha costruito quasi da zero una squadra tutta nuova per vincere, per ora prima della classe.

lun

09

gen

2017

Venaria: colpo Hamza. L'ex Pinerolo e Sciolze nel 2009 era all'Olympique Marsiglia. Preso anche Martorana

QUI ATLETICO TORINO: 7-1 AL DOGLIANI

9 gennaio 2016 - Amichevole: scatenato l'Atletico Torino di Piazzoli, atteso dal Canelli il 22 gennaio e protagonista di 10 punti nelle ultime 5 giornate di Promozione D, col migliore attacco (grande acquisto Sansone, in gran spolvero) e una porta gestita ora dall'ex Venaria Gurlino. Meglio ha fatto solo il Savio Rocchetta di Ramondi, come da tabella sottostante.

 

Intanto 7-1 al Dogliani: 2 gol per Frigerio, Gambardella e Sansone (scatenato, 6 gol in 3 gare ufficiali dopo il trasferimento dal Settimo), più marcatura di Curto.

 

LE ULTIME CINQUE GARE - Classifica completa Promozione D

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
SAVIO ROCCHETTA 11 5 1 2 0 0 1 1 10 3
ATLETICO TORINO 10 5 2 1 0 1 1 0 13 7
LUCENTO 9 5 2 0 0 0 1 2 5 3
CANELLI 9 5 1 1 0 0 2 1 7 2
ASTI 8 5 1 1 1 0 0 2 5 5
ARQUATESE 8 5 2 0 0 1 1 1 4 3
CBS 7 5 1 1 1 1 0 1 7 9
SANTOSTEFANESE 7 4 1 1 0 1 1 0 6 1
CENISIA 6 5 0 1 0 1 2 1 5 5
BARCANOVA 6 5 1 0 1 0 1 2 9 9
SAN GIULIANO N. 4 5 0 0 0 1 2 2 4 5
CASSINE 4 5 1 0 0 3 1 0 4 5
VILLANOVA 4 4 1 0 1 1 0 1 4 5
NUOVA SCO 4 5 1 0 1 2 1 0 4 10
SG CHIERI 3 5 1 0 1 3 0 0 5 11
POZZOLESE 2 5 0 0 2 1 1 1 5 14

VENARIA: HAMZA E MARTORANA

Abdoune Hamza
Abdoune Hamza

9 gennaio 2017 - Due colpi per il Venaria di Gousse che in Promozione B ripartirà dal 22 gennaio a caccia della salvezza passando dai primi tre avversari Caselle, Gassino e Susa.

 

In attacco c'è Abdoune Hamza: l'ex La Sabina (Lazio) ha giocato in Sciolze (22 gol in 16 gare), Atletico Torino, Pinerolo, Voinzia Sibiu (Romania serie B), Consolat (serie C francese), Canavese, Asti, Orlandina e Corridonia. E' un '91 marocchino cresciuto nel settore giovanile dell'Olympic Marsiglia: il Venaria può dargli un'occasione di rilancio e vista l'esperienza Hamza può fare molto bene.

 

Sempre per l'attacco in rosa è stato ingaggiato poi il classe '85 Angelo Martorana, puntero del San Mauro nel 2015/2016, ex Airaschese, Savigliano e Moretta. Dunque due nuovi acquisti che seguono quelli degli ex Lascaris Radu e Gelfi arrivati a fine 2016.

dom

08

gen

2017

Amichevoli: Iguera (2000) e Pignataro ('97) segnano in S.Giacomo-Rosta 1-2 e Fossano-Caselette 4-2

BABY GOL DALLA BASSA VALLE SUSA

Federico Iguera e Gabriele Pignataro
Federico Iguera e Gabriele Pignataro

8 gennaio 2017 - Notizie di baby in evidenza nelle amichevoli di oggi: Federico Iguera del Caselette (un 2000) ancora in gol questa volta contro il Fossano in un inedito Fossano-Caselette, scontro tra Eccellenza e Prima Categoria giocato al Chisola Stadium di Vinovo. E poi Gabriele Pignataro in gol col suo Rosta, proprio lui che ci aveva regalato una storia commovente nel Rivoli quando segnò su assist del padre (over 40), eterno bomber del calcio piemontese.

 

Insomma, belle storie in una domenica dove il calcio dilettantistico poteva definirsi ai box, tranne che per la serie D. Iguera è andato a segno assieme a Farci per il Caselette, superato alla fine 4-2 dal Fossano, che proprio nel lanciare e valorizzare giovani è diventato maestro. Un Caselette che si prepara ad ospitare il 22 gennaio il Valdruento in casa in Prima girone D.

 

Pignataro invece ha segnato assieme a Cestone, altro giocatore talentuoso ex Brandizzo, nell'1-2 del Rosta al San Giacomo Chieri: una bella prestazione per i biancorossi contro una squadra di Promozione in un match giocato a Cambiano. Il Rosta, che vuole farsi trovare pronto per tentare una miracolosa impresa salvezza in Prima girone D, il 22 gennaio troverà di fronte (in trasferta) il San Mauro del neo-allenatore Perziano e del nuovo dt Diliberto.

Il San Giacomo di Melega, invece, affronterà in Promozione D il Savio Rocchetta di Raimondi, una delle migliori squadre di categoria nel trend di novembre e dicembre.

QUINCITAVA: 3-0 AL ST. VINCENT CHATILLON, BIS DI VICARIO

8 gennaio 2017 - Amichevole vittoriosa anche per il Quincitava di Vallomy inserito in Promozione B: 3-0 al St. Vincent Chatillon con gol di Capussela e doppietta di Vicario (foto). Da segnalare l'esordio in prima squadra del giovane Paris, un 2000.

 

Al ritorno in campo ufficiale, il 22 gennaio in campionato, il Quinci di Sardino e compagni ospiterà in casa il Bollengo dopo l'1-1 esterno dell'andata.

dom

08

gen

2017

Amichevole Eccellenza: Pont Donnaz-Grand Combin 5-1. La squadra di Cretaz si prepara per la trasferta di Settimo

AMICHEVOLI ECCELLENZA A: 5-1 E 6-1 PER PONT E RIVAROLESE

Il Pavarolo (domenica atteso a Borgaro) batte il Barcanova 2-1

Montari (Pont)
Montari (Pont)

8 gennaio 2017 - Cinque a uno tra Pont Donnaz e Grand Combin, squadra di Seconda Categoria. Al di là del punteggio (due gol di Montari, Garbini, Borettaz e Bonel, per gli ospiti De Masi) l'amichevole ha permesso agli orange di Cretaz di inserire minuti nelle gambe e riscaldarsi in questi giorni di gran freddo.

 

Il Pont Donnaz ripartirà con un Giovanni Kean (ex Finale Ligure) in più in attacco, ma soprattutto c'è grande attesa per il rientro tra i disponibili di Jeantet, giocatore dalle grandi qualità ex Toro, Valle d'Aosta e Bra, punta ed esterno offensivo del '97. Ad oggi "...avrà 40 minuti di autonomia", precisa mister Cretaz, che giorni fa aveva dichiarato a La Stampa che il viaggio verso la salvezza sarà lungo. Per ora decimo posto, convincente risalita nella terra di mezzo dopo le titubanze iniziali e tre risultati utili consecutivi a fini 2016. Domenica in Eccellenza A c'è Settimo-Pont: all'andata, quando c'era ancora Cusano in panchina, 2-1 per i valdostani coi gol di Borettaz e Dotelli.

 

Intanto sempre in amichevole la Rivarolese di Scardino (domenica 15 trasferta ad Aygreville) liquida 6-1 il Caselle: due gol di D'Agostino, uno di Querio, Rizzuto, Grosso e Reano. Per il Caselle rete di Catania. Rivarolese che, lo abbiamo ricordato giorni fa intervistando Gillone, nelle ultime 6 partite del 2016 ha fatto più punti di tutti.

 

Amichevole sabato mattina: Pavarolo-Barcanova 2-1

D'Agostino (Rivarolese)
D'Agostino (Rivarolese)

dom

08

gen

2017

Amichevoli: Alfio-gol, Fidentina-Fossano 0-1. Boves e Moretta fermano 3-3 Olmo e Cheraschese

AMICHEVOLI: CBS-CARIGNANO 2-2, GRUGLIASCO-RIVOLI 0-2

Vincono Fossano, Castellazzo, Biellese, Canelli e Lascaris. 1-1 Susa-Piscinese

Il baby '98 rivolese Arcari e bomber Cravetto
Il baby '98 rivolese Arcari e bomber Cravetto
Todella (Cbs)
Todella (Cbs)

8 gennaio 2017 - Ottime notizie in casa Rivoli. La squadra di via Isonzo, che domenica affronterà fuori casa il fanalino di coda Valenzana Mado in Eccellenza B, ritrova in campo e in zona gol il baby '98 Arcari, che aveva fatto benissimo fin dalle prime apparizioni in prima squadra (rigore conquistato con l'Albese, bella mezzora a Corneliano, doppietta alla BonBonAsca). E' di Arcari uno dei due gol dell'amichevole Bsr Grugliasco-Rivoli 0-2 giocata alle 11 in via Leonardo da Vinci. L'altra marcatura porta la firma di bomber Cravetto.

 

Gara amichevole anche per la Cbs di Brunetta, che in Promozione D si trova a -4 dal Lucento capolista: 2-2 con il Carignano, a segno Todella e Militano. Domenica 22 gennaio la Cbs affronterà fuori casa il Villanova, sconfitto per 2-0 all'andata.

 

AMICHEVOLE - TRINO-VALENZANA 1-1

 

Lg Trino: Rainero, Capelli (46′ Cafasso), Abrazhda (58′ Nicolasi), Blaze, Grillo, Agnesina, Kambo (60′ Lopes), Didu, Soncini (76′ Fogazzi), Perelli (65′ Bottino), Mullici (65′ Bellinghieri). A disp.: Bonassi. All.: Giorgio Rotolo.

Valenzana Mado: Teti (46′ Capra), Bennardo F. (65′ Ratto), Roluti, Gramaglia (46′ Ivaldi), Robotti (65′ Icardi) (85′ Dameni), Marelli (46′ Pellegrino), Bennardo D. (46′ Mazzola), Rizzo (65′ Beltrame), D’Alessandro (65′ Viarengo), Gerbaudo (65′ Casone), Russo (65′ Manfrin). All.: Luca Pellegrini.

Arbitro: Cataldi di Vercelli.

Reti: 59′ Russo (V), 84′ Grillo (T).

IN CAMPO PER LE AMICHEVOLI

Galvagno e Alfiero (Fossano)
Galvagno e Alfiero (Fossano)

8 gennaio 2017 - Si torna a lavorare a pieno regime per i club di Eccellenza (domenica prossima ripresa dei campionati) e di Promozione. Qualche giorno di vacanza in più per le squadre di Prima e Seconda Categoria. Ecco cosa è successo negli ultimi giorni, molte le amichevoli giocate:

 

  • Moretta-Cheraschese 3-3: bel risultato per il Moretta di Cellerino impegnato nella rincorsa alla salvezza in Promozione C. Un pari contro una squadra di Eccellenza per i verdi cuneesi. Il mercato faraonico aiuterà certamente l'operazione di rilancio e infatti sono andati in gol D'Agostino e Vailatti, tra i nuovi acquisti, oltre a Vegliato. Per la Cheraschese (che affronterà il 15 il Fossano) reti di Oddenino, Nastasi e Pirrotta.
  • Olmo-Boves 3-3: altri sei gol distribuiti in un incrocio tra Eccellenza e Promozione. Per il Boves gol di Miha, Sidoli e Dutto in attesa di tornare a incontrare il Trofarello il 22 gennaio in campionato dopo il ko per 3-1 dell'andata. Per l'Olmo, invece, subito turno di riposo in quanto avrebbe giocato contro la Novese.
  • Juve Primavera-Alpignano 5-1: trasferta a Vinovo per la squadra di Gatta, prima per punti totalizzati nell'anno solare 2016. Ieri hanno vinto i bianconeri con gol di Morselli (2), Zeqiri, Leris e Mosti. Per i biancazzurri marcatura di Cirillo. L'Alpignano, quasi a freddo, il 15 gennaio ha la grande possibilità di accorciare subito la classifica con la trasferta in casa Juventus Domo. Massimo e compagni, assieme a Pont e Alicese, sono stati gli unici a battere la capolista vincendo 2-0 all'andata.
  • Due notizie da casa Union Susa: è finita 1-1 l'amichevole con la Piscinese Riva e il primo gol del 2017 non poteva che portare la firma di...FantAloisi. Per la Piscinese di Gambino in gol Previati su assist di Muratori. Per quanto riguarda la gara di Coppa Promozione (ritorno dei quarti) in programma il 15 gennaio non verrà giocata al "Quaglino" di Susa a causa dal campo ghiacciato ma bensì a Bruzolo, sempre alle 14.30.
  • Albese-Canelli 1-2: ancora un'amichevole Eccellenza-Promozione. Nel primo tempo Albese avanti 1-0, nel secondo tempo invece gli astigiani sfoderano una grande prestazione e sbancano Alba coi gol di Gallo e Gueye.
  • Fidentina-Fossano 0-1: trasferta in quel di Parma per il Fossano di Viassi, che espugna Fidenza (club inserito nel girone A dell'Eccellenza emiliana, medio-bassa classifica) con un gol di Alfiero. Già caldissimo il capocannoniere del girone B.
  • Primavera Novara-La Biellese 2-3: bel colpo della squadra di Roano. Tris di gol alla Primavera novarese con i gol di Marazzato (rigore), Bonato (rigore) e Curtolo. Martedì è prevista un'altra amichevole contro il Città di Cossato in attesa del ritorno in campo in casa contro lo Charvensod (0-0 all'andata).
  • Savio Rocchetta-Lascaris 2-4: tre tempi da 30' su un campo ghiacciato. Tanti esperimenti per i mister Raimondi e Cocino e finale di 4-2 per il Lascaris. Aggiornamento di mercato per il Savio, che ha ingaggiato il '97 Pia (più altri giovani in prova) trasferendo intando Bosco al Villafranca, Aucello al Vianney, Ibra al Don Bosco, Ashta alla Nuova Sco e Germano al BorgoVercelli. Campionato: il 22 gennaio San Giacomo Chieri-Savio Rocchetta e nel girone B la caccia al Susa del Lascaris inizia dal match interno contro la Nolese
  • Oggi alle 11: Bsr Grugliasco-Rivoli. Il Rivoli di Petrosino torna sul campo dove ha conquistato l'Eccellenza, col nome però del Brandizzo, nell'ultima giornata di un'infuocata Promozione 2015/2016. Domenica Valenzana-Rivoli. Per i grugliaschesi, invece, gara interna contro il Villar Perosa il 22 gennaio.
  • Castellazzo-Asti 2-1: buon test, dice mister Merlo, per i biancorossi inseriti in Promozione D e a -3 dal Lucento capolista, contro la prima della classe di Eccellenza. Il Castellazzo è andato in gol con Zunino e Silvestri. Ha aggiunto Merlo: "Sono contento per il lavoro svolto in questi giorni. Stiamo crescendo e con queste amichevoli mettiamo benzina per il girone di ritorno. I nuovi acquisti Chiarlo e Maggiora? Si stanno inserendo bene".
  • Borgaro: festa con torta (vedi foto) per la squadra di Licio Russo, che ha alzato una storica Coppa Eccellenza il 6 gennaio a Venaria. Domenica Borgaro-Pavarolo.
E intanto il Borgaro festeggia così la Coppa Eccellenza
E intanto il Borgaro festeggia così la Coppa Eccellenza

ven

06

gen

2017

La Coppa Piemonte Eccellenza 2017 è del Borgaro! 2-0 al BorgoVercelli: videogol, cronaca, interviste

Petrucci (BorgoVc)i: "La finale l'abbiamo persa a Dronero. In Coppa regolamento assurdo"

FINALE DI COPPA ECCELLENZA: ESULTA IL BORGARO!

Partita a senso unico, quasi monotona: 2-0 firmato Sinisi-Zanella

Il primo gol di Fabrizio Sinisi del Borgaro - Anche su Facebook: clicca qui!

6 gennaio 2017 - di Michele Rizzitano

 

Sul campo del Venaria, dove alle 14.30 si affrontavano BorgoVercelli e Borgaro per dare la caccia al trofeo "Coppa Piemonte Eccellenza", non c'è stata storia. Trionfo del Borgaro che al 35' della ripresa si è ritrovato a fare incredibilmente torello. BorgoVercelli mai in grado di impensierire la Licio Russo band.

"Abbiamo gestito la pressione del BorgoVercelli per i 6-7 minuti iniziali, subendo un unico tiro in porta centrale ad inizio ripresa. Prestazione tattica impeccabile, con l'accerchiamento di Secci e Delorentis e lo spostamento di Zanella più basso, prova cattiva e indiscutibile anche dal punto di vista tecnico e atletico", dice a fine partita Licio Russo, che alza la sua prima Coppa Piemonte. Lollo Parisi, invece, è già a quota tre!

Aggiunge Russo: "Soprattutto nella seconda parte della ripresa non c'è stata partita. Ho aspettato ad esultare fino alla fine, perchè ultimamente troppe volte ci era successo qualcosa dopo il 90'...Prima della gara ho fatto i complimenti a tutti e soprattutto ai nostri giovani, che ci hanno permesso di arrivare in finale. Se Parisi, Sinisi e Piotto avevano già vinto questa Coppa per me è una novità. Siamo arrivati qui a giocare con la testa e con l'anima. Fase nazionale? Siamo completi per affrontare due competizioni, poichè abbiamo una rosa ampia e di qualità. Proveremo a far bene, sarà una bella avventura confrontarsi con altre realtà di altre regioni, ma dovremo gestire bene le energie. Ricordiamoci che siamo dilettanti...Le squalifiche del BorgoVercelli? I titolari forti li avevano davanti, non penso che la presenza di un difensore come Canino avrebbe potuto fare una così netta differenza sul campo rispetto a quanto visto, pur essendo lui un grande difensore. Comunque tanto di cappello a loro visto che in campionato hanno due punti in più di noi. Oggi però il Borgaro è stato superiore. Sinisi tra i migliori? Confermo, da un mese a questa parte è su alti livelli e ha capito la nostra mentalità. Il '98 Zanella e il '99 Ghigia? Quando siamo in affanno dico sempre diamo la palla a loro...è in cassaforte".

 

Il mister del BorgoVercelli Petrucci critica il regolamento: "Complimenti al Borgaro e a Licio Russo. Abbiamo però regalato due gol e sul secondo l'arbitro non ha visto un clamoroso tocco di mano. Per il resto non abbiamo giocato ad armi pari. A Dronero in semifinale l'arbitro ha ammonito ad hoc Belloni, Ferrarotti, Canino e Mirinioui. I nostri migliori giocatori oggi non c'erano. La regola delle due ammonizioni è assurda, avevamo 9 giocatori in diffida e tanti si erano guadagnati e meritati la finale. Dovevano giocarla, per cui spero vivamente che il regolamento venga variato perchè non si può non dare a questi ragazzi la possibilità di giocare la partita più importante quando ne hanno disputate 6 alla morte precedentemente. Quando siamo stati ad armi pari abbiamo vinto 3-0 a Borgaro, ma con questo non voglio dire che sarebbe di nuovo finita così. Torno a dire, la finale l'abbiamo persa a Dronero con quelle ammonizioni e quelle squalifiche. Siamo arrivati scarichi. I giocatori si conoscono tutti, forse incosciamente sapevamo di non potercela fare. Secci trequartista? Non avevo dove mettere i '98 e ho voluto giocare così. La prova di Delorentis? E' un ragazzo sensibile, ha capito che ci sarebbero state poche chance di vittoria. Non ha giocato al top, ma sono anche arrivati pochi cross per lui".

 

METEO

Giornata soleggiata, ma molto fredda, a Venaria. Un leggero vento di contorno.

 

FORMAZIONI UFFICIALI

BORGARO-BORGOVERCELLI live 2-0

Borgaro: Cantele 6.5, Erbi' 7, Ghigia 6.5, Zanella 7, Ferrarese 7, Ignico 7, Pagliero 7.5 (44' st Brugnera), Del Buono 7.5, Pierobon 7.5 (45' st Diop), Parisi 7 (45' st Piotto), Sinisi 7.5. A disp.: Borio, Consiglio, Cristino, Multari. All. Russo.

BorgoVercelli: Moretto 6, Miglietta 5.5, Berzero 5 (15' st Corsaro 5.5), Petrillo Jacopo 5.5 (20' st Germano 5.5), Bertolone 5.5, Pregnolato 5.5, Secci 6, Petrillo Federico 6, Delorentis 5, Lazzarini 5.5, Bertola 5.5 (1' st Comparelli 5.5). A disp: Di Bianco, Cino, Gennaro, Bilotta. All. Petrucci.

Arbitro: Gandino di Alessandria 6.5 (Pinna di Pinerolo e Di Meo di Nichelino)

Rete: 35' Sinisi, 2' st Zanella.

Espulso: 36' st Bertola.

 

CRONACA LIVE

Cornice molto suggestiva: tutto esaurito sulla tribuna di Venaria con 700 tra spettatori paganti e presenti. Inno nazionale e foto di rito per le squadre davanti ad una marea di fotografi e giornalisti.

Avvio: due minuti di forcing BorgoVercelli con punizione di Lazzarini dal limite. Borgaro pericoloso con un mancino alto di Pagliero al 6'.

Spinge il Borgaro: fuga di Pierobon e destro potente al 17' (Moretto respinge, il bomber aveva pero' controllato col braccio), subito dopo gran lancio di Parisi per Sinisi, che davanti al portiere spara alto in precario equilibrio. 

Fase centrale del primo tempo: Borgaro piu' convincente, Pagliero uomo decisivo per la superiorita' numerica e Del Buono molto ispirato. Sulla trequarti scambi bassi tra Parisi e Pierobon, molto piu' in partita di Delorentis, per ora soffocato dalla difesa gialla borgarese.

Al 35' gol del Borgaro! Calcio piazzato, apertura a destra, Sinisi stoppa, rientra sul destro e crossa rasoterra sul secondo palo. Nessuno tocca il pallone, sul quale c'e' il velo di Pierobon. Pallone che lentamente attraversa l'area piccola e batte Moretto! 1-0.

Ti aspetti i vercellesi e invece e' il Borgaro a sfornare pressione e possesso palla. Molto ben messa in campo la Russo band, che chiude il primo tempo meritatamente in vantaggio.

 

Ripresa. Dopo un tiro centrale di Federico Petrillo servito da Delorentis (1', resterà l'unico tentativo dalle parti di Cantele, che blocca sicuro) e' subito 2-0 Borgaro! Corner dalla sinistra, gran mischione, traversa di Ignico di testa e sulla linea ribadisce in rete Zanella

I vercellesi sembrano non riuscire a trovare idee e forza per dare fastidio a questo Borgaro, vicino al 3-0 con un mancino di Sinisi al 14'. Squadra di Russo prima sui rimbalzi, piu' cattiva e convinta.

Al 20' applausi per un numero alla Zidane in mezzo al campo di Del Buono. Il BorgoVercelli intanto esaurisce i cambi: dentro Comparelli, Corsaro e Germano.

Siamo al 30': Borgaro padrone del campo, a tratti finale a senso unico. Pierobon sfiora il gol in caduta di testa. Al 36' segnale di resa: espulso Bertola, che gia' amminito abbatte Pagliero in fuga. Borgo in dieci e poi in 9 (infortunato Comparelli). Finale addirittura con torello. Ovazione per Pierobon e Parisi sostituiti nel finale. Al triplice fischio esulta il Borgaro: prima Coppa Piemonte per Licio Russo, festeggiato anche il presidente Perona. E mucchio umano in tripudio sotto la tribuna.

Marco Pierobon, eterno bomber del Borgaro, nominato miglior giocatore del match.

 

ALBO D'ORO

2010: Santhià

2011: ProSettimoEurekA

2012: Verbania

2013: ProSettimoEureka

2014: ProSettimoEureka

2015: Gozzano

2016: Alpignano

2017: BORGARO

ven

06

gen

2017

Mercato Eccellenza: Mirko Costa dal Corneliano Roero alla Cheraschese

COSTA ALLA CHERASCHESE - Ultime 6 giornate: turbo Albese

6 gennaio 2017 - Nuovo innesto a centrocampo per la Cheraschese di Brovia: si tratta dell'ex Corneliano Roero Mirko Costa, classe '90. Il giocatore sarà a disposizione già oggi e potrebbe scendere in campo domani nell'amichevole Moretta-Cheraschese.

 

Il club intanto ha chiuso il 2016 con quasi due punti a partita nelle ultime 5 gare, facendo meglio di Saluzzo e Rivoli e confermandosi, nella classifica generale, secondo miglior attacco dietro al carro armato Fossano. In questa classifica parziale molto bene anche Albese e Tortona.

 

LE ULTIME 6 GARE IN ECCELLENZA B

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
CASTELLAZZO 13 5 2 2 0 0 1 0 9 2
ALBESE 13 6 3 1 0 1 1 0 9 6
TORTONA 12 6 3 1 1 1 0 0 8 4
CHERASCHESE 9 5 2 1 0 2 0 0 8 4
BENARZOLE 9 5 1 2 2 0 0 0 9 8
SALUZZO 7 5 1 1 1 1 0 1 5 7
RIVOLI 7 4 1 1 1 0 1 0 8 4
FOSSANO 7 5 1 1 1 1 0 1 12 11
PRO DRONERO 7 6 1 1 1 2 0 1 7 9
CAVOUR 7 5 1 1 1 1 1 0 8 11
CORNELIANO R. 6 6 0 2 2 2 0 0 10 9
FC SAVIGLIANO 6 5 1 1 1 2 0 0 6 7
BONBONASCA 6 5 2 0 1 2 0 0 6 8
OLMO 6 6 2 0 2 2 0 0 5 10
VALENZANA MADO 4 5 1 0 1 2 0 1 5 12
COLLINE ALFIERI 3 5 0 1 1 3 0 0 5 8
ACQUI 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

ven

06

gen

2017

Porta del San Mauro: Ignazzi titolare dopo l'addio di Dazzini. Prima amichevole per Perziano-Diliberto

SAN MAURO, DAZZINI LASCIA IL CLUB

Perziano e Diliberto
Perziano e Diliberto

6 gennaio 2017 - In Prima girone D c'è una novità per quanto riguarda la porta del San Mauro: Luca Dazzini ha deciso di lasciare la società dopo l'esonero di Berta e con ogni probabilità non tornerà a giocare fino alla prossima finestra di mercato estivo. Per la maglia da titolare ora è quindi favorito il possente portierone Marco Ignazzi, già sceso in campo nella prima amichevole persa 3-0 dal San Mauro contro la ProSettimoEureka (serie D). Ignazzi era arrivato nel mercato invernale quando c'era ancora Berta, esonerato a sorpresa prima di Capodanno.

 

Per quanto riguarda la conduzione tecnica della squadra si profila come anticipato dopo Natale una collaborazione, se vogliamo co-conduzione, Perziano-Diliberto. Quest'ultimo, direttore tecnico (ma comunque sempre allenatore), darà una mano all'ex superbomber pronto per la panchina. Diliberto: "Non è cambiato nulla a livello di incarichi dopo l'annuncio ufficiale. Ci aiuteremo lavorando con le nostre rispettive competenze e mettendo assieme la nostra esperienza per centrare gli obiettivi della società".

gio

05

gen

2017

Borgaro-BorgoVercelli: domani a Venaria si assegna la Coppa Piemonte Eccellenza. Precedenti e albo d'oro

CHI ALZERA' DOMANI LA COPPA ECCELLENZA?

Allenatori: Licio Russo e Nicola Petrucci
Allenatori: Licio Russo e Nicola Petrucci

5 gennaio 2017 - Tutto in 90 minuti, sempre che non finisca ai supplementari o rigori: domani grande spettacolo a Venaria per l'incontro delle 14.30 valido per l'assegnazione del trofeo "Coppa Eccellenza Piemonte/Valle d'Aosta". A giocarselo Borgaro e BorgoVercelli, che negli ultimi anni (curiosità) non pareggiano quasi mai.

 

Grandi talenti a confronto, dalla porta alla difesa, dal centrocampo agli esterni, fino ai duelli tra Parisi-Pierobon e Secci-Delorentis in zona gol. Tanta qualità anche in panchina con due mister esperti come lo "zar" Russo e Petrucci. Insomma, pronostico impossibile in questa sfida secca anche se storicamente i vercellesi sono sempre stati un avversario ostico per il Borgaro: lo dimostrano lo 0-3 di quest'anno in campionato e molti successi in passato quando il club aveva altre denominazioni. Negli ultimi tre anni, comunque, il Borgaro ha vinto tre volte, pareggiato in un'altra occasione e perso una partita. Nessun calcolo è possibile: vi ricordate la finale dell'anno scorso? A 25 minuti dalla fine il Casale vinceva 2-0, ma la Coppa è finita ad Alpignano...

 

Domani cronaca, foto, video e interviste.

 

PRECEDENTI: 3 vittorie Borgaro, un pari, 5 successi vercellesi

  • Borgaro-BorgoVercelli 0-3 (campionato 2016/2017)
  • No.Ve-Borgaro 0-1, Borgaro-No.Ve 3-1 (campionato 2015/2016)
  • No-Ve-Borgaro 1-1, Borgaro-No.Ve 1-0 (campionato 2014/2015)
  • Borgaro-Osmon Suno 1-3, Osmon Suno-Borgaro 5-1 (campionato 2013/2014)
  • Borgopal-Borgaro 1-0, Borgaro-Borgopal 0-1 (campionato 2012/2013)

 

L'INCREDIBILE FINALE DELL'ANNO SCORSO - CASALE-ALPIGNANO 2-3

 

Rete: 40' Farina, 8' st rig. Farina, 20' st Spoto, 22' st Bellino, 31' st Spoto.

Casale: Carlucci ('96), Rinaldi ('96), Martinetti ('97, 34' st Zaia), Didu, Francia (35' st Priolo), Silvestri, Kerroumi ('95, 26' st Messias), Mazzucco, Farina, Rebolini, Garavelli. A disp. Castagnone, Priolo, Marianini, Ibrahim, Zaia, Abrazhda, Messias. All. Rossi.

Alpignano: Berghin ('97), Tarnowsky ('95), Crescente, Casassa ('96, 16' st Bonsanto), Santoli, Lerda, Vittone ('95), Moreo, Massimo (36' st Dosio), Bellino ('95), Spoto ('96). A disp. Chisari, Russo, Sposato, Lorusso, Bonsanto, Simonetti, Dosio. All. Gatta.

Arbitro: Umbrella di Nichelino. Assistenti: Guarino e Ruga di Biella.

 

ALBO D'ORO

 

2010: Santhià

2011: ProSettimoEureka

2012: Verbania

2013: ProSettimoEureka

2014: ProSettimoEureka

2015: Gozzano

2016: Alpignano

2017: ?

mer

04

gen

2017

L'ex Toro Pascarella, a Collegno un portiere-leader: "Dopo C1 e C2 a 25 anni ho trovato quello che cercavo".

PASCARELLA, DAI RIGORI COL TORO AL "VIAREGGIO" A COLLEGNO

Professionismo-dilettantismo: il portiere 25enne ha le idee chiare

4 gennaio 2017 - di Michele Rizzitano

 

Le valigie per andare a giocare a Savona dopo aver parato 3 rigori su 4 alla Reggina ai quarti di finale del "Viareggio" con la maglia del Torino, il salto nel professionismo tra le fila di Canavese, Cuneo, Lumezzane e Salò in C1 e C2, il ritorno tra i dilettanti con tanta maturità e idee chiarissime.

 

Cristian Pascarella, portiere 25enne e custode dei pali del Collegno Paradiso, oggi dice: "Nessun rimpianto. Ho dato tutto e fatto tante esperienze, che mi hanno solo arricchito. Oggi sono felice, ho un lavoro e continuo a giocare, ma soprattutto sento di aver trovato la giusta dimensione. Ho trovato quello che cercavo, perchè il pallone resta per me qualcosa di bello e importante, ovvero un ambiente sereno, ambizioso e organizzato. Essere un punto di riferimento per molti compagni di squadra mi riempie d'orgoglio".

 

Molto interessante e curiosa questa intervista targata Pascarella, perchè abbiamo avvertito grande umiltà, consapevolezza e convinzione da parte di un 25enne che soltanto qualche anno fa navigava in C1 e C2 e che oggi, soprattutto per conciliare calcio e lavoro, gioca in Prima: "Mi hanno detto "ma cosa fai" e dato quasi del pazzo, io invece credo di aver scelto il miglior ambiente, quello del Collegno Paradiso, per portare avanti una passione. Ad un certo punto, dopo la bellissima esperienza al Salò con Beppe Scienza, ho dovuto farmi due conti consapevole di aver dato comunque tutto e di essermi giocato le mie carte per fare il titolare. Mi son detto bene, adesso magari mi trovo un lavoro...e poi continuo a giocare a calcio". Non è un passaggio psicologico molto semplice per chi arriva davanti al pozzo dei sogni e poi magari deve tornare indietro. Ma è un momento di vita fondamentale, che richiede testa e maturità.

 

Pascarella ha iniziato in Ardor San Francesco, Torino (3 anni) e Rivarolese prima di essere aggregato al Canavese di Sesia in C2. L'anno dopo, subentrato a Gomis espulso al 118' nei quarti del "Viareggio" è diventato un eroe in maglia granata. Quei rigori parati, che mandarono in semifinale il Toro dopo 10 anni, sembravano un segno del destino.

Oggi non ha un filo di delusione per le avventure che potevano proiettarlo nel grande calcio: "E' andata come doveva andare. Di certo ho imparato moltissimo. A Lumezzane, per esempio, mi son trovato davanti Alberto Brignoli, uno che è diventato poi il miglior portiere della B alla Ternana e che via Juve è andato alla Sampdoria. Oggi gioca in Spagna. Di fronte a tutto ciò non può che fare chapeau e stare al tuo posto in panchina. L'anno dopo mi hanno messo fuori rosa a Cuneo, dopo il Salò è praticamente finita la mia carriera a 23 anni".

 

E così eccolo nel calcio nostrano: passaggio al Lucento e poi trasferimento a Settimo, "una bella realtà", dice Pascarella. Oggi fa il gommista ("Il lavoro prima di tutto") e sogna la Promozione con il Collegno Paradiso, una delle più belle realtà fiorite nel 2016 grazie ad una serie di persone come il presidente Mesiano, mister Beretti, i preparatori Celano e Agostino, il factotum Chirulli. E poi, che squadra: 11 vittorie consecutive in Seconda, salto in Prima con ripescaggio e crescita enorme con una goleada dietro l'altra e addirittura il 1° posto da matricola impazzita davanti al San Mauro con un Preziosi secondo in Italia per gol segnati dall'Eccellenza in giù (21).

 

Pascarella: "Devo dire che non ho mai veramente avvertito la sensazione di giocare in Prima e di essere sceso di categoria. Questo perchè il Collegno Paradiso è un ambiente molto dinamico e organizzato. Ci stiamo godendo questo primato inaspettato con tanta umiltà e voglia di sognare. Il San Mauro forse ha più pressione perchè si è messo subito in testa di vincere, noi gli abbiamo scombinato un po' i piani...".

Qual è il segreto? "Tanti di noi sono a caccia di un riscatto. La società è stata brava a capire che in molti elementi della rosa c'erano qualità da rispolverare e Beretti è stato unico nell'accorpare le varie risorse formando un gruppo vero, meraviglioso. I risultati sono sotto gli occhi di tutti e oggi possiamo dire che continueremo a sognare il titolo. Di certo vogliamo almeno i playoffs, non possiamo più nasconderci".

Collegno miglior difesa e miglior attacco. In campo Pascarella, Dalla Guarda, Esposito, Preziosi (che ha segnato 21 gol, la metà delle reti segnate), ora anche bomber Serta: "Sì, il livello tecnico e il tasso di esperienza si stanno alzando sempre più. Sono felice, ma qui abbiamo soprattutto grandi giovani. Ora non dobbiamo perdere la testa perchè il girone di ritorno sarà più difficile. Bisogna tenere d'occhio tutti. Vedi l'Esperanza, che sembrava naufragato e che poi ha fatto 12 risultati utili di fila. Vedi il Pianezza, che abbiamo battuto 4-2 e che è rimasto solo a -7 da noi. Difficilmente poi torneremo a vincere 7-0 come già successo contro le squadre di bassa classifica che daranno tutto per salvarsi. Se troveremo il giusto equilibrio tra il non essere troppo presuntuosi in campo e il non credere poco in noi stessi in certi momenti potremo fare qualcosa di unico. Il salto di qualità passa da qui".

 

Pascarella è a Collegno da pochi mesi ma ragiona già da leader e non è un caso visto l'esperienza che ha: "Ho vissuto situazioni di nonnismo in categorie più alte. Oggi dico che a me fa solo piacere aiutare e dare un consiglio a un giovane che magari trova poco spazio, perchè so cosa prova. Ed è importante ricordare a tutti che nella vita bisogna sempre farsi trovare pronti, perchè non si sa mai che porte si aprono. Io qui intanto sono fortunato perchè accanto a me c'è il preparatore Celano, che ho avuto già a Settimo. E' fantastico, mi dà sempre grande forza".

La vostra partita più bella del 2016? "Abbiamo vinto delle partite con 7 gol di scarto ma dico il 2-2 col San Mauro. In quella partita siamo andati in vantaggio e poi in svantaggio, finendo per pareggiarla. Abbiamo vissuto le sensazioni di andare a +2, di tornare a -4 e di restare a -1. Una gara tostissima che ci ha insegnato tanto e ci farà crescere molto. La cosa più bella è stata vedere tutti darsi la mano al triplice fischio. E' stata una bellissima battaglia, molto corretta".

 

Il viaggio in Paradiso del Collegno, le ambizioni del nuovo San Mauro con un Pino Perziano (subentrato a Berta) che abbiamo già sentito carico a mille in questa intervista. In Prima girone D ne vedremo delle belle!

mar

03

gen

2017

Top 11 Eccellenza: lo squadrone del 2016. Cantele in porta, Camussi centrale, tridente Alfiero-Delorentis-Poi

SQUADRA DA SOGNO: LA NOSTRA TOP 11 ECCELLENZA

3 gennaio 2017 - Un giocatore per squadra tra i migliori top club di Eccellenza del 2016 tenendo conto dei numeri, delle presenze e del peso tecnico all'interno della rosa: ecco come nasce la top 11 di Sportovest, con tante citazioni extra.

 

PORTIERE - Giorgio Cantele (Borgaro): 24 gol presi in 34 gare del 2015/2016 per un Borgaro miglior difesa dei due gironi ad un centimetro dalla serie D scivolata via verso Verbania lo scorso maggio. Nell'andata del 2016/2017 in corso Cantele si è confermato tra i migliori portieri di categoria.

 

Tra i portieri top 2016: l'ex Brandizzo Volante (Rivoli), l'ex Borgosesia Bastianelli (Juve Domo), Gaione (Castellazzo, a lungo imbattuto in campionato), Maja (Corneliano Roero), Rainero (Trino, '98), Marcaccini (Saluzzo).

 

DIFENSORE - Alessandro Lerda (Alpignano): tre anni in biancazzurro, è capitano e leader della squadra che ha fatto più punti nell'anno solare 2016.

DIFENSORE - Andrea Camussi (Castellazzo): il granitico centrale ex Lomellina, Alessandria e Tortona rappresenta la miglior difesa dei due gironi attuali di Eccellenza, nonchè seconda miglior difesa per molte settimane in tutta Italia dietro al Real Senise (Basilicata).

DIFENSORE - Fabio Branca (Alicese): un premio per la straordinaria annata della squadra di Alice Castello, che ha aperto il 2016 con il salto in Eccellenza e l'ha chiusa con il 4° posto a pari punti col Borgaro. Sorpresa assoluta. Branca punto di riferimento a livello tecnico e per minuti giocati.

DIFENSORE - Marco Caridi (Pro Dronero): anche in questo caso è da sottolineare il lavoro della Pro nella prima parte di 2016 con un terzo posto a pochissima distanza dal Casale capolista e i playoffs. Caridi, un '96, spesso tra i migliori.

 

Tra i difensori top 2016: Rega (Aygreville), Grancitelli e Pavan (Rivoli), Anderson (Corneliano Roero), Silvestri (Castellazzo), Ferrarese (Borgaro), Brondino e Mozzone (Fossano), Todaro (Pavarolo), Canino (BorgoVercelli), Tarnowsky (Alpignano), Berrino (Saluzzo), Grillo e Agnesina (Trino), Camilli (Orizzonti).

 

CENTROCAMPISTA - Luca Sardo (Rivoli): in una squadra "leggermente" offensiva non potevamo non inserirlo. Giocatore eccezionale, capace di spaccare in due le partite e di mandare in delirio i difensori che cercano di ostacolarlo. Di un altro pianeta.

CENTROCAMPISTA - Iacopo Chiatellino (Corneliano Roero): nella top 11 dell'anno solare ci sta eccome un giocatore del club cuneese. Chiatellino ha fatto bene a Cherasco e si è riconfermato a Corneliano: è uno degli imprescindibili di Dossena assieme a Maja, Anderson e Melle.

CENTROCAMPISTA - Marco Serra (Saluzzo): 51 punti l'anno scorso per i granata e già 31, con un ottimo secondo posto, nel campionato in corso. Il Saluzzo cresce, sogna (solo un immenso Castellazzo ha fatto qualcosa in più) e il classe '83 Serra è sempre un punto di riferimento.

 

Tra i centrocampisti top 2016: Montari e Borettaz (Pont Donnaz), Scutti (Orizzonti/Rivarolese), Botto Poala (Biellese), Rognone (Virtus/Trino/Settimo), Bissacco (Saluzzo), Bellino e Marangone (Alpignano), Pagliero e Del Buono (Borgaro), Cuneaz e Thomain (Aygreville), Genocchio (Castellazzo), Garrone e Delpiano (Corneliano Roero), Giraudo, Galvagno e Armando (Fossano).

 

ATTACCANTE - Ricky Poi (Juve Domo): scelte difficilissime in attacco perchè in Piemonte e Valle d'Aosta c'è solo l'imbarazzo della scelta. Hanno pesato i numeri: per Poi 17 gol l'anno scorso e...già 17 quest'anno, ma siamo solo a metà del percorso. E' lui il leader in zona gol della capolista Juve Domo, favoritissima per il salto in D a +6 sull'Alpignano.

ATTACCANTE - Vincenzo Alfiero (Fossano): se Poi è una conferma Alfiero è una novità. Ha zittito tutti dopo aver segnato valanghe di gol in Promozione. Oggi è proprio "Alfio gol" a comandare la classifica cannonieri con 18 reti in 16 partite. Devastante, ma una citazione meritano Tavella, Romani e Armando, tre moschiettieri di grandissima qualità che gli spediscono caterve di assist.

ATTACCANTE - Simone Delorentis (BorgoVercelli): anche qui parlano i numeri. Già 15 gol nel campionato in corso, 20 nel 2015/2016 dietro ad Hado. Ha segnato nell'anno solare più di tutti. Fa la differenza e il 6 gennaio può alzare una Coppa a Venaria.

 

Tra gli attaccanti top 2016: Melle (Corneliano Roero), Rosset (Castellazzo), Bandirola e Gai (Albese), Cirillo e Massimo (Alpignano), Hado (JuveDomo), Baldi (Aygreville), Latta e Cabrini (Biellese), D'Agostino (Rivarolese), Cravetto e Piroli (Rivoli), Dutto (Pro Dronero), Atomei e Celeste (Cheraschese), Pinelli (Saluzzo), Romani e Tavella (Fossano), Pierobon (Borgaro), Buongiorno (Cavour).

mar

03

gen

2017

Capitan Lerda e l'Alpignano da "all in" nel 2016: Coppa Eccellenza, giovani, strutture e secondo posto

DENTRO AL 2016: LERDA, "VOTO 10 ALL'ALPIGNANO"

Amichevole: Alpignano-Saluzzo 2-0

3 gennaio 2017 - Una crescita incredibile: lenta, progresssiva, esponenziale. Ecco il 2016 dell'Alpignano, che in realtà segna un trend positivo da tre anni a questa parte: prima il ripescaggio in Eccellenza dopo i playoffs del 2014/2015, poi la Coppa Eccellenza strappata al Casale con la remuntada da 2-0 a 2-3 (evento storico, non succedeva da oltre 20 anni ad Alpignano), infine la grande salvezza con Gatta e la ripartenza-turbo nel 2016/2017 con i 63 punti nell'anno solare (record in Piemonte e Valle d'Aosta) e l'attuale secondo posto vista serie D.

 

Capitan Alessandro Lerda ha vissuto tutto ciò da protagonista. E' arrivato tre anni fa dal cuneese in un girone e in una realtà completamente nuova rispetto alle esperienze precedenti in D con Arenzano, Casale, Saluzzo e Cuneo. In quell'estate il blocco-Alpignano del 2014/2015 si era quasi totalmente trasferito nel nuovo Brandizzo che poi riuscì a vincere il campionato. Con mister Grassi rimasero tre giocatori: via Migliorone era praticamente un cantiere, rimasto aperto tutta l'estate parallelamente al salto burocratico in Eccellenza.

Altra data cruciale per la crescita della società è quella del 1° dicembre 2015: Savino Granieri diventa presidente e Gatta allenatore della prima squadra. E' passato un anno e un mese e l'Alpignano in questo arco di tempo è stata la squadra che ha macinato più punti nell'anno solare 2016 (63, vedi statistiche).

 

Alessandro, vogliamo una pagella per la tua esperienza ad Alpignano: "Sicuramente 10. E' stato un percorso ottimo e sono fiero di rappresentrare questa società, che ha fatto grandi cose non solo in prima squadra ma anche nel settore giovanile, con investimenti e nuove strutture. In più sono orgoglioso di essere chiamato in causa per prendere assieme alla dirigenza decisioni importanti. Ricordo ancora la chiamata di mister Grassi. Ero a Londra, mi disse "sono rimasti pochi giocatori" dopo i playoffs del 2014/2015. Rimasi fiducioso e paziente, oggi posso dire che quella fu una scelta azzeccata. Vicino alla scrivania a lavoro ho una foto che riassume tutto. E' il ricordo indelebile della vittoria di Coppa Eccellenza col Casale ottenuta esattamente un anno fa. In questo 2016 ci siamo tolti molte altre soddisfazioni e anche questo attuale secondo posto è l'ennesimo segnale di crescita. Per di più l'Alpignano non ha mai raggiunto i playoffs di Eccellenza e se continueremo così potremo provare a centrare un altro traguardo unico".

Lerda definisce l'Alpignano una società a tutto tondo. E se arrivasse la serie D da qui a pochi anni in via Migliarone? "La società credo abbia le possibilità per gestirla, anche se c'è una bella differenza in termini economici. Le linee-guida tracciate fin qui sarebbero perfette per la serie D, perchè il club in questi anni ha puntato davvero molto sui giovani riuscendo contemporaneamente a spedire in D dall'Eccellenza giocatori come Bellino, Libertazzi e Casassa. Poi c'è una struttura societaria e tecnica molto valida ed organizzata, dal presidente Granieri al vice Ciancio, dai preparatori Pinsoglio e Panorama a tutto lo staff, dal ds Cerutti a mister Gatta. Sono tutte persone che hanno la cultura del pallone. I numeri dicono che la nostra media punti attuale è più alta del 30 per cento rispetto all'anno scorso e dimostrano che nulla è stato lasciato al caso o è figlio della fortuna. La crescita è arrivata tramite scelte giuste e ponderate della dirigenza, come quelle di ingaggiare un bravo allenatore come Gatta. Lui ha capito che l'Alpignano aveva bisogno di scosse psicologiche e di morale, più che di cambi tecnici di giocatori. Ha avuto ragione in un momento delicato, dove eravamo un pugile in un angolo che non riusciva a reagire".

 

Ma anche le singole partite contengono valore aggiunto, vero? "Confermo. La finale col Casale è stata preparata nei minimi dettagli. Ricordo che noi ci siamo allenati il 1° gennaio 2016 e il Casale invece no. Siamo partiti in ritiro qualche giorno prima. Insomma, dietro al risultato finale e magari ad un trofeo in bacheca c'è sempre un preciso lavoro dietro. Credo e spero che quella partita resti una pagina storica della società, ma sottolineo la bontà di quanto fatto anche prima per arrivare ad alzare quel trofeo".
Giovani sugli scudi: qualche nome? Lerda risponde da capitano vero: "Farei un torto a qualcuno. Credo in tutti loro e vedo quanto si stanno impegnando. Voglio citare il gruppo e non il singolo. Anche quando si parla dei gol di Massimo o Cirillo, giocatori per noi fondamentali e decisivi, bisogna sempre ricordare che dietro c'è un grande lavoro. Aggiungo che l'Alpignano per me non ha giocatori cosiddetti panchinari...Gatta fa molto turnover perchè ha sempre grandi qualità su cui poter contare".

La partita giocata meglio nel finale di 2016? "Paradossalmente, per me, quella persa 1-0 col BorgoVercelli. Ma ce ne sono molte altre che magari abbiamo vinto o pareggiato".

Attaccanti da tenere d'occhio? "In Eccellenza è molto difficile vincere le partite da soli, perchè nessuno ha un Maradona in squadra. Contano molto i dettagli, la preparazione e il gruppo, ma prima ancora la testa. Per quanto riguarda la fase offensiva, comunque, mi ha stupito molto l'Aygreville".

 

Una news dal campo: l'Alpignano in amichevole ha battuto 2-0 il Saluzzo con gol di Visciglia e Marangone.

mar

03

gen

2017

Tutti i record dell'Union Susa. Iorianni: "Jannon, che esempio. Qualcuno ci dava dei muntagnin e adesso...".

DENTRO AL 2016: IORIANNI E L'ANNO SPAZIALE DELL'UNION SUSA

Playoffs, 57 punti più 38, 308 giorni di imbattibilità assoluta. E ora?

3 gennaio 2017 - di Michele Rizzitano

 

"Ci davano dei muntagnin, come si suol dire in piemontese, e un po' ci snobbavano perchè Susa per qualcuno è sempre stata una città defilata e lontana dal calcio che conta. Noi però scriviamo record da mesi e mesi, adesso finalmente si stanno ricredendo un po' tutti e ci seguono anche da lontano...".

 

Là, sotto al Moncenisio, c'è un cuore che batte e un mondo calcistico molto aperto. Altro che mentalità-muntagnin. A parlare (e a darci il titolo) è Gabriele Iorianni, metronomo della metà campo dell'Union Susa. Ecco cos'è stato il 2016 per il club biancorosso che da anni consideriamo una società-modello e che ha fatto il suo salto di qualità quando la passione e l'entusiasmo del presidente Casciello, del totem Coccia e di tutto lo staff ha incontrato la competenza del ds Galluzzo, che tra i tanti colpi ha firmato il clamoroso trasferimento di Aloisi da Pianezza a Susa. Sembrava impossibile che abbandonasse il rossoblù.

In quel momento il club, continuando a proporre giovani della Juniores in prima squadra (Pereno, Giuliano, Olivero, Foch e Rossero i più freschi '97 e '98) ha messo gli occhi sul mercato di Torino e dintorni ancor di più. E le statistiche dicono tutto.

 

Un anno spaziale per Susa: record su record, attenzione "mediatica" cresciuta in modo esponenziale, tanti sassolini tolti dalle scarpe per tutti, un lavoro da applausi per l'ex Lascaris mister Falco, e un sogno che continua. Si chiama Eccellenza. Ma ecco tutti i record del club biancorosso:

 

  • 57 punti e playoffs nel 2015/2016: punto più alto della storia della società
  • imbattibilità assoluta di 308 giorni dal 31 gennaio 2016 (Pont-Susa 1-0) al 4 dicembre 2016 (San Maurizio-Susa 2-0)
  • imbattibilità casalinga in corso: il Susa non perde in casa dal 1 novembre 2015 (Susa-Caselle 0-1, Greco Ferlisi) e cioè da 17 partite
  • quota-record degli ultimi 8 anni di Promozione B: nessuno dal campionato 2007/2008 ha fatto più di 38 punti in 15 gare. Primato condiviso con Settimo (2014 e Volpiano (2013). Soltanto il Saint Christophe nel 2007 riuscì a fare meglio: 40 punti.
  • miglior attacco (37 gol in 15 gare) e capocannoniere in testa alla graduatoria dei migliori cecchini (Aloisi, 16 reti e 200 gol tondi tondi appena raggiunti nel calcio piemontese)

 

Con questi numeri sognare diventa facile. Tra i soliti noti si parla molto di Aloisi, Rizq (un bomber vero, fisicamente devastante e completo), Mazzone, Iorianni e Serpa ma lo stesso Iorianni ha parole d'elogio per una bandiera biancorossa: "Jannon. Un esempio. Gioca poco, ma è sempre presente. E' una bandiera, un modello di comportamento per tutti. Per me, da solo, compone una parte considerevole dell'anima della squadra".

 

Domande a raffica per Iorianni: una pagella al 2016? "Per me è un voto 9+. I numeri contano e lo abbiamo dimostrato".

La partita perfetta dell'Union Susa e la tua? "Contro l'Ivrea Banchette non era facile perchè anche loro erano reduci da una lunga striscia di risultati positivi. Siamo stati bravi, cinici e cattivi, è stata la miglior gara degli ultimi tempi. La mia partita più bella, invece, è stata in casa della Nolese".

Un ko da dimenticare? "Il 2-0 a San Maurizio, ma paradossalmente ci è servito perdere e ci siamo incattiviti di più. Brucia anche il ko in Coppa col Vanchiglia nell'ultima del 2016. Cercheremo di rimediare il 15 gennaio, perchè teniamo molto alla competizione".

E' il Lascaris la squadra da temere di più? "Credo di sì, comunque è e sarà una bella lotta. Anche il San Maurizio ha i numeri per starci dietro e dovremo tenere d'occhio Vanchiglia e Ivrea".

E se diciamo "Eccellenza"? "La scaramanzia c'è, ma nessuna paura...E' solo che qui a Susa quella è una parola sconosciuta, mai prononunciata da nessuno. Siamo comunque appena al giro di boa, abbiamo scritto tanti record ma non abbiamo fatto nulla. Di certo è da pazzi non credere nel salto di categoria visto quanto fatto complessivamente nel 2016. Dobbiamo solo tenere i piedi per terra, lavorare bene e mantenere la nostra umiltà".

Curiosità e pazzie dello spogliatoio? "Ogni volta che entra in campo in allenamento il centrale Renna, un gladiatore vero, parte un coro. Poi Alberto Onomoni, non si capisce perchè, è sempre sul lettino a chiedere massaggi...Squillace, credo con me e Malune, è tra i più scalmanati ma ora è negli Stati Uniti. Lo aspettiamo presto".

Per Iorianni 3 gol nell'anno solare e 2 in amichevole: "L'ultimo ufficiale l'ho segnato ad aprile al Quincitava. E' ora di buttarla dentro...".

Chiudiamo così: che Susa dobbiamo aspettarci il 15 gennaio nel ritorno dei quarti di Coppa dopo il ko col Vanchiglia per 1-0 all'andata? "Umile, agguerrito, cattivo".

di Boetto Ivan & C.

Tel. 011-8240169

CANDIOTTO GOMME

Strada Borgaretto 48, ORBASSANO

Il sito - Servizi - Contatti

 

Manutenzione/meccanica

Sostituzione cinghia

Verifica/Sostituzione sospensioni

Verifica/Sostituzione freni

Tagliandi - Servizio Frizione

www.candiottogomme.it

ANIMALI: OFFERTE TOP

CRONACA ONLINE

Val Susa Val Sangone

Cintura Ovest

UN CAFFE' A RIVOLI?

Un must per chi ama il caffè

Il sito - I punti vendita

RELAX IN TOSCANA

Vacanza in Toscana? Casa Milla (Cecina, LI), mare a 3 km. Info.

IL MODULO 3-3-2-2

Breve guida per addetti ai lavori, tecnici, manager di società calcistiche, osservatori, talent scout: i segreti del modulo 3-3-2-2 coniato dai tecnici Delgado e Von Hoffmann.