Mercato weekend

Pont Donnaz, ecco il trio dei Cusano. Montari al Borgaro. Lopapa in ritiro con l'Fcd Rivoli

CHARVENSOD: BERGER! BOMBER NARETTO: "VADO A CHIVASSO".

Borgaro, il punto col ds Mazzi: "Grillo? Decisive le prossime 48 ore"

L'attaccante Francesco Lopapa (gol-salvezza in Caselle-Pro Collegno) all'Fcd Rivoli - da Facebook
L'attaccante Francesco Lopapa (gol-salvezza in Caselle-Pro Collegno) all'Fcd Rivoli - da Facebook

11 luglio 2016 - L'attaccante ex Caselle Francesco Lopapa inizierà il ritiro a partire dal 1° agosto con l'Fcd Rivoli di Marco Andreotti e lavorerà al fianco dei vari Piroli, Cravetto e Sardo. Prima di Caselle (dove ha realizzato il gol-salvezza dei rossoneri ai playout contro la Pro Collegno) Lopapa ha giocato a Chieti nel Gloria Chieti 2000.

L'attaccante è di Metaponto, è un grande amico di Simone Zaza (si chiamano "Pollo" per scherzo, c'è anche un video virale sul web a dimostrarlo) ed è cresciuto con lui fin da piccolo, giocandoci anche assieme nella Stella Azzurra Bernalda.

Poi un'esperienza a Pescara nel Bucchianico (il giocatore studiava in Abruzzo) e il trasferimento a Modena, dove Lopapa (fisioterapista) è diventato massaggiatore del Modena. Zaza intanto giocava al Sassuolo, la squadra per la quale simpatizza Lopapa, che non tifa oggi nessun club in particolare. Infine, il passaggio in Piemonte sempre in parallelo con Zaza, la parentesi Caselle e l'Fcd Rivoli che vuole tenerlo d'occhio e aggregarlo alla rosa in ritiro.

Berger allo Charvensod di Fermanelli: ufficiale
Berger allo Charvensod di Fermanelli: ufficiale
L'ex Pont Sterrantino all'Ivrea Banchette
L'ex Pont Sterrantino all'Ivrea Banchette

Alex Naretto - Foto Ferin
Alex Naretto - Foto Ferin

11 luglio 2016 - di Michele Rizzitano

 

E' stato lo stesso bomber Alex Naretto (22 gol con la Nolese) a dichiararlo ufficialmente nel weekend: "Vado a Chivasso". Colpo di scena per il club neopromosso in Promozione di mister Stefanetto: il puntero cambia maglia al termine di un corteggiamento, quello del La Chivasso, che dura da almeno un mese. Con Naretto pare possa arrivare anche Porneala, questione di dettagli. In uscita dal La Chivasso, invece, c'è Luca Abena: direzione RiverMossoPianese.

 

Eccellenza, mercato Borgaro - Il punto sui movimenti del team di Licio Russo con il ds Loris Mazzi: confermato l'acquisto dell'ex Valle d'Aosta Souley Montari ('94), centrocampista inizialmente avvicinato al Pont Donnaz di Cusano. Mazzi: "Ha firmato venerdì scorso".

In porta: confermatissimo Cantele, al suo fianco l'ex Juve e Cuneo Alessandro Erdely ('98) prossimo alla firma.

Difesa: sempre dalla Berretti del Cuneo Multari per la fascia sinistra ('98) è prossimo alla firma, al centro accanto al leader Ferrarese il nome caldo è quello di Antonio Grillo, ex Pinerolo, seguito tra i tanti club anche dal Derthona. Mazzi: "E' un giocatore che ci piacerebbe facesse parte della rosa. Entro 48 ore si arriverà ad un si o un no definitivo. Lo cercano in tanti, proveremo a chiudere la trattativa". Ha già firmato l'altro centrale ex Cnh Industrial Cristino. Per la fascia destra riconfermato Erbì, '96.

Centrocampo: il gran colpo è Sinisi dal Bra. Ha già firmato così come Montari. Si è arenata la trattativa per Nicolini della Piscinese Riva. Mazzi: "Ad oggi non rientra nei nostri piani. Con Sinisi, Montari, Del Buono e Garofalo, più altri fuoriquota, siamo a posto. Sinisi avvicinato prima all'Alpignano? Abbiamo ottimi rapporti con Gatta e con l'Alpignano. Mio figlio gioca lì, per dirne un'altra. Nessuna polemica o scippo dell'ultimo minuto, abbiamo lasciato la parola al giocatore e siamo felici abbia scelto Borgaro".

Attacco: riconfermatissimo bomber Pierobon, sugli esterni Pagliero e la new entry Brugnera dal Santhià che copre il buco lasciato da Sansone (passato al Settimo).

Boscaro: "Felice e amareggiato"
Boscaro: "Felice e amareggiato"

Fa rima, Boscaro-Trino e un po' di peperoncino: Gabriele Boscaro torna in Eccellenza all'Lg Trino dopo i 24 gol del 2014/2015 e l'Eccellenza raggiunta con il campionato vinto alla BonBonasca di mister Sgarbossa (mercato BonBon: in entrata c'è l'ex Asti Lewandoski).

Così Boscaro, il cui cognome secondo voci di corridoio è finito sul taccuino di Canelli, Santostefanese, Piscinese, Cairo Montenotte, Savio Rocchetta e Colline Alfieri: "Ho ricevuto un bel po' di chiamate quest'anno e questa cosa fa sempre piacere per un attaccante e qualsiasi giocatore. Due squadre erano anche molto lontane, come la Piscinese Riva e la Cairese di Cairo Montenotte. Volevo però qualcosa di più vicino a casa e il corteggiamento del Trino è stato quello più importante. Ho accettato per tanti motivi. E' tornato il direttore sportivo che avevo due anni fa, la piazza è calda e sono stato davvero bene, la gente è eccezionale, i tifosi mi hanno accolto benissimo e logisticamente non è troppo distante. Abbiamo fatto una bella festa e presentazione, per questo sono molto felice". Ma non solo. C'è un aspetto amaro della vicenda: "Non ho ricevuto notizie dalla BonBonAsca e, forse, me l'aspettavo per l'idea che mi ero fatto di qualcuno...Continuo però a non capacitarmi di come sia possibile non avere rispetto per un giocatore dopo un campionato vinto. E' una logica che proprio non capisco. Potevo anche essere non riconfermato, ci stava assolutamente. Ma una chiamata, almeno una chiamata, me la sarei aspettata...Non esiste chiudere una parentesi in questo modo, facendo finta di niente. La correttezza va al di là dello sport, sono  amareggiato e penso che qualcuno abbia dimostrato di non essere uomo".

 

Eccellenza, Castellazzo: dopo l'espertissimo centrocampista Genocchio arriva anche il centrocampista Loris Costa, ex Ligorna, Libarna, Novese, Sanremo, Acqui, Formigine e Montebelluna. Altro gran colpo. Per i pali l'ex Lomellina Gaione.

 

Charvensod: ecco dove si è accasato il centrale ex Pont Donnaz Christian Berger. E' il team di Fermanelli a trovare l'accordo e ad assicurarsi un ottimo rinforzo per la difesa. Il mister: "Confermo tutto. Berger da noi, ufficialmente".

 

Città di Baveno: per la lotta alla serie D occhio alla squadra di Pissardo. In attacco i sudamericani Sogno e Garin, ex Cuneo, oltre al bomberino '99 Fioretti. Per la difesa Nazari dal Volpiano, bel colpo anche l'esterno Amoruso dal Borgomanero. Confermati Romani, Ramalho, Menaglio, Motetta, Cherchi, Di Leva, Piraccini.

 

Alpignano: con Blini al Vanchiglia il nuovo portiere fuoriquota potrebbe essere Gilli, ex Lavagnese, classe '97. Farebbe coppia con l'altro '97 Berghin.

 

Rivarolese: secondo ingresso in granata dopo l'esterno ex Gassino e Chisola Foxon, che comporrà il trio con Querio e Reano dietro a bomber D'Agostino. Arriva per la difesa (dove Franzino sarà fermo nei primi mesi della stagione per infortunio) il '97 Gianluca Prandoni, ex calcio e calcio a 5 del Castellamonte.

 

Lucento: dopo il già annunciato Bertinetti (ex Cbs, in arrivo assieme a Valeriano e Porcelli) per la difesa ci sono anche Pepe dal Brandizzo e Mignano dal Città di Rivoli. In attacco già confermato l'ex Asti Perrone, con lui l'eterno LePera. In porta Di Nocca e Petitti, anche lui ex Cbs.

 

Mercato Promozione: due mosse in entrata per il reparto offensivo del MathiLanzese. Mister Binandeh: "Fabio Rosso dal BarcanovaSalus e Luca Trussardi, di ritorno dall'estero e già al MathiLanzese, sono due acquisti ufficiali".

L'ex Alpignano Zancanaro, centrocampista, andrà con ogni probabilità a rinforzare il San Maurizio Canavese assieme a Mezzela (difensore ex MathiLanzese) e al già citato Carbone (ex Colline Alfieri), esterno. 

Cbs: la squadra di Brunetta e di capitan Militano ha puntato sull'ex Città di Rivoli Federico Salusso, l'ex Usaf Favari Favaretto, l'ex Moncalieri Rattalino e l'ex Venaria Chiarle. In porta fiducia a Petra, ex Rapid Torino. BarcanovaSalus: l'ex Asti Fascio e l'ex Lucento Daniele Monteleone (che non andrà al Colline Alfieri, come confermato dal ds Barnaba) potrebbero essere gli esterni offensivi da affiancare al bomber Rolfo, in arrivo anche lui da Asti.

 

Pont Donnaz, niente Souley Montari: il centrocampista del '94 ex Valle d'Aosta Souley Montari, avvicinato al Pont Donnaz, fa invece ritorno al Borgaro di Licio Russo. Notizia confermata dal dg valdostano Luca Padovano: "Non abbiamo raggiunto l'accordo".

Va invece a ricomporsi il trio dei Cusano: dopo l'allenatore Mauro e il preparatore Luca (figlio del mister), ecco ora il giocatore Fabio, fratello di Luca in uscita dallo Charvensod.

 

Ivrea Banchette (link: il punto sul mercato con il ds Paonessa, news del 7 luglio) L'attaccante ex Pont Donnaz Francesco Sterrantino ha detto "sì" all'Ivrea Banchette di Bergantin, ex grande punta del calcio piemontese oggi allenatore del club di Promozione.

 

Quincitava: i cugini di Pont ed Ivrea sono sempre più vicini al bomber Davide Donato, 27 gol con il Red Devils Verres. Per il centrocampo piace sempre Menegazzi, ex Pont Donnaz seguito anche da Ivrea Banchette (ritroverebbe il compagno di squadra Sterrantino...) e Bollengo.

SALUZZO O RIVOLI? LA QUESTIONE-GATTI ANCORA IN SOSPESO...

10 luglio 2016 - di Michele Rizzitano

 

Ci sono notizie lineari, inappuntabili e insindacabili. E poi? E poi ci sono altre notizie. Quelle "da attenzionare" o da interpretare. Quelle per le quali si ha la sensazione che si debba ancora scavare, perchè "...non è proprio come sembra". Quelle per le quali un giornalista si mette ad indagare in silenzio, magari anche inutilmente, prima di comunicare ai lettori (coi tempi giusti, quando si riesce) una mezza riga dietro la quale c'è un mondo di verifiche, telefonate, certezze, smentite, dubbi e opinioni. Un viaggio tra realtà e fantasia, velocità e intuito, psicologia e fame di informazione, sensibilità, età e caratteri dei protagonisti delle notizie (che qualche volta vanno tenuti in considerazione). Un viaggio che non sai dove ti porterà: ad una scivolata pazzesca? Ad una notizia che quella è, quella rimane? Una notizia che diventa più vera e credibile? O che si trasformerà in una notizia totalmente falsa? Una notizia che desterà interesse in tutti? O in nessuno? Chissà.

Per chi scrive le risposte arrivano solo alla fine del percorso, non verso la verità assoluta, ma verso la rappresentazione più vicina e fedele alla realtà (frase classica degli avvocati).

 

La premessa casca a pennello. In questo calciomercato 2016 alle nostre latitudini, quella del triangolo Gatti-Saluzzo-Rivoli, è una delle notizie che più ci ha dato filo da torcere. E' proprio così: fino a ieri abbiamo battuto la notizia di Gatti prossimo alla firma a Saluzzo. E poi ci siamo fatti mille domande, semplicemente perchè non ci era tutto chiaro, interpellando i club e il giocatore, analizzando le loro risposte, seguendo mezze parole e dichiarazioni. Tutto molto complicato, tra decine di notizie facili facili da scrivere.

Ad oggi, insomma, viaggiamo ancora verso la verità (e forse siamo in alto mare) e possiamo soltanto dire due cose, sempre ad oggi 10 luglio 2016: che non si può affermare che l'ex Pavarolo Federico Gatti, classe '98, sia un giocatore del Saluzzo, perchè manca la firma nonostante abbia preso parte al primo raduno granata, e che la prossima destinazione del giocatore verrà ufficialmente decisa solo dopo una telefonata tra lo stesso Gatti e il presidente del Saluzzo Boretto. Il Rivoli, che aveva incontrato il giocatore prima del Saluzzo, ma che sembrava avere meno chance, resta semplicemente alla finestra. Cosi come l'Alessandria proprietaria del cartellino, che girera' il giocatore nel cuneese o nel torinese.

Sono state settimane di lunghe valutazioni per il giocatore, ma anche settimane di punti interrogativi per un sacco di addetti ai lavori (presidenti, direttori sportivi, allenatori di Saluzzo e Rivoli, compagni di squadra, possibili ed eventuali nuovi compagni di squadra) che a fasi alterne hanno considerato l'attaccante ormai parte integrante della propria rosa in Eccellenza. Una situazione curiosa, atipica, misteriosa. Un mare di dubbi, di diverse intepretazioni, di lontane-ufficialità e di quasi-ufficialità. Una notizia diversa da tutte le altre, tremendamente complicata. Un parto, tanto per capirci. E in queste settimane ci siamo tenuti le fanta-notizie, le fanta-ufficialità, sul block notes del pc.

Oggi la ricostruzione (parziale) della vicenda. Cercare la verità, stavolta, nonostante il telefono, la pala e la voglia di scavare, non è stato per niente semplice. "Vale la firma", giusto? Allora Saluzzo o Rivoli. A Gatti l'ultima parola.