Menegazzi al Quincitava, Dotto al S.Mauro, Fichera a Borgaretto

Prima Categoria: a Borgaretto Livieri incontra l'ex Rapid Fichera, che lavora post-infortunio

MENEGAZZI A QUINCI: "LASCIO IL CUORE NEGLI AMBIENTI DI CALCIO"

L'ex Pont: "Ora sono carico". San Mauro: il '95 Dotto. Porro al Pdha

Da sinistra: Menegazzi al Quincitava, Fichera in casa Borgaretto e Dotto, ex Borgaro al San Mauro
Da sinistra: Menegazzi al Quincitava, Fichera in casa Borgaretto e Dotto, ex Borgaro al San Mauro

14 luglio 2016 - di Michele Rizzitano

 

Colpo di scena al confine tra Valle d'Aosta e Piemonte. Uno dei leader delle ultime due stagioni del Pont Donnaz, il playmaker orange Andrea Menegazzi, uomo-spogliatoio e uomo-social, ha scelto il Quincitava dopo il corteggiamente parallelo di Ivrea Banchette e Bollengo. Alla fine ecco i movimenti degli ex Pont: Menegazzi al Quinci (e con lui bomber Donato dai Red Devils), Berger allo Charvensod e Sterrantino all'Ivrea Banchette. Altro che macchinata tutti assieme.

C'è chi ha parlato, per quanto riguarda il trasferimento di Menegazzi, di un piccolo derby sul mercato vista la grande rivalità tra i due club (guardate questo video di Quincitava-Pont 2-2, piccole frecciatine alla fine delle riprese pubblicate dai padroni di casa...). In questo caso, però, non è stato assolutamente così: si è andati molto oltre.

Il centrocampista: "Sono arrivato al primo incontro sicuramente dispiaciuto per cosa è successo a Pont, eppure i dirigenti mi hanno trasmesso una grande carica e mi hanno fatto capire che mi volevano fortemente. Tutto ciò mi ha fatto cambiare umore e reso molto felice. Girare pagina è stato più semplice".

Un passo indietro sul Pont: "Ho vissuto settimane di incertezza e onestamente non me l'aspettavo. I tempi per sapere la mia eventuale riconferma assieme a quella di tanti compagni di squadra si sono allungati e questa cosa ci ha messo in difficoltà anche per muoverci sul mercato. Io ho agito correttamente, aspettando una telefonata dal Pont prima di sondare altre piazze. Ad oggi penso che questa correttezza, che continuerò comunque a mantenere, non paga molto...Mi sarei aspettato lo stesso rispetto nei miei confronti, perchè ho dato tutto e fatto tanti sacrifici. Ancora un po' e l'anno scorso compravo i palloni. Più che a me, che ho 31 anni, penso ai molti giovani protagonisti di un'ottima stagione. Qualcuno sempre presente in tutti gli allenamenti e magari sceso in campo due-tre volte non è stato neanche chiamato. E poi alcune scelte di mercato non le ho capite. Non parlo assolutamente di me, ma di un giocatore come Berger, insostituibile umanamente e tecnicamente". Il prossimo anno Menegazzi, con la maglia del Quincitava, potrebbe ritrovare il Pont da avversario nel solito attesissimo derby: "Per il gruppo dell'anno scorso spero che a Pont salgano in Eccellenza. Se lo meritano. Da un altro punto di vista spero di giocarci contro, sarà curioso".

Menegazzi è abituato a dare il cuore negli ambienti di calcio (ai playoffs ha giocato con la spalla lussata e fasciata, alla Franz Beckenbauer) e anche sul web per tutta la stagione è riuscito a caricare il gruppo con frasi da leader, foto e momenti-leggerezza: "Sono cresciuto col calcio, mi piace giocare a pallone e in questi ultimi anni di attività darò tutto. Insomma, regalo l'anima e il cuore, forse sbaglio ma mi affeziono agli ambienti di pallone ed è incredibile come negli ultimi quattro anni abbia fatto sul campo le mie migliori stagioni, ma tra Charvensod e Pont Donnaz alla fine abbia raccolto le delusioni più grandi sui titoli di coda. A Pont hanno sbagliato prima di tutto i tempi. Se non rientravo nel nuovo progetto perchè non dirlo subito? E poi una volta arrivata la telefonata non ho avuto una motivazione precisa per la mia non riconferma. Pazienza, adesso si guarda avanti e il Quincitava mi ha trasmesso proprio ciò di cui avevo bisogno. Mi sento ancora più carico per questa nuova avventura".

 

Qui Pont Donnaz, Promozione: preso Simone Porro. La società attraverso il team manager Giovenzi e il dg Padovano comunica di aver ingaggiato il classe '93 Simone Porro, già avvicinato nelle scorse settimane al club valdostano. Porro ha giocato nell'Ivrea ai tempi della serie C, passando poi agli Allievi Nazionali del Genoa, alla Berretti del Genoa e poi ad Aygreville, Pont, Verres e Red Devils Verres. Giovenzi: "Ultimamente ha lottato con qualche infortunio, ma è un ottimo giocatore. Siamo sicuri che potrà tornare su buonissimi livelli".

 

Qui San Mauro, Prima Categoria: arriva l'ex Borgaro Dotto. La squadra di Berta, che non ha richiesto il ripescaggio in Promozione, è pronta per strapazzare la Prima. Un altro gran colpo: arriva l'esterno basso ex Borgaro Graziano Dotto, classe '95. Un giocatore dal bel passo. Con lui anche Di Bella e il classe '94 Gentile, ex Venaria e River, che si aggiungono a Saracino dalla Denso, Greco Ferlisi da Caselle/Venaria, Schinco e Corbo dalla Denso, Maio ex Mathi e Venaria, Luca Bonomo da Mathi/Lucento, Di Matteo e Dazzini dall'Atletico Torino.

 

Qui Borgaretto, Prima Categoria: in foto mister Livieri e il centrale ex Rapid e Olympic Collegno Luca Fichera. Il giocatore assieme allo staff sta già lavorando sul campo per recuperare da un infortunio. Ecco tutta la rosa: clicca qui.