Corneliano, ottima partenza. Dessena: "Gran lavoro sul mercato"

BLITZ AD ALBA (0-1), ERBINI-GOL. IL CORNELIANO TRA LE GRANDI

Mister Dessena commenta il girone. Curiosità: è abbonato Juve...

26 agosto 2016 - di Michele Rizzitano

 

Tra le grandi del campionato di Eccellenza girone B inseriamo sicuramente il Corneliano Roero di mister Francesco Dessena: quarto posto nel 2015/2016 (archivio) con 55 punti, un girone di ritorno molto interessante e ottime fondamenta per la stagione che è già iniziata. Mercoledì, infatti, 0-1 ad Alba per Melle, Erbini e compagni. Un blitz pesante, perchè significa partire con tre punti e col piede giusto. Un chilo di morale, che fa sempre bene.

 

Dessena: "E' un peccato non fosse una partita di campionato. L'Albese è una squadra rognosa, piena di giovani interessanti e non facile da battere. Abbiamo corso tanto su un campo molto grande e molto bello. Questi sono tre punti importanti, che tra l'altro fanno felici noi e la società. Il campanilismo è forte e fa parte del gioco, fa sempre piacere vincere un derby qui nel cuneese, dove sto da 6 anni trovandomi benissimo. Il mercato? Abbiamo fatto un gran lavoro senza spendere una follia. Volevamo rinforzarci davanti, per assicurarci più gol, e sono arrivati Melle ed Erbini, quest'ultimo ha subito segnato. Poi a metà campo è arrivato un giocatore esperto come Chiatellino, più ottimi rinforzi e giovani. Sono molto contento, ma c'è tanto da lavorare".

 

Obiettivi: "Proveremo a fare qualcosa in più dello scorso anno. Purtroppo si sono rinforzati tutti...La crisi che sta attraversando il professionismo e semi-professionismo ha avvicinato tanti giocatori di categoria superiore ad Eccellenza e Promozione. E adesso ci sono almeno 6-7 squadre molto competitive. Servirà forza, bravura e fortuna. Per me la squadra da battere è il Rivoli. Sono legato a Sardo, hanno preso tra gli altri Grauso e Gallace, e questi sono giocatori che possono decidere una partita con una giocata o un dribbling. Dietro al Rivoli metterei tutte assieme Castellazzo, Savigliano, Valenzana, Fossano, Tortona, Cheraschese". Ma ci siete anche voi... "Certo, vogliamo fare la nostra parte e speriamo in un campionato importante, senza esporci troppo. Il Castellazzo? Mi sembra più forte dell'anno scorso e ha due attaccanti come Piana e Rosset, tra i più forti dopo i miei naturalmente...Melle ed Erbini. Silvestri e Camussi dietro, poi, formano un'eccellente coppia di centrali".

Ma non c'è il rischio di partire in 17 squadre e ritrovarsi in 15 vista la situazione di Acqui e Novese: "Il rischio c'è stando a quello che leggo e sento. Sarebbe un'assurdità, si riposerebbe quattro volte. Non voglio neanche pensarci...".

Dessena segue molto il calcio di serie A. Curiosità: "Sono abbonato alla Juventus...quando non giochiamo in contemporanea vado allo stadio". Com'è l'ambiente-Corneliano? "Fantastico. Qui sto benissimo. E' una società seria, presieduta da un uomo di commercio (Sobrero, nda), che sa muoversi e intrecciare lavoro e calcio con i vari partner. Staff e dirigenti sono molto preparati".

Per il Corneliano (a riposo il 28 agosto) prossimo impegno di Coppa il 14 settembre in casa contro il neopromosso Colline Alfieri. All'orizzonte il debutto in campionato: 4 settembre, sempre a Corneliano, contro il Cavour.