Gli ex Pont Menegazzi e Sterrantino: amici contro, amici in gol. Adesso con maglie diverse...

"TOH GUARDA CHI SI RIVEDE": BOMBER E CENTROCAMPISTA IN GOL

Punizione-gol di Menegazzi
Punizione-gol di Menegazzi

6 settembre 2016 - di Michele Rizzitano

 

IVREA BANCHETTE - QUINCITAVA 1-1 Coppa Promozione

IvreaBanchette: Ignazzi, Traorè, Gallo, Soster, Nardi, Sabolo (22' st Maccioni), Benou (12' st Sterrantino), Nebbia, Sibide, Mabritto, Sacchet (17' st Padovan). A disp.: Gili, Bertolino, Campanella, Vanore. All.: Bergantin.

Quincitava: Ottuso, Zenerino, Manfredi (43' st Christille), Menegazzi, Dalbard, Vercellinatto, Blanchietti, Cau, Monti, Cappussella (17' st Bruni), Tapparo (37' st Mascaro). A disp.: Vernetti, Ceresa, Gavoto, Sellitto. All.: Vallomy.

Reti: 15' st Menegazzi, 33' st Sterrantino.

 

"Quando Sterrantino è entrato in campo l'ho preso in giro...anche perchè avevo appena segnato. Poi lui è stato bravo a zittirmi segnando il rigore e alla fine ci siamo abbracciati. Sono contento che abbiamo fatto gol entrambi, è stata una situazione simpatica. Siamo amici, abbiamo condiviso calcio dappertutto, dal settore giovanile a quattro anni di prima squadra, fino all'ultima esperienza al Pont Donnaz". Parole di Andrea Menegazzi, centrocampista-regista del Quincitava, la squadra che "...ho affrontato sei volte nei derby negli ultimi anni, dove sportivamente mi hanno quasi odiato. L'ultima nella quale pensavo di andare a giocare. Ma nel calcio davvero...mai dire mai. Mi sto trovando benissimo qui".

 

Ecco come IvreaBanchette-Quincitava di Coppa Promozione crea involontariamente una curiosa situazione. Due amici che per andare al campo hanno fatto macchinate negli ultimi 4 anni, due amici contro, che segnano subito in gara ufficiale con le rispettive diverse maglie. Una punizione (divina, quella di Menegazzi) e un rigore del bomber che aveva già segnato, guarda un po', anche al Pont Donnaz in amichevole.

Sterrantino, nuova avventura ad Ivrea con Bergantin, grandissimo attaccante del calcio piemontese: "Giusto l'1-1. Meglio noi nel primo tempo, meglio il Quinci nella ripresa. Ritrovare Menegazzi come avversario mi ha fatto uno strano effetto dopo quattro anni insieme sui campi, nei pre-partita, nei post-partita con birretta...Cose importanti che fanno parte del giocare a calcio e dello stare in gruppo. Quando ha fatto gol lui ho pensato che dovevo fare qualcosa...". E così rigore, gol e tutti contenti. O quasi, perchè l'IvreaBanchette è fuori dalla Coppa.

 

Menegazzi: "Sono stato accolto a Quincinetto come se giocassi qui da anni. Sono felicemente sorpreso di tutto e molto contento di giocare nel mio ruolo come regista a centrocampo. Vallomy sta lavorando per far giocare sempre a pallone la squadra e questa cosa mi piace molto. Il Quincitava è una società molto organizzata, la dirigenza vuole una tranquilla salvezza e vedremo se riusciremo a toglierci qualche soddisfazione in più. Chi vincerà? Il Susa ha tutto per centrare il titolo, sono molto quadrati. Da rispettare ci sono anche Vanchiglia e Venaria, sui loro campi sarà sicuramente battaglia".

Conclusione di Menegazzi sotto la traversa in chiusura: "Il Pont? Secondo me eravamo più forti l'anno scorso...". Infine un'annotazione: tra le fila del Quincitava c'è anche l'esperto Gagliardi, inizialmente destinato al Pont Donnaz.