Promo D, l'Asti tallona il Lucento a -1. Petrov-gol dalla Macedonia: "Amo l'Italia, presto la doppia cittadinanza"

PROMOZIONE D

17 ottobre 2016 - Promozione D (classifica e risultati)

 

Un altro gol dalla Macedonia, una rimonta per l'Asti contro la Nuova Sco da 0-1 a 2-1, un secondo posto che ridà slancio ad una società che ha vissuto glorie (passate) e tempeste (recenti). Adesso la tranquillità, conquistata con tanta pazienza ed un ottimo lavoro del club in estate.

 

Blazhe Petrov (quarta rete stagionale) è uno dei protagonisti del momento dell'Asti, che oggi si risveglia un punto dietro al Lucento: la capolista perde 3-4 in casa col Canelli ma resta prima, tallonata però dai galletti, ma anche dall'Arquatese, Cenisia, Santostefanese e Canelli.

Petrov è originario di Strumica, circa 80mila abitanti a sud est della Macedonia, non lontano dal confine con la Bulgaria (un altro giocatore macedone che avevamo intervistato è Umeroski del Ponderano, Promozione A). Ha lasciato il suo paese all'età di 5 anni ma, ammette, "...ci torno spesso e sono molto legato al mio paese. Ha tanto da offrire a livello sociale, paesaggistico ed umano, anche se la situazione economica non è delle migliori. Mi ricorda molto il Sud Italia. Infatti per le mie amicizie e conoscenze italiane io mi sento un po' terrone...Ora aspetto che vadano in porto le pratiche per avere la doppia cittadinanza".

 

Torniamo al pallone, grande passione di Petrov, ex giovanili dell'Asti (vittoria in Eccellenza e salto in D) passato poi al Canelli, Colline Alfieri, Savio Rocchetta e Nuova Sco. Nel mezzo un infortunio al legamento crociato che lo ha rafforzato. Petrov: "Ho lottato con tutto me stesso, è stato un momento difficile ma son tornato piano piano a ritrovare forma e condizione. Siamo felici che l'Asti sia lassù in classifica in un girone strano e molto corto come il nostro. Sicuramente è facile salire come scendere in fretta. Dalla Cbs al Lucento ci sono infatti 11 squadre in 5 punti. L'importante è che la società abbia ritrovato serenità, poi noi in campo cercheremo di dare continuità a questo momento. Ci sono tanti club nell'astigiano, ma l'Asti resta la squadra principale di questa provincia e noi scendiamo in campo con questa consapevolezza".

La partita di ieri: "Per me una vittoria meritata. Nel primo tempo abbiamo preso un palo e una traversa, poi dopo il gol della Nuova Sco siamo riusciti a tornare in partita col mio gol su rigore e la rete decisiva di Vella nel finale".

E all'Asti (unica imbattuta del girone assieme alla Santostefanese) bastano 3 vittorie e 3 pareggi per salire a quota 12 a -1 dalla vetta. Un Asti che ha in rosa elementi esperti come Petrov, Balestrieri, il portiere Favarin (anche lui ex dei biancorossi in Eccellenza), il centrocampista Cucè...Ma anche i giovani stanno facendo benissimo. Petrov: "Voglio citare Elettrico, Chiarlo, Ghione, Rocha Miranda, Mercorillo, Sibilia...Il '99 Reka è però il giovane che più mi ha impressionato fin qui. Un centrocampista molto interessante. Il gruppo sta facendo progressi ad ogni allenamento e in ogni partita, dobbiamo continuare così". Domenica prossima Pozzolese-Asti.

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
LUCENTO 13 6 1 3 1 0 1 0 16 8
ASTI 12 6 2 1 0 0 1 2 9 4
ARQUATESE 11 6 1 2 1 0 1 1 8 3
CENISIA 11 6 1 2 0 1 2 0 8 6
SANTOSTEFANESE 10 6 1 1 0 0 3 1 12 8
CANELLI 10 6 1 2 0 2 1 0 11 10
ATLETICO TORINO 9 6 2 0 1 0 0 3 11 10
VILLANOVA 9 6 2 1 1 2 0 0 9 8
SAN GIULIANO N. 8 6 0 2 1 1 2 0 9 9
SAVIO ROCCHETTA 8 6 2 0 1 1 1 1 9 8
CBS 8 6 2 0 1 1 0 2 5 4
NUOVA SCO 6 6 1 1 2 2 0 0 7 15
CASSINE 6 6 0 0 0 0 3 3 7 7
SG CHIERI 3 6 1 0 2 3 0 0 9 15
BARCANOVA 2 6 0 0 2 2 1 1 7 15
POZZOLESE 2 6 0 0 2 2 0 2 3 10