Moretta, 3 punti in 6 partite. Il ds Capello: "Un mese per cambiare registro. Altrimenti...".

MORETTA, CERCASI SCOSSA

Cellerino (Moretta)
Cellerino (Moretta)

8 novembre 2016 - di Michele Rizzitano

 

Promozione C

 

"Un mese per cambiare registro", dice il ds del Moretta Daniele Capello. Un mese nel quale la società cuneese si aspetta ben altro rispetto ai 3 punti in 6 gare (con 4 sconfitte consecutive) dell'attualità, un arco di tempo dopo il quale se i risultati non saranno diversi ci saranno molti cambiamenti in vista nel mercato invernale. Anche perchè l'allenatore, che di solito paga per primo, è già stato cambiato: via Cavaglià, panchina all'ex Brandizzo Cellerino.

 

Capello: "Di certo non siamo contenti della classifica. Ci aspettavamo tutt'altro e siamo spiazzati perchè non siamo abituati a vedere la squadra in zona playout, senza ancora una vittoria interna".

Quali sono i motivi? "Innanzitutto non è nel nostro stile fare lo scarica-barile o fare singoli nomi. Se gira così è colpa di tutti, dentro e fuori dal campo. Poi possiamo dire che segniamo poco e che prendiamo troppi gol, includendo quindi nel discorso tutti i giocatori e dicendo che sicuramente qualcuno ha reso poco. Ad oggi però non ci sono più scuse. E' arrivato un allenatore dalla grande personalità e si è visto subito. E' il meglio che potessimo ingaggiare in questo momento sul mercato e una scossa pensavamo arrivasse già domenica a Centallo. Invece niente...Il suo lavoro è appena iniziato, siamo fiduciosi e crediamo che i giocatori debbano sicuramente dimostrarci qualcosa in più".

Adesso il San Sebastiano in Coppa (campo dell'ultima vittoria in campionato) e il Carignano domenica: "Dobbiamo cambiare registro, ci sono sei partite utili per i giocatori per permettere alla dirigenza di fare o non fare determinate scelte".

Perchè Cavaglià è andato via? "Mister Cavaglià è un bravo allenatore oltre che una bella persona. Ha preferito fare un passo indietro con un senso di responsabilità verso la situazione. Noi d'altro canto non siamo un club che cambia spesso in panchina, ma è andata così e di sicuro non è tutta colpa sua. Non è scattato il feeling, alcuni giocatori stanno rendendo meno di quanto ci aspettassimo e si sono create dinamiche da cambiare velocemente. Insomma, tanti motivi ci hanno portato a questo scenario odierno ma è tempo di guardare al futuro. Se in queste 6 gare cambierà poco di sicuro il Moretta farà le sue scelte in linea con le possibilità della società". Chiaro e tondo.

 

CLASSIFICA PROMOZIONE C