Mancuso da Biella fa volare l'Alicese, 2-1 alla JuveDomo: "Grande intensità. Non avevamo nulla da perdere".

ALICESE, PROMULGATA LA LEGGE MANCUSO-BIS

Mancuso e l'Alicese
Mancuso e l'Alicese
Gioia Alicese
Gioia Alicese

19 dicembre 2016 - di Michele Rizzitano

 

"Intensità, sacrificio, aggressività e tanta corsa. L'abbiamo vinta così". Così disse bomber Stefano Mancuso da Biella, l'attaccante del '93 che in Eccellenza A segna il terzo e quarto gol stagionale regalando tre punti di platino all'Alicese nel paese delle meraviglie: 30 punti tondi tondi per la straordinaria matricola al 4° posto che abbatte lo squadrone dello Juventus Domo dopo lo 0-0 dell'andata per un totale di quattro punti su sei conquistati contro la capolista in un derby granata che sorride alla squadra di Yon.

 

Hado porta avanti la JuveDomo in avvio (6'), poi l'Alicese fa l'impresa: primo gol di Mancuso su assist di Bernabino al 17', raddoppio al 28' su incornata vincente sfruttando un errore difensivo. Nella ripresa una grande tenuta atletica e un folle pressing da parte dell'Alicese, con Comotto, Branca, Fiore, Moretto, Torrau e Bernabino sugli scudi anche, e soprattutto, dopo il doppio giallo a Marteddu all'11' st. Mezzora a soffrire in inferiorità numerica contro la prima della classe che ha segnato 45 gol in 18 partite. Ecco perchè è un'impresa.

 

Mancuso: "Sì, abbiamo saputo reagire, colpire e poi soffrire. Stavolta avevamo più fame di loro, ma la Juve Domo resta la squadra tecnicamente più forte di tutte. Tutti si sono messi a correre aiutando il compagno, abbiamo sfoggiato grande cattiveria e unità d'intenti realizzando alla fine la classica gara perfetta. In fondo era proprio il nostro avversario ad avere qualcosa da perdere...Inoltre sapevamo che soffrivano i campi piccoli".

Una prova di maturità, altro che stentata salvezza: "Con le nostre armi possiamo andare lontano e i nostri 30 punti lo dimostrano. Quando sono arrivato qui si parlava di salvezza ai playout come obiettivo minimo. Oggi sembra tutto incredibile, invece è tutto vero. Abbiamo saputo valorizzare le qualità che abbiamo. Fin qui darei un voto 7.5 alla squadra, che in alcune gare ha perso anche qualche punto per strada. Siamo andati benissimo nel girone d'andata e vogliamo continuare così anche nel 2017".

 

Ad Alice Castello regna l'entusiasmo: "Assolutamente. Le squadre che salgono in Eccellenza dalla Promozione e che non vengono rivoluzionate spesso riservano sorprese e noi sicuramente abbiamo stupito tutti, prima di tutti noi stessi. Ma quando ho firmato ho pensato proprio a questo. Sapevo che saremmo ripartiti da solide fondamenta ed ero fiducioso. Poi qui c'è un gruppo fantastico ed un blocco di giocatori che sta assieme da 4-5 anni. L'entusiasmo fa tanto, non vogliamo fermarci".

 

Mancuso, biellese doc e milanista (il suo idolo è Shevchenko, ma stima molto anche Dybala), ha iniziato a giocare nel Ponderano, poi Juniores e due anni in Promozione in Puglia. Subito dopo ritorno a Ponderano in Prima con il successivo salto in Promozione. L'anno scorso era alla Biellese. Quest'anno ecco 4 gol all'Alicese, ma queste reti valgono doppio: "Sono contento, in effetti sono molto pesanti per la nostra classifica e gli obiettivi del club. Intanto spero di essermi definitivamente sbloccato. I difensori più forti che ho incontrato quest'anno? Nessun dubbio, Cremonte della Juventus Domo e Canino del BorgoVercelli".

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
JUVENTUS DOMO 41 18 7 6 1 2 1 1 44 17
ALPIGNANO 35 18 6 4 1 2 2 3 32 18
BORGOVERCELLI 32 18 3 6 2 2 4 1 32 14
BORGARO 30 18 5 3 1 3 3 3 33 22
ALICESE 30 18 5 4 3 3 1 2 26 23
AYGREVILLE 29 18 4 4 2 3 3 2 26 20
LA BIELLESE 29 18 6 3 3 4 0 2 28 27
ORIZZONTI UNITED 28 18 4 3 2 2 3 4 22 18
CITTA' DI BAVENO 27 18 4 4 5 2 0 3 33 32
PONT DONNAZ 26 18 5 2 3 3 2 3 26 23
LG TRINO 25 18 3 4 3 4 3 1 23 20
STRESA 21 18 1 4 4 3 4 2 27 36
RIVAROLESE 21 18 2 3 5 2 2 4 26 32
SETTIMO 20 18 1 4 3 5 4 1 22 28
BORGOMANERO 14 18 1 2 5 5 3 2 22 39
PAVAROLO 14 18 1 2 5 5 3 2 15 29
CERANO 13 18 2 1 6 5 1 3 18 35
VDA CHARVENSOD 9 18 1 0 5 6 3 3 17 39