mar

24

gen

2017

Simone Soncini, il calcio-felicità: 250 gol in carriera. Il bomber del LG Trino: "Il pallone, la mia vita..."

250 VOLTE SONCINI-GOL: PAROLA AL BOMBER

24 gennaio 2017 - di Michele Rizzitano

 

Bastano cinque minuti. Cinque minuti per capire quanto il bomber Simone Soncini, fresco del traguardo raggiunto dei 250 gol in carriera, ami alla follia quel suo compagno di viaggio chiamato pallone: "Il calcio? La mia vita. Mi ha regalato un sacco di gioie ed emozioni, mi ha permesso di conoscere luoghi e persone fantastiche. Quando non avrò più quella pelle d'oca pre-partita, quella sensazione di attesa, carica e adrenalina, sarà il momento di smettere...". E per quello che abbiamo sentito non succederà di certo a breve.

 

Oggi bella chiacchierata con il puntero del LG Trino, un bomber di Novara cresciuto con il gol (e per il gol), un ragazzo dinamico e divertente nato il 16 maggio 1981, nonchè uomo-spogliatoio. Le sue origini? "Metà sicule e metà bresciane, un incrocio tra nord e sud".

E proprio al nord, precisamente a nord ovest, Soncini ha messo a segno le sue 250 reti in carriera. Una valanga su Piemonte e Lombardia scesa a rate in 18 anni di pallone. Ecco il riassunto delle varie reti grazie ad un report del Lg Trino, società molto "social" con un lavoro eccezionale sul web:

 

  • 1998/99: Sparta Novara (Eccellenza) - 9 gol
  • 1999/2000: Borgosesia (serie D) - 1 gol dopo il passaggio alla Beretti del Novara
  • 2000/2001: Dufour Varallo (Eccellenza) - 24 gol
  • 2001/2002: Borgosesia (serie D) - 0 gol
  • 2002/2004: Verbania (Eccellenza) - 36 gol
  • 2004/2005: Vigevano (serie D) - 22 gol
  • 2005/2006: Bellinzona (Challenge League svizzera) - 0 gol
  • sett 2005: Vigevano (serie D) - 6 gol
  • gen 2006: Como (serie D) - 3 gol
  • 2006/2007: Sestri Levante (serie D): 8 gol
  • 2007/2008: LottoGiaveno (serie D) - 7 gol
  • 2008/2009: Vigevano (Eccellenza/serie D) - 24 gol, 11 gol
  • 2009/2010: Real Cureggio (Eccellenza) - 11 gol
  • dic 2010: Acqui (serie D) -  3 gol
  • 2011/2012: Verbania (Eccellenza) - 19 gol
  • 2012/2013: Sporting Bellinzago (Eccellenza) - 16 gol
  • 2013/2014: Villalvernia (Eccellenza) - 8 gol
  • 2014/2015: Juventus Domo (Promozione) - 14 gol
  • 2015/2016: Omegna (Eccellenza) - 19 gol
  • 2016/2017: Malcantone (Seconda Lega svizzera) - 6 gol
  • nov 2016: Lg Trino (Eccellenza) - 3 gol = 250 gol

 

Simone, iniziamo dal presente per poi tornare indietro in un viaggio nei 250 gol: "Il mio presente è il LG Trino, società dove mi sto trovando molto bene, seria e organizzata. Tra gli aspetti che più mi hanno colpito voglio sottolineare la vicinanza della società alla squadra. Sono sempre tutti presenti, dal presidente Giuseppe Buffa al ds Francesco Ristagno, fino all'avvocato De Maria e a tutta la dirigenza. E' un gruppo compatto. Il rapporto coi compagni è ottimo. Sono arrivato qui a novembre e ho subito segnato, poi il gol è mancato per qualche partita anche se ritengo di aver fatto bene tra assist e prove complessive. Ero sempre lì, a 248 reti, ad un passo dal traguardo...Mi sono stati tutti vicini e mi hanno aiutato a ritrovare la via del gol. Voglio spedire un grazie generale pubblicamente. E domenica abbiamo festeggiato con una bella cassa di birra...".

Arrivavi dalla serie B svizzera col Malcantone (6 gol in 7 gare): "Una bella esperienza, però ho preferito chiuderla per qualche accordo non rispettato e anche perchè lì il calcio è fermo da novembre a febbraio. Io invece non volevo fermarmi...".

E così la chiamata del Lg Trino: "Grazie al presidente del Malcantone Roberto Cio Monti, che ringrazio, la pratica di transfer è arrivata in fretta a Berna ed è stata chiusa molto velocemente. Altri ci hanno messo ben più di 20 giorni per tornare a giocare in Italia. Contro il Pavarolo è stato un nuovo punto di partenza. La squadra sta facendo bene, avevamo 9 punti e oggi sono 28. Abbiamo sbagliato una sola partita negli ultimi mesi, quella persa meritatamente contro il Borgomanero. Il 3-0 dello Stresa non lo considero nemmeno. Il campo era una lastra di ghiaccio, non s'è fatto calcio e ho persino fatto autogol perchè non si riusciva a correre, nè a saltare coordinati...Una cosa mai vista. Pattinaggio, non calcio".

Per Soncini una certezza assoluta: "Prima di ogni partita sento sempre la pelle d'oca. E' quello che mi regala il pallone ogni domenica. Io sono uno che sdrammatizza e ride sempre, giocare è una gioia e questo sport che amo ha il grande merito di alleggerire le persone. Non mi piacciono i toni pesanti e fuori luogo che ogni tanto si sentono in giro. Per me c'è modo di essere leggero anche quando l'arbitro fa l'appello. E' un modo di essere. E' così che trovo la mia concentrazione e chi mi conosce lo sa bene...".

Le tappe più importanti della tua carriera? "Sicuramente Vigevano, con cinque anni giocati lì, Verbania, con un'Eccellenza vinta segnando 19 gol e una Coppa Italia regionale alzata contro il Bra. Poi anche Juve Domo, Bellinzago, Villalvernia...Non posso dimenticarmi dell'annata vissuta a Giaveno. C'era una sinergia con la Lotto, la città viveva il calcio con grande passione. Giocavo con gente come Gerbo, Bonsanto, Di Leo, Celeste. Ricordo un gol in rovesciata al Rivoli. Insomma, tante emozioni e bellissime esperienze ovunque...".

Compagni d'attacco e difensori rocciosi: qualche nome? "Andrea Dalessandro che oggi gioca alla Valenzana e Andrea Laplaca, ex Como, Trezzano e Vigevano. Con loro là davanti c'era un feeling particolare. Difensori? Ho avuto la fortuna di battagliare coi migliori centrali di Piemonte, Lombardia e non solo. Mi viene in mente anche Biagio Grasso del Villacidro, oltre che Rotolo, Giuntoli, Colantuono, Di Placida, Di Leo, Giuseppe Cacciatore, Biffi, Di Baldo...".

Siamo curiosi: hai vinto uno scudetto nel beach soccer a Milano: "Sì, vero. La cosa curiosa è che ho preso questa esperienza come un gioco, pensavo "massì ci sarà da divertirsi"...Lo dico a tutti quelli che magari non lo sanno o non lo immaginano. Ti diverti, sì, ma è una cosa molto seria, uno sport faticosissimo. C'è gente che si allena 12 mesi l'anno girando il mondo per dare il meglio sulla sabbia e ho avuto la fortuna di conoscere Ramiro Figueiras Amarelle, un simbolo del beach soccer. Un computer, oltre che un ragazzo d'oro, che ha fatto della metodologia di allenamento la sua fortuna. Io all'inizio mi son messo a fare i contromovimenti del calcio a 11. Dopo qualche minuto avevo l'acido lattico...Col Milano Beach Soccer è stata comunque un'avventura meravigliosa. Ci allenavamo ad Olgiate Olona, avevamo un kit da serie A. Tute, borse, costumi brandizzati. In quel mondo si parte quando finiscono i campionati di Lega con la caccia alla Coppa Italia in una città prescelta. Poi ci sono quattro tappe di campionato e i playoffs. Alla fine ti giochi tutto in pochi giorni. Lo scudetto l'ho vinto a San Benedetto del Tronto, siamo partiti il giovedì con il ritiro e poi ci siamo immersi in un tour de force pazzesco. E' stata un'esperienza indimenticabile e posso dire di essere stato campione d'Italia con la mia squadra del cuore. A momenti segnavo pure in finale, ma ero reduce da un'ernia inguinale...".

 

Tutto questo è Simone Soncini, che sembra quasi un brasiliano per come vive e interpreta il calcio-felicità. Da oggi il suo curriculum ha un numero in più, che pesa tanto: 250. E nel conteggio sono state escluse le reti nei playoffs a Domodossola e in Coppa Italia (bisognerebbe aggiungerne una trentina)...Complimenti Simone!

A nord ovest adesso teniamo d'occhio Ricky Poi della Juventus Domo (tra l'altro ex compagno di squadra di Soncini): ha segnato domenica ed è quota 197 gol!

di Boetto Ivan & C.

Tel. 011-8240169

CANDIOTTO GOMME

Strada Borgaretto 48, ORBASSANO

Il sito - Servizi - Contatti

 

Manutenzione/meccanica

Sostituzione cinghia

Verifica/Sostituzione sospensioni

Verifica/Sostituzione freni

Tagliandi - Servizio Frizione

www.candiottogomme.it

ANIMALI: OFFERTE TOP

CRONACA ONLINE

Val Susa Val Sangone

Cintura Ovest

UN CAFFE' A RIVOLI?

Un must per chi ama il caffè

Il sito - I punti vendita

RELAX IN TOSCANA

Vacanza in Toscana? Casa Milla (Cecina, LI), mare a 3 km. Info.

IL MODULO 3-3-2-2

Breve guida per addetti ai lavori, tecnici, manager di società calcistiche, osservatori, talent scout: i segreti del modulo 3-3-2-2 coniato dai tecnici Delgado e Von Hoffmann.