Luca Plano del Venaus a Sanremo tra gli "eroi del quotidiano": "Orgoglioso di fare il Vigile del Fuoco"

PLANO, DA VENAUS A SANREMO

9 febbraio 2017 - di Michele Rizzitano

 

Carlo Conti e Maria De Filippi li hanno definiti "eroi del quotidiano". Nella prima serata del 67° Festival di Sanremo sono saliti sul palco dell'Ariston alcuni rappresentanti di

Croce Rossa, Guardia di Finanza, Soccorso Alpino, Dipartimento Protezione Civile, Forze Armate e Vigili del Fuoco. Tra questi ultimi c'era anche una bandiera del calcio dilettantistico a nord ovest: Luca Plano del Venaus, 41 anni e non sentirli, una lunga carriera nel mondo del pallone in valle Susa.

 

Plano opera da 16 anni nei Vigili del Fuoco, oggi con base a Susa, ed è stato impegnato nei soccorsi a Rigopiano, argomento che però in accordo con l'Ufficio Stampa del Corpo non possiamo approfondire nei dettagli.

Ma Luca era lì, davanti ad 11 milioni di persone, a rappresentare una professione ed un modo di vivere: 10 minuti (i più "carichi di audience" della prima serata) che la Rai ha giustamente dedicato agli eroi del quotidiano, quelli ai quali non servono copertine o ricompense, quelli che salvano vite o che magari compiono gesti e azioni semplici, ma fondamentali per la vita degli altri.

 

Luca, ti abbiamo riconosciuto...Che emozione è stata? "E' stata una giornata bellissima a partire dal pomeriggio, quando abbiamo fatto le prove. Siamo stati accolti alla grande da Carlo Conti, Maria De Filippi e tutta la produzione. Sono stati scelti alcuni rappresentanti ed un portavoce per i diversi dipartimenti, mi ha fatto molto piacere metterci la faccia perchè sono orgoglioso della professione che svolgo e di poter dare una mano agli altri. Vedere riconosciuto e apprezzato il nostro lavoro in un momento televisivo importantissimo come quello di Sanremo non può che essere uno stimolo in più per continuare a dare tutto noi stessi per chi è in difficoltà".

Sedici anni in questo settore: "Tantissime esperienze, per me una crescita personale, emozionale e culturale. Un vigile del fuoco affronta un sacco di situazioni, dalle più buffe a quelle gravi e molto serie. Bisogna essere pronti a tutto".

 

Siamo curiosi, che incroci hai fatto a Sanremo? "Alcuni artisti ci sono venuti a salutare e ringraziare, anche solo con un gesto veloce, come Raoul Bova. Un grande. Carlo Conti e la De Filippi sono stati gentilissimi, ci tenevano fortemente a quel momento. Poi ho visto la Mannoia, Giusy Ferreri e tutti gli altri...Sanremo accorpa i migliori talenti della musica italiana, non capita tutti i giorni di essere lì".

E Diletta Leotta? "Eh...che dire. Onestamente tanta, tanta, roba. Idem per la pallavolista Valentina Diouf, salita anche lei sul palco la prima sera, o Rocio Munoz Moralez".

 

Non possiamo non parlare di calcio e del Venaus, squadra formato paese. Plano ha iniziato a giocare proprio in questo club fino a 15 anni, poi Giaveno tra D ed Eccellenza, Borgone, DuebiSusa, SusaDuebi e SusaBruzolo. Infine, il ritorno a Venaus: "Sì, è una bella realtà. Qualche anno fa mi sono chiesto "ma è il caso di continuare?...". La risposta è sì, anche a 41 anni. Mi diverto ancora. Al campo c'è tutto il paese. E' un calcio genuino, lottiamo per piccoli grandi obiettivi come il ritorno in Prima Categoria".

C'è un 2° posto da difendere (classifica) a -4 dal Cafasse Balangero: "E' la squadra da battere. Li abbiamo battuti in Coppa, mentre in campionato ce le hanno suonate. Intanto mister Marrese sta facendo grandi cose, stiamo lavorando per non essere Bailo-Favro dipendenti e di alternative ce ne sono tante. Poi ci sono tanti nuovi giovani alla ribalta come il 2000 Logozzo. Bailo? Un giocatore straordinario. Di attaccanti ne ho visti passare tanti dalle mie parti, lui è unico. Se non avesse impegni di lavoro potrebbe giocare in altre categorie. E lui 20 gol te li assicura sempre...".

Ambizioni? "Speriamo di alzare la Coppa Piemonte, che significherebbe salire di categoria, ma comunque ci giocheremo tutte le nostre carte in campionato, eventualmente anche coi playoffs".

di Boetto Ivan & C.

Tel. 011-8240169

CANDIOTTO GOMME

Strada Borgaretto 48, ORBASSANO

Il sito - Servizi - Contatti

 

Manutenzione/meccanica

Sostituzione cinghia

Verifica/Sostituzione sospensioni

Verifica/Sostituzione freni

Tagliandi - Servizio Frizione

www.candiottogomme.it

CRONACA ONLINE

Val Susa Val Sangone

Cintura Ovest

UN CAFFE' A RIVOLI?

Un must per chi ama il caffè

Il sito - I punti vendita

RELAX IN TOSCANA

Vacanza in Toscana? Casa Milla (Cecina, LI), mare a 3 km. Info.

IL MODULO 3-3-2-2

Breve guida per addetti ai lavori, tecnici, manager di società calcistiche, osservatori, talent scout: i segreti del modulo 3-3-2-2 coniato dai tecnici Delgado e Von Hoffmann.