A tutto Rapid Torino con Robucci: la vetta, il gruppo, le rivali. Sull'ultimo match: "Che bravo l'arbitro Assou".

ROBUCCI: "CHE GRUPPO QUESTO RAPID"

21 febbraio 2017 - di Michele Rizzitano

 

RAPID TORINO-POZZOMAINA 1-0 (0-0 pt)

Rapid: Sampieri, Rossi (40' st Grippa), Valle, Tartaglia, Colicino, Outtara, Rammah, Robucci, Palmieri (34' st Daggiano), Orilio, Ruggiero (45' st Zanotti). A disp.: Giannattasio, Alessandria, Orilio, Rumolo. All.: Oppedisano.

Pozzomaina: Faggio, Novara, Alfieri (39' Tulifero), Plevna, Gallione, De Filippo, De Angelis (34' st Buccino), Fricano, Viola (24' st Gastone), Galizia, Veliz Chagua. A disp.: Imperiale, Turrisi, Sanna, Gambino. All.: Macrì.

Rete: 8' st Ruggiero.

 

La vetta. Toh. Proprio lei. Nuovamente lei. Mariano Robucci (5 gol in 3 partite, 8 in stagione) è uno dei trascinatori nel magico momento del Rapid Torino di Oppedisano. Il mister di Calabria e i suoi ragazzi hanno battuto 1-0 il Pozzomaina e hanno sfruttato il ko per 3-0 del Cit Turin in casa Carrara per tornare in classifica davanti a tutti. Sempre più bello e intrigante questo girone di Prima Categoria torinese.

 

A decidere l'incontro di domenica è stato Francesco Ruggiero, intramontabile bomber scuola Juve, ex Primavera del Livorno e Sestri Levante in C2. Quando si accende lui (17 gol nei cannonieri) Robucci, Palmieri e compagni vanno a nozze.

 

Oggi analisi ai raggi "x" del girone con Robucci, uno che "...esce da lavoro spesso alle 20 e poi si butta sui campi. Passione e gloria, per me conta solo questo. E' uno sport che amo davvero e ho la fortuna di condividere queste emozioni con un gruppo meraviglioso".

Subito una dichiarazione importante, roba rara: "Contro il Pozzomaina siamo stati arbitrati da un grande direttore di gara. Era sempre disteso e sorridente, ma dava l'idea di essere sempre concentrato. Ha dimostrato grande preparazione e competenza, ci ha messo subito a nostro agio. Ho notato una netta differenza tra lui e molti altri". Sarà contento il direttore di gara Younes Assou e se qualcuno lo conosce...ce lo segnali.

 

Mariano, vi aspettavate questo sorpasso al 1° posto? "Ci speravamo, più che altro...In settimana ho sentito il mio amico Davide Ferrantino del Carrara. Mi ha detto che sentivano aria di impresa, pur temendo il Cit. Stanno andando a tutta e affrontare ora la squadra di Ragazzoni non può essere semplice visto che vogliono allungare ogni domenica un record che li ha già proiettati alla settima vittoria di fila".

Commenti sui mister Oppedisano, Ragazzoni e Garau del Cit: "Oppedisano? Un personaggio. Di lui si può dire di tutto, di certo non è un pacato o una persona scontata. Anzi...Ama il pallone e vive le partite e l'attesa delle gare come pochi altri. E' preparato e i suoi campionati li ha vinti, in più è bravissimo nel caricare e tenere unito il gruppo. Tante persone non credevano che potesse tornare subito a lottare per la Promozione, invece...Garau? Uno che insegna calcio vero. Le sue squadre sono organizzate, hanno un lavoro dietro che si vede. Il Cit è una squadra che gioca, è raro vedere due-tre campanili a casaccio in 90 minuti. Ragazzoni? Idem. Ha doti da leader e prepara le partite nel dettaglio, come Garau".

 

Mariano, toglici una curiosità: come spieghi i colpi a vuoto a Santena (4-0) e Mirafiori (5-0): "Non me li spiego. Perdere ci sta, ma in quelle partite abbiamo fatto una figuraccia. Lavoriamo tutti i giorni perchè non si ripeta più. Se cadi, devi farlo sempre con dignità, tanto non si è mai visto vincere una Prima Categoria con 30 vittorie su 30 partite. C'è sempre da combattere. E' anche vero che da quelle sconfitte abbiamo imparato molto. E' venuta fuori una grinta superiore a quella prevista...Santena? Soffriamo i campi in erba e lo sappiamo benissimo. Sul sintetico ci esaltiamo. Per quanto riguarda la sconfitta di Mirafiori ho detto la mia senza problemi. E' stato un suicidio andare a giocare col 4-5-1, quasi coperti e intimoriti, quando eravamo primi..."

Il Cit è ancora in corsa: "Assolutamente, mancano un sacco di partite. Però potrebbe rallentare nelle settimane delle semifinali di Coppa. Chissà...Noi ci faremo trovare pronti. Credo che tra 4-5 gare sarà tutto più chiaro e non a caso tra un mese affronteremo proprio il Cit Turin nello scontro al vertice. Per vincere, comunque, serviranno corsa, qualità, testa ma anche un pizzico di fortuna. Siamo una squadra che vuole sempre migliorare, su questo non ci sono dubbi, ma certi episodi nei momenti clou della stagione devono girarti a favore".

Infine, un elogio al gruppo-Rapid: "Fantastico giocare qui. La domenica esci dal campo distrutto, il lunedì sei bollato...ma pensi a cosa stai facendo e con chi. E sei solo felice".

 

E sì, Robucci (nato nelle giovanili del Pozzomaina) sa bene cosa vuole dire perchè quando aveva abbandonato per un breve periodo il calcio a 11 per quello a 5 sentiva una sorta di smarrimento. Poi Sandro Senatore lo ha riportato sui campi più grossi passando per Nolese, Pozzomaina e Sporting Cenisia. Oggi l'esperienza al Rapid con altri 6-7 ex Pozzomaina tra cui Palmieri, gli ex Cambiano Valle e Zanotti e quel genio lì, di un'altra categoria: Ruggiero.

di Boetto Ivan & C.

Tel. 011-8240169

CANDIOTTO GOMME

Strada Borgaretto 48, ORBASSANO

Il sito - Servizi - Contatti

 

Manutenzione/meccanica

Sostituzione cinghia

Verifica/Sostituzione sospensioni

Verifica/Sostituzione freni

Tagliandi - Servizio Frizione

www.candiottogomme.it

ANIMALI: OFFERTE TOP

CRONACA ONLINE

Val Susa Val Sangone

Cintura Ovest

UN CAFFE' A RIVOLI?

Un must per chi ama il caffè

Il sito - I punti vendita

RELAX IN TOSCANA

Vacanza in Toscana? Casa Milla (Cecina, LI), mare a 3 km. Info.

IL MODULO 3-3-2-2

Breve guida per addetti ai lavori, tecnici, manager di società calcistiche, osservatori, talent scout: i segreti del modulo 3-3-2-2 coniato dai tecnici Delgado e Von Hoffmann.