Qui Cbs, Meloni dopo il ko con l'Atletico: "L'arbitraggio? Meglio pensare ai nostri errori"

MELONI: "SEMINARE OGGI PER RACCOGLIERE DOMANI"

Domenica Cbs-Barcanova per tentare un nuovo balzo playoffs

28 marzo 2017

 

Promozione D (classifica): anche a Marcello Meloni, allenatore della Cbs, abbiamo chiesto un commento su alcune decisioni arbitrali di Atletico Torino-Cbs 3-1. Ieri la risposta dell'allenatore locale Vincenzo Piazzoli (clicca qui).

 

Meloni: "Il giorno dopo la partita sarebbe un grave errore quello di pensare troppo all'arbitro e non è questo il profilo che voglio portare avanti alla Cbs. La verità è che nonostante alcuni dubbi su un rigore concesso all'Atletico e non assegnato a noi ad un certo punto il match si era comunque messo bene per la Cbs. Sull'1-1 eravamo padroni del campo e della situazione, avremmo dovuto gestire meglio il risultato e forse così sarebbero anche arrivati i tre punti. Preferisco a pensare a cosa ha portato il punteggio sul 3-1, ovvero ai nostri due errori nella lettura di alcune situazioni di gioco, piuttosto che alle decisioni arbitrali del primo tempo. Poi posso anche dire che quegli stessi errori nascono dal fatto di voler giocare il pallone invece che spazzarlo a casaccio. Questo modo di interpretare il calcio è rischioso, ma mi piace ed è quello che voglio portare avanti. E' chiaro che bisogna limare al massimo la percentuale di errore, altrimenti si finisce per perdere 3-1 una gara ben giocata".

A proposito del derby: "Una bella partita, intensa e corretta al di là di qualche sacrosanta protesta. Noi, Cenisia, Lucento, Atletico così come il Barcanova che affronteremo domenica rappresentiamo il top del calcio dilettantistico torinese in questo momento e possiamo dire che ci sono belle realtà in crescita".

Il tecnico sul futuro della Cbs: "La mia idea da quando sono arrivato è quella di seminare oggi per raccogliere domani. Un domani che non significa chissà tra quanti anni...Sono certo che in questa stagione siano già state messe le fondamenta per affrontare il 2017/2018 con una crescita in termini di qualità di gioco e consapevolezza. Abbiamo alternato buoni risultati a qualche scivolone, ma in generale sono contento e soddisfatto. Credo fortemente in questo gruppo e devo dire che mi sento seguito da questi splendidi ragazzi. I playoffs? Mancano cinque partite, proveremo a tornare tra le prime cinque sbagliando il meno possibile e macinando il massimo nei 15 punti a disposizione. In alto ci sono ancora molti scontri diretti, noi stessi chiuderemo con Canelli e Lucento dopo aver affrontato Barcanova, Nuova Sco e Pozzolese".