Castellazzo in serie D. Camussi: "Sostegno della gente eccezionale. Noi i più continui, Merlo super"

CAMUSSI E IL CASTELLAZZO, SERIE D MERITATISSIMA

Emozioni, dediche e ringraziamenti del guerriero

26 aprile 2017 - di Michele Rizzitano

 

L'ULTIMO ATTO - CASTELLAZZO-VALENZANA MADO 2-2
Reti: 11' Rosset, 15' Piana, 41' Russo; st 4’ Mazzola.
Castellazzo: Gaione; Cascio, Costa, Molina, Silvestri; Camussi, Limone (26’ st Viscomi), Genocchio (41’ st Boveri); Zunino (30’ st Cabella); Rosset, Piana. A disp. Baralis, Cimino Fra., Bronchi, Crispoltoni. All. Merlo.
Valenzana Mado: Teti; Bennardo, Roluti, Pellegrino, Icardi; Ivaldi, Rizzo, Mazzola (38’ st Bellucchio), Russo; Savino (28’ st Loja), Maggi (8’ st Viarengo). A disp. Capra, Gramaglia, Gerbaudo, Palazzo. All. Pellegrini.
Arbitro: Beldomenico di Jesi.

 

Un guerriero dal cuore buono. Uno dei giocatori più rappresentativi del Castellazzo, uno dei difensori più rocciosi del calcio piemontese. Oggi ai nostri microfoni ecco Andrea Camussi da Alessandria, fresco di vittoria del titolo in Eccellenza B (classifica) con i suoi compagni di squadra in maglia verde. Un salto in serie D meritatissimo.

 

Andrea, se chiudi gli occhi adesso a cosa ripensi? "Mi vengono in mente i primi allenamenti in ritiro ad inizio agosto, la prima sconfitta a Dronero nel primo test ufficiale in campionato dove comunque giocammo bene, il pareggio di Savigliano, dimostrazione di cuore e carattere. Quella può essere una delle partite emblema della stagione. Capimmo veramente di avere tutti i mezzi per controbattere formazioni attrezzate e cominciò a materializzarsi una grande consapevolezza. In quel momento Corneliano, Rivoli e Saluzzo ci erano davanti, ma tutti dimostrammo grande fiducia".

E così dopo lo 0-0 col Bernarzole ecco l'incredibile striscia di 8 vittorie consecutive: 0-2 all'Olmo, 2-0 all'Albese, 0-2 al Tortona, 1-0 al Cavour, 0-1 a Rivoli, 2-0 al Fossano, 0-2 alla Valenzana, 2-0 alla Cheraschese. Otto successi senza prendere un gol!

 

Andrea, quanto hanno pesato i numeri della settima miglior difesa d'Italia (17 gol al passivo)? "Molto...ma non parlerei di difesa. Tutta la nostra fase difensiva è stata eccellente a partire dalle rincorse degli attaccanti a centrali e terzini. Lo dicono tutte le grandi statistiche a partire dalla serie A, i campionati si vincono prendendo innanzitutto pochi gol...Poi là davanti avevamo una coppia composta da Rosset e Piana che assicurano in due sempre almeno 30-40 gol. Anni fa quando giocavo contro di loro mi facevano sempre impazzire...".

Un piccolo grande paese al campo. Che ne pensi? "Il paese è stato meraviglioso, ci ha sempre sostenuto ed accompagnato in questo trionfo. Un grazie a tutti i supporters del Castellazzo. E' bello vedere una città che partecipa in questo modo, non ci siamo mai sentiti soli...".

Ti aspettavi questa classifica finale? "Onestamente no. Molti hanno detto che non c'è mai stata una vera antagonista del Castellazzo, ma non è così. Corneliano e Rivoli sono partite in quarta, poi c'è stato il momento del Saluzzo che in pratica non ha mai mollato. Mi aspettavo più su altre squadre tra cui proprio il Rivoli. Ma senza presunzione siamo stati noi i più bravi e i più continui, lo dicono i numeri".

 

Dediche: "Sicuramente alla mia compagna Dalila e a mio figlio Thomas. Ho giocato questa stagione con grande serenità e lo dimostrano anche gli zero cartellini gialli presi per proteste. Se è successo tutto ciò lo devo a loro. Stavo davvero bene, non potevo mai essere nervoso. Un altro grande ringraziamento è per compagni di squadra, dirigenza e allenatore. Merlo è stato eccezionale, ha gestito la stagione in modo super. Noi dovevamo solo allenarci, per il resto non ci è mancato nulla. Il gruppo e lo staff? Spettacolari. Qui non c'è mai stato un singolo più in evidenza di un altro e questa è la cosa più bella. Abbiamo alternato momenti di professionalità ad altri di divertimento e scherzo con una sana ignoranza che in nessun spogliatoio può mancare. Dico sempre "divertiamoci", non andiamo mica in guerra. Io poi voglio vincere sempre, anche con la mia compagna quando giochiamo a scala 40. L'unico che lascio vincere è mio figlio...".

I giovani? "Eccezionali. Tutti. Hanno seguito i più esperti con serietà e voglia di mettersi in gioco, credo che anche noi siamo stati bravi a creare l'alchimia giusta con loro. Le vittorie dei campionati passano da qui".

A proposito di vittorie: "E' il mio quarto salto di categoria ottenuto in campo dopo quello con l'Aquanera e le due promozioni a Cremona in C1 e C2".

Un attaccante che ti ha messo in difficoltà? "La qualità di questo campionato credo fosse molto alta in tutti i reparti. L'ultima poteva vincere con la prima o la seconda. I numeri di Alfiero, comunque, sono impressionanti...Ci ha segnato altri due gol la scorsa settimana. Se avessimo avuto una prima punta di peso là davanti non è detto che il giocattolo avrebbe funzionato allo stesso modo, perchè avremmo impostato un sistema di gioco diverso. Chissà...E' andata strabene così. Una stagione fantastica chiusa nel miglior dei modi sul nostro campo, davanti alla nostra gente".

di Boetto Ivan & C.

Tel. 011-8240169

CANDIOTTO GOMME

Strada Borgaretto 48, ORBASSANO

Il sito - Servizi - Contatti

 

Manutenzione/meccanica

Sostituzione cinghia

Verifica/Sostituzione sospensioni

Verifica/Sostituzione freni

Tagliandi - Servizio Frizione

www.candiottogomme.it

ANIMALI: OFFERTE TOP

CRONACA ONLINE

Val Susa Val Sangone

Cintura Ovest

UN CAFFE' A RIVOLI?

Un must per chi ama il caffè

Il sito - I punti vendita

RELAX IN TOSCANA

Vacanza in Toscana? Casa Milla (Cecina, LI), mare a 3 km. Info.

IL MODULO 3-3-2-2

Breve guida per addetti ai lavori, tecnici, manager di società calcistiche, osservatori, talent scout: i segreti del modulo 3-3-2-2 coniato dai tecnici Delgado e Von Hoffmann.