Qui Rivoli. Il presidente Scozzaro e i dirigenti: "Continuità e crescita per il calcio cittadino"

RIVOLI E IL FUTURO: "MESSA LA PRIMA PIETRA E ORA..."

Conferenza stampa in via Isonzo: ecco l'organigramma

Da sinistra: Morabito, Dilonardo, Aneri, Scozzaro, Gliozzi, Azzolina e Begolo
Da sinistra: Morabito, Dilonardo, Aneri, Scozzaro, Gliozzi, Azzolina e Begolo

23 maggio 2017 - di Michele Rizzitano

 

Dopo il primo anno di transizione, conoscenza dell'ambiente ed esperienza all'interno di una struttura contenente non solo una prima squadra il Rivoli riparte sempre dalla famiglia Scozzaro, in particolare da Agostino Scozzaro, e dai pilastri dirigenziali di sempre come Luigi Aneri (presidente onorario) e Pasquale Azzolina (direttore sportivo). Non mancano le novità come l'inserimento nel ruolo di vicepresidente dell'avvocato Filippo Gliozzi, in quello di direttore sportivo del settore giovanile di Fabrizio Morabito e in quello di direttore tecnico di Ezio Begolo.

 

"E' stata messa la prima pietra, ora punteremo a crescere sulle nostra fondamenta", questo il messaggio in coro della società riunitasi martedì pomeriggio in via Isonzo. Tre pilastri su tutti per sostenere il Fcd Rivoli Calcio: la costante presenza del presidente nella vita di società ("Più dell'anno scorso", assicura), lo sguardo al futuro con investimenti sugli impianti sportivi (resta il pensiero al sintetico in via Rosta e per un piccolo campo in via Isonzo) e la crescita del settore giovanile/Scuola Calcio dopo un primo anno con buonissimi passi avanti rispetto alla gestione Città di Rivoli (possibile ingresso tra le top 16 del SuperOscar).

 

Esordisce il presidente Agostino Scozzaro: "Rivoli è una città importante, in questa piazza si andrà avanti determinati e meglio organizzati. Da parte mia assicurerò una presenza fissa in società, come già sta avvenendo in queste settimane. Nella prima stagione, non lo nego, potevamo fare di più, ma è stato un anno zero. Rispetteremo i ruoli interni nell'ottica di crescere ancora, punteremo su quantità e soprattutto qualità nel settore giovanile e discuteremo la costruzione di un sintetico a 11 in via Rosta e a 8-9 in via Isonzo. Queste sono le priorità. Il Comune? Noi riteniamo che il dialogo sia aperto, siamo però sicuri che ci verrà dietro in tutti i casi perchè stiamo investendo a livello sportivo per la nostra città e siamo i soli a farlo con grande passione".

Scozzaro sulla prima squadra: "Dopo la prima stagione il bicchiere è mezzo pieno, non c'è dubbio. I risultati potevano essere migliori e resta il rimpianto di non aver partecipato ai playoffs. Vincere? Ci piace, perchè siamo ambiziosi, e siamo già riusciti a farlo al Brandizzo ma non è mai facile. Abbiamo messo basi ottime, questo è certo, e ritroveremo in campo non solo buoni giocatori, ma anche ottimi uomini. Mi spiace per la scelta di mio figlio Giuseppe, c'è amarezza per la sua squalifica. Qualche errore è stato fatto, ma in buona fede e magari per inesperienza. Oggi siamo sicuri che il punto di ripartenza giusto è quello di definire in modo chiaro chi si occuperà della squadra, ovvero tre persone e non venti come l'anno scorso. Due direttamente, mister Fornello e Azzolina, e io come supervisore. Stop".

Sul settore giovanile: "Anni fa gestivamo solo prime squadre come al Brandizzo, ma siamo sempre stati consapevoli che la vera ricchezza delle società arriva dal basso. Il passaggio dal 38° posto al 14° nelle classifiche SuperOscar e la qualificazione ai Regionali di alcune squadre dopo appena un anno sono già un bel segnale".

Luigi Aneri, presidente onorario: "Assieme ad Azzolina sono stato uno dei promotori del nuovo corso del Rivoli l'anno scorso. Sono felice di vedere un movimento in città che cresce, ho passato qui metà della mia vita. Dopo una stagione di transizione non ci resta che aiutare la piantina a crescere, annaffiandola come si deve. Dipenderà solo da noi. La piazza è sempre molto ambita e la famiglia Scozzaro sta investendo molto con tempo e sacrifici, su questo nessuno può dire nulla".

Il direttore sportivo Pasquale Azzolina: "Dopo il Brandizzo sono al mio terzo anno con gli Scozzaro. Questa continuità può solo far bene e se ci sono stati errori o incomprensioni queste sono solo ottime opportunità per far meglio. Il campionato di Eccellenza? Buonissime basi per il prossimo anno, previsti alcuni rinforzi. Avevamo tutto per fare già subito bene ma soprattutto i molti infortuni nel momento decisivo della stagione ci hanno penalizzato".

 

Parola poi al ds delle giovanili Fabrizio Morabito: "Credo molto in questo progetto e per la prima volta dopo le esperienze da allenatore farò il ds. Ripartiremo da Angelo Azzolina nella Juniores, Carrer nei 2001, Bovolenta nei 2002, Pinon nei 2003 e Tavola nei 2004. Sarà difficile e impegnativo, ma proveremo nel tempo a colmare il gap con le grandi squadre del calcio dilettantistico ripartendo dalla voglia di fare, dal rafforzamento delle squadre e dai numeri della stagione appena conclusa. Lavorando bene convinceremo genitori e bambini, più coi fatti che con le parole".

Ezio Begolo, dt della Scuola Calcio: "Siamo passati da 70 a 140 tesserati in un momento in cui il Rivoli era quasi destinato a sparire ed è stato poi rilevato. Stiamo crescendo e sarà così anche in questa estate prima della nuova stagione. C'è un programma tecnico definito e da parte mia ho voluto ripartire dalle riconferme di molti allenatori. A lista completata tutti i nomi saranno ufficializzati. L'obiettivo? In pochi anni diventare Scuola Calcio Elitè".

Mimmo Dilonardo, responsabile settore giovanile: "Sono felice che si sia trovata una soluzione interna per creare una sinergia tra i miei compiti e quelli del nuovo direttore sportivo delle giovanili Morabito. Abbiamo ottimizzato tempi e ruoli, cosa fondamentale per non fare caos e migliorare. Fabrizio lo conosco da 11 anni, è in grado di fare molto bene. Ha grosse capacità e comunque verrà da me aiutato".

 

Filippo Gliozzi, vicepresidente: "Io sono con gli Scozzaro da quattro anni, fin dai tempi dell'Alpignano. Per la prima volta avvertiamo stabilità e tranquillità, perchè gli anni precedenti hanno visto sempre molti cambiamenti. Era giusto che gli Scozzaro vivessero da soli il mondo del calcio nei loro primi percorsi, oggi vedono come me le cose da un'angolazione molto diversa. Mai, tra l'altro, nel mese di maggio siamo mai stati così avanti con i progetti per la successiva stagione. Le idee ora sono molto chiare. L'esperienza si fa sulla propria pelle e anche la stessa idea di gestione societaria degli Scozzaro è cambiata nel tempo. Ci sta. Non definirei il primo anno con la parola "transizione". E' stata una partenza, una buona partenza...".

Chiude Scozzaro tra fragole, foto di rito e spumante: "Abbiamo figure storiche alle quali affidarci, profili importanti nel settore giovanile ed una supervisione dall'alto. Ad oggi, qui, meglio di così non possiamo fare. Sono molto felice, fiducioso e carico".

 

Tra le altre figure ufficializzate presenti nell'organigramma ci sono anche Gianpaolo Ferretti come preparatore dei portieri (1a squadra e settore giovanile) e Fabio Petrosino (preparatore atletico settore giovanile).

di Boetto Ivan & C.

Tel. 011-8240169

CANDIOTTO GOMME

Strada Borgaretto 48, ORBASSANO

Il sito - Servizi - Contatti

 

Manutenzione/meccanica

Sostituzione cinghia

Verifica/Sostituzione sospensioni

Verifica/Sostituzione freni

Tagliandi - Servizio Frizione

www.candiottogomme.it

CRONACA ONLINE

Val Susa Val Sangone

Cintura Ovest

UN CAFFE' A RIVOLI?

Un must per chi ama il caffè

Il sito - I punti vendita

RELAX IN TOSCANA

Vacanza in Toscana? Casa Milla (Cecina, LI), mare a 3 km. Info.

IL MODULO 3-3-2-2

Breve guida per addetti ai lavori, tecnici, manager di società calcistiche, osservatori, talent scout: i segreti del modulo 3-3-2-2 coniato dai tecnici Delgado e Von Hoffmann.