Aiac vigile sulla situazione-panchine. Filardo: "L'allenatore è tale solo quando è ufficialmente abilitato"

FILARDO (AIAC): "CAMBI IN PANCHINA, LANCIAMO UN SEGNALE"

"Un allenatore è tale solo quando è ufficialmente abilitato"

30 maggio 2017 - di Michele Rizzitano

 

Le panchine scottano, le regole vanno rispettate (la sentenza-Rivoli farà giurisprudenza per tutti) e allora oggi parola a Sebastiano Filardo, presidente dell'Aiac Piemonte.

 

Filardo: "Sì, è iniziato il mercato e ci sono già molti cambiamenti sulle panchine. L'Aiac in questo momento vuole far sentire la sua presenza, lanciare un "allert", ricordare che la nostra attività di sostegno, condivisione e monitoraggio prosegue anche e soprattutto in questi mesi. E poi vogliamo far suonare un campanellino strategico, in questo momento che ci sembra il più opportuno...".

 

Il comunicato ufficiale è breve, ma efficace, per tutti gli allenatori piemontesi: "Ricordiamo a tutti i tecnici che la stagione sportiva termina il 30 giugno 2017. Si raccomanda di non prestare nessun tipo di attività con società diverse da quelle per le quali si è firmato il tesseramento per la stagione in corso".

 

Torniamo da Filardo: "L'Aiac e la sua Commissione Tesseramenti continueranno a contrastare le situazioni anomale che si verificano intorno alle panchine, gestendo le segnalazioni che poi possono portare a indagini, contraddittori, verifiche e a volte a denunce e sentenze. Quest'anno abbiamo fatto un ottimo lavoro. La sinergia tra le componenti Lnd e arbitrali è sempre più forte. Noi sensibilizziamo i nostri principi per una figura importante come quella dell'allenatore, unico profilo davvero tutelato nel dilettantismo. A questo proposito voglio sottolineare quanto siano importanti gli accordi economici che riguardano gli stessi tecnici. Una questione di responsabilità per tutte le società".

Sentenze e notizie "social": "Invito tutti i tesserati e tutte le persone che fanno parte del movimento a leggere le sentenze, non solo i titoli sui giornali o le notizie sui siti internet. A volte si danno troppe cose per scontate, mentre casi recenti dimostrano come le responsabilità ricaschino poi facilmente su società e presidenti partendo magari da una piccola leggerezza commessa. A proposito di ciò abbiamo notato come una società si sia esposta in modo plateale annunciando un allenatore che ci risulta non abbia il patentino. Per ora magari sono solo foto e chiacchiere da bar. Spero smentiscano, altrimenti potrebbe verificarsi un caso come quello del Rivoli. Certamente ciò potrebbe accadere solo a seguito di una segnalazione da parte di un tesserato Aiac".

Rinfrescata importante, affatto scontata. Filardo: "Un tecnico è tale a tutti gli effetti soltanto quando terminato il corso e trasferiti gli atti al Settore Tecnico compare il suo nome e cognome ufficialmente nella lista degli allenatori abilitati".

E poi: "Un giocatore tesserato per una società non può allenare in un'altra". Tanto per ricordare ciò che sembra scontato e invece non lo è.

 

Vincenzo Di Gianni dalla Commissione Tesseramenti: "Siamo sempre vigili e attenti. Ci prepariamo alla prossima stagione con un importante monitoraggio nel corso dell'estate. Lo ricordiamo sempre, chi allena deve essere abilitato. Portiamo avanti le linee guida del Consiglio Direttivo e del nostro presidente Vito Antonio Zaza".

SCARICA E LEGGI IL REGOLAMENTO SETTORE TECNICO

RegolamentoSettoreTecnico.pdf
Documento Adobe Acrobat 181.0 KB

di Boetto Ivan & C.

Tel. 011-8240169

CANDIOTTO GOMME

Strada Borgaretto 48, ORBASSANO

Il sito - Servizi - Contatti

 

Manutenzione/meccanica

Sostituzione cinghia

Verifica/Sostituzione sospensioni

Verifica/Sostituzione freni

Tagliandi - Servizio Frizione

www.candiottogomme.it

ANIMALI: OFFERTE TOP

CRONACA ONLINE

Val Susa Val Sangone

Cintura Ovest

UN CAFFE' A RIVOLI?

Un must per chi ama il caffè

Il sito - I punti vendita

RELAX IN TOSCANA

Vacanza in Toscana? Casa Milla (Cecina, LI), mare a 3 km. Info.

IL MODULO 3-3-2-2

Breve guida per addetti ai lavori, tecnici, manager di società calcistiche, osservatori, talent scout: i segreti del modulo 3-3-2-2 coniato dai tecnici Delgado e Von Hoffmann.