CERCHI UNA NEWS? PROVA SU GOOGLE O CLICCA SUI BOTTONI




ven

24

mar

2017

Promozione, sei partite alla fine della stagione. Vetta, playoffs e playout: la situazione nei gironi B/C/D

PROMOZIONE, SEI GARE DA DENTRO O FUORI

Un'immagine di Grugliasco-Centallo (gara di andata)
Un'immagine di Grugliasco-Centallo (gara di andata)

24 marzo 2017

 

Sei gare al termine della stagione in tutti i gironi. Ecco la situazione.

 

PROMOZIONE B: CLASSIFICA COMPLETA

 

LE PARTITE

San Maurizio Canavese-Bollengo, Ivrea Banchette-Caselle, Santhià-Gassino SR, Victoria Ivest-Quincitava, Atletico Chivasso-Nolese, Volpiano-Union Susa, Mathi Lanzese-Vanchiglia, Lascaris-Venaria Reale

 

VETTA E ZONA PLAYOFFS

Union Susa 58

San Maurizio C.se 56

Lascaris 47

Atletico Chivasso 41

Vanchiglia 40 (-16 dal San Maurizio)

 

PLAYOUT: MATHI-CASELLE, OCCHIO AL DISTACCO

Gassino 27

Mathi Lanzese 26

Victoria Ivest 21

Venaria Reale 20

Caselle 14 (-12 dal Mathi)

Santhià 12

 

Testa a testa infinito in vetta tra Union Susa e San Maurizio Canavese: un record dietro l'altro per entrambe, senza dimenticare che alla terzultima giornata c'è ancora lo scontro diretto da giocare proprio in casa dell'Union.

Così domenica: Volpiano-Union Susa (locali a quota 32 praticamente salvi considerando il distacco abissale dalla penultima, il Caselle) e derby nel Canavese tra San Maurizio e Bollengo (stessa situazione per gli ospiti a metà classifica).

Playoffs: il Vanchiglia non può sperare nel quinto posto, che 90 su 100 non porterà ai playoffs, quindi parte l'assalto al 4° posto dell'Atletico. Ler gare: Atletico Chivasso-Nolese e Mathi Lanzese-Vanchiglia.

Playout: il Lascaris vuole difendere il 3° posto e ospita il Venaria di Gousse, rilanciato dal 6-0 all'Ivest. Lo stesso Victoria Ivest punta ai tre punti contro il Quincitava, mentre il Caselle deve sbancare Ivrea per tornare a fare paura al Venaria e al Mathi, quintultimo a +12. Grossa chance per il Gassino di portarsi a quota 30 a Santhià, contro una squadra in caduta libera.

 

PROMOZIONE C: CLASSIFICA COMPLETA

 

LE PARTITE

Denso-Boves, Giovanile Centallo-Bsr Grugliasco, San Sebastiano-Carmagnola, Carignano-Moretta, Chisola-Pancalieri Castagnole, Villafranca-Revello, Piscinese Riva-Trofarello, Pedona-Villar Perosa

 

VETTA E ZONA PLAYOFFS

Revello 48

Denso 45

Pedona 44

Giovanile Centallo 42

Piscinese Riva 42

Pancalieri C. 36

Bsr Grugliasco 36

 

PLAYOUT:

Moretta 28

Trofarello 28

Carmagnola 27

Carignano 27

San Sebastiano 21

Boves 18

Villar Perosa 11

 

Grande traffico in vetta: turno sulla carta più ostico per il Revello, atteso a Villafranca. La Denso ospita il Boves (squalificato Geografo) in un testa-coda tra playoffs e playout. Occhio al Pedona, che può allungare con un Villar Perosa che sembra spacciato. Il Centallo torna a sfidare il Bsr Grugliasco dopo lo 0-0 da sbadigli dell'andata (ultima chiamata per i playoffs per gli ospiti), mentre la Piscinese Riva ospita il Trofarello dopo le grosse polemiche arbitrali dell'ultimo turno (un mese a Mogliotti). 16 punti in 9 gare per i locali, 6 per gli ospiti.

Il Carmagnola, in questo momento ai playouy, non può sbagliare il match di San Sebastiano. Il Moretta, invece, può approfittare del momentaccio del Carignano (3 punti nelle ultime 9 partite) per ipotecare la salvezza e fuggire definitivamente dalla zona calda. A ridosso della zona playoffs ecco Chisola-Pancalieri: la sensazione è che i locali puntino davvero tutto sulla Coppa Piemonte, dove hanno un piede in finale.

 

PROMOZIONE D: CLASSIFICA COMPLETA

 

LE PARTITE

Villanova-Asti, Canelli-Cassine, Atletico Torino-Cbs, Pozzolese-Cenisia, Nuova Sco-Savio Rocchetta, Lucento-San Giacomo Chieri, Arquatese-San Giuliano Nuovo, Barcanova-Santostefanese.

 

VETTA E ZONA PLAYOFFS

Savio Rocchetta 48

Atletico Torino 45

Lucento 44

Canelli 41

Cenisia 39

Asti 39

Cbs 39

 

PLAYOUT:

Villanova 29

Cassine 26

San Giuliano Nuovo 22

San Giacomo Chieri 19

Nuova Sco 19

Pozzolese 9

 

Dopo il 4-0 dell'andata il Savio Rocchetta capolista torna a incrociare la Nuova Sco. Locali favoriti, ma queste non sono gare da sottovalutare vista la posizione di classifica degli ospiti, costretti a far punti. Dietro ecco l'Atletico Torino trova una Cbs rilanciata dall'ultima pesante vittoria: match affatto semplice per la squadra di Piazzoli, anche perchè la Cbs è sul treno playoffs a quota 39.

Partite toste per tutti in questo turno: anche il Lucento dovrà fare i conti con i 7 punti nelle ultime 3 gare del San Giacomo Chieri di Bonello, che punta alla risalita. Canelli-Cassine è da tripla con le squadre impegnate nelle due griglie playoffs e playout. L'Asti va a Villanova in attesa di notizie sull'istanza di fallimento (a fine mese), la gara più semplice sulla carta pare quella del Cenisia in casa Pozzolese. Chiudono il programma Barcanova-Santostefanese (locali ko dopo 12 partite domenica scorsa contro il Savio) e Arquatese-San Giuliano.

ven

24

mar

2017

Prima girone D, che domenica: River-San Mauro, Esperanza-Pianezza e Collegno Paradiso-Caselette

SAN MAURO, C'E' IL RIVER. PLAYOFFS, CHE SCONTRI

Prima D: Esperanza-Pianezza, Collegno-Caselette e Villarbasse-Bussoleno

Ferroglio (Pianezza), Sanna (Valdruento) e Saracino (San Mauro)
Ferroglio (Pianezza), Sanna (Valdruento) e Saracino (San Mauro)

24 marzo 2017

 

Tanta carne al fuoco in Prima girone D (classifica completa) a sei partite dal termine del campionato. Il San Mauro di Perziano ha superato il momento di difficoltà alla grande (quando il Collegno era lassù a dar fastidio) e con il suo nuovo mister ha piazzato un emblematico +13. La festa è vicinissima con 18 punti a disposizione e potrebbe scattare aritmeticamente tra 2-3 settimane. Intanto ecco River Mosso-San Mauro coi locali in corsa per i playoffs.

 

Dietro Esperanza e Caselette fanno paura. L'Esperanza con la sua tifoseria da clonare ospita un Pianezza che ora sogna anche il 2° posto, mentre il Caselette va a Collegno in un incrocio pericoloso tra i club di Mele e Musso.

Poi occhio alla zona playout: il Bussoleno vuole mantenere più di 10 puntri di vantaggio dalla Bvs, così evitare la gara playout e si salverà senza spareggio. Domenica Bvs-Valdruento (occasione d'oro per gli ospiti, già quarti e in semifinale di Coppa) e soprattutto Villarbasse-Bussoleno: i locali hanno appena espugnato Collegno e sono decisi a ridurre le distanze (-7) dagli ospiti. Il Rosta è atteso in casa Pro Collegno e non ci sono calcoli: serve il "2" in schedina per sperare di avvicinare l'Olympic, impegnato in casa con un Real Leinì che ha poco da chiedere ormai a questa stagione dopo un girone d'andata molto bello. In Corio-Cnh potremmo giocarci l'X o il GOL. Per entrambe l'importante è mantenere un grosso vantaggio sulla penultima.

 

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
SAN MAURO 25 9 4 4 0 0 1 0 24 6
VALDRUENTO 19 9 4 2 0 2 0 1 20 9
CASELETTE 19 9 4 2 1 1 0 1 21 18
RIVER MOSSO P. 18 9 3 2 1 0 1 2 18 8
PIANEZZA 17 9 3 2 1 1 0 2 21 13
ESPERANZA 14 9 2 2 1 2 1 1 15 14
PRO COLLEGNO 14 9 2 2 2 1 1 1 11 11
CORIO 14 9 3 1 1 2 1 1 21 17
COLLEGNO PAR. 11 9 0 2 2 0 3 2 11 10
CNH INDUSTRIAL 11 9 2 1 1 3 2 0 10 13
BUSSOLENO 9 9 2 1 2 4 0 0 10 14
VILLARBASSE 8 9 1 1 1 4 2 0 10 14
ROSTA 8 9 2 0 2 3 1 1 11 17
REAL LEINI' 6 9 1 1 3 4 0 0 10 25
OLYMPIC COLL. 5 9 1 0 3 3 0 2 9 17
BVS 4 9 0 1 3 4 1 0 7 23
   
SAN MAURO 57
COLLEGNO PAR. 44
PIANEZZA 43
VALDRUENTO 41
RIVER MOSSO P. 41
ESPERANZA 38
CASELETTE 38
PRO COLLEGNO 35
REAL LEINI' 34
CORIO 32
CNH INDUSTRIAL 31
BUSSOLENO 29
VILLARBASSE 22
OLYMPIC COLL. 20
BVS 14
ROSTA 14

ven

24

mar

2017

Eccellenza A/B: rush finale ai raggi x. Tanti scontri tra playoffs e playout, Castellazzo e Juve Domo verso la D

ECCELLENZA A/B: RUSH FINALE AI RAGGI X

Rivoli unica squadra a disputare solo 4 partite

24 marzo 2017

 

SEI partite alla fine in Eccellenza A, addirittura solo quattro per il Rivoli (due turni di riposo) in Eccellenza B, dove invece ne mancano cinque o sei (vedi Cheraschese). Ecco la situazione!

 

ECCELLENZA A: classifica completa

 

LE PARTITE

Juventus Domo-Aygreville, Cerano-Borgaro, Charvensod-Borgomanero, La Biellese-BorgoVercelli, Alpignano-Settimo, Alicese-Orizzonti United, LG Trino-Pavarolo, Città di Baveno-Rivarolese, Pont Donnaz-Stresa

 

JUVENTUS DOMO, ULTIMO SFORZO. I MATCH IN ZONA PLAYOFFS

Juventus Domo 60

Borgaro 51

BorgoVercelli 51

Aygreville 48

Alpignano 46

Pont Donnaz 42

La Biellese 42

 

Nonostante il ko per 4-2 in casa Borgaro la Juventus Domo ha fatto vedere tutte le sue qualità e ha dimostrato di saper recuperare e ribaltare le partite in cinque minuti. Domenica, però, arriva un altro avversario tosto: l'Aygreville di Rizzo intento a difendere il 4° posto cercando di risalire ai piani più alti.

Zona playoffs: big match La Biellese-BorgoVercelli. I locali di Roano vogliono risalire sul treno (42 punti, una delle ultime chance verso il 5° posto), gli ospiti puntano al 2° posto solitario.

Poi ecco un testa-coda tra diversi obiettivi e motivazioni: Cerano-Borgaro. Missione salvezza per Salzano e compagni, fuga playoffs per la Licio Russo-band, che ha dimostrato forza, carattere e grande cuore contro la Juventus Domo.

L'Alpignano che ha ritrovato la vittoria a Borgomanero ha frenato nell'ultimo mese e mezzo (8 punti nelle ultime 7 gare) e dovrà difendere il 5° posto nella gara interna contro il Settimo, che invece ha messo a punto la fuga dai playout.

Ieri abbiamo sentito Cretaz del Pont Donnaz: in Valle d'Aosta un pensierino playoffs c'è ancora, ma gli orange interpreteranno il finale di campionato un weekend alla volta, come se fossero tutte finali. Nessun obiettivo a lungo termine. La prima gara del rush finale è con lo Stresa, impegnato a non disputare i playout.

 

PLAYOUT: TUTTI ALL'ERTA DAL SETTIMO IN GIU'

Settimo 33

Rivarolese 31

Stresa 30

Cerano 28

Pavarolo 26

Charvensod 23

Borgomanero 15

 

Si salvi chi può: sulla carta il Borgomanero ha un piede e mezzo in Promozione. Ecco la prima nomination. A spingerla definitivamente nel baratro può essere proprio lo Charvensod, che ospita il "Borgo" in Valle d'Aosta domenica.

Trino-Pavarolo è la prima delle ultime gare decisive per il futuro degli ospiti di Capobianco, a quota 26 punti. Una possibile vittoria dello Charva li metterebbe in grossa difficoltà nel caso non dovessero arrivare punti.

Cerano a Borgaro, Stresa in casa Pont (sabato), mentre la Rivarolese va a Baveno, campo appena espugnato proprio dal Pont Donnaz.

 

ECCELLENZA B: classifica completa

 

LE PARTITE

Cavour-Castellazzo, Benarzole-Cheraschese, Rivoli-Colline Alfieri, Albese-Fossano, Savigliano-Pro Dronero, BonBonAsca-Saluzzo, Olmo-Valenzana Mado

Riposano: Tortona e Corneliano Roero

 

LA FUGA DEL CASTELLAZZO E LA ZONA PLAYOFFS

Castellazzo 51*

Tortona 44*

Saluzzo 44*

Rivoli 40

Fossano 38*

Cheraschese 38**

Pro Dronero 37**

 

17 punti in 10 gare per la capolista Castellazzo sconfitta per la prima volta in casa dal Tortona in questo campionato. Un passo falso che può starci visto l'incredibile trend degli ospiti (35 punti nelle ultime 13 gare).

I verdi di Merlo ripartono dal +7 su Saluzzo e Tortona con la trasferta questa volta a Cavour.

Poi è tutta una questione di asterischi, di gare da giocare e turni di riposo da effettuare. Il Saluzzo, dopo il recente ko interno col Colline, fa visita ad una BonBonAsca sorpresa del campionato per metà stagione e poi piombata nel vortice playout. Riposa il Tortona, mentre il Rivoli dovrà fare i conti con la voglia di salvarsi di Persiano e compagni del Colline Alfieri. Lo stesso Rivoli è l'unica squadra che avrà incredibilmente due turni di riposo consecutivi prima di chiudere col Fossano: con quattro gare da giocare può arrivare quindi al massimo a 52 punti e Grancitelli e compagni sono decisi a fare bottino pieno dopo aver ritrovato la vittoria nell'ultimo turno.

Subito dietro ecco Albese-Fossano e Benarzole-Cheraschese: qui si lotta per obiettivi completamente diversi e le squadre in trasferta cercheranno di non perdere terreno.

A ridosso delle prime cinque c'è anche un Savigliano-Pro Dronero (35 punti contro 37) da seguire: chi continuerà a sognare?

 

PLAYOUT: IN SETTE PER EVITARE GLI ULTIMI 4 POSTI

Benarzole 28**

BonBonAsca 28*

Albese 27**

Colline Alfieri 26*

Cavour 24*

Olmo 24**

Valenzana Mado 23*

 

Occhio agli asterischi: Benarzole, Albese e Olmo hanno sei partite da disputare, le altre cinque. E' tutto un mistero questa zona playout con zero retrocessioni dirette e quattro squadre ai playout: quartultima contro ultima, terzultima contro penultima.

Così domenica: il Benarzole ospita una Cheraschese che potrebbe fare il colpaccio in zona playoffs (sei gare da giocare, due in più del Rivoli). Gara delicatissima tra playoffs e playout.

Stesso film per Albese-Fossano: anche i blues di Viassi sono in corsa per i playoffs, mentre i locali devono portare a casa il massimo nel totale dei 18 punti disponibili.

Detto dei testa-coda (BonBonAsca impegnata col Saluzzo, Colline a Rivoli e Cavour che ospita il Castellazzo) la partitissima è Olmo-Valenzana Mado: ci si gioca una stagione. 24 punti per i locali, penultimi, 23 per gli ospiti, protagonisti però di una grande risalita in questa annata lontana parente del percorso playoffs dello scorso anno.

gio

23

mar

2017

Il Pont Donnaz targato Cretaz quasi salvo. Il mister: "In testa solo lo Stresa. Via la cravatta, sù le maniche"

PONT: CON CRETAZ TREND DA 2° POSTO

Valdostani quasi salvi. Il mister: "Sotto con lo Stresa"

23 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

ECCELLENZA A: CLASSIFICA COMPLETA

 

BAVENO-PONT DONNAZ 0-1
Città di Baveno: Chiodi; Guida (30’st Casarotti), Menaglio, Stanglini, Ramalho; Zanella, Musso, Di Leva (30’ Cabrini), Tanzi; Piraccini, Varvelli. A disp. Romani, Sistino, Manzoni. All. Cane (Pissardo squalificato).
Pont Donnaz: Celesia, Bonel, Scala, Fiore, Vitale; Borettaz, Francia, Dotelli (39’ st Bosonin); Jeantet (32’ st Pinet), Garbini, Kean (25’ st Montari). A disp. Caresio, Porro, Della Rosa, Cola Prince. All: Cretaz.
Arbitro: Orazietti di Nichelino.
Rete: 44' st Garbini rig.

I numeri non mentono mai: 38 punti in 22 gare per il Pont Donnaz da quando è arrivato mister Roberto Cretaz (2° posto in questo arco temporale dietro alla Juve Domo) e 19 punti in 11 gare nel girone di ritorno (anche qui 2° posto a -2 dal Borgaro, squadra del momento, vedi tabella sottostante).

 

E' un grande Pont Donnaz, vittorioso anche a Baveno grazie all'ennesimo gol di Garbini (cannonieri) e quasi matematicamente salvo in Eccellenza attualmente al 6° posto dopo un avvio di stagione tutto in salita. Cretaz: "La salvezza? Il grosso è fatto...Aritmeticamente mancano 3-4 punti, ma da qui in avanti ogni settimana ci dirà precisamente cosa dovremo aspettarci dal futuro. In questo momento non c'è classifica. Contano solo le motivazioni e noi affronteremo molte squadre che devono salvarsi. Adesso ho in testa solo lo Stresa. Punto. I ragazzi lo sanno, ho già detto che non è tempo di giocare rilassati e in cravatta. Questo è il momento di provare a fare qualcosa in più, di lottare e mettere l'anima in campo. Se oggi ci diamo un obiettivo nel lungo periodo non ricaveremo nulla e sarà solo controproducente. Fare tre punti e guardare la classifica domenica alle 17, questa è l'unica cosa che conta...".

 

Ancora il mister: "Per il quinto posto e la zona playoffs tra gli addetti ai lavori si parla di Alpignano, Biellese e Trino. Di noi no...questo mi fa solo piacere. C'è meno pressione. Ad oggi siamo a -9 dal secondo posto e in effetti la possibilità aritmetica di poter fare i playoffs c'è anche per noi, ma non ci stiamo pensando. E' più importante pensare a cosa dovremo fare in campo, domenica dopo domenica. Intanto arrivano complimenti, questo fa piacere, è bello e importante. A questi ragazzi cosa posso dire? Sono eccezionali, mi stanno seguendo dall'inizio. I numeri dicono che abbiamo lavorato bene, ma guai a rilassarsi adesso. Li sto martellando proprio su questo...".

Sì, perchè sabato il Pont Donnaz ospiterà uno Stresa da 60 punti l'anno scorso e da 30 (in frenata) in questo campionato. Uno Stresa, di conseguenza, col coltello tra i denti a caccia di punti-salvezza: "Il valore di questa squadra lo conosciamo, in più hanno preso un giocatore come Costantin, che ha vinto l'Eccellenza a Verbania l'anno scorso ed è reduce da mezza stagione in D. Servirà il miglior Pont. Poi avremo la Rivarolese, vecchia rivale del Pont l'anno scorso. Insomma, tante altre battaglie ci aspettano. Se le affronteremo con la voglia di salvarci e con la fame andremo ancora molto lontano...".

 

Un pensiero per lo staff: "Ho la fortuna di lavorare con uno staff meraviglioso. Lavorano come pazzi. Rimpianti per non aver mai avuto una vera prima punta? Assolutamente no. Ho lavorato col materiale a disposizione e per il gioco che stiamo facendo non è detto che avremmo avuto più punti con un bomber da 15-20 gol sulla carta. Montari e Garbini stanno facendo benissimo".

ECCELLENZA A: NEL GIRONE DI RITORNO

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
BORGARO 21 11 2 4 1 1 2 1 21 11
JUVENTUS DOMO 19 11 3 3 2 2 0 1 23 19
BORGOVERCELLI 19 11 3 3 2 2 0 1 18 13
AYGREVILLE 19 11 2 3 1 1 2 2 14 7
PONT DONNAZ 19 11 3 2 1 1 1 3 13 10
LG TRINO 19 11 3 2 1 1 2 2 19 16
SETTIMO 16 11 1 3 2 1 3 1 14 17
CITTA' DI BAVENO 15 11 4 0 2 2 0 3 18 17
CERANO 15 11 1 3 2 2 2 1 19 17
ALPIGNANO 14 11 2 2 3 2 1 1 16 16
ALICESE 14 11 3 0 1 2 2 3 14 16
VDA CHARVENSOD 14 11 0 3 2 1 4 1 13 14
LA BIELLESE 13 11 2 1 2 2 1 3 10 14
RIVAROLESE 13 11 2 2 3 3 1 0 12 15
PAVAROLO 13 11 2 1 1 3 3 1 17 18
ORIZZONTI UNITED 12 11 1 1 1 2 3 3 12 14
STRESA 12 11 2 1 2 3 1 2 15 14
BORGOMANERO 1 11 0 0 5 5 1 0 4 24
Mister Cretaz (Pont Donnaz)
Mister Cretaz (Pont Donnaz)

gio

23

mar

2017

Coppa Seconda Categoria: Venaus ko col Monferrato, ma non finisce qui...Prossima settimana gara decisiva

MARRESE: "IN COPPA SIAMO ANCORA IN CORSA"

Sconfitta 2-1 a Monferrato, ma c'è ancora una speranza

23 marzo 2017

 

Non finisce qui. Ai piedi del Moncenisio c'è un Venaus che nel passaggio del turno di Coppa (semifinali ad un passo) ci crede ancora: ieri sera è stato sconfitto 2-1 in casa del Monferrato dopo essere passato in vantaggio per primo con Bah. La rimonta targata Bonsignore ha portato a 3 punti il Monferrato, ma non finisce qui.

 

Ecco la classifica dopo la precedente vittoria per 1-0 del Romagnano ai danni del Monferrato:

Romagnano 3 (+1), Monferrato 3 (0), Venaus 0.

Il 29 marzo, dunque, scatterà il tutto per tutto per il Venaus, che dovrà battere il Romagnano segnando almeno due gol per sorpassare le rivali nella differenza reti e soprattutto nei gol segnati.

 

Il regolamento tiene conto di:

 

1. punti ottenuti negli incontri disputati
2. esito dello scontro diretto solo in caso di parità tra due squadre
3. differenza fra le reti segnate e subite nelle gare dei triangolari
4. maggior numero di reti segnate nelle gare dei triangolari
5. sorteggio

 

Già in semifinale: Ivrea, Genola e Calliano. Quale sarà la quarta semifinalista?

 

Mister Paolo Marrese: "Peccato per la sconfitta. Siamo partiti forte con Bah e Favro scatenati sulle fasce, il gol del vantaggio e la rete dello 0-2 non convalidata nella classica situazione di palla dentro o fuori sulla linea di porta. Chissà...per me era dentro. Poi la partita è girata storta. Favro e Plano si sono infortunati, avevo già fuori Duranto e Marchese per squalifica...Abbiamo preso l'1-1 su calcio d'angolo e il 2-1 su un cross innocuo che ha scaturito un'incomprensione tra difensori e portiere. Non sono arrivati punti, ma prossima settimana è ancora tutto in gioco".

Marrese sul campionato (classifica Seconda girone E): "Il Cafasse è troppo forte. Li abbiamo visti domenica, squadra intera e bomber Arena sono di un altro pianeta. Siamo a -4 ma secondo me non li riprendiamo più, a meno che non perdano gare molto facili per loro sulla carta. Domenica potevano cadere col Gabetto, invece anche quest'ultima speranza è svanita. Il nostro obiettivo? Mantenere il secondo posto, aumentare i distacchi sulle rivali e cercare di arrivare in finale playoffs senza disputare il primo e il secondo turno, ovvero mantenendo più di 10 punti di vantaggio".

gio

23

mar

2017

Calcio-pedofilia. L'Atletico: "Il Csi sapeva tutto da aprile 2016. Quel mister noi lo abbiamo cacciato, loro no..."

CALCIO-PEDOFILIA, LA RICOSTRUZIONE DEL PUZZLE

23 marzo 2017

 

Importanti aggiornamenti sul caso calcio-pedofilia nel torinese. Il puzzle, lentamente, viene ricostruito pezzo dopo pezzo.

 

DENUNCIA DELL'ATLETICO NSC, MA IL CSI NON INTERVENNE...

Tra le novità è emerso, ad esempio, che l'Atletico Nsc Murialdo (come riportato sul profilo Facebook della società) ad aprile 2016 aveva "...cacciato con effetto immediato l'allenatore Maicol Poerio", ovvero il 20enne arrestato per aver abusato di alcuni giocatori di 14 e 15 anni fotografandoli e filmandoli, anche con esplicite promesse di lasciarsi andare per poi giocare titolare nelle partite (ci sarebbero almeno una quindicina di ragazzini coinvolti ad accusarlo). Lo ha confermato direttamente alla nostra redazione, oltre che a molti quotidiani nazionali, il presidente Flavio Cattin.

La beffa è che dopo quella segnalazione, che non fu seguita da un provvedimento da parte del Csi, lo stesso Cattin si ritrovò davanti Poerio qualche mese dopo in occasione di una premiazione di un evento sportivo.

Lo stesso Csi ha sottolineato come Poerio fosse stato inizialmente ascoltato sui fatti oggetto d'indagine e fosse stato poi indirizzato a livello interno verso una Commissione Sportiva per ulteriori verifiche. E poi? Niente di più, visto che in quel momento c'era solo una voce, una segnalazione non confermata. Adesso per il ragazzo ci sono invece le manette e sono iniziati i "se" e i "ma" sulle orme del senno di poi.

 

PER DUGO DA COVERCIANO LA RICHIESTA DI SQUALIFICA A VITA

E' stata intanto richiesta la squalifica a vita per Gianfranco Dugo, l'allenatore classe 1960 accusato di collezionare materiale pedopornografico usufruendo, anche, dell'attività di Poerio. Questo iter potrebbe portarlo alla cancellazione da ogni attività agonistica per sempre. E se tutto sarà confermato, sarà semplicemente il minimo.

Dopo l’ultima inchiesta con cui la procura di Torino lo ha accusato di atti sessuali su minori e detenzione di materiale pedopornografico il Centro tecnico di Coverciano lo ha sospeso ed è pronto a squalificarlo a vita, qualora le accuse venissero confermate da una condanna definitiva.

 

LA POSIZIONE DEL CSI: "RISCONTRI POSITIVI SU POERIO DALLE FAMIGLIE"

Il Csi, Centro sportivo italiano riconosciuto dalla Conferenza Episcopale Italiana come associazione di ispirazione cristiana, dopo la notizia dell’arresto di Maicol Poerio ha parlato di autentica "doccia fredda". Ma come spesso accade quando si parla di pedofili, agli occhi di molti, tutti sembravano le classiche "brave persone".

Il 20enne arrestato con l’accusa di abusi sessuali e pedopornografia era un tesserato Csi e allenava appunto l'Atletico Nsc Murialdo. La presidentessa Cristina Armellino ha confermato come Poerio fosse considerato "...un allenatore, un arbitro e un educatore. Inoltre partecipava a corsi di formazione e abbiamo avuto riscontri positivi dalle famiglie. A livello umano non lasciamo solo nessuno, soprattutto se è giovane. Per il resto ci affidiamo alla giustizia”.

 

DALL'AIA: L'UOMO INDAGATO NON E' MAI DIVENTATO UN ARBITRO

Andrea Mazzaferro, presidente dell'Associazione Arbitri Italiana, ha precisato il ruolo dell'uomo di 48 anni (Massimiliano S.) indagato assieme a Dugo e Poerio: "Mai stato un arbitro di Federazione. Anzi, in passato ha frequentato i corsi ed è stato dichiarato inadatto". L'uomo, gravato dall’obbligo di firma, dalle ricostruzioni di questi primi giorni risulta aver semplicemente arbitrato gare di baby calciatori, quelle partite che possono essere dirette da dirigenti, genitori o volontari. L'indagine sta cercando di ricostruire le sue responsabilità.

mer

22

mar

2017

Calcio Piemonte Valle d'Aosta: ecco le date playoffs e playout

PLAYOFFS/PLAYOUT, ECCO LE DATE

Il 14 e 21 maggio verdetti secchi per le retrocessioni

22 marzo 2017

 

All'interno del comunicato num. 71 la Lnd ha diramato le date ufficiali dei playoffs e dei playout per la stagione 2016/2017.

Ricordiamo che in Eccellenza B a causa delle sparizioni di Acqui e Novese non sono previste retrocessioni dirette: quattro squadre ai playout, sempre che i distacchi (come da situazione attuale) siano inferiori ai 10 punti.

 

Campionato di Eccellenza – Playoff
Eventuali gare di spareggio-promozione Mercoledì 3 Maggio 2017
Inizio gare di Playoff Domenica 7 Maggio 2017

Campionato di Eccellenza – Playout
Eventuali gare di spareggio-retrocessione Domenica 7 Maggio 2017
Turno unico Playout Domenica 14 Maggio 2017

Campionato di Promozione – Playoff
Eventuali gare di spareggio-promozione Domenica 14 Maggio 2017
Inizio gare di Playoff Domenica 21 Maggio 2017

Campionato di Promozione – Playout
Eventuali gare di spareggio-retrocessione Domenica 14 Maggio 2017
Turno unico Playout Domenica 21 Maggio 2017

Campionato di Prima categoria – Playoff
Eventuali gare di spareggio-promozione Domenica 14 Maggio 2017
Inizio gare di Playoff Domenica 21 Maggio 2017

Campionato di Prima categoria – Playout
Eventuali gare di spareggio-retrocessione Domenica 14 Maggio 2017
Turno unico Playout Domenica 21 Maggio 2017

Campionato di Seconda categoria
Eventuali gare di spareggio-promozione Domenica 7 Maggio 2017
Eventuali gare di spareggio-retrocessione Domenica 7 Maggio 2017
Inizio gare di Playoff Domenica 14 Maggio 2017

mer

22

mar

2017

Calcio, i due mesi più intensi tra feste e lacrimucce. E' l'Avigliana la prima a stappare lo spumante...?

E' TEMPO DI FESTE CALCISTICHE: INIZIA L'AVIGLIANA?

Se vince domenica (contro la Crocetta) è Seconda Categoria

22 marzo 2017

 

Il trend qui sotto dice tutto: percorso netto per l'Avigliana Calcio, che l'anno scorso ha accarezzato un sogno chiamato promozione dominando il campionato, subendo poi il sorpasso dell'Atletico Alpignano al fotofinish e infine perdendosi ai playoffs.

 

Questa volta un altro film: 45 punti in 18 gare a -4 dalla fine, primo posto guadagnato e conservato dalla terza giornata. La prossima partita, quella della possibile festa, la vedrà opposta al più semplice avversario da gestire sulla carta, ovvero la Crocetta. Solo 3 punti e 122 gol subiti per la squadra seguita da "Quelli che il Calcio", dove due settimane fa ha giocato nientedimeno che Totò Schillaci. L'Avigliana ha già messo in frigo lo spumante, anche se ogni partita è sempre tutta da giocare...

 

Domenica scorsa l'ultimo show della squadra di Campana, che ha tritato il girone B di Terza Categoria: 1-2 in rimonta nel derby contro il San Michele. A segno Chemello e Floristeanu. In porta come sempre l'ex Rosta Avitabile, dietro Gianna, Zerbini e Bonino una vera sicurezza, Bergeretti, Ferraris, Stoppa e Celenza battagliano tra mediana e trequarti, Martino è il jolly degli inserimenti, Buttà e bomber Giuseppe Cario (17 gol) gestiscono la zona gol, Chemello e Floristeanu sono i subentrati dalla panchina entrambi andati in gol. Un grande organico, quello orange. E adesso serve l'ultimo sacrificio per riportare in alto i colori arancioni di una città pronta a far festa...

 

SAN MICHELE-AVIGLIANA 1-2

San Michele: Battistella, Passoni, Aimone, Tessa, Chiecchio, Tonda (25' st Rullo), Gaudiano, Bruno (28' st Martina), Borgo, Talarico, Konate. A disp.: Sedda, Santini, Benetto, Trocchia. All.: Ajassa.

Avigliana: Avitabile, Gianna, Zerbini, Bergeretti, Bonino, Ferraris, Stoppa (5' st Chemello), Celenza, Buttà (5' st Floristeanu), Cario, Martino. A disp.: Palladino, Barillaro, Pedicone, Buttà, Loscavo. All.: Campana.

Reti: 40' Talarico (S), 15' st Chemello, 21' st Floristeanu.

mer

22

mar

2017

"Quanti sono gli allenatori pedofili?": il comunicato di Renzo Ulivieri, presidente Aiac

ULIVIERI: "SELEZIONE DEGLI ALLENATORI CERTIFICATA"

Il presidente Aiac sulla storiaccia del calcio torinese

22 marzo 2017 - COMUNICATO STAMPA AIAC

 

La notizia dell’indagine di Torino che ha coinvolto due allenatori, accusati di aver abusato per lunghi anni di giovani calciatori a loro affidati, ci ha colpito profondamente come ha colpito l’opinione pubblica. Possiamo aggiungere che il nostro sgomento è ancora maggiore, in qualità di tecnici, educatori, genitori.

Lasciando alla magistratura il compito di accertare i fatti, a noi preme ragionare su fenomeni drammatici, rari ma non episodici (come dimostrano le notizie arrivate da Treviglio, da Alessandria oppure dall’Inghilterra),  per cercare la strada giusta per contrastare certe degenerazioni. Non è urlando all’orco che si mette a tacere la coscienza o si allevia il dolore delle vittime. Le domande che ci facciamo in questo momento sono quelle di tutti: quanti sono i pedofili tra gli allenatori? E soprattutto, come scoprirli?

 Io dico che questa missione non può e non deve essere impossibile, anche perché si tratta di lavorare su un terreno fondamentalmente sano, straordinariamente ricco di figure fondamentali nella crescita non solo sportiva e nello sviluppo morale di centinaia di migliaia di ragazzi. E allora bisogna sensibilizzare ancora di più le società e le famiglie, chiamate a una collaborazione e a un controllo incrociato. Il disagio deve essere riconosciuto in tempo. Serve una qualità e una selezione degli allenatori certificata, un aspetto questo su cui ci battiamo da tempo. Non basta la passione o il volontariato, servono tecnici capaci di svolgere il proprio ruolo educativo perché a nessun bambino o bambina sia strappata l’innocenza in un modo tanto brutale e irrimediabile.

Renzo Ulivieri
Presidente Associazione Italiana Allenatori Calcio

mer

22

mar

2017

Kankam (Barracuda) e Celeghini (Racconigi): 27 gol, primato nei bomber dei 128 club di Prima Categoria

BARRACUDA E RACCONIGI, PIOGGIA DI GOL

Scatenati Celeghini e Kankam: sorpasso a Preziosi

22 marzo 2017

 

Prima Categoria, 128 squadre: sulla vetta dei migliori bomber del Piemonte è fuggito subito Preziosi del Collegno, ma a seguito della flessione dei nerazzurri di via Galvani anche il bomber (che ha giocato in altre categorie) ha un po' frenato in zona gol.

 

E così ecco gli "avvoltoi", due attaccanti rapaci e rapinatori d'area pronti a sorpassarlo. Si tratta di Kevin Kankam del Barracuda (girone E) e di Fulvio Celeghini del Racconigi (girone F).

 

Ecco due nomi per la lista della spesa dei direttori sportivi di Promozione e non solo: 27 gol in 24 partite per entrambi. Se Celeghini ha già giocato in Promozione, così come in Prima, Seconda e addirittura Terza (curiosità: Racconigi migliore attacco alla pari di Infernotto e Atletico Racconigi con 55 gol fatti), per il classe 1996 Kankam questa stagione potrebbe essere un grande trampolino di lancio. L'ex portiere (in quel ruolo giocava nella Juve da piccolo!) è al quinto anno al Barracuda, società che nel mercato estivo dovrà guardarsi dalle richieste esterne.

Intanto con più di 20 gol in mezzo ai gironi vercellesi, cuneesi, novaresi e alessandrini, ci sono anche i "nostri" Borgoni del Mirafiori (21) e Ruggiero del Rapid (20). La particolarità è che nessuno dei due ha le classifiche caratteristiche del numero 9: sono giocatori geniali, talentuosi, che fanno leva su visione di gioco, inserimenti e dribbling più che sulla potenza da panzer offensivo. I numeri dicono tutto: segnano tantissimo.

mar

21

mar

2017

Triangolo Promozione D: Savio Rocchetta 48, Atletico Torino 45, Lucento 44. Le ultime 6 partite...

RUSH FINALE PROMOZIONE D

Manca uno scontro diretto: Savio-Lucento alla terzultima

Secondo da sinistra Rosucci (Atletico Torino)
Secondo da sinistra Rosucci (Atletico Torino)

21 marzo 2017

 

Il Canelli (41 punti) ha ancora qualche residua speranza di vincere il titolo, ma verosimilmente in Promozione D (classifica completa) siamo alla resa dei conti: Savio Rocchetta 48, Atletico Torino 45, Lucento 44.

 

QUI SANDO

Secco 4-0 al Barcanova, la bellezza di 39 punti nelle ultime 16 partite (come da tabella sottostante) con un unico ko al 90 in casa Cbs. La squadra di Raimondi sta davvero benissimo e potrebbe aumentare il vantaggio nelle prossime due settimane: è nettamente superiore a Nuova Sco e Pozzolese, neopromosse che giocheranno però il tutto per tutto per salvarsi. Nel trende delle ultime 16 gare a fare la differenza è soprattutto la difesa e la fase difensiva: appena 0.5 gol subiti a partita per Manno, Sasso, Rea e compagni.

Il calendario: trasferta a Canelli, big match contro il Lucento. Sarà quello il momento clou.


SAVIO ROCCHETTA-BARCANOVA 4-0
Savio Rocchetta: Blini, Tigani, Pia, Manno, Mannai, Rea, Redi, Azzalin, Ligotti (33' st Camara), Modini (10' st Rosa), Sasso (23' st Busco). A disp. All. Raimondi.
Barcanova: Piarulli, Barrella (1' st Palladino), Zaccarelli, Filoni, Monica (5' st Fiore), Zigliani, Idahosa, Roeta, Monteleone, Di Vanno, Di Paola (1' st T. Konan). A disp. Grande, Tricerri, Lionetti, S. Konan. All. Camposeo.
Reti: pt 19' Manno r., 42', 44' Ligotti; st 23' Redi.

 

QUI ATLETICO TORINO

Fondamentale la rete di Rosucci in casa Santostefanese. Ancora -3 dalla vetta in questo sogno inseguito dall'Atletico Torino, protagonista di una pazzesca scalata al 2° posto con 33 punti nelle ultime 16 giornate.

Il calendario: i torinesi di Piazzoli affronteranno tutte squadre di medio-bassa classifica, ma molto conteranno le motivazioni. Domenica subito un avversario tosto, la Cbs, poi testa-coda col San Giuliano, di seguito Arquatese e Barcanova (abbastanza tranquille, in quelle settimane il Savio avrà due scontri diretti) per chiudere con Nuova Sco e Pozzolese, che potrebbero essere una ai playout e l'altra retrocessa. Sulla carta, e solo sulla carta, un percorso finale un po' più semplice.

 

SANTOSTEFANESE-ATLETICO TORINO 0-1
Santostefanese: Bodrito, Labate (15' st Labate), A. Marchisio, Roveta, Garazzino, Conti, Meda, Becolli (15' st Giudice), F. Marchisio, Dispenza, Formica (9' st Novara). A disp. Amati, Corvisieri, Velinov. All. Amandola.
Atletico Torino: Scardino, Puccio, Montalti, Rosucci, Marmo, Salerno, Sansone (29' st Coppola), Di Matteo, Gambardella (44' st Frigerio), Curto, Zanon. A disp. Gurlino, Zaza, La Gaetana, Ponzi, Novello. All. Piazzoli.
Reti: 1' Rosucci.

 

QUI LUCENTO

Il 3-2 all'Accademia in Coppa (rimonta da 0-2) e il pareggio ad Asti, sempre su rimonta firmata Perrone, hanno gasato l'ambiente e messo in luce contemporaneamente luci e ombre della compagine di corso Lombardia, capace di andare in tilt e di ribaltare le partite in pochi minuti come se niente fosse.

Il calendario: la grinta di un San Giacomo Chieri e di un Cassine che vogliono salvarsi, l'ostico Cenisia, lo scontro frontale in casa Savio Rocchetta, la Santostefanese tagliata fuori dal discorso playoffs e infine la Cbs, che invece potrebbe ancora lottare per 4° e 5° posto. Un percorso duro per i ragazzi di Senatore, che a -4 dalla vetta dovranno gestire bene le energie in vista del ritorno di Coppa il 29 marzo. Poi potranno tornare a capofitto sul campionato in attesa di un eventuale finale...

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO: SANDO, CHE DIFESA!

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
SAVIO ROCCHETTA 39 16 6 6 0 1 1 2 39 8
ATLETICO TORINO 33 16 4 6 1 2 3 0 33 22
LUCENTO 30 16 6 2 1 1 2 4 32 15
CANELLI 30 16 5 3 1 1 3 3 26 13
BARCANOVA 29 16 4 4 2 1 2 3 22 23
CBS 25 16 5 2 1 4 1 3 20 15
ASTI 24 16 5 1 2 2 1 5 22 20
CENISIA 22 16 4 2 2 4 2 2 16 18
SANTOSTEFANESE 21 16 3 2 2 3 2 4 18 14
ARQUATESE 20 16 4 1 1 5 3 2 14 20
VILLANOVA 18 16 3 1 2 4 3 3 20 24
CASSINE 17 16 4 1 2 7 2 0 19 19
SAN GIULIANO N. 13 16 2 0 1 6 5 2 17 26
NUOVA SCO 13 16 3 0 2 7 3 1 14 35
SG CHIERI 10 16 2 1 5 7 1 0 17 30
POZZOLESE 4 16 0 0 7 5 2 2 13 40

mar

21

mar

2017

Promozione B, i ruggiti di Venaria (6-0) e Caselle (5-2) in zona salvezza. Gassino, ritmo da big

6-0 VENARIA: ARRIVA IL RILANCIO?

In Promo B vincono anche i vicini di casa del Caselle

Il Venaria
Il Venaria

21 marzo 2017

 

Finalmente i loro ruggiti. Qui Venaria: 6-0 al Victoria Ivest, il rilancio in zona playout. Qui Caselle: 5-2 al Santhià, il sorpasso al penultimo posto.

In Promozione B c'è tanta lotta anche in zona salvezza. Questa la situazione: Gassino 27 (ben 17 punti nel ritorno, un'altra squadra!), Mathi 26, Ivest 21, Venaria 20, Caselle 14, Santhià 12. L'ultima retrocederà, altre quattro andranno ai playout con meno di 10 punti di distacco tra la quintultima e penultima, terzultima e quartultima.

 

Chi sta meglio? Il Gassino, per esempio, sta marciando ad un passo superiore a quello del Lascaris, Atletico Chivasso e Volpiano, a ruota delle grandi Union Susa e San Maurizio Canavese. Mathi, Venaria e Caselle stanno procedendo allo stesso ritmo, mentre l'Ivest è in calo e dovrà reagire al 6-0 subìto a Venaria. Doppiette di Abdoune, Radu e Zizzo.

 

I sei gol rifilati dal Venaria di Gousse al Victoria Ivest nello scontro diretto per la salvezza significano molto di più dei tre punti in classifica, che danno comunque speranza per questo finale di stagione: i playout rimangono l’epilogo più probabile, ma dando continuità a queste prestazioni e a questi risultati il miracolo orange è possibile.
In casa Venaria il morale torna alto ma ci sono altre novità: la garanzia del 4-3-3 con il tridente e la novità Alliaj vicino alle certezze Abdoune e Radu, il ritorno in mezzo al campo di Porrone, insieme all’esperto Martorano e al giovane Aguglia e poi la difesa si è compattata con Mignano, Di Carlo, Poluzzi e Vasario. Insomma, se playout dovranno essere, il Venaria si sta preparando ad affrontarli nel modo giusto.

 

VENARIA-VICTORIA IVEST 6-0
Venaria: Marsico, Dicarlo, Vasario, Aguglia, Mignano, Poluzzi, Alliaj (st 17’ Talarico), Martorano (st 41’ Dicorso), Abdoune (st 33’ Zizzo) Porrone, Radu. A disp. Siverio, Gagliardi, Trombini, Esposito. All. Gousse.
Ivest: Santomauro, Roncarolo, Cara, Migliardi, Akadinma, Barbino, Charai (st 18’ Muratore), Carangella, Onjefu (st 5’ Saponaro), Valenti, Troni (st 37’ Ferrari). A disp. Rizzo, Durano, Boutamra, Solito.

Reti: pt 20' Abdoune, 35' Radu, st 17' Abdoune, 34' Radu, 37' e 42' st Zizzo.

 

I vicini di casa del Caselle rispondono per le rime. Partita che valeva mezza stagione per i ragazzi di Aimone, che affondano un Santhià alla deriva coi gol di Aprà, Mandarà (tripletta) e Tuzza. Lo stesso Contiero, mister del Santhià, si è lasciato andare ad una dichiarazione emblematica: "Auguro al Caselle di andare ai playout al posto nostro, siamo ai titoli di coda".

Eppure per gli ospiti era iniziata bene: un rigore di Atich per un fallo di Leone su De Souza. 0-1 con rete di Atich dopo 11 minuti.

Il Caselle ha il fuoco dentro: tre minuti per lo splendido 1-1 di Aprà, sei minuti per la fuga verso il 2-1 di Mandarà. Nella ripresa doppietta e tripletta del bomber con un diagonale e un pallonetto, poi palo dell'ex Aimone e gol del 5-1 di Tuzza prima del 5-2 di Diaw. Questa era la giornata del Caselle, che lascia il Santhià a -2 all'ultimo posto e si porta a -12 dal Mathi Lanzese di Binandeh. C'è ancora da lottare, ma la speranza è accesa per provare a tornare ai playout: l'anno scorso, contro la Pro Collegno, andò alla grande...

 

CASELLE-SANTHIÀ 5-2
Caselle: Leone, Talloru (30′ st Pertosa), Biseffi (40′ st Damiano), Abalsamo, Dellerba, Cometto, Liuni, Tuzza, Aimone Gigio, Aprà (31′ st Giampietro), Mandarà. A disp. Santacroce, Rocci, Ceste, Morello. All. Aimone.
Santhià: Franco, Comotto, Esanu, Gnagbo Loba, Chkikar, Atich , Cardinale (16′ st Radaelli), Menna, De Souza , Bacchin (12′ st Diaw Serigne), Benou Kaiss. A disp. Quaglino, Ngidi, Capato. All. Contiero.
Reti: 11′ rig. Atich (S), 14′ Aprà, 20′, 15' st e 21' st Mandarà, 33′ st Tuzza, 45′ st Diaw (S).

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
SAN MAURIZIO C.SE 24 9 4 4 1 0 0 0 17 5
UNION SUSA 20 9 3 3 0 1 1 1 13 7
GASSINO SR 17 9 3 2 0 2 1 1 18 12
LASCARIS 15 9 3 1 1 1 1 2 16 12
ATLETICO CHIVASSO 15 9 1 3 1 1 2 1 13 12
VOLPIANO 14 9 2 2 1 2 1 1 14 16
NOLESE 13 9 2 1 0 2 2 2 11 14
QUINCITAVA 13 9 2 1 1 1 2 2 12 8
VANCHIGLIA 12 9 2 1 2 1 1 2 20 19
IVREA BANCHETTE 10 8 0 2 2 0 2 2 14 14
BOLLENGO 10 8 2 1 2 2 0 1 13 11
MATHI LANZESE 8 9 1 0 1 2 3 2 11 11
VENARIA REALE 8 9 1 1 3 2 1 1 14 12
CASELLE 7 9 1 1 3 3 0 1 13 17
VICTORIA IVEST 5 9 0 1 3 3 2 0 12 26
SANTHIA' 2 9 0 0 3 4 1 1 5 20

lun

20

mar

2017

Dall'Atletico Nsc: "Nostro mister coinvolto nello scandalo? Collaboriamo con la Polizia, ci dissociamo da tutto"

ATLETICO NSC: "PRENDIAMO LE DISTANZE DAL NOSTRO MISTER"

Pedopornografia, arrestato un allenatore del club di Csi torinese

20 marzo 2017

 

Abbiamo sentito la società di Csi Atletico Nsc Murialdo in merito alla sua posizione dopo lo scandalo esploso stamattina: arrestati due allenatori (qui i nomi pubblicati da Repubblica)

a seguito di un'indagine delicata dove un mister avrebbe chiesto ed ottenuto prestazioni sessuali da alcuni ragazzini in cambio della promessa di giocare titolare. Contestati poi altri reati tra i quali quello di pedopornografia. Uno dei due giovani tecnici, appena 20enne, allenava proprio in via Germonio a Torino. Davvero una brutta storia.

 

Dalla società: "Ci dissociamo completamente da tutto. Non sappiamo se il ragazzo sia colpevole o meno, ma nel dubbio scegliamo di allontanarlo dalla società. Qui è tutto senza scopo di lucro, siamo volontari e abbiamo tanta passione. Questa storia sporca il nome della nostra società, ma noi siamo dalla parte della giustizia. Stiamo collaborando con la Polizia Postale, in silenzio. Se ci siamo fidati di una persona sbagliata? Probabilmente sì...Noi prendiamo le distanze da tutto ciò per il quale il ragazzo è accusato...".

lun

20

mar

2017

Prima: Rapid Torino-Cit Turin 3-2. Daggiano-gol, Oppedisano azzecca il cambio. Intanto il Carrara fa 11 di fila!

VOLA IL RAPID: DAGGIANO, UN GOL DA 6 PUNTI

Il Cit sorpassato da Carrara e Mirafiori

Daggiano, match winner del Rapid Torino
Daggiano, match winner del Rapid Torino

20 marzo 2017

 

PRIMA GIRONE E: CLASSIFICA E CALENDARIO

 

Un gran bel girone, questa Prima Categoria E. Grandi emozioni, sorprese e sussulti ad ogni curva: prima l'allungo del Cit Turin, poi il sorpasso del Rapid, contemporaneamente le 11 vittorie di fila del Carrara e la risalita del Mirafiori...E il rebus Promozione continua.

Si avvicina alla soluzione una squadra su tutte: il Rapid Torino di Oppedisano. Forse tra tre settimane con Carrara-Mirafiori e soprattutto Rapid-Carrara si capirà molto di più in questa intricata classifica, ma per ora la squadra di Oppedisano porta a casa il colpaccio: 3-2 nel finale di gara al Cit Turin. Tre punti che valgono doppio, perchè ottenuti contro una pretendente al titolo, una giovane e tecnica formazione come il Cit.

 

Cronaca. 1-0 locale di Ruggiero, il più attivo fin da subito per il Rapid: lancio di Ouattara e il bomber da 20 reti in 24 gare non sbaglia. La combinazione Rammah-Robucci permette il raddopio ai padroni di casa al 44': il numero 11 entra in area e sfida a tu per tu Orsini, battendolo. Gara chiusa? Macchè.

Nella ripresa succede di tutto. Ruggiero sfiora il 3-0 con un tiro respinto da Orsini e traversa, poi al 16' rigore per il Cit: contatto Quatela-Saltori e penalty trasformato da Gagliardi. E' qui che il Cit si esalta con gioco verticale e grande pressione, tant'è che il Rapid arretra il baricentro e subisce anche il 2-2 dopo aver fallito il 3-1 con Palmieri. Al 26' st, infatti, ecco un cross di Gagliardi deviato da De Matteis: autogol. Parità. Tutto da rifare per il Rapid, che aveva in mano la partita e si ritrova un Cit indemoniato di fronte, che ora vuole vincere.

La mossa giusta è di Oppedisano, che trova la qualità di Daggiano pronta al servizio: fuga sul filo del fuorigioco e tocco vincente che manda in delirio i tifosi del Rapid. E' il colpo del ko al 41' st. Gli ospiti non ne hanno più.

Al fischio finale brutte sorprese per il Cit, che subisce il doppio sorpasso del Carrara (11 vittorie consecutive, battuto il record del Rapid 2014/2015, eguagliato quello del Pianezza 2010/2011) e del Mirafiori (secco 3-0 al Bacigalupo firmato da Torregiani in doppietta e Luisi).

 

Così Luigi Daggiano, ex Pro Settimo Eureka, ai nostri microfoni: "Bella partita, tanta gente al campo. Eravamo tranquilli, non eravamo tesi e infatti vincevamo 2-0 dominando la partita. Poi purtroppo abbiamo avuto un black out, ma siamo comunque riusciti a raddrizzarla ancora una volta. Cosa mi ha detto Oppedisano prima di entrare? Mi ha fatto un cenno e mi ha detto di risolverla...Io avevo in testa solo quello. Questa Promozione è l'obiettivo di tutta la squadra, un gruppo meraviglioso. Non ho mai fatto parte di uno spogliatoio così unito".

Due parole sui colleghi di reparto: "Ruggiero strepitoso, di un'altra categoria, e Robucci devastante. Ho due compagni di attacco clamorosi e tanti altri amici come gli ex Pozzomaina De Matteis, Orilio, Mafodda e Palmieri. La classifica? Non la guardiamo. L'unica cosa che conta, ora, è battere il Bacigalupo. Finora abbiamo messo un mattone sull'altro proprio in questo modo, è questa la strada giusta e siamo concentratissimi. Non è il momento di pensare a quelli che saranno gli scontri diretti, nè alle rivali. La prossima partita è la nostra finale".

Otto gol, un pensierino alla doppia cifra per Daggiano? "In effetti...".
 

RAPID TORINO-CIT TURIN 3-2
Rapid Torino: Sampieri; De Matteis (32' st Daggiano), Colicino, Tartaglia, Quatela; Rammah, M. Orilio, Ouattara (9' st Mat. Orilio); Palmieri, Ruggiero (43' st Alessandria), Robucci. A disp. Giannattasio, Miscia, Rossi, Zanotti. All. Oppedisano.
Cit Turin: Orsini; Cirillo, Cattaneo (5' st Saltori), Moncalvo; Sandiano (45' st Bacconi), Vargiu, Panarese, Baudino; Gianarro (36' st Salvador), Tarzia, Gagliardi. A disp. Controverso, D'Agostino, Bongiovanni, Salis. All. Garau.
Arbitro: Magagna di Collegno

Reti: 33' Ruggiero, 44' Robucci; st 16' Gagliardi rig., 26' De Matteis aut., 41' Daggiano

 

CARRARA-VILLASTELLONE 2-1

Reti: 4' st Minniti, 14' st Cimmino, 36' st Fasano (V)

 

MIRAFIORI-BACIGALUPO 3-0

Reti: 15' st e 29' st Torregiani, 45' st rig. Luisi.

 

L'INCREDIBILE MARMO DI CARRARA: 33 SU 33 NELLE ULTIME 11, TUTTE VINTE

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
CARRARA 90 33 11 6 5 0 0 0 0 28 6
RAPID TORINO 25 11 5 3 0 2 1 0 32 19
MIRAFIORI 24 11 4 3 0 1 2 1 29 10
CIT TURIN 21 11 4 2 0 2 1 2 24 18
VILLASTELLONE C. 18 11 2 3 1 2 2 1 26 18
ATLETICO SANTENA 17 11 3 2 2 2 1 1 19 15
PERTUSA BIGLIERI 16 11 4 1 2 3 0 1 23 21
POZZOMAINA 15 11 2 2 1 3 2 1 13 14
BARRACUDA 15 11 2 3 3 3 0 0 20 20
BACIGALUPO 13 11 2 2 3 3 1 0 20 22
VIANNEY 12 11 2 1 3 2 1 2 15 20
BALDISSERO 12 11 1 2 2 3 2 1 19 22
KL CALCIO 11 11 1 2 3 3 1 1 11 15
ORIONE VALL. 10 11 1 1 3 2 1 3 16 29
CAMBIANO 7 11 1 1 5 3 0 1 13 26
FILADELFIA M. 0 11 0 0 5 6 0 0 4 37

lun

20

mar

2017

Scandalo pedopornografia nel calcio torinese: "Repubblica" svela i nomi, ecco gli allenatori arrestati

SCANDALO PEDOPORNOGRAFIA NEL CALCIO TORINESE

"Repubblica" svela i nomi: due "mister" arrestati

20 marzo 2017

 

Fuori i nomi: secondo "Repubblica" gli allenatori coinvolti nell’indagine per pornografia minorile e violenza sessuale nel calcio giovanile torinese sarebbero Maicol Poerio (allenatore della squadra di Csi Atletico Nsc con sede al "Certezza" in corso Allamano a Torino, per lui arresti domiciliari) e Gianfranco Dugo, ora al Carrara 90, già assolto nel 2007 in un'indagine simile al Giaveno Boys per un'accusa dopo un ritiro in Valle d'Aosta. Il caso si chiuse con "il fatto non sussiste", ma ora ci risiamo e attualmente si trova in carcere.

Dalle informazioni recuperate pare che Dugo abbia anche partecipato cinque anni fa al corso al Cit Turin "Calcio 4d" di Bacconi. Molti allenatori del calcio torinese lo hanno conosciuto lì.

 

Sarebbero questi i nomi contenuti nell'ordinanza del Gip. Un anno di inchiesta, dunque, coordinata dal pm Dionigi Tibone e diretta da Paola Capozzi della PolPostale. Sul cellulare di Poerio la Polizia avrebbe trovato almeno una quarantina di chat con foto e richieste inequivocabili: sono arrivati a lui partendo dalla denuncia di un ragazzino di 15 anni, che a sua volta aveva ricevuto attenzioni dal mister dopo un invito a dormire da lui. In seguito, fortunatamente, aveva denunciato tutto alla madre dando modo alle indagini di ramificarsi.

 

La curiosità è che Dugo (classe 1960, ma stiamo verificando) avrebbe già allenato Poerio al Centrocampo: ora è accusato di aver raccolto e conservato il materiale pedopornografico. Il terzo soggetto coinvolto, gravato dall’obbligo di firma, sarebbe Massimiliano S., conosciutissimo nell’ambiente del calcio giovanile come arbitro delle rappresentative (amichevoli) e non solo. E' stato denunciato con obbligo di firma,  talvolta avrebbe partecipato con lui ad incontri con i minorenni.

DOCUMENTO SUL WEB

 

Cercando il nome di Dugo, che secondo "Repubblica" è tra gli allenatori coinvolti nello scandalo pedopornografia del calcio torinese, abbiamo trovato una lettera su un forum. Non siamo certi che l'abbia scritta proprio lui, ma ci sono parecchi indizi: si tratta di un allenatore del torinese con nome e cognome identico, in più pare che sia stata scritta nei primi anni 2000 e sarebbe in linea con l'età in quel periodo di Dugo (42 anni, oggi 57).

 

Clicca sulla lettera e leggi il documento

lun

20

mar

2017

Rivoli, "comunque vada Panta-Leo": ritorno alla vittoria. Tortona e Colline, imprese di giornata

ECCELLENZA B, IL TREND NEL GIRONE DI RITORNO

Due punizioni al veleno per Pantaleo (Rivoli)
Due punizioni al veleno per Pantaleo (Rivoli)

20 marzo 2017

 

CAVOUR-RIVOLI 1-2
Cavour (4-3-3): Raica; Laganà, Cuttini, Cristiano, S. Bonelli; Cretazzo, Dedominici (13’ st Buongiorno), Atterritano; Candela (26’ st Quattrocchi), Pareschi, Fiorillo. A disp. Gilli, Friso, Valerio, D. Bonelli, Puddu. All. Di Leone.
Rivoli (4-3-3): D’Errico; Gallace, Grancitelli, Drago, Gandiglio; De Rosa, Grauso (18’ st Ferone), Pantaleo; Marzano (28’ st Saffiotti), Cravetto, Sardo (40’ st Pavan). A disp. Ghiglione, Palermo, Santipolo, Soresini. All. Fornello.
Reti: 27’ e 41’ Pantaleo; st 36’ S. Bonelli.
Arbitro: Locapo di Torino.
Note: ammoniti Grancitelli, Pantaleo. Angoli: 9-2. Recupero: pt 1’; st 5’.

 

Sulle frequenze di "Occidentali's Karma": comunque vada Panta-Leo. Ecco il Rivoli che rialza la testa con la doppietta del centrocampista, velenosissimo su punizione: doppietta in 40 minuti al Cavour (un ottimo Cavour, sciupone e sfortunato) e i rivolesi tornano alla vittoria dopo 8 turni. Morale alto per la corsa playoffs.

 

La cronaca. Tre punti dal sapore di liberazione per il Rivoli, che non vinceva da 8 partite, davvero troppe per la qualità della rosa. Ora il club si è finalmente sbloccato e con il ritorno in campo di Grancitelli e Cravetto (aspettando Piroli, Saadi e Cervino, domenica era squalificato anche il portiere Volante) sarà tutta un'altra musica in vista della volata finale verso i playoffs.

Intanto ecco l'1-2 di Cavour: doppietta di Pantaleo nel primo tempo in una partita che per i locali si mette subito male con le buone occasioni sui piedi di Fiorillo e Pareschi nei primi dieci minuti, soffocate dal portiere rivolese D'Errico. Al 18' bellissima punizione di Pantaleo, una specialità della casa, e palla di poco fuori. Ma è ancora il Cavour, poco dopo, a provarci: prima conclusione di Candela, poi batti e ribatti e palla sulla traversa. Il Rivoli rischia, ma Pantaleo apre lo show di nuovo su punizione, questa volta rasoterra e in diagonale: 0-1 al 27'. D'Errico tiene in piedi il vantaggio respingendo in tuffo un tiro di Candela, poi ecco la doppietta di Pantaleo: altra punizione, altro gol. 0-2. Qualche responsabilità in questo caso da parte del portiere Raica.

Nella ripresa il Cavour propone in attacco anche il bomber Buongiorno, tenuto però a bada da un buonissimo rientro di Grancitelli. E dove non c'è il capitano ci pensa il palo a fermare Buongiorno, come al 20' st. La spinta dei locali resta forte e al 36' st arriva l'1-2 di Simone Bonelli, che diventa il preludio all'assedio finale: nel recupero, infatti, il Cavour sfiora la parità con Atteritano e Buongiorno (49' st). Il Rivoli si gode i tre punti: questa volta per Fornello contava solo vincere e saper soffrire, anche se il Cavour non ha affatto demeritato.


Che impresa quella del Tortona (ora al 2° posto!): espugnato il campo del Castellazzo, primo in classifica, in inferiorità numerica per più di metà gara dopo il rosso a Giordano (21'). La rete decisiva è, tanto per cambiare, di Farina al 17' st. Il Castellazzo va ko per la seconda volta in campionato, ma dopo ben 24 partite e per la prima volta in casa. Il Saluzzo, per fortuna dei verdi, perde addirittura in casa e manca l'occasione clamorosa di riportarsi sotto a -4: Piovano-Persiano, colpaccio esterno del Colline Alfieri, che vuole assolutamente salvarsi. I tre punti finiscono in terra astigiana e ora il Colline si prepara per cercare di infastidire anche il Rivoli nella prossima trasferta.

 

CASTELLAZZO-TORTONA 0-1
Castellazzo: Gaione, Cascio, Costa (36′ Cimino Fe.), Molina, Silvestri, Camussi, Viscomi (15′ st Zunino), Genocchio, Cabella (26′ st Limone), Rosset, Piana. A disp. Baralis, Cimino, Boveri, Crispoltoni. All. Merlo.
Tortona: Murriero , Mazzariol, Mazzocca, Magnè (30′ st Sacchetti), Giordano, Pavanello, Anibri, Rolandone, Farina, Merlano (29′ Versuraro), Acerbo (31′ st Manzati). A disp. Acerbo Umberto, Santamaria, Mofena, Clementini. All. Visca.
Rete: 17' st Farina.
Espulsi: 21' Giordano, 36' st Cabella.

 

SALUZZO-COLLINE ALFIERI 1-2
Saluzzo: Marcaccini, Aleksovski, A. Serra, Gozzo, Caldarola, Carli, Micelotta, M. Serra (40' st Faridi), Pinelli (25' st Favale), Bissacco (41' st Morero), Pampiglione. A disp. Nardi, Beninato, Boglione, Tallarico. All. Capra.
Colline Alfieri: Brustolin, Ciletta, Ahmed, Marino, Maglie, Lumello, Arione, Pozzatello (30' st Di Maria), Persiano, Gennari (32' st Blini), Piovano (36' st Di Savino). A disp. Franceschi, Sacco, Fraquelli, Di Benedetto. All. Rista.
Reti: 12' Bissacco, 28' Piovano; st 25' Persiano.

 

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO: TORTONA DA SERIE D

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
TORTONA 26 10 5 3 0 0 1 1 13 3
PRO DRONERO 18 9 1 4 1 0 1 2 19 10
CASTELLAZZO 17 10 2 2 1 0 3 2 14 7
FOSSANO 17 10 2 2 1 0 3 2 24 16
FC SAVIGLIANO 16 10 4 1 0 4 0 1 14 11
CHERASCHESE 15 9 1 3 2 0 2 1 15 13
RIVOLI 14 11 1 2 2 1 2 3 13 13
SALUZZO 13 10 1 2 2 1 1 3 11 13
VALENZANA MADO 12 10 2 2 3 3 0 0 10 13
CORNELIANO R. 10 10 0 2 3 1 2 2 11 10
BENARZOLE 10 9 0 2 1 2 4 0 11 10
CAVOUR 10 10 1 2 4 2 0 1 10 14
BONBONASCA 9 10 1 1 2 3 1 2 9 22
OLMO 9 9 2 0 2 2 1 2 12 18
COLLINE ALFIERI 8 10 0 2 4 2 1 1 8 15
ALBESE 6 9 1 0 2 3 2 1 10 16
ACQUI 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

lun

20

mar

2017

Lascaris, cambierà tutto. Lo storico presidente Trabucco cederà la società. Ecco cosa riportano fonti certe...

LASCARIS, NUOVA CORDATA: TRABUCCO CEDE IL CLUB

Nel 2017/2018 bianconeri guidati da nuovi imprenditori

20 marzo 2017

 

Francesco Trabucco conferma: a fine stagione cederà il Lascaris. Una bomba nel calcio piemontese, anche se le voci giravano da settimane e anche se lo stesso Trabucco (patron dal 1971) rimarrà in società come presidente onorario.

Un settore giovanile tra i migliori del Piemonte, un tour in serie D (rapido e purtroppo non proprio indolore), un nome rimasto in alto e accompagnato da un'ottima nomea grazie ai mille giocatori lanciati e valorizzati, a centinaia di valdissimi allenatori e istruttori e anche grazie ad un "Trofeo Lascaris" ciliegina sulla torta per la categoria Allievi: ecco cos'è la società di via Claviere, che per quanto riguarda la prima squadra (e non solo) negli ultimi anni ha avuto però qualche difficoltà. Oggi, con Cocino in panchina, lotta per salire in Eccellenza tramite playoffs nel girone B di Promozione.

 

Ecco allora l'idea per rilanciare le ambizioni e pianificare il futuro con nuove idee: il passaggio di consegne (lo rivelano fonti certe, ma non è ancora tempo di fare i nomi) verso imprenditori del torinese accompagnati da persone (preparatori, allenatori, dirigenti) molto esperte di calcio e di sport, alcune delle quali in arrivo da club prestigiosi del Piemonte. Si parla di 7-8 persone soltanto ai vertici dirigenziali.

 

Tra i primi progetti la chiusura dei lavori per la costruzione di un sintetico di ultima generazione che sostituirà l'attuale campo in terra dietro la tribuna del Lascaris. Queste le prime indiscrezioni, ma a breve ci saranno molte novità...

lun

20

mar

2017

Denso, malore per Ammendolea negli spogliatoi. Mister Panetta in aiuto. Macchi: "Grazie al Grugliasco e al pres Marmo"

DENSO, PAURA PER AMMENDOLEA

Il ds Macchi: "Che spavento, ma oggi è operativo a lavoro"

20 marzo 2017

 

Un bello spavento ieri pomeriggio per Alessio Ammendolea e per la Denso. Al termine della partita di Promozione C vinta con una grandissima rimonta proprio dagli ospiti sul Grugliasco (da 2-0 a 2-3) Ammendolea si trovava negli spogliatoi e stava parlando con un compagno di squadra. All'improvviso un malore, la caduta, la testa che sbatte contro un borsone e la perdita di conoscenza. Un momento drammatico, ottimamente gestito da mister Panetta (infermiere professionista) e dal presidente grugliaschese Felice Marmo, che ha coordinato le operazioni di ingresso di due ambulanze, la prima arrivata subito e la seconda con un dottore a bordo.

 

Panetta ha evitato il peggio tirando tempestivamente due volte la lingua fuori dalla gola ad Ammendolea, che avrebbe potuto rischiare di non respirare per lunghissimi secondi. Il giocatore si è poi lentamente ripreso, è stato trasportato all'ospedale di Rivoli. La causa di tutto ciò, probabilmente, è un mix tra calo di zuccheri e il gran caldo sul sintetico di via Leonardo da Vinci. Si parla di un leggero collasso.

 

Il ds della Denso Giuseppe Macchi: "A nome di tutta la società vogliamo ringraziare il presidente del Grugliasco Felice Marmo, ha fatto davvero di tutto per agevolare e rendere efficaci i soccorsi ma anche per comunicare la notizia del malore nel modo giusto ai genitori di Ammendolea, che non erano al campo. Panetta è stato bravissimo...E' stata una fortuna averlo lì. In molti ci siamo spaventati, non tutti sapevano cosa era giusto fare. E' stato un momento molto delicato. Per fortuna Alessio oggi è operativo a lavoro. E' rientrato tutto".

 

Due parole sul momento della squadra: "Che strano e che bello il calcio...Al 45' il Revello vinceva e noi eravamo sotto di due gol, a -6 da loro e praticamente fuori dalla lotta per il titolo. Nella ripresa ho visto una squadra davvero tonica, cattiva e aggressiva, abbiamo segnato due volte con Geografo e con Bertelli trovando tre punti di platino. Siamo capaci di tutto".

 

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO IN PROMOZIONE C

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
DENSO 18 9 2 3 1 0 2 1 18 9
PEDONA 18 9 2 3 1 0 1 2 11 7
GIOV. CENTALLO 17 9 5 0 0 2 0 2 15 10
REVELLO 16 9 0 4 1 0 3 1 11 8
PISCINESE RIVA 16 9 2 2 0 1 3 1 14 8
MORETTA 16 9 2 2 0 1 3 1 14 5
PANCALIERI CAST. 14 9 2 1 0 1 2 3 11 10
VILLAFRANCA 14 9 3 1 0 3 1 1 11 10
SAN SEBASTIANO 11 9 2 1 2 2 0 2 8 10
BOVES 11 9 2 1 2 2 1 1 10 12
BSR GRUGLIASCO 10 9 2 1 2 3 1 0 13 12
CARMAGNOLA 10 9 2 0 1 2 1 3 10 13
CHISOLA 8 9 1 1 2 3 1 1 14 15
TROFARELLO 6 9 0 1 3 2 2 1 10 18
VILLAR PEROSA 4 9 0 0 2 3 2 2 4 13
CARIGNANO 3 9 0 0 4 2 1 2 5 19

lun

20

mar

2017

Sesso in cambio del ruolo da titolare nel calcio giovanile. Storiaccia, due allenatori arrestati

SESSO IN CAMBIO DEL POSTO DA TITOLARE

Due allenatori arrestati nel calcio giovanile torinese

20 marzo 2017

 

Incredibile storiaccia nel calcio giovanile torinese: i nomi non sono ancora noti e neanche le eventuali società coinvolte, ma ciò che è certo è che la Polizia postale di Torino ha portato a termine un'operazione che ha comportato l'arresto di un allenatore 20enne, ora ai domiciliari. Il motivo: richiedeva prestazioni sessuali in cambio della promessa di giocare titolare. Pazzesco.

 

In carcere è invece finito un allenatore 50enne che sfruttava il collega più giovane per collezionare materiale pedopornografico. Nella vicenda è coinvolto anche un arbitro, per il quale è scattato l'obbligo di firma: con la scusa di massaggi tonificanti tentava approcci sessuali. Pedopornografia minorile e violenza sessuale le accuse a vario titolo nei loro confronti. 

L'indagine, coordinata dalla Procura di Torino, è durata quasi un anno e ruota intorno al mondo del calcio giovanile. A far scattare gli accertamenti della Polizia Postale è stata la denuncia per violenza sessuale dei genitori di un sedicenne con la passione del pallone. Il suo allenatore, un ventenne torinese, lo aveva invitato a dormire a casa sua dopo la preparazione atletica per un importante partita e in quella occasione aveva tentato un approccio sessuale. I successivi accertamenti hanno consentito alla polizia di accertare che l'allenatore, dopo essersi procurato la fiducia dei giovani calciatori, interagiva in chat con loro per sedurli con la promessa di un ruolo da titolare in squadra o di altri favori personali.

 

Una quindicina le vittime che hanno confermato i sospetti della polizia. Sono così scattati i domiciliari per il ventenne, con l'assoluto divieto ad utilizzare qualunque strumento informatico per la comunicazione con l'esterno. L'inchiesta, tuttora in corso, si è poi estesa all'allenatore 50enne e all'arbitro, un architetto torinese.

dom

19

mar

2017

Eccellenza B: Piovano-Persiano, colpo del Colline a Saluzzo! Il Tortona sbanca Castellazzo, Rivoli passa a Cavour

TORTONA, RIVOLI E COLLINE ALFIERI: BLITZ ESTERNI

Zona calda, 7 nomination per 4 posti playout

19 marzo 2017

 

Risultati importanti e a tratti sorprendendi in Eccellenza B: cade infatti dopo 24 partite senza perdere il Castellazzo, trafitto proprio nel derby alessandrino da un Tortona (0-1, gol di Farina) che invece mette a segno il 13esimo risultato utile consecutivo.

Colpaccio del Colline Alfieri a Saluzzo, dove la seconda in classifica non riesce ad approfittare del ko della capolista: è 1-2, Piovano e Persiano segnano i gol della gioia astigiana dopo l'1-0 di Bissacco.

Al 4° posto ecco il Rivoli: Fornello ritrova la vittoria, che mancava da 8 partite, con un doppio Pantaleo in casa Cavour (1-2, per i locali Bonelli). Occhio alla Cheraschese: ha due gare in meno del Rivoli e batte 2-1 il Savigliano, agguantando un Fossano bloccato dall'Olmo sul 3-3.

Il Corneliano Roero si è arenato: passa 1-2 la BonBonAsca, che agguanta il Benarzole a 28 punti. Dietro è lotta per evitare i playout (nessuna retrocessione diretta a causa dei fallimenti di Acqui e Novese): l'Albese riposava e viene avvicinata dal Colline, il Cavour si vede raggiunto a quota 24 dall'Olmo e la Valenzana continua la sua risalita con l'1-0 al Benarzole firmato Rizzo.

 

CLASSIFICA E CALENDARIO

dom

19

mar

2017

Borgaro-Juventus Domo 4-2: cronaca di un pazzo match. Eccellenza A, ecco chi tira il gruppo nel ritorno...

BORGARO: APRE PARISI, CHE PARTITA DI PIEROBON...

Battuta la capolista Juve Domo: ora è a +9

Parisi e Pierobon
Parisi e Pierobon

HIGHLIGHTS SU YOUTUBE

19 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

BORGARO-JUVENTUS DOMO 4-2: PAZZA PARTITA

a breve la fotogallery dell'incontro


Borgaro: Cantele, Multari, Consiglio, Del Buono, Ignico, Cristino, Pagliero, Zanella, Pierobon, Parisi, Piotto. A disp.: Erdelyi, Sinisi, Ferrarese, Brugnera, Gai, Arabia, Diop. All.: Russo.
Juventus Domo: Bastianelli, Piazza, Affinito, Incontri, Fusco, Pioletti, Hado, Leto, Todisco, Poi, Manfroni. A disp.: Fovanna, Cattaneo, Santin, Laratta, Guerra, Galligani, Alessi. All.: Brando.
Arbitro: Toso di Collegno (Assistenti: Ignomiriel e Rossano di Torino)
Reti: 45' Parisi, 6' st Pierobon, 18' e 28' st Poi (J), 39' st rig. Pierobon, 42' st rig. Brugnera

 

CLASSIFICA ECCELLENZA A COMPLETA

 

Gara ricca di episodi a Borgaro tra i locali secondi in classifica (e miglior squadra del girone di ritorno, come da tabella sottostante) e gli ospiti primi della classe.

Dopo soli quattro minuti fioccano polemiche tra gli allenatori Russo e Brando, che si mandano a stendere dopo differenti vedute in occasione della traversa di Del Buono su punizione (4'). Parisi prova a graffiare al 10': gran sinistro, ma sbatte su Pierobon. Poi 10 minuti molto convincenti della Juve Domo, che ha un attacco davvero spaventoso e uomini esperti come capitan Pioletti e Leto Colombo. Gran pressione e 0-1 accarezzato quando proprio Leto Colombo non riesce a toccare di punta su cross di Manfroni.

Mezzora: qui è invece il Borgaro a spingere con il turbo inserito, ma ci sono problemi sul settore destro, dove gli ospiti sfondano troppo facilmente. E proprio da lì arriva il cross per la testa di Manfroni, che al 39' sfiora il palo con un'incornata davanti a Cantele.

Al 45' l'arbitro sta per fischiare la fine del primo tempo, ma Pagliero crossa rasoterra dalla sinistra e trova il piattone vincente di Parisi al limite dell'area. 1-0.

Ripresa mozzafiato. Un quarto d'ora equilibrato poi la Juve Domo va in rete al 18' del secondo tempo con Poi su azione personale: destro nell'angolino e palla in rete. 2-1. Poco dopo espulso Del Buono del Borgaro al 26' del secondo tempo: non c'è respiro.

La Juve Domo prende fiducia ed ecco arrivare al doppietta di Ricky Poi che porta gli ospiti al pareggio. 2-2.

Partita folle, tesa, combattuta e piena di episodi. Nella parte centrale concessi due rigori al Borgaro in inferiorità numerica: il primo viene  realizzato da Pierobon al 38' e il secondo dal subentrato Brugnera al 42' dopo il grande gesto del capitano Pierobon che gli consegna il pallone per regalargli, nonostante sia lui il rigorista, il tiro dagli 11 metri. Juventus Domo infuriata contro la terna arbitrale per la concessione dei due penalty decisivi: mister Brando ha grossi dubbi su entrambi, ma specialmente sul primo dove Affinito sembra fare di tutto per evitare il contatto (immagini su Facebook).

A fine partita grandi abbracci sul terreno di gioco tra avversari. Belle cose. La tensione è però alta e volano ancora parole grosse negli spogliatoi. Qui è proprio Brando il primo a commentare: "Commentare? Non ho quasi nulla da dire. La direzione arbitrale è stata pessima e ha condizionato l'intero esito dell'incontro, non solo incidendo su singoli episodi. Ho visto un assistente andare in bambola anche sulle rimesse laterali da assegnare. Poi è molto strano che per Borgaro-Juve Domo abbiano mandato un arbitro di Collegno...".

Mister Licio Russo del Borgaro risponde iniziando proprio dalle designazioni: "Su questo sono d'accordo anche io e ho detto la stessa cosa quando a Domodossola abbiamo avuto un arbitro di Verbania. E' un errore della Federazione, sono loro a scegliere e così mettono in difficoltà i direttori di gara. Non dobbiamo pensare che venga automaticamente agevolata una squadra rispetto ad un'altra. Anzi...Forse incosciamente l'arbitro "locale", per così dire, tende a dimostrare di essere imparziale penalizzando qualche volta in più la squadra geograficamente più vicina a lui".

Mister, torniamo al calcio: "Il Borgaro mi è piaciuto e non voglio parlare della Juve Domo anche se mi dite che ce l'hanno con l'arbitro. Ho visto quattro gol uno più bello dell'altro e abbiamo preso due traverse. Abbiamo vinto e battuto la prima in classifica in dieci uomini contro undici. Ho detto tutto. I rigori? Non voglio entrare nel merito".

 

>>> GUARDA GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA (a breve anche video Youtube)

 

E' SUCCESSO DOMENICA: ALTRI RISULTATI

 

Il BorgoVercelli accompagna il Borgaro al 2° posto: 4-3 allo Stresa. Al 4° posto Aygreville-Biellese, scontro diretto in zona playoffs, finisce 0-0. Si riporta a -2 dai valdostani l'Alpignano di Gatta, che grazie al gol di Russo sbanca il campo del Borgomanero (0-1).

Salto a 42 punti per il Pont Donnaz di Cretaz (0-1 a Baveno e 6° posto), dietro il Trino condanna alla sconfitta di misura (0-1) la Rivarolese, mentre l'Orizzonti United impatta 1-1 contro un Cerano che porta via un bel punto salvezza.

Zona calda: cambia poco la classifica, Settimo-Alicese 0-0 e Pavarolo-Charvensod 1-1. Pareggiano tutte assieme al Cerano.

 

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO: SUPER BORGARO

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
BORGARO 21 11 2 4 1 1 2 1 21 11
JUVENTUS DOMO 19 11 3 3 2 2 0 1 23 19
BORGOVERCELLI 19 11 3 3 2 2 0 1 18 13
AYGREVILLE 19 11 2 3 1 1 2 2 14 7
PONT DONNAZ 19 11 3 2 1 1 1 3 13 10
LG TRINO 19 11 3 2 1 1 2 2 19 16
SETTIMO 16 11 1 3 2 1 3 1 14 17
CITTA' DI BAVENO 15 11 4 0 2 2 0 3 18 17
CERANO 15 11 1 3 2 2 2 1 19 17
ALPIGNANO 14 11 2 2 3 2 1 1 16 16
ALICESE 14 11 3 0 1 2 2 3 14 16
VDA CHARVENSOD 14 11 0 3 2 1 4 1 13 14
LA BIELLESE 13 11 2 1 2 2 1 3 10 14
RIVAROLESE 13 11 2 2 3 3 1 0 12 15
PAVAROLO 13 11 2 1 1 3 3 1 17 18
ORIZZONTI UNITED 12 11 1 1 1 2 3 3 12 14
STRESA 12 11 2 1 2 3 1 2 15 14
BORGOMANERO 1 11 0 0 5 5 1 0 4 24

dom

19

mar

2017

Calcio Piemonte: Eccellenza, Borgaro-Juve Domo 4-2. Cade il Castellazzo: 0-1 Tortona. Savio show in Promozione

ECCELLENZA, CADONO LE PRIME: TORTONA E BORGARO SHOW

Distacchi Promo: Susa-S.Maurizio -2, Revello-Denso -3, Savio-Atletico -3

PORTESI, ADDIO AL MISTER: sabato notte è scomparso mister Silvio Portesi, classe '55, mister e bandiera dell'Alpignano - Clicca per la notizia

 

NOTIZIONE IN PRIMA: CARRARA, SONO UNDICI VITTORIE DI FILA!

La squadra di Ragazzoni sale al 2° posto (classifica) dietro al Rapid, che batte 3-2 il Cit Turin. Superato il record dello stesso Rapid (2014/2015), eguagliato il record di 11 vittorie di fila del Pianezza (2010/2011). Un Carrara infinito!

Il Borgaro batte la Juve Domo in un pazzo match: 2-0, 2-2, alla fine 4-2
Il Borgaro batte la Juve Domo in un pazzo match: 2-0, 2-2, alla fine 4-2
La Juventus Domo: tantissima qualità, +9 sulle seconde dopo il ko di Borgaro
La Juventus Domo: tantissima qualità, +9 sulle seconde dopo il ko di Borgaro

18 marzo 2017

 

ECCELLENZA 

Settimo-Alicese 0-0

Borgomanero-Alpignano 0-1 (32' st Russo)

Orizzonti United-Cerano 1-1 (5' Ceriani, 6' st Saliero)

Borgaro-Juventus Domo 4-2 (45' Parisi, 6' st Pierobon, 18' e 28' st Poi (J), 39' st rig. Pierobon, 42' st rig. Brugnera)

Rivarolese-LG Trino 0-1 (15' Perelli)

Aygreville-La Biellese 0-0

Città di Baveno-Pont Donnaz 0-1 (45' st rig. Garbini)

BorgoVercelli-Stresa 4-3 (7' Bertola, 11' Lazzarini, 24' De Lorentiis, 6' st Faraci (S), 15' st Canino, 28' st Agazzone (S), 48' st Tiboni (S)

Pavarolo-Vda Charvensod 1-1 (15' D'Alessandro (P), 44' st Daricou)

 

BORGARO-JUVENTUS DOMO 4-2

Borgaro: Cantele, Multari, Consiglio, Del Buono, Ignico, Cristino, Pagliero, Zanella, Pierobon, Parisi, Piotto. A disp.: Erdelyi, Sinisi, Ferrarese, Brugnera, Gai, Arabia, Diop. All.: Russo.

Juventus Domo: Bastianelli, Piazza, Affinito, Incontri, Fusco, Pioletti, Hado, Leto, Todisco, Poi, Manfroni. A disp.: Fovanna, Cattaneo, Santin, Laratta, Guerra, Galligani, Alessi. All.: Brando.

Arbitro: Toso di Collegno (Assistenti: Ignomiriel e Rossano di Torino)

 

ECCELLENZA B

 

Valenzana Mado-Benarzole 1-0 (31' st Rizzo)

Corneliano Roero-BonBonAsca 1-2 (35' Pagano, 42' st Melle (C), 44' st Zamburlin)

Saluzzo-Colline Alfieri 1-2 (12' Bissacco (S), 23' Piovano, 32' st Persiano)

Fossano-Olmo 3-3 (18' Pepino (O), 33' rig. Alfiero, 39' Andrea Dalmasso (O), 1' st rig. Alfiero, 17' st Tavella, 30' st Davide Magnaldi (O)

Cavour-Rivoli 1-2 (28' e 41' Pantaleo, 36' st Simone Bonelli)

Cheraschese-Savigliano 2-1 (16' rig. De Peralta (S), 26' rig. Celeste, 31' st Costamagna)

Castellazzo-Tortona 0-1 (17' st Farina)

Riposano: Albese e Pro Dronero

 

VALENZANA MADO-BENARZOLE 1-0

Valenzana Mado: Teti, Bennardo F., Mazzola, Gramaglia, Robotti, Marelli, Bennardo D., Gerbaudo, Russo, Rizzo, Pellegrino. A disp.: Capra, Savino, Roluti, Loja, Maggi, Icardi, Manfrin. All.: Pellegrini.

Benarzole: Baudena, Riorda, Ferrero, Vallati, Ciccomascolo, Lamantia, Pera, Cora, Manieri, Pregnolato, Tandurella. A disp.: Gonella, Porcaro, Fadda, Scaluzero, Blini, Pochettino, Romanisio. All.: Bittolo.

 

PROMOZIONE B

 

Gassino-Volpiano 4-1 (sabato ore 20.30, gol di Capitao, Zucco, Apezteguia, Cravero)

Mathi Lanzese-Atletico Chivasso 2-2 (15' Grienti (A), 28' st rig. Trussardi, 40' st Fiolo, 48' st Cravero)

Vanchiglia-Lascaris 1-1 (16' st Cavazzi (L), 39' st rig. Moreo)

Quincitava-San Maurizio C.se 1-2 (19' Zullo, 37' rig. Mezzela, 35' st Gavoto (Q)

Caselle-Santhià 5-2 (11' rig. Atich, 17' Aprà (C), 30', 17' st e 31' st Mandarà (C), 45' st Tuzza (C), 45' st Diaw)

Union Susa-Nolese 2-0 (39' Serpa, 5' st Anello)

Venaria Reale-Victoria Ivest 6-0 (20' Abdoune, 35' Radu, 17' st Abdoune, 34' st Radu,  37' st e 42' st Zizzo)

Bollengo-Ivrea Banchette 3-0 (10' rig. Sapone, 40' Sapone, 20' st Enrico)

 

QUINCITAVA-SAN MAURIZIO C.SE 1-2

Quincitava: Vernetti, Iachi, Manfredi, Menegazzi, Gagliardi, Dalbard, Blanchietti, Nicco, Monti, Cau, Vicario. A disp.: Ottuso, Ceresa, Capussella, Paris, Gavoto, Sardino, Montuori. All.: Vallomy.

San Maurizio C.se: Capello, Bisacco, Mezzela, Alestra, Bussi, Corona, Zullo, Torre C., Dosio, Trpella, Palma. A disp.: Gega, Zancaro, D'Addetta, Aliberti, Torre B., Lauria, Paone.

Arbitro: Bongiorno di Collegno (Assistenti: Salhi di Chivasso e De Maria di Torino)

 

PROMOZIONE C

 

Carignano-Chisola 0-0

Bsr Grugliasco-Denso 2-3 (33' Delise (G), 38' rig. Viggiano (G), 10' st Geografo, 12' st Bertelli, 44' st Geografo)

Moretta-Giovanile Centallo 2-0 (9' st D'Agostino, 31' st Tortone)

Revello-Pancalieri Castagnole 1-1 (10' st Pedrini (R), 16' st Melchionda)

Trofarello-Pedona 2-2 (14' Casale Aloa, 30' e 39' Pepino (P), 40' st Benazzi)

Boves-Piscinese Riva 1-3 (3' Massucco (B), 23' st e 31' st Martin, 48' st Sellam )

Villar Perosa-San Sebastiano 0-1 (45' st rig. Donatacci)

Carmagnola-Villafranca 2-1 (19' Balsamo (V), 32' e 43' Osella)

 

BSR GRUGLIASCO-DENSO 2-3

Bsr Grugliasco: Paletta, Berardi, La Dogana, Vadalà, Giai Pron, Trevisani, Duò, Cedro, Fondello, Viggiano, De Lise. A disp.: Bruno, Franceschi, Caria, Sorrentino, De Pasquale, Meitre. All.: Marangon.

Denso: De Miglio, Bertelli, Esposito, Ferretti, Carfora, Bustreo, Shtembari, Mascarello, Benedetto, Ammendolea, Fascio. A disp.: Bosticco, Mazzone, Benedetti, Barbini, Castrovilli, Petruzzelli, Geografo. All.: Panetta.

Arbitro: Filipov di Pinerolo (Assistenti: Orlando e Maiolo di Torino)

 

PROMOZIONE D: Villanova-Arquatese 1-1 (3' st Torre (A), 45' st Debernardi), Santostefanese-Atletico Torino 0-1 (2' Rosuccci), Savio Rocchetta-Barcanova 4-0 (24' rig. Manno, 44' e 46' Ligotti, 25' st Redi), San Giacomo Chieri-Canelli 1-1 (44' Gobetti, 19' st Del Piano (C), Asti-Lucento 2-2 (32' Torra (A), 34' Reka (A), 2' st e 13' st Perrone), Cenisia-Nuova Sco 3-2 (31' Barbera, 34' Novarese, 10' st Rossi (N), 13' st Cavarero, 21' st Stella (N), Cassine-Pozzolese 5-0 (10' Motta, 23' Diop, 14' st Diop, 10' st Montorro, 39' st Cossa), Cbs-San Giuliano Nuovo 4-0 (16' st Tulipano, 19' st Todella, 32' st e 35' st Balzano).

 

PROMOZIONE A: Oleggio-Accademia Borgomanero 5-2, Romentinese-Arona 1-0, Briga-Città di Cossato 2-1, Castelletese-Dufour Varallo 0-1, Cavaglià-Fomarco 1-0, Fulgor Valdengo-Omegna 3-2, Piedimulera-Ponderano 2-1, Dormelletto-Sinergy Verbania 1-1.

 

PRIMA D: Pianezza-Bussoleno 3-2 (22' Ferroglio (P), 45' Gioielli, 18' st Degli Esposti, 34' st Ferroglio (P), 29' st Furgato (P), Real Leinì-Bvs 3-1 (5' Notarbartolo (B), 20' e 27' Di Grigoli, 28' st Mazza), Caselette-Corio 4-3 (19' Stani (Co), 25' Ravaglia, 8' st Stani (Co), 10' st Strocchio, 26' st Aimonino (Co), 34' st Zenuni, 43' st Pirinei), Valdruento-Esperanza 3-1 (12' rig. Sanna, 13' st aut. Negretto, 32' st Garzia, 44' st Sanna), Rosta-Olympic Collegno 3-2 (30' Redavid (O), 31' Pignataro, 36' Fichera, 15' st Redavid (O), 21' st Cestone), San Mauro-Pro Collegno 1-1 (2' st Saracino (S), 41' st Taveriniti), Cnh Industrial-River Mosso Pianese 1-1 (20' Signoriello, 31' st Mascolo (C), Collegno Paradiso-Villarbasse 0-1 (17' st Viscione).

 

PRIMA E: Mirafiori-Bacigalupo 3-0 (14' st e 28' st Torregiani, 38' st rig. Luisi), Orione Vallette-Baldissero 1-6 (3' st Vaiano (O), 2 Gazzola, 2 Di Bernardo, Bini, Di Bernardo), Pozzomaina-Barracuda 3-1 (5' Viola, 24' Kankam (B), 29' Tulifiero, 42' st Viola), Atletico Santena-Cambiano 3-0 (22' Bosco, 26' st Carità, 32' st Grieco), Rapid Torino-Cit Turin 3-2 (33' Ruggiero, 44' Robucci, 16' st rig. Gagliardi (C), 28' st aut. De Matteis (C), 43' st Daggiano), KL Calcio-Fila Moncalieri 3-0 (45', 10' st e 12' st Marchionni), Pertusa-Vianney 2-1 (21' Francavilla, 43' Zappia, 31' st Lancianese (V), Carrara 90-Villastellone Carignano 2-1 (1' st Minniti, 10' st Cimmino, 39' st Fasano (V).

 

PRIMA F: Perosa-Borgaretto 2-2 (1' st aut. Cabras (P), 27' Rossetto (P), 31' st Cabras, 42' st rig. Cirillo), Aurora Rinascita-Bricherasio 1-1 (22' Bottale (B), 18' st Mastratisi), Infernotto-Luserna 6-0 (3' e 25' Corsaro, 46' Kouthar, 21' st Corsaro, 30' st Giannone, 42' st Calafiore), Airaschese-Nichelino Hesperia 1-1 (11' Polonio, 31' st Schifano, al 46' st Sartorello del Nichelino sbaglia un penalty), Pinasca-Bruinese 4-1 (20' Agli, 25' Korri, 37' Della Rocca, 45' Bollino (B), 32' st Della Veda), Lesna Gold-Pro Polonghera 1-0 (40' Janah Icham), Vigone-Racconigi 0-1 (21' Milanaccio), Atletico Racconigi-San Secondo 3-0 (17' Sismonda, 20' Vergnano, 36' st Ferrantelli).

 

SECONDA E: Excelsius-Ardor San Francesco 0-8 (De Rosa, Savanti, Baldo, Ossola, Baldo, De Rosa, Genisio, De Rosa), Rubiana-Atletico Alpignano 0-0, Gabetto Sporting Venaria-Cafasse Balangero 1-4 (8' Arena, 25' Geraci (G), 35' Nicolaescu, 3' st Arena, 10' st Arena), Fiano Plus-Forno 2-2 (2' Picco (Fo), 29' Matrella, 35' st Bena (Fo), 43' st Arminchiardi), Chianocco-Spazio Talent 1-2 (35' st Alexandru (C), 38' e 6' st Ceesay), Borgata Parella-Venaus 1-2
(15' Favro, 32' Greco (B), 14' st Plano)

dom

19

mar

2017

Ultim'ora: stanotte è scomparso mister Silvio Portesi. Classe 1955, una bandiera ad Alpignano

E' SCOMPARSO SILVIO PORTESI

FOTO LUNA NUOVA
FOTO LUNA NUOVA

19 marzo 2017

 

Una brutta e inaspettata notizia: stanotte è scomparso Silvio Portesi, allenatore classe 1955 che dalle prime, sommarie, informazioni raccolte pare stesse combattendo un tumore al cervello.

Tantissimi addetti ai lavori lo conoscevano. Portesi, infatti, ha portato l'Alpignano al punto più alto della sua storia quando nei primi anni 2000 arrivò terzo in tutta Italia nel percorso nazionale di Coppa.

Lo ricorda bene il presidente dell'Alpignano Savino Granieri: "Una notizia sconvolgente, mi spiace tantissimo. Portesi è stato davvero un grande all'Alpignano, dove ha anche vinto un campionato di Promozione. Ho di lui un grande ricordo e mi vengono in mente i suoi viaggi avanti-indietro da Albenga in Liguria, dove lavorava, per venire da noi ad allenare. Aveva una grande passione. Iniziò con la Juniores, poi prese la prima squadra per sei anni di fila e da noi ha allenato quasi 10 anni in momenti diversi, tornando anche nel 2010".

Una delle ultime esperienze di Portesi, che ha allenato anche Loanesi e Sporting Albenga, è stata anche quella al Lascaris (2013/2014) chiusa con un'amara retrocessione in Promozione. Poi alcuni avvicinamenti a Pianezza, Cenisia (settore giovanile, fine 2016) e altre società, dopo che era arrivato il tempo di andare in pensione. Accanto a tutto ciò, però, le prime battaglie contro alcuni problemi di salute. Qusta notte la scomparsa. La redazione si stringe attorno ai familiari di Silvio Portesi in questo difficile momento.

ven

17

mar

2017

Molino: "Lascio il Rosta dopo 17 anni". Quel bacio alla maglia, i viaggi Spagna-Italia per giocare la domenica...

EMOZIONI VERE. MOLINO-ROSTA, ADDIO DOPO 17 ANNI

Trasferimento Torino-Milano. Il bomber saluta la squadra del cuore

17 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

Una storia emozionante. Ecco la chiave di lettura per chi, fuori dal mondo del calcio, ancora si chiede "...cosa ci sarà mai di tanto speciale attorno a quel pallone che rotola?". Oggi l'ennesima risposta da parte di chi ha vissuto oltre metà della sua vita assieme ad una società, non semplicemente giocando, ma emozionandosi, evidenziando un orgoglio unico nel portare addosso quei colori. Uno che riconoscerebbe tra mille altri il profumo dell'erbetta del campo vicino casa, un giocatore grazie al quale esiste ancora un senso per quelle storie di pallone "a zero euro" ricche di passione, genuinità e verità.

 

Non può essere un addio qualsiasi, quello di bomber Marco Molino. Domenica una delle "istituzioni" biancorosse giocherà la sua ultima gara col Rosta, squadra del cuore. La scelta arriva in un giorno speciale. Dopo 17 anni di Rosta, questo giorno ovvero venerdì 17 marzo del 2017, significherà molto per la carriera professionale e lavorativa di Molino, che si trasferirà in Lombardia per un'avventura iniziata ufficialmente oggi, con una firma, con una scelta. Allenarsi a Rosta, vivendo in Lombardia, sarà praticamente impossibile. Si chiude quindi un ciclo in mezzo a mille emozioni, ai brividi, ai ricordi. E questo numero, 17, magari l'attaccante andrà a giocarselo al Lotto...

 

Molino ha fatto e farà parte di quella corrente di giocatori (non pensate che siano così pochi...) che sputano sangue per un semplice derby di Prima Categoria, in questo caso contro gli storici rivali della Bvs. Questa è la sana benzina di un sistema un po' in difficoltà tra fallimenti e storiacce, ma dipende cosa vogliamo vedere, sentire, raccontare e leggere: le storie meravigliose, guarda caso, non mancano mai.

In nome dell'amore per la sua città, della "venerazione" per la maglia del Rosta e della passione per il calcio, Molino ha anche fatto diversi viaggi dell'ultimo minuto dalla Spagna (dove ha vissuto per qualche anno) all'Italia. Solo per giocare la domenica, per poi ripartire. Anzi, una volta ricordiamo un suo rapido ritorno dall'aeroporto al campo soltanto per gustarsi l'ultima mezzora di una partita. Unico.

 

Un'altra volta, contro la Bvs, il bomber ha baciato la maglia e siamo stati fortunati nel fotografarlo (vedi immagine). Domanda: quanti giocatori ricordate protagonisti di un gesto simile in Prima Categoria? Oggi, come tante altre volte in passato, ci dice: "Preferivo perdere 100 partite a Rosta, piuttosto che vincerne una con qualsiasi altra squadra. Se andiamo a vedere i risultati di quest'anno, a momenti, è stata una mezza profezia...". Insomma, emozioni forti, emozioni vere e un pizzico di ironia in questo giorno in cui cambia la vita.

 

Marco Molino, 29 anni, una grande somiglianza col calciatore Destro del Bologna: "Oggi sono andato a Milano e ho messo nero su bianco. Da lunedì mi cambierà un po' la vita per quanto riguarda l'aspetto professionale, ma non posso non pensare a quanto il Rosta sia stato importante per me in questi 17 anni. Sono cresciuto anche, e soprattutto, in questa società. E' stato tutto magnifico. Qui ho anche tagliato l'erba e pulito le maglie, in tutto ciò che ho fatto sono certo di averci messo il cuore. Se chiudo gli occhi penso ai miei compagni di squadra, che ora sono i miei amici e fanno parte della mia vita fuori dal campo. Poi mi viene in mente la finale playoffs di Alessandria contro il Savoia, un salto in Promozione straordinario con il 4° posto in classifica e 4 vittorie esterne ai playoffs". Una favola.

E ancora: "Non posso non ricordare i tanti gol alla Bvs, quando forse i derby tra noi e loro erano un'altra cosa, e i tanti allenatori che ho avuto, da Chillè, Macciola e Madaffari a Gousse, Bovolenta, Marrese, Cario e Monfalcone. Nell'ultimo anno e mezzo purtroppo si sono alternati ben otto allenatori, forse è finito un ciclo e spero tanto che Rosta risalga la china. Il presidente Mirisola, col quale ho condiviso tutto da quando è arrivato in via Ponata, lo merita e se si dovrà ripartire dalla Seconda Categoria, pazienza. A Rosta c'è un esercito di tesserati, arriveranno tempi migliori magari con nuovi giocatori dai settori giovanili. Per ora penso a domenica. Spero di chiudere la lunga esperienza con una vittoria e magari con un gol, ma al di là del risultato saranno 90 minuti veramente emozionanti per me...Mi passeranno in testa mille ricordi di un pezzo di vita".
Un pezzo di vita a tinte biancorosse.

ven

17

mar

2017

Collegno Paradiso, il vicepresidente Chirulli dopo l'esonero di Beretti: "Più uniti che mai". Via quattro giocatori

CHIRULLI: "COLLEGNO, TESTA ALTA PER I PLAYOFFS"

Il vicepresidente analizza il momento nerazzurro

17 marzo 2017

 

"Più compatti che mai". Il vicepresidente del Collegno Paradiso Angelo Chirulli sottolinea quale sia lo stato d'animo nell'ambiente di via Galvani dopo l'esonero di mister Beretti. Il tecnico ha fatto tanto per la crescita della prima squadra, ma data la classifica e considerando il trend nel 2017 le ambizioni del Collegno Paradiso sono cambiate in corsa. Ora si parla apertamente di Promozione e se qualche mese fa la classifica dava modo di pensare ad un salto diretto di categoria - vista la fuga del San Mauro - oggi la testa è sui playoffs.

 

Chirulli: "L'obiettivo è chiaro, vogliamo andare in Promozione e proveremo a vincere i playoffs. In questo momento l'ambiente è sereno. Siamo tutti uniti per cercare di centrare il nostro obiettivo". La squadra ha perso due pedine importanti come Mattia ed Elia Piras, più Thomas Beretti e Torrese: "Tutti gli altri hanno deciso di rimanere e di continuare a far parte del nostro progetto".

 

Per Francesco Mele, nuovo allenatore della prima squadra (seguirà in parallelo anche la Juniores Regionale), il primo obiettivo è quindi ritrovare la vittoria con il Villarbasse: 19 punti in 23 partite, acqua alla gola per una salvezza da conquistare. Il Collegno, invece, punta dritto a rafforzare il 2° posto e a cercare di distanziare di oltre 10 punti la quinta classificata, evitando così il primo turno playoffs.

 

CLASSIFICA PRIMA GIRONE D

 

 

SAN MAURO 56 23 10 7 0 1 1 4 56 25
COLLEGNO PAR. 44 23 5 7 2 1 4 4 52 23
RIVER MOSSO P. 40 23 5 6 4 1 3 4 40 22
PIANEZZA 40 23 6 6 4 3 1 3 43 31
VALDRUENTO 38 23 4 7 3 4 4 1 41 28
ESPERANZA 38 23 6 5 4 3 2 3 43 34
CASELETTE 35 23 6 4 3 5 2 3 36 37
PRO COLLEGNO 34 23 5 4 3 4 4 3 31 29
CORIO 32 23 3 6 7 2 2 3 43 48
REAL LEINI' 31 23 5 4 4 6 2 2 35 42
CNH INDUSTRIAL 30 23 5 4 4 7 2 1 36 44
BUSSOLENO 29 23 5 4 5 7 2 0 32 47
OLYMPIC COLL. 20 23 4 1 6 7 2 3 27 35
VILLARBASSE 19 23 2 2 4 8 6 1 29 39
BVS 14 23 2 1 8 7 2 3 18 47
ROSTA 11 23 2 0 7 9 2 3 23 54

COSI' DOMENICA: OCCHIO AL 3° POSTO, PIANEZZA E RIVER A PARI PUNTI

 

Tante curiosità nel prossimo turno: il San Mauro (+12) prova ad avvicinare la Promozione ospitando la Pro Collegno, da seguire anche Pianezza-Bussoleno e Cnh-River per la zona podio (Bussoleno e Cnh hanno però bisogno di punti per tenere alla larga la Bvs, penultima), mentre per il quinto posto è scontro frontale Valdruento-Esperanza.

Il Rosta riparte da Di Gianni, che punta subito ai tre punti contro l'Olympic Collegno. I cugini della Bvs, invece, sfidano in trasferta un Real Leinì piombato in un mezzo incubo dopo il 3-4 del San Mauro, le polemiche e le squalifiche. Il Caselette non è ancora fuori dalla corsa ai playoffs, ma dovrà centrare i tre punti contro il Corio.

PIANEZZA BUSSOLENO
REAL LEINI' BVS
CASELETTE CORIO
VALDRUENTO ESPERANZA
ROSTA OLYMPIC COLL.
SAN MAURO PRO COLLEGNO
CNH INDUSTRIAL RIVER MOSSO P.
COLLEGNO PAR. VILLARBASSE

ven

17

mar

2017

Ultim'ora: Cigna, riuscita l'operazione di ricostruzione della fronte fratturata.

CIGNA, OPERAZIONE RIUSCITA!

17 marzo 2017

 

FATTACCIO ATLETICO VILLARETTO-MAPPANESE: LE ULTIME

 

C'è chi dice sia scivolato dopo essersi aggrappato a qualcosa (testuali parole dell'allenatore della Mappanese rilasciate a Repubblica, qui l'articolo), sta di fatto che Gianluca Cigna, protagonista suo malgrado di una vicenda esplosa a livello nazionale e assolutamente certo che tutto sia andato in modo totalmente diverso, ha fatto i conti con un'operazione delicatissima. Infatti, come conferma la Tac in possesso del giocatore e della famiglia la frattura in fronte era davvero spaventosa e per poco non ha coinvolto la zona dell'occhio.

 

Giorni fa vi abbiamo proposto le due versioni, nettamente in contrasto, rispetto ai fatti avvenuti al termine della partita di Terza Categoria domenica scorsa, che ha visto Cigna finire all'ospedale Giovanni Bosco ricoverato d'urgenza: da una parte quella del giocatore dell'Atletico Villaretto, dall'altra quella della Mappanese. Ad oggi si tratta, appunto, di una presunta aggressione (a chiarirlo saranno i procedimenti legali).

 

Le notizie di oggi: Cigna (fortunatamente) non ha subìto alcun danno all'occhio sinistro e alla vista. Ulteriori controlli verranno comunque effettuati più avanti.

La cosa però più importante è che poco fa (ore 12.30) è terminato l'intervento di ricostruzione della fronte fratturata. "Tutto ok", conferma la famiglia.

 

Forza Gianluca!

ven

17

mar

2017

L'eterna sfida: Union Susa o San Maurizio in Eccellenza? Ecco il rush finale. E c'è ancora lo scontro diretto!

SUSA-SAN MAURIZIO, DUE PUNTI DI DISTACCO

Promozione: Nolese e Quincitava sulla strada delle prime

17 marzo 2017

 

(in maiuscolo, nella foto, le gare in trasferta)

 

PROMOZIONE B

 

CORSA ALL'ECCELLENZA

 

Sette gare. Sette finali per Union Susa e San Maurizio Canavese. Il futuro è adesso: Nolese in casa per l'Union, Quincitava in trasferta per il San Maurizio. Si tratta di due avversari forti, piazzati però nella terra di mezzo e senza grandi obiettivi di classifica. Ci saranno sorprese? O prevarranno le ambizioni delle battistrada? Lo scopriremo domenica...

 

Intanto il calendario inizia a presentare poche partite, le ultime, e quando mancheranno tre gare al termine arriverà lo scontro diretto tra Union Susa (imbattuto da una vita in casa) e San Maurizio Canavese. I segusini hanno le idee chiare: non vogliono giocarsi tutto in quella partita e ovviamente cercheranno di ampliare il margine di vantaggio, che si è ridotto da 7 a 2 punti nelle ultime settimane. Tanti, troppi infortuni, hanno condizionato il cammino dell'Union Susa nel secondo terzo di campionato. Ora il volatone decisivo con qualche giocatore recuperato.

 

PLAYOFFS

 

Il distacco superiore a 10 punti tra San Maurizio e la quinta classificata (il Vanchiglia, a -14) per ora elimina la possibilità che si disputi il primo turno playoffs. L'unica partita di spareggio potrebbe essere quella tra la terza (Lascaris?) e quarta (Atletico Chivasso?).

Domenica Vanchiglia-Lascaris, coi locali reduci dalla serata tutta storta di Coppa col Chisola ma protagonisti di una bella mezzora iniziale, e Mathi Lanzese-Atletico Chivasso, coi locali di Binandeh decisi a portare a casa gli ultimi punti salvezza.

 

PLAYOUT: CASELLE-SANTHIA' VALE UNA STAGIONE

 

In questo momento Caselle retrocesso, ma non è detta l'ultima parola: sarà fino alla fine lotta col Santhià e domenica è proprio scontro diretto Caselle-Santhià. 11 punti per i locali, 12 per gli ospiti. Ci si gioca tutto.

Poi ecco la situazione dei playout, ad oggi così composti: Gassino-Santhià non si giocherebbe in virtù dei 12 punti di distacco tra le squadre mentre Ivest-Venaria (21 punti contro 17) sarebbe l'unica partita di spareggio tra quartultima e terzultima.

Così domenica: Gassino-Volpiano e Venaria-Ivest con quest'ultimo scontro diretto proprio tra le squadre che potrebbero ritrovarsi ai playout.

A metà classifica Bollengo-Ivrea Banchette.

 

PROMOZIONE B: CLASSIFICA COMPLETA E CALENDARIO

 

NEL GIRONE DI RITORNO

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
SAN MAURIZIO C.SE 21 8 4 3 1 0 0 0 15 4
UNION SUSA 17 8 2 3 0 1 1 1 11 7
LASCARIS 14 8 3 1 1 1 1 1 15 11
ATLETICO CHIVASSO 14 8 1 3 1 1 2 0 11 10
VOLPIANO 14 8 2 2 1 1 1 1 13 12
GASSINO SR 14 8 2 2 0 2 1 1 14 11
NOLESE 13 8 2 1 0 1 2 2 11 12
QUINCITAVA 13 8 2 1 0 1 2 2 11 6
VANCHIGLIA 11 8 2 1 2 1 0 2 19 18
IVREA BANCHETTE 10 8 0 2 2 0 2 2 14 14
BOLLENGO 10 8 2 1 2 2 0 1 13 11
MATHI LANZESE 7 8 1 0 1 2 2 2 9 9
VICTORIA IVEST 5 8 0 1 3 2 2 0 12 20
VENARIA REALE 5 8 0 1 3 2 1 1 8 12
CASELLE 4 8 0 1 3 3 0 1 8 15
SANTHIA' 2 8 0 0 3 3 1 1 3 15

ven

17

mar

2017

Eccellenza A: il volatone tra Juve Domo, BorgoVercelli, Borgaro, Aygreville, Alpignano e La Biellese

ECCELLENZA A, FIOCCANO GLI SCONTRI DIRETTI

Juve Domo ad un passo dalla D contro il Borgaro

17 marzo 2017

 

ECCELLENZA A

 

VOLATA SERIE D: JUVE DOMO A +12, TRASFERTA A BORGARO

 

Dodici punti tra Juventus Domo e BorgoVercelli/Borgaro, davvero tanti a 7 gare dal termine. Solo una perenna dormita dei granata può riaprire il campionato.

La Juve Domo, sconfitta nell'ultimo turno 3-4 dall'Orizzonti United ma miglior squadra nel girone di ritorno (19 punti in 10 gare), domenica dovrà gestire in trasferta un avversario molto forte, ovvero proprio il Borgaro di Licio Russo intento a salire da solo al 2° posto: per Pierobon, Cantele, Ferrarese e compagni c'è una Coppa Eccellenza in bacheca e una lotta playoffs molto interessante. Ancora tante motivazioni sul terreno di gioco, pari almeno a quelle della capolista che non vede l'ora di brindare al salto aritmetico in serie D. Il calendario mette però di fronte la Juve Domo ad avversari molto tosti da qui al termine della stagione, dall'Aygreville tra due settimane ad una Biellese che alla terzultima giornata chiederà ancora strada per i playoffs. All'andata 1-0 per la Juve Domo con gol di Galligani.

 

PLAYOFFS

 

Seconda contro quinta, terza contro quarta. Ad oggi BorgoVercelli contro Alpignano, Borgaro contro Aygreville, ma ci sono tre squadre in un punto e tutto può succedere.

Così domenica: scontro diretto Aygreville-La Biellese con gli ospiti di Roano decisi a guadagnare posizioni soprattutto su un Alpignano in frenata. BorgoVercelli-Stresa vede gli ospiti non ancora tranquilli a 30 punti e sarà quindi un match tutto da giocare. L'Alpignano, invece, trova in trasferta un Borgomanero quasi pronto al ritorno in Promozione.

Baveno-Pont Donnaz potrebbe essere l'ultima chiamata per chi vincerà: tre punti potrebbero infatti portare una delle due squadre attualmente appaiate a 39 punti a ridosso delle prime cinque.

 

PLAYOUT

 

Qui tantissima carne al fuoco. Dopo i colpi esterni contemporanei di Settimo, Rivarolese e Pavarolo è cambiato tutto in fondo alla classifica. La zona calda è dal Settimo (32 punti) in giù: Rivarolese 31, Stresa 30, Cerano 27, Pavarolo 25, Charvensod 22, Borgomanero 15. Due retrocederanno direttamente (il Borgomanero e lo Charvensod oggi hanno questa nomination), la sestultima affronterà ai playout la terzultima (ad oggi Rivarolese-Pavarolo) e la quintultima sfiderà invece la quartultima (ad oggi Stresa-Cerano).

Così domenica: Settimo-Alicese con gli ospiti praticamente salvi a 40 punti (c'è ancora un pensierino playoffs), Orizzonti United-Cerano (stessa situazione per i locali, ospiti invece in piena corsa salvezza), Rivarolese-Trino e BorgoVercelli-Stresa.

Delicatissima Pavarolo-Charvensod: una vittoria dei locali potrebbe affondare definitivamente i valdostani, viceversa un "2" in schedina potrebbe riaprire i giochi per le retrocessioni dirette.

 

ECCELLENZA A: CLASSIFICA COMPLETA

 

NEL GIRONE DI RITORNO

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
JUVENTUS DOMO 19 10 3 3 2 1 0 1 21 15
BORGARO 18 10 1 4 1 1 2 1 17 9
AYGREVILLE 18 10 2 3 1 1 1 2 14 7
BORGOVERCELLI 16 10 2 3 2 2 0 1 14 10
PONT DONNAZ 16 10 3 1 1 1 1 3 12 10
LG TRINO 16 10 3 1 1 1 2 2 18 16
CITTA' DI BAVENO 15 10 4 0 1 2 0 3 18 16
SETTIMO 15 10 1 3 2 1 2 1 14 17
CERANO 14 10 1 3 2 2 2 0 18 16
ALICESE 13 10 3 0 1 2 2 2 14 16
RIVAROLESE 13 10 2 2 2 3 1 0 12 14
VDA CHARVENSOD 13 10 0 3 2 1 4 0 12 13
LA BIELLESE 12 10 2 1 2 2 1 2 10 14
STRESA 12 10 2 1 2 2 1 2 12 10
PAVAROLO 12 10 2 1 1 3 2 1 16 17
ALPIGNANO 11 10 2 1 3 2 1 1 15 16
ORIZZONTI UNITED 11 10 1 1 1 2 2 3 11 13
BORGOMANERO 1 10 0 0 4 5 1 0 4 23

ven

17

mar

2017

Eccellenza, il Tortona sulla strada del Castellazzo. Il Saluzzo sfida il Colline, dietro bagarre playoffs

ECCELLENZA: DERBY CASTELLAZZO-TORTONA

17 marzo 2017

 

ECCELLENZA B

 

IL BIG MATCH: CASTELLAZZO-TORTONA

 

L'avversario peggiore da affrontare, di questi tempi, per il Castellazzo capolista: il Tortona. Torna il grande derby dell'alessandrino. La battistrada ha un ottimo margine di vantaggio verso la serie D (+7 sul Saluzzo) ma troverà sul suo campo un Tortona imbattuto da 12 giornate, reduce da 10 vittorie e 2 pareggi.

Striscia positiva ancor più lunga, e quasi irripetibile, per il Castellazzo di Merlo, sconfitto solo alla prima giornata e imbattuto da 23 partite. All'orizzonte, dunque, un partitone.

Il Castellazzo dovrà concedere poco perchè il Saluzzo visto all'opera a Rivoli (impegnato domenica con il Colline Alfieri, penultima in classifica e ultima nel trend delle ultime 12 gare) è davvero scatenato. Pinelli, Favale, Serra e compagni non intendono mollare l'osso.

Il Tortona arriva il big match con un morale altissimo: soltanto 3 gol subiti in 12 partite. Roba da serie D. All'andata finì 0-2 per il Castellazzo con doppietta di Rosset: un gol in apertura e uno in chiusura.

 

PLAYOFFS: OTTO SQUADRE COINVOLTE

 

Nella tabella abbiamo inserito le squadre più vicine a Saluzzo e Tortona, ma anche Savigliano, Cheraschese e Corneliano Roero possono rientrare nella griglia playoffs. Un trio che ha attualmente 35 punti.

Le partite (riposa la Pro Dronero): innanzitutto è scontro frontale tra Cheraschese e Savigliano. Chi perde, forse, dovrà abbandonare le ultime speranze di giocare gli spareggi. Cavour-Rivoli è lo scontro tra i locali di Di Leone, che cercano pesanti punti salvezza, e gli ospiti di Fornello, a secco di vittorie da 8 partite; Fossano-Olmo è l'ennesimo derby con i blues di Viassi che ospitano gli ositici cuneesi impegnati anche loro a cercare di non retrocedere e capaci di vincere 2-1 all'andata; Corneliano Roero-BonBonAsca, infine, è l'occasione di rilancio per i locali di Caricato, reduci da 2 punti in 5 partite. Uno score che è lo specchio della frenata dei roerini nell'ultimo mese.

 

PLAYOUT

 

Oltre ai precedenti match tra alta e bassa classifica il grande scontro diretto è quello tra Valenzana Mado e Benarzole. Locali con 10 punti nelle ultime 11 gare, ospiti leggermente più in forma a quota 16 nel secondo terzo di campionato.

Nella classifica generale la Valenzana Mado è ultima a quota 20, ma una vittoria potrebbe consentirle l'aggancio ad Olmo o Colline Alfieri. Il Benarzole, invece, ha 28 punti e guida la seconda metà di una classifica spaccata in due. Ora ha l'obiettivo di non farsi risucchiare nella griglia playout.

 

CLASSIFICA COMPLETA

 

LE ULTIME 12 GIORNATE: UN TORTONA DA SERIE D. DOMENICA VA A CASTELLAZZO

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
TORTONA 32 12 7 3 0 0 1 1 17 3
CASTELLAZZO 26 12 4 3 0 0 3 2 20 6
SALUZZO 20 12 2 3 1 1 1 4 15 14
PRO DRONERO 18 12 1 4 2 2 1 2 20 16
FOSSANO 17 11 2 2 1 1 2 3 24 18
FC SAVIGLIANO 16 11 4 1 1 4 0 1 13 13
BENARZOLE 16 11 1 3 2 1 4 0 16 13
CHERASCHESE 15 11 1 3 2 2 2 1 14 15
CAVOUR 14 12 2 2 3 3 1 1 13 16
CORNELIANO R. 13 12 0 3 3 2 2 2 12 11
ALBESE 13 12 2 1 2 3 3 1 14 18
RIVOLI 12 11 1 1 2 1 3 3 14 15
OLMO 11 11 3 0 3 3 1 1 12 19
VALENZANA MADO 10 11 1 2 4 3 0 1 11 17
BONBONASCA 9 11 2 0 2 4 1 2 11 23
COLLINE ALFIERI 8 12 0 2 5 3 1 1 9 18

gio

16

mar

2017

Coppa Promozione, Lucento-A. Borgomanero 3-2. Dinocca: "Ecco quando ho pensato all'impresa...".

DINOCCA: "LUCENTO, CHE CARATTERE"

Coppa, semifinali: sotto 0-2 i torinesi battono 3-2 il Borgomanero

LUCENTO-ACCADEMIA BORGOMANERO 3-2 
(20' Gessa, 40' Conchedda, espulso Conchedda al 15' st, 25' st Bertinetti (L), 36' st Filograno, 43' st Perrone (L)

16 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

"Eravamo sotto 0-2 ma dopo il nostro primo gol non ho avuto dubbi. Sentivo dentro l'impresa... Sono cose che in campo si percepiscono'. A parlare e' il portiere del Lucento Ivan Dinocca: vittoria con rimonta da 0-2 a 3-2 per i torinesi di Senatore nell'andata delle semifinali di Coppa Promozione contro l'Accademia Borgomanero.

 

Una remuntada nata negli ultimi 25 minuti di gioco, un'opera d'arte che solo una squadra di alto livello puo' pennellare. Non e' la prima volta che il Lucento combina qualcosa del genere e quando a Dinocca e compagni vengono i classici 'cinque minuti' sono grossi dolori. Il San Giuliano lo sa bene, visto che in campionato vinceva 1-2 a due minuti dalla fine e ha perso.

 

Ivan, sensazioni a bocce ferme? "L'Accademia è una gran bella squadra sia dal punto di vista fisico che tecnico. Occasioni ne abbiamo avute pure noi, ma nel primo tempo sono stati più bravi e concreti. Ci hanno fatto due gol, il primo su un cross rimesso in mezzo dopo una prima respinta sugli sviluppi di un corner, il secondo su una palla sopra con la difesa in uscita. Mi sono ritrovato a tu per tu con Conchedda e ha scelto l'angolo giusto''.

A fine primo tempo sembrava una disfatta? "No, perche' eravamo consapevoli del nostro valore e di poter ribaltare anche una situazione del genere. Sapevamo che sarebbero stati 45 minuti tutti in salita, ma siamo scesi in campo convinti di spaccare il mondo...".

L'espulsione di Conchedda, tra i migliori giocatori ospiti, ha fatto il resto: 'Ci siamo caricati ancor di piu'. Dopo l'1-2 di Bertinetti ho capito che ce l'avremmo fatta. E' arrivato il 2-2 di Filograno e sono particolarmente contento per il 3-2 di Perrone, che rientrava da un infortunio'.

 

Continua Dinocca: "Siamo sempre stati in partita, questo e' cio' che conta. Una vittoria del genere ti porta una spinta emotiva incredibile ed e' proprio quello di cui avevamo bisogno per continuare a credere nella doppietta Coppa-campionato. Sono due nostri obiettivi. Il ritorno? Sara' dura ma partiamo con questo piccolo vantaggio. Non e' poco. Ora testa alla gara con l'Asti, difficile".

A proposito di campionato: chi e' la vera candidata al titolo? Dinocca: "Complessivamente il Savio Rocchetta. L'Atletico all'andata ci ha impensierito e non abbiamo giocato come sappiamo contro di loro, ma il Savio credo abbia qualcosa in piu'. E poi si sono messi in testa di vincere da settembre, non a caso loro sono davanti a tutti in questo momento. Noi siamo li' a 2 punti...Vogliamo riprenderli".

Che momento e' per te, a lungo fuori dai campi in un momento di vita complicato (battaglia vinta contro una malattia) e ora vicino a grandi traguardi? "Tre anni fa non avrei mai pensato a tutto questo. E' un bel momento, cerco di viverlo al massimo anche se ogni tanto torno indietro con la mente e ripenso a cosa mi e' successo. Spero proprio di alzare un titolo, meglio ancora due...Sarebbe la chiusura perfetta di una fase delicata e di rilancio personale. E' stato mister Telesca a riportarmi dopo tre anni sui campi. Umanamente mi spiace molto che sia andato via dal Lucento. Mi ha dato fiducia e con lui la squadra ha condiviso tutto dall'8 agosto. Per di piu' ero proprio con lui all'Atletico tre anni fa. Ora stiamo seguendo nel migliore dei modi le idee di Senatore, uno che e' di casa al Lucento, molto bravo anche lui. Ha un carattere diverso, e' piu' tranquillo ma riesce sempre a essere incisivo'. Quando ha preso in mano la squadra ci ha detto di concentrarci sulle grandi potenzialità, che tutti conosciamo, e di non voler fare stravolgimenti'. La formula sta funzionando...Proprio quelle potenzialità hanno rimesso in pista il Lucento: in venti minuti i torinesi, accompagnati all'uscita, sono diventati i buttafuori dell'Accademia Borgomanero. La lotta continuerà il 29 marzo nella gara di ritorno...

gio

16

mar

2017

Coppa Promozione, semifinali: Vanchiglia-Chisola 0-2, pazza rimonta del Lucento. Da 0-2 a 3-2 col Borgomanero!

COPPA: GIOIA CHISOLA, REMUNTADA LUCENTO

Al Vanchiglia succede di tutto. E il Lucento rimonta 3 gol!

Denny Vitale e Bettega: il Chisola ipoteca la finale di Coppa
Denny Vitale e Bettega: il Chisola ipoteca la finale di Coppa

I MOMENTI CHIAVE DELLA PARTITA

15 marzo 2017

 
COPPA PROMOZIONE
 
VANCHIGLIA-CHISOLA 0-2 finale
Vanchiglia: Bonansinga, Scrivano, Palladino, Talamo, Di Benedetto, Bo, Racioppi, Di Nunno, Moreo, Genzano, D'Onofrio. A disp. Rosso, Casoria, Trotta, Poumani, Scalzo, Cravotto. All. De Gregorio.
Chisola: Ussia, Ramundo, Mazza, Genovesi, Ribechini, Bettega, Deasti, Sanmartino, Barison, Vitale D., Vitale S. A disp. Mazzetti, Zeni, Ferrero, Beltramo, Menzella, Costante, Nardiello. All. Boschetto.
Arbitro: Loiodice di Collegno.
Rete: 41' Denny Vitale, 10' st Bettega.
Gran pienone e gran tifo sulla tribuna di via Ragazzoni a Torino: serata speciale di Coppa. Al 7' occasione Vanchiglia: collo destro di capitan Moreo in fuga solitaria, palla fuori. Al 23' succede di tutto dopo un tiro debole di Moreo: Chisola in ripartenza tagliente con Deasti mentre Scrivano resta a terra dolorante in area ospite, contatto Bonansinga-Barison quasi a fondo campo ed è calcio di rigore. Ma Barison, fischiatissimo, calcia fuori. Ancora 0-0. Lo spavento rallenta i ritmi del Vanchiglia, sembrato piu' pimpante in avvio.
Al 41' cross a spiovere del Chisola, grande sponda di Barison e destro vincente con il collo in diagonale di Denny Vitale. Gli ospiti protestano per un suo presunto stop col braccio prima della conclusione. 0-1. Il Vanchiglia risponde con una grande punizione di Moreo respinta all'incrocio da Ussia.
Ripresa. Incredibile. Anche il Vanchiglia sbaglia un rigore con Moreo al 10': il penalty viene concesso per atterramento ai danni di D'Onofrio. Nessun dubbio. La porta è la stessa dell'errore di Barison. Maledetta. Ma questa volta è parata di Ussia. Mani tra i capelli per Moreo.
Al 10' st il Chisola pianta le tende al limite dell'area, attacca, insiste e raddoppia con Bettega libero di girarsi in mezzo ai difensori avversari, di incunearsi col pallone tra i piedi e di appoggiare in rete col piatto sinistro. Troppa libertà. 0-2.
Al 40' st annullato un gol regolare al Vanchiglia: non c'è fallo sul portiere del Chisola Ussia (che esce coi pugni senza essere ostacolato) prima del tocco in rete di Racioppi. Anche qui le immagini di Sportovest chiariscono tutto. Finisce quindi così e con un Vanchiglia in dieci uomini. Chisola favorito per il passaggio in finale, ma non è finita.
Tra i migliori in campo, sicuramente, il numero 7 del Chisola Deasti: imprendibile, grande corsa, qualità e visione di gioco. Il Vanchiglia è piaciuto molto nella prima mezzora, poi gli episodi sono girati davvero tutti storti ai granata. Ottimo il Chisola per pressing, gioco e specialmente ripartenze. Il Vanchiglia, al di là delle polemiche, paga a caro prezzo un grande errore di lettura difensiva in occasione dello 0-2 di Bettega, che a momenti si è bevuto anche un caffè tra lo stop, la giravolta al limite dell'area, l'ingresso negli ultimi 15 metri, un rimpallo vinto e il piattone vincente.
Alla fine il Vanchiglia è infuriato con l'arbitro per tre motivi: il rigore assegnato e sbagliato da Barison (il bomber ci dice: "Bonansinga mi ha toccato seppur lievemente, un portiere sa che non deve allungare il piede quando un attaccante ti salta ed è a fondo campo"), lo 0-1 del Chisola segnato con un presunto tocco di braccio da parte di Denny Vitale, il gol dell'1-2 ingiustamente annullato. Tensione a fine partita coi dirigenti locali che non digeriscono la direzione di gara e i giocatori che urlano esplicitamente "furto a mani basse". Mister De Gregorio stempera: "Gli episodi dubbi? Non voglio lamentarmi, accetto quanto dice il campo. Sono successe di certo cose poco chiare, chi ha visto si è fatto un'idea. Per me la squadra ha giocato bene, stop. Cercheremo di fare l'impresa al ritorno".
Poi la versione di casa Chisola, molto lontana da quella dei locali. Ci sta, questo è il calcio: "Per noi l'arbitro merita almeno un 6.5. Forse ha sbagliato solo in occasione del gol dell'1-2 annullato al Vanchiglia, ma i rigori c'erano entrambi. Barison toccato da Bonansinga e D'Onofrio atterrato. Rigori netti". E' così per Casamassima, Audino (in tribuna) e per mister Boschetto, che non hanno rilevato invece alcun tocco di braccio di Denny Vitale in occasione dello 0-1.
LUCENTO-ACCADEMIA BORGOMANERO 3-2 finale
(20' Gessa, 40' Conchedda, espulso Conchedda al 15' st, 25' st Bertinetti (L), 36' st Filograno, 43' st Perrone (L)
COPPA PRIMA CATEGORIA
Triangolare per determinare la quarta semifinalista oltre a San Mauro, Cit e Valdruento:
Montatese-Trecate 3-0. Riposava: Pro Collegno.
Perrone (Lucento)
Perrone (Lucento)

mer

15

mar

2017

Coppa Promozione, ecco le semifinali: Lucento-Accademia, e Vanchiglia-Chisola, chi sta meglio?

COPPA PROMOZIONE: SEMIFINALISTE AI RAGGI X

In palio il trofeo e...il salto di categoria

QUI ACCADEMIA BORGOMANERO

 

La squadra di Bonan è stabilmente terza da inizio 2017, dunque in piena zona playoffs in un girone dominato dall'Arona (53 punti) con il Piedimulera ultima inseguitrice alle spalle (47 punti): l'Accademia si presenta al match di Coppa con 38 punti in campionato (23 maturati in casa e 15 in trasferta), 47 gol segnati, di cui 29 realizzati in casa e 18 in trasferta, e 27 reti subite nel girone A di Promozione.

Lo score: 10 vittorie, 9 pareggi e 5 sconfitte.
Tra i giocatori più pericolosi ci sono sicuramente Cosentino (12 gol) e Conchedda (8 gol).

QUI VANCHIGLIA

 

La squadra di De Gregorio è partita male ma è risalita fino alla griglia playoffs, dalla quale non è più scesa. Per gli spareggi in campionato, però, c'è solo un problema: al momento la distanza tra secondo e quinto posto (ovvero tra San Maurizio e Vanchiglia) è superiore ai 10 punti (14). Dunque ad oggi non si disputerebbe il primo turno playoffs.

Per questo il Vanchiglia, che ad inizio stagione non aveva nascosto le sue ambizioni di primato, punta tutto sulla Coppa.

I granata nel girone B hanno segnato 48 gol (27 in casa, 21 in trasferta), subendone 30. I punti sono 39, dei quali 21 raccolti in via Ragazzoni e 18 fuori casa.

Lo score: 12 vittorie, 3 pareggi, 8 sconfitte.

Tra i giocatori più pericolosi spicca l'esperienza di Moreo (12 gol), Genzano (11 gol) e D'Onofrio (8 gol), tre moschettieri in grado di fare davvero la differenza assieme a Bonsanto, Racioppi e molti altri. Occhio alla freccia Scrivano, fondamentale per assicurare spinta e cross sui binari esterni.

QUI CHISOLA

 

Con 7 punti in 8 gare nel 2017 la squadra di Boschetto ha leggermente frenato nel girone C. Il club di Vinovo resta fortissimo: può contare sulla freschezza di alcuni tra i migliori giovani della categoria, visto il grande lavoro nel settore giovanile, in più può affidarsi a giocatori d'esperienza del calibro di Barison (oltre 250 gol nel calcio piemontese, attuale capocannoniere del girone con 17 reti), Ussia, Beltramo, Bettega e compagnia bella. Non ci sarà, invece, Casamassima, almeno nella partita di andata. Insomma, in Coppa il Chisola ha già fatto vedere ottime cose e nel turno precedente è stato in grado di ribaltare la sconfitta subita per 1-2 dal Pancalieri sul proprio campo all'andata, portando il punteggio ai supplementari e rigori al ritorno.

Da segnalare che Boschetto, causa squalifica, non potrà seguire la squadra in panchina.

I numeri: 34 punti in campionato (22 in casa, 12 in trasferta), 35 gol segnati (23 in casa, 12 fuori) e 28 subiti.

Lo score: 10 vittorie, 4 pareggi, 9 sconfitte.

QUI LUCENTO

 

Sulla carta parte coi favori del pronostico: la squadra di corso Lombardia non è mai scesa dal podio, ha segnato più di tutti (49 gol, ben 35 in casa e 14 in trasferta) e ha subìto 25 gol, è attualmente seconda nel girone D con 43 punti e tra i cannonieri ha un totale di 36 gol realizzati da Perrone (18), Rizzo (9) e Lepera (9). Sono 24 i punti raccolti in casa, 19 in trasferta.

L'incognita è la gestione del cambiamento: la squadra è stata guidata per due terzi di stagione da Telesca, che si è poi dimesso, e in campionato il primo forte segnale di ripresa con la nuova guida tecnica di Senatore è arrivato domenica con il 6-0 al Villanova. Ecco la risalita al 2° posto a -2 dal Savio Rocchetta. Il morale è quindi altissimo.

Lo score: 12 vittorie, 7 pareggi, 4 sconfitte.

Da tenere d'occhio nelle ultime partite, in mezzo ai vari Dinocca, Valeriano, Bassaoulè, Bertinetti, Riva Governanda e i 3 superbomber, c'è soprattutto il '98 Ferlazzo, sorpresa in zona gol delle ultime settimane.

mer

15

mar

2017

Rivoli-Saluzzo 0-1: la fotogallery su Facebook

ECCELLENZA: FOTO RIVOLI-SALUZZO

Bomber Pinelli (Saluzzo) difende palla davanti a Pavan del Rivoli
Bomber Pinelli (Saluzzo) difende palla davanti a Pavan del Rivoli

mar

14

mar

2017

Cigna e Mappanese, versioni contrastanti. Il mister ospite: "Aggressione? Si è aggrappato ed è scivolato".

CIGNA E LA MAPPANESE: VERSIONI CONTRASTANTI

Atletico Villaretto-Mappanese, le polemiche continuano

14 marzo 2017

 

Non siamo ancora riusciti a rintracciare l'allenatore della Mappanese Giuseppe Esposito. La sua squadra di Terza Categoria è finita al centro delle polemiche in un dibattito esploso a livello nazionale dopo la presunta aggressione a Gianluca Cigna dell'Atletico Villaretto.

 

Nel video su Facebook (TG3 PIEMONTE DEL 14 MARZO) Cigna rilascia parole precise ("Sono caduto, sono stato preso a pugni da terra, qualcuno mi teneva ed era il padre del ragazzo che mi ha aggredito"), ma i mappanesi hanno un'altra versione. Vi riportiamo le parole raccolte da Repubblica, che sulla pagina web ha inserito un audio di una telefonata fatta direttamente a Giuseppe Esposito, allenatore ospite (questo il link).

 

Ecco le parole del tecnico della Mappanese:

 

"Il ragazzo della Mappanese non ha attaccato il numero nove, cioè il giocatore di colore Mbaye, peraltro espulso da un arbitro anche lui di colore per una gomitata. Lo stesso arbitro, di fronte alle nostre richieste, ha affermato alla Polizia di non aver udito alcuna frase razzista nei confronti di Mbaye".

 

Quindi cosa è successo? "Il capitano dell'Atletico Villaretto (Cigna, nda) ha detto in campo, e lo hanno sentito tutti, che avrebbe aspettato fuori il mio giocatore. Con la Polizia ancora lì presente lui si è defilato, ha aspettato che uscisse e poi ha lanciato un bicchiere con la birra (cosa peraltro ammessa da Cigna, ma per rispondere ad ulteriori provocazioni a suo dire, nda) e si è fatto male aggrappandosi e scivolando. Se sono testimone? Certo, ero lì 10 metri avanti. Stavo uscendo con un altro ragazzo che si era fatto male alla spalla per portarlo al Cto".

 

La frase razzista ("negro di m...."), anche se non è stata udita da Esposito potrebbe essere comunque stata pronunciata? "Calcio di punizione, giocatori disposti sulla linea dell'area di rigore. Il giocatore di colore (Mbaye, nda) ha tirato una gomitata fortissima al mio ragazzo...Come si può pensare vista la forza della gomitata che lui abbia potuto insultarlo? In più il giocatore del Villaretto è stato subito espulso dall'arbitro di colore, che non ha sentito nulla. I miei giocatori mi hanno assicurato che non c'è stata nessuna frase razzista. Non siamo razzisti. Come società tuteleremo i nostri diritti, siamo passati per mostri. Faremo una querela contro chi ha detto che sono state esclamate certe frasi da parte nostra. Non avevamo nessun motivo per essere esagitati o nervosi, avevamo vinto...".

 

Novità dall'ospedale: la nuova operazione è stata fissata per venerdì. Si tratta di un'operazione delicata, con l'apertura della testa da orecchio a orecchio di Gianluca Cigna, tentando di salvare un occhio ed evitare qualunque tipo di ripercussioni sulla vista.

mar

14

mar

2017

Patata bollente Rosta. Bertarelli riconferma le dimissioni dopo che 20 giorni fa erano state respinte. Intanto...

ROSTA, SERVE UN MIRACOLO

Si dimette Bertarelli. Panchina a Di Gianni

15 marzo 2017

 

Aggiornamento - Così Vincenzo Di Gianni: "Ad inizio anno ho preso la decisione di lasciare la panchina per fare il direttore sportivo, ora darò una mano alla società per le restanti partite e poi tornerò nelle vesti di ds. Salvarsi sarà difficilissimo, ma non impossibile...Ora bisognerà tirare fuori tutta la rabbia agonistica per cercare di vincere quante più partite possibili. Gli alibi sono finiti e quando le cose non vanno bene non è sempre colpa dei mister. Nel caso di retrocessione mi prenderò tutte le responsabilità, altrimenti vorrà dire che giocatori e allenatori precedenti avranno fatto tutti un miracolo"

14 marzo 2017

 

Mai avremmo voluto scrivere queste righe sul Rosta, società-modello con i giocatori della prima squadra che "a zero euro" due anni fa se ne andavano in Promozione scavalcando squadre costruite con cifre a quattro zeri. Poi una retrocessione e la ripartenza in Prima Categoria.

 

L'attualità in Prima girone D è un disastro: ultimo posto a -3 dalla Bvs, cugina di sventura, ma il problema è che anche il penultimo posto ad oggi non consentirebbe a nessuna squadra di disputare i playout vista la distanza dalla quintultima superiore a 10 punti. Dunque, retrocessione vicinissima, la seconda di fila, anche se non è ancora detto. I miracoli esistono in via Ponata, squadra e società lo sanno bene: un miracolo avvenne proprio due anni fa con 4 vittorie esterne di fila ai playoffs ed il salto di categoria, l'altro tre anni fa con la salvezza ai playout sotto 0-2 col Cumiana, in 10 contro 11. Pazzesco. E se non c'è due senza tre crederci non costa nulla...

 

Le ultime notizie da casa Rosta: dopo oltre metà stagione con Baron (percorso terminato a fine 2016) 20 giorni fa il nuovo allenatore che era arrivato, Sergio Bertarelli, si era dimesso per poi ripensarci. Dice il mister: "Mi spiace molto. Ci ho provato tentando una sfida quasi impossibile, perchè quando sono arrivato la squadra aveva 6 punti e c'erano molti problemi da risolvere. Una ventina di giorni fa avevo già mollato per tanti motivi diversi, poi ci ho ripensato perchè molti giocatori mi hanno fatto cambiare idea dimostrando grande solidarietà. Anche la società si è sentita di respingere quella proposta. Ho sentito che i ragazzi ci credevano ancora in questa salvezza e mi volevano con loro, così mi sono rimesso a lavorare".

E adesso? "I risultati non sono arrivati, la salvezza è molto più lontana. In campo ho provato ad inventarmi di tutto. Questa volta ho fatto definitivamente un passo indietro dopo una telefonata del presidente Mirisola. Ho capito che c'era qualcosa che non andava, gli ho comunicato io direttamente che mi sembrava più giusto fare un'altra scelta soprattutto per il bene della società e riaffidare la squadra a chi l'aveva costruita, alla persona che più di tutti conosce i giocatori". Ovvero Vincenzo Di Gianni, che oggi è direttore sportivo, ma che a tutti gli effetti è un allenatore. Tocca a lui, adesso.

 

Lo conferma il presidente Giuseppe Mirisola: "Salvarsi adesso è durissima, ma ancora non impossibile. Mancano sette partite, dobbiamo ridurre al massimo il distacco con la quintultima, ad oggi il Bussoleno. Serviranno almeno quattro vittorie e potrebbero non bastare perchè davanti qualcuno dovrà pure frenare. Di Gianni? E' l'ultima carta da giocarci, una soluzione interna per non destabilizzare ulteriormente l'ambiente".

 

LA CLASSIFICA

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
SAN MAURO 56 23 10 7 0 1 1 4 56 25
COLLEGNO PAR. 44 23 5 7 2 1 4 4 52 23
RIVER MOSSO P. 40 23 5 6 4 1 3 4 40 22
PIANEZZA 40 23 6 6 4 3 1 3 43 31
VALDRUENTO 38 23 4 7 3 4 4 1 41 28
ESPERANZA 38 23 6 5 4 3 2 3 43 34
CASELETTE 35 23 6 4 3 5 2 3 36 37
PRO COLLEGNO 34 23 5 4 3 4 4 3 31 29
CORIO 32 23 3 6 7 2 2 3 43 48
REAL LEINI' 31 23 5 4 4 6 2 2 35 42
CNH INDUSTRIAL 30 23 5 4 4 7 2 1 36 44
BUSSOLENO 29 23 5 4 5 7 2 0 32 47
OLYMPIC COLL. 20 23 4 1 6 7 2 3 27 35
VILLARBASSE 19 23 2 2 4 8 6 1 29 39
BVS 14 23 2 1 8 7 2 3 18 47
ROSTA 11 23 2 0 7 9 2 3 23 54

mar

14

mar

2017

Qui Savio Rocchetta, Luca Rea: "Ora dipende tutto da noi". Quaterna per la capolista, +2 sul Lucento

MODINI BIS, REA, LIGOTTI: "SANDO" SCATENATO

FOTO ESULTANZA: SARA PAGAN (HABTECH)
FOTO ESULTANZA: SARA PAGAN (HABTECH)

14 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

ATLETICO TORINO-SAVIO ROCCHETTA 0-4 (0-3 pt)
Atletico Torino: Gurlino; Coppola (36’ st La Gaetana), Marmo, Salerno, Montalti; Minetti, Di Matteo (22’ st Puccio); Curto, Sansone (22’ st Frigerio), Zanon; Gambardella. A disp. Scardino, Morardo, Ponzin, Novello. All. Piazzoli.
Savio Rocchetta: Blini; Tigani, Mannai, Rea, Azzalin; Sasso (12’ st Busco), Manno, Rosa, Ligotti; Redi, Modini (22’ st Schiavone). A disp. Rovera, Vaqari, Pia, Testolina, Camara. All. Raimondi.
Arbitro: Frosi di Treviglio.
Note: espulsi Minetti e Schiavone (43' st).
Reti: 34’ Modini, 39’ Ligotti, 45’ Rea; st 9’ Modini.

 

CLASSIFICA COMPLETA PROMOZIONE D

 

"Adesso dipende tutto da noi...". Luca Rea è il portavoce di un Savio Rocchetta che si è mostrato a dir poco sugli scudi nella partita più importante dell'anno: 0-4 all'Atletico Torino nello scontro frontale tra le prime in classifica a pari punti.

Ora il "Sando" ha 2 punti sul Lucento e 3 punti proprio sull'Atletico: vetta solitaria, un altro film.

 

Rea, tra i marcatori di via Palatucci, è uno degli uomini di maggiore esperienza della squadra. Cresciuto nel Pozzomaina ha fatto tutta la trafila nelle giovanili del Novara fino ad arrivare nel giro della prima squadra, che faceva C1. Poi Gozzano, Vigevano (e qui un brutto infortunio al ginocchio), lo Sciolze con Boschetto, Biellese, Settimo, Biogliese e Savio Rocchetta.

 

Luca, che vittoria è stata? "Pesante e importante. Siamo stati cattivi alla massima potenza, perchè ad ogni tiro praticamente abbiamo fatto gol. Questo è proprio quello che doveva succedere in una partita tra prime in classifica. L'Atletico ha avuto due occasioni clamorose, ma credo che il punteggio dica tutto. Il nostro primo tempo dovrà essere ripetuto in tante altre partite da qui a fine stagione".

Modini scatenato in doppietta, Sasso e Manno attentissimi, Ligotti in gol e Blini protagonista con qualche parata.

Risultato: la bellezza di 12 risultati utili consecutivi per il "Sando" prima del ko in casa Cbs, poi altre due vittorie consecutive, l'ultima pesantissima. Rea: "Sì, sono tanti, eppure con un trend del genere siamo solo a +2 sul Lucento, che abbiamo affrontato già tre volte compresa la Coppa Promozione. E' un girone strano, imprevedibile. A me per esempio ha fatto un'ottima impressione il Canelli. Gioca bene, attacca sempre, ci ha creato diversi grattacapi e credo sia una squadra che può risalire così come l'Asti. Certo, ora è tutto nelle nostre mani...".

 

Domenica il Barcanova, reduce anche lei da oltre 12 partite senza perdere: "Un avversario rognoso. Poi avremo Nuova Sco e Pozzolese. La prima dovrà salvarsi e giocherà alla morte, la seconda è il fanalino di coda e speriamo si sia già definitivamente staccata. Le settimane decisive saranno quelle successive, perchè affronteremo Canelli, Lucento e Asti nelle ultime quattro partite. Il nostro obiettivo è arrivare a quei match con almeno lo stesso margine di vantaggio, anche se cercheremo di incrementarlo...".

Qualche rimpianto? "Pochi, visti i 12 risultati utili di fila, ma quella sconfitta al 90' sul campo della Cbs e il pareggio ad Arquata bruciano ancora".

Qual è lo stato d'animo della squadra? "Questa vittoria per 0-4 ha dato ulteriore morale all'ambiente. Lo spogliatoio rema tutto dalla stessa parte e mister Raimondi è bravissimo a gestirlo. Arriviamo sempre preparati alle partite, il venerdì riguardiamo le nostre prestazioni e studiamo bene gli avversari tramite informazioni e filmati. Qui c'è uno staff e un modo di lavorare professionale, da categorie molto più alte. Ora testa ai prossimi impegni, con grande umiltà ma tanta consapevolezza del nostro valore".

 

VERSO SAVIO-BARCANOVA: LE ULTIME 12 GARE

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
ATLETICO TORINO 28 12 4 5 1 1 1 0 27 15
SAVIO ROCCHETTA 27 12 4 4 0 1 1 2 23 6
BARCANOVA 26 12 4 3 0 0 2 3 17 10
CANELLI 22 12 4 2 1 1 2 2 21 10
LUCENTO 20 12 4 1 1 1 2 3 21 10
ASTI 19 12 4 1 2 1 0 4 17 14
SANTOSTEFANESE 17 12 3 1 0 3 2 3 13 8
CBS 15 12 3 1 1 4 1 2 9 11
ARQUATESE 15 12 3 1 1 4 2 1 9 15
CENISIA 14 12 2 2 2 4 2 0 10 15
VILLANOVA 14 12 2 1 2 2 2 3 13 16
NUOVA SCO 12 12 3 0 1 5 2 1 11 26
CASSINE 11 12 3 0 1 6 2 0 11 16
SG CHIERI 9 12 2 1 4 5 0 0 11 19
SAN GIULIANO N. 8 12 1 0 1 5 4 1 13 19
POZZOLESE 4 12 0 0 5 3 2 2 12 28

mar

14

mar

2017

Mister Mele in prima squadra a Collegno dopo quell'esonero da primo in classifica: "Sono carico..."

MELE: "AL MIO FIANCO UNO STAFF ECCEZIONALE"

Il mister guiderà prima squadra e Juniores a Collegno

14 marzo 2017

 

"Sono carico, le sfide non mi spaventano. Anzi...". Torna a parlare da allenatore di una prima squadra Francesco Mele, che a dicembre 2015 era stato (incredibilmente) esonerato all'Atletico Chivasso da primo in classifica. Una situazione che sotto Natale aveva fatto molto discutere.

 

Oggi un altro film. Giampiero Beretti, il mister dei miracoli del Collegno Paradiso, ha pagato con l'esonero il periodo di calo della squadra, che con 8 punti in 7 partite ha dato il via libera alla fuga verso la Promozione del San Mauro. E' rimasto un ottimo 2° posto in classifica, soprattutto perchè ricordiamo che il Collegno Paradiso è una squadra neopromossa. Il presidente Mesiano e il vice Chirulli non hanno però nascosto le proprie ambizioni e il club di via Galvani dovrà arrivare ai playoffs con un'altra testa e un altro trend.

 

Ecco perchè affidare la panchina ad un nuovo allenatore: Francesco Mele. Il tecnico continuerà a seguire in parallelo la Juniores fino a fine stagione, poi "all in" su quelli che al 99 per cento saranno gli spareggi da affrontare da protagonisti.

 

Mele: "E' successo tutto in poche ore. So che domenica sera la dirigenza si è presa una notte per decidere il da farsi, arrivando poi alla conclusione di cambiare allenatore. Non entro nei dettagli, Beretti qui ha fatto un gran lavoro. Io ho la fortuna di poter lavorare con uno staff eccezionale, che arriva dall'Eccellenza e ha una vasta esperienza. Sto parlando di Giorgio Celano, Saverio Agostino e tutti i collaboratori. Ieri abbiamo trovato la quadra. Sono felice di ripartire in prima squadra e nella Juniores credo sia stato fatto un ottimo lavoro visto che 5-6 giocatori come Dalesio, Paccagnello, De Martini, Cupi e Grieco sono già entrati nel giro della prima squadra".

 

Idee chiare per il rush finale: "La società vuole sicuramente che arrivi uno scossone. Mancano sette gare, penseremo ad una gara alla volta per arrivare al meglio ai playoffs. Bisogna fare il massimo. La Promozione è il grande sogno di tutti, proveremo ad agguantarla nella lotteria degli spareggi. I ragazzi sono motivati, questa è una squadra che ha davvero valori importanti in tutti i reparti e forse inizialmente bisognerà lavorare più sulla testa in questo momento...A pieno regime questi giocatori hanno vinto partite 6-0 o 7-1. Il potenziale, quindi, è enorme. Io porterò tutto il mio entusiasmo a partire dal primo discorso che farò alla squadra questa sera".

lun

13

mar

2017

Parla papà Cigna: "Aggressione vergognosa a mio figlio. E' un bonaccione. Mercoledì operazione delicatissima"

PAPA' CIGNA: "MIO FIGLIO, AGGREDITO FUORI DAL CAMPO"

Frattura del cranio e nuova operazione per Gianluca

CLICCA SULL'IMMAGINE CON ENRICO MENTANA PER IL VIDEO SU FACEBOOK

13 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

Atletico Villaretto-Mappanese 3-4, ma il pallone in questo pomeriggio di follia di Terza Categoria non c'entra proprio nulla.

 

Nei seguenti link vi abbiamo già raccontato dell'aggressione subita da Gianluca Cigna del Villaretto, che ha rischiato di perdere un occhio e che ha subìto la frattura del cranio a seguito del pestaggio da parte di alcuni sostenitori ospiti (uno? due? ancora non è chiaro), assieme sicuramente ad un giocatore. Tutto ciò per aver difeso un compagno di squadra di colore da insulti razzisti.

 

>>> PRIMA NOTIZIA

>>> ULTIM'ORA: NUOVA OPERAZIONE MERCOLEDI'

 

Il caso è stato trattato oggi da tutti i giornali e telegiornali nazionali, da Sky a Mediaset, fino a Repubblica, La Stampa e ai maggiori quotidiani nazionali.

 

Parla papà Giuseppe Cigna: "Ho ricevuto una chiamata domenica pomeriggio. "Gianluca è stato aggredito, deve andare in ospedale". Ero a Rivoli per la partita di Eccellenza, da quel momento è cambiato tutto. Un tranquillo pomeriggio è diventato un inferno. Gianluca è stato portato al Giovanni Bosco, ha riportato la frattura del cranio e nella prima notte ha rischiato di perdere un occhio. E' stato operato d'urgenza da una bravissima chirurga, che mi ha detto apertamente di aver salvato il salvabile. Quell'operazione richiedeva almeno la presenza di altre 2-3 persone. Ora per l'occhio non sembrano esserci rischi, ma non è ancora certo al 100 per cento. Vedremo domani mattina".

La novità è l'operazione di mercoledì, la seconda in 72 ore: "Oggi mi hanno comunicato questa cosa mentre stavo lavorando. Con mia moglie facciamo i turni in ospedale, ci diamo il cambio. Ho avuto un attimo di sbandamento. In pratica gli apriranno la testa da orecchio a orecchio per lavorare su una parte di fronte completamente fratturata. L'osso si è abbassato e compromette la zona dell'occhio. Sarà tutto molto delicato e già nella prima operazione gli hanno tagliato la palpebra...Tutto questo ha dell'incredibile. Per una partita di pallone si è finiti in questo caos inimmaginabile. Come sta Gianluca? Tra le prime cose che mi ha detto si è chiesto "e adesso a lavoro chi va?"...Io gli ho detto che potrà fare qualcosa anche dal suo portatile in ospedale per tranquillizzarlo, perchè rischia di stare 40-50 giorni fermo se tutto andrà bene. E' un bonaccione, non ha mai fatto male neanche a una mosca, è un ragazzo che porta sempre serenità e tranquillità a tutti. Non capisco come possa essere stato aggredito per aver difeso un compagno di colore da insulti razzisti. La Mappanese? Qualcuno all'inizio ha cercato di lavarsene le mani, poi hanno persino detto che dopo mille provocazioni sarebbe stato Gianluca a provocare chi lo ha aggredito. Pazzesco. Ora hanno capito tutti che la cosa è grave e ne sta parlando mezza Italia non solo in ambito sportivo...Di fatti qualcuno della dirigenza mi ha chiamato per chiedere come sta Gianluca. Procederemo a denunciare i colpevoli, ma ora la cosa che più mi sta a cuore è naturalmente la salute di mio figlio".

 

Il paradosso? Giuseoppe Cigna racconta di come ai presunti colpevoli sia stato fatto solo un semplice verbale: "Ho chiesto alle Forze dell'Ordine se è questa la prassi...Mi hanno detto che per ora è tutto. Li hanno fermati dopo l'aggressione. Qui si parla di una possibilità di danni permanenti e la gente se la cava così...?". La denuncia partirà sicuramente, ma anche quella non è detto che porti a qualcosa di concreto. Ma sul tema della giustizia italiana si dovrebbe scrivere per anni interi, non per un giorno.

 

Sul web intanto sono tantissimi gli attestati di stima del mondo del calcio piemontese...

Forza Gianluca!

lun

13

mar

2017

Ultim'ora: Collegno Paradiso affidato a Francesco Mele, ex Atletico Chivasso, promosso dalla Juniores

COLLEGNO PARADISO AFFIDATO A FRANCESCO MELE

13 marzo 2017

 

ULTIM'ORA Prima girone D: poco fa vi abbiamo aggiornato sull'esonero di Beretti in casa Collegno Paradiso (qui la notizia).

 

Ora una news ufficiale: la squadra rossoblù passa a Francesco Mele, ex Atletico Chivasso e coach della Juniores. E' stato quindi promosso in prima squadra e sarà lui a dirigere il treno collegnese nelle ultime 7 gare.

lun

13

mar

2017

Ma quale pallone: Cigna del Villaretto difende un compagno di colore e viene aggredito. E' frattura del cranio

AGGRESSIONE A CIGNA, ECCO COME L'HANNO RIDOTTO

13 marzo 2017

 

Storie, immagini, che non vorremmo mai pubblicare e raccontare. Ma il caso è esploso ed è arrivato a testate (e forse telegiornali, vedremo stasera) nazionali.

 

Gianluca Cigna dell'Atletico Villaretto aggredito in un parcheggio vicino al campo di gioco dopo la gara persa 3-4 in Terza Categoria contro la Mappanese. Un episodio vergognoso, inqualificabile, che sporca la bellezza di uno sport che racconta bellissime storie ogni domenica.

 

Ha perso il calcio? No. Hanno perso gli autori del gesto, già individuati dalle Forze dell'Ordine (un giocatore ospite, sicuramente aiutato da altre persone). Saranno denunciati, assicura Giuseppe Cigna, papà di Gianluca, ma ora la priorità è la salute del giocatore. Massima solidarietà in queste ore ricevuta da tantissimi amici del mondo del calcio.

Cigna aveva difeso Mbaye, un compagno di squadra di colore, da alcuni insulti razzisti e si è ritrovato un "branco" mappanese ad aspettarlo dopo essere stato al bar, dopo che una rissa scoppiata sul terreno di gioco era stata già gestita in campo e fuori con l'arrivo di 5-6 volanti. Eppure dopo la fine della partita, quando Cigna è uscito dall'impianto, non tutti erano ancora andati via...Da lì l'aggressione, gli spintoni, la botta alla testa probabilmente contro uno specchietto di una macchina: lo stesso Cigna, che non ha perso conoscenza, ricorda solo frammenti di quegli assurdi momenti.

 

QUI L'ARTICOLO PRECEDENTE

 

La notizia di oggi è che Cigna, trasportato al Giovanni Bosco di Torino, verrà operato di nuovo mercoledì. La famiglia è sconcertata. Papà Giuseppe, dirigente, ha ricevuto la notizia del fattaccio mentre era all'opera a Rivoli per la gara di Eccellenza contro il Saluzzo. Poi la corsa all'ospedale.

lun

13

mar

2017

Collegno Paradiso, colpo di scena: esonerato mister Beretti. La conferma del presidente Mesiano

CLAMOROSO A COLLEGNO: SALTA BERETTI

13 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

Notizia in aggiornamento

 

Tutto vero in Prima girone D. Le voci arrivate in redazione corrispondono a realtà: a Collegno (sponda Paradiso) finisce l'era-Beretti.

L'allenatore dei miracoli (11 vittorie consecutive l'anno scorso, salto di categoria e attuale zona playoffs come neopromossa) è stato esonerato. A confermarlo direttamente il presidente Mesiano: "Stasera una riunione per decidere chi sarà il sostituto. A noi dispiace aver preso questa decisione, ma è ora di cambiare dopo una vittoria, una sconfitta e 5 pareggi". Un trend che può andare bene per una salvezza tranquilla, ma il Collegno Paradiso si è ritrovato in alto e i piani sono cambiati...

 

Beretti ha rappresentato sicuramente la svolta in via Galvani. L'anno scorso aveva preso in mano una squadra con meno di 13-14 elementi, ne ha portati di nuovi, ha stravolto i metodi di allenamenti ottenendo risultati eccezionali e riuscendo a tirare fuori il massimo dal gruppo, diventato molto unito. Tra i meriti di Beretti il grande lavoro sui giovani e aver puntato su un giocatore come Preziosi (26 reti, il più prolifico in tutti i gironi di Prima Categoria assieme a KanKam). La frenata di inizio 2017 gli è però costata cara.

 

IL TREND CHE HA INCASTRATO BERETTI dopo l'ottimo girone d'andata e dopo aver anche occupato la prima posizione

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
SAN MAURO 24 8 4 4 0 0 0 0 23 5
RIVER MOSSO P. 17 8 3 2 1 0 1 1 17 7
VALDRUENTO 16 8 3 2 0 2 0 1 17 8
CASELETTE 16 8 3 2 1 1 0 1 17 15
PIANEZZA 14 8 2 2 1 1 0 2 18 11
ESPERANZA 14 8 2 2 1 1 1 1 14 11
CORIO 14 8 3 1 1 1 1 1 18 13
PRO COLLEGNO 13 8 2 2 2 1 1 0 10 10
COLLEGNO PAR. 11 8 0 2 1 0 3 2 11 9
CNH INDUSTRIAL 10 8 2 1 1 3 1 0 9 12
BUSSOLENO 9 8 2 1 2 3 0 0 8 11
OLYMPIC COLL. 5 8 1 0 3 2 0 2 7 14
VILLARBASSE 5 8 1 0 1 4 2 0 9 14
ROSTA 5 8 1 0 2 3 1 1 8 15
BVS 4 8 0 1 3 3 1 0 6 21
REAL LEINI' 3 8 0 1 3 4 0 0 8 24

lun

13

mar

2017

Revello show: primato e 21 punti in più dell'anno scorso. Preci, gol al Chisola: "Vogliamo regalarci un sogno..."

PRECI-PEDRINI, IL REVELLO ALLUNGA!

13 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

CHISOLA-REVELLO 1-2
Chisola: Ussia; Ramundo, Mazza, Beltramo, Casamassima, Bettega, Ferrero, Vitale, Costante, De Asti, Filippone (27' Nardiello). A disp. Solimeno, Ribechini, Genovesi, Sanmartino, Potenza, Zeni. All. Boschetto.
Revello: Lucignani; Gaboardi, Franco, Tortone, Bessone; Agù, Blua, Melifiori, Preci (21 st Kumbula), Tevino, U. Pedrini. A disp. Armando, Dalmasso, S. Pedrini, Martucci, Chakour.
Arbitro: Barmasse di Aosta 6

Reti: 32' Preci; st 30' U. Pedrini, 41' Bettega

Note: espulsi Beltramo e Bessone.

"Vogliamo regalarci un sogno...". A parlare è Eljan Preci, talento albanese classe 1996 (ma si sente quasi più italiano) del Revello, capolista di Promozione C.

Altro che squadra in frenata, come si diceva dopo i pareggi con i fanalini di coda Villar Perosa e Boves. L'1-2 dei blues di Perlo in casa Chisola non fa che confermare la forza di questo organico che oggi, dopo 23 giornate, si ritrova a +21 rispetto alla classifica dell'anno scorso. Una crescita enorme, merito del mister e della squadra, che come confermerà Preci "...attacca e difende in undici giocatori".

Altri numeri: 12 gol subiti dalla miglior difesa del campionato, 15 punti in 8 partite del girone di ritorno. Meglio ha fatto solo il Centallo, davvero scatenato (17).

 

Domenica bestiale per il Revello. Eljan, sei d'accordo? "Assolutamente sì. Quando abbiamo terminato la partita abbiamo sentito i risultati delle rivali e non ci aspettavamo la caduta della Denso. Ora mancano 7 partite, ci sono ancora 21 punti a disposizione ma tutto dipende da noi. Cinque punti di vantaggio non sono tantissimi, ma neanche pochi. Dobbiamo continuare con il nostro atteggiamento umile e combattivo, su tutti i campi. Quelli presi sul campo del Chisola sono stati tre punti pesantissimi, perchè la squadra di Boschetto è forte e lo è anche senza Barison, che fortunatamente per noi era squalificato. Il gol mi ha tirato sù di morale visto che ero reduce da qualche stop di troppo per squalifica. Segnare fa sempre bene...Siamo particolarmente felici perchè anche in dieci uomini (espulso Bessone, nda) siamo riusciti ad andare avanti 0-2. E' un grande segnale e questo successo vale doppio...Bravo il mister a prepararci in settimana a questa partita".

 

Il Revello è andato a nozze sul sintetico: "Sì, a noi piace giocare la palla. Sempre. Giochiamo molto col portiere Lucignani e proprio dalle sue parti iniziamo ad attaccare, così come da quelle di Umberto Pedrini cominciamo a difendere".

A proposito di Pedrini. Rivela Preci: "Sta facendo un campionato eccezionale. Lucignani, Bessone, Tortone, Melifiori, Gaboardi, Franco, Tevino e tutti i miei compagni stanno dando sempre qualcosa in più ad ogni partita. Vogliamo migliorare sempre, è questo il nostro segreto". E i numeri (+21 rispetto all'anno scorso) fanno parlare i fatti, più che le parole.

 

Ancora Preci, al 5° gol stagionale: "Nessuno credeva potessimo essere noi davanti a +5 a questo punto della stagione, nettamente con la miglior difesa. Ma questo Revello gioca bene e il gruppo è fantastico. Oltretutto ci sono molti rimpianti per i punti persi con Boves e Villar Perosa, ma proprio con le ultime in classifica non deve mai mancare la concentrazione. Con quelle vittorie saremmo a +9 e forse vedremo già il titolo quasi in tasca. Oggi invece la verità è che non è finita. Dobbiamo continuare su questa strada e preoccuparci delle nostre partite e solo dopo di quelle delle inseguitrici, che ora hanno di certo più pressione di noi".

Preci, nativo di Spathar ma cuneese da sempre (ha giocato in Auxilium e Saluzzo vincendo anche una Juniores Regionale) chiude con un commento da milanista doc: "Il rigore per la Juve? Una ladrata mai vista. Il tempo era finito da un pezzo...Io ero allo stadio, quella sconfitta mi brucia ancora".

PROMOZIONE C (classifica completa)

 

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
GIOV. CENTALLO 17 8 5 0 0 1 0 2 15 8
REVELLO 15 8 0 4 1 0 2 1 10 7
DENSO 15 8 2 2 1 0 2 1 15 7
PEDONA 15 8 2 2 1 0 1 2 8 5
VILLAFRANCA 14 8 3 1 0 2 1 1 10 8
PISCINESE RIVA 13 8 2 1 0 1 3 1 11 7
PANCALIERI CAST. 13 8 2 1 0 1 2 2 10 9
MORETTA 13 8 1 2 0 1 3 1 12 5
BOVES 11 8 2 1 1 2 1 1 9 9
BSR GRUGLIASCO 10 8 2 1 1 3 1 0 11 9
SAN SEBASTIANO 8 8 2 0 2 2 0 2 7 10
CHISOLA 7 8 1 1 2 3 1 0 14 15
CARMAGNOLA 7 8 1 0 1 2 1 3 8 12
TROFARELLO 6 8 0 1 2 2 2 1 8 15
VILLAR PEROSA 4 8 0 0 1 3 2 2 4 12
CARIGNANO 2 8 0 0 4 2 0 2 5 19

lun

13

mar

2017

Prima a suon di record: il San Mauro (8 vittorie di fila) insegue il Carrara, che centra la "decima"!

LA DECIMA DEL CARRARA. E IL SAN MAURO...

La squadra di Perziano ipoteca il titolo. Ragazzoni da record

Pino Perziano: chiamato a sostituire Berta si sta avvicinando al titolo
Pino Perziano: chiamato a sostituire Berta si sta avvicinando al titolo

13 marzo 2017

 

La decima del Carrara, l'ottava consecutiva del San Mauro. E' tempo di record in Prima Categoria!

Nel girone D (classifica) il San Mauro di Perziano ipoteca la vittoria del titolo con il 16° gol (cannonieri) di Gabriele Saracino: guizzo su corner e 0-1 in casa Olympic. Così mister Perziano sul sito della capolista: "Un altro passo avanti e una vittoria importante in questa inarrestabile volata finale". Otto di fila per Schinco, Bonomo, Lasaponara, Di Fiore e compagni, che detengono anche miglior difesa e attacco del girone di ritorno. Un passo che nessuno riesce a tenere: soltanto pareggi per River Mosso e Collegno Paradiso.

 

Se possibile, c'è una squadra capace di fare anche meglio di 8 vittorie di fila: è il Carrara di Ragazzoni, che nel girone E (classifica) sbanca anche il campo del Vianney con Minniti e Barra. 26 gol fatti, 5 subiti, i torinesi sono davvero impressionanti e nella classifica generale sorpassano il Mirafiori e salgono al 2° posto assieme al Cit Turin, a -3 dal Rapid capolista. Proprio la sconfitta con il Rapid, 10 giornate fa, fu il preludio a questo straordinario record del Carrara, che eguaglia le 10 vittorie di fila del Rapid 2014/2015 e avanza verso il Pianezza (11 vittorie di fila nel 2010/2011).

 

LA FOLLE CORSA DEL SAN MAURO

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
SAN MAURO 24 8 4 4 0 0 0 0 23 5
RIVER MOSSO P. 17 8 3 2 1 0 1 1 17 7
VALDRUENTO 16 8 3 2 0 2 0 1 17 8
CASELETTE 16 8 3 2 1 1 0 1 17 15
PIANEZZA 14 8 2 2 1 1 0 2 18 11
ESPERANZA 14 8 2 2 1 1 1 1 14 11
CORIO 14 8 3 1 1 1 1 1 18 13
PRO COLLEGNO 13 8 2 2 2 1 1 0 10 10
COLLEGNO PAR. 11 8 0 2 1 0 3 2 11 9
CNH INDUSTRIAL 10 8 2 1 1 3 1 0 9 12
BUSSOLENO 9 8 2 1 2 3 0 0 8 11
OLYMPIC COLL. 5 8 1 0 3 2 0 2 7 14
VILLARBASSE 5 8 1 0 1 4 2 0 9 14
ROSTA 5 8 1 0 2 3 1 1 8 15
BVS 4 8 0 1 3 3 1 0 6 21
REAL LEINI' 3 8 0 1 3 4 0 0 8 24
Alessio Ragazzoni
Alessio Ragazzoni

LA DECIMA DEL CARRARA: ORA E' SECONDO POSTO A -3 DAL RAPID!

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
CARRARA 90 30 10 5 5 0 0 0 0 26 5
RAPID TORINO 22 10 4 3 0 2 1 0 29 17
CIT TURIN 21 10 4 2 0 1 1 2 22 15
MIRAFIORI 21 10 3 3 0 1 2 1 26 10
VILLASTELLONE C. 18 10 2 3 1 1 2 1 25 16
BARRACUDA 15 10 2 3 3 2 0 0 19 17
ATLETICO SANTENA 14 10 2 2 2 2 1 1 16 15
PERTUSA BIGLIERI 13 10 3 1 2 3 0 1 21 20
BACIGALUPO 13 10 2 2 3 2 1 0 20 19
VIANNEY 12 10 2 1 3 1 1 2 14 18
POZZOMAINA 12 10 1 2 1 3 2 1 10 13
ORIONE VALL. 10 10 1 1 2 2 1 3 15 23
BALDISSERO 9 10 1 1 2 3 2 1 13 21
KL CALCIO 8 10 0 2 3 3 1 1 8 15
CAMBIANO 7 10 1 1 5 2 0 1 13 23
FILADELFIA M. 0 10 0 0 5 5 0 0 4 34

lun

13

mar

2017

Terza Categoria: Cigna (Villaretto) difende un ragazzo di colore dagli insulti, è aggredito e operato d'urgenza

TERZA CATEGORIA, STORIE BELLE E BRUTTE...

13 marzo 2017

 

TERZA CATEGORIA: UNA STORIA CHE NON CI PIACE RACCONTARE

Cigna del Villaretto difende un compagno dagli insulti razzisti: aggredito e operato d'urgenza

 

Assurdità totale nel girone A: la gara è Atletico Villaretto-Mappanese 3-4, ma di calcio neanche a parlarne.

La redazione in serata viene contattata dal papà di Gianluca Cigna, Giuseppe, dirigente del Rivoli impegnato in Eccellenza col Saluzzo. E' allibito, senza parole e oseremo dire schifato: "Ho mio figlio in ospedale...operato d'urgenza per una frattura alla testa. E' stato aggredito fuori dal campo, nel parcheggio, dopo che aveva difeso un suo compagno di colore sul terreno di gioco. In quell'occasione è scoppiata una rissa, sono arrivate 5-6 volanti dei Carabinieri. Tutto ciò non è bastato per evitare l'aggressione, che è stata premeditata visto che mio figlio è stato atteso fuori mentre tutti pensavano che i giocatori ospiti fossero andati via. I responsabili sono comunque stati individuati e faremo presto denuncia". Gianluca Cigna è all'ospedale Giovanni Bosco di Torino, dovrà vedersela anche con l'Oftalmico. Incredibile. Tutto questo per una partita di calcio e, assurdità delle assurdità, per aver difeso un compagno di squadra dopo un'insulto razzista.

 

TERZA CATEGORIA: UNA STORIA CHE CI PIACE RACCONTARE

La fuga dell'Avigliana, Schillaci torna in campo col Crocetta

 

Ci piace, invece, tornare ai numeri, alla cavalcata verso l'agognato salto in Seconda Categoria dell'Avigliana Calcio: 42 punti, +8 sul San Michele, miglior difesa dopo il 4-1 al Lenci Onlus. Domenica prossima proprio il derby San Michele-Avigliana (terminato 0-5 all'andata) potrebbe spedire gli ospiti verso l'allungo decisivo e la festa di fine campionato. Un'Avigliana che già l'anno scorso era finito ad un passo dal salto di categoria...Quest'anno sembra proprio essere la volta buona.

 

In tutto ciò, nello stesso girone, nella gara Meroni Rivoli-Crocetta (finale 5-1) è tornato in campo il "Totò" nazionale, ovvero Salvatore Schillaci, eroe dei Mondiali Italia '90, ex calciatore di Juventus, Inter e molte altre squadre. Schillaci è tornato al calcio giocato con gli ex peggiori d'Italia della Crocetta, squadra che ha raccolto le simpatie di mezza Italia e che prosegue con la sua filosofia del "divertiamoci senza pensare al risultato" (qui l'articolo della scorsa settimana). Sì, perchè la Crocetta domenica scorsa ha trovato i 3 punti che hanno cancellato lo zero in classifica e gli oltre 100 gol subiti. La presenza di "Totò" ha fatto riempire gli spalti rivolesi del Meroni strappando la standing ovation al pubblico che ha assistito ad un vero e proprio spettacolo accompagnato dalle telecamere di "Quelli che il Calcio..." . Uno show al di là di ogni risultato sportivo.

 

AVIGLIANA-LENCI ONLUS 4-1

Reti: Floristeanu, Celenza, Solko (L), Celenza, Floristeanu

 

Classifica Terza Categoria B: Avigliana 42, San Michele 34, Moderna 34, Caprie 33, Atletico Nichelinense 31, La Loggia 27, Olimpica Grugliasco 27, Real 909 21, Meroni Rivoli 17, Lenci Onlus 16, Db Rivoli 9, Crocetta 3.

dom

12

mar

2017

E' successo in Promozione: giornata super per Revello (1-2 al Chisola) e Savio Rocchetta (0-4 all'Atletico)

REVELLO E SAVIO ROCCHETTA: CHE DOMENICA!

Pressione sul Susa: San Maurizio, adesso è -2!

12 marzo 2017 - Il weekend in Promozione

 

GIRONE B (classifica)

 

Incredibile San Maurizio Canavese: altro passo avanti verso il sogno. 1-0 al Venaria, la squadra di Di Muro non si ferma più e sale a -2 dall'Union Susa, che ha concluso il suo posticipo a Chivasso (0-0). Ormai da qui alla fine del campionato sarà testa a testa, visto l'abissale ritardo delle inseguitrici.

Intanto 21 punti in 7 gare nel girone di ritorno, 7 vittorie e un pareggio per questa terribile neopromossa che potrebbe piazzare due salti di categoria consecutivi. E ricordiamo lo scontro diretto con il Susa alla terzultima giornata!

 

Il Lascaris, al 3° posto, conferma il suo buon momento: 2-1 al Mathi, passato in vantaggio per primo. Il Vanchiglia passa 3-4 in casa Ivest e dietro non fa punti nemmeno il Gassino, sconfitto 2-1 dalla Nolese (la neopromossa di Stefanetto è ora sesta).

Il Caselle torna a sperare di riagganciare il penultimo posto ai danni del Santhià: 1-3 a Volpiano, il Santhià cede invece 0-2 al Bollengo.

Nel derby Ivrea-Quincitava incredibile beffa per gli ospiti, raggiunti sull'1-1 al 96' su rigore da Mabritto. Annullato così il gol di Dalbard a fine primo tempo.

 

GIRONE C (classifica)

 

Sembrava in leggera frenata, invece ancora una volta ha zittito tutti: il Revello di Perlo si conferma squadra da battere e vince sull'ostico campo del Chisola 1-2. Segnano Preci e Umberto Pedrini. La capolista fa bingo perchè la Denso viene clamorosamente sconfitta 1-2 dal Moretta, un'altra squadra dopo i rinforzi invernali.

Tre le notizie di giornata c'è il doppio sorpasso di Pancalieri Castagnole (2-1 al Carmagnola) e Villafranca (1-0 ad un Villar con un piede in Prima) proprio ai danni del Chisola.

Vincono nelle zone alte Pedona (2-1 al Boves), Centallo (secco 4-1 al Carignano) e Piscinese Riva (3-2 al Bsr Grugliasco, polemiche ospiti e tre rigori assegnati). Il San Sebastiano conquista tre punti pesantissimi contro il Trofarello e torna ad agganciare al penultimo posto il Boves.

 

GIRONE D (classifica)

 

Modini, Modini, Rea, Ligotti: quaterna sulla ruota di Torino per il Savio Rocchetta di Raimondi, che non lascia dubbi. Dopo lo 0-4 di oggi è lei la squadra da battere dopo il perentorio punteggio nella sfida tra le battistrada. L'Atletico Torino torna a casa sconfitto di brutto e deve anche incassare il sorpasso al 2° posto del Lucento, tornato alla ribalta con il 6-0 al Villanova.

Al 4° posto è sorpasso del Canelli all'Asti (2-0 nel derby), la Cbs viene sconfitta 1-0 dall'Arquatese, la Santostefanese rimanda il salto nelle zone alte (0-0 a San Giuliano) e tra le notizie più interessanti c'è il 12esimo risultato utile del Barcanova, che batte 1-0 anche il Cenisia. Decide Rolfo al 44' (videogol su facebook).

Periodaccio per il Cassine, sconfitto 1-0 dalla Nuova Sco, colpo del San Giacomo Chieri in casa Pozzolese: 0-2.

dom

12

mar

2017

Rivoli-Saluzzo 0-1: la cronaca. Il Castellazzo risponde per le rime: 1-2 ad Alba, 100 gol "verdi" di Piana

IL SALUZZO SBANCA RIVOLI: FAVALE-GOL

La fuga verso il gol di Favale: non sembra esserci fuorigioco
La fuga verso il gol di Favale: non sembra esserci fuorigioco

12 marzo 2017

 

RIVOLI-SALUZZO 0-1

Rivoli: Volante, Montanino, Gandiglio, Grauso, Drago, Pavan, Gallace (42' st Ghiglione), Lippo (36' st Marzano), Arcari (45' st Soresini), Sardo, De Rosa. A disp.: Kobal, Simonetta, Palermo. All.: Fornello.

Saluzzo: Marcaccini, Aleksovski, Serra A., Gozzo, Caldarola, Carli, Favale (45' st Faridi), Pampigliona, Pinelli (44' st Morero), Serra M., Micelotta (35' st Berrino). A disp.: Nardi, Beninato, Boglione, Tallarico. All.: Rignanese.

Arbitro: Vogliacco di Bari (Assistenti: Ameglio di Torino e Cucchi di Pinerolo)

Espulso: 40' st Volante (portiere Rivoli)

 

>>> PROSSIMI AGGIORNAMENTI: FOTOGALLERY

 

>>> GUARDA GLI HIGHLIGHTS SU FACEBOOK

 

>>> NUOVA CLASSIFICA ECCELLENZA B

 

Nel segno di Favale. Il Saluzzo sbanca Rivoli in una gara combattuttissima, ben interpretata dai locali (due pali in avvio) nonostante assenze pesantissime come quelle di Cravetto, Piroli, Grancitelli, Cervino, Saadi e Saffioti. Pezzi da novanta indisponibili tra squalifiche e infortuni, che hanno costretto Fornello a caricare l'attacco sulle spalle del baby Arcari, sovrastato sui palloni aerei da Serra, Caldarola e Carli, a turno. La vittoria manca da 8 partite, ma c'è ancora la nomination per la griglia playoffs.

 

Roccioso, tecnico, attento, cinico: ecco invece il Saluzzo di Paolo Rignanese, che (curiosità) raccoglie un limone dalla tribuna a fine partita. Un'icona-sfottò per un componente dello staff - dice il mister - e prossimamente ne sapremo di più...

Pinelli "toro" offensivo e riferimento centrale, Favale a sgommare con tanta corsa e qualità assieme a Micelotta, le trame di Marco Serra, la buona prova di Pampigliona, Aleksovski e Caldarola, le parate di Marcaccini e due legni da ringraziare sullo 0-0: i tre punti passano da qui. E fuori c'era Bissacco.

 

Si parte forte: guizzo di Sardo per il Rivoli, tiro di Aleksovski per il Saluzzo. Poi due pali per i rivolesi con De Rosa (destro) e Sardo (incornata su cross di Montanino). Tutto questo in 15 minuti. De Rosa è sempre in pressing su Pinelli, Gozzo soffoca le geometrie di Grauso. Arcari è da elogiare, grande sacrificio il suo. Sardo e Pinelli sfiorano il vantaggio su entrambi i fronti, ma il primo tempo si conclude 0-0 dopo un colpo di testa di Micelotta su cross di Favale.

 

Nella ripresa subito Saluzzo: lancio per Pinelli, incursione killer di Favale dietro di lui che si infila tra Volante e difesa rivolese, dribbling e fuga verso il piattone a porta vuota. 0-1 al 5' st. Il Rivoli non ha dubbi: "Era fuorigioco". Le immagini dicono però il contrario.

Gallace scuote il Rivoli con due grandi conclusioni, poi i locali protestano per un rigore non assegnato dopo un presunto atterramento di Sardo (highlights su Facebook). La gara diventa tesa, si lotta su tutti i palloni e il Rivoli avanza il baricentro alla ricerca del pari. Così facendo si scopre però ai contropiede e Favale al 40' st cavalca nella terra di nessuno: Volante, portiere rivolese, è costretto al fallo 30 metri fuori dalla porta. Rosso diretto.

Sui titoli di coda il Saluzzo esulta ma negli stessi momenti Piana fa 100 gol con la maglia del Castellazzo e risolve Albese-Castellazzo con l'1-2: alessandrini ancora a +7...

 

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
TORTONA 23 9 5 2 0 0 1 1 12 3
PRO DRONERO 18 9 1 4 1 0 1 2 19 10
CASTELLAZZO 17 9 2 2 0 0 3 2 14 6
FOSSANO 16 9 2 2 1 0 2 2 21 13
FC SAVIGLIANO 16 9 4 1 0 3 0 1 13 9
SALUZZO 13 9 1 2 1 1 1 3 10 11
CHERASCHESE 12 8 0 3 2 0 2 1 13 12
RIVOLI 11 10 1 1 2 1 2 3 11 12
CORNELIANO R. 10 9 0 2 2 1 2 2 10 8
BENARZOLE 10 8 0 2 1 1 4 0 11 9
CAVOUR 10 9 1 2 3 2 0 1 9 12
VALENZANA MADO 9 9 1 2 3 3 0 0 9 13
OLMO 8 8 2 0 2 2 1 1 9 15
ALBESE 6 9 1 0 2 3 2 1 10 16
BONBONASCA 6 9 1 0 2 3 1 2 7 21
COLLINE ALFIERI 5 9 0 1 4 2 1 1 6 14

dom

12

mar

2017

Calcio Piemonte: Rivoli-Saluzzo 0-1, ma il Castellazzo risponde e vince ad Alba. Gioia Revello e Savio Rocchetta

FAVALE CHIAMA, PIANA RISPONDE: CASTELLAZZO ANCORA A +7

Saluzzo corsaro a Rivoli, ma la capolista sbanca Alba: 100 gol per Piana

PROMOZIONE

Importanti novità nei girone C (Chisola-Revello 1-2, cuneesi a +5 sulla Denso sconfitta dal Moretta) e girone D (secco 0-4 del Savio Rocchetta all'Atletico Torino, ora è quella di Raimondi la squadra da battere)

 

PRIMA CATEGORIA

Girone D: il San Mauro ipoteca la festa (+12 sul Collegno), il Rapid Torino vince 0-6 e si ritrova alle spalle il Cit Turin (1-0 al Mirafiori). Decima vittoria di fila per il Carrara di Ragazzoni!

Prochietto (neo papà) fa gol: Pinasca, gol con dedica!

12 marzo 2017

 

ECCELLENZA A

 

Pont Donnaz-BorgoVercelli 1-0 (22' st Garbini, giocata sabato)

Stresa-Aygreville 0-1 (37' Baldi)

La Biellese-Borgaro 0-1 (15' rig. Del Buono)

Alicese-Borgomanero 3-0 (16' Marteddu, 22' Bernabino, 32' Carnaroglio)  

Cerano-Settimo 1-2 (15' Padoan (S), rig. 20' st Salzano R., 30' st Di Stefano)

Lg Trino-Città di Baveno 3-3 (3' Bellinghieri (T), 14' Varvelli G., 17' Cabrini F., 12' st Perelli (T), 18' st Kambo (T), 33' st rig. Musso)

Juventus Domo-Orizzonti United 3-4 (12' Poi, 19' Beretta (O), 24' Hado, 31' Amedeo (O), 1 st Germano, 7' st Amedeo (O), 47' st Poi)

Alpignano-Pavarolo 2-3 (5' D'Alessandro, 6' Spoto (A), 12' Scavone, 15' st Canu (A), 47' st D'Alessandro)

Vda Charvensod-Rivarolese 0-2 (37' Sicca, 13' st Nabili)

 

ECCELLENZA B

 

Albese-Castellazzo 1-2 (40' st Genocchio, 42' st Capaccioli (A), 44' st Piana)

Tortona-Cavour 1-0 (19' Merlano)

Colline Alfieri-Corneliano Roero 1-1 (25' Melle (Co), 45' st Piovano)

Benarzole-Fossano 0-0

BonBonAsca-Pro Dronero 1-1 (6' Massaro (B), 9' Galfrè, giocata sabato)

Rivoli-Saluzzo 0-1 (5' st Favale)

Savigliano-Valenzana Mado 1-0 (33' st De Peralta)

Riposano: Olmo e Cheraschese 

 

ALBESE-CASTELLAZZO 1-2

Albese: Corradino, Dieye, Buso, Grimaldi, Nazari, Bregaji, Aniania, Manasiev, Bandirola, Colla, Capocelli. A disp.: Pagliano, Delsanto, Freda, Berruto, Bosco, Angelov, Gili. All.: Fantini.

Castellazzo: Gaione, Cascio, Costa, Molina, Silvestri, Camussi, Limone, Genocchio, Zunino, Rosset, Piana. A disp.: Baralis, Cimino Francesco, Cimino Federico, Viscomi, Boveri, Bronchi, Cabella. All.: Merlo.

Arbitro: Berta di Novara (Assistenti: Dametto e Delaurenti di Ivrea)

 

RIVOLI-SALUZZO 0-1

Rivoli: Volante, Montanino, Gandiglio, Grauso, Drago, Pavan, Gallace, Lippo, Arcari, Sardo, De Rosa. A disp.: Ghiglione, Kobal, Simonetta, Palermo, Marzano, Soresini. All.: Fornello.

Saluzzo: Marcaccini, Aleksovski, Serra A., Gozzo, Caldarola, Carli, Favale, Pampigliona, Pinelli, Serra M., Micelotta. A disp.: Nardi, Beninato, Boglione, Berrino, Tallarico, Morero, Faridi. All.: Rignanese.

Arbitro: Vogliacco di Bari (Assistenti: Ameglio di Torino e Cucchi di Pinerolo)

Note: Rivoli colpisce due pali nei primi 10 minuti con De Rosa e Sardo. Gol decisivo nella ripresa con incursione tra portiere e difensori di Favale, che dribbla Volante e appoggia in rete.

Esplulso: 40' st Volante (portiere Rivoli)

 

PROMOZIONE B

Santhià-Bollengo 0-2 (28' Beltrame, 3' st Tapparo)
Volpiano-Caselle 1-3 (18' Aimone (C), 35' e 43' st Mandarà (C), Simonetti (V)
Nolese-Gassino SR 2-1 (4' Agostini L., rig. 14' Apetzeguia (G), rig. 16' De Angelis)
Lascaris-Mathi Lanzese 2-1 (10' Clori (M), 4' st Maugeri, rig. 30' st Cavazzi)
Ivrea Banchette-Quincitava  1-1 ore 18.30 (43' Dalbard (Q), 51' st rig. Mabritto)
Atletico Chivasso-Union Susa 0-0 ore 18.45
Victoria Ivest-Vanchiglia 3-4 (Valenti (I), Moreo, Moreo, Cara (I), Trotta, Genzano, Saponaro (I)
San Maurizio Canavese-Venaria 1-0 (31' st Alestra)

PROMOZIONE C

Pedona-Boves 2-1 (19' Raimondi (B), 13' st Giordana (P), 33' st Pepino (P)
Piscinese Riva-Bsr Grugliasco 3-2 (30' rig. Muratori, 43' rig. Candela, 3' st Delise (B), 10' st rig. Viggiano (B), 34' st Sconosciuto)
Pancalieri Castagnole-Carmagnola 2-1 (34' Scoglio, 41' Vailatti (C), 38' st aut. Musso)
Giovanile Centallo-Carignano 4-1 (21' Viale, 32' Barbero (C), 15' st Magnino, 12' st e 26' st Raspo)
Denso-Moretta 1-2 (8' Vailatti, 40' pt Ammendolea (D), 35' st Sillah)
Chisola-Revello 1-2 (35' Preci, 38' st Pedrini U., 42' st Bettega (C)
San Sebastiano-Trofarello 1-0 (47' st Lingua)
Villafranca-Villar Perosa 1-0 (42' Fraccon)

 

DENSO-MORETTA 1-2

Denso: De Miglio, Bertelli, Benedetti, Esposito, Carfora, Ferretti, Shtembari, Zanchi, Mainardi, Ammendolea, Benedetto. A disp.: Bosticco, Mazzone, Castrovillari, Barbini, Mascarello, Petruzzelli, Bustreo. All. Panetta.

Moretta: Urbano, Berardo, Sobrero, Passerò, Tortone, Cadoni, Sillah, Vailatti, D'Asgostino, Spada, Guerrini. A disp.: Pietrafesa, Cossotto, Mitraj, Gillio, Alessandrin, Endemini, Vasi. All.: Cellerino.

Arbitro: Moncalvo di Collegno (Assistenti: Borca di Torino e Varsalona di Pinerolo)

 

CHISOLA-REVELLO 1-2

Chisola: Ussia, Ramundo, Mazza, Beltramo, Casamassima, Bettega, Deasti, Ferrero, Filippone, Vitale, Costante. A disp: Solimeno, Ribechini, Genovesi, Sanmartino, Potenza, Nardiello, Zeni. All.: Spiteri.

Revello: Lucignani, Gaboardi, Franco, Tortone, Bessone, Agù, Blua, Melifiori, Preci, Pedrini U., Tevino. A disp.: Armando, Dalmasso, Nika, Kumbulla, Pedrini S., Martucci, Chakour. All.: Perlo.


PROMOZIONE D

Canelli-Asti 2-0 (32' Ishaak 40' Cherci)
Nuova Sco-Cassine 1-0 (26' Vrapi)
Arquatese-Cbs 1-0 (35' Daga)
Barcanova-Cenisia 1-0 (44' Rolfo)
Atletico Torino-Savio Rocchetta 0-4 (35' Modini, 39' Ligotti, 45' Rea, 8' st Modini)
Pozzolese-San Giacomo Chieri 0-2 (5' Angeloni, 30' st Gilli)
San Giuliano Nuovo-Santostefanese 0-0
Lucento-Villanova 6-0 (10' Radin, 20' e 34' Rizzo, 36' Lepera, 10' st Riva Governanda, 25' st Ferlazzo)

 

Promozione A: Sinergy Verbania-Briga 0-4, Omegna-Castellettese 2-0, Dufour Varallo-Cavaglià 2-2, Arona-Dormelletto 1-0, Accademia Borgomanero-Fulgor R. Valdengo 0-0, Città di Cossato-Oleggio 1-0, Fomarco-Piedimulera 1-1, Ponderano-Romentinese 1-1.

 

Prima D (classifica): River Mosso-Caselette 1-2 (1' Mascolo (R), 31' Zenuni, 18' st Groff), Pro Collegno-Cnh Industrial 2-1 (25' Baldin, 27' Palumbo (C), 30' st Grillo), Corio-Collegno Paradiso 1-1 (22' st rig. Preziosi (Col), 45' st Aimonino), Villarbasse-Pianezza 0-1 (35' Ferroglio), Esperanza-Real Leinì 2-1 (22' rig. Leone (R), 34' Comentale, 40' Nicola), Bvs-Rosta 2-2 (10' Fratello (B), 16' e 29' Cestone, 15' st rig. Gentile), Olympic Collegno-San Mauro 0-1 (5' st Saracino), Bussoleno-Valdruento 0-1 (1' Sanna).

 

Prima E: Bacigalupo-Atletico Santena 2-3 (17' Lamorte, 29' rig. Lamorte, 29' Cozzolino, 33' st La Braca, 38' st Lamorte), Vianney-Carrara 1-2 (14' st Minniti, 27' st Barra, 35' st rig. Lancianese (V), Baldissero-Kl Calcio 1-3 (26' Trapani, 34' st Marchionni, 40' st rig. Trapani, 46ì' st Siciliani (B), Cit Turin-Mirafiori 1-0 (16' Moncalvo), Barracuda-Orione Vallette 6-2 (11' Russo (O), 14' Kankam, 20' Aligjoni (O), 24' rig. Kankam, 44' Guidi, 4' st La Malva, 15' st KanKam, 39' st Mazzarella), Cambiano-Pertusa 1-2 (19' Scatigna, 27' Patrimia (C), 22' st Ferrero), Villastellone Carignano-Pozzomaina 4-2 (14' Fricano (P), 19' Plevna (P), 26' e 24' Gambino, 22' st Carpignano, 31' st rig. Quattrocolo), Filadelfia Moncalieri-Rapid Torino 0-6 (16' Robucci, 27' De Matteis, 44' Robucci, 7' st Orilio, 34' st Alessandria, 44' st Robucci)

 

Prima F: Borgaretto-Airaschese 0-2 (5' st Lagori, 8' st Schifano), Nichelino Hesperia-Atletico Racconigi 3-3 (3' Russo (A), 5' Luisi, 19' Cagliero (A), 40' Lolli, 14' st rig. Mendola, 30' st Polonio), Racconigi-Aurora Piossasco 3-2 (42' Mastratisi (A), 4' st rig. Celeghini, 11' st Celeghini, 47' st De Rosa (A), 49' st Covello), Luserna-Vigone 0-2 (14' e 29' Sina), Bruinese-Infernotto 0-1 (28' st rig. Corsaro), San Secondo-Lesna Gold 1-1 (17' Moretti, 31' st Spezzacatena), Bricherasio-Perosa 1-2 (6' Costantin, 14' Barbato, 31' st rig. Malesani (B), Pro Polonghera-Pinasca 0-4 (41' Prochietto, 45' El Bahi, 31' st Korri, 47' st Bobba).

 

Seconda E: Atletico Alpignano-Emit Boys 1-2 (22' D'Elia, 32' st Franchino, 38' st Senatore (A), Cafasse Balangero-Excelsius 7-0 (Casari, Massa Micon, Scalia, 2 Cresto, Michelotti, Massa Micon), Ardor SF-Fiano Plus 1-2 (2' st aut. Amari (A), 44' st Alestra, 49' st Pavani), Venaus-Gabetto Venaria 2-0 (11' Favro, 44' st Bailo), Forno-Chianocco 2-1 (7' Bena, 30' st aut. Giorda, 42' st rig. Vetrò (C), Spazio Talent-Rubiana 4-3 (Zichella, Dawda, Samson, Dawda (S) / Possidenti, Ursich, Possidenti). Riposa: Borgata Parella.

sab

11

mar

2017

Eccellenza A: Pont Donnaz-BorgoVercelli 1-0. Decide Garbini. E la Juventus Domo ringrazia...

PONT, 3 PUNTI PESANTI E UN ASSIST...

1-0 al BorgoVercelli: la Juve Domo ringrazia

Garbini (Pont Donnaz)
Garbini (Pont Donnaz)

11 marzo 2017

 

Dopo l'1-1 tra BonBonAsca e Pro Dronero (girone B) l'Eccellenza propone un altro anticipo, questa volta per il girone A. Lo porta a casa per 1-0 il Pont Donnaz contro il BorgoVercelli e c'è il decimo gol stagionale di Garbini, decisivo per l'assegnazione dei tre punti. Un risultato che fa decisamente felice la Juventus Domo.

Con questo punteggio la squadra di Cretaz allontana la zona playout e, anzi, si avvicina al 5° posto, distante ora 4 punti.

 

PONT DONNAZ-BORGOVERCELLI 1-0 finale

Pont Donnaz: Celesia, Scala, Pinet, Fiore, Mariani, Bosonin, Francia, Montari, Garbini, Kean. A disp.: Caresio, Dotelli, Jeantet, Porro, Della Rosa, Cole. All.: Cretaz.

BorgoVercelli: Moretto, Miglietta, Mirinioui, Pregnolato, Canino, Bertolone, Secci, Ferrarotti, Delorentis, Lazzarini, Bertola. A disp.: Di Bianco, Berzero, Cino, Comparelli. All.: Petrucci.

Arbitro: Ottino di Ivrea (Savia e Venesia di Nichelino).

Rete: 22' st Garbini

 

ECCELLENZA A: NUOVA CLASSIFICA

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
JUVENTUS DOMO 60 26 10 9 2 2 1 2 61 26
BORGOVERCELLI 48 27 5 9 4 3 4 2 46 23
BORGARO 45 26 6 6 2 3 5 4 48 29
AYGREVILLE 44 26 6 6 3 3 4 4 38 25
ALPIGNANO 43 26 7 5 3 4 3 4 44 31
LA BIELLESE 41 26 8 4 4 5 1 4 38 39
PONT DONNAZ 39 27 7 3 4 4 3 6 35 33
CITTA' DI BAVENO 38 26 7 4 6 4 0 5 46 44
LG TRINO 37 26 5 5 4 5 4 3 37 33
ALICESE 37 26 6 4 4 5 3 4 35 38
ORIZZONTI UNITED 35 26 5 3 3 4 5 6 28 27
STRESA 30 26 3 4 5 5 5 4 38 45
SETTIMO 29 26 2 5 5 6 6 2 33 44
RIVAROLESE 28 26 3 4 7 5 3 4 34 45
CERANO 27 26 3 4 7 6 3 3 35 46
VDA CHARVENSOD 22 26 1 3 5 7 7 3 29 49
PAVAROLO 22 26 3 2 6 8 4 3 27 43
BORGOMANERO 15 26 1 2 8 9 4 2 26 58

sab

11

mar

2017

Eccellenza: BonBonAsca-Pro Dronero 1-1. I cuneesi raggiungono il Rivoli. Alle 18 Pont-BorgoVc

PRO DRONERO, 1-1 IN CASA BONBONASCA

11 marzo 2017

 

BONBONASCA-PRO DRONERO 1-1

Reti: 6' Massaro, 9' Galfrè (P)

 

Eccellenza B: termina 1-1 con botta e risposta in avvio tra Massaro e Galfrè l'anticipo BonBonAsca-Pro Dronero. Gli alessandrini avanzano provvisoriamente a +1 sul Cavour, i cuneesi raggiungo il Rivoli al 4° posto e lo stesso Rivoli domani avrà la possibilità di accorciare sul 2° posto affrontando in casa il Saluzzo.

 

Alle 18 nuovo anticipo, questa volta in Eccellenza A: Pont Donnaz-BorgoVercelli.

 

NUOVA CLASSIFICA ECCELLENZA B

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
CASTELLAZZO 48 23 7 6 0 1 5 4 34 10
SALUZZO 41 23 8 3 2 2 2 6 32 25
TORTONA 38 23 7 4 2 5 3 2 28 23
RIVOLI 37 24 5 4 2 3 5 5 33 25
PRO DRONERO 37 24 5 5 3 4 4 3 43 34
FOSSANO 36 23 5 5 4 3 2 4 51 37
CHERASCHESE 35 23 5 5 3 5 3 2 41 33
CORNELIANO R. 34 23 4 6 5 4 2 2 33 26
FC SAVIGLIANO 32 23 6 3 2 7 3 2 37 30
BENARZOLE 27 22 2 4 4 3 5 4 27 26
ALBESE 27 23 5 1 1 7 5 4 26 34
BONBONASCA 25 24 5 2 7 6 1 3 26 49
CAVOUR 24 23 3 4 6 7 2 1 25 34
OLMO 23 23 6 0 5 7 1 4 22 43
COLLINE ALFIERI 22 23 3 3 5 8 3 1 20 32
VALENZANA MADO 20 23 3 2 6 7 3 2 24 41

sab

11

mar

2017

Domenica in Prima: Rapid, 2 fisso. San Mauro in casa Olympic, Cit-Mirafiori da paura. E il Carrara cerca la "decima"

PRIMA CATEGORIA, DUE MESI DI FUOCO

Olympic-San Mauro e Cit-Mirafiori, il Carrara cerca la "decima"

Lasaponara (San Mauro) in azione
Lasaponara (San Mauro) in azione

11 marzo 2017

 

Otto gare al termine della stagione: la Prima Categoria entra nella fase calda!

 

Prima D (classifica): River Mosso-Caselette, Pro Collegno-Cnh Industrial, Corio-Collegno Paradiso, Villarbasse-Pianezza, Esperanza-Real Leinì, Bvs-Rosta, Olympic Collegno-San Mauro, Bussoleno-Valdruento.

 

Volata finale per il San Mauro capolista: i pronostici per il match in casa Olympic dicono "2" fissdo perchè la battistrada è reduce da 21 punti in 7 gare, mentre i collegnesi soltanto da 5. Dietro è corsa per i playoffs: Collegno Paradiso (secondo) in casa Corio, River Mosso (terzo) in casa contro il Caselette, Pianezza (quarto) a Villarbasse contro un Mastrorosa in stato di grazia, Esperanza (quinta) sul campo amico contro il Real Leinì. Bvs-Rosta è il derby della deluse da questo campionato, il Valdruento punta all'intera posta a Bussoleno per tornare in zona playoffs. Ma è già qualificato alle semifinali di Coppa Piemonte e sarà in campo la prossima settimana.

 

Prima E (classifica): Bacigalupo-Atletico Santena, Vianney-Carrara, Baldissero-Kl Calcio, Cit Turin-Mirafiori, Barracuda-Orione Vallette, Cambiano-Pertusa, Villastellone Carignano-Pozzomaina, Filadelfia Moncalieri-Rapid Torino.

 

Gara, sulla carta, molto semplice per il Rapid Torino che trova un avversario ultimo in classifica e a zero punti nel 2017. Dietro sarà battaglia: bellissima Cit Turin-Mirafiori, vero big match per capire chi può stare dietro al Rapid. Nel frattempo il Carrara cerca la decima vittoria consecutiva in campionato in casa del Vianney!

 

Prima F (classifica): Borgaretto-Airaschese, Nichelino Hesperia-Atletico Racconigi, Racconigi-Aurora Piossasco, Luserna-Vigone, Bruinese-Infernotto, San Secondo-Lesna Gold, Bricherasio-Perosa, Pro Polonghera-Pinasca.

 

Dopo il ko per 1-3 contro la Pro Polonghera l'Infernotto torna in campo a Bruino e riparte dal +4 sull'Atletico Racconigi, che invece è di scena a Nichelino contro la squadra di Di Nola. Occhio al Racconigi (terzo) del capocannoniere Celeghini in casa contro l'Aurora Piossasco. Perosa (a Bricherasio) e Pinasca (trasferta con la Pro) non possono perdere altri punti se vogliono continuare a sognare i playoffs, altrimenti il distacco dal secondo posto diventerà incolmabile e con più di 10 puinti di gap non si disputerà il primo turno degli spareggi.

sab

11

mar

2017

Seconda: il sorteggio dice Venaus. I ragazzi di Marrese (tutto pari con lo Spazio Talent) avanti in Coppa

SORTEGGIO: VENAUS MIGLIOR SECONDA

Continua il percorso in Coppa: obiettivo salto in Prima

11 marzo 2017

 

Coppa Seconda Categoria: Venaus e Spazio Talent Soccer nel terzo turno avevano chiuso con gli stessi punti (1, frutto del pareggio per 1-1 nello scontro diretto) e con la stessa differenza reti in virtù di una doppia sconfitta subita da entrambi i club per 3-2 contro il Genola.

 

Oggi, dunque, in via Volta è servito il classico (e opinabile) sorteggio: monetina per aria e verdetto che sorride al Venaus di Marrese. E' proprio la squadra di Bailo, Favro e compagni a passare come miglior seconda, potendosi giocare il pass per le semifinali in un nuovo triangolare con Romagnano e Monferrato.

 

Si parte il 15 marzo: Romagnano-Monferrato. Il Venaus in campo il 22 e 29 marzo ha il vantaggio di giocare la seconda e terza partita facendosi anche due conti.

 

LE TRE SEMIFINALISTE GIA' PASSATE DAL 3° TURNO

 

Ivrea

Genola

Calliano

 

SECONDA CATEGORIA GIRONE E: IL PROGRAMMA DEL WEEKEND E CLASSIFICA

ven

10

mar

2017

Domenica in Promozione: Atletico-Savio Rocchetta, Chivasso-Susa e Chisola-Revello (senza Barison)

PROMOZIONE, OTTO GARE ALLA FINE

Zona statistiche: il Barcanova non perde da 11 gare

10 marzo 2017 - Otto partite da giocare in Promozione: la situazione comincia ad essere molto interessante. In questa domenica spicca sicuramente la partita di Promozione D tra le battistrada a pari punti Atletico Torino-Savio Rocchetta. Partite molto interessanti anche nei gironi B (sfida a distanza Susa-San Maurizio Canavese) e C (Revello inseguito da Denso, Centallo e Pedona).

 

REGOLAMENTO: un salto diretto in Eccellenza, seconda contro quinta e terza contro quarta ai playoffs (che non si giocheranno con più di 10 punti di distacco), una retrocessione diretta in Prima Categoria, quintultima contro penultima e terzultima contro quartultima ai playout (che non si giocheranno con più di 10 punti di distacco). Agli spareggi la squadra meglio classificata giocherà in casa e potrà usufruire del pareggio al 90', che porterà ai supplementari dove in caso di ulteriore parità passerà in virtù della miglior posizione in campionato.

 

PROMOZIONE B

 

Santhià-Bollengo

Volpiano-Caselle

Nolese-Gassino SR

Lascaris-Mathi Lanzese

Ivrea Banchette-Quincitava (ore 18.30)

Atletico Chivasso-Union Susa

Victoria Ivest-Vanchiglia

Venaria-San Maurizio Canavese

 

Fari puntati sull'Union Susa: quale sarà la reazione dei ragazzi di Falco dopo il ko di Gassino (secondo stagionale) attesi in casa Atletico Chivasso? Il San Maurizio, a Venaria, vuole continuare a mettere pressione e a inseguire il sogno del doppio salto di categoria. Sarebbe storico. Non sarà però facile contro un Venaria che ha bisogno di punti-salvezza come l'ossigeno.

Al 3° posto ecco il Lascaris: sfida interna col Mathi di Binandeh, quasi al sicuro ma non ancora del tutto. Quarto posto: l'Atletico sogna l'impresa contro l'Union Susa. Quinto posto: Vanchiglia a -14 dal San Maurizio, quindi ad oggi fuori dai playoffs come tutte le altre inseguitrici. Serve la vittoria in casa Ivest, dove i locali cercheranno a tutti i costi di fare risultato per non disputare i playout.

Terra di mezzo: Volpiano in casa col Caselle, Bollengo atteso a Santhià (penultimo, ci sono ancora piccole speranze di agganciare il Venaria), Ivrea Banchette che ospita nel posticipo il Quincitava nel derby.

 

PROMOZIONE C

 

Pedona-Boves

Piscinese Riva-Bsr Grugliasco

Pancalieri Castagnole-Carmagnola

Giovanile Centallo-Carignano

Denso-Moretta

Chisola-Revello

San Sebastiano-Trofarello

Villafranca-Villar Perosa

 

Denso e Centallo spingono a tutta nel girone di ritorno rispettivamente con 15 e 14 punti in 7 gare, ma il Revello è lì. Ha leggermente frenato nelle ultime gare, ma mai ha perso la testa.

Domenica la capolista Revello è attesa da un altro test importante in casa di un Chisola che per due turni non potrà schierare il capocannoniere Barison, squalificato. La Denso, contro il Moretta dell'ex D'Agostino, sembra avere un match più arduo del Centallo, che ospita un Carignano spazzato via 0-5 domenica scorsa proprio dalla Denso. Il Pedona ospita il Boves, salito al terzultimo posto solitario a +3 sul San Sebastiano, che invece ha in casa il Trofarello di Mogliotti.

Per la zona playoffs c'è da seguire Piscinese Riva-Bsr Grugliasco. Il Villafranca sfida un Villar Perosa che sta scivolando verso la Prima Categoria (1 vittoria in 22 gare), mentre il Carmagnola deve fermare in trasferta il Pancalieri Castagnole per scappare dalla zona playout.

 

PROMOZIONE D

 

Canelli-Asti

Nuova Sco-Cassine

Arquatese-Cbs

Barcanova-Cenisia

Atletico Torino-Savio Rocchetta

Pozzolese-San Giacomo Chieri

San Giuliano Nuovo-Santostefanese

Lucento-Villanova

 

Da un paio di settimane si parla meno del Lucento, ma se lo scontro al vertice Atletico Torino-Savio Rocchetta dovesse finire in parità potremmo ritrovarci clamorosamente, sempre in caso di vittoria di Rizzo, Lepera e compagni contro l'ostico Villanova, tre squadre in testa a pari punti. La partitissima è ovviamente quella tra le compagini di Piazzoli e Raimondi: 42 punti per entrambe, reduci da successi domenica scorsa.

Bagarre in zona playoffs con Asti, Canelli, Cenisia e Cbs protagoniste: ecco subito Canelli-Asti, superderby astigiano. Il Cenisia fa visita al Barcanova di Camposeo, che non perde da 11 partite! La Cbs, invece, troverà ad Arquata una squadra abbastanza tranquilla con 30 punti. Il San Giacomo Chieri nella delicatissima gara in casa Pozzolese, dopo le infinite polemiche e un rigore finito a Sky Sport può tentare il sorpasso alla Nuova Sco, impegnata contro il Cassine. Una delle ultime chiamate per la zona playoffs per la Santostefanese, che deve vincere a San Giuliano.

ven

10

mar

2017

Domenica in Eccellenza: spicca Rivoli-Saluzzo. Cerano-Settimo e Charvensod-Rivarolese, si salvi chi può

ECCELLENZA, UN MESE E MEZZO PER I VERDETTI

10 marzo 2017 - Parte il rush finale in Eccellenza. Per qualcuno nel girone B (Rivoli) soltanto sei gare da giocare, per altri sette partite. Nel girone A otto partite per tutti. Si avvicinano i verdetti: è adesso il momento per prepararsi al meglio al "dentro o fuori".

 

ECCELLENZA A (classifica completa)

 

VETTA: Juventus Domo a +12, arriva l'Orizzonti United che a quota 35 non è ancora al sicuro.

 

PLAYOFFS: BorgoVercelli al 2° posto atteso in casa Pont Donnaz (36 punti, ai valdostani manca ancora qualcosa per la salvezza). Al 3° posto ecco il Borgaro: trasferta a Biella coi locali di Roano decisi a tornare nella top five. In quarta posizione l'Aygreville, che fa visita ad uno Stresa che invece a quota 30 deve salvarsi a tutti i costi. Al 5° posto l'Alpignano, che troverà un Pavarolo (penultimo) col coltello tra i denti. LG Trino-Città di Baveno è una delle ultime chiamate per la risalita in zona playoffs.

 

PLAYOUT: nessuno al sicuro dallo Stresa (30 punti) in giù. Delicatissima Cerano (27)-Settimo (29) e Vda Charvensod (22)-Rivarolese (28). Il fanalino di coda Borgomanero (15) comincia a fare i conti con la matematica, ma non molla: trasferta ad Alice Castello.

 

ECCELLENZA B (classifica completa)

 

VETTA: Castellazzo + 7, serie D vicinissima perchè in questo girone ci sono 4 partite in meno e 12 punti in meno da raccogliere per le sparizioni di Acqui e Novese. Per Camussi e compagni è trasferta ad Alba contro i cuneesi che nell'ultimo mese hanno un po' mollato.

 

PLAYOFFS: da tripla Rivoli (37)-Saluzzo (41). Il Rivoli non vince da 7 gare ma può accorciare contro la squadra di Rignanese. Il Tortona (38) ospita un Cavour reduce da 10 punti in 8 gare e soprattutto da due vittorie di fila. Match impegnativo, ma gli alessandrini non perdono da una vita e sono reduci da 9 vittorie e 2 pareggi.

Occhio alla lotta per il 4° e 5° posto: Pro Dronero attesa in casa della BonBonAsca, partita benissimo ad inizio stagione e poi risucchiata nella zona calda. Il Fossano pesca in trasferta il Benarzole, che deve macinare punti-salvezza.

 

PLAYOUT: riposa l'Olmo, che starà a guardare e che spera di non perdere posizioni. Le ultime quattro finiscono "in griglia" e quindi le gare da seguire sono BonBonAsca-Pro Dronero, Tortona-Cavour, Colline Alfieri-Corneliano Roero e Savigliano-Valenzana Mado.

gio

09

mar

2017

Paolo Scutti, doppietta all'Alpignano. La sua Rivarolese vuole un altro miracolo: "La salvezza senza playout"

SCUTTI (RIVAROLESE): "DUE SETTIMANE DECISIVE"

I granata di Scardino in lotta per la salvezza in Eccellenza

Foto OssolaSport
Foto OssolaSport

9 marzo 2017 - di Michele Rizzitano


RIVAROLESE-ALPIGNANO 2-1

Rivarolese: Gillone, Ciccarelli, Puddu, Celano, Balagna, Franzino, Reano (24’ st Grosso), Scala (16’ st Sicca), Scutti, Querio (35’ st D’Agostino), Nabili. A disp. Milano, Giraudo, Savi, Grosso, Sicca, Surace, D’Agostino. All. Scardino
Alpignano: Doda, Tarnowski, Camoletto (29’ st Kasa), Carini, Russo (26’ Barrella), Lerda, Piras (11’ st Spoto), Visciglia, Massimo, Marangone, Cirillo. A disp. Mansouri, Liguori, Burei. All. Gatta (Lami)
Arbitro: Loiodice di Collegno
Reti: pt 20’ Scutti; st 27’ Cirillo, 42’ Scutti.

 

"Eravamo reduci da tre sconfitte consecutive. La quarta sarebbe stata una mazzata. Ci siamo tirati sù le maniche e siamo riusciti a battere l'Alpignano, un brutto cliente. Adesso dobbiamo continuare su questa strada...".

 

In Eccellenza A (classifica) parola a Paolo Scutti, cuore di Rivarolo. L'ex Orizzonti United, al 9° centro stagionale, è molto legato alla città e dall'ultimo mercato invernale gioca anche per la prima squadra granata, dove ha già messo in cassaforte cinque centri due dei quali, importantissimi, domenica scorsa.

 

La Rivaro-Leicester di Scardino cerca un altro miracolo. E ricordiamo: dopo la straordinaria stagione 2015/2016 passata testa a testa con il Brandizzo e il successivo salto di categoria via playoffs, nelle sessioni di mercato di Eccellenza il club si è mosso con un budget ridotto rispetto a molte rivali.

Paolo, è il momento decisivo del campionato? "Assolutamente sì. Tra questa domenica e la prossima sono sicuro che la classifica darà le sue prime risposte, dalla vetta dove la Juve Domo ha un ampio vantaggio, alla zona playoffs, fino alla zona playout che ci riguarda direttamente".

Arrivano sulla vostra strada Charvensod, Trino, Baveno e Pont. Sensazioni? "Sono fiducioso. Abbiamo pagato a caro prezzo un po' di inesperienza in alcune gare, come contro il Cerano e il BorgoVercelli, dove siamo stati puniti oltre il 90'. La squadra ha ottimi valori, ma molti giocatori sono al primo anno in Eccellenza e questa categoria non può essere paragonata alla Promozione. Serve maggiore concentrazione per gestire i momenti più difficili, che a volte provocano cali di tensione o distrazioni. Contro l'Alpignano siamo tornati attenti e quadrati. Questo è il momento più delicato della stagione, è un buon segnale".

 

Le rivali secondo te come stanno? "Lo Charvensod fino a poche settimane fa ha ha avuto un momento di exploit, poi ha pareggiato due gare e perso a Baveno. Adesso è sei punti dietro di noi così come il Pavarolo. L'obiettivo è lasciarlo lì. Il Cerano è in gran forma ed è risalito a -1 dalla Rivarolese. Secondo me la lotta sarà tra noi, Settimo e Stresa. Una di queste si salverà, le altre due finiranno ai playout".

Scutti ha le idee chiare: "Da qui alla fine del campionato dobbiamo centrare almeno 3-4 vittorie, sperando che le altre non facciano meglio. E' fondamentale mantenere nervi saldi, perchè possono arrivare alti e bassi e in questo momento non bisogna sbandare troppo".

Mister Scardino, autore di un miracolo l'anno scorso e vero faro di questa Rivarolese, era al centro di alcune voci la scorsa settimana riguardanti un possibile cambio in panchina: "E' rimasto al suo posto con grandissima concentrazione. E' il primo a metterci la faccia e se abbiamo perso qualche gara di troppo consecutivamente la colpe è di tutti. L'ultima vittoria ci ha restituito grande morale ed entusiasmo. Siamo pronti per la volata finale".

Un pensierino alla doppia cifra, visto che sei arrivato a 9 gol? "Ovviamente mi farebbe piacere, così come arrivare ai 15 gol dello scorso anno. Ma prima di ogni cosa voglio che la Rivarolese si salvi e possibilmente senza playout. La società merita l'Eccellenza per il lavoro che sta facendo".

ECCELLENZA A, COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
JUVENTUS DOMO 19 9 3 3 1 1 0 1 18 11
BORGOVERCELLI 16 9 2 3 2 1 0 1 14 9
BORGARO 15 9 1 3 1 1 2 1 16 9
AYGREVILLE 15 9 2 2 1 1 1 2 13 7
LG TRINO 15 9 3 1 1 1 1 2 15 13
CITTA' DI BAVENO 14 9 4 0 1 2 0 2 15 13
CERANO 14 9 1 3 1 2 2 0 17 14
PONT DONNAZ 13 9 2 1 1 1 1 3 11 10
VDA CHARVENSOD 13 9 0 3 1 1 4 0 12 11
LA BIELLESE 12 9 2 1 1 2 1 2 10 13
STRESA 12 9 2 1 1 2 1 2 12 9
SETTIMO 12 9 1 2 2 1 2 1 12 16
ALPIGNANO 11 9 2 1 2 2 1 1 13 13
ALICESE 10 9 2 0 1 2 2 2 11 16
RIVAROLESE 10 9 2 1 2 3 1 0 10 14
PAVAROLO 9 9 2 0 1 3 2 1 13 15
ORIZZONTI UNITED 8 9 1 0 1 2 2 3 7 10
BORGOMANERO 1 9 0 0 4 4 1 0 4 20

gio

09

mar

2017

Bagarre salvezza in Eccellenza B. Cretazzo (Cavour): "Due boccate d'ossigeno, c'è da lottare..."

QUI CAVOUR. CRETAZZO: "PRONTI A LOTTARE"

La carica del classe '89 che castigò la "sua" Juve in amichevole

9 marzo 2017

 

CAVOUR-ALBESE 2-0
Cavour
: Raica, Quattrocchi, S. Bonelli, Dedominici, Cristiano, Laganà (25' pt Cuttini), Fiorillo, Cretazzo, Pareschi (31' st Buongiorno), Atteritano, R. Di Leone (7' st D. Bonelli). A disp. Gilli, Modugno, Candela, Valerio. All. P. Di Leone.
Albese: Corradino, Dieye (32' pt Gili), Buso, Grimaldi, Nazari, Bregaji, Freda (25' st Colla), Manasiev (11' st Bosco), Bandirola, Anania, Capocelli. A disp. Pagliano, Penna, Berruto, Angelov. All. Fantini.
Reti: 6' Pareschi, 9' st Cretazzo

 

Un grande intrigo nella zona retrocessione di Eccellenza B (classifica).

 

BENARZOLE 27

ALBESE 27

CAVOUR 24

BONBONASCA 24

OLMO 23

COLLINE ALFIERI 22

VALENZANA MADO 20

 

Niente retrocessioni per le sparizioni di Acqui e Novese, le ultime quattro ai playout. Chi si salverà con otto turni da giocare?

I numeri dicono che nel girone di ritorno la squadra di bassa classifica che sta meglio è il Cavour di Pino Di Leone: 10 punti in 8 gare grazie anche a due vittorie consecutive contro Olmo e Albese. Un trend migliore, per esempio, del Corneliano Roero che è 10 punti più sù.

Domenica è andato in gol il duo Pareschi-Cretazzo, un mix di tecnica, potenza e qualità. Ed è proprio Alessandro Cretazzo, classe '89 con 10 anni di Juventus alle spalle in carriera, a fare il punto della situazione ai nostri microfoni.

 

Alessandro, com'è la situazione? "Abbiamo preso due grandi boccate d'ossigeno vincendo le ultime due partite, ma non ci basta...C'è semplicemente da lottare, sempre, fino alla fine. Non credo che i fallimenti di Acqui e Novese abbiano falsato il campionato, ma questa situazione si poteva evitare la scorsa estate. Da una parte meglio, perchè quest'anno non torna in Promozione nessuno direttamente, dall'altra i turni di riposo possono diventare un handicap per qualcuno e di sicuro con 12 punti in meno si è abbassata la classica soglia salvezza".

 

Due gare senza subire gol, il guizzo del baby Fiorillo in casa Olmo e poi il 2-0 all'Albese: "I giovani stanno andando forte a Cavour. Mi riferisco a Raica, Quattrocchi, Bonelli, Fiorillo, Candela, Modugno e tanti altri. Anzi, dico di più, qualche volta sono un po' mancati i vecchi e io per primo mi assumo le responsabilità, anche se i 24 punti in 23 partite si spiegano in tanti modi. Per esempio abbiamo avuto una marea di defezioni da gestire. Pareschi, giocatore per noi fondamentale, lo stiamo ritrovando ora, Garrone è stato sempre indisponibile da novembre e ci sono stati troppi infortuni decisivi. D'Alessandro? Ha fatto la sua scelta trasferendosi alla Valenzana ed è arrivato Buongiorno, ottimo attaccante che ha dato un grosso contributo. Il gruppo è rimasto una grande famiglia, c'è un presidente ed un allenatore storico e un ambiente sereno dove giocare a calcio. Serietà e professionalità da parte di tutti sono i pilastri di questo club. Sono davvero contento di stare qui e spero di rimanere ancora molti anni, ma soprattutto di centrare la salvezza quest'anno senza playout".

 

La panoramica di Cretazzo su questa Eccellenza: "Il Colline Alfieri non vive un gran momento di forma ma con loro abbiamo fatto zero punti. Che peccato. Tra le nostre rivali credo che quella che certamente si salverà sarà il Benarzole. Li ho visti superiori. La Valenzana può farcela, arriva da tre vittorie di fila. Speriamo di tenerla dietro. L'Albese è rimasta nel calderone proprio grazie alla nostra vittoria. Il Fossano? E' tra le squadre che ho visto giocare meglio. Crea tanto, magari rischia qualcosa ma è una squadra capace di tutto. Il Tortona? Li affrontiamo domenica. Sarà difficilissimo fermarli, non perdono da una vita. Il Castellazzo? Rocciosi, compattissimi dietro e bravi davanti. Sono i più forti. Non mi stupisce la loro prima posizione, mentre avrei immaginato il Rivoli più sù. Il Saluzzo? Sta facendo benissimo, ho giocato lì e sono contento per la società, che ha cambiato molto in attacco scegliendo valide pedine come Pinelli, Bissacco e Favale".

 

A Cretazzo, ex Moncalieri, 10 anni alla Juve, poi Ciriè, Rivoli, Albese, Settimo, Sciolze, Chisola, Saluzzo, al terzo anno a Cavour, non potevamo chiedere di ricordare quel gol alla Juventus di Allegri, un incredibile 3-2 in amichevole da parte della selezione Lucento/mix di giocatori del calcio piemontese, una storia del 25 luglio 2014: "Un'esperienza fantastica, tra l'altro a ridosso del mio compleanno. Non succede tutti i giorni di battere sul campo una squadra che schiera Tevez e Llorente e che si chiama Juventus. Che dire, siamo stati bravi ma anche molto fortunati...Ci hanno massacrato nel gioco, ma Marrone che conosco bene prima della partita mi confermò quanto fossero stanchi fisicamente. Avevano caricato molto nei giorni precedenti. Dopo quel gol il mio cellulare impazzì per oltre 24 ore...".

 

ECCELLENZA B, COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
TORTONA 20 8 4 2 0 0 1 1 11 3
PRO DRONERO 17 8 1 4 1 0 1 1 18 9
FOSSANO 15 8 2 2 1 0 2 1 21 13
CASTELLAZZO 14 8 2 1 0 0 3 2 12 5
FC SAVIGLIANO 13 8 3 1 0 3 0 1 12 9
CHERASCHESE 12 8 0 3 2 0 2 1 13 12
RIVOLI 11 9 1 1 1 1 2 3 11 11
SALUZZO 10 8 1 1 1 1 1 3 9 11
CAVOUR 10 8 1 2 3 1 0 1 9 11
CORNELIANO R. 9 8 0 2 2 1 2 1 9 7
BENARZOLE 9 7 0 2 1 1 3 0 11 9
VALENZANA MADO 9 8 1 2 3 2 0 0 9 12
OLMO 8 8 2 0 2 2 1 1 9 15
ALBESE 6 8 1 0 1 3 2 1 9 14
BONBONASCA 5 8 1 0 2 3 0 2 6 20
COLLINE ALFIERI 4 8 0 1 4 2 0 1 5 13

mer

08

mar

2017

Atletico Torino-Cassine, la sentenza del Giudice fa sorridere gli ospiti. Dacasto: "Roba da Zelig..."

ATLETICO-CASSINE, GLI OSPITI: "LA SENTENZA? ROBA DA ZELIG"

Il dg Dacasto non ci sta: confermato il 4-1 sul campo

8 marzo 2017

 

"Roba da Zelig...". Questo l'emblematico commento del dg del Cassine Alessandro Dacasto dopo la sentenza del Giudice sportivo in merito al reclamo degli alessandrini dopo la sconfitta per 4-1 contro l'Atletico Torino (qui l'articolo, la sentenza e le sanzioni).

 

Bisogna entrare nello specifico: il Giudice ha rigettato il ricorso del Cassine in quanto Lorenzo Lucca, il classe 2000 schierato dall'Atletico, ha sì giocato due gare nello stesso giorno (è stato accertato, al mattino con gli Allievi e al pomeriggio in prima squadra) ma il comma dell'articolo 34 del regolamento Noif non parla in questo caso di sconfitta a tavolino per la squadra di appartenenza. Solo sanzione amministrativa. E fin qui si poteva immaginare, lo avevamo scritto.

 

Il Cassine però non si è fermato qui e ha contestato anche le varie autorizzazioni in possesso dell'Atletico Torino (tra cui una visita medica) presentate al Comitato Regionale per poter schierare tra i "grandi" un giovane del 2000.

 

Dice Dacasto: "Nella sentenza il Giudice sportivo non entra neanche nel merito, cioè non dice se il club era o meno in possesso della visita. Si è fermato al fatto che Lucca provenisse in prestito da una società professionistica, il Torino, e che avesse compiuto 16 anni. Ma allora ci sfugge qualcosa. Se sei un giovane dilettante e non hai la visita perdi la partita a tavolino e questo è certo, se sei un giovane dilettante ma arrivi da una società professionistica puoi anche non fare la visita e non succede nulla. E' roba da Zelig...Poi ritengo assurdo punire il ragazzo e squalificare il dirigente che non c'entra nulla".

 

Per i dettagli ecco il comunicato Lnd: clicca qui

mer

08

mar

2017

Racconigi miglior attacco con un Celeghini da urlo. Nel 2017 momento magico: 16 punti in 7 gare, 3° posto

UN SUPERBOMBER A RACCONIGI: FULVIO CELEGHINI

Già 25 gol: solo Preziosi del Collegno segna quanto lui

8 marzo 2017

 

PRIMA GIRONE F: CLASSIFICA COMPLETA

 

Prima Categoria, un pianeta di storie da raccontare, un esercito di "fedelissimi" abbonati alla borsa e agli allenamenti dopo lavoro, un gruppo infinito di giocatori che ha la passione per il pallone scritta nel dna.

 

Proprio come lui: Fulvio Celeghini, cuore di un Racconigi miglior attacco di Prima girone F. Il bomber che ha giocato in Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria segnando sempre valanghe di gol è tornato in patria e con i suoi 25 gol in 22 gare il suo nome è già finito sui taccuini di alcuni direttori sportivi. Sì, perchè Celeghini sta segnando come nessuno negli 8 gironi di Prima Categoria (128 squadre): gli sta dietro soltanto Preziosi del Collegno e di certo non è un caso.

 

A tutto Celeghini: oggi il puntero analizza il momento del Racconigi, club che fa una doppia corsa. La prima nella classifica generale (3° posto, squadra top del 2017 con 16 punti in 7 gare), la seconda sui cugini dell'Atletico Racconigi, per il momento secondi in questo derby tra vicini di casa a +6 sul "Racco.

Così il bomber: "Sono fortunato perchè gioco in un ambiente ideale per fare calcio. Il Racconigi è un gruppo molto unito e non ci sono teste calde. Se stiamo producendo certi numeri molto è merito di mister Nastasi. E' il suo primo anno in panchina ma è preparatissimo, cura i dettagli e i movimenti, studia gli avversari e sa gestire uno spogliatoio nei suoi alti e bassi. Il segreto del 3° posto e del miglior attacco? Essere partiti senza l'assillo di dover vincere o arrivare per forza ai playoffs. Mentalmente siamo liberi...".

 

E l'Atletico? "Per il momento ci è davanti...Qui il derby è una cosa seria, è molto sentito e ci sono sempre gli spalti pieni. Arrivare davanti a loro sarebbe un orgoglio e ci proveremo. Mancano ancora molte gare".

Celeghini ha segnato la metà dei 51 gol del Racconigi (classifica cannonieri): "Un grazie ai miei compagni di squadra, sempre bravi e puntuali nel fornirmi assist. E poi sì, qualche volta mi invento qualcosa...La squadra atleticamente sta bene, non si è mai seduta. Siamo anche molto giovani perchè io coi miei 29 anni sono uno dei più vecchi se così si può dire...".

Fuori i nomi: Elia, playmaker di centrocampo ex Denso, Ronga, punta esperta, Gala, trequartista giovane dalla grande visione di gioco (spesso sono sue le imbucate per gli attaccanti) e poi il custode dei pali Buggin, Perusin, Benedetto, Zizzo, Macchioni, Covello, il giovane Pianotti in difesa, Aiello nel cerchio centrale, Mancuso pilastro difensivo, gli ex Favari Tallano e Orrù, gente esperta che nell'ultima vittoria di Perosa (firmata non a caso Celeghini, doppietta e 1-2) ha fatto sentire la sua presenza. E tanti altri.

 

Una panoramica sulle rivali: "L'Infernotto? Attacco atomico, difesa molto compatta. In più non ha potuto schierare Ligregni, mio rivale tra i cannonieri, per diversi mesi. Nove su dieci vincono loro anche se la sconfitta di domenica con la Pro Polonghera ha un po' riaperto il campionato. L'Atletico Racconigi? Squadra forte e compatta, li conosco bene. Ho giocato nella Stellazzurra con Mendola, che ha segnato già 17 gol. Il Perosa? Domenica non è stato semplice superarli anche perchè siamo abituati ai campi grossi e a giocare palla a terra. Sul loro terreno di gioco, spesso, è vera battaglia e non si riescono ad orchestrare molte trame. La Pro Polonghera? Una formazione capace di tutto. Ha dimostrato di poter vincere e perdere su ogni campo, è molto rognosa". Celeghini non dimentica poi le ostiche Pinasca e Lesna Gold, al momento però fuori dalla griglia playoffs perchè troppo staccate dal 2° posto.

 

Il bomber chiude così: "Ci aspettano otto finali, la prima con l'Aurora Piossasco. Viviamo un ottimo momento di forma e vogliamo continuare su questa strada. I gol? Spero di segnarne ancora moltissimi...".

Ecco tutta la carica di Celeghini, un bomber abituato a portarsi a casa le classifiche cannonieri. E' già successo nel San Bernardo (Carmagnola, due volte) e nel Caramagna in Seconda. Prima le esperienze in Stellazzurra, Polonghera, Racconigi, Savigliano e Poirino, oggi il ritorno proprio a Racconigi. E una pioggia di gol.

 

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
RACCONIGI 16 7 3 2 0 1 1 0 22 10
PRO POLONGHERA 16 7 2 3 0 1 1 0 15 7
INFERNOTTO 15 7 3 2 1 1 0 0 9 7
ATL. RACCONIGI 13 7 3 1 0 2 0 1 15 9
BRICHERASIO 13 7 3 1 1 1 0 1 13 7
PINASCA 11 7 2 1 0 2 1 1 10 8
LESNA GOLD 11 7 2 1 0 2 1 1 11 8
PEROSA 10 7 3 0 1 2 0 1 7 9
BRUINESE 10 7 2 1 1 2 0 1 10 11
NICHELINO H. 9 7 2 0 0 2 1 2 8 9
AUR. PIOSSASCO 8 7 2 0 0 3 2 0 8 9
SAN SECONDO 8 7 2 0 1 2 0 2 7 9
FC VIGONE 7 7 1 0 0 2 3 1 11 11
AIRASCHESE 6 7 2 0 1 4 0 0 7 13
BORGARETTO 3 7 0 1 4 2 0 0 6 17
LUSERNA 1 7 0 0 3 3 1 0 7 22

mer

08

mar

2017

Come previsto: solo multa per l'Atletico Torino. Rigettato il reclamo del Cassine per le due gare in un giorno del 2000 Lucca

RECLAMO CASSINE RIGETTATO: SOLO MULTA ALL'ATLETICO

8 marzo 2017

 

Tutto come previsto in Promozione D. Nel caso un club reclami nei confronti di un giocatore che ha partecipato a due gare nello stesso giorno rischierà in futuro di fare un buco nell'acqua, con tasso reclamo da versare.

 

Sentite il Giudice sportivo in merito ad Atletico Torino-Cassine: "E' stata accertata la partecipazione a due gare nello stesso giorno dell'atleta LUCCA LORENZO [...] ma tale manifesta violazione dell'articolo 34 comma 2 delle NOIF non comporta la perdita a tavolino della gara ma unicamente a sanzione amministrativa".

 

Per cui: rigettato il reclamo del Cassine e confermato il 4-1 del campo a favore dell'Atletico Torino, che domenica affronterà da prima della classe la compagna in vetta Savio Rocchetta.

 

Il Cassine, oltre a reclamare per la partecipazione a due gare in un giorno di Lucca, sosteneva inoltre nel reclamo che quest'ultimo non fosse autorizzato a scendere in campo in quanto privo di apposita documentazione presentata al Comitato Regionale (art. 34 comma 3 delle Noif). Ma anche in questo caso il Giudice accerta il contrario: Lucca è "giovane di serie" e tesserato tale dal Torino, società della Lega Professionisti serie A che poi lo ha girato in prestito all'Atletico Torino con decorrenza 31/8/2016. Dunque, non serve autorizzazione speciale in quanto basta il compimento del 16° anno di età.

 

Ecco invece le sanzioni:

 

  • 150 euro di multa all'Atletico Torino
  • un turno di squalifica per il classe 2000 Lucca Lorenzo
  • un mese di squalifica per il dirigente responsabile Mario Santomauro

mer

08

mar

2017

Coppa Eccellenza, oggi pomeriggio Borgaro in casa Romanese. Due risultati su tre per passare il turno

BORGARO ELIMINATO IN LOMBARDIA

Match live: 3-2

8 marzo 2017

 

Occasione d'oro per il Borgaro di Licio Russo, che può avanzare nella fase nazionale dopo aver portato in bacheca la Coppa Piemonte Eccellenza il 6 gennaio.

Dopo il secco 5-0 alla Sestrese (doppietta di Pierobon, gol di Arabia, Piotto e Zanella) il Borgaro è atteso oggi pomeriggio in casa Romanese dove avrà a disposizione due risultati su tre in virtù di una miglior differenza reti (+2) nei confronti dei locali, vittoriosi soltanto 3-0 contro i liguri già eliminati.

 

In campionato (classifica Eccellenza A) il pareggio subìto nel finale dallo Stresa (1-1) ha tolto a Cantele e compagni il salto a 47 punti, ma è rimasta invariata la terza posizione in attesa della trasferta di Biella. Per lo scontro di oggi, invece, in forte dubbio Pagliero, Ignico e Parisi. Licio Russo ha confermato che puntare sul pareggio potrà portare soltanto rischi, per cui il Borgaro andrà in Lombardia a giocarsi la partita a viso aperto cercando di avvicinarsi ad una storica finale per quanto riguarda tutti i gironi di Eccellenza italiani.

 

COPPA ECCELLENZA - Fase Nazionale

 

Classifica: Borgaro 3 (+5), Romanese 3 (+3), Sestrese 0 (eliminata). 

Oggi, ore 14.30: Romanese-Borgaro 3-2 live

(2 Gauriniello, Ovardi (R), rig. Parisi, Pagliero)

mar

07

mar

2017

Denso in pressing sul Revello: vetta a -2 e goleada. Primo gol per Shtembari: "E' cambiata la mentalità"

SHTEMBARI-GOL: "IO DENSO POSITIVO"

Il Revello resta davanti: scontro diretto alla penultima giornata

7 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

PROMOZIONE C: CLASSIFICA COMPLETA

 

CARIGNANO-DENSO 0-5

Carignano: Guglielmo, Bassoli, Oddenino, Vandanesi, Magistri, Baracco (18' st Manescotto), Miretti (35' st Gallè), Destefanis, Cavaglià, Barbero, De Maistre (1' st Tortorici). A disp.: Benente, Cattapan, Desogus, Mengozzi. All.: Cesare.

Denso: De Miglio, Bertelli, Benedetti, Esposito, Carfora (19' st Barbini), Ferretti, Bustreo (18' st Mazzone), Zanchi, Shtembari, Ammendolea, Fascio (5' Benedetto). A disp.: Bosticco, Castrovilli, Petruzzelli, Mainardi. All.: Panetta.

Reti: 3' e 10' Ammendolea, 10' st Benedetti, 19' st Zanchi, 35' st Shtembari.

 

Sapete da quanto non perde la Denso, reduce da una goleada a Carignano (0-5)? Esattamente da 9 partite: 2-0 del Revello alla penultima del girone d'andata. Adesso è cambiato tutto: 9 gare senza perdere, gli scontri ostici con Villafranca, Pedona, Piscinese Riva, Chisola e Centallo vinti o pareggiati, il miglior trend nell'attualità di Promozione C (15 punti in 7 gare nel ritorno, vedi tabella in fondo) e una consapevolezza che porta punti pesanti anche quando Geografo e Dalla Costa, non proprio due giocatori a caso, sono infortunati.

 

Un'altra bella notizia per la Denso di mister Panetta è quella del primo gol stagionale di Ledjo Shtembari, centrocampista albanese ex Cbs, Chieri e Orizzonti United.

Ecco la sua analisi del momento biancorosso: "C'è grande entusiasmo e uno stato d'animo ottimo nello spogliatoio. Siamo pronti per la volata finale e l'unico obiettivo è il titolo. Noi ci crediamo fortemente e sappiamo di avere una squadra costruita per riuscire nell'impresa. Il gruppo è ancora più unito rispetto all'anno scorso, ma credo che la differenza la faccia una cosa in particolare. Il cambio di mentalità...".

Ci spiega meglio Shtembari: "Non vogliamo portare a casa solo i tre punti e basta, ma anche dimostrare la nostra forza nel gioco e nelle occasioni da gol. Certo, quando le cose vanno bene è anche facile essere euforici, ma a detta di molti avversari in più di una partita abbiamo dominato e siamo riusciti a sopperire alle assenze di Geografo e Dalla Costa. Chi temiamo? Nessuno. Rispettiamo tutti, soprattutto il Revello che ci è davanti. Bruciano un po' i punti persi contro Pedona, Piscinese e Centallo perchè abbiamo giocato bene e non siamo riusciti a riprendere il Revello, che ha un po' rallentato. Siamo comunque lì e ci siamo portati a -2. Scontro diretto decisivo alla penultima giornata? Sì, penso possa essere il momento chiave del campionato".

 

Shtembari sui giovani della Denso: "Quest'anno sono l'elemento in più. Bustreo è un giovane solo sulla carta sia a livello tecnico che soprattutto mentale, Zanchi e Bertelli stanno facendo un ottimo campionato, Mazzone se non fosse stato per impegni di lavoro che lo costringono a mancare a diversi allenamenti avrebbe fatto delle grandi cose perché ha ottime doti calcistiche, e i vari Castrovilli, Mainardi, Di Francesco si sono sempre fatti trovare pronti quando impiegati".

Mancano un po' i gol dei centrocampisti? "Sì, sono sincero. Il professor Vito Cucco ci dice sempre che li abbiamo nelle corde, ma calciamo poco...". E se inizieranno ad arrivare reti pesanti nelle ultime 8 giornate anche dalla metà campo dietro ad Ammendolea, Dalla Costa e Geografo allora saranno davvero dolori per tutte...

Intanto domenica la Denso ritrova un grande ex: Enzino D'Agostino, passato al Moretta nel mercato invernale...

 

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
DENSO 15 7 2 2 0 0 2 1 14 5
GIOV. CENTALLO 14 7 4 0 0 1 0 2 11 7
REVELLO 12 7 0 3 1 0 2 1 8 6
PEDONA 12 7 1 2 1 0 1 2 6 4
VILLAFRANCA 11 7 2 1 0 2 1 1 9 8
BOVES 11 7 2 1 1 1 1 1 8 7
PISCINESE RIVA 10 7 1 1 0 1 3 1 8 5
BSR GRUGLIASCO 10 7 2 1 1 2 1 0 9 6
PANCALIERI CAST. 10 7 1 1 0 1 2 2 8 8
MORETTA 10 7 1 1 0 1 3 1 10 4
CHISOLA 7 7 1 1 1 3 1 0 13 13
CARMAGNOLA 7 7 1 0 1 1 1 3 7 10
TROFARELLO 6 7 0 1 2 1 2 1 8 14
SAN SEBASTIANO 5 7 1 0 2 2 0 2 6 10
VILLAR PEROSA 4 7 0 0 1 2 2 2 4 11
CARIGNANO 2 7 0 0 4 1 0 2 4 15

mar

07

mar

2017

Castellazzo, che storia. Il leader Camussi al '98 Zunino entrato al 70': "Oggi la risolvi tu". E lui trova il 1° gol...

ZUNINO: "FINALMENTE GOL"

Castellazzo sogna: "Camussi me lo aveva detto, segni tu"

7 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

ECCELLENZA B: CLASSIFICA COMPLETA

 

CASTELLAZZO-OLMO 2-0
Castellazzo: Gaione, Cascio, Costa, Viscomi (38′ st Cimino), Silvestri, Camussi, Crispoltoni (12′ st Boveri), Genocchio, Cabella (25′ st Zunino), Rosset, Piana. A disp. Baralis, Limone, Bronchi, Alb. All. Merlo.
Olmo: Campana, Bernardi, Pernice, Bianco, Pepino M., Sciatti, Dalmasso G., Magnaldi D. (20′ st Blua), Dalmasso A. (32′ st Manfredi A.), Lerda M., Magnaldi M.. A disp. Balsamo, Nicolino, Bertaina, Xhani, Shehu A.. All. Pressenda.
Reti: 38′ st Zunino (C), 46′ st Rosset (C).

 

Il leader maximo che ha fatto le categorie che punta sul "ragazzino" del '98. Una storia bellissima in arrivo da Castellazzo, dove la capolista esulta per il 1° gol stagionale di Federico Zunino da Costigliole d'Asti, uno che per indossare la casacca verde fa 50 chilometri ad andare e 50 a tornare. Tutta passione per vere emozioni: lo capiamo da come Zunino ci racconta il momento di gloria della sua domenica. E' così che gli alessandrini sbloccano il match contro un buonissimo Olmo, bravo a difendersi fino all'83' e poi battuto 2-0 con gol finale di Rosset.

 

Il leader è Camussi, il "ragazzino" (cioè il fuoriquota di turno) è proprio Zunino, che ci riporta gli attimi intensi di un momento favolistico: "Eravamo al 70' e niente...la palla non voleva entrare. L'Olmo è stato bravo a difendersi. Ci stavano provando tutti a segnare, a Piana è stato anche annullato un gol. Io mi sono sentito chiamare da mister Merlo in panchina. "Vai a scaldarti Zunino", mi ha detto. Lui è un imprevedibile. A volte fa un cambio, altre volte tre e punta tutto sui giovani che subentrano. E questa volta avevamo già in campo due '98...".

L'ingresso in campo provoca un cambiamento al modulo: "Sono entrato per fare il trequartista e siamo passati dal 4-4-2 al 4-3-1-2. Poi dopo un po' mi ha gridato di spostarmi a destra in un più incisivo 4-3-3. Poco dopo proprio da quella posizione battiamo una rimessa sulla sinistra, Piana la spizza, faccio due palleggi, mi giro di prima e vedo la palla entrare in rete in mezzo a due difensori. Ho pensato, non è vero...".

 

Si scatena la bolgia di Castellazzo Bormida: "Mi sono saltati tutti addosso, in primis Camussi. E' stato proprio lui a venire da me dopo il cambio e a dirmi "questa volta tocca a te"...Io ero reduce da una prestazione non buona contro il Benarzole, eravamo 0-0 e mai mi sarei aspettato di avere questa responsabilità in quel momento importante per la stagione. Questo è un momento che mi farà davvero crescere molto. Mi ha fatto enormemente piacere sentire quelle parole e mi sono fatto trovare pronto. Cercavo questo gol da inizio anno, sono felicissimo e credo valga come 5-6 reti...La cosa più importante, comunque, resta la vittoria della squadra. Tre pareggi di fila per una capolista non sarebbero stati un grande segnale, considerata anche la vittoria del Saluzzo".

 

Zunino non ha dubbi: "E' la vittoria del gruppo. Ho visto esultare come un pazzo anche chi ha giocato pochi minuti, i dirigenti e i magazzinieri, figure importante di questa società fantastica".

Il bello è che in estate quando arriva la chiamata del Castellazzo l'ex Santostefanese e Asti Zunino quasi non ci crede: "Costiglione è un po' lontano, loro lo sapevano ma mi hanno voluto fortemente. E la mia scelta di dire sì è stata azzeccatissima. Qui abbiamo giocatori espertissimi, che hanno giocato centinaia di partite difficili come quella di domenica come Piana, Silvestri, Camussi, Genocchio e Rosset, giovani che si allenano con serietà anche se vanno in tribuna, un allenatore che è un grande motivatore, un presidente sempre presente, Cosimo Curino, e addirittura quando sono arrivato a firmare in piena estate c'erano a trovarmi una decina di tifosi. Una cosa mai vista, dimostrazione di un attaccamento importante della città alla squadra. Consiglio veramente a tutti di venire a giocare qui. E' così che si vince, tutti insieme. Noi siamo ad un passo dal traguardo, dipende tutto dal Castellazzo agguantare questo sogno chiamato serie D...".

Zunino in azione
Zunino in azione

mar

07

mar

2017

L'Union Susa dei record cade (una volta tanto) ed ecco il sostegno di...Gigi Buffon!

BUFFON CON ONOMONI: "FORZA SUSA"

7 marzo 2017

 

Un "Forza Susa" da un numero uno. Gigi Buffon, assieme ad Alberto Onomoni, ha inviato il suo sostegno all'Union che si sta giocando il titolo in Promozione B. L'ultima partita ha visto cadere i biancorossi in modo netto 3-0 a Gassino, ma questo è il campionato dei record e il 1° posto per il momento non è assolutamente in discussione.

 

Nell'ambiente la carica è massima, anche perchè la prima sconfitta per 2-0 contro il San Maurizio Canavese (ora a -4, qui l'intervista a Luca Dosio) aveva solo portato vantaggi e grande cattiveria in più all'Union Susa. Intanto mister Falco e i suoi ragazzi tornano al lavoro con la carica del numero uno bianconero.

 

VIDEO SU FACEBOOK

mar

07

mar

2017

Arriva "LA" partita: Atletico Torino-Savio Rocchetta, prime a pari punti. Le parole di Piazzoli e Blini

DOMENICA ATLETICO-SAVIO DA BRIVIDO

42 punti per entrambe, prime in Promozione D

7 marzo 2017

 

Arriva "LA" partita in Promozione D: domenica si affronteranno le prime in classifica appaiate a 42 punti, ovvero l'Atletico Torino di Piazzoli e il Savio Rocchettta di Raimondi.

 

Qui Atletico Torino: 8 vittorie e un pareggio per Di Matteo, Piovesani e compagni, convincenti anche sul campo del Cenisia con il gol decisivo di Minetti, tante occasioni da gol, un palo, una traversa e un rigore sbagliato dall'ottimo Sansone.

Mister Piazzoli: "Tutti vorrebbero giocare partite del genere. E' il momento decisivo, perchè le fughe per il titolo partono adesso e in nessun altro momento. Noi ci faremo trovare pronti, anche se il Savio è una corazzata. Servirà corsa, bravura, nervi saldi e anche un pizzico di fortuna negli episodi decisivi". Piazzoli ironico: "Intanto ci siamo salvati matematicamente...A parte gli scherzi sono molto felice di come stiamo giocando. Creiamo tanto e lo 0-1 col Cenisia non ci rende giustizia viste le tante parate di Gianoglio, due legni e un rigore sbagliato. Un aspetto da migliorare? La gestione del risultato. Nel finale abbiamo preso dei contropiede scellerati in 11 contro 10. Invece di far girare la palla siamo andati a fare un altro gol, ma in questi casi rischi poi di subirlo. Lavorerò molto su questo tipo di atteggiamenti. Raimondi? Un tecnico bravissimo, abbiamo fatto il corso assieme. Ho grande stima del suo modo di lavorare".

 

PROSSIMI AGGIORNAMENTI (giovedì): video highlights Cenisia-Atletico e foto

 

Qui Savio Rocchetta: 7 vittorie, un pari e una sconfitta (al 90' contro la Cbs) nelle ultime 9, con 22 punti messi in cassaforte al cospetto dei 25 dell'Atletico. Nell'ultima gara è arrivato un 2-1 al San Giuliano, vittoria insindacabile con qualche appresione soltanto nel finale. Tanta qualità per il "Sando" che può schierare in campo elementi di spessore tecnico e carismatico come Sasso, Di Santo (sua la doppietta al San Giuliano), Modini, Schiavone, Manno e tanti altri.

Ecco le parole di Gianluca Blini rilasciate ai microfoni della fan page del Savio Rocchetta: "Contro il San Giuliano è stata una vittoria importante contro un avversario tosto e fisico. Abbiamo segnato due gol e poi gestito il vantaggio dando il massimo. Peccato per il gol subìto nel finale. Ci aspetta ora una grande partita contro l'Atletico. Vogliamo andare là a vincere, ma sappiamo che da qui alla fine saranno tutte finali. Abbiamo in testa un unico risultato, cercheremo di portarlo a casa sempre fino a fine campionato".

 

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
ATLETICO TORINO 19 7 2 4 0 0 1 0 15 5
BARCANOVA 17 7 2 3 0 0 1 1 9 4
SAVIO ROCCHETTA 16 7 3 2 0 1 0 1 12 4
ASTI 12 7 3 0 1 0 0 3 12 7
VILLANOVA 12 7 2 1 1 0 1 2 12 6
LUCENTO 11 7 2 1 1 1 1 1 12 8
CANELLI 11 7 2 1 1 1 1 1 12 8
CBS 11 7 2 1 0 2 1 1 5 3
SANTOSTEFANESE 11 7 2 1 0 2 1 1 7 6
CENISIA 9 7 2 1 2 2 0 0 5 9
CASSINE 7 7 2 0 1 3 1 0 8 12
ARQUATESE 5 7 0 1 1 3 2 0 4 12
NUOVA SCO 5 7 1 0 1 3 1 1 6 17
SAN GIULIANO N. 4 7 1 0 1 4 1 0 10 15
SG CHIERI 3 7 1 0 3 3 0 0 6 12
POZZOLESE 2 7 0 0 3 2 1 1 8 15

mar

07

mar

2017

Un Fossano da 2.2 gol a partita, il 2° posto del Saluzzo: è gioia cuneese. E Alfiero (27 gol) ha solo 23 anni...

ECCELLENZA, IL MOMENTO DI FOSSANO E SALUZZO

Sorpresa dai numeri: il Rivoli non vince da 7 partite

7 marzo 2017

 

ECCELLENZA B: CLASSIFICA COMPLETA

 

I numeri non mentono mai. Vincenzo Alfiero, 23 anni (24 a giugno): 27 gol in Eccellenza tra i migliori cannonieri piemontesi.

La memoria va rinfrescata perchè questo straordinario attaccante è stato prelevato dal Moretta su geniale idea del mister Fabrizio Viassi, grande scopritore di talenti. In quel momento, il 4 dicembre 2015, aveva segnato 6 gol con la maglia verde dopo i 20 dell'anno precedente. "E' lui l'uomo giusto per noi", aveva detto Viassi in un periodo dove il Fossano aveva bisogno della carta vincente per andare a guastare la festa della Piscinese Riva. Andò proprio così con una sensazionale rimonta. Alfiero ha zittito tutti, anche e soprattutto dopo i mugugni estivi di chi dubitava che si potesse ripetere in Eccellenza.

 

La verità è che Alfiero, surplus del Fossano, si può ripetere anche in serie D (dove finora non è balzato soltanto per incompatibilità con gli orari di lavoro). Lo dicono i numeri: ha l'età per crescere e migliorare ancora, è devastante da solo e in compagnia quando è messo nelle condizioni di segnare con due esterni offensivi affianco, e per ora dopo l'ultima doppietta al Savigliano ha lasciato Dutto e Rosset a -13 gol, Pinelli a -14, Cravetto e Bandirola a -15, Melle, Piana e Celeste a -16. Insomma, è di un'altra categoria.

 

Il Fossano, miglior attacco, gira a 2.2 gol a partita grazie ad Alfiero ma soprattutto per merito della pioggia di assist che arrivano da Romani, Tavella, Armando, Giraudo, Tounkara, Sacco e compagni. E se l'anno scorso i record venivano scritti dal portiere Masneri (659 minuti di imbattibilità per il ministro della difesa) quest'anno tocca al puntero blues Alfiero. Adesso è un Fossano da playoffs, con 15 punti in 8 gare nel girone di ritorno (meglio hanno fatto solo Pro Dronero con 17 e Tortona con 20). Il secondo posto è a -5. Prossime tappe: Benarzole, Olmo, Albese (3 derby cuneesi) e Tortona.

 

FOSSANO-FC SAVIGLIANO 2-1
Fossano: Masneri, Brondino, Galvagno F., Gorzegno (42' st Sammartino), Mozzone, Sampò, Armando, Giraudo G., Alfiero, Romani (43' st Tounkara), Tavella. A disp. Aleati, Brungaj Sten., Sacco, Douza, War. All. Viassi.
Savigliano: Tulino, Serino, Porticchio, Barbaro, De Stefano, Mazzafera, Brancato, Barbero (26' st Mazzucco), Rosso E. (43' st Rosso D.), De Peralta, Spera (11′ st Caracciolo). A disp. Poccetti, Chiambretto, Rostagno, Lamnaouar. All. Milani.
Reti: 4' e 32' st Alfiero, 45' st Rosso.

 

A pochi chilometri di distanza, intanto, sta facendo benissimo il Saluzzo di Rignanese, vittorioso 0-1 a Corneliano d'Alba con gol del solito Pinelli (e sono 13). I 10 punti in 8 gare del ritorno, sintomo di una leggera frenata, arrivano però dopo un girone d'andata spettacolare passato là davanti in compagnia del Castellazzo. Un trend che ha portato la città, per qualche mese, a sognare il primo posto e il salto diretto in serie D. Le basi per il salto ci sono tutte. Il secondo posto oggi è il giusto premio per i granata che per il momento non stanno consentendo l'allungo decisivo alla capolista, ancora a +7, e che sono stati bravi a reagire al pesante ko contro la Pro Dronero di una settimana fa (0-4).

Adesso una sfida-verità: il Rivoli di Fornello, quarto e a secco di vittorie da sette gare di fila, vuole assolutamente superare i granata nel big match di domenica prossima per accorciare sul secondo posto. Saluzzo 41, Rivoli 37. Tutto in bilico...

 

CORNELIANO ROERO-SALUZZO 0-1

Corneliano Roero: Maja, Busato (34' st Errera), Toscano, Chiatellino, Morone, Anderson, Capuano, Garrone, Melle, Colaianni (40' st Giordano), Zichitella. A disp.: Calabrò, Lanfranco, Ranieri, Amelotti, Iannarella. All.: Caricato.

Saluzzo: Marcannini, Aleksovski, Serra A., Gozzo, Berrino, Carli, Favale (40' st Caldarola), Serra M., Pinelli, Bissacco (33' st Micelotta), Porporato. A disp.: Nardi, Beninato, Pampiglione, Faridi, Tallarico. All.: Rignanese.

Arbitro: Selmi di Acireale.

Rete: 31' Pinelli.

 

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
TORTONA 20 8 4 2 0 0 1 1 11 3
PRO DRONERO 17 8 1 4 1 0 1 1 18 9
FOSSANO 15 8 2 2 1 0 2 1 21 13
CASTELLAZZO 14 8 2 1 0 0 3 2 12 5
FC SAVIGLIANO 13 8 3 1 0 3 0 1 12 9
CHERASCHESE 12 8 0 3 2 0 2 1 13 12
RIVOLI 11 9 1 1 1 1 2 3 11 11
SALUZZO 10 8 1 1 1 1 1 3 9 11
CAVOUR 10 8 1 2 3 1 0 1 9 11
CORNELIANO R. 9 8 0 2 2 1 2 1 9 7
BENARZOLE 9 7 0 2 1 1 3 0 11 9
VALENZANA MADO 9 8 1 2 3 2 0 0 9 12
OLMO 8 8 2 0 2 2 1 1 9 15
ALBESE 6 8 1 0 1 3 2 1 9 14
BONBONASCA 5 8 1 0 2 3 0 2 6 20
COLLINE ALFIERI 4 8 0 1 4 2 0 1 5 13

mar

07

mar

2017

"Carrara-che-sorpresa": 9 vittorie di fila. Fuori i record: la Denso fece la storia (20), il Pianezza arrivò a 11...

ZONA-RECORD: CARRARA TRENO MERCI

Nove vittorie di fila: ora punta il Pianezza 2010/2011

Gol pesanti per Cornoni e Minniti (Carrara)
Gol pesanti per Cornoni e Minniti (Carrara)

7 marzo 2017

 

CARRARA 90-CAMBIANO 2-1 - Classifica Prima girone E

Carrara: Ferrantino, Caporilli, Cornoni, Barra, Fini, Biolatto, Mecca (43' st Senia), Rodorigo (7' st Cimmino), De Santi (20' st Vernillo), Basso, Minniti. A disp.: Gallina, Costantino, Di Napoli, Zanghi. All.: Ragazzoni.

Cambiano: Garombo (31' st Preite), Cosma, Di Paolo, Casetta, Mazzarella, Francini, Patrimia, Bovero, Foresto (42' st Scarpetta), Petullo, Corio. A disp.: Busetto, Mantovani, Argoub, Chiosso, Musolino. All.: Caputo.

Reti: 21' Patrimia (Camb), 27' st Minniti, 42' st Cornoni

 

Treni ad alta velocità che non conoscono fermate. Oggi parliamo di loro, delle squadre che scrivono record in Prima Categoria, statistiche non facili da catturare perchè qui non siamo nel professionismo e non ci sono enormi portali di raccolta-dati come quelli che riforniscono la serie A o gli eventi Uefa o Fifa.

 

I confini sono quelli torinesi. La Denso fece la storia: 20 vittorie di fila nel 2014/2015 nel girone G cuneese con 20 punti di vantaggio a fine campionato sul Centallo. Uno spettacolo mai visto. Il Pianezza arrivò a 11 successi consecutivi (ARCHIVIO) con Musso nel 2010/2011 eguagliando il record dello Sciolze di Salvatore Tesauro del 2005/2006: 10 vittorie di fila e undicesimo guizzo in un recupero contro il Carrara. Sbarchiamo nel 2017 e c'è chi sta scrivendo una nuova importante scalata...

 

E' il Carrara di Alessio Ragazzoni: 9 vittorie di fila per Ferrantino, Cornoni, Caporilli, Fini, Minniti e compagni in Prima girone E, il gruppone torinese. Un trend spettacolare soprattutto perchè in questo girone è facile schiantarsi ogni tanto contro un palo: ci sono sempre sottili equilibri (il traffico in vetta lo conferma), le insidie sono sparse ovunque e non può mai essere semplice infilare un così alto numero di vittorie. Il Carrara ci è riuscito e ora è a -2 dal Pianezza, che quell'anno arrivò a disputare un incredibile spareggio per il titolo con la Bvs di Romagnino.

 

L'ultimo show è il 2-1 al Cambiano, maturato in rimonta coi gol di Minniti e Cornoni. La vetta è a -3, ma soprattutto ora c'è la consapevolezza di poter disputare (nella "peggiore" delle ipotesi) i playoffs per una squadra che dopo due-tre mesi era nel limbo del compitino-salvezza.

Tutto è iniziato perdendo con la capolista Rapid Torino, che oggi è +3 proprio grazie a quell'1-2 in casa Carrara: 0-1 al Kl, 2-1 all'Orione, 2-0 al Pozzomaina, 1-4 al Barracuda, 1-0 al Baldissero, 5-0 al Fila Moncalieri, 3-0 al Cit Turin ex capolista, 1-4 al Bacigalupo e 2-1 al Cambiano. Ecco la nona sinfonia nell'attesa di Vianney, Villastellone e Pertusa.

 

La curiosità è che il Carrara potrebbe eguagliare proprio il record del 2014/2015 del Rapid Torino, attuale capolista che fece registrare 10 vittorie di fila due anni fa.

 

A proposito di Villastellone, invece, molti sono anche i record di Seconda Categoria. Tra i più recenti ci viene in mente il titolo vinto dal Villastellone Carignano con una sola sconfitta in 24 partite (ma solo un massimo di 5 vittorie consecutive), il pazzesco trend del Collegno Paradiso (12 vittorie consecutive l'anno scorso nel girone E) e ancora più indietro i 15 successi consecutivi del San Donato nel 2008/2009.

Le 20 vittorie di fila della Denso nel 2014/2015
Le 20 vittorie di fila della Denso nel 2014/2015

mar

07

mar

2017

Dosio-gol, San Maurizio neopromosso a -4 dal Susa: "Stagione fantastica. Riprendere l'Union? Ci proveremo..."

SAN MAURIZIO, LA CARICA DI DOSIO PER IL RUSH FINALE

La neopromossa a -4 dall'Union Susa, squadra-record

Dosio, Palma e Torre (San Maurizio Canavese)
Dosio, Palma e Torre (San Maurizio Canavese)

7 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

PROMOZIONE B: CLASSIFICA COMPLETA

 

VANCHIGLIA-SAN MAURIZIO CANAVESE 1-3

Reti: 17' Mezzela, 43' D'Onofrio (V), 31' st Zullo, 42' st Corona

 

Sedici vittorie in 22 gare, miglior difesa, 50 punti tondi tondi, -4 dall'Union Susa, secondo posto, ad oggi addirittura la possibilità di saltare il primo turno playoffs in virtù dei 14 punti di distacco dalla quinta classificata (l'Atletico Chivasso). Soltanto una favola per una neopromossa? No. Questa è la splendida realtà del San Maurizio Canavese, squadra sulle vette di Promozione in arrivo dalla Prima Categoria che invece di mollare di fronte ai record dell'Union Susa (numeri mai visti negli ultimi 10 anni in Promozione) si è alzata le maniche rincorrendola e riavvicinandola nell'ultima domenica.

 

Anche il San Maurizio, in proiezione, potrebbe raggiungere la quota molto interessante di 68 punti. Sarà stato anche un altro girone, ma il Brandizzo campione l'anno scorso ha chiuso a 69...

Le belle notizie non finiscono qui: è tornato sui suoi livelli Luca Dosio, classe 1994 che ha fatto grandi cose nella Juniores dell'Alpignano per poi ripetersi in Promozione ed Eccellenza fino a 14 gol in una stagione. E' suo uno dei tre gol nell'1-3 al Vanchiglia.

Dosio, esterno offensivo e seconda punta, è ripartito dal San Maurizio, ha lottato contro un infortunio che lo ha tenuto fuori dai campi per mesi e adesso rieccolo fare la differenza coi blues in mezzo a giovani scatenati e ai senatori come capitan Alestra.

 

Luca, è il momento decisivo della stagione e state mettendo pressione all'Union Susa. Un pensierino al titolo? "Riprenderli sarà difficilissimo, ma ci proveremo. L'entusiasmo regna sovrano nello spogliatoio e non nego che a volte parte il coro e gridiamo "andiamo a prenderli"...Questo per caricarci ancor di più, ma sappiamo bene quale sia la lora forza e siamo consapevoli che adesso daranno tutto per riscattare il ko per 3-0 di Gassino. La nostra è una squadra che corre moltissimo e che sta giocando bene da mesi. Adesso non abbiamo proprio nulla da perdere...La salvezza c'è, i playoffs a meno di cataclismi, pure. Se arriverà per caso il titolo con due salti di categoria consecutivi sarà un evento storico per la squadra e la città. Noi stiamo rincorrendo questo sogno, coi piedi sempre per terra...". Un San Maurizio che vuole fare la storia, perchè non si ricordano nei campionati recenti due salti di categoria consecutivi dalla Prima Categoria in sù.

 

Qualche frenata solo a fine 2016: "Sì, avevamo mollato solo con la testa, ma mai con le gambe. Poi ci siamo ripresi, abbiamo detto "facciamo queste vacanze natalizie e torniamo più rabbiosi di prima". E' stato proprio così. La corsa per questo gruppo è tutto, è la nostra benzina insieme all'entusiasmo. Se c'è la testa e la concentrazione giusta possiamo andare molto lontano e lo stiamo dimostrando".

In questo fantastico gruppo c'è un faro da seguire: "Tano Alestra. Un grande. Uno dei difensori più forti che abbia mai visto. La sua presenza è fondamentale per tutti". Le parate di Capello (portiere che ha lasciato il calcio professionistico per iniziare la carriera a Medicina e Chirurgia), i 10 gol di Palma, gli 8 di Zullo, l'esperienza di Corona e Mezzela, il genio Bussi che permette spesso le ripartenze taglienti di Carlos Torre, uno tra gli imprescindibili, sempre titolare. E poi Ravizza, Malfatto e tanti altri, guidati saggiamente da mister Di Muro.

Dice di lui Dosio: "Un grandissimo motivatore. Vuole vincere sempre. Altri allenatori avrebbero pensato solo alla salvezza ad un certo punto, lui non smette mai di gasarci, sa che possiamo toglierci altre grosse soddisfazioni".

 

Tra i dati più interessanti c'è il +7 sul Lascaris, una squadra mica qualsiasi con un passato recente in D ed Eccellenza: "Questo ci fa enormemente piacere. Stare davanti a un club che può schierare Cavazzi, i due Lavalle, Mirto, Serafino, Pasqualone, Mandes e via dicendo è motivo d'orgoglio".

Il rush finale: "Sulla carta, che a questo punto della stagione conta comunque poco, abbiamo un calendario più agevole dell'Union, che deve ancora affrontare l'Atletico Chivasso e il Lascaris all'ultima giornata. Ma questo non vuol dire nulla e soprattutto c'è ancora Susa-San Maurizio a tre giornate dalla fine. Le motivazioni delle squadre faranno tutto, è possibile anche che sia più difficile una gara col Caselle, che deve salvarsi a tutti i costi, che contro una squadra di metà classifica. Adesso noi dobbiamo concentrarci sulle gare con Venaria, che giocherà col coltello tra i denti, Quincitava e Bollengo". Il sogno continua...

COSI' NEL GIRONE DI RITORNO

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
SAN MAURIZIO C.SE 18 7 3 3 1 0 0 0 14 4
UNION SUSA 16 7 2 3 0 1 1 0 11 7
VOLPIANO 14 7 2 2 0 1 1 1 12 9
GASSINO SR 14 7 2 2 0 1 1 1 13 9
ATLETICO CHIVASSO 13 7 1 3 1 1 1 0 11 10
QUINCITAVA 12 7 2 1 0 1 2 1 10 5
LASCARIS 11 7 2 1 1 1 1 1 13 10
NOLESE 10 7 1 1 0 1 2 2 9 11
IVREA BANCHETTE 9 7 0 2 2 0 1 2 13 13
VANCHIGLIA 8 7 2 0 2 1 0 2 15 15
BOLLENGO 7 7 2 0 2 2 0 1 11 11
MATHI LANZESE 7 7 1 0 1 1 2 2 8 7
VICTORIA IVEST 5 7 0 1 2 2 2 0 9 16
VENARIA REALE 5 7 0 1 3 1 1 1 8 11
SANTHIA' 2 7 0 0 2 3 1 1 3 13
CASELLE 1 7 0 0 3 3 0 1 5 14

lun

06

mar

2017

Sky Sport cita Sportovest ed elogia l'arbitro di Barca-San Giacomo. Si chiude il percorso della notizia. Forse...

SKY SPORT SUL RIGORE DELLA DISCORDIA: "BRAVO L'ARBITRO"

Il filmato di Sportovest commentato da "Regoliamoci"

6 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

Oggi siamo particolarmente felici di raccontarvi la chiusura del percorso di una notizia che ha stuzzicato anche l'interesse di Sky Sport (rubrica "Regoliamoci") rispetto ad una situazione tecnico-arbitrale portata alla luce da questo sito grazie a fonti sempre attente e puntuali.

 

Si torna a Barcanova-San Giacomo Chieri (Promozione D): il rigore della discordia, il portiere ospite Del Boccio che si muove in anticipo prima del tiro, il giallo, l'espulsione, il penalty ribattuto e le grandi polemiche. Tutto ciò succedeva 7 giorni fa in (il link all'articolo e alle immagini).

 

Siamo entrati in possesso di un filmato e lo abbiamo messo a disposizione del web. Apriti cielo. Sono piovute polemiche, sono iniziati i commenti. Si è aperto un dibattito, ma nel rispetto delle norme democratiche di una sana comunicazione.

Niente sensazionalismi. Fin da subito abbiamo sottolineato come l'obiettivo ultimo fosse cercare la "verità", cioè l'esatta interpretazione del caso e la lettura corretta della decisione arbitrale, così da non puntare il dito contro un ragazzo che, per scelta di sezioni e Comitati, non può rilasciare dichiarazioni ed interviste, per cui non può difendersi pubblicamente. Questo il nostro chiodo fisso: dare informazioni corrette e migliorare la conoscenza dei regolamenti.

 

Lunedì scorso, infatti, abbiamo immediatamente chiamato la sezione di Asti e subito dopo il Comitato Regionale Piemonte per chiedere loro semplicemente: il sig. Verdese di Asti ha compiuto una decisione impeccabile e coraggiosa? Oppure ha sbagliato? Quanto il regolamento va applicato alla lettera e quali sono, invece, i margini per l'interpretazione di un momento concitato e decisivo (scontro diretto in zona salvezza, 0-0 a venti minuti dalla fine, portiere già ammonito che con un altro giallo sarebbe stato espulso) ai fini di determinare una classifica di un campionato? Quale può essere il punto d'incontro tra arbitri, giocatori e giornalisti su un caso come questo? Non abbiamo ricevuto risposte ufficiali e ci siamo così mossi per trovarne altre tramite un ex arbitro (ad oggi senza fortuna). Ieri sera, invece, siamo stati contattati da Lorenzo Fontani, giornalista di Sky Sport, e oggi il caso è finito sul canale 200, rubrica "Regoliamoci".

Ripetiamo e precisiamo, anche a fronte delle segnalazioni ricevute: c'è una sostanziale differenza tra pubblicare un articolo che punta il dito nei confronti dell'arbitro (non ci interessa, non è questo che vogliamo anche se pubblichiamo saltuariamente i virgolettati di giocatori e allenatori) ed un articolo che pone invece domande e questiti, che cerca la verità tramite fonti ufficiali, che dà la possibilità ai diretti protagonisti di raccontarsi riportando i loro virgolettati e che stimola un dibattito pubblico sui social network.

In questo percorso della notizia (un caso comunque delicato, non era così semplice evitare il classico "tutti contro l'arbitro") tutti hanno avuto possibilità di dare la propria interpretazione del caso, tutti hanno potuto commentare le immagini (anche se i social restano spesso "luoghi senza confini") e sono stati evidenziati nel giro di 24 ore sfoghi e critiche dei giocatori, elogi e complimenti all'arbitro, dubbi e perplessità.

 

Queste ultime, tra l'altro, rimangono comunque tali per molti addetti ai lavori perchè se è vero - come è vero - che l'arbitro Verdese ha effettuato una scelta difficile, impeccabile e coraggiosa resta da capire perchè un rigore identico a quello di Barcanova-San Giacomo (stesso girone, stesso movimento in avanti del portiere, tiro ribattuto anche in questo caso) non sia stato fatto ripetere appena sette giorni dopo in Cenisia-Atletico Torino. Vi mostriamo in fondo l'immagine.

 

Intanto anche Sky Sport conferma: il regolamento dice senza ombra di dubbio che Verdese di Asti ha compiuto una grande decisione tecnica contro tutto e tutti. Il dibattito resta però apertissimo, anche a seguito dell'immagine sotto riportata. La redazione continuerà a stimolare dibattiti su casi simili (scrivete come sempre alla posta del sito o su Facebook).

Sansone contro Gianoglio, Promozione D, stesso girone di Barcanova-San Giacomo. Il rigore viene parato (video su Facebook) ma nonostante un movimento del portiere in avanti di almeno un metro il tiro non è stato fatto ripetere e non è scattato il giallo per il portiere. Il regolamento preso alla lettera evidenzia quindi un errore da parte dell'arbitro Fucci di Salerno, ma queste restano situazioni "border line". Quanti casi simili vedremo da qui alla fine della stagione? Ci sentiamo di dire che è la regola ad essere sbagliata e molti sembrano essere d'accordo: impossibile tenere un portiere immobile sulla linea di porta, difficilissimo valutare per un direttore di gara i centimetri di "scarto" che separano il tentativo più o meno furbo di un estremo difensore di ridurre lo spazio al suo rivale e il rischio di non applicare il regolamento.

dom

05

mar

2017

A tutta Prima: San Mauro a +10 sul Collegno! Carrara, 9 vittorie di fila. Il Rapid resta in testa ma...

SAN MAURO, TUTTO NELLE TUE MANI

5 marzo 2017

 

Prima girone D

 

Bis di Saracino (e sono 15 gol!), Dotto, Lasaponara, Marocco e Bonomo: ecco il 6-0 del San Mauro alla Bvs. Era nell'aria: grigi di Almese allo sbaraglio, capolista lanciatissima e adesso  è +10 e +13 sulle rivali. Sì, perchè Collegno e River Mosso hanno pareggiato 1-1, risultato perfetto proprio per il San Mauro di Perziano.

 

Tra i risultati di giornata spicca il 3-2 del Valdruento al Pianezza (Nicolè, Sanna, Mautone, ex pianezzese, poi autogol di Senatore e Furgato per gli ospiti). Ora per la squadra di Balla è zona playoffs al 5° posto, assieme all'Esperanza. Ottimo risultato e c'è anche una semifinale di Coppa da affrontare.

Il Bussoleno lascia le ultime quattro a distanza dopo il secco 0-3 di Leinì: bis di Casse e supergol su punizione da 30 metri di De Rosa. Stesso allungo per il Cnh, che batte 2-1 l'Olympic. Dietro il Rosta cede 0-1 all'Esperanza (gol di Comentale). La Pro Collegno sale invece a quota 31 con la doppietta di Daviduta e il gol di Miglio nel 2-3 di Caselette. Partita pazza a Corio: 5-4 tra i locali e il Villarbasse.

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
SAN MAURO 53 22 10 6 0 1 1 4 55 25
COLLEGNO PAR. 43 22 5 7 2 1 4 3 51 22
RIVER MOSSO P. 40 22 5 6 3 1 3 4 39 20
PIANEZZA 37 22 6 5 4 3 1 3 42 31
ESPERANZA 35 22 5 5 4 3 2 3 41 33
VALDRUENTO 35 22 4 6 3 4 4 1 40 28
CASELETTE 32 22 6 3 3 5 2 3 34 36
REAL LEINI' 31 22 5 4 4 5 2 2 34 40
CORIO 31 22 3 6 7 2 1 3 42 47
PRO COLLEGNO 31 22 4 4 3 4 4 3 29 28
CNH INDUSTRIAL 30 22 5 4 4 6 2 1 35 42
BUSSOLENO 29 22 5 4 4 7 2 0 32 46
OLYMPIC COLL. 20 22 4 1 5 7 2 3 27 34
VILLARBASSE 19 22 2 2 3 8 6 1 29 38
BVS 13 22 2 1 8 7 1 3 16 45
ROSTA 10 22 2 0 7 9 2 2 21 52

In Prima girone E il record continua: nona vittoria di fila per il Carrara di Ragazzoni! 2-1 al Cambiano e vetta a -3 visto lo stop, inatteso, del Rapid Torino che vinceva 2-0 con il Baldissero e si è fatto rimontare sul 2-2 finale.

Il Mirafiori scavalca il Cit Turin al 2° posto: altra notizia. Secco 4-0 per la squadra di De Vincenzo al disperato Filadelfia, mentre il Cit impatta 0-0 a Santena. Ora la vetta è un vero mistero!

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
RAPID TORINO 48 22 8 7 0 4 3 0 49 27
MIRAFIORI 46 22 7 6 1 1 3 4 65 32
CIT TURIN 45 22 8 5 2 1 1 5 47 31
CARRARA 90 45 22 7 7 2 3 2 1 46 24
VILLASTELLONE C. 42 22 6 7 3 3 2 1 45 30
ATLETICO SANTENA 38 22 7 4 2 4 2 3 52 27
VIANNEY 31 22 5 3 3 4 3 4 31 32
POZZOMAINA 29 22 3 4 3 4 5 3 22 23
BACIGALUPO 28 22 3 4 4 4 4 3 42 35
PERTUSA BIGLIERI 27 22 5 3 5 6 1 2 46 46
BARRACUDA 24 22 3 4 7 5 1 2 41 49
KL CALCIO 23 22 2 3 5 4 4 4 25 33
BALDISSERO 18 22 2 2 5 7 4 2 27 41
CAMBIANO 16 22 2 2 8 6 1 3 31 64
ORIONE VALL. 14 22 2 1 7 7 2 3 20 57
FILADELFIA M. 13 22 2 1 6 9 3 1 16 54

dom

05

mar

2017

Cenisia-Atletico Torino 0-1: Minetti-gol, le parate di Gurlino. La Piazzoli-band (col Savio Rocchetta) allunga in Promozione D

MINETTI-GOL, ATLETICO IN TESTA COL SAVIO

Gurlino, Di Matteo e Minetti-gol
Gurlino, Di Matteo e Minetti-gol

5 marzo 2017 - di Michele Rizzitano

 

CENISIA-ATLETICO TORINO 0-1 - Promozione D (classifica)

Cenisia: Gianoglio, Frattin, Plazzotta F., Forneris, Magone, Acquaviva, Carausi, Pamato, Novarese, Bergamasco, Ben Mannai. A disp.: Popa, Naimo, Rossi, Arichetta, Secci, Cavanero', Barbera. All.: Caprì A.

Atletico Torino: Gurlino, Coppola, Montalti, Minetti, Salerno, Piovesani, Sansone, Di Matteo, Gambardella, Curto, Zanon. A disp.: Scardino, Longo, Soranna, Rosucci, Marmo, Puccio, Frigerio.

Arbitro: Fucci Niccolò di Salerno

Rete: 20' st Minetti

Note: al 26' st espulso Magone del Cenisia per fallo da ultimo uomo. Gianoglio del Cenisia respinge il rigore a Sansone.

 

Un block notes pieno di appunti, un gran gol dalla distanza di Minetti (guardalo su Facebook), un rigore sbagliato, un palo e una traversa per gli ospiti e un rosso che al Cenisia non è andato giù. Ecco riassunto il big match tra i locali di Caprì e l'Atletico Torino di Piazzoli, che graffia, morde, soffre, vince (e spreca).

 

In via Revello si gioca davanti ad una scritta emblematica: "Far bene e lasciar dire", questo è riportato sui muri dell'impianto. "Bene" lo stanno facendo entrambe, Cenisia e Atletico Torino, le squadre più in alto in città dopo Juventus e Torino oltre al Lucento (ricordiamo: zero squadre dalla B all'Eccellenza in città).

 

Si parte fortissimo: Cenisia avanti con Novarese (9'), doppio paratone di Gurlino su Frattin e Plazzotta (interventi monstre per salvare lo 0-0 per il grande ex della partita), poi viene fuori l'Atletico: Sansone molto ispirato in zona-assist pesca Curto, talentuoso numero 10 stoppato dalla parata questa volta di Gianoglio.

Non si respira: Plazzotta salva sulla linea dopo un tiro di Gambardella (22'), Gianoglio dice di no al classe '98 Zanon (25') e Sansone sfiora lo 0-1 con un diagonale al 33'. Meglio il Cenisia in avvio, più dinamico l'Atletico nella fase centrale.

 

Applausi al 40' per la sportività di Gurlino che urla ai compagni di buttare fuori il pallone con avversario a terra: l'Atletico era in attacco. Poi ancora un tiro di Sansone, sempre propositivo ma oggi sfortunatissimo, e la risposta di Gianoglio. Al 42' intervento difensivo da 8 in pagella per Salerno, che toglie un gol fatto all'ottimo Caracausi.

 

Ripresa. Traversa su missile terra-aria di Curto: l'Atletico ricomincia così al 12'. Poco dopo Novarese calcia debolmente davanti a Gurlino e il Cenisia pesca i suoi primi rimpianti.

Tutto cambia in sei minuti. Al 20' assist di Sansone sulla trequarti per liberare il tiro carognesco di Minetti: gol. 0-1 con rimbalzo killer davanti a Gianoglio. Videogol su Facebook.

L'Atletico scappa, ci sono più spazi e al 26' c'è un fallo da rigore di Magone: l'arbitro Fucci arrivato da Salerno espelle il centrale ma per noi, vista la spinta in zona laterale dell'area di rigore, ci stava solo il giallo. Gianoglio intanto confonde Sansone ("Tira piano", gli sussurra più volte durante la rincorsa facendo anche qualche passo avanti prima del tiro) e respinge alla sua sinistra il penalty. In home page la foto al momento del tiro: troviamo una netta somiglianza dell'episodio con il rigore di Barcanova-San Giacomo calciato 7 giorni fa. Il portiere si muove in avanti, ma stranamente questa volta non c'è la ripetizione del rigore, nè il cartellino giallo. E adesso come la mettiamo? Ne parleremo in settimana.

 

Nel finale l'Atletico accarezza lo 0-2 più volte con Sansone (per lui anche un palo) e Gambardella. Gurlino sforna la terza parata di piede che salva i tre punti sul subentrato Cavarero. Il finale è teso: il Cenisia avrebbe voluto chiudere la gara in 11 contro 11, l'Atletico si porta a casa mille certezze. Davvero interessanti le trame di gioco di Di Matteo e compagni, con la grande prova difensiva di Gurlino, Coppola, Montalti, Salerno e Piovesani.

 

Prossimi aggiornamenti: filmati, highlights e foto.

 

Classifica Promozione D

dom

05

mar

2017

Pazzesco San Maurizio Canavese: 1-3 al Vanchiglia e -4 dal Susa. Campionato riaperto! Lascaris da playoffs

SAN MAURIZIO A -4 DAL SUSA: 50 PUNTI!

5 marzo 2017

 

Promozione B (classifica): incredibile San Maurizio Canavese! La favola continua, oggi 1-3 al Vanchiglia (campo difficilissimo per una neopromossa) ed ennesima dimostrazione di forza col salto a 50 punti dopo 22 partite. Una media scudetto. A segno Mezzela, Dosio e Corona.

 

Il San Maurizio riapre il campionato: ora possiamo dirlo con serenità visto lo striminzito -4 dall'Union Susa, brutto di notte dopo il 3-0 subìto a Gassino sabato sera. La squadra di Di Muro non vuole smettere di sognare, non molla un colpo e ha continuato a mettere pressione alla capolista. Ora è arrivato lo sforzo massimo, che ha portato una situazione tutta nuova: Susa 54, San Maurizio 50. I prossimi avversari Venaria, Quincitava e Bollengo dovranno stare molto attenti visto l'entusiasmo dei blues.

 

Altri risultati: promosso il Lascaris nello scontro verità con l'Atletico Chivasso. Ora è 3° posto a +4 proprio dal club rossonero battuto 2-0 coi gol di Mirto e Serafino. L'Ivrea Banchette passa 2-3 a Venaria e il club di Gousse non approfitta del passo falso dell'Ivest, ora quartultimo dopo il 4-0 di Mathi e il sorpasso a +3 del Gassino.

 

E' 1-2 in rimonta per la Nolese a Caselle, mentre il Bollengo compie una sorta di impresa: da 10 giornate nessuno batteva il carro armato Volpiano, fermato questa volta sul 3-1.

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
UNION SUSA 54 22 10 7 0 2 1 2 48 21
SAN MAURIZIO C.SE 50 22 7 9 3 1 1 1 37 15
LASCARIS 43 22 7 6 1 4 3 1 40 23
ATLETICO CHIVASSO 39 22 4 8 5 2 2 1 36 29
VANCHIGLIA 36 22 7 4 4 4 0 3 44 27
NOLESE 33 22 5 3 3 2 3 6 30 27
IVREA BANCHETTE 33 22 4 5 4 3 3 3 38 34
VOLPIANO 32 22 5 3 1 5 5 3 31 32
QUINCITAVA 32 22 5 3 1 5 5 3 27 22
BOLLENGO 30 22 5 4 4 6 2 1 37 33
MATHI LANZESE 25 22 3 2 3 4 5 5 28 30
GASSINO SR 24 22 5 2 5 7 1 2 32 41
VICTORIA IVEST 21 22 2 3 6 5 3 3 31 46
VENARIA REALE 17 22 2 2 7 6 2 3 17 34
SANTHIA' 12 22 1 2 8 8 2 1 18 45
CASELLE 8 22 1 1 9 9 1 1 19 54

dom

05

mar

2017

Juve Domo, 3-1 a Settimo e +12 sul Borgovercelli. Ricky Poi fa 201 gol! Rivarolese e Pavarolo, punti pesanti

JUVE DOMO, DOPPIA FESTA

5 marzo 2017

 

Eccellenza A: ipoteca sempre più importante per i granata della Juventus Domo in previsione salto in serie D. Oggi 1-3 a Settimo con gol del locale Rognone e tris degli ossolani servito da Poi (doppietta) e Todisco.

 

Per Ricky Poi ecco il 200esimo e 201esimo gol nel calcio piemontese! Sopra la foto con tutti i gol nel dettaglio, squadra per squadra. Adesso sono 55 le reti con la Juve Domo. Un traguardo importantissimo per un giocatore talentuoso, un trascinatore.

 

Altri risultati: un doppio Secci lancia il BorgoVercelli in Valle d'Aosta. 1-2 il finale, per l'Aygreville di Rizzo gol di Marchesano nel finale. Ora è quarto posto.

Il duo Todaro-Pinto fa gioire invece il Pavarolo, che supera l'Alicese per 2-0 e resta agganciato al treno-salvezza andando a riprendere lo Charvensod battuto 4-2 a Baveno. Volano invece a 27 punti il Cerano (splendido 0-4 a Borgomanero) e a 28 punti la Rivarolese di Scardino: pesantissimo 2-1 ad un Alpignano in netta frenata. Decisivo il nuovo acquisto invernale Paolo Scutti: doppietta granata, per gli ospiti solito gollettino di Cirillo.

 

A Trino vince 0-1 il Pont: gol di Garbini fondamentale per allontanarsi dai playout. Lo Stresa prende un punto a Borgaro (1-1), Orizzonti-Biellese è 1-1.

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
JUVENTUS DOMO 60 26 10 9 2 2 1 2 61 26
BORGOVERCELLI 48 26 5 9 4 2 4 2 46 22
BORGARO 45 26 6 6 2 3 5 4 48 29
AYGREVILLE 44 26 6 6 3 3 4 4 38 25
ALPIGNANO 43 26 7 5 3 4 3 4 44 31
LA BIELLESE 41 26 8 4 4 5 1 4 38 39
CITTA' DI BAVENO 38 26 7 4 6 4 0 5 46 44
LG TRINO 37 26 5 5 4 5 4 3 37 33
ALICESE 37 26 6 4 4 5 3 4 35 38
PONT DONNAZ 36 26 6 3 4 4 3 6 34 33
ORIZZONTI UNITED 35 26 5 3 3 4 5 6 28 27
STRESA 30 26 3 4 5 5 5 4 38 45
SETTIMO 29 26 2 5 5 6 6 2 33 44
RIVAROLESE 28 26 3 4 7 5 3 4 34 45
CERANO 27 26 3 4 7 6 3 3 35 46
VDA CHARVENSOD 22 26 1 3 5 7 7 3 29 49
PAVAROLO 22 26 3 2 6 8 4 3 27 43
BORGOMANERO 15 26 1 2 8 9 4 2 26 58

dom

05

mar

2017

Centallo-Chisola 2-1. Boschetto: "L'arbitro va fermato, sono incredulo. E non parlo di decisioni tecniche...".

BOSCHETTO: "25 ANNI DI CARRIERA, UNA COSA MAI VISTA"

Il mister del Chisola: "Bruttissime parole dell'arbitro a Barison"

Boschetto e Barison
Boschetto e Barison

6 marzo 2017

 

PROMOZIONE C: CLASSIFICA

 

"Non contesto minimamente alcuna decisione tecnica. Oggi, dopo 25 anni di carriera, 500 panchine e zero interviste nelle quali puntavo il dito contro un arbitro, non voglio parlare di rigori, punizioni, cartellini o cose del genere. Sposterei l'attenzione e darei ai miei giocatori un alibi. Oggi ce l'ho con un atteggiamento arbitrale incommentabile, pessimo, mai visto".

 

Non la tocca piano, ma anzi, molto forte, Riccardo Boschetto, allenatore del Chisola. Lo ripete 20 volte: non è arrabbiato per la sconfitta o perlomeno non è qui il problema. "Bravissimo il Centallo, punto", dice il mister. E' nero di rabbia, invece, per un episodio accaduto verso la fine del match con protagonista l'arbitro, il sig. Roveriks di Bra.

 

Racconta tutto Boschetto: "Dopo un fischio dell'arbitro sono iniziate alcune nostre proteste. Civili, forti, reiterate, ma di proteste stiamo parlando. Casamassima, il nostro capitano, stava parlando con il direttore di gara quando si è messo in mezzo il nostro bomber Barison. L'arbitro gli ha detto in faccia una grave parolaccia (la scelta redazionale è di non riportarla, il Chisola valutera' le vie legali in ogni caso, nda) e lo ha minacciato gridando "vieni a Bra, vieni pure a prendermi a casa". Ma dove abbiamo mai sentito qualcosa del genere? Era fuori di sè, è stato presuntuoso, maleducato e irrispettoso. I suoi strumenti sono quelli del dialogo, del silenzio o dei cartellini, non c'è alcun motivo e non esiste alcuna giustificazione per essere arrivato a comportarsi in quel modo scegliendo di utilizzare quelle parole. Se voleva difendersi dalle proteste ha scelto il modo sbagliato. Barison è cascato nella provocazione, ha risposto che lo avrebbe fatto, che sarebbe andato a prenderlo a Bra, preso in quel momento dall'ira, ed è stato espulso. E' caduto nella trappola. Poi sono stato cacciato anche io in panchina, l'arbitro ci ha detto che doveva fare pulizia. Non mi interessa se ho vinto o perso, se c'era un rigore o no. Qui siamo molto oltre. Per me la partita, e il calcio, sono finiti per questa domenica in occasione di quell'episodio. Pazzesco. Incredibile. Il Chisola ha scelto che non debba finire qui. Questo arbitro va fermato, ci sono tantissimi testimoni dell'accaduto e la stessa terna di Torino (gli assistenti Varrese e Venchi, nda) verrà interpellata. Hanno sentito tutto".

 

Ecco che Boschetto conferma la prossima mossa: "Abbiamo messo in mano tutto agli avvocati ed è stata inviata una lettera alla Lega. Il nostro vicepresidente Pairetto, ex arbitro internazionale, di solito tende a ovviamente a difendere la categoria. Ne ha fatto parte per anni. Questa volta no. Non si può tollerare una cosa simile e spero che a nessuno capiti di ritrovarsi il sig. Roveriks in altre partite. Ho scelto di dire tutto ciò e, ripeto, non l'ho mai fatto prima in tanti anni, perchè voglio che all'interno del movimento non succedano questo tipo di cose. Non può rimanere nel silenzio quanto successo col Centallo".

 

CENTALLO-CHISOLA 2-1

Giovanile Centallo: Olivero, Molardo, Pellegrino, Giordana (40' st L. Tallone), Stoppa, S. Tallone, Viglione, Bertone (30' st Viale), Magnino, Raspo (24' st Curti), Racca. A disp. All. Bianco.

Chisola: Ussia, Ramundo (30' st Genovesi), Mazza (12' st Nardiello), Bortolas, Casamassima, Bettega, Deasti, Sanmartino, Barison, D. Vitale, S. Vitale (12' st Filippone). A disp. All. Boschetto.

Arbitro: Roveriks Lama di Bra.

Reti: pt 9' Barison, 27' Raspo, 36' Stoppa

Note: espulsi Barison (37' st) e Boschetto.

 

FANTASTICO CENTALLO: 21 PUNTI IN 10 GARE, VETTA A -5!

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
GIOV. CENTALLO 21 10 5 1 0 1 1 2 17 8
REVELLO 19 10 1 4 1 0 2 2 14 6
DENSO 19 10 3 2 0 1 3 1 18 10
PEDONA 17 10 1 3 1 0 3 2 8 5
MORETTA 15 10 2 1 0 1 4 2 17 6
CHISOLA 14 10 3 1 1 3 1 1 20 17
PANCALIERI CAST. 14 10 2 1 0 2 2 3 12 12
VILLAFRANCA 14 10 2 2 1 3 1 1 10 10
PISCINESE RIVA 13 10 2 1 1 2 3 1 9 10
BSR GRUGLIASCO 13 10 2 2 2 3 1 0 14 14
BOVES 12 10 2 1 2 2 1 2 10 11
CARMAGNOLA 11 10 1 1 2 1 1 4 9 13
TROFARELLO 10 10 0 2 2 2 3 1 11 16
SAN SEBASTIANO 7 10 1 0 3 2 1 3 7 12
CARIGNANO 6 10 1 0 5 1 0 3 6 17
VILLAR PEROSA 5 10 0 0 1 4 3 2 6 21

dom

05

mar

2017

Eccellenza B: Castellazzo, +7 sul Saluzzo, + 10 sul Tortona (1-1 col Rivoli). Fossano da playoffs, colpo Cavour

CASTELLAZZO NEL FINALE, ALFIERO INFINITO

5 marzo 2017

 

Zunino e Rosset nei dieci minuti finali: ecco la rabbia e la qualità del Castellazzo che piega un buon Olmo 2-0. In classifica è +7 sul Saluzzo e +10 sul Tortona. Ecco la volata finale per la serie D.

Il Saluzzo di Rignanese passa 0-1 a Corneliano (un punto in due gare complicate per mister Caricato) e va a segno il solito Pinelli. 41 punti per i granata. Il Tortona, invece, impatta con il graffio di Cravetto del Rivoli vede tramontare il sogno-vittoria (sarebbe stata la decima in undici partite) nel finale dopo il gol di Mellano. 1-1.

 

Dietro la Pro Dronero fa 0-0 con il Colline Alfieri, sempre penultimo ma ora a +2 sulla Valenzana, ed ecco il guizzo del Fossano: 2-1 al Savigliano col solito straordinario Alfiero in doppietta. Sono 27 gol in 23 partite. Spettacolare! Il Fossano di Viassi è ora in zona playoffs.

Altri risultati: pazzo 3-3 in Cheraschese-BonBonAsca, vittoria preziosissima del Cavour 2-0 sull'Albese (Pareschi-Cretazzo).

 

 

Squadre P G VC VF PC PF NC NF GF GS
CASTELLAZZO 48 23 7 6 0 1 5 4 34 10
SALUZZO 41 23 8 3 2 2 2 6 32 25
TORTONA 38 23 7 4 2 5 3 2 28 23
RIVOLI 37 24 5 4 2 3 5 5 33 25
PRO DRONERO 36 23 5 5 3 4 4 2 42 33
FOSSANO 36 23 5 5 4 3 2 4 51 37
CHERASCHESE 35 23 5 5 3 5 3 2 41 33
CORNELIANO R. 34 23 4 6 5 4 2 2 33 26
FC SAVIGLIANO 32 23 6 3 2 7 3 2 37 30
BENARZOLE 27 22 2 4 4 3 5 4 27 26
ALBESE 27 23 5 1 1 7 5 4 26 34
BONBONASCA 24 23 5 2 7 6 0 3 25 48
CAVOUR 24 23 3 4 6 7 2 1 25 34
OLMO 23 23 6 0 5 7 1 4 22 43
COLLINE ALFIERI 22 23 3 3 5 8 3 1 20 32
VALENZANA MADO 20 23 3 2 6 7 3 2 24 41

dom

05

mar

2017

Calcio Piemonte: Eccellenza, Juve Domo a +12. Il Castellazzo batte l'Olmo 2-0. Promozione, San Maurizio sogna

CASTELLAZZO E JUVE DOMO IMPIETOSE. GIOIA SALUZZO E FOSSANO

Promozione: Denso a -2 dal Revello, San Maurizio a -4 dal Susa

ALFIERO DEL FOSSANO: SU UN ALTRO PIANETA. 27 GOL IN 23 GARE, +13 SU DUTTO E ROSSET
ALFIERO DEL FOSSANO: SU UN ALTRO PIANETA. 27 GOL IN 23 GARE, +13 SU DUTTO E ROSSET

AGGIORNATE TUTTE LE CLASSIFICHE CANNONIERI: CLICCA SUI LINK QUI SOPRA

Esultano Pinelli e il Saluzzo: per il 1° posto non è ancora finita, Castellazzo a +7
Esultano Pinelli e il Saluzzo: per il 1° posto non è ancora finita, Castellazzo a +7