CERCHI UNA NEWS? PROVA SU GOOGLE O CLICCA SUI BOTTONI




gio

22

giu

2017

Settimo, ecco il ritorno di Stefano Rizzo! Altro grande acquisto per riprendere l'Eccellenza

STEFANO RIZZO E IL SETTIMO: IL RITORNO!

22 giugno 2017

 

Come confermato dall'ufficio stampa del Settimo c'è il ritorno di Stefano Rizzo sulla trequarti delle violette! Rizzo rientra dall'esperienza al Lucento e punterà con mister Viola all'immediato salto in Eccellenza.

gio

22

giu

2017

Vanchiglia: arriva Daniele Talarico dal Pavarolo! Un rinforzo a centrocampo per De Gregorio

VANCHIGLIA: ARRIVA TALARICO DAL PAVAROLO

22 giugno 2017

 

Rinforzo a centrocampo per il Vanchiglia! Da mister Cuccarese dopo la presentazione del "Puma" Ahmed ecco anche Daniele Talarico dal Pavarolo. Ad annunciarlo il ds Cuccarese. Una pedina d'esperienza ex Alpignano, reduce dal campionato di Eccellenza.

gio

22

giu

2017

Rinforzo in casa Olmo: ecco Niccolò Rostagno, ex Savigliano e Busca

L'EX SAVIGLIANO ROSTAGNO ALL'OLMO

22 giugno 2017

 

Movimento di mercato in casa Olmo in Eccellenza: ecco l'ufficialità dell'accordo per il difensore Nicolò Rostagno, ex Busca e per tre anni a Savigliano!

gio

22

giu

2017

Colpi di inizio estate: Saracino al Gassino, si ricompone il tandem con Greco Ferlisi!

GASSINO: SARACINO-GRECO FERLISI, ANCORA INSIEME!

22 giugno 2017

 

Tutto vero! A volte ritornano...e anche tutti insieme: riecco Roberto Berta, allenatore, e le punte Gabriele Saracino e Nino Greco Ferlisi. Da San Mauro il trio si sposta a...Gassino, assieme al ds Dell'Aquila.

Bello rivedere come i tre possano ripartire assieme dopo aver fatto molto bene in Prima Categoria. Ad attenderli, ora, un'ambiziosa Promozione!

QUI ATLETICO TORINO: ARRIVA ANCHE PREZIOSI!

22 giugno 2017

 

Doppio salto di categoria (meritato!) per Salvatore Preziosi, che torna nel suo habitat antecedente alla super stagione con il Collegno Paradiso, dove ha realizzato 30 gol in 30 gare.

Eccolo all'Atletico Torino! Farà parte assieme a Marco Persiano e a Giuseppe Sansone dell'attacco di via Palatucci.

gio

22

giu

2017

Ufficiale: Daniele Scavetta alla Biellese. "Orgoglioso di giocare con questa maglia"

BIELLESE, ALTRO RINFORZO: SCAVETTA DA BORGOMANERO

22 giugno 2017

 

Ancora un rinforzo per La Biellese di Roano: ecco per l'attacco Daniele Scavetta, ex Gallaratese, Asti, Mezzocorona, Base 96, Trevigliese, Monza e Accademia Borgomanero. Giocherà al fianco di Latta Jack e Pierobon.

 

Scavetta, prime parole sul sito web biellese: "L'anno scorso quando sono venuto a giocare con il Borgomanero mi sono innamorato di questo stadio e oggi poter giocare al Pozzo con questa maglia per me è un onore".

gio

22

giu

2017

Manuele Barison e la numero 9...al Savio Rocchetta! Il bomber: "Società ambiziosa, scelta perfetta"

BOMBER BARISON AL SAVIO ROCCHETTA!

Il "Sando" sorpassa Pro Dronero e Carmagnola

22 giugno 2017

 

Ufficiale, adesso sì: Manuele Barison è un nuovo giocatore del Savio Rocchetta di mister Raimondi e firmerà a breve con il dg Diego Priamo nella società del presidente Scavino, che forse proverà anche il salto in Eccellenza con la domanda di ripescaggio (lo sapremo a breve). Gli hanno affidato la numero 9 e...non poteva che essere così.

 

Manuele Barison, 20 gol nell'ultima Promozione C, titolo di capocannoniere, Coppa Promozione vinta e 254 gol complessivi nel calcio piemontese: "Sono davvero contento. Il Savio Rocchetta è una società ambiziosa e i dirigenti fin dall'inizio mi ha permesso di rendermi conto della professionalità con cui lavorano. E' la scelta migliore per me. Questo club ha voglia di arrivare al calcio che conta, lo sta dimostrando da molte stagioni e anche la retrocessione dall'Eccellenza è arrivata comunque con ben 40 punti. C'è una struttura importante, probabilmente la Promozione è un habitat troppo stretto per questa società. Mi hanno trattato con un occhio di riguardo facendomi sentire importante con discorsi legati anche all'extra-calcio. Spero di rimanere qui molti anni perchè il Savio Rocchetta lavora per la continuità societaria con dirigenti storici e un gruppo che non ha mai bisogno di rivoluzioni. Il mio sogno? Continuare a vincere. Mi riferisco al campionato oppure magari alla Coppa che ho alzato un mese fa. L'obiettivo è quello di fare tanti gol per far felice chi ha creduto in me, presidente, mister e dirigenti. Come ha detto il mio ex mister Boschetto spero comunque di segnare gol pesanti, più che tante reti che non portino punti".

Sul Chisola: "Mi spiace per i miei compagni di squadra, solo questo. Non mi sento di aggiungere altro per il trattamento ricevuto".

gio

22

giu

2017

Perosa, quante novità! Bertelli allenatore, presi Mattia Martin, Ferrero e Soccal

PEROSA: BERTELLI ALLENATORE, ARRIVA MATTIA MARTIN

Grandi novità dopo i playoffs

22 giugno 2017

 

Ultim'ora: poco fa abbiamo raggiunto per telefono il ds del Perosa Cialella. Grandi novità per il club che si è piazzato ai playoffs nella passata stagione.

 

Intanto l'allenatore: dopo la partenza di Careglio ecco ufficiale Stefano Bertelli, ex Piscinese accostato al Garino un mese fa. Una vera bomba.

E poi un grande talento sempre da Piscina: Mattia Martin, genio della trequarti che vanta grande confidenza col gol (15 reti nel 2016/2017 in Promozione).

E ancora: Gabriele Ferrero, '95 dal Castagnole Pancalieri, e Bernardo Soccal dal Villar Perosa assieme al '98 Aiello.

Mattia Martin
Mattia Martin

gio

22

giu

2017

Altro bel colpo dell'Alpignano: Luca Bianco, ex Juve, Canavese e Cuneo per la difesa

ALPIGNANO, E DUE: LUCA BIANCO IN DIFESA

22 giugno 2017 - Ore 11.30

 

L'Alpignano di mister Gatta inizia ad alzare la voce sul mercato: dopo Ronaldo Vanin (296 presenze tra i prof) ecco dal presidente Granieri l'accordo definito in via Migliarone per Luca Bianco, classe 1996, difensore ex Juventus, Canavese, Pro Vercelli, Cuneo, Pinerolo e Pro Dronero.

 

La notizia è ufficiale, confermata dalla società. Manca solo la firma. Secondo grande colpo per il ds Vincenzo Gaudio Pucci.

gio

22

giu

2017

Tutti sul carro dei vincitori: l'esempio del Pinasca. Calcio genuino di paese e aggregazione

COSA RESTA DI UNA STAGIONE? L'ESEMPIO DEL PINASCA

Calcio-romanticismo in un paese di 3mila anime

22 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

Il Pinasca non ha vinto il campionato e non ha vinto i playoffs. Ha vinto molto di più: ha lasciato un segno indelebile in questa stagione per il suo modo di interpretare il calcio in un anno costellato da fallimenti di club e progetti, smantellamenti di gruppi e fusioni cercate disperatamente per tirare a campà.

 

Ad un certo punto bisogna chiedersi: ma cosa resta dopo una stagione calcistica? Cosa renderà più forte e speciale questo calcio? Su quali valori e principi si potranno costruire squadre e società più forti? Restano le classifiche, i risultati, ma soprattutto le emozioni, i ricordi, le immagini e le parole intense: proprio come quelle di Fabrizio Ramasotto, che ha preso la non facile scelta di smettere di giocare.

 

"Sono passati quasi 27 anni da quando misi per la prima volta le scarpette da calcio, 27 anni vissuti con passione, passione che mi ha dato in tutti questi anni la possibilità di conoscere persone e compagni con cui ho condiviso tanti bei momenti e solo qualche piccola (per fortuna) delusione.
Sono orgoglioso di tutte le maglie che ho indossato: dal settore giovanile del Pinerolo con la mitica annata dell'82, passando per Cumiana, Perosa e Piscinese Riva ed infine Pinasca.
Un grazie particolare va a tutti i miei compagni, allenatori, dirigenti con cui in tutti questi anni ho condiviso lo spogliatoio ed alle società che mi hanno accompagnato in questa bellissima storia che mi ha fatto crescere come uomo e come persona. Un ringraziamento particolare va al GS Pinasca.
Dal mio ritorno nel 2010 ho visto una società che giorno dopo giorno, stagione dopo stagione ha sempre cercato di crescere, anche con poche risorse, basando tutto sul GRUPPO. Quel GRUPPO che in questi anni ci ha permesso di vincere la coppa, di approdare per la prima volta in 1° categoria e di raggiungere al terzo tentativo i play-off. Questi play-off sono stati come una favola, qualcosa di magico, unico e straordinario.... ci hanno messo alle strette, siamo andati sotto, siamo stati due volte ad un passo dall'eliminazione ma se c'è una cosa che questo GRUPPO ha imparato in questi anni è lottare e non mollare mai".

 

Queste sono le parole che tutti i presidenti (in questo caso Consolata Barbero, la factotum del Pinasca) vorrebbe leggere dopo i sacrifici, le corse, gli impegni e le soddisfazioni di un'annata calcistica, anche faticosa da gestire per una piccola grande realtà.

Un vero esempio, quello del Pinasca. In una classica squadra di paese anche sfavorita dalla posizione geografica e dai budget limitati, ecco che l'unione di un gruppo vero trascina il carro (o il furgoncino...) alla conquista di risultati insperati. Tutto ciò segna una linea di continuità, un modo di vivere questo sport che tutti vorranno continuare a portare avanti.

Il seguito pazzesco di tifose accanite, poi, è qualcosa di unico: le "fan" ad esempio sono riuscite a mandare in bestia il portiere del Cit Turin in semifinale playoffs, arrabbiato perchè il tifo spudorato del Pinasca in corso Vittorio a Torino gli ha fatto pensare di giocare in trasferta. Da lì il "rimprovero" ai suoi stessi tifosi locali.

 

Dal rito dei "selfie" ("Portavano bene, tanto valeva continuare...", ci hanno detto) agli aperitivi post-partita, dalla rimonta-playoffs alla festa di fine anno. Tutti sul carro, perchè non si vince solo quando si alza una Coppa, ma quando si lascia un'impronta.

gio

22

giu

2017

Savio Rocchetta, Federico Lumello e Andrea Giordano da Raimondi. Gassino: Saracino 100%

SAVIO ROCCHETTA: LUMELLO+GIORDANO (ASPETTANDO BARISON)

Piazzoli: "Lumello? Ci siamo stretti la mano. Dispiace..."

22 giugno 2017

 

Il Savio Rocchetta di Raimondi si fa sempre più grande: dopo Arden Tulino annunciato tra i pali ecco il centrale Federico Lumello, dato inizialmente verso l'Atletico Torino e invece colpo del "Sando". "Ha prevalso la proposta di un progetto pluriennale ed il senso di appartenenza alla città importante per noi e per il ragazzo", ci ha detto il dg Priamo.

 

Insomma, manca solo la firma. Con Lumello alla corte di Raimondi ecco anche il centrocampista centrale classe '97 ex Juve e Alessandria Andrea Giordano, l'anno scorso alla Lomellina.

Ore decisive per bomber Barison del Chisola, quotato sempre al 99%...Con ogni probabilità sarà lui la prima punta attorno alla quale si muoveranno i vari Modini e Ligotti.

 

A proposito della questione-Lumello (abbiamo provato a contattarlo senza successo, siamo disponibili per qualsiasi dichiarazione) è intervenuto il mister dell'Atletico Torino Piazzoli: "E' un peccato. Io ho creduto fin da subito in questo giocatore e l'ho detto al mio presidente. Abbiamo fatto un incontro, due, tre...e in quest'ultimo ci siamo stretti la mano. La mia società ha lavorato su questo giocatore spendendo tempo e organizzandosi in una certa maniera sul mercato. E' la prima volta che mi succede, la parola data non è stata rispettata e mi spiace. Lumello è sicuramente un bravo ragazzo, ma ci siamo rimasti male anche perchè non lo abbiamo più sentito. Sarebbe bastato dirci che per lui è più comodo da Asti andare al Savio. In questi giorni di mercato si può anche dire "mister, aspetto ancora, non sono sicuro..." nelle trattative, viste che non si può ancora firmare, ma dal momento che ci si dice che è tutto definito per me lo è per davvero. Pazienza, andiamo avanti e cercheremo un valido sostituto".

 

GASSINO: SARACINO-GRECO FERLISI, ATTENTI A QUEI DUE

 

Ormai è fatta: anche Gabriele Saracino sarà un giocatore del Gassino di Roberto Berta. La conferma ieri sera dopo un incontro per discutere degli ultimi dettagli. Si ricompone quindi la coppia-gol del San Mauro assieme a Greco Ferlisi.

Stasera la presentazione.

mer

21

giu

2017

Bomba Alpignano: preso Ronaldo Vanin, ex Toro con 296 presenze nei professionisti

ALPIGNANO, GRAN COLPO: ECCO RONALDO VANIN

21 giugno 2017

 

ULTIM'ORA - ore 20

 

296 presenze nei professionisti, un'esperienza al Toro con l'esordio in serie A nel 2002, un passato fino ai 18 anni in Brasile, avventure calcistiche in Benevento, Avellino, Catanzaro, Perugia, Manfredonia, Sorrento, Parma: stiamo parlando di Ronaldo Vanin, esterno classe 1983 in uscita dal Casale. Lo ha ingaggiato l'Alpignano!

 

La notizia è ufficiale ed è stata confermata dal presidente Savio Granieri: "Siamo fieri e orgogliosi che un giocatore come Vanin faccia parte del nostro ambiente e della nostra squadra, che punteremo a rinforzare per fare ancora meglio dell'anno scorso. Vanin si è dimostrato un ragazzo d'oro, ha grande esperienza e qui potrà fare solo bene. Bravo il ds Gaudio Pucci, che sta lavorando in silenzio e per obiettivi importanti".

 

Aggiornamenti a breve.

 

RILEGGI QUI LA STORIA DI VANIN

mer

21

giu

2017

Manasiev al Corneliano Roero. Previati verso Cavour (che ora chiuderà per la punta)

TUTTO CONFERMATO: MANASIEV A CORNELIANO

Cavour: anche Previati da De Vincenzo?

21 giugno 2017

 

Il macedone ex Albese Dzravko Manasiev, come anticipato sul sito giorni fa, è un nuovo giocatore del Corneliano Roero di Telesca. Ottimo colpo per l'attacco da affiancare a Fabio D'Alessandro, ennesima importante pedina dopo gli acquisti di Corradini e Rignanese.

 

Intanto voci di corridoio assicurano che l'ex Piscinese Riva Lorenzo Previati sia ad un passo dal vestire la casacca del Cavour di De Vincenzo, che dopo Martucci del Revello, Artur Aleinikov del Mirafiori e il portiere Romeo Urbano dal Moretta, è pronto a chiudere per un'altra punta: Marco Capobianco dal Carmagnola? Lo scopriremo a breve.

Previati
Previati

mer

21

giu

2017

Ufficiale, Giuseppe Napoli dal Volpiano al Bollengo: "Non potevo fare scelta migliore"

GIUSEPPE NAPOLI AL BOLLENGO: "FELICISSIMO"

"Io ho voluto molto il club e loro hanno voluto molto me"

21 giugno 2017

 

Giuseppe Napoli è un nuovo giocatore del Bollengo in Promozione B. In mezzo a molti club è la squadra di De Paola quella che ha più convinto l'ex attaccante del Venaria.

 

Napoli: "Devo dire la verità, sono molto felice. Ieri sera ho di nuovo incontrato la società, mi hanno fatto vedere e mi hanno spiegato come sono organizzati, ho passeggiato sul bellissimo campo e ho avuto ampie rassicurazioni sulla voglia di far bene nella prossima stagione. Il mercato sta parlando da solo perchè giocatori come Mordenti e Moretto sono molto importanti. A centrocampo è andato via Sapone, ma mi dicono arriverà un'altra pedina vicino a Talentino. In più so che potrebbe arrivare anche D'Agostino, ma comunque nel reparto c'è una punta come Enrico. Lo conosco ed è molto forte, ha un altro passo. Sono contento di essere allenato da De Paola, che avrà sicuramente col suo passato da bomber molti consigli utili per me e i compagni. Ripeto, non poteva esserci scelta migliore. Loro hanno voluto molto me e io ho voluto molto trasferirmi in questo club dove si punterà certamente a fare una grande stagione".

mer

21

giu

2017

Carrara, che colpi: Luca Del Boccio dal San Giacomo in porta e Fabrizio Lasaponara dal San Mauro

DOPPIO COLPO CARRARA: DEL BOCCIO+LASAPONARA

21 giugno 2017

 

Ultim'ora: doppio colpo Carrara 90! La squadra di Ragazzoni reduce da 11 vittorie di fila in Prima girone E e piazzamento playoffs dopo una storica remuntada sbarca sul mercato con due accordi definiti: arriveranno in corso Appio Claudio il portiere ex San Giacomo Chieri Luca Del Boccio e l'esterno offensivo e centrocampista Fabrizio Lasaponara dal San Mauro. I due sono stati compagni di squadra al Bsr Grugliasco e ritroveranno amici come Lorenzo Mecca e Maurizio Santi.

 

Del Boccio, fino a qualche anno fa in Eccellenza col Bsr Grugliasco e reduce dalla Promozione col San Giacomo Chieri: "Ho avuto richieste dall'Eccellenza in giù. Vista l'età ed il fatto che oggi sono un giocatore un po' più navigato ho valutato tutto con molta attenzione, dai progetti agli obiettivi di classifica di alcune società, dai chilometri da macinare al tempo che avrei tolto ad altre cose. Alla fine continuare a poter giocare non lontano da casa con un mister che stimo come Ragazzoni e con alcuni amici storici per una stagione ambiziosa è un'idea che mi è piaciuta, anche se scenderò in Prima Categoria. Per cui ho accettato anche per motivi e orari di lavoro che mi portavano lontano dal San Giacomo. Il Carrara ha fatto benissimo quest'anno con un record di vittorie consecutive, il 4° posto e i playoffs. L'obiettivo è di fare ancora meglio, per questo ho accettato".

mer

21

giu

2017

Documentazione consegnata: confermata la fusione e la nascita del "Kl Pertusa"

QUI "KL PERTUSA": CONSEGNATA DOCUMENTAZIONE, FUSIONE OK

Manavella: "Ieri sera solo qualche incomprensione per il mercato"

21 giugno 2017

 

Aggiornamento sulla fusione "Kl Pertusa": il presidente Giorgio Manavella ci ha confermato come la documentazione sia stata depositata il 19 giugno, un giorno prima del termine previsto. Dunque, tutto ok: dal 1° luglio la società farà calcio in via Genova con la nuova denominazione.

Stamattina abbiamo scritto di alcuni problemi di cui ci hanno parlato fonti certe all'interno della società. Manavella: "E' giusto sottolinearlo, c'è stata qualche incomprensione tra dirigenti ma solo e unicamente su temi legati al mercato. La fusione è assolutamente confermata nero su bianco, si andrà avanti al 100 per cento senza problemi. Speriamo di risolvere le differenti vedute riguardanti le scelte dei giocatori al più presto".

mer

21

giu

2017

Pedona: ufficiale, in panchina Roberto Tallone. Revello, pensierino all'Eccellenza?

PEDONA: NUOVO CORSO CON MISTER TALLONE

Revello: pensierino all'Eccellenza...

21 giugno 2017

 

La Società Pedona conferma ufficialmente l'incarico a Roberto Tallone per la guida della prima squadra nella stagione 2017/2018.

Già nello staff tecnico nella passata stagione, subentra a Gabriele Cordero che ha fatto altre scelte personali . A quest'ultimo un ringraziamento da parte della Società per i risultati conseguiti in questi anni di proficua collaborazione.

Nei prossimi giorni verrà divulgato il quadro completo dello staff tecnico di tutte le categorie.



Maggiori informazioni http://www.pedonacalcio.org/products/tallone-roberto-alla-guida-della-prima-squadra/

La società Pedona conferma ufficialmente l'incarico a Roberto Tallone per la guida della prima squadra in Promozione nella stagione 2017/2018.
Già nello staff tecnico nella passata stagione, subentra a Gabriele Cordero che ha fatto altre scelte personali. Dal club: "A quest'ultimo un ringraziamento da parte della società per i risultati conseguiti in questi anni di proficua collaborazione".
Nei prossimi giorni verrà divulgato dal Pedona il quadro completo dello staff tecnico di tutte le categorie.

 

QUI REVELLO: DOMANDA DI RIPESCAGGIO?

 

Ieri abbiamo sentito mister Perlo. Non è da escludere che il Revello possa inoltrare domanda di ripescaggio per l'Eccellenza: "Ci stiamo pensando, stiamo valutando tutto...".

mar

20

giu

2017

Mercato: Cimino-Valenzana, Faridi-Moretta, Santoli-San Mauro, Denso in pole per Reka

BOMBER ACCASATI AL 99%: BARISON-SAVIO ROCCHETTA?

Gassino-Saracino ai dettagli

BOMBER AL 99%: SARACINO-GASSINO, BARISON-SAVIO ROCCHETTA

 

In entrambi i casi siamo ai dettagli e l'aggiornamento è di ieri sera. Gabriele Saracino al 99% andrà al Gassino da mister Berta per ricomporre la coppia-gol assieme a Nino Greco Ferlisi e a Daniele Saraceno ("Resterò a Gassino sicuramente, ci sono forti ambizioni"), mentre Manuele Barison è sempre più vicino al Savio Rocchetta, nonostante ieri voci di corridoio riportassero di un Carmagnola in vantaggio.

FUSIONI: ECCO L'ASD POLISPORTIVA B. CHIANOCCO

21 giugno 2017 - Tiene banco il mercato...

 

FUSIONI Sì, FUSIONI...FORSE: dal Chianocco al Kl Pertusa

 

E' ufficiale, i documenti sono stati depositati in Federazione: nasce l'Asd Polisportiva Bussoleno Chianocco. I colori sociali saranno l'arancio verde, un cocktail tra Chianocco e Bussoleno.

Presidente: Massimiliano Rossero. Vicepresidente: Antonino Nucera. Segretario: Pierluigi Novello. Consiglieri: Roberto Tolotti, Paolo Cadelano, Antonio Scozzafava, Giorgio Addari, Eugenio Salino, Samuele Garofalo, Alberto Giacomo Mallamaci.

TOSCANO LASCIA CORNELIANO: CHISOLA E CUNEESI SU DI LUI

Altro nome per il Chisola: Bellino dall'Alpignano?

GIUSEPPE TOSCANO (EX REGGINA, PRESENZA A SAN SIRO): CHISOLA E CUNEESI

 

Stavolta ci siamo affidati ad alcune fonti cuneesi: il Chisola assieme a Pro Dronero e Olmo avrebbero fatto un sondaggio su Giuseppe Toscano che è in uscita dal Corneliano Roero.

Toscano, esterno di difesa, non conferma nè smentisce...: "Ci sono stati un po' di contatti, per il momento preferisco non entrare nei dettagli. Una cosa è certa, per motivi di lavoro non potrò continuare a Corneliano. Ho già sentito il ds Zunino".

 

Il cuneese o il torinese aspettano ora il classe 1989 che ha fatto tutta la trafila nel settore giovanile della Reggina con presenze in Coppa Italia contro l'Inter a San Siro e col Cagliari al fianco di Brienza, Ceravolo e compagni contro Matri e Acquafresca ("Vincemmo 4-0, è stata tra le più belle partite della mia carriera). Poi Lega Pro e D tra Barletta, Lucchese, Igea Virtus, Latina, Fermana, Interreggio, Due Torri e Budoni in Sardegna.

 

Un altro giocatore che potrebbe arrivare al Chisola assieme a Russo, Clori, De Peralta, Apzteguia e Zullo è Bellino dall'Alpignano. A rivelarlo fonti proprio di casa Alpignano, dove kil ds Gaudio Pucci lavora sotto traccia per non fare troppo rumore e portare giocatori importanti alla firma.

CIMINO ALLA VALENZANA: "CASTELLAZZO, ANNATA MAGICA"

Nuovo tecnico Fabrizio Scalzi: squadra di giocatori del paese

FRANCESCO CIMINO: VALENZANA CON BOSCARO

 

Gabriele Boscaro dal Cassine in attacco, Francesco Cimino da Castellazzo per la difesa, le riconferme di Teti, Marelli, Rizzo e Palazzo, l'arrivo di Marinello dal San Giuliano per il centrocampo: inizia a costruirsi la nuova Valenzana di Grieco.

 

Cimino, unico giocatore di Castellazzo assieme al fratello Federico, fresco di titolo: "Stagione fantastica. Sono contento di aver fatto parte di un gruppo del genere, composto da grandi uomini prima che da grandi calciatori. Merlo mi ha piacevolmente sorpreso. Mi ha dato tanto come persona e come tecnico, non mi aveva mai allenato prima e la sua cura dei dettagli è straordinaria. Ringrazio tutto il Castellazzo per la loro serietà e per i bei momenti condivisi...questo è un arrivederci, non un addio, ne sono certo. Non pensavo di avere molte richieste, come invece accaduto, e alla fine ho scelto la Valenzana. Ha un passato glorioso e grandi ambizioni per la prossima stagione. Se a Castellazzo ero l'unico del paese a Valenza sarò tra i pochissimi ad arrivare da fuori. Questo è gratificante. Sono carico, non vedo l'ora di iniziare".

 

Il nuovo tecnico Fabrizio Scalzi è già al lavoro per costruire una rosa di giocatori prevalentente residenti a Valenza, così da ritrovare un forte senso di appartenenza.

leggi di più

mar

20

giu

2017

Parola ai superbomber. Perrone: "Priorità al Lucento". Dalla Costa: "Niente mercato, Denso 100%"

BOMBER MARCO PERRONE: "PRIORITA' AL LUCENTO"

Ben 48 gol in un anno e mezzo: a giorni decisione ufficiale

20 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

Parola ai superbomber: 48 gol in un anno e mezzo tra Asti (15) e Lucento (33) per Marco Perrone, punta del club torinese. Lo abbiamo cercato per un punto sulla stagione appena conclusa e per un aggiornamento di mercato dopo la vittoria della classifica cannonieri di Promozione D 2016/2017 (24 centri solo in campionato).

 

Perrone ha giocato ovunque tra C2, D ed Eccellenza: Viterbese, Marcianise, Rivarolese, Giaveno, Canavese, Savona, Lavagnese, Trento, Castiglione, Albese, Chieri, Albese, Cuneo, Saluzzo, Asti e Lucento.

Ci ha detto: "Quella appena conclusa per il Lucento è la classica stagione da bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Dipende da dove lo si guarda e da quale prospettiva. Per me è mezzo pieno perchè nonostante tre secondi posti la società al 99,9 per cento si ritroverà in Eccellenza e questo succederà solo grazie al lavoro di tutta la stagione e a tanti sacrifici. Mi piace vincere, non esserci riuscito lascia un po' di amarezza ma abbiamo dato l'anima in campionato, Coppa e playoffs. Purtroppo non è bastato".

Il futuro? "La priorità è per il Lucento, che incontrerò a breve per riparlare di alcuni dettagli. Nel weekend forse arriverà l'ufficialità di ogni decisione. La mia idea è quella di rimanere in corso Lombardia e non mi dispiacerebbe tornare a giocare in Eccellenza. Qualche anno fa ho preso una decisione importante legata al mondo del calcio. Oggi sono felice, ho un mio lavoro, non mi sposto più in diverse regioni e gioco per divertirmi seguendo però sempre progetti stimolanti. E' sempre bello sentirsi parte di una squadra che punta a vincere qualcosa o a portare a casa risultati importanti. I 48 gol in un anno e mezzo? Resto coi piedi per terra, ma di certo è un bel numero e credo che anche il mio valore sul mercato, se così si può dire, sia cresciuto. Il Lucento sarebbe felice di tenermi e io sono stato bene qui, ma è giusto rimettersi a tavolino visto l'ottimo rapporto con la dirigenza. Ripeto, mancano soltanto alcuni aspetti da approfondire con la società. Le possibilità di ripescaggio del Lucento? Credo siano molto alte. Mi spiace leggere di tanti club in difficoltà e di mancate iscrizioni, significa che questo movimento di cui faccio parte con passione è in sofferenza. E' davvero un momento che deve far riflettere tutti, presidenti, direttori, allenatori, giocatori e procuratori, coi quali anche io ho avuto a che fare".

DALLA COSTA, FEDELTA' DENSO: "RESTO QUI AL 100%"

Mercato: arriva Saffioti da Rivoli, Benedetto verso la Pro Collegno

Un giocatore eccezionale, devastante, sincero e corretto. Così lo hanno descritto compagni e avversari che abbiamo sentito per mesi. Quest'anno ce lo siamo ritrovati - buon per noi - in Promozione alle nostre latitudini, categoria che gli sta strettissima, e nella prossima stagione lo rivedremo in Eccellenza.

Stiamo parlando di Marco Dalla Costa: presenze in C1 (Pro Sesto), C2 (Sangiovannese, Olbia, Pro Patria, Bra) e poi D con Caratese, Renate, Bra, ProSettimo, Pinerolo e...Denso.

 

Dalla Costa, subito la dichiarazione più importante: "Resterò alla Denso al 100%. Ho avuto richieste da entrambi i gironi di Eccellenza e dalla D, mi hanno chiamato tantissimi club e questo fa sempre piacere. Probabilmente non mi aspettavo neanche tutto questo mercato dopo essere sceso in Promozione. Devo però sottolineare come questa categoria sia lontana parente rispetto alla professionalità e competenza delle persone del mondo Denso. Ho trovato un'organizzazione perfetta, dirigenti sempre presenti al campo, un ambiente familiare...E' chiaro che dopo aver vissuto tutto ciò il primo pensiero è togliermi automaticamente dal mercato. Per cui ringrazio tutte le società che mi hanno cercato, ma giocherò alla Denso".

Il ds Macchi è felicissimo per la comprensione mostrata dai giocatori durante le settimane di caos: iscrizione sì, iscrizione no, iscrizione forse. Dalla Costa: "Ho vissuto emozioni contrastanti, sarebbe stato davvero brutto mandare all'aria tutto dopo tanti sacrifici. Io ho dato il mio contributo negli ultimi 6 mesi, ma capisco anche l'impegno ancora più assiduo dei compagni di squadra. E ripeto, qui si sta veramente bene. Il pessimismo iniziale sulla continuità della Denso nel calcio pensavo fosse solo una mossa per smuovere determinati ambienti aziendali, poi ho letto quel comunicato...Lì ho pensato che fosse tutto finito. Infine è arrivata la notizia che invece avremmo fatto Eccellenza ufficialmente e ho gioito due volte dopo la vittoria del campionato".

Il rapporto con mister Panetta: "Ho vissuto tante situazioni calcistiche e devo dire che preferisco una persona che dica le cose in faccia rispetto ad una che stia in silenzio, che non dica o dica le cose a metà. Panetta dice sempre quello che pensa e ritengo sia bravo sia dal punto di vista umano che tecnico. Per qualcuno può avere un carattere particolare, ma è una persona vera e se ti bacchetta come è successo anche a me non ti fa mai mancare la sua stima usando bastone e carota. In più permette di alternare i momenti di divertimento a quelli dove lavorare sodo, dove è anche giusto avere un generale che dia le regole. Sono contento di ripartire dalla Denso, ad oggi è difficile dire quanto potremo essere competitivi nella prossima stagione per tanti motivi. Il mercato è iniziato da poco, bisognerà capire quali saranno le rivali più attrezzate e comunque per far bene serviranno tante componenti come la fortuna e soprattutto il gruppo. La sensazione comunque è quella che potremo toglierci grosse soddisfazioni".

 

Annotazioni di mercato: l'ex Pro Settimo e Rivoli Saffioti, classe '98, è un nuovo rinforzo a centrocampo della Denso. Luciano Benedetto, che dovrà lasciare il gruppo per motivi extra calcio (diventerà papà) al 90% giocherà nella Pro Collegno.

mar

20

giu

2017

Il Revello si stringe attorno al presidente Palmero: è morta la sorella Roberta

REVELLO VICINO AL PRES: E' MORTA LA SORELLA ROBERTA

20 giugno 2017

 

Il Revello Calcio e tutta la cittadina sono ancora increduli: è scomparsa all'età di 50 anni Roberta Palmero, che lascia la mamma Luciana e il fratello Giampietro Palmero, presidente del Revello e segretario dell'Associazione Pro Loco oltre che figura conosciuta in paese per la sua attività lavorativa.

 

Fatale una malattia che non ha lasciato scampo in pochissime settimane. L'allenatore Francesco Perlo: "Tutta la società è vicina al presidente e alla famiglia in questo triste momento. E' una notizia bruttissima, ci coglie di sorpresa. Tutto il Revello è scosso, non faremo sicuramente mancare il nostro calore al presidente Giampietro Palmero".

 

I funerali si svolgeranno domani, mercoledì 21 giugno, alle 15.30 nella Parrocchiale di Revello, con partenza alle 15 dalla casa di Roberta.

mar

20

giu

2017

Simone Soncini all'Arona! Il bomber ex Trino: "Mi hanno voluto fortemente"

ARONA, ECCO IL BOMBER: SIMONE SONCINI DAL TRINO

Oggi e ieri, Soncini sempre a caccia di gol
Oggi e ieri, Soncini sempre a caccia di gol

20 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

E' tra i personaggi più simpatici e genuini che abbiamo intervistato nell'ultima stagione. La sua filosofia di pensiero l'abbiamo ridefinita "calcio-felicità", alla brasiliana, perchè la sua voglia di divertirsi con il pallone passa dai campi dello Sparta Novara (era il 1998) a quelli di beach soccer per i tornei estivi.

"Il calcio? La mia vita. Prima di ogni partita sento la pelle d'oca e fin quando sarà così non smetterò. L'allegria? Per me c'è modo di essere leggero anche quando l'arbitro fa l'appello...", ci ha detto qualche mese fa in un misto di serietà e battute esilaranti.

 

Un attaccante forte, tra i più prolifici in circolazione con 256 gol in carriera: stiamo parlando di Simone Soncini in uscita dal Trino. La notizia di ieri sera è che un nuovo giocatore dell'Arona neopromosso in Eccellenza.

 

Soncini, martellato anche dal Romentinese/Cerano e da squadre svizzere: "Confermo, vero. L'Arona ha davvero un bel progetto, ci siamo trovati su tutto e negli ultimi due giorni ho fatto sempre lunghe telefonate con il nuovo ds Mauro Galia. Ieri sera ci siamo messi d'accordo. Mi hanno fatto sentire importante e voluto fortemente. Non ho potuto che dire "sì"...".

 

Ecco l'aggiornamento dei gol e da dove ripartirà "bomberissimo" Soncini, uno degli attaccanti che vorremmo non smettesse mai di giocare!

 

 

  • 1998/99: Sparta Novara (Eccellenza) - 9 gol
  • 1999/2000: Borgosesia (serie D) - 1 gol dopo il passaggio alla Beretti del Novara
  • 2000/2001: Dufour Varallo (Eccellenza) - 24 gol
  • 2001/2002: Borgosesia (serie D) - 0 gol
  • 2002/2004: Verbania (Eccellenza) - 36 gol
  • 2004/2005: Vigevano (serie D) - 22 gol
  • 2005/2006: Bellinzona (Challenge League svizzera) - 0 gol
  • sett 2005: Vigevano (serie D) - 6 gol
  • gen 2006: Como (serie D) - 3 gol
  • 2006/2007: Sestri Levante (serie D): 8 gol
  • 2007/2008: LottoGiaveno (serie D) - 7 gol
  • 2008/2009: Vigevano (Eccellenza/serie D) - 24 gol, 11 gol
  • 2009/2010: Real Cureggio (Eccellenza) - 11 gol
  • dic 2010: Acqui (serie D) -  3 gol
  • 2011/2012: Verbania (Eccellenza) - 19 gol
  • 2012/2013: Sporting Bellinzago (Eccellenza) - 16 gol
  • 2013/2014: Villalvernia (Eccellenza) - 8 gol
  • 2014/2015: Juventus Domo (Promozione) - 14 gol
  • 2015/2016: Omegna (Eccellenza) - 19 gol
  • 2016/2017: Malcantone (Seconda Lega svizzera) - 6 gol
  • nov 2016: Lg Trino (Eccellenza) - 9 gol = 256 gol

ATLETICO TORINO: PRESO BENNA DAL SETTIMO

20 giugno 2017


Dopo Dinaro, Marino, Persiano, Lumello, Arione e Rocha Miranda, l'Atletico Torino di Piazzoli porta a casa un altro accordo, quello con Alessandro Benna, ex Settimo e Lucento, classe '91, difensore. In uscita Simone Salerno verso San Mauro e Gabriele Marmo probabilmente al Barcanova.

mar

20

giu

2017

Portieri protagonisti. Cantele: "Pianese ambiziosa". Bastianelli con lui allo stesso matrimonio

CANTELE ALLA PIANESE: "PER IL BORGARO CI SARO' SEMPRE"

Bastianelli sul mercato: "Annata importante a Domodossola"

20 giugno 2017

 

Avremmo potuto pescare tra mille foto scattate sul campo, ma questa è molto curiosa: due portieri fortissimi allo stesso matrimonio (di Talentino del Bollengo, domenica), due numeri uno che si sono giocati il titolo di Eccellenza prima in campionato e poi allo spareggio, dove hanno dovuto parare i rigori, due pilastri di Borgaro e Juventus Domo.

 

Stiamo parlando di Giorgio Cantele (a destra) e Mattia Bastianelli. Riflessi pronti, guanti caldissimi, tanta passione per il pallone.

 

Cantele passa ufficialmente alla Pianese: "Confermo. Lasciare Borgaro è stata una scelta difficile, ma necessaria per motivi di lavoro. Per motivi di lavoro non avrei potuto assicurare la mia presenza nei nuovi orari di allenamenti in serie D. Dispiace andare via dopo un'annata magica, condita da vittoria del campionato e della Coppa Eccellenza, ma non c'erano alternative. Voglio ringraziare mister Russo, staff, dirigenti, presidente e compagni di squadra. Le emozioni vissute in questa stagioni sono speciali e io per il Borgaro ci sarò sempre, qualsiasi cosa di cui abbiano bisogno. La Pianese? La mia priorità era rimanere in Eccellenza, ma devo dire che ho incontrato persone serie e competenti come Tubino e Rosso. Mi hanno convinto con un progetto stimolante e ambizioso, c'è davvero molta voglia di disputare un campionato importante. E così, anche per motivi legati al lavoro, ho deciso di accettare anche una Promozione. Sono felice della mia scelta".

 

L'ex Sporting Bellinzago, Ivrea, Chieri, Borgosesia e Juventus Domo Mattia Bastianelli è sul mercato: "A Domodossola ho vissuto una stagione importante. Purtroppo non siamo riusciti a centrare l'obiettivo del salto di categoria nonostante il primo posto in condivisione col Borgaro. Il girone d'andata è stato pirotecnico, nel ritorno abbiamo sciupato buone occasioni per chiudere i conti, ma abbiamo sempre lottato da protagonisti con tanto entusiasmo. Nell'ultimo mese ci sono state parecchie novità. In questo momento valuto tutte le proposte di mercato che si presentano, anche se dovrò ancora confrontarmi con il ds Massoni che diventerà il nuovo allenatore della Juve Domo. Cantele? Un portiere che stimo, è stato curioso incrociarsi al matrimonio di Talentino e naturalmente abbiamo parlato un po' di calcio".

mar

20

giu

2017

San Mauro: da mister Ligato il difensore Simone Salerno e il '99 Galatanu, ex Pro Vercelli

SAN MAURO, RINFORZO IN DIFESA: SIMONE SALERNO

Simone Salerno
Simone Salerno

20 giugno 2017

 

Rinforzo in difesa per il San Mauro di Ligato: ecco Simone Salerno reduce dal campionato vinto con l'Atletico Torino. Assieme a lui ecco il '99 Mihai Galatanu, ex Pro Vercelli e Juventus, importante fuoriquota.

Mancano ormai 10 giorni e la squadra neopromossa in Promozione potrà portare alla firma i vari Massimo, Moreo, Gurlino, Infantino, Talamo e Di Nunno.

mar

20

giu

2017

Chisola, rivoluzione in attacco: De Peralta e...Apezteguia dal Gassino?

QUI CHISOLA. DA GASSINO: "ARRIVERA' ANCHE APEZTEGUIA"

Dopo De Peralta pronto un altro colpo in attacco?

20 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

Non c'è la conferma del ds Gusella ("Per ora ufficializzo soltanto De Peralta e stop", ci ha detto ieri sera preannunciando altri colpi) ma le nostre fonti sono sparse ovunque e anche questa volta potrebbero andare a segno.

 

I ben informati di casa Gassino assicurano infatti che sarà Joel Apezteguia, 30 gol quest'anno in Promozione B, a vestire la casacca del Chisola di Luca Mezzano assieme a bomber De Peralta. L'indiscrezione ha raggiunto altri ambienti calcistici e la voce è stata riportata anche da alcuni direttori sportivi in contatto col giocatore, seguito ad esempio dal Lucento e Venaria.

 

Alcuni dei prossimi acquisti del Chisola, in attesa di ufficializzazione, potrebbero essere il talento del Mathi Alessandro Clori (niente Moretta per lui), il centrocampista Luca Russo dell'Alpignano (lo avevamo scritto giorni fa, avvistato in società) e poi...dal San Maurizio Canavese in occasione della notizia legata al movimento in entrata per Emanuele Lombardo del Pianezza ci hanno fatto sapere che Simone Zullo (13 reti coi blues) è in uscita, accostato a Lucento e Chisola. Arriverà anche lui?

mar

20

giu

2017

Centallo, gran rinforzo in difesa: Andrea Passerò, ex Savigliano e Moretta

PASSERO', NIENTE BUSCA: VA AL CENTALLO!

20 giugno 2017

 

Gran rinforzo in difesa per il Centallo di Bianco: ecco l'ex bandiera del Savigliano Andrea Passerò, reduce dall'ultima stagione al Moretta. L'ex Cuneo e Bra Passerò, classe 1991, è stato accostato al Busca e ad altri club cuneesi ma alla fine ieri sera è stato trovato l'accordo a Centallo con il ds Samuele Parola.

Ora il Centallo, reduce da una stagione meravigliosa (bomber Magnino assieme allo zoccolo duro riconfermatissimo), potrà puntare ancora più in alto...

lun

19

giu

2017

Savio Rocchetta: ecco Arden Tulino per la porta di mister Raimondi

UFFICIALE: TULINO AL SAVIO ROCCHETTA

Barison: sorpasso Carmagnola/Dronero sul Savio?

19 giugno 2017

 

Qui Savio Rocchetta: il rinforzo scelto quale primo tassello del prossimo campionato riguarda la difesa e in particolare chi difenderà la porta nella rosa di Raimondi.

La voce si era sparsa da giorni e ora è ufficiale. La scelta del club gialloverde è caduta su Arden Tulino, classe 1984, una carriera di alto profilo portata avanti con Chieri, Novese, Cuneo Asti in D e la scorsa stagione in Eccellenza dove ha difeso la porta del Savigliano.

 

Conferme ufficiali: Luca Rea e Matteo Busco, coloro che oggi vantano il maggior numero di
presenze in rosa gialloverde. Ma anche Daniele Azzalin, Andrea Ligotti, Piergiorgio Modini,
Tommaso Redi, Alessandro Schiavone, in ordine rigorosamente alfabetico.

 

La società ha ringraziato pubblicamente, con un grande in bocca al lupo, Alessandro Mannai. Il centrale, scuola Juve, rientrerà a Pinerolo essendo scaduto il prestito.
Ancora dal web: "Il SanDo ringrazia inoltre e augura le migliori fortune a Gianluca Blini, che si trasferirà in Spagna per motivi di studio. Confermiamo la partenza, a malincuore, di Manno che ringraziamo infinitamente per l'incredibile apporto nella stagione appena conclusa.
Di Santo invece probabilmente andrà all'Asca".

 

BARISON - Aggiornamento per la situazione di Manuele Barison, bomber capocannoniere di Promozione C e autore di oltre 250 reti in carriera. Secondo voci di corridoio nelle ultime ore Carmagnola e Pro Dronero sembrano in vantaggio sul Savio Rocchetta.

lun

19

giu

2017

Ufficiale, il bomber De Peralta al Chisola da Mezzano: "Carico e...dispiaciuto per Savigliano"

DE PERALTA, NUOVA AVVENTURA: IL CHISOLA

"Dispiace per ciò che sta succedendo a Savigliano"

19 giugno 2017 - Ore 20

 

Ultim'ora

 

Fabricio Porcel De Peralta, bomber classe 1986 argentino (di Cordoba) ex Busca, Pro Dronero, Bra, Cuneo, Asti, Castelnuovo e Sant Julia, è un nuovo giocatore del Chisola di Luca Mezzano.

Così l'attaccante ai nostri microfoni subito dopo la conferma via telefono con il ds Gusella: "Sono molto felice, parte una nuova avventura. Mi spiace davvero tanto però per il Savigliano, una città e una piazza importante che merita come minimo l'Eccellenza. Si gira pagina. Oggi ho definito i dettagli con il Chisola, non vedo l'ora di iniziare con una nuova maglia prestigiosa".

La notizia avrà le sue ripercussioni sul mercato: niente Carmagnola e niente Pro Dronero per De Peralta. In queste società dai mister Milani e Dessena arriveranno quindi altre punte...

 

Dichiarazioni a caldo di Alberto Gusella, direttore sportivo del Chisola: "Giocatore importante, De Peralta. Un acquisto sicuramente di livello per l'attacco, dove abbiamo riconfermato Filippo Deasti e dove è previsto l'inserimento di un'altra punta importante. Nel fine settimana sveleremo altri nomi".

lun

19

giu

2017

Colpo Vanchiglia: ecco "Puma" Ahmed, ex Saluzzo e Colline Alfieri, per il centrocampo

IL "PUMA" AHMED AL VANCHIGLIA

19 giugno 2017

 

Grande colpo a centrocampo per il Vanchiglia di De Gregorio. Il ds Cuccarese annuncia il "Puma" Sarwat Ahmed, centrocampista di qualità ex Saluzzo in uscita dal Colline Alfieri.

lun

19

giu

2017

Pro Settimo Eureka, ha firmato Romagnino: "Piazza importante, felice della scelta"

PRO SETTIMO, IL RITORNO DEL "ROMA"

Habemus firma, Romagnino: "Staff eccezionale"

19 giugno 2017

 

Habemus firma. Pasquale Romagnino riparte dalla panchina della ProSettimo dopo 4 anni intensi al Mathi.

Le parole del tecnico calabrese dopo il nero su bianco: "Una formalità. Per quanto mi riguarda eravamo già sulle stesse frequenze dal secondo appuntamento e sono felicissimo di questa opportunità. Il club ha preferito aspettare per le firme, ma non ci sono problemi ed è giusto valutare tutto in questi giorni di mercato. Siamo già al lavoro per comporre la rosa. Le sensazioni sono ottime. Sono andato a leggermi la storia recente della Pro Settimo Eureka e qui sono state vinte Coppe e campionati. Entro in punta di piedi, ma spero davvero di far parte della storia di questa società. Ho visto coi miei occhi uno staff eccezionale in tutti i profili, dal medico al fisioterapista fino al preparatore Richetta e ai magazzinieri. Con me ci sarà soltanto in più il vice Demana. Sono contento della mia scelta, traspare nell'ambiente ancora un po' di delusione per la retrocessione. Sarà anche compito mio portare nuovi stimoli, dinamismo ed entusiasmo. Col ds Tosoni siamo sempre in contatto per le novità di mercato, anche se in questo momento bisogna essere cauti. Ci sono giocatori che sparano cifre non consone al calcio dilettantistico. Bisogna leggere i momenti e cogliere le vere occasioni al volo".

 

Romagnino è stato chiaro: "Il desiderio è quello di avere tre giocatori importanti in ogni reparto. Maja? Sì, il portiere potrebbe essere l'ex Corneliano. Sinato e Varvelli? Sono nomi delle ultime ore, ma ce ne sono anche altri. Trussardi? Confermo il fatto che per quanto mi riguarda sarei per dargli l'opportunità di un'Eccellenza. Ha fatto sempre meglio in queste stagioni, ora dipenderà da lui". Tra i riconfermati potrebbero esserci Chiazzolino e Taraschi, tra i giovani potrebbero esserci Conigliaro, il portiere Crovagna e bomber Agostini, ma la Pro non si sbilancia troppo per il momento.

lun

19

giu

2017

Colpo di scena Moretta, anche Tommaso Vailatti al Cavour

(LO SCHERZO DI) VAILATTI: "CONFERMO, ANDRO' AL CAVOUR"

Il ds del Moretta Capello: "Maledetti. Scherzo riuscitissimo"

Video Cellerino: "Ciao Direttore, non prendertela..."

Clicca qui per Facebook
Clicca qui per Facebook

19 giugno 2017

 

Ultim'ora: giornata da dimenticare per il ds del Moretta Daniele Capello. Urbano era tra i confermati e...alla fine è Cavour. Dopo poche ore nel pomeriggio ecco un sms in redazione: "Anche Tommaso Vailatti al Cavour". Verifichiamo e...l'ex Toro conferma. Un'altra pedina importante di mister Cellerino lascerà la società dei verdi cuneesi.

 

C'è solo una cosa da aggiungere: è uno scherzo.

 

La redazione ha fatto da complice a mister Cellerino e allo stesso Vailatti. Avendo ricevuto la proposta abbiamo ritenuto che un pezzo per stemperare i toni di un caldo lunedì di mercato non fosse poi così male.

Lo stesso Vailatti ha ammesso: "Resterò al Moretta al 1000 per 1000. Io e il mister abbiamo saputo che il ds Capello ci era rimasto male dopo l'addio di Urbano passato al Cavour. Al posto di assecondarlo abbiamo deciso di fargli fare una risata...sì, ma dopo due ore di confusione". Tanto è rimasto online il pezzo con la sola conferma di Vailatti al Cavour.

Mister Cellerino a Capello nel video: "Direttore, ti abbiamo fatto arrabbiare e avrai chiamato Vailatti almeno 80 volte...Non prendertela. E per il portiere cercheremo una valida alternativa".

Capello: "Scherzo fin troppo ben riuscito".

Ci scusiamo con lui, dirigente sempre gentile e disponibile, per aver fatto da complici!

 

Per il resto godetevi il video di Cellerino su Facebook....a breve anche qui sul sito.

lun

19

giu

2017

Aleinikov e Manasiev, un pezzo di Bielorussia e Macedonia sul mercato. Vigili Cavour e Corneliano...

MANASIEV-CORNELIANO, ALEINIKOV-CAVOUR: AFFARI FATTI

19 giugno 2017

 

Cognomi di origine bielorussa e macedone sul mercato. Artur Aleinikov è un giocatore a cui la Prima Categoria sta strettissima. Sarà sicuramente in uscita dal Mirafiori e oggi, in una giornata molto calda per il Cavour (vedi altro articolo), ecco materializzarsi la pista-Cavour: possibile ritorno da Aldo De Vincenzo?

 

Aleinikov, centrocampista del 1991, è uno dei figli di Sergej, istituzione della Juventus degli anni '90 coi vari Rui Barros, Zavarov...Con la Juve ha vinto anche una Coppa Uefa e una Coppa Italia. Dopo la serie D in Friuli con il Kras Repen Artur, italianissimo (ma i suoi genitori sono entrambi bielorussi) passando dal Novara e dal torneo di Viareggio ha giocato nel Gassino di Gatta in Piemonte e poi nell'Atletico Torino, prima dell'esperienza al Mirafiori.

Ora il Cavour lo tenta: "E' vero, un contatto c'è stato. Nel pomeriggio di lunedì ho risentito la società, ci siamo incontrati e trovati su tutto. Ora posso dirlo, sono un nuovo giocatore del Cavour".

 

Per Zdravko Manasiev, altro talento ma questa volta macedone, abbiamo invece la conferma da parte del mister Telesca sul trasferimento dall'Albese al Corneliano Roero: "Ufficiale, manca solo la firma".

Sarà ai nostri microfoni alle 17.30.

lun

19

giu

2017

Polemiche Susa-Piscinese: la verità sul caso-Aloisi. L'assessore Fontana risponde a Casciello

DEMASI: "LA VERITA' SU ALOISI E LA SUA TRATTATIVA"

L'assessore Fontana risponde a Casciello: "Le cose stanno diversamente"

19 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

Abbiamo cercato di soffocarle rimarcando toni soft tra le parti, ma alla fine in questo mercato c'è tempo anche per loro: le benedette e sacrosante polemiche. Union Susa, tramite il ds Galluzzo, e Piscinese Riva, hanno versioni contrastanti sui tempi delle trattative con Simone Aloisi.

 

Per Galluzzo società e attaccante erano d'accordo da molto prima dell'articolo di Sportovest che ha svelato la trattativa (3 giugno), il ds Muratori della Piscinese ha sottolineato come invece non sia così: "Non rubiamo giocatori e anzi, quando abbiamo letto l'articolo ci siamo tirati indietro dicendo a Simone di rifarsi sentire solo dopo aver comunicato la sua scelta definitiva al Susa, che aveva già contattato per un punto della situazione. Intanto noi abbiamo sentito anche altri giocatori come Fascio, così come Aloisi altre società. Alla fine abbiamo trovato un punto d'incontro, felicemente".

 

A svelarci i tempi della "trattativa della discordia" è Bruno Demasi, ex giocatore e dirigente fino all'anno scorso in Pianezza e Olympic, temporaneamente fuori dal mondo del calcio per motivi personali.

Demasi gestisce un bar a Santa Rita: "Sì ed è qui che il martedì prima della finale di Champions, ovvero il 30 maggio di pomeriggio, si sono incontrati Aloisi e Muratori. Sapevo da mie conoscenze che Simone aveva dubbi sul restare a Susa, che in quel momento aveva già espresso con vari giorni di anticipo, e così ho proposto al mio amico Muratori di provare a contattarlo. Lo ha portato qui nel bar. Quindi è assolutamente falso che Aloisi ha cercato la Piscinese, come sostiene Galluzzo, perchè si è verificato il contrario su mio invito, e che il giocatore avesse da tempo accordi non svelati al Susa. Quel 30 maggio il Susa sapeva già dei dubbi di Aloisi sul continuare in Eccellenza. Mi dispiace leggere di lui come una persona che si è comportata male. E' un ragazzo d'oro, lo sanno tutti".

 

Le polemiche, poi, sembrano terminare pomeriggio. Giro di telefonate tra Galluzzo, Piscinese, Aloisi e Demasi e vari chiarimenti. Bene così.

Galluzzo: "Ci siamo allineati e confrontati, qualche equivoco c'è stato ma ora si guarda avanti. Un grande in bocca al lupo ad Aloisi per la sua avventura".

 

ANCORA POLEMICHE: L'ASSESSORE FONTANA RISPONDE A CASCIELLO

 

Dopo l'intervista al presidente Casciello (articolo) relativo alla migrazione dell'Union Susa da Susa oggi parola all'assessore allo sport Denis Fontana, 28 anni, da sempre inserito nel mondo del calcio e dello sport anche nelle squadre di Susa.

Fontana: "Non è che sia rimasto molto felice delle parole di Casciello...Sì, perchè ci sono tante cose da puntualizzare. Non si può affermare che qualcuno dell'Amministrazione abbia impedito all'Union di fare calcio. E' falso. Semplicemente l'Union legittimamente, facendo calcoli e bilanci interni, ha ritenuto di dover andare via. Le trattative sono partite nel 2015 coi vari Casciello, Coccia, Anselmo e Gallasso e noi siamo stati chiari. A Susa la Scuola Calcio stava perdendo bambini e iscrizioni poichè venivano dislocati su altre città. Nel contempo gli stessi bambini andavano per esempio a Venaus. Come Amministrazione questo scenario non poteva piacerci. A marzo 2016 ci è arrivata la lettera dell'Union. La proposta era quella di poter gestire un nuovo campo di calcetto da abbinare all'introito di 6mila euro derivante dalla Dinamica, ente che noi ha la convenzione per la gestione di piscina e campo da calcio. Noi innanzitutto non potevamo avere risposte certe sulla costruzione del campo. Non eravamo pronti. Dopodichè ci sembrava strano che oltre a quei 6mila euro una società potesse anche usufruire dei proventi dell'eventuale campo di calcetto. Infine sarebbe stata comunque la Dinamica, e non il Comune, a decidere a chi affidare quel campo. Così non ci siamo trovati. Il dialogo si è spento e in un anno ci saremmo visti un paio di volte, questo è vero".

Ancora Fontana: "Non ci siamo più spostati dalla nostra richiesta relativa ad un maggiore impegno sulla Scuola Calcio, perchè è quello che vogliamo per Susa. Non esiste che i campi siano vuoti. Voglio poi precisare di come nessuno abbia fatto una passerella il giorno della festa per l'Eccellenza. Era giusto esserci e ci siamo presentati ai giocatori. La targa che l'Union lamenta di non aver ricevuto allo Sportiamo? Le decidiamo a marzo, solo per questo non è stata fatta. Quello che è doveroso sottolineare è come la prima squadra c'entri poco o nulla con tutti questi discorsi. Non importa la serie A o l'Eccellenza, noi abbiamo sempre detto che al centro delle nostre idee c'è il calcio per i bambini. Abbiamo anche altre 25 associazioni sportive, c'è chi addirittura come il Rugby è venuto da Avigliana ad occupare quei campi che in realtà volevamo fossero pieni di ragazzi. Se all'Union questa cosa gravava sul bilancio non si può dire che sia colpa nostra. Infine non abbiamo accompagnato nessuno alla porta. Lo smentisco, così come smentisco il fatto che ad oggi ci sia un progetto già in piedi con favoritismi verso altre società. Assolutamente falso. Siamo per il calcio giovanile e se ci sarà modo di riavviare questo progetto abbinato ad una Terza Categoria lo supporteremo, questo sì, anche e soprattutto se si chiamerà "Susa Calcio" o qualcosa di simile. Ma il supporto economico che arriverà ad eventuali nuove realtà sarà identico a quello che prendeva l'Union, 6mila euro".

lun

19

giu

2017

Fossano su Buongiorno. Boscaro-Valenzana, oggi il giorno? ProSettimo, firma Romagnino

BOSCARO-VALENZANA. IL FOSSANO SU BUONGIORNO

Roce e Arona su Soncini. Oggi la firma di Romagnino

Boscaro, tutti i segnali di mercato portano alla Valenzana
Boscaro, tutti i segnali di mercato portano alla Valenzana

19 giugno 2017

 

IL GIORNO DI ROMAGNINO ALLA PROSETTIMO EUREKA

 

Due conferme via sms al ds Tosoni e a mister Romagnino. Stessa risposta. Lunedì (oggi) le firme per l'allenatore reduce da 4 anni al Mathi. L'annuncio è slittato soltanto per pianificare al meglio il futuro della squadra in Eccellenza.

C'è già qualche nome di mercato come il portiere Maja dal Corneliano, bomber Agostini (girato alla Nolese), l'esterno Trussardi (giocatore del Mathi che piace moltissimo a Romagnino) e poi bomber Sinato da Casale ed il baby Conigliaro. Romagnino in attesa della presentazione ufficiale: "Stiamo lavorando su tutti questi nomi e su altri".

 

A.A.A. CERCASI BOMBER

 

Tutti cercano Marco Dalla Costa in Eccellenza (chiamate anche dalla D): la Denso lo ha blindato e ad oggi è da escludere una sua partenza. Tra le interessate anche il Fossano di Viassi, al quale ora vengono accostati i nomi di Varvelli del Baveno e Buongiorno del Cavour.

Così la punta giallorossa: "Sto valutando la proposta del Fossano assieme ad altre".

A nord Piemonte l'InterFarmaci, sfumato Ricky Poi, è andato all in su Federico Tiboni dello Stresa.

Se il Corneliano Roero ha praticamente chiuso per Manasiev dall'Albese (articolo) e se al BorgoVercelli sembra fatta per Armando Panipucci, bomber del Bianzè per rinforzare la linea d'attacco, per Manuele Barison il Savio Rocchetta sembra essere in vantaggio 51 a 49 sulla Pro Dronero. Si è però inserito anche il Carmagnola, club al quale continua ad essere avvicinato il cognome di De Peralta del Savigliano, allenato quest'anno da Milani. De Peralta è seguito anche da Saluzzo e Lucento e oggi ci dice: "E' praticamente fatta con una società, ma adesso sono all'estero. A giorni dirò tutto".

Dovesse arrivare Barison il bomber del Savio Rocchetta Piergiorgio Modini potrebbe migrare verso Canelli.

C'è poi un'ufficialità che potrebbe arrivare nelle prossime ore: quella di Gabriele Boscaro alla Valenzana Mado di Grieco. Che non restasse al Cassine era cosa ormai certa e lo stesso giocatore ci aveva dichiarato di come preferisse restare in zona ad Alessandria senza macinare chilometri come in passato per motivi di lavoro.

Il puntero Simone Soncini è uno dei nomi caldi in casa Romentinese/Cerano: lì ritroverebbe mister Rotolo, quest'anno con lui al Trino. Il giocatore conferma il contatto. Anche Arona e almeno un paio di club svizzeri su Soncini.

Occhio agli esterni offensivi: Edoardo Secci del BorgoVercelli è seguito a sua volta da Trino, Stresa e dalla vivace Accademia Borgomanero, Rizzo del Lucento è un nome chiacchierato per un ritorno al Settimo ("Oggi incontrerò il Lucento, ha la priorità"), Bonsanto del Vanchiglia è un'idea del Carmagnola (sondaggi anche per Enrico Massimo, che conferma, San Mauro in pole position), l'ex Virtus Verbania e Juve Domo Christian Manfroni potrebbe essere un rinforzo de La Biellese di Roano, Tevino del Revello potrebbe tornare al Saluzzo e Matteo Amedeo è vicinissimo al ritorno al Lucento di Goria.

 

VOCI DI MERCATO, CONFERME E PAUSE "STRATEGICHE"

 

Aggiornamento di mercato col dg Pagliero del Saluzzo: "Tevino? Ha fatto bene al Revello ed essendo di nostra prioprietà è nei nostri pensieri l'idea di farlo tornare. I '98 Caula e Mondino? Giovani della zona molto interessanti. Buongiorno e Atterritano? Ottimi attaccanti, proveremo a inserirci senza fare follie di mercato".

Domenico Pirrotta, tra i gioielli della Cheraschese di Brovia, smentisce la pista-Lucento riportata da voci di mercato: "E' probabile che rimanga a Cherasco, a giorni sarà ufficiale".

Il ds dell'Alpignano Vincenzo Gaudio Pucci. E' vero che siete interessati ai centrali Todaro e Cellamaro del Pavarolo? "Al momento solo parole, non abbiamo chiuso con nessuno". E Brancato del Savigliano? "Impossibile". Potrebbe invece arrivare Vanin in uscita da Casale.

Davide Nastasi, playoffs col Racconigi. E nel futuro? "Al momento sono sul mercato, non sono stato riconfermato".

Alessio Bava, c'è l'accordo con la Pianese dopo l'esperienza all'Atletico Chivasso? "Si, tutto definito".

Vittorio Sasso. Dopo l'avventura al "Sando" sarai un nuovo giocatore dell'Alfieri Asti? "Sì, è molto probabile...".

Andrea Amato, talento valdostano del Lucento: Pont Donnaz nel futuro? "Ad oggi non so ancora nulla".

Sempre tra Promozione ed Eccellenza il Bollengo sembra in pole position per Antony D'Agostino della Rivarolese, ma le parti non sono ancora vicinissime.

E' invece fatta per affidare le chiavi della porta all'espertissimo Luca Mordenti, ex Pro Vercelli, Biellese, Ceversama, Orizzonti e Fulgor Valdengo.

Gabriele Saracino punta in uscita da San Mauro: "Credo che ormai la mia scelta sia tra Gassino, Nolese ed Esperanza".

Enrico Massimo, sei più vicino al San Mauro negli ultimi giorni? "Sono attualmente in vacanza, vedremo a breve". Sondaggi anche del Carmagnola.

Fulvio Celeghini del Racconigi: "Sto parlando con un paio di squadre. Giorni decisivi".

Alessio Tancini, ex Borgaretto e Bacigalupo, è sul mercato: "La trattativa col Real Leinì è sfumata".

lun

19

giu

2017

Qui Cavour: Mignano dal Venaria, Urbano dal Moretta. Due amici nel pallone

DOPPIO COLPO CAVOUR: MIGNANO+URBANO, MIGLIORI AMICI

Portiere e centrale da De Vincenzo. Anche Martucci?

Martucci a Cavour?
Martucci a Cavour?

19 giugno 2017 - Ore 9.45 - di Michele Rizzitano

 

Cosa c'è di più bello di poter giocare a pallone col proprio miglior amico? E' quello che succederà a Ivan Mignano e Romeo Urbano, amici nel pallone che...si ritroveranno dopo 4 anni passati insieme nel settore giovanile della Juventus.

Sì, bomba di mercato: il centrale Mignano, in uscita da Venaria (avvicinato alla Rivarolese e ad altri club) e il portiere Urbano, l'anno scorso al Moretta, ex Piscinese Riva e Airaschese, giocheranno al Cavour di Aldo De Vincenzo. I due condividono esperienze calcistiche, viaggi e serate con le rispettive fidanzate, ora ripartiranno dallo stesso club.

 

Urbano: "Ringrazio il Moretta per la stagione passata insieme. Il Cavour mi ha seguito con molto interesse e mi ha dato la possibilità di sposare un nuovo progetto. Ho valutato attentamente e scelto di cambiare".

 

CAVOUR: IN ARRIVO BOMBER MARTUCCI DAL REVELLO?

 

Oggi molte voci da Cavour verso la redazione. Radio-mercato racconta come in attacco potrebbe arrivare Devis Martucci del Revello (dove viceversa è vicinissimo Marco Capobianco del Carmagnola, contesa col Lascaris), vecchia conoscenza di mister De Vincenzo, con lui protagonista del triennio al Vigone/Piscinese Riva con quasi 50 gol in due stagioni.

 

A PROPOSITO DI PORTIERI

 

Roberto Marcaccini tra i pilastri del Saluzzo: continuerà a vestire il granata da mister Rignanese. Silvio Brustolin ai nostri microfoni. Domande secche: Colline? Savio Rocchetta? Canelli? Santostefanese? "Ad oggi ancora troppo presto per decidere. Sto valutando". Per i pali del Moretta, che ha perso Urbano (era tra i riconfermati del ds Capello e di mister Cellerino), potrebbe materializzarsi la pista-Ussia del Chisola. Sondaggio.

Sul mercato Eccellenza devono ancora accasarsi Bastianelli della Juve Domo e Celesia del Pont Donnaz. Maja potrebbe tornare dal Corneliano alla Pro Settimo, cosa confermata da mister Romagnino. Masneri in uscita da Fossano secondo voci di corridoio è ad un passo dall'accordo con l'Asca di Nobili. Tulino del Carmagnola è seguito con attenzione dal Savio Rocchetta: radio-mercato assicura, o lui o Ussia del Chisola.

Affatto scontata è anche la permanenza di Luca Del Boccio, bandiera del Bsr Grugliasco nell'ultima stagione al San Giacomo Chieri dopo una vita in via Leonardo da Vinci: "Sono giorni di riflessioni e valutazioni. Ho ricevuto alcune chiamate, nei prossimi giorni prenderò una decisione".

lun

19

giu

2017

Pianese: Promozione ufficiale con 3 colpi. Cantele da Borgaro, Mariani dal Pont, Bava da Chivasso

TRIPLETTA PIANESE: CANTELE, MARIANI, BAVA

Lamorte-Carità al Garino, doppio colpo Pianezza

Pietro Carità al Garino
Pietro Carità al Garino

19 giugno 2017

 

C'è il nero su bianco: in Promozione ecco una nuova realtà, quella della Pianese di Libero Tubino dopo la scissione con il River Mosso.

Ieri sera sono arrivate le firme per rilevare la matricola dell'Atletico Chivasso, che darà vita ad un matrimonio sportivo con La Chivasso e che quindi ha ceduto la categoria.

 

Il ds Gepy Rosso ha assicurato almeno un grande colpo per reparto. Spicca la trattativa con il portiere ex Borgaro Giorgio Cantele (manca solo la firma, tutto definito), per la difesa il nome roboante è quello del centrale ex Pont Donnaz e ProSettimo Matteo Mariani, mentre a centrocampo si parla di Alessio Bava dall'Atletico Chivasso. Gepy Rosso: "Tutto confermato. Tra mercoledì e giovedì organizzeremo una presentazione al campo di Brandizzo, dove faremo gli allenamenti, e poi a luglio a San Raffaele Cimena, nostro campo di gioco".

Allenatore: nessuna sorpresa, come avevamo anticipato in esclusiva il 6 giugno (articolo) a guidare la Pianese sarà Carlo Capobianco.

 

QUI MONTATESE

 

Per il futuro in Promozione dopo lo storico salto di categoria a Montà si ripartirà dal blocco vincente del 2016/2017. Mister Battaglino riconfermatissimo in panchina potrà contare sulle sgommate di Rosso, Veglio e Grosso, sui gol di Omar Sacco, sulle geometrie di Ienco e Tagliaferro e sulle parate di Bledig. Una novità: Stefano Giusti, l'intramontabile capitano autore del gol-Promozione su rigore, farà il team manager.

Mercato: due nomi nel mirino della Cheraschese. Si tratta del baby Di Stefano e dell'attaccante Oddenino.

 

QUI GARINO: Lamorte ufficiale, arriva anche Carità

 

Domenico Lamorte, 20 gol con l'Atletico Santena, è un nuovo giocatore del Garino di Franco. A confermarlo il ds Sellitti.

Presi anche il '96 Arposio, il '95 Carità e il '98 Serrao dal Chisola che si aggiungo a Valenti e Vernassa dal Trofarello e Musso dal Carmagnola assieme a Caldara e Rupolo, dell'Atletico Santena.

 

QUI PIANEZZA: Favata, Ferrigni e idea Naturale

 

Sarà un Pianezza da tenere d'occhio, quello in Prima Categoria di Michele Bonafede. E' praticamente fatta per il difensore Alberto Favata, ex Real Leinì nelle ultime due stagioni, classe 1992. C'è un'intesa di massima.

In via Enzo Ferrari potrebbe arrivare anche il classe 1996 Ferrigni dal Lascaris. E nelle ultime ore si parla dell'esterno offensivo Andrea Naturale, cercato anche dalla Cbs. "Settimana decisiva", dice il giocatore del Collegno, col quale avrà un colloquio nei prossimi giorni.

dom

18

giu

2017

Ufficiale: Alessandro Bettega al Settimo di Viola. Il centrocampista lascia il Chisola

SETTIMO: BETTEGA PER IL CENTROCAMPO DI VIOLA

18 giugno 2017 - Ore 21

 

Ultim'ora

 

Ufficiale: Alessandro Bettega, centrocampista reduce dalla stagione al Chisola (Coppa Promozione vinta) è un nuovo giocatore del Settimo di Viola. La notizia è stata annunciata dalla pagina ufficiale della società in serata (domenica).

Ottimo rinforzo dopo il portiere Pascarella dal Collegno: Bettega, scuola Juve, è infatti passato da Monza, Ravenna, Pescina, Siena, Pizzighettone, Valle del Giovenco, Chieri, Lascaris e Gassino con tante esperienze tra Lega Pro, D, Eccellenza e Promozione.

 

In quest'ultima stagione è stato uno dei pilastri della squadra di Boschetto, uno degli "imprescindibili" nel cammino che ha portato il club di Vinovo in Eccellenza. Se al Chisola sembra partire un nuovo progetto legato ai giovani (nuova sinergia tra il ds Gusella e il mister Mezzano) il Settimo ripartendo proprio dal suo totem Viola non ha nascosto di voler riconquistare la categoria persa ai playout non solo tramite i suoi eccellenti baby talenti, ma anche attraverso la qualità, l'esperienza e l'indiscutibile carisma sul campo proprio ad elementi come Pascarella e Bettega.

dom

18

giu

2017

Davide Nicola salva il Crotone e arriva in bici a Vigone: 1200 km di passione. L'omaggio dell'Aiac

DAVIDE NICOLA, 1200 KM IN BICI PER ONORARE LA PROMESSA

Dopo il miracolo-salvezza del Crotone eccolo a Vigone. Presente l'Aiac

Rappresentanti Aiac Torino con Nicola: Dellisanti, Filardo, De Meo e Di Gianni
Rappresentanti Aiac Torino con Nicola: Dellisanti, Filardo, De Meo e Di Gianni

18 giugno 2017

 

Davide Nicola lo aveva promesso e lo ha fatto: 1200 chilometri dalla Calabria al Piemonte, sbarcando al "Filadelfia" di Torino in mezzo a una folla di giornalisti e tifosi, arrivando a Vigone per festeggiare la salvezza del Crotone e per onorare quella promessa. "Se dovessimo centrare la salvezza andrò in bici fino a Torino", parole esclamate quando la squadra calabrese non aveva praticamente speranze ed era distantissima dall'Empoli nella classifica di serie A. E invece...

 

Una decina le tappe tra le città che hanno lasciato un segno nella vita di Nicola, mister ed ex calciatore che tre anni fa ha perso un figlio in un tragico incidente proprio a Vigone. La città gli ha aperto le braccia per un'impresa miracolosa e perchè tanta gente si è immedesimata nella sua storia. L'impossibile che diventa possibile, la lettera commovente al figlio dopo la salvezza del Crotone, il viaggio in bici partito il 9 giugno con tantissimi incontri durante il percorso, il sacrificio, la voglia di non mollare. Tutto bellissimo, scene che fanno bene allo sport e che contengono importanti messaggi di vita.

 

Grande sensibilità nell'occasione verso l'associazione Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e soprattutto verso l'associazione "Vittime della Strada". L'Aiac Piemonte ha consegnato la maglietta dell'associazione al suo iscritto Davide Nicola. Il presidente Sebastiano Filardo ha ricordato davanti alla folla l'importanza dei valori trasmessi ai giovani grazie alla favola del Crotone e all'impresa ciclistica del mister: la cultura del sacrificio, il rispetto, la voglia di inseguire anche i sogni più difficili, l'impegno e la costanza.

 

Nella foto: Mimmo Dellisanti, addetto stampa regionale Aiac, Sebastiano Filardo, presidente regionale Aiac, Davide Nicola, Franco De Meo, segreterio regionale Aiac, Vincenzo Di Gianni, consigliere Aiac.

 

GUARDA IL VIDEO SU FACEBOOK

dom

18

giu

2017

Mercato. Dispenza: "Felice di restare alla Santostefanese". Bomber Genzano: "Ciao Vanchiglia"

DISPENZA-SANTOSTEFANESE, AVANTI TUTTA

Dispenza
Dispenza

18 giugno 2017

 

C'è chi va e c'è chi resta. Oggi in Promozione parola a due pedine fondamentali di Santostefanese e Vanchiglia.

 

Ufficiale: Giulio Dispenza, 21 gol in un anno e mezzo, resterà alla nuova Santostefanese di mister Robiglio assieme, tra gli altri, a Claudio Meda e ai fratelli Andrea e Federico Marchisio. Dispenza è centrocampista offensivo, seconda punta e trequartista che lascia sempre l'anima nelle squadre in cui gioca.

 

Dispenza, ex Villalvernia, Settimo, Pianezza, Città di Rivoli, ancora Settimo e Savio Rocchetta: "Quando sono finiti i playoffs mi sono preso parecchi giorni per pensare perché a Santo Stefano dal primo giorno in cui sono arrivato ho vissuto partite, situazioni, rimonte, vittorie e sensazioni bellissime. Non è una piazza qualunque. Vado fiero dei risultati raggiunti qui, in campo e fuori il gruppo si è dimostrato una cosa sola ed è riuscito a centrare, per esempio, una stupenda rimonta dal terzultimo posto ai playoffs l'anno scorso. Quest'anno l'obiettivo è stato di nuovo portato a casa senza fare parole o proclami e con molte difficoltà affrontate, nonostante avessimo potuto fare anche qualcosina in più. Siamo stati nuovamente protagonisti. Assieme ai compagni abbiamo conosciuto il nuovo mister Robiglio. Cambiando allenatore io e gli altri avevamo bisogno di capire cosa ci avrebbe trasmesso questo cambio in panchina al fine di continuare o valutare le altre proposte. Confrontandoci abbiamo capito che lui è arrivato con la nostra stessa ambizione, entusiasmo e voglia di provare a fare qualcosa di più di quanto fatto fino ad ora. E io, per quanto mi riguarda, mi sono sentito ancora più importante e responsabilizzato per la squadra e la società. Non sarà facile fare meglio di quanto fatto con Amandola, ma proprio per questo sarà stimolante e dovremo provarci dando tutto e di più di noi stessi per arrivare più in alto possibile. Il gruppo? E' stupendo, siamo dei matti totali, ma ci confrontiamo su tutto e sempre insieme. Ora il primo pensiero va alle vacanze, ma non vedo l'ora di cominciare la nuova stagione".

GENZANO: "CIAO VANCHIGLIA, DUE ANNI SPECIALI"

Antonio Genzano, 31 gol tra Coppa e campionato in granata, lascia il Vanchiglia con una semifinale di Coppa messa in cassaforte e con parole molto profonde.

L'ex Leinì: "Due anni speciali. Ho trovato una grande famiglia e poi una bellissima società. Ringrazio il presidente Edoardo De Gregorio, persona di cuore che ama questo club e i suoi colori, sempre disponibile e umile. E poi voglio ringraziare il mister Antonio De Gregorio che mi ha voluto fortemente negli ultimi anni. Con lui si è instaurato fin da subito un grande rapporto di stima e rispetto reciproco. Voglio elogiare anche tutto lo staff tecnico con a capo il prof Paolo Zilocchi, persona competente che ama il proprio lavoro. Cerco ora una nuova squadra e stimoli nuovi. Auguro il meglio e faccio un grosso in bocca al lupo al Vanchiglia, club che porterò sempre nel cuore".

sab

17

giu

2017

Ufficiale: ecco bomber Marco Pierobon alla Biellese! Sardo dal Rivoli al Borgaro?

COLPO BIELLESE: PIEROBON E I SUOI 209 GOL DA ROANO

Sardo: "Tornare in D al Borgaro? Proposta stimolante"

Pierobon, foto La Biellese
Pierobon, foto La Biellese

17 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

E' fatta: Marco Pierobon è un nuovo giocatore de La Biellese di Roano.

 

Ecco il suo pensiero ai microfoni di Sportovest: "Ho ancora i brividi se penso a questa stagione col Borgaro. Coppa e campionato vinti, non mi era mai successo...Tra l'altro Biella mi porta bene, perchè proprio lì abbiamo vinto lo spareggio con la Juve Domo. E' stato difficile scegliere di non proseguire a Borgaro, ma alla mia età si devono prendere determinate decisioni e col mio lavoro non avrei potuto garantire la presenza fissa agli allenamenti del pomeriggio e del sabato mattina. Lascio un ambiente fantastico per un altro altrettanto bello e stimolante, perchè queste sono le prime impressioni. So che c'è un nuovo presidente, sono arrivati acquisti importanti e la società vuole fare ancora meglio della scorsa stagione. Giocare qui è una bella opportunità".

La curiosità è che Pierobon, classe 1979, sarà gestito dalla panchina da mister Roano, classe 1977. Due bomber veri: "L'altra sera Andrea mi ricordava un Borgosesia-Ivrea del 2001 finito 1-1. Segnammo entrambi. Forse lui è stato più prima punta, io sono un giocatore più di movimento. Siamo diversi anche caratterialmente. Lui vulcanico e più espansivo, io più tranquillo. Da mister sta facendo bene, sono felice di essere allenato da lui e di giocare con Latta Jack, che ho seguito da avversario in queste stagioni. Un giocatore molto forte".

Chiudendo gli occhi dopo questa stagione a cosa pensi? "Alla Coppa a gennaio, al trionfo a Biella. Tutto veramente bellissimo. Mi spiace da giocatore sapere che alcuni amici come a Cavaglià hanno vinto per poi ritrovarsi dopo pochi giorni sul mercato perchè la società non può andare avanti. Ho letto molte notizie simli in questo mercato, dispiace sempre. La Biellese al contrario ha rilanciato le sue ambizioni, di questo non posso che essere felice".

Altra grande curiosità è quella legata al numero di gol di Pierobon in carriera: prima di ritirarsi ("Ad oggi non ho mai pensato ad un futuro da dirigente, ma chissà...") potrà sfondare quota 200 gol tra C2, serie D ed Eccellenza. Adesso è a 195 in circa 400 gare dal 1998...Ma se contiamo anche 14 centri nel 1997/1998 nella Rivarolese, ci conferma il bomber, siamo già a 209!

 

Dunque, ecco il colpo in attacco: un bomber di assoluta esperienza alla corte di mister Roano, che potrà contare anche su Ferrarese e Cristino sempre dal Borgaro e la garanzia Cremonte dalla Juventus Domo. Tra i giocatori confermati Latta Jack, Corio, Goio, Vanoli e Botto Poala. In uscita Coppo (Orizzonti), Ramella, Bullano, Marazzato (Cossato?) e Dossena.

 

Al Borgaro potrebbe arrivare Luca Sardo del Rivoli. Lo abbiamo sentito in settimana: "Devo ancora riparlare col Rivoli, ma l'idea di fare ancora la serie D in una società come il Borgaro è molto stimolante. Sono tentato di accettare ma non ho ancora deciso qualcosa di definitivo. A giorni darò l'ufficialità".

Luca Sardo, foto Sportovest
Luca Sardo, foto Sportovest

sab

17

giu

2017

Ufficiale: Beretti nuovo tecnico del Lesna Gold. Greco Ferlisi-Gassino, tre nomi verso Pinerolo

GRECO FERLISI, E' GASSINO! BERETTI AL LESNA GOLD

LUCA CHERCHI DA BAVENO A BORGOMANERO

Greco Ferlisi: Gassino da Berta. Mister Beretti al Lesna Gold
Greco Ferlisi: Gassino da Berta. Mister Beretti al Lesna Gold
Cherchi all'Accademia Borgomanero
Cherchi all'Accademia Borgomanero

17 giugno 2017

 

ACCADEMIA BORGOMANERO: COLPO LUCA CHERCHI

 

L'Accademia Borgomanero ufficializza tramite sito ufficiale di aver raggiunto l'accordo con il calciatore Luca Cherchi classe 1985, ruolo centrocampista, proveniente dal Baveno. Lo cercava anche il Trino di Cretaz. Nel suo passato: Allievi, Juniores e Prima squadra nel Borgomanero calcio in serie D; nel 2003 il passaggio a Suno in Eccellenza. Poi sempre in Eccellenza con il BorgoVercelli insieme a mister Roberto Bonan, quindi Osmon Suno; poi Promozione con la Virtus Cusio e negli ultimi due anni a Baveno in Eccellenza.
Figura chiave del suo arrivo mister Roberto Bonan. "Conosco mister Bonan da anni – ha dichiarato Luca Cherchi sul sito del club - mi aveva portato lui a BorgoVercelli, siamo sempre rimasto in contatto. Ho scelto Borgomanero perché è la mia città. C'erano anche altre proposte, di mezzo, come spesso succede, c'è anche l´aspetto lavorativo da tenere in considerazione, quindi fra le varie proposte quella di Borgomanero mi ha entusiasmato fin dall'inizio, non c'è voluto molto per convincermi. Son contento di ritornare qui a giocare per la squadra della mia città. Il mister lo sa e mi auguro di riuscire a togliermi anche qualche sassolino dalle scarpe nei confronti di qualche personaggio di Borgomanero. Mi rendo perfettamente conto dell'importanza della prossima stagione per chi vestirà questa maglia visto che ritornerà ad esserci una sola società calcistica e credo che sarà di stimolo per me e per tutti i miei nuovi compagni."

GASSINO: GRECO FERLISI!

 

Confermato a Gassino, con tanto di foto: il superbomber Nino Greco Ferlisi, uno dei nomi più pesanti tra gli attaccanti del calcio piemontese (ex Toro, Alessandria, Canelli, Caselle, Nicese, , Volpiano, Orbassano, Venaria, San Mauro...), è un nuovo giocatore della squadra di Roberto Berta, allenatore col quale ha un ottimo rapporto.

Berta ha così deciso di affidare le chiavi del reparto offensivo proprio all'intramontabile bomber reduce dal campionato vinto a San Mauro, che va ad aggiungersi a Delfino, Marocco, Di Fiore e Secchieri tra i nuovi acquisti.

 

LESNA GOLD: UFFICIALE MISTER GIAMPIERO BERETTI

 

Ufficialità per il nome in panchina del Lesna Gold 2017/2018: per il dopo-Calabrò ecco Giampiero Beretti, tecnico dei miracoli al Collegno Paradiso. Il mister ha trascinato i collegnesi di via Galvani dai bassifondi di Seconda alle vette di Prima Categoria in una stagione e mezzo prima di rompere con il club, sappiamo da fonti certe, non per i risultati sul campo ma per vicende esterne. E' stato poi sostituito da Francesco Mele, che in questo momento è ancora in bilico per la riconferma.

Beretti ha avuto il grande merito di costruire una rosa da zero, chiamando i primi giocatori a dicembre quando un anno e mezzo il Collegno poteva disporre di poco più di una decina di giocatori negli allenamenti. Poi la rinascita, il record di vittorie consecutive, i playoffs, il salto di categoria e un exploit nella prima parte di stagione mettendo in tasca anche un incredibile primo posto.

Ora si gira pagina: Lesna Gold. Il ds Culcasi: "Confermo, ripartiremo da mister Beretti dopo le ottime stagioni con Calabrò".

Beretti: "Felice di tornare in panchina. Con il Lesna Gold ci siamo trovati subito in sintonia, non vedo l'ora che inizi la stagione. Il Collegno Paradiso? Ho fatto il massimo per un anno e mezzo, credo che i risultati e la crescita della squadra siano qualcosa sotto gli occhi di tutti. Preferisco però guardare avanti e pianificare il futuro piuttosto che commentare il passato. Ho tanta carica ed entusiasmo, ora ci fionderemo sul mercato".

 

PINEROLO: TRE NOMI DA CAVOUR?

 

Tre giocatori pronti a seguire Pino Di Leone a Cavour? Secondo fonti certe sì: sarebbero il centrocampista Cretazzo (conteso anche da Savio Rocchetta e Settimo), il gioiellino del '98 Fiorillo e il difensore Cuttini.

 

RIVAROLESE: SFUMANO MARINARO/MIGLIARDI

 

La riconferma di Paolo Scutti a Rivarolo ha spostato alcuni equilibri di mercato. Il ds Scala e mister Gousse hanno così deciso per motivi tecnici di non puntare su un altro trequartista come Marinaro e su Migliardi, coi quali comunque resta un bellissimo rapporto (Gousse li ha allenati a Rivoli). Ora resterà da capire se i due si piazzeranno a Venaria.

 

NOLESE: RIZZUTO C'E'

 

Dopo una prima smentita c'è invece la conferma: l'ex Rivarolese Rizzuto farà parte della Nolese di Stefanetto 2017/2018. Un rinforzo in attacco.

 

PAVAROLO COME LA DENSO?

 

Dopo le dichiarazioni del ds Cipriani che abbiamo pubblicato in relazione al forte rischio di non iscrivere la squadra in Eccellenza negli ultimi giorni si sono fatti avanti in casa Pavarolo imprenditori locali. La società è cauta e sta valutando attentamente se, quanto e come potrebbero arrivare aiuti economici tali da salvare l'Eccellenza. Weekend forse decisivo.

 

ALPIGNANO: IDEA CELLAMARO

 

Secondo fonti certe l'Alpignano avrebbe fatto un sondaggio per il centrale del Pavarolo Danilo Cellamaro, uno degli artefici della vittoria del campionato del Brandizzo 2015/2016 in Promozione. Anche Savio Rocchetta e San Mauro avrebbero fatto sondaggi sul difensore.

 

PIANEZZA: CONFERMATO ANCHE ARIS ROGNETTA

 

Sarà un bel Pianezza: dopo l'ufficialità del nuovo attaccante Riccardo Mastrorosa dal Villarbasse (Lombardo ufficiale al San Maurizio), quella del centrocampista ex Collegno Mattia Piras, la riconferma di Gaetano Rognetta ('94) e di Alessandro Maniscalco ecco che mister Bonafede conferma: "Anche Aris Rognetta sarà con noi". Aris è il cugino di Gaetano, classe 1991, giocatore fondamentale per le dinamiche della squadra.

 

BOMBER SUL MERCATO: ROMA IN USCITA DAL FIANO PLUS

 

L'ex Olympic (gol da figurine Panini in finale playoffs) e Pozzomaina Fabrizio Roma è sul mercato. Nell'ultima stagione ha fatto parte del Fiano Plus che è risalito dai bassifondi di Seconda girone E al sesto posto.

L'attaccante: "Sto valutando proposte da Prima e Promozione. L'ultima stagione poteva andare meglio, sono stato anche infortunato. Ora mi sento in forma e sono pronto a dare il mio contributo".

Aris Rognetta: ancora Pianezza. Bomber Roma sul mercato
Aris Rognetta: ancora Pianezza. Bomber Roma sul mercato

ven

16

giu

2017

Mercato: Aloisi-Piscinese Riva, ecco l'ufficialità. Movimenti nell'astigiano

IL DS MURATORI: "ALOSI E' DELLA PISCINESE RIVA"

Savio Rocchetta, resta Rea. Attacco: Barison/Russo

Quartetto devastante a Piscina: Melle, Aloisi, Pupillo e Carrassi
Quartetto devastante a Piscina: Melle, Aloisi, Pupillo e Carrassi

16 giugno 2017

 

Notizione a Piscina (e in serata è arrivata la foto di alcuni nuovi acquisti): è ufficiale, essendo stato dichiarato dal ds Muratori, la chiusura della trattativa con Simone Aloisi, bomber da oltre 200 gol nel calcio piemonese. Aloisi lascia non senza difficoltà l'Union Susa, società-modello e ambiente ideale per fare calcio dove ha vinto il campionato a suon di record.

Spesso in passato abbiamo scritto di Aloisi, che ci risulta abbia sempre scelto le "piazze" e gli amici prima che i rimborsi-spese. E' successo per anni a Pianezza, dove hanno cercato di portarlo via in tutti i modi e dove solo le scelte di ridimensionare i budget del presidente Corrarati lo ha portato su altre strade: Susa. Lui stesso in prima persona si è tirato fuori da tante aste privilegiando lo star bene nei diversi ambienti calcistici, tanto più alla corte di un vero amico per lui come mister Musso (che prima o poi ritroverà in rosa, a Caselette o altrove). Questo è Aloisi, un talento silenzioso in un mercato che attorno a lui ha fatto sempre rumore.

 

Dopo la pubblicazione del nostro primo articolo esclusivo (questo, 3 giugno 2017) è successo un po' di tutto. L'Union è rimasto un po' spiazzato, mister Falco forse meno (richiedeva una presenza agli allenamenti che Aloisi non poteva più assicurare) e Aloisi ha continuato a ribadire come fosse fortemente "combattuto" nella scelta di cambiare squadra anche per motivi extra-calcio (diventerà papà). Il ds Galluzzo ha continuato a ribadire un concetto: "Aloisi è un giocatore importante".

 

Oggi le dichiarazioni sono le stesse, con qualche precisazione. Galluzzo: "Ci lascia una delle migliori pedine della squadra, faremo in modo di trovare soluzioni alternative. Per quanto mi riguarda si e' comportato male ed e' giusto che il mister l'abbia lasciato andare'".

Il ds Muratori: "Anche noi lo abbiamo aspettato, lo sottolineo perchè a qualcuno è parso come se gli avessimo messo pressione. Smentisco categoricamente. Anche in questi giorni abbiamo aspettato che Simone parlasse a tutte le figure più importanti dell'Union Susa, dal mister ai vari dirigenti. Oggi possiamo dire che è ufficialmente un giocatore della Piscinese Riva, deve solo firmare".

 

E poi parola ad Aloisi: "E' stato più difficile questo mese di mercato, tra telefono bollente, mezze polemiche e i saluti a Susa che tutta la stagione sportiva...A parte gli scherzi, lascio un ambiente eccezionale, una grande famiglia. Faccio un grosso in bocca al lupo al Susa e spero che anche loro siano contenti se farò bene a Piscina. Ho scelto di rimettermi in gioco, di seguire stimoli nuovi. Per quanto mi riguarda mi sono comportato bene con tutti. Con la Piscinese, che io stesso per valutare al meglio tutte le proposte ho fatto aspettare fino all'ultimo ovvero fino a questa settimana, con il Susa, col quale ho parlato anche prima dell'ipotesi Piscinese dei miei dubbi sul continuare in Eccellenza e con mister Falco, col quale mi sono aggiornato fino a queste ultime ore. Alla fine siamo arrivati alla stessa conclusione, lui non voleva tenermi per ragioni legate agli allenamenti pur facendomi mille complimenti per la stagione e io volevo cambiare squadra. Galluzzo? E' un amico, so che può esserci rimasto male del mio addio, ma quando sono andato via da Pianezza l'ho fatto soprattutto per lui. Ripeto, ritengo di essermi comportato nel migliore dei modi, anche con lui. Scegliere di andare via non toglie nulla all'Union. Tutti sanno come si sta bene lì, ma io per vari motivi ho voluto girare pagina. Quando ho scelto allo stesso modo a Pianezza alla fine non mi sono sbagliato. Per cui decido di rischiare ancora. Auguro il meglio a tutto il Susa, ho vissuto stupende emozioni assieme a tutti i fantastici compagni e andare via non è stata una scelta semplice. Sono però felice di aver scelto la Piscinese. Ho sentito anche altre squadre negli ultimi giorni e non è vero che avevo deciso da tempo di andare lì. Adesso staccherò un po' il telefono anche se non vedo l'ora che inizi la nuova stagione...Giocare con Magno e Melle? Sono curioso, credo potremo fare molto bene assieme".

 

Mercato: confermando Magno, Molinaro e Maiani, ingaggiando Melle dal Corneliano, Carrassi e Aloisi dal Susa, Pupillo dalla Cheraschese e Pavan dal Rivoli (squadrone), il lavoro di Muratori è decisamente a buon punto e ora si concentrerà sui '99. In uscita Marchetti, Martin e Sellam (Villafranca).

Luca Rea - A dx foto Sara Pagan
Luca Rea - A dx foto Sara Pagan

IVREA E SAVIO ROCCHETTA

 

Tanti movimenti ad Ivrea, con l'Ivrea Montalto vicinissimo a Sapone del Bollengo e l'Ivrea 1905 che si è assicurato bombr Varacalli dal Vigliano e Michele Mabritto, tra i migliori della stagione del Banchette assieme a Sterrantino e autore di 16 gol.

 

Il centrale Rea, tentato dall'Atletico Torino, conferma: "Resterò al Savio Rocchetta". Al "Sando" quasi certo l'addio di Manno verso La Sorgente, mentre su Modini si è fiondato il Canelli, che ripartirà da mister Moretti dopo le nubi dei giorni scorsi. In entrata al Savio Rocchetta potrebbero esserci Conti della Santostefanese e Cretazzo del Cavour, che però è martellato anche dal Settimo.

Tra i pali l'idea è quella di Brustolin in uscita dal Colline Alfieri, oppure di Tulino del Savigliano o di Ussia del Chisola. Al centro dell'attacco asta con la Pro Dronero per Barison, idea Russo della Valenzana. Mannai verso il Pinerolo di Di Leone, dove potrebbero arrivare anche Fiorillo del Cavour e Martin dalla Piscinese.

Novità anche a Santo Stefano Belbo, con Robiglio nuovo allenatore della Santostefanese. Adesso potrà decollare il mercato.

UFFICIALE: LOMBARDO AL SAN MAURIZIO CANAVESE

16 giugno 2017

 

Ultim'ora (ore 19): Emanuele Lombardo, puntero in uscita dal Pianezza, è un nuovo giocatore del San Maurizio Canavese di Di Muro in Promozione. Giorni di riflessioni e valutazioni per l'attaccante di Settimo che alla fine ha trovato l'accordo questo pomeriggio.

ven

16

giu

2017

Di Leone, cuore di Pinerolo: il ritorno da mister, la laurea sul calcio, un passato da cartotecnico

DI LEONE A PINEROLO: "CASA MIA, SI CHIUDE UN CERCHIO"

Oltre il pallone: la tesi sul calcio, il passato da cartotecnico

16 giugno 2017di Michele Rizzitano

 

Ha fatto commuovere tutti con le sue parole d'addio al Cavour dopo 7 anni. Ora Pino Di Leone, tra i tecnici più stimati del calcio piemontese, riparte ufficialmente dalla panchina del Pinerolo che nel 2018 festeggierà i 100 anni di storia. Ma in questa intervista siamo andati molte oltre la semplice conferma di un allenatore che va ad allenare la squadra del suo paese. Sono passati oltre 3200 giorni da quella notizia che ricordiamo ancora di aver battuto, quando Di Leone rilevò il ds Salvai nel settembre 2008 dopo le dimissioni di Lusignani.

 

Nato a Pinerolo, cresciuto a Pinerolo, Di Leone ha esordito nella stessa città in serie D da giocatore dopo tutta la trafila nel settore giovanile, dove ha poi vinto 9 campionati. E poi proprio nel 2008 ha esordito in prima squadra da mister. Oggi dice: "Sono a casa, in un mondo-Pinerolo che conosco praticamente a memoria. Torno sempre dove ho già allenato, significa che qualcosa di buono magari ho lasciato".

Ma andiamo a scoprire meglio chi è Di Leone: una curiosa laurea con tesi sul calcio (titolo: "Hasta la victoria siempre, ma pure nu pareggio è dignitoso", inno dei 99 Posse), da oltre 40 anni vive il mondo del pallone e da oltre 20 anni si occupa di minori come educatore professionale.

Questo è il suo mondo che seguiva già da ragazzo e che ha messo "...temporaneamente in secondo piano quando ho incontrato una persona. Mia moglie. Per fare qualche soldo in più accettai di fare il cartotecnico per alcuni anni in fabbrica, ma ci volle poco per capire che non era la mia strada e tornai presto a studiare per quella che oggi è la laurea in Scienze dell'Educazione. Adesso sono felice, navigo in mezzo ad orari faticosi e sono sempre impegnato, ma faccio qualcosa di bello anche per gli altri, oltre che per me stesso. Ho a che fare con gente che ha una dignità fortissima e tanto da insegnare a noi che magari ci lamentiamo per cose da nulla". Il sostegno a persone sfortunate (profughi sbarcati a Lampedusa, ragazze vittime di abusi, tossicodipendenti o persone in arrivo da guerre o giri di prostituzione), la vita e i valori dell'oratorio, il calcio amatoriale ("Ma quanto è bello vedere bambini posare il cellulare e giocare alla tedesca sotto casa...?"), la passione per la biblioteca e per i libri, gli eventi gratuiti per raccontare storie di sport al confine tra il ruolo di educatore e psicologo. Un mondo di incredibili e dure realtà, ma ricco di fascino e di storie da scoprire.

 

Di Leone, partiamo dal messaggio al Cavour? "Non mi aspettavo che le mie parole e il mio video diventassero virali. Una cosa però mi fa piacere, il fatto che il clamore spesso associato al segno meno, alle cose negative, alle notizie di odio o di polemica, in questo caso possa aver portato qualcosa di buono tramite un messaggio positivo scritto di pancia, senza neanche rileggerlo. E' raro che queste cose facciano notizia. Una mamma ha letto l'intervista su La Stampa e mi ha contattato, sottolineando che l'ha fatto nonostante non ami il calcio, da un'altra persona ho ricevuto una richiesta d'aiuto. E se le mie parole hanno portato un po' di fiducia nel calcio a tanta gente sono felice".

Addentriamoci nel ruolo da allenatore (il mister ha smesso di giocare a 27 anni preferendo le avventure in panchina) e nella la filosofia di Di Leone, che andava a giocare al Toro da piccolo prendendo il pullman da Pinerolo: "Ho un idolo che mi ha dato l'imprinting, Luigi Fantinuovi, mio allenatore in quegli anni. Ci diceva sempre di sfoggiare meno la tuta della società e di portare di più la borsa, faticando. Ci faceva fare la telecronaca dei rigori. Ha sempre lavorato per il gruppo, per le piccole cose, per la costruzione emozionale e tecnica di un giocatore piuttosto che per il risultato finale e basta. Sono valori che porto ancora dentro, indipendentemente se alleni in Eccellenza, in Promozione, i rom, i disabili o se dai consigli ai bambini che giocano all'oratorio. Oggi la figura dell'allenatore è molto sottovalutata. Per qualcuno non fa nulla o cura i particolari, ma non è assolutamente così. Gli allenatori vincenti? Dico sempre che il vero vincitore è quello che lascia un'impronta. Quando vinci e alzi un titolo, ma non hai creato un gruppo o non hai inculcato nessun valore, che vittoria è? E soprattutto, basta con questa moda che chi vince nel calcio può parlare di tutto, di politica, di economia...Troppo fumo e niente arrosto in questo mondo, troppa apparenza. I miei migliori colleghi sono persone silenziose, che non amano apparire. Un nome? Davide Gousse attuale mister della Rivarolese. Lui è come me, quando dai il massimo e sei a posto con te stesso va bene comunque, anche se fai fatica a trovare squadra perchè non fai parte di una categoria precisa di allenatori, anche se non hai mercato o se altri si vendono meglio".

La laurea e le prime ispirazioni: "Secondo me lo sport è davvero un veicolo educativo e così ci ho fatto su la tesi. Sono andato all'Atalanta, al Milan e all'Inter per vedere come crescono i bambini in quelle società che hanno diversi educatori e psicologi inseriti nello staff 24 ore su 24. Mi interessavano queste dinamiche. Per esempio ho visto alcuni ragazzi mangiare nelle pause pranzo al fianco di idraulici e muratori. Le società volevano che questo avvenisse per fare capire ai loro stessi giocatori di continuare a sognare di fare i calciatori rimanendo coi piedi per terra, parlando con chi fatica tutto il giorno nella vita sicuramente che fanno milioni di persone, magari non proprio i fortunati del calcio".

 

Un' "idea sociale" alla base del modo di allenare di Di Leone: "Sono per il divertimento, per la gioia e le cose utili al prossimo. Qualcosa dobbiamo sempre lasciare agli altri, se vinciamo o perdiamo. Poi sono anche un allenatore che si arrabbia, ma fa parte del gioco. Quando sento che sul 15-0 i ragazzini del Toro o della Juve neanche esultano per un gol penso come mi è stato raccontato giorni fa a quelle società che invece scoppiano di gioia per quell'unico gol segnato proprio alle squadre più forti, nonostante le goleade subite. Il vero calcio è questo, così come quello che ha preso piede in Islanda. Lì per anni hanno costruito sintetici senza neanche pensare che si sarebbero ritrovati una Nazionale forte agli Europei, ma pensando solo a togliere i ragazzi dalle strade e farli smettere di bere".

 

Il Pinerolo: "Sono a casa, è vero, ma stavolta si riparte da zero. La squadra sarà totalmente nuova e quasi nessuno della stagione in serie D resterà nella mia rosa. La cosa più bella? Ritrovare nello staff dirigenziale Salvai, Pretato, Campra...tutti e quattro facemmo l'esordio in D nello stesso anno. Adesso c'è tanto da fare, ma non vedo l'ora e ho tanto entusiasmo".

ven

16

giu

2017

Un mucchio di gol per l'Esperanza: Atzori (accordo trovato) e ...Saracino?

ESPERANZA: OK PER ATZORI, ARRIVA SARACINO?

Una coppia dai gol pesanti pronta a formarsi

16 giugno 2017

 

L'Esperanza alla ricerca di gol pesanti per un'altra stagione da protagonista dopo il piazzamento playoffs in Prima girone D 2016/2017.

Ieri sera è arrivato l'ok definitivo per il trasferimento dell'ex Atletico Chivasso e River Mosso Eugenio Atzori, bomber da 60 gol in 3 anni anche se non è proprio una prima punta. Questa, infatti, potrebbe essere Gabriele Saracino in uscita da San Mauro: a breve un incontro tra società e giocatore reduce da 19 reti nello stesso girone di Atzori.

 

Altri accordi: all'Esperanza ecco il '97 Cascone da Leinì e il portiere Bollero dal San Giorgio.

ven

16

giu

2017

L'assurdità: l'Union Susa costretto a lasciare Susa. Il pres Casciello: "Senza alternative"

DOMANI DIRITTO DI REPLICA: parola a Fontana, assessore allo sport di Susa

SUSA E L'UNION, SEPARATI IN CASA: MIGRAZIONE

Casciello: "C'è amarezza. Zero dialogo con l'amministrazione"

16 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

Dai salti di gioia sul campo di Mazzone davanti alla squadra in festa per l'Eccellenza ai salti...geografici estivi: ecco l'attualità dell'Union Susa, che al 99% perderà "Susa" nella sua prossima denominazione e che si trasferirà come quartier generale tra Bussoleno, Bruzolo e Chianocco per dare vita a nuove forme del consorzio.

 

Cosa è successo: l'Union Susa rimprovera il Comune di non aver creato un tavolo di trattative e di aver fatto di tutto per impedire al club di continuare a fare calcio in città nonostante Susa, grazie a leggendari numeri della prima squadra (record di punti in Promozione dal 2001, superate oltre mille squadre), abbia ricevuto le attenzioni di tutto il Piemonte calcistico nell'ultima stagione. L'Amministrazione, a sua volta, avrebbe voluto un impegno più attivo in città per quanto riguarda le giovanili e la Scuola Calcio. Ma tutto ciò ha un costo e senza aiuti (e con poco dialogo) trovare un punto d'incontro è dura...

 

Il presidente Vincenzo Casciello: "Sì, spostare più squadre delle giovanili a Susa per noi ha un costo e un mese fa ci siamo ritrovati con 15mila euro di spese in più in prospettiva per affrontare l'Eccellenza tra rimborsi, trasferte, pullman, pranzi fuori...Personalmente ho vissuto senza bere 15 giorni da vero ubriaco di felicità. L'Eccellenza qui non è un peso, ma un incredibile gioia e soddisfazione che avremmo voluto continuare a vivere a Susa. Penso che nessuno dei nostri dirigenti possa brindare ad una stagione più incredibile di quella appena chiusa, perchè abbiamo fatto la storia. Un'annata irripetibile, record su record, il titolo, l'imbattibilità interna dal novembre 2015...Ma oggi dobbiamo anche fare due conti...".

L'inizio della storia: "Tutto è partito nel marzo del 2016 quando l'Amministrazione ci ha chiesto maggiore attività in città in relazione alla Scuola Calcio, spostata in altre cittadine. In cambio la proposta era quella di un piccolo contributo e della gestione di un campo di calcetto. Niente di tutto ciò è accaduto e siamo andati avanti facendo il minimo indispensabile per non sforare con i nostri costi. A Susa sono rimaste Juniores e Prima Squadra. E questo perchè non c'è stato dialogo, non è stato fatto nulla per darci una mano a fronte di spese per le utenze altissime. Un esempio? 400 euro di bolletta per la luce, quota fissa minima al mese anche senza toccare l'interruttore. A questo punto una società cosa fa per sopravvivere? Taglia dove può...Abbiamo visto l'Amministrazione in passerella soltanto all'ultima giornata, dove ci sono state strette di mano per tutti. Noi abbiamo detto chiaramente "vogliamo stare qua, ma non ce la facciamo...". Ebbene, non siamo mai stati più contattati per parlare e con sorpresa dopo aver ricevuto i complimenti allo "Sportiamo" pochissimi giorni dopo prendiamo atto che è già pronta una nuova società a Susa, l'Unione Sportiva. E quindi...ci si fa carico di un nuovo progetto ma non si riesce a confrontarsi per portarne avanti uno già ampiamente avviato? Ci sembra strano".

 

Ancora Casciello: "Riteniamo di aver fatto tanto per Susa e per riportare in città tanti giocatori di Almese, Avigliana, Bussoleno...E' vero, come dice qualcuno la maggior parte di noi non abita a Susa ma nei comuni limitrofi. Ma questo cosa c'entra? Se si voleva dare più fiducia per un nuovo progetto bastava dirlo, così siamo stati praticamente accompagnati alla porta e il bello è che su qualche giornale siamo passati noi per quelli che se ne stanno andando. Cosa dovevamo fare? Io non sono mica contento, c'è amarezza e dispiacere per questo trasferimento. Abbiamo chiesto aiuto, le risposte sono state zero. Anche il compenso del Comune per la manodopera e manutenzione sul campo, dove avevamo un rapporto solo con l'ente che gestiva direttamente la convenzione, dal 2001 non è mai cambiato. I tempi invece sì, sono cambiati...". E per rendersene conto basta sfogliare l'home page tra mancate iscrizioni e fallimenti: i biancorossi ce la faranno a dare continuità al calcio, ma facendo le valigie...

ven

16

giu

2017

Ufficiale: Marco Persiano nuovo bomber dell'Atletico Torino. Al 99% anche Arione del Colline

ATLETICO TORINO: PRESO MARCO PERSIANO

Al 99% anche Arione. Sorpresa: avvistato Preziosi del Collegno

16 giugno 2017

 

Gran colpo per l'attacco dell'Atletico Torino di Piazzoli: ecco l'ex Lascaris, Mathi e Colline Alfieri Marco "Van Persi" Persiano, cognome che da anni fa rima con il gol. La trattativa è stata lineare: un primo contatto, un secondo, una serie di conferme sull'asse Colline-Atletico (al 99% arriverà anche Samuele Arione, già presi Lumello e Marino) e la fumata bianca stamattina con la foto di rito.

Persiano: "Mi hanno convinto subito. Ci sono tutte le premesse per far bene. Ci sono importanti nuovi innesti assieme ai quali ho giocato l'anno scorso, un mister carismatico e anche riconferme della squadra che ha vinto la Promozione. Ho sentito entusiasmo, sono contento della mia scelta".

 

La sorpresa è l'avvistamento in società di Salvatore Preziosi, altro superbomber del Collegno e capocannoniere: è stato contattato da molti club tra cui Lascaris, Bsr Grugliasco e Gassino e ma potrebbe diventare un ottimo rinforzo per l'Eccellenza. A breve si saprà se il genio della trequarti Curto (proposte in serie D?) e la punta Gambardella resteranno all'Atletico. L'esterno e seconda punta Sansone, protagonista di un girone di ritorno devastante dopo mezza stagione al Settimo, sicuramente sì.

Daniele Marino, centrocampista dal Colline: anche lui ufficiale all'Atletico
Daniele Marino, centrocampista dal Colline: anche lui ufficiale all'Atletico

ven

16

giu

2017

Trofarello, due notizie: Marco Grosso ex Pralormo allenatore, Enrico Mogliotti dg

TROFARELLO: NUOVO CORSO E NUOVO MISTER

Grosso in panca, Mogliotti dirigente

16 giugno 2017

 

Confermato il passaggio di proprietà dal presidente Brodella alla nuova cordata con l'ingresso di Gianni Mannori nel Trofarello ecco ora i primi tasselli sul campo e dietro le scrivanie: Enrico Mogliotti, artefice del miracolo-salvezza, ci ha confermato che passerà a ricoprire le nuove vesti di direttore generale del "Trofa" mentre il nuovo allenatore sarà Marco Grosso, ex Pralormo.

ven

16

giu

2017

Corneliano Roero: D'Alessandro, Rignanese, riconferme in corso. E non finisce qui...

CORNELIANO, TERZO ESTRATTO: RIGNANESE

Dopo Corradino e D'Alessandro colpo a centrocampo

16 giugno 2017

 

In Eccellenza B (cuneese/alessandrino/torinese) c'è una squadra che si sta impossessando del mercato in attesa che la Denso risponda per le rime, cosa che ci aspettiamo dopo il colpo-Favale: è il Corneliano Roero di Salvatore Telesca.

 

L'ex Pavarolo Fabio D'Alessandro per l'attacco, la garanzia-Corradino tra i pali, l'eterno Anderson riconfermato al centro della difesa, ieri per il cerchio centrale ecco Giacinto Rignanese (3 anni a Pinerolo, esperienze ovunque tra Pro Vercelli, Rivarolese, Saint Christophe, Pro Settimo & Eureka, Cheraschese, Valenzana).

 

Mister Telesca: "Stiamo lavorando bene, sono previste altre novità. Garrone, Chiatellino, Toscano, Capuano? Stiamo parlando con tutti loro nell'ottica di trovare una soluzione per la riconferma". E se l'esterno ex Pavarolo Scavone potrebbe tornare ad affiancare D'Alessandro (Corneliano in vantaggio sul Susa, prossima settimana decisiva) pare che il prossimo nuovo colpo sarà ancora a centrocampo...

ven

16

giu

2017

Prende forma il nuovo Gassino. Mister Berta: "Delfino, Di Fiore, Marocco e a breve...."

PROMOZIONE: GASSINO INTRAPRENDENTE

Quattro colpi e tante trattative per Berta-Dell'Aquila

16 giugno 2017

 

Un chiodo fisso: ripartire in Promozione senza ritrovarsi in apnea lottando in zona playout come avvenuto nella scorsa stagione.

Il nuovo Gassino di mister Roberto Berta è molto intraprendente e sono davvero molto le trattative intavolate dal ds Dell'Aquila e da mister Berta.

 

Il punto: ad oggi i nuovi acquisti ufficiali in attesa della firma sono l'esterno Alessandro Di Fiore (difensore-bomber, 8 reti col San Mauro), il centrocampista Delfino del Mathi, il centrocampista del Lascaris Secchieri e il centrale Alessio Marocco, ex Pavarolo e San Mauro.

Tra i confermati ecco il portiere Steni, Perazzolo, Giorgio, Zucco, Saraceno e i giovani talenti del Gassino come Canepa, Romeo, Cravero, Giovannelli e Gazzera. In uscita il duo Capitao-Apezteguia con i due giocatori che probabilmente si accaseranno nella stessa società (Lucento tra le favorite) e poi anche Romeo, Giovannelli, Cagliostro e il giovane Da Pozzo.

 

Ad oggi manca ancora un uomo-gol da affiancare a Saraceno, che sia prima punta o trequartista, e nella prossima settimana si saprà quale giocatore verrà scelto: accostati al club Giuseppe Napoli del Volpiano, Greco Ferlisi del San Mauro, Gabriele Saracino del San Mauro (già immaginiamo un titolo da capogiro "Saraceno-Saracino"), Antony D'Agostino del River Mosso (più vicino al Bollengo, decisamente meno alla Nolese).

Berta: "Stiamo parlando con questi giocatori e con altri. La prossima settimana ci saranno altre novità".

gio

15

giu

2017

Gioia Denso! Il ds Macchi conferma: 'Ci iscriveremo all'Eccellenza'. Primo colpo? Favale!

DENSO, UFFICIALE: OK PER L'ECCELLENZA!

Il ds Macchi conferma Favale e passa ai ringraziamenti

15 giugno 2017

 

E' ufficiale! Dopo tante notizie riguardanti la fine di alcuni importanti percorsi calcistici ecco una gran bella conferma: l'avventura della Denso continua!

Avevamo lasciato un 1% di possibilita' sul fatto che la Denso potesse ancora sperare nell'iscrizione: serviva un 'via libera' burocratico aziendale, inizialmente molto difficile da ipotizzare. E invece...

 

Il ds Macchi: 'Invece ci iscriveremo. Non posso descrivere la mia gioia, abbiamo temuto il peggio e che tutto potesse finire. Il calcio in azienda e da parte di tutti i tesserati qui e' stato sempre vissuto con enorme entusiasmo. Si e' creata una famiglia cosi' unita che nessuno dei ragazzi si e' mai sognato in queste settimane di dirmi 'direttore, io non voglio aspettare, vado via...'. E' questa la nostra vittoria al di la' del titolo. Sono contentissimo e posso confermare che il blocco di Promozione e' totalmente  riconfermato. Ripartiremo dal nostro splendido gruppo e...si', c'e' una novita'. Tornerà con noi Alberto Favale dal Saluzzo'.

Aggiunge Macchi: "Un ringraziamento speciale anche a Castrovilli, Mainardi e Bosticco che non abbiamo riconfermato. Hanno fatto parte della nostra cavalcata vincente. Ci tengo poi a salutare con particolare affetto Luciano Benedetto, uomo spogliatoio e ottimo giocatore che non continuerà con la Denso per motivi familiari in quanto da poco è diventato papà del piccolo Cosimo".

gio

15

giu

2017

Ufficiale: Casamassima da Viale al Pancalieri Castagnole: "Sempre legato ai compagni del Chisola"

CASAMASSIMA PER LA DIFESA DEL PANCALIERI

Il centrale: 'Al Chisola lascio compagni di squadra stupendi'

15 giugno 2017

 

Ufficiale: il difensore centrale Piero Casamassima si trasferisce dal Chisola al Pancalieri Castagnole. Uno dei 'totem' della squadra, capitano e tra i leader dello spogliatoio che ha conquistato la Coppa Promozione, ha deciso quindi di seguire mister Viale e di portare esperienza in granata assieme all'ex San Mauro Schinco.


Casamassima: 'Vado via dal Chisola da capitano vincente. Lascio dei compagni di squadra ai quali sarò per sempre legato. Si era creato un gruppo fantastico. Sono contento della scelta del Pancalieri Castagnole perchè ritrovo degli amici e un allenatore che stimo molto come Viale. Credo che potremo toglierci parecchie soddisfazioni'.

gio

15

giu

2017

Colpo Infernotto: presi bomber Kankam dal Barracuda e il portiere Chisari dal Villar

INFERNOTTO: ECCO KANKAM E CHISARI

15 giugno 2017


Ultim'ora: colpo in attacco per l'Infernotto di Triberti neopromosso in Promozione. Il dg Mauro Gaveglio conferma la chiusura della trattativa per Kevin Kankam, bomber del Barracuda e capocannoniere di Prima girone E. In porta invece ufficiale anche Alessandro Chisari dal Villar Perosa, ex Alpignano. Due movimenti importanti di mercato per la società che ha riconfermato totalmente il blocco della scorsa stagione e che ha registrato un'unica partenza, quella della punta Ligregni passato al Villar Perosa.

gio

15

giu

2017

Ufficiale: Daisuke Yano nuovo allenatore del Lascaris. Profilo altissimo in via Claviere

AGGIORNAMENTO MERCATO - ISCRIZIONI

Ufficiale: De Vincenzo nuovo allenatore del Cavour

15 giugno 2017

 

QUI PAVAROLO - Eccellenza: iscrizione a rischio, tutto confermato

 

L'esclusiva di ieri ha trovato riscontro nei riferimenti ufficiali del club. Dopo Savigliano e Cavaglià ecco all'orizzonte il terzo buco in Eccellenza per mancate iscrizioni. Il ds Franco Cipriani: "Purtroppo è vero, abbiamo liberato tutti i nostri giocatori di Eccellenza dicendo loro di trovarsi una nuova destinazione. Le abbiamo provate tutte col presidente Tiddia, ma certi costi di gestione rimarrebbero sempre troppo alti. Abbiamo parlato di fusioni, di sinergie e affiliazioni ma per ora non abbiamo trovato la quadra. L'Eccellenza è fortemente a rischio, quasi certamente non si farà. Ad oggi non saprei dire che categoria farà il Pavarolo, se Promozione o Prima".

QUI LASCARIS - Promozione: ufficiale Daisuke Yano

 

Adesso sì. E' ufficiale. Il Lascaris del presidente Vincenzo Gaeta si è guardato bene, in modo molto professionale, sul fatto di annunciare fino a ieri un allenatore ancora "non abilitato" come Yano Daisuke. Lo è da ieri (in Italia, visto che all'estero ha anche un passato nel Giappone in Nazionale), perchè è uscita la lista degli allenatori che hanno superato il corso sul sito Aiac.

In realtà Yano (persona molto nota in Giappone in ambito calcistico) ha un curriculum tra i più importanti dell'intera regione Piemonte, perchè non c'è un allenatore dall'Eccellenza in giù che possa vantare una collaborazione con il tecnico di una Nazionale come Alberto Zaccheroni.

Nato nel  luglio 1980 a Tokio in Giappone, ha curiosamente ottenuto il diploma di scuola media nel 1997 a Chieri tra la licenza media e quella di maturità (scientifico) raggiunta in Giappone.

 

Tra le sue esperienze lavorative è stato Responsabile Juventus Soccer School in Giappone, collaboratore ed interprete in supporto allo staff di Alberto Zaccheroni durante i 4 anni di guida dell'italiano alla Nazionale giapponese (2010-2014), collaboratore e interprete per il Torino Fc durante la permanenza del calciatore Oguro (2006-2008) e poi anche direttore tecnico Juventus Soccer School in Giappone, collaboratore tecnico della prima squadra del Bsr Grugliasco dal 2015, commentatore tecnico per la serie A italiana per Fox Sports Japan e autore di due libri sul calcio per il mercato giapponese (90.000 copie vendute). Infine, anche calciatore dilettante a Chieri, Pecetto e Cambiano.

Un profilo altissimo per il Lascaris. Yano è appena partito per il Giappone dove rimarrà fino ad agosto e la sua guida tecnica sarà affiancata dall'esperienza del direttore generale Marco Faghino, allenatore artefice del miracolo-Eccellenza a Grugliasco nel 2013 con un passato nel settore giovanile della Reggina.

Daisuke Yano al fianco di Zaccheroni
Daisuke Yano al fianco di Zaccheroni

QUI ACCADEMIA BORGOMANERO - Promozione: colpaccio Rocky Poi!

 

A Borgomanero ecco Riccardo Poi, classe 1984, attaccante reduce da 30 gol nell'Eccellenza 2016/2017 che ha superato quota 200 reti tra calcio piemontese e lombardo. Il giocatore arriva da tre stagioni alla Juve Domo. Nella sua carriera ha già vestito in più riprese la maglia del Borgomanero. L'esordio nella stagione 2001/2002 in serie D. Successivamente sei mesi allInter per poi ritornare a Borgomanero. Quindi Sesto Calende, Robbio, Solbiate, due stagioni in Eccellenza con il Gavirate ed altrettante con il Varallo Pombia; poi il ritorno in serie D per tre stagioni con il Gozzano; quindi Lecco, Asti, Suno e l´Arrivo alla Juventus Domo. Poi ritorno a Borgomanero dopo aver chiuso la scorsa stagione da capocannoniere. Le prime dichiarazioni del calciatore:
"Da borgomanerese sono molto contento di ritornare a giocare per questa maglia, il mio primo esordio l´ho fatto quindi per me risulta essere una piazza particolare. Mi fa piacere ritornare in una stagione particolare visto che ritornerà ad esserci una sola società calcistica. Ringrazio Gino Turconi, Piero Paracchini, mister Roberto Bonan e tutta la società che mi ha voluto fortemente e farò di tutto, insieme a tutti gli altri miei compagni, per riportare Borgomanero nelle categorie che maggiormente si adattano alla squadra".
Arriva anche un baby: Davide Giovagnoli, classe 1997, ruolo centrocampista. Il giocatore arriva da due stagioni con il Borgomanero Calcio in Eccellenza e Serie D. Giovagnoli: "Sono veramente molto contento di essere qui e giocare per la squadra della mia città. Vedo che la società si sta muovendo in modo importante sul mercato e questo non può che farmi sia piacere perché andrò a far parte di un gruppo importante, allo stesso tempo mi stimola per dare il massimo e mettermi a disposizione della squadra".
Poi e Giovagnoli
Poi e Giovagnoli
Gurlino
Gurlino
QUI SAN MAURO - Promozione: Gurlino in porta
E' ufficiale: il ds Gallo ha trovato l'accordo con Stefano Gurlino, portiere ex Venaria ed Atletico Torino. Ieri l'incontro decisivo che permetterà a mister Ligato di contare su di lui.

Sul mercato l'ambizioso San Mauro lavora anche per Talamo del Vanchiglia e per assicurarsi Spoto, attaccante, e il '98 Liguori dell'Alpignano.

Barison
Barison

QUI BARISON (Chisola): Savio Rocchetta e Pro Dronero in pole

 

Fonti attendibili assicurano che per il bomber in uscita dal Chisola, autore di oltre 250 gol nel calcio piemontese e match winner col suo rigore della finale di Coppa Promozione col Lucento, si siano fiondati due club su tutti: il Savio Rocchetta di Raimondi e la Pro Dronero di Dessena. Chi la spunterà?

Di Gianni
Di Gianni

QUI ROSTA - Seconda: sul mercato il ds Di Gianni, dimissionario

 

Ieri dimissioni ufficiali per il direttore sportivo di prima squadra e giovanili Vincenzo Di Gianni, ex allenatore del Città di Rivoli e dello Sporting Cenisia e figura di riferimento in ambito sportivo anche perchè membro della Commissione Tesseramenti Aiac Torino.

Di Gianni: "Ringrazio il Rosta, è stata una bella avventura. Per il futuro ci sono idee e ambizioni differenti, per cui le strade si separano serenamente".

A breve approfondimenti sul nuovo assetto societario del club di Mirisola, che ripartirà dalla Seconda Categoria ma che potrebbe fare domanda di ripescaggio in Prima.

Rega
Rega

QUI AYGREVILLE - Eccellenza: Rega tra gli "intoccabili"

 

Dalla Valle d'Aosta una conferma importante per quanto riguarda il reparto difensivo di mister Rizzo, il migliore del girone A 2016/2017: non si muoverà da Villeneuve Domenico Rega, granitico centrale.

L'ex Paganese, Entella, Rapallo e Valle d'Aosta: "Felicissimo di ripartire dall'Aygreville. Siamo reduci da una grande stagione, l'obiettivo sarà quello di fare ancora meglio".

QUI SAN MAURIZIO CANAVESE - Promozione: idea Lombardo

 

Per il bomber Emanuele Lombardo in uscita dal Pianezza sondaggio del San Maurizio di Di Muro, che pare stia seriamente pensando ad un futuro in Eccellenza visti i tanti buchi lasciati vuoti da Savigliano, Pavarolo e Cavaglià (la Denso probabilmente ce la farà). Lombardo è stato accostato nelle ultime ore anche al River Mosso.

 

QUI ATLETICO TORINO - Eccellenza: Bonomo, niente accordo. Resta sul mercato
Dinaro dal Settimo in porta, Marino dal Colline per il centrocampo, tentativo per Marco Persiano sempre dal Colline per l'attacco, al 99% Lumello per il centro della difesa. A centrocampo, invece, una trattativa che salta: niente accordo con Luca Bonomo del San Mauro, che resta quindi sul mercato.

QUI OMEGNA - Promozione: ecco Elca e Pastorelli
Altra pedina in uscita dalla Juventus Domo che si accasa: è la punta Alessandro Elca. Le sue parole: "Un ringraziamento alla Juve Domo, ai tifosi Ossola Kaos e ai compagni. Il mio cuore sarà sempre per metà granata. Inizia una nuova avventura".
Preso anche il classe '96 Morris Pastorelli, ex Stresa e Sporting Bellinzago.

QUI BOLLENGO - Promozione: Moretto rinforzo in difesa
In attesa della punta (Atzori dal River Mosso? D'Agostino dalla Rivarolese?) ecco un importante tassello per la squadra di De Paola, che potrebbe perdere Beltrame in attacco. E' Rocco Moretto, centrale ex Pont Donnaz di grande esperienza.

QUI RIVOLI - Eccellenza
Nelle ultime ore voci di mercato hanno accostato il difensore Matteo Fontana della Cheraschese al Rivoli. Al momento non ci sono conferme da parte del ds Azzolina.

QUI CHISOLA (Russo?) E LUCENTO (Cestone?)
Un nome nuovo per il Lucento: mister Goria starebbe pensando al gioiellino del Rosta Emanuele Cestone, che aveva fatto molto bene in Promozione due anni fa col Brandizzo per poi ripetersi in Prima coi biancorossi nonostante la retrocessione. Cestone è però di proprietà del Collegno Paradiso che avrà l'ultima parola sul trasferimento.
Al Chisola il mercato è pronto a decollare con una rivoluzione: ieri, infatti, tutti i "big" della scorsa stagione sono stati ufficialmente liberati da Barison a Casamassima, da Bortolas a Bettega, da Beltramo ad Ussia. Potrebbe invece rimanere il baby talento Deasti, richiestissimo sul mercato. Avvistato in sede il difensore Luca Russo dell'Alpignano.

QUI CARMAGNOLA - Promozione
Rivoluzione. Partenze certe per i senatori Basiglio, Citeroni, Capobianco, Gaido e Musso ma i ben informati assicurano che anche Gianchiglio Vailatti, vero totem delle ultime stagioni, capitano e specialista delle punizioni, possa lasciare il Carma di Milani. Bortolas del Chisola potrebbe essere tra i primi innesti, ma "...non è il solo con cui stiamo parlando", ci dice Milani.

 

QUI CAVOUR - Promozione
Ieri sera (mercoledì) è arrivata l'ufficialità: l'ex allenatore del Mirafiori Aldo De Vincenzo guiderà in panchina il Cavour in promozione.

QUI PIANEZZA - Prima
Ufficiale e confermato: l'attaccante ex Villarbasse Riccardo Mastrorosa e il centrocampista ex Collegno Paradiso Mattia Piras sono nuovi giocatori del Pianezza di Bonafede.

mer

14

giu

2017

Clamoroso, anche il Pavarolo potrebbe non fare l'Eccellenza

PAVAROLO, NIENTE ECCELLENZA?

14 giugno 2017

 

Ultim'ora (ore 17): una fonte certa all'interno del Pavarolo ci ha appena assicurato che il club al 99% farà la fine del Cavaglià e del Savigliano e non si iscriverà in Eccellenza.

Arrivano anche le prime conferme da parte di alcuni giocatori: "Siamo stati liberati tutti. A breve la società potrebbe ufficializzare la rinuncia all'Eccellenza". 

A breve dichiarazioni ufficiali.

mer

14

giu

2017

Cavaglia', niente Eccellenza. Denso, speranze sempre piu' concrete

CAVAGLIA', NIENTE ECCELLENZA

14 giugno 2017


Notizia importante da Cavaglia' che riguarda le societa' di Eccellenza e quelle di Promozione che chiederanno il ripescaggio: la societa' biellese non si iscrivera' al campionato. A confermarlo il presidente Cuda: 'Non potro' portare avanti questa splendida avventura'. A meno di clamorosi ingressi da parte di imprenditori locali il Cavaglia' lascera' un buco in Eccellenza.

Sempre meno a rischio invece l'iscrizione della Denso, visto che molti giocatori coi quali siamo in contatto confermano come il club stia portando avanti le proprie idee sul mercato. Aspettiamo pero' l'ufficialita'!

mer

14

giu

2017

Ufficiale: bomber Francesco Sterrantino al Quincitava di Vallomy. L'ex Pont insegue i 150 gol

STERRANTINO-QUINCITAVA: E' FATTA

14 giugno 2017

 

E' ufficiale: Francesco Sterrantino, bomber ex Ivrea Banchette, Pont Donnaz e Charvensod, è un nuovo giocatore del Quincitava. Farà parte della rosa di Vallomy per la stagione 2017/2018 in Promozione.

Sterrantino, attaccante calabro di Aosta accostato anche all'Aygreville, alla Rivarolese e al Bollengo in questa sessione di mercato estiva, ha scelto il "Quinci" portando a termine un corteggiamento della società che arriva da lontano: "Sono molto felice della mia decisione. Cercherò di dare un grosso contributo alla squadra e di raggiungere anche un importante traguardo a livello personale, quello dei 150 gol. Me ne mancano dieci...". E con Davide Donato formeranno una gran bella coppia, che tutte le rivali del girone dovranno temere.

 

Sterrantino, 18 gol quest'anno al 3° posto nella classifica cannonieri, è un vero appassionato di pallone e come per centinaia di giocatori il calcio, le notizie di mercato e le statistiche fanno parte della sua quotidianità incastrandosi col lavoro. Una cosa è certa, "Sterra" mette sempre tanto cuore sul campo nelle società in cui milita. 

Il bomber: "In Valle d'Aosta il mercato è sempre un po' chiuso e la geografia di certo non aiuta. Quando si chiude la stagione si inizia a parlare sempre con le stesse squadre anche perchè è difficile che ti chiamino da Torino. Sono soltanto le dinamiche, i momenti e i budget dei club a cambiare. Amo talmente tanto questo sport che non mi importa dei chilometri. Li ho fatti tutto l'anno per Ivrea, li rifarò volentieri per scendere a Quincinetto e continuare a giocare con passione". E lì ritroverà anche l'ex compagno di squadra Menegazzi, che gli ha disegnato tanti assist nel Pont due anni fa...

mer

14

giu

2017

Lascaris, rivoluzione sintetico. Il presidente Gaeta: "Un percorso di crescita importante"

SINTETICO AL LASCARIS: INIZIA UNA NUOVA ERA

Il pres Gaeta: "Lavoriamo in silenzio con idee chiare"

14 giugno 2017

 

Rivoluzione in via Claviere: ruspe in azione. Arriva il sintetico. I lavori in casa Lascaris sono partiti l'8 giugno e termineranno il 14 agosto "...alla faccia di chi non credeva che questo sarebbe stato possibile", dicono alcuni addetti ai lavori bianconeri dribblando la diffidenza che inizialmente si era creata attorno al nuovo corso societario nel post-Trabucco.

 

Invece...idee chiarissime. Il sintetico sarà solo uno dei mattoncini utili ad un nuovo grande percorso di crescita che riguarderà tutti gli aspetti del club: la gestione societaria (cariche ben definite, profili importanti in tutti i settori), la vetrina della prima squadra (è tutto pronto per l'annuncio di Daisuke Yano, curriculum tra i più alti di tutto il mondo dilettantistico piemontese, sarà il primo giapponese ad allenare in regione con esperienze importanti anche nella Nazionale del Giappone come vice-Zaccheroni) e soprattutto il settore giovanile.

 

Su questo parola al presidente Vincenzo Gaeta: "Lo avevamo detto, abbiamo investito con scelte rischiose ma sicuramente importanti e stimolanti. Vogliamo riconsegnare al Lascaris il giusto smalto lavorando in modo professionale senza per forza essere professionisti. I bambini e i ragazzi del settore giovanile avranno un nuovo sintetico a disposizione. La loro crescita per noi è fondamentale e vogliamo che la società li accompagni in questo dal punto di vista umano e calcistico, mettendo a disposizione strutture rinnovate e allenatori di prima fascia. L'idea che si possa venire facilmente a Pianezza a fare la spesa portando via giocatori che non hanno più voglia di rimanere non è ammissibile. Tutti conoscono il prestigio della società, del suo settore giovanile e della Scuola Calcio, che contribuiremo a migliorare così che tutti possano essere fieri di giocare qui. Per fare questo stiamo lavorando sull'organizzazione interna senza fare grande rumore all'esterno, in silenzio e con una programmazione importante. Bambini e genitori avranno punti di riferimento in tutti gli ambiti, persone di grande esperienza. Il presidente farà il presidente, così come il vice Marina Truccero. Tutti al proprio posto. Il direttore generale Faghino farà da supervisore, i responsabili dei settori giovanili e scuola calcio come Gianni Tunno, Carlo Pesce, Giovanni Iacobellis e Francesco Gallo avranno compiti precisi e definiti".

L'habitat naturale della prima squadra? "Sicuramente l'Eccellenza. E' la categoria consona al passato e alla storia della società, il palcoscenico giusto per valorizzare i nostri giovani. Faremo in modo di riconquistarla al più presto".

mer

14

giu

2017

Mister e panchine. Senatore: il Lucento, il Mirafiori, il futuro. De Vincenzo: Cavour?

SENATORE E LA PROSSIMA PANCHINA: "GIORNI DI RIFLESSIONI"

De Vincenzo prima scelta del Cavour

De Vincenzo vicino al Cavour
De Vincenzo vicino al Cavour

14 giugno 2017

 

Un contatto col Mirafiori c'è sicuramente stato e lo ha ammesso lui stesso. Oggi parola a Raffaele Senatore, allenatore con un grande curriculum nei settori giovanili (di fatti lo ha contattato anche il San Mauro, accostamenti anche al Chieri) e con ottima esperienza nelle prime squadre dove è reduce da due secondi posti col Lucento.


Senatore e il futuro: "Sto valutando attentamente e senza fretta per sposare il progetto migliore per me e per il mio percorso di crescita. In questo momento priorità alla prime squadre, su questo ho le idee chiare anche se la chiamata del San Mauro mi ha fatto piacere. E' una piazza interessante e ambiziosa. Mi rimetto in gioco e in discussione dopo un finale di stagione amaro e un po' strano. Il Mirafiori è una società storica del torinese e ha dimostrato grande attenzione su di me con la telefonata della presidentessa Corbo. Di conseguenza anche io sto analizzando la proposta con la stessa attenzione e il giusto credito. Mi sono però imposto di non scendere di categoria, di conseguenza sto valutando anche le reali possibilità di ripescaggio della società in Promozione. Se arrivassero gli input giusti il progetto potrebbe essere molto interessante. Vedremo...Ripeto, voglio prendere la giusta decisione senza troppa fretta".

 

Il capitolo Lucento: una lunga storia d'amore tra addii, ritorni e...cosa è successo nel finale di stagione dopo aver sostituito Telesca? Senatore: "Non lo so nemmeno io. Oggi non vorrei parlare dei dettagli perchè sono ferito e amareggiato, quindi prima di fare polemiche aspetterò una spiegazione da parte della società. Al momento questa spiegazione non ce l'ho, poi magari per qualcun'altro è tutto chiaro. Direi che per me non lo è. C'è stata una brusca interruzione del rapporto, come dire, una lite dove la moglie va via di casa e il marito la aspetta". La "moglie" era Paolo Pesce? "Sì. Io so di aver dato il cuore al Lucento, rifiutando proposte di altre società. Ho dimostrato passione e fedeltà per il club nei tantissimi anni assieme e credo che nel finale di stagione ci sia la mia impronta, perchè ho preso decisioni tecniche importanti. Abbiamo raggiunto un secondo posto che ha permesso di disputare i playoffs sempre in casa e quasi sicuramente significherà Eccellenza, abbiamo giocato una partita eccezionale con l'Accademia Borgomanero e perso per un rigore la finale di Coppa Promozione. Credo sia stato fatto un buon lavoro. Ora guardo avanti con fiducia quello che proporrà il mercato e con la coscienza a posto".

 

Ci spostiamo da Torino a Pinerolo, dove vive il mister ex Mirafiori Aldo De Vincenzo. Ieri lo abbiamo raggiunto per telefono, sappiamo che un contatto col Cavour c'è stato e che ha provato ad inserirsi anche il Trofarello (scarse possibilita'). Dalle nostre informazioni e dal racconto di fonti esterne e' emerso come De Vincenzo sia il nome piu' caldo per la panchina del Cavour per la stima che la società nutre nei confronti dell'allenatore e per questioni logistiche. Giorni decisivi per l'annuncio?

mar

13

giu

2017

Corneliano Roero, colpo in attacco: ecco Fabio D'Alessandro dal Pavarolo

AL CORNELIANO ROERO ARRIVANO I GOL DI D'ALESSANDRO

Da mister Telesca il puntero ex Pavarolo

13 giugno 2017 - Ore 20.45

 

Ultim'ora: Notizia bomba al Corneliano Roero in Eccellenza cuneese. La società comunica in data odierna di avere trovato l'accordo con il calciatore Fabio D'Alessandro classe 1993 ex Chieri e Pavarolo. D'Alessandro (grande protagonista della cavalcata Coppa-campionato del Pavarolo di Ballario due anni fa) è stato avvicinato a moltissimi club di Eccellenza e Promozione ed ha collezionato, riconfermandosi col salto di categoria, 14 gol quest'anno con la squadra biancorossa salva ai playout nel girone A.

mar

13

giu

2017

Marco Didu, niente Pinerolo: Borgosesia? Il pres Fortunato: "Potrebbe arrivare Di Leone"

DIDU: "ALLENERO' IL BORGOSESIA. SCELTA DIFFICILE"

Il pres Fortunato: "Di Leone a Pinerolo? Sì, potrebbe arrivare lui"

13 giugno 2017

 

Colpo di scena a Pinerolo: Marco Didu, centrocampista in uscita dal Trino, non allenerà il Pinerolo e diverse voci di mercato assicurano che possa essere il nuovo tecnico del Borgosesia in serie D. A breve approfondimenti.

A confermarlo ai nosti microfoni il presidente Leonardo Fortunato: "E' vero, sembrava tutto fatto e definito, invece dobbiamo ricominciare da capo e fare anche in fretta. E' chiaro che allenare in D è una possibilità più stimolante per Marco, ma non ci aspettavamo questo colpo di scena. Non posso e non voglio giudicare la sua scelta, per lui è un'opportunità. Tutto ciò fa parte del gioco del mercato. Adesso torniamo al lavoro per cercare al più presto il nuovo tecnico. Di Leone? Sì, posso sbilanciarmi, devo dire che è il primo nome della lista. Stiamo valutando, sono ore un po' frenetiche perchè sono cambiati i nostri piani all'improvviso".

 

Ci racconta la vicenda e tutti i suoi pensieri direttamente Marco Didu, classe 1978, 5 anni a Cuneo, 3 alla Pro Vercelli e al Chieri, ex Viterbese, Bra, ProSettimo e tanti altri club: "E' ufficiale, andrò ad allenare il Borgosesia. Ci ho riflettuto tanto. Sono stati due giorni pazzeschi di profonde valutazioni assieme alla mia compagna e alle persone a me vicine. Mi spiace molto per il Pinerolo, per il presidente Fortunato, per il vice Sola e per tutta la dirigenza che ha creduto in me e mi ha dato fiducia. Mi sono sentito di rifiutare all'ultimo momento, è vero e qualcuno storcerà il naso. Io però dall'età di 18 anni prendo scelte a testa alta nel calcio e non mi tiro mai indietro, anche se le cose da dire fanno male. Mi sono sentito di fare così e capisco che il Pinerolo possa vivere un momento di confusione. Lo sottolineo, è una scelta fatta in buona fede che non poggia su aspetti economici o logistici, anche perchè andrò ad allenare a 100 chilometri da casa quando potevo essere distante meno di mezzora. Semplicemente la panchina del Borgosesia per me significa un incredibile opportunità di crescita mettendomi subito in gioco in una categoria subito importante come la serie D. Solo questo".
Ancora Didu: "L'anno scorso è successo il contrario e alla fine non sono stato la scelta del Pinerolo quando tutto sembrava deciso. Per ora si vede che non è destino...Dico solo alle persone esterne che non si può giudicare la mia decisione se non dall'interno. Il telefono è suonato si potrebbe dire al momento giusto o sbagliato e non mi aspettavo questa chiamata, anche se il Borgosesia con Manzo e Dionisi ha già dimostrato di scegliere determinati profili. Far meglio non sarà facile, per di più alla prima esperienza, ma ce la metterò tutta. Esco da settimane di pensieri infiniti, perchè potevo giocare ancora a Pinerolo o Trino, poi ho riflettuto se allenare o meno e la scelta di smettere di giocare non è così facile. Stamattina c'è stato l'incontro definitivo a Borgosesia. Lo ammetto, le paure sono tante, almeno pari alla voglia di far bene. Sarebbe stato così anche a Pinerolo. Mi sono detto "voglio provarci"...Io ho fatto il corso nel 2011 e da quell'anno sono abilitato. Poi ho fatto vari corsi di aggiornamento e ho idee molto chiare su quelle che sono le mie priorità e le esigenze da tecnico. Ho preso qualcosa da tutti i miei mister e l'esperienza sul campo credo possa fare tanto. Insomma, sono carico. Sarà una bell'avventura da vivere intensamente giorno dopo giorno".

mar

13

giu

2017

Donato: "Quincitava". Lamorte: "90% Garino". Idea Revello: Capobianco. Nolese, parla Stefanetto

DONATO A QUINCINETTO: "SI RIPARTE DA QUI"

Carmagnola-Bortolas, Grosso a Venaus. E il Chianocco...

Donato e Lamorte
Donato e Lamorte
Gervasi e Grosso
Gervasi e Grosso

13 giugno 2017

 

VALZER DI PUNTE

 

Ultim'ora: il Revello di Perlo ha contattato per l'attacco Marco Capobianco in uscita dal Carmagnola accostato già al Lascaris e al Bsr Grugliasco. In questo momento Capobianco sembra essere più vicino proprio al Lascaris, ma pare sia comunque disposto ad incontrare il Revello.

Enrico Massimo continua a parlare col San Mauro: dal 1 luglio potrebbe arrivare la firma. Escluso che possa trasferirsi al Corneliano da Telesca.

Il ds Sellitti conferma la trattativa al Garino per arrivare a Domenico Lamorte dell'Atletico Santena: sempre piu' competitiva la squadra di Franco che potrebbe contare su un attaccante da 20 gol nella stagione appena conclusa.

Lamorte: "Direi che siamo al 90 per cento. Ci sono alcuni dettagli ancora da approfondire e poi darò un "sì'" definitivo".

Cavazzi del Lascaris e Cravero dell'Atletico Chivasso sono stati avvicinati all'Alpignano, Preziosi del Collegno e' sempre piu' vicino ai bianconeri di Pianezza che però hanno in mano allo stesso tempo Capobianco. La scelta ricadrà su uno dei due. Per lo stesso Cravero ('Solo una chiacchierata con l'Alpignano una settimana fa, ma non ci siamo piu' aggiornati) anche un sondaggio della Nolese. Bomber Donato ha deciso e lo scrive in rima: 'Resto al Quincitava. Riparto da dove mi ero fermato, dal nerostellato'.

 

Intanto il pensiero di Alessio Dinaro, nuovo portiere dell'Atletico Torino, ex Settimo: "Inizia una nuova avventura ricca di stimoli in una società seria. Destinazione Eccellenza". Grande carica e voglia di rilanciarsi dopo una retrocessione che ha sicuramente segnato l'ambiente-Settimo.

 

QUI CARMAGNOLA: vicinissimo Bortolas

 

Radio-mercato assicura che uno dei rinforzi per la rosa di Riccardo Milani sarà Andrea Bortolas, punto fermo delle ultime stagioni del Chisola.

 

QUI NOLESE: parola a Stefanetto

 

Il tecnico Stefanetto, aggiornamento di mercato: "Rizzuto della Rivarolese? Non ci ho mai parlato. Cravero? Vero, un contatto c'è stato ma al momento preferisce forse restare a Chivasso. Bisognerà vedere come andrà in porto la fusione, è tutto in standby. D'Agostino? Troppa distanza domanda-offerta. Porneala? Ci siamo informati sulle sue intenzioni per un eventuale ritorno a Nole. Stasera parleremo con la Pro Settimo e il ds Tosoni per risolvere alcuni problemi legati ai giovani. Spero di avere belle notizie".

 

MOVIMENTI IN VALLE SUSA: Venaus e Chianocco

 

Al Venaus (Prima Categoria) ecco un nuovo portiere: è Gianluca Grosso, classe '95 ex Cuneo, Bra e Albese, nell'ultima stagione al Gravere.

Al nuovo Chianocco di Calabrò due grandi colpi in arrivo dal Lesna Gold: il regista Gervasi e il baby D'Italia. Voci di corridoio assicurano che i due giocatori sono vicinissimi assieme a Cesario, difensore del Collegno.

mar

13

giu

2017

Venaria, tridente delle meraviglie per Tarulli: ecco anche Marinaro e Migliardi dall'Ivest

VENARIA: IDEA TRIDENTE. COLPI ATLETICO

Atletico Torino: Dinaro, Rocha Miranda e 99% Lumello

Dinaro
Dinaro

13 giugno 2017

 

Qui Venaria: trattativa quasi chiuse e definite (manca qualche dettaglio) anche per Marinaro e Migliardi, ex Victoria Ivest. Altri due colpi in canna, pronti per essere sparati, per il ds Marsico e a questo punto mister Tarulli potrà disporre di un tridente o di un quartetto offensivo nuovo di zecca: Messineo dal Pancalieri riferimento centrale attorno a Mandara', Marinaro e Ardeleanu esterni (si ricomporrà la coppia del Rivoli di due anni fa). E dietro, appunto, le geometrie di Migliardi assieme a quelle di Porrone e dei compagni di squadra. Un Venaria sicuramente da tenere d'occhio in Promozione.

 

QUI ATLETICO TORINO

 

Altri colpi per la Piazzoli band in Eccellenza: ufficiale Dinaro per la porta dal Settimo (foto Facebook), preso anche il '98 Rocha Miranda Vitor dell'Asti e al 99% arrivera' anche il centrale Lumello dal Colline Alfieri. E pare non sia finita qui...

mar

13

giu

2017

Lucento, eterno secondo: tre viaggi a Roma senza vedere il Papa, ma sarà Eccellenza!

LUCENTO IN POLE PER I RIPESCAGGI IN ECCELLENZA

Dopo tanti secondi posti, una certezza...

13 giugno 2017

 

"Perdere", un concetto relativo. Molto positiva la stagione del Lucento, che per un motivo o per l'altro ha steccato le partite decisive andando sempre a Roma senza vedere il Papa per almeno tre volte. Il club non ha però mai dimenticato le sue coordinate: il viaggio di ritorno verso l'Eccellenza è stato completato grazie alla staffetta Telesca-Senatore-Maione e anche sul sito della società il salto di categoria viene ormai dato per scontato. Il buco lasciato dal Savigliano (sempre che non ce ne siano due con quello della Denso) permetterà alla società torinese di farsi trovare pronta, questa volta sì, al primo posto, nella classifica dei ripescaggi.

 

Il Lucento ha fatto molto bene nel settore giovanile, ha centrato il titolo regionale con la Juniores (3-2 al Borgaro in una pazza finale) e ha messo in luce il talento dei suoi baby come Radin, Luparia, Riva Governanda, Pili, Lo Giudice, Filograno, Ferlazzo e molti altri attorno a senatori come Perrone, Lepera, Rizzo e Dinocca, bloccati dal Barcanova nella rincorsa al titolo, dal Chisola in finale di Coppa e dai maledetti rigori in finale playoffs col Cavaglià. E' mancata solo la ciliegina, ma "perdere" oggi fa meno male in corso Lombardia.

mar

13

giu

2017

Riconferme Saluzzo. Favale verso la Denso? Caccia ad Apezteguia, Saracino e Lombardo

IDEE DI MERCATO: FAVALE-DENSO, PASQUALONE-SUSA

Saracino e Lombardo, gol ed esperienza sul mercato

Favale e Lombardo
Favale e Lombardo

13 giugno 2017

 

Eccellenza: il Saluzzo tramite il ds Giorgio Pagliero conferma che la nuova rosa 2017/2018 verrà costruita sul blocco della scorsa stagione. Primi colloqui in sede granata: Gabriele Pinelli, bomber richiestissimo, non lascerà Saluzzo così come Bissacco.

Radio-mercato racconta invece di una possibilità che l'esterno Alberto Favale possa riavvicinarsi alla Denso: una conferma importante ed indiretta sul fatto che nei prossimi giorni il club di Poirino, comunque attivo sul mercato, possa ufficializzare l'iscrizione all'Eccellenza. I dirigenti Denso, in tutti i casi, non si sbilanciano anche se portano avanti le proprie idee aspettando il via libera ufficiale dall'amministratore delegato.

Se a Saluzzo dovesse partire Favale (che lo stesso Pagliero considera "...un giocatore davvero molto cresciuto, ottima la sua stagione con noi") la squadra di Rignanese potrebbe dare fiducia a Morero, di ritorno dal Casale. Il giocatore adesso ha bisogno di tornare a giocare con continuità e questa potrebbe essere l'occasione giusta.

Meno quotata secondo voci di corridoio la pista-Gatti. Il giocatore tornato al Pavarolo (prezioso fuoriquota '98) nellla seconda parte della stagione è ora seguito con attenzione da alcuni club di Eccellenza e anche in Promozione e Prima (Pianese, Settimo, Garino).

 

Sempre in Eccellenza nuovo nome per l'attacco dell'Union Susa: Lorenzo Pasqualone del Lascaris. Due anni fa l'attaccante è esploso nel girone B di Promozione segnando 20 reti, mentre nell'ultima stagione non è riuscito a ripetersi sugli stessi numeri ma le sue doti tecniche non si discutono e l'Union potrebbe dargli una possibilità di rimettersi in mostra.

 

Ancora attaccanti. Il capocannoniere di Promozione Joel Apezteguia del Gassino sta scatenando una vera e propria asta di mercato: hanno fatto sondaggi per lui almeno una decina di club e anche il suo procuratore sta valutando assieme al bomber cubano la migliore offerta. Apzteguia ha giocato in carriera nell'Industriales di Cuba e poi in Moldavia, Spagna, Albania fino ad approdare al Fano e all'arrivo in Piemonte. Da fonti certe sappiamo che un'Eccellenza non gli dispiacerebbe, ma moltissime sono le società di Promozione che gli hanno messo gli occhi addosso tra cui il nuovo Gassino di Berta, Venaria, Pianese e Lucento. In quest'ultimo club, che si è già assicurato la spinta in fascia di Andrea Frattin dal Cenisia, Apezteguia potrebbe trasferirsi assieme a Capitao, altro nome segnalato dall'ex Atletico Chivasso mister Goria.

 

Su Gabriele Saracino, che non resterà al San Mauro, si è fiondato nelle ultime ore il Venaria di Tarulli: coppia gol pesante con Carmine Messineo? Tentativo anche dell'Esperanza in Prima Categoria.

Tornando al Venaria il ds Marsico è riuscito a dare una sterzata importante al mercato orange: Pambianco, Doria, Messineo, Brusa e Mandarà potrebbero essere accompagnati da una nuova punta e da due altre due pedine, che ben conosce il ds ex Rivoli, come Migliardi e Marinaro. Un centrocampista e un esterno offensivo.

C'è poi sul mercato Emanuele Lombardo, una garanzia per quanto riguarda i gol: 18 e 21 reti in due anni a Bosconero, 15 e 16 in altre due stagioni a Pianezza per un totale di 70 gol in 4 anni. Lombardo, che abita nella zona di Settimo, lascerà il Pianezza di Bonafede: sondaggio per lui del Real Leinì di Livieri.

Il portiere ex Settimo Dinaro ci conferma la trattativa con l'Atletico Torino: "Ci siamo incontrati giovedì sera e abbiamo praticamente chiuso. In questi giorni potrebbe esserci l'ufficialità".

 

Spostandoci verso il nord Piemonte/Valle d'Aosta al Pont Donnaz non resterà il portiere Celesia, che abbiamo contattato: "Non sono stato riconfermato ma l'ho letto sui giornali locali. Avrei preferito ricevere una chiamata. Non sputo nel piatto in cui ho mangiato, ma mi aspettavo un trattamento diverso". E poi una frecciatina sul web per alcuni trasferimenti di mercato un po' strani, secondo il portiere, "...decisamente poco legati alla meritocrazia". Un pensiero che hanno riportato decine di giocatori in queste settimane. 

A Bollengo ecco il saluto di Sapone, uno dei senatori: "Saluto questa maglia dopo 4 anni, 34 gol e tanti ottimi ricordi. Ho conosciuto tanti ragazzi diventati poi amici, abbiamo creato un fantastico gruppo unito dentro e fuori dal campo. Tante risate, tante battaglie, dando sempre tutto per la maglia. Non mi rimprovero nulla, ringrazio tutti e auguro il meglio al Bollengo. Sono pronto per una nuova avventura". I nomi in pole position per l'attacco restano quelli di Anthony D'Agostino da Rivarolo oppure Eugenio Atzori dal River Mosso.

 

Allenatori in Prima. Francesco Mele: "Devo ancora incontrare il presidente Mesiano, la sensazione è che sia difficile che resti a Collegno".

E' invece ufficiale il nuovo corso di Natalino Calabrò al nuovo Chianocco: dopo tante stagioni al Lesna Gold il mister riparte più vicino a casa e con un progetto nuovo e stimolante.

La società dopo la fusione manterrà appunto il nome "Chianocco" usufruendo però della categoria del Bussoleno.

Il pres Rossero: "Quest'ultimo è stato un anno travagliato a livello numerico per entrambe le rose e dopo aver valutato al meglio la situazione da entrambe le parti questa ci è sembrata la strada migliore da percorrere per le società e i nostri ragazzi. E' ora possibile offrire una squadra di livello sia quantitativo che qualitativo. Il mister Calabrò è apparso subito entusiasta e ha accettato la sfida dopo gli addii di Mirabile e Pisicchio. La rosa conterà moltissimi giocatori delle due rose di Bussoleno e Chianocco, ma prenderemo anche dei giovani provenienti dall'Union Susa".

Calabrò a Chianocco
Calabrò a Chianocco

mar

13

giu

2017

Canelli, colpo di scena: lascia mister Moretti ? Mogliotti saluta Trofarello. Sintetico Lascaris

CANELLI-MORETTI NON E' PIU' COSI' CERTO

Mogliotti del Trofarello potrebbe diventare dirigente

Moretti e Mogliotti
Moretti e Mogliotti
Lascaris, in arrivo il sintetico
Lascaris, in arrivo il sintetico

12 giugno 2017

 

Notizie sulle panchine dal pianeta-Promozione. Colpo di scena a Canelli: i ben informati ci assicurano che la posizione di mister Moretti, del ds Di Maria e dei fratelli Porrino nelle loro differenti mansioni torna in discussione per vedute differenti sulla costruzione della squadra della prossima stagione. Tra le parti resterebbe rispetto, stima e gratitudine ma l'intesa per continuare assieme sembra poter svanire: si cercherà un accordo dell'ultim'ora ma Moretti all'80% lascerà Canelli.

 

Qui Trofarello. Mister Enrico Mogliotti: "E' vero, lascio Trofarello. E' stata una bella avventura, fa piacere essere riusciti a fare l'impresa con la salvezza conquistata sul campo. So che la società sta parlando con il Testona per un cambio di proprietà. Io credo che potrei diventare dirigente, questa sera (ieri, nda) ho un appuntamento al San Giacomo Chieri".

 

Qui Lascaris. Novità importante, perchè le ruspe sono in azione: arriva il sintetico, vera rivoluzione in via Claviere a Pianezza. Su Facebook (clicca qui) abbiamo pubblicato tre foto dei primi lavori.

mar

13

giu

2017

Dessena alla Pro Dronero: "Una bella sfida. Proveremo a far bene in campionato e Coppa"

DESSENA: "DRONERO PIAZZA MOLTO IMPORTANTE"

L'ex Corneliano entusiasta: telefono bollente

12 giugno 2017

 

L'ex Corneliano Roero e Cheraschese Francesco Dessena, fresco di nuova panchina alla Pro Dronero, ha il telefono bollente: "E' vero, non mi sto fermando un attimo. Ma sono felice di essere tornato in pista. Sono giorni di idee, colloqui, valutazioni, proposte e organizzazione del ritiro. C'è molto da fare".

La Pro Dronero chiude un ciclo (6 anni con Caridi, passato al Cuneo come vice-Gardano) e ne apre un altro. Dessena: "Sono contento che abbiano scelto me, peraltro valutando anche il lavoro nel mio passato nei settori giovanili e non solo nelle prime squadre. Questa è una cosa rara che mi ha stupito piacevolmente. Il presidente Beccaccini e il dg Maisa hanno dimostrato grande entusiasmo e fiducia, il pres tiene in particolare a far bene anche in Coppa oltre che in campionato. La Coppa Eccellenza ha sempre il suo fascino, mi piacerebbe che le squadre dei due gironi fossero da subito mischiate. Così sarebbe ancora più interessante e curioso, molti club del cuneese potrebbero osservare giocatori del nord Piemonte e viceversa. Non credo che sarebbe una strage di chilometri per le società e che questo possa penalizzare eccessivamente i bilanci".

Dessena sulla nuova avventura: "Dronero è una piazza imporante, tutti ricordano ancora dopo alcuni anni quel successo di Trieste ai playoffs...Proveremo tutti assieme a far bene, certamente per tentare una stagione da protagonisti compatibilmente con il budget a disposizione. Io porterò le mie idee, ma darò sicuramente continuità al lavoro di Caridi, mister che stimo e col quale ho un ottimo rapporto. Non si può e non si deve stravolgere tutte le fondamenta che ha costruito, quindi ripartiremo dal blocco della scorsa stagione, da Dutto a Isoardi, da Brondino a Monge, da Rosso reduce da un serio infortunio al crociato a Galfrè e a tutti gli altri, ad eccezione del portiere Cammarota passato al Fossano e di Rapa e Franco, che si trasferiranno all'estero".

Ecco i primi tasselli da cercare sul mercato: "Sì, un portiere, i giovani e una punta. Questo sicuro". E per l'attacco si parla già di De Peralta del Savigliano: ritorno ai draghi per la punta argentina dopo il passaggio sfumato l'anno scorso?

Ultima domanda per Dessena: qualcosa da dire su come è finita a Corneliano? "No, nessun commento. Testa soltanto alla Pro Dronero".

mar

13

giu

2017

Di Leone, addio al Cavour da pelle d'oca: parole che fanno bene al calcio

DI LEONE: "ABBIAMO PIANTO E GIOITO. ABBIAMO VISSUTO"

Addio al Cavour, parole da far leggere ai giovani

13 giugno 2017

 

Parole che fanno bene al calcio. Parole intense, che ripercorrono un viaggio che va decisamente oltre ai rimbalzi del pallone. Sarebbe bello che fosse sempre così. Pino Di Leone, nel suo addio al Cavour, ha lasciato sul web molto più che una dichiarazione sottoforma di notizia utile per i giornalisti: un inno alla vita, alle emozioni, alla passione. C'è il racconto di una storia vissuta col cuore in un misto di romanticismo, realtà e nostalgia. Una storia d'amore, più che un semplice percorso calcistico.

 

Le parole di Di Leone (allenatore, educatore, sempre impegnato nel volontariato, i libri per lui sono un vero capitale) devono insegnare molto a quei giocatori e addetti ai lavori che hanno smesso di credere in questo splendido sport, nei suoi valori e negli ambienti delle società calcistiche. Troppa diffidenza, chiacchiere, disaffezione, abbiamo sentito ultimamente. E invece leggete quanta intensità, quanto attaccamento alla causa, quanti sacrifici, emozioni e soddisfazioni siano messi in luce nel messaggio di Di Leone, che sarebbe da scolpire nel marmo perchè fa capire esattamente cosa può lasciare una piccola grande squadra di Eccellenza o Promozione negli occhi e nel cuore di un tecnico.

 

"CAVOUR: visita guidata
7 anni. Non so quante partite. Non mi interessa. Almeno adesso.
Pace dello spirito raggiunto grazie alla propria soddisfazione nel sapere di esserti sforzato di fare il meglio di cui sei capace.

Sono parole di John Wooden. E' stato un grande allenatore di basket.
Ma le faccio mie oggi. Ci sono persone che non ti lasciano in pace. E c'è' gente che ti mette in pace. Io tra 10 anni non so se ricorderò un risultato. So che ricorderò tutte le facce che ho incontrato. Tutti i ragazzi che ho allenato. Quelli di un allenamento "mister troppo faticoso per me, preferisco altro", come quelli di 7 anni. Anche quelli con cui fatichiamo oggi dialogare ma rimangono ben impressi dentro di me.
Collaboratori che hanno conosciuto il mio intimo, i miei dubbi, i miei stati d'animo. Molti sono amici anche fuori dal campo. "Guardami io sono pronto a scendere nella fossa con te". Non mi tradirebbero mai. A loro cambiavo l'allenamento in continuazione. I soldi spesi dallo psicologo li hanno aiutati a sopportarmi.
Ho allenato la squadra dei sogni. Ho visto alcuni iniziare a lavorare, ho avuto la fortuna di vederli diventare padri. Ho conosciuto i loro stati amorosi. A qualcuno ho dovuto scrivergli i temi in diretta su whatsapp mentre erano in classe. Ad altri li ho caricati in macchina o li ho invitati alla presentazioni di libri che mai avrebbero voluto leggere. A qualcuno ho obbligato leggere un libro. Ad altri, in stato di adrenalina, ho messo direttamente le dita nel naso. Con alcuni ho sbagliato a non capire il loro potenziale. Con altri ho sbagliato i tempi. Allenare vuol dire ferirsi.
Ho trovato sempre gente meravigliosa. Abbiamo riso, pianto, gioito. ABBIAMO VISSUTO. Il video sotto (presente sul suo profilo Facebook ndr) è un omaggio al Pres. ma anche a tutti i fantastici ragazzi che ho allenato, ai collaboratori, ai dirigenti, al mondo CAVOUR. Ci fosse un'altra vita chiederei di allenare questa squadra".

lun

12

giu

2017

Dalla Costa/Varvelli a Fossano? Viassi: "Nomi papabili". Ufficiale: Dessena alla Pro Dronero

FOSSANO E BIELLESE, CHI ARRIVERA' IN ATTACCO?

Ufficiale: Dessena alla Pro Dronero! Pianezza: Mastrorosa+Piras

L'eterno Marco Pierobon, seguito da La Biellese
L'eterno Marco Pierobon, seguito da La Biellese
Varvelli (idea Fossano/Corneliano, foto Bra) e Mastrorosa (verso Pianezza)
Varvelli (idea Fossano/Corneliano, foto Bra) e Mastrorosa (verso Pianezza)

12 giugno 2017

 

TERZA CATEGORIA GRATUITA

 

Rivoluzione nel mondo del calcio dilettantistico. Le società sono sempre meno e fioccano le sparizioni dei club? Ecco l'incentivo della Lnd, che propone l'iscrizione a costo zero in Terza per le nuove realtà accompagnata dalla fornitura del materiale per due anni consecutivi. Una bella iniziativa che potrà avvicinare alla Federazione anche piccole realtà ad oggi iscritte in Uisp e Csi.

 

MERCATO

 

Si infittisce il mistero-Montari. A contendersi il centrocampista della Repubblica Centrafricana sono il Pont Donnaz, squadra nella quale ha militato nella scorsa stagione, e il Trino. Pesano forti legami di amicizia con dirigenti di entrambe le squadre, che vogliono arrivare alla firma col giocatore dal 1° luglio.

"Gazzetta Matin" ci conferma come la foto pubblicata sabato dai colleghi valdostani (possibile firma di Montari sul pre-contratto) sia stata scattata tra il 7-8 giugno nella sede della Vita Tours, società gestita dal presidente Calliera, che da New York ci ha risposto "...non so nulla di questa vicenda". A questo punto, visto che Montari ci ha assicurato che "...sarò un giocatore del Trino" è probabile un ripensamento dopo un primo avvicinamento al Pont.

 

Domandone del weekend: cosa farà il Fossano dopo la partenza di Alfiero alla Pro Sesto? La risposta sembra passare dal profilo di Marco Dalla Costa della Denso, finito sul taccuino di un mucchio di club (ma il 16 giugno sapremo se la stessa Denso continuerà a disputare l'Eccellenza, probabilmente sì, in questo caso difficile privarsi del suo gioiello). Dalla Costa piace sicuramente a mister Viassi, che però potrebbe optare anche per una prima punta d'esperienza come Giancarlo Varvelli, reduce dal campionato con Savigliano e Baveno.

Mister Viassi via sms: "Dalla Costa e Varvelli? Sicuramente due nomi papabili...".

Lo stesso Varvelli è seguito anche dal Corneliano Roero (che ripartira' dal centrale Anderson, vedi Facebook), dalla Biellese di Roano, che però sembra molto più vicina a Marco Pierobon del Borgaro, col quale è già avvenuto un contatto la scorsa settimana. Si cerca comunque un puntero dai gol facili dopo il mancato accordo con Delorentis, passato al Trino (Marazzato potrebbe andare a Cossato).

Occhio ai movimenti in uscita da Domodossola, dove sarà una settimana decisiva per il futuro della squadra: prevista una riunione del direttivo con Scesa lontano dal continuare come presidente. La panchina potrebbe passare al da Massoni, ma intanto i "big" si stanno guardando attorno, come bomber Hado: è praticamente un giocatore del Baveno, che è vicinissimo anche a Luca Cabrini ma che potrebbe perdere Cherchi, martellato dal Trino di Cretaz.

Il ds Massoni: "Stasera ci sarà il consiglio nel quale si comporrà la nuova società e verrà stilato il budget, che sarà comunque ridimensionato. L'ipotesi di me allenatore è percorribile e permetterebbe alla società di avere più risorse per la costruzione della rosa, vedremo stasera".

Lo stesso Trino, che ha sondato Grancitelli del Rivoli e Cremonte della Juve Domo (passato alla Biellese) e che potrebbe non riuscire ad arrivare a Fiore del Pont Donnaz secondo voci di corridoio è pronta a dare l'assalto anche a Giunta dell'Orizzonti. Il ds Ristagno smentisce: "Nessun contatto". Il club di Villareggia, a sua volta, sta pensando tramite il ds Acquadro a Berghin Rosè tra i pali: continua l'asse Alpignano-Orizzonti dopo i trasferimenti di Cirillo, Visciglia e Carini.

Ricky Poi, invece, ha incontrato lo Stresa: niente fumata bianca, ma questa potrebbe arrivare per Bernabino dell'Alicese. Giorni di attesa per il regista Piraccini. Per Poi restano intanto calde le piste InterFarmaci e Accademia Borgomanero.

Notizia ufficiale anche dal Borgaro. Lollo Parisi si regala un'annata in serie D: "Resto a Borgaro sicuramente. Ho 39 anni, posso ancora fare la serie D perchè fisicamente sto molto bene. I primi sei mesi della scorsa stagione al Pont sono stati i più brutti degli ultimi anni, ma fortunatamente sono riuscito a vincere Coppa e campionato col Borgaro, una fantastica società. Mister Russo e il ds Mazzi assieme al presidente sono decisi a fare una bella stagione. Avendo questa garanzia non ho potuto che accettare di ripartire da qui". E tra l'altro il Borgaro inserirà nella sua denominazione ufficiale il nuovo partner commerciale "Nobis": uno sponsor importante per il club dal quale potrebbe partire Cantele (si parla per la porta della volontà di dare fiducia ad un fuoriquota) e dove è già stato confermato Grillo dal Trino.

A Saluzzo bomber Pinelli, al 90%, non si muoverà: è lui il giocatore-pilastro che Rignanese non vuole perdere, in attesa della riconferma di Favale e Bissacco (finito sul taccuino del Corneliano Roero). Sondaggi a Savigliano per i granata, attenzionati Caracciolo e Serino. All'Union Susa sono sempre tre le priorità del ds Galluzzo: i giovani, la sostituzione di Aloisi (sempre che parta verso Piscina, ad oggi non è ufficiale) e il centrocampo. Per questo reparto i nomi che circolano sono quelli di Scavone, Trussardi e dei due giocatori della Denso Zanchi e Shtembari.

Ancora domande di mercato: chi allenerà la Pro Dronero nella prossima stagione dopo l'addio di Caridi? Ecco la risposta dal dg Maisa: "Ha già firmato l'ex Corneliano e Cheraschese Dessena". Dunque, ritorno in panchina per il mister a breve ai nostri microfoni.

E poi: cosa succede alla Pro Settimo Eureka? L'annuncio ufficiale dell'allenatore da parte del ds Tosoni continua a non arrivare, Pasquale Romagnino scalpita e anche il suo nome sarebbe stato tra i "papabili" della Pro Dronero (assieme a Del Vecchio e Rosso, smentito Diliberto), mentre sono giorni di attesa in casa Benarzole (riconfermato Bittolo Bon?).

Questa settimana sapremo con certezza cosa succederà al Cavour: al 99% via Di Leone e molto probabilmente per nessuna panchina, al momento, in particolare. I "big" sono vicini a nuovi lidi come Cretazzo (Settimo?), Fiorillo (Pinerolo?) e Buongiorno (Corneliano?).

Mattia Martin della Piscinese Riva, intanto, secondo voci di corridoio sarebbe sempre più lontano dalla riconferma, ma molto dipenderà dal possibile ingaggio di Aloisi vicino a Melle e Magno: questioni di budget.

Alla Pianese, come anticipato in esclusiva giorni fa, si parla sempre più di Giorgio Cantele del Borgaro tra i pali: pronta una super-offerta per il "Giorgione" del calcio piemontese che potrebbe raggiungere il nuovo allenatore Carlo Capobianco, ex Pavarolo.

Al Settimo è stato accostato per l'attacco di Viola il nome di Varvelli del Baveno e di Perrone del Lucento (che piace anche alla Pianese), al San Mauro potrebbero arrivare i fratelli Bustreo (Biellese/Denso) assieme a Massimo e Moreo.

Se il Cenisia di Benedetto potrebbe perdere Frattin ("Vado al Lucento") e Novarese/Barbera (Rapid? confermato da Frattin), l'Atletico Torino sta pensando per i pali dopo l'addio di Gurlino ad Alessio Dinaro del Settimo per affiancare il '98 Scardino. C'è poi una trattativa con Luca Bonomo del San Mauro: "E' vero, ci stiamo parlando".

E poi duelli di mercato nel Canavese col Bollengo, Quincitava, Nolese e Rivarolese protagoniste: Sapone del Bollengo sondato dal "Quinci" così come Sterrantino dell'Ivrea Banchette, Atzori del River Mosso accostato sia al Bollengo che alla Rivarolese (oltre che Esperanza e Gassino), Rizzuto della Rivarolese vicino alla Nolese e a Rivarolo Gousse potrebbe ritrovare i suoi ex Rivoli Marinaro, Mignano e Migliardi. Attivissimo anche il Gassino, che è pronto a chiudere per l'ex Pavarolo Marocco e per Delfino del Mathi: restano in piedi le ipotesi Atzori/Greco Ferlisi per l'attacco, con Apezteguia vicino all'addio (incontrerà il Venaria in settimana assieme a Stangolini del Villafranca).

Sempre in Promozione il Rapid Torino, che ripartirà dall'eterno Oppedisano, dopo aver perso Ruggiero (Cbs) si assicura per la prossima stagione Palmieri, Robucci e Daggiano: loro tre non si muoveranno. Grossi punti interrogativi sul futuro del Cassine. A confermarlo anche alcuni giocatori che abbiamo sentito. Sono giorni di attesa.

 

In Prima colpaccio del Pianezza di Bonafede. Il mister: "Abbiamo incontrato la punta Ricky Mastrorosa del Villarbasse, ho il suo "sì" con un sms di ieri sera. Anche Piras del Collegno sarà con noi, domani sera saranno in sede e potremmo stringerci la mano". Mastrorosa è un vecchio obiettivo del Pianezza: se ne parlò anche un anno fa e nel mercato invernale. Ora è fatta.

Il ds Pinard parla del nuovo tecnico del Valdruento Bianchin: "Abbiamo scelto un mister giovane e ambizioso per proseguire quanto di buono fatto la scorsa stagione con Balla. E' confermato lo zoccolo duro della squadra, da Negretto ad Amaral, da Mautone a Sanna, da Garzia a Senatore, fino a Torassa e ai giovani Tornabene e Bettineschi. Arriveranno altri innesti per migliorare la rosa".

Il Garino e il ds Sellitti sono molto dinamici: ecco Valenti e Vernassa dal Trofarello e Musso dal Carmagnola assieme a Caldara e Rupolo, dell'Atletico Santena. Sellitti: "Siamo solo all'inizio, arriveranno altri giocatori".

dom

11

giu

2017

Cavaglià in Eccellenza! Servono 14 rigori contro il Lucento. Cit Turin e Bianzè: è Promozione!

CAVAGLIA' IN ECCELLENZA, CIT E BIANZE' IN PROMOZIONE!

Remuntada da favola per il Cit Turin: 3-3 con l'Azzurra

Cavaglià in festa
Cavaglià in festa

11 giugno 2017

 

Pomeriggio mozzafiato per le ultimissime partite in Piemonte.

Playoffs Promozione, finalissima per l'Eccellenza: il Cavaglià scappa (1-0 di Mercandino e 2-0 di Romussi), il Lucento lo riprende (2-1 di Amato, 2-2 di Lepera), ancora biellesi avanti con Romucci e ancora Rizzo a dire di "no" portando la sfida ai supplementari. Qui 30 minuti di grandi emozioni con possibilità di gol da entrambe le parti e stanchezza che affiora tra i protagonisti delle finaliste per una stagione lunghissima.

I rigori decidono tutto e ne servono ben 14: l'errore di Romussi illude il Lucento, che però sbaglia con Pili e Filograno, mentre il Cavaglià non stecca più. E' 9-8 ad oltranza: Cavaglià in Eccellenza!

 

Grandi emozioni anche in Prima: il Bianzè sale in Promozione battendo 2-1 le Scuole Cristiane (Galuppini e Porcelli risolvono la pratica nel primo tempo, assalto dei vercellesi nel finale dopo il 2-1 di Ferla), il Cit Turin compie una remuntada da sogno nei minuti finali e trascina clamorosamente l'Azzurra agli inaspettati supplementari. I cuneesi vincevano ormai 0-2 al 90' e tutto sembrava deciso e scritto: invece 1-2 di Sartori e assalto finale con il 2-2 al 92' di Moncalvo, che gasa il Cit ai supplementari, quando arriva anche il 3-2 di Gianarro. All'Azzurra non basta il 3-3 di Konatè al 120'. Cit Turin di nuovo in Promozione!

 

FINALE PLAYOFFS PROMOZIONE

 

CAVAGLIA'-LUCENTO 3-3 (9-8 ai rigori) - campo neutro "Pastore" di Chivasso

Cavaglià: Pitarresi, Caroppo, Gaio, Giacoletto, Tonello (25' st Ferrero), Pellicano, Vardè (30' st Toniolo), Esposto, Romussi, Pallante, Mercandino (36' st Liuni). A disp. Ronza, Vizzi, Graziolo, Gallo. All. Modenese
Lucento: Di Nocca, Pili, Luparia, Padroni, Radin, Fogliato, Riva Governanda (25' st Filograno), Amato, Le Pera, Rizzo, Perrone (15' Ferlazzo, 1' st Lo Giudice). A disp. Fornaro, Valeriano, Dicembre, Vittone. All. Maione

Reti: 2' Mercandino, 40' Romussi, 45' Amato (L), 5' st Lepera (L), 18' st rig. Romucci, 36' st Rizzo (L)

 

Sequenza rigori: Romussi (sbagliato - Cavaglià), Amato (gol), Gaio (gol - Cavaglià), Pili (sbagliato), Ferrero (gol - Cavaglià), Radin (gol), Esposto (gol - Cavaglià), Rizzo (gol), Pallante (gol - Cavaglià), Lepera (gol), Giacoletto (gol - Cavaglià), Luparia (gol), Liuni (gol - Cavaglià), Filograno (parato)

 

Finale 3°/4° posto: San Maurizio C.se-Revello 4-2 (10' Pedrini Umberto, 25' Zullo (S),  30' Torre (S), 5' st Pedrini Umberto, 35' st Palma, 42' st Lauria)

 

FINALI PLAYOFFS PRIMA CATEGORIA

 

Bianzè-Scuole Cristiane 2-1 (7' Galuppini, 40' Porcelli, 40' st Ferla (S)

 

Cit Turin-Azzurra 3-3 al 120' (38' Belmondo, 37' st Fenoglio, 45' st Sartori (C), 47' st Moncalvo (C), 1' sts Gianarro (C), 15' sts Konate)

dom

11

giu

2017

La Padania di Arturo Merlo è campione! Trionfo agli Europei di Cipro per stati non riconosciuti

EUROPEI CONIFA: LA PADANIA DI MERLO E' CAMPIONE!

Trionfo a Cipro del Nord per Rosset, Rolandone e compagni

11 giugno 2017

 

Europei Conifa 2017 per stati non riconosciuti: la Padania è campione! La squadra allenata da Arturo Merlo, tecnico de La Sorgente, alza la Coppa al cielo dopo aver vinto la finale 3-5 ai rigori contro i padroni di casa del Cipro del Nord.

Nel girone la Padania ha sfidato il Felvidék, l'Ellan Vannin (isola di Man) e il Szekely Land (Sekelistan). Nell'altro girone c'erano Cipro del Nord, Abkhazia, Karpatlja e Ossezia del Sud.

 

Il trionfo è arrivato passando da match tosti e complicati: 1-0 all'Ellan Vannin all'esordio, poi 1-1 con il Szekely Land e 2-0 al Felvidek (gol di Rota e Rosset) nel terzo match che vedeva la Padania costretta a vincere per passare in semifinale. Poi 6-5 all'Abkhazia ai rigori (campioni in carica uscenti) e finalissima di ieri con gli 11 metri che hanno ancora sorriso ai ragazzi di Merlo.

 

La squadra? Beh, fortissima. In rosa c'erano Rosset del Castellazzo, Murriero, Magnè e Rolandone del Tortona, bomber De Peralta del Savigliano, l'eterno Andrea Rota (Bustese), Mazzotti (San Marino), Azzolin (Ascona), Rudi (Caronnese), l'ex Sestri e Finale Molinari, il centrocampista del Villafranca Antonio Pizzolla, Carmine Marrazzo (Crema), Luca Ferri (Pro Sesto e Caravaggio), Luca Mosti (Massa), Garavelli del Casale, Pllumbaj della Bustese, Tignonsini (Grumellese) e molti altri. Qualità e quantità dalla serie D ed Eccellenza, con tanti ex Lega Pro, dal Piemonte, Liguria e Lombardia.

Il percorso vissuto dal 4 all'11 giugno ha rappresentato un'esperienza di vita, oltre che di calcio, per tutti i giocatori che hanno passato insieme una settimana tra campo, hotel e splendidi paesaggi all'insegna della lotta sportiva, della condivisione e dell'amicizia. L'avventurà è stata egregiamente raccontata "live" dall'addetto stampa del Canelli Marco Marramao.

dom

11

giu

2017

Biellese scatenata: Ferrarese, Cristino e ora anche Cremonte. Ora caccia al bomber?

TRE COLPI IN CASA BIELLESE

Cremonte
Cremonte
Cristino e Ferrarese
Cristino e Ferrarese

11 giugno 2017

 

Biellese scatenata in Eccellenza. Prima la proclamazione del nuovo presidente Bellosta, poi subito un caldo mercato. In pochi giorni la squadra di Roano ha chiuso le trattative per Mirko Ferrarese e Davide Cristino dal Borgaro, centrale e difensore esterno, e poi per Martino Cremonte dalla Juventus Domo sul quale si era fiondato anche il Trino.

 

Sfumato Delorentis (passato proprio al Trino) a Biella si cerca ora il grande colpo in attacco. Dalla Juventus Domo intanto ancora movimenti in uscita: Poi continua ad essere avvicinato a diversi club (Stresa, Trino, InterFarmaci, Accademia Borgomanero), Hado è seguito dal Baveno così come Luca Cabrini, il portiere Bastianelli avrà un incontro martedì per definire il suo futuro.

 

PRIMA/SECONDA

 

Indiscrezioni anche in Prima e Seconda dove il River Mosso ha in mano il portiere del Valdruento Fabrizio De Rossi. Il Pianezza ha riconfermato Gaetano Rognetta e tenterà l'ulteriore riconferma di Aris Rognetta. Il Fiano Plus è in trattativa con Stefano Cabras del Borgaretto, ex Cenisia, Cbs, Paradiso e Vianney.

Rognetta a Pianezza
Rognetta a Pianezza

sab

10

giu

2017

Esclusivo, Davide Lapadula è un nuovo giocatore del Pont Donnaz: "E' tutto definito"

BOMBA DI MERCATO: LAPADULA AL PONT DONNAZ

Il bomber: "Confermo, felice della mia scelta"

Altra esclusiva. Montari: "Sono un giocatore del Trino"

Foto Juventus.com
Foto Juventus.com

10 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

"E' tutto definito", ci racconta in esclusiva l'ex Sondrio e Saluzzo Davide Lapadula, reduce dai 20 gol in Lombardia dove ha sfiorato assieme ai compagni anche i playoffs. Notizia bomba: la sua prossima squadra sarà il Pont Donnaz di Gianluca Porro. Esperienza valdostana all'orizzonte per il bomber corteggiato anche dallo stesso Saluzzo, dal Corneliano, dal Chisola, dal Villa d'Almè (società lombarda) e da altri club.

 

Parola a Lapadula, che dal 2012 (Lucento) ha segnato un numero sempre più alto di gol, sempre in doppia cifra, fino alle 20 realizzazioni lombarde: "Confermo, andrò al Pont Donnaz. Ho incontrato la società e parlato a lungo con il direttore Menicucci, col quale abbiamo trovato un'intesa definitiva. Dopo un anno al Sondrio la mia base operativa sarà come sempre Moncalieri, dove vivo e lavoro, e andrò a giocare volentieri a Pont Saint Martin. C'è stata una proposta che ho ritenuto seria e stimolante, in più ho saputo di alcune importanti riconferme della rosa dello scorso anno e ho preso atto di una volontà di far bene nel prossimo campionato da parte della dirigenza. Insomma, c'è tutto per un'altra stagione positiva dopo quella al Sondrio, società che ringrazio e con la quale siamo andati vicini a poter continuare il percorso calcistico assieme. Alla fine ho trovato la quadra tra calcio e lavoro con il Pont Donnaz, nonostante altre ottime proposte come quella del Villa d'Almè e del Saluzzo. Fa sempre piacere che il telefono squilli, significa che si è fatto qualcosa di buono o che magari è stato lasciato un buon ricordo. Sono carico e felice per la mia scelta".

 

Altra esclusiva: Montari, diversamente da quanto dichiarato da un altro giornale online, andrà al Trino e non resterà al Pont. Leggi qui.

sab

10

giu

2017

Alta tensione Trino-Pont: il caso-Montari. Settimo: Pascarella affiancherà il '98 Fornaro

"MONTARI RESTA AL PONT", ANZI NO: UN CASO

Ufficiale: Pascarella torna tra i pali del Settimo

Pascarella, Montari e Lazzaro
Pascarella, Montari e Lazzaro

10 giugno 2017

 

Un vero e proprio caso diplomatico in Eccellenza: i colleghi di "Gazzetta Matin" della Valle d'Aosta sostengono con tanto di foto esclusiva che Soulley Montari, gioiello del Pont Donnaz, possa restare in casacca orange per la prossima stagione e non trasferirsi al Trino. La foto raffigura Montari con davanti un foglio che potrebbe essere il pre-contratto che lo stesso Montari avrebbe firmato nella società di Calliera (da poco al Pont è ufficiale l'ingresso dell'imprenditore Menicucci). La foto è stata ricevuta dalla redazione valdostana ed è stata spedita proprio da Menicucci: pare proprio non sia un falso, ma che sia datata 7-8 giugno.

 

Quello che è certo è che il passaggio di Montari, ragazzo in arrivo dalla Repubblica Centraficana di cui vi abbiamo raccontato la storia (leggila qui), per il Trino non è mai stato invece in discussione. Dice il vicepresidente Giovenzi: "Quella del Pont è una provocazione, soltanto questo". Naturalmente non si può tirare in ballo, poichè strettamente collegato, l'addio rovente di Cretaz e dello stesso Giovenzi dal Pont, prima riconfermati e poi lasciati liberi di accasarsi altrove. Ecco perchè le frecciatine tra i rappresentanti dei due club non mancano.

I ben informati raccontano intanto come Montari sia molto arrabbiato per la notizia della sua riconferma a Pont, perchè da sempre riconoscente a Cretaz e Giovenzi anche per questioni lavorative essendo arrivato in Italia dopo aver lasciato in Africa una situazione di certo non facile. Resta il "mistero della foto": prima la firma sul pre-contratto e poi il ripensamento?

Il mistero potrebbe essere risolto dallo stesso Montari, che abbiamo raggiunto per telefono a Cuneo: "So che un giornale online ha scritto che resterò al Pont. E' falso. Io sono un giocatore del Trino".

A proposito di attaccanti abbiamo l'esclusiva: Lapadula al Pont Donnaz! Leggi l'articolo.

Sorpassato dunque Nunzio Lazzaro (foto), che ci aveva confermato che "...un contatto c'è stato".

 

QUI SETTIMO

 

Primo colpo del ds Maimone al Settimo: ecco Pascarella, un ritorno coi fiocchi tra i pali delle violette. Il giocatore ha oltre 90 presenze tra D e Lega Pro e ci ha raccontato la sua storia qualche mese fa: vicinissimo alle soglie del professionismo ha scelto un lavoro più sicuro (il gommista a Front) accettando di giocare a calcio in categorie più basse. Da settembre ripartirà dalla Promozione.

Accanto a lui il '98 Alberto Fornaro, nel quale la società crede molto. Anche lui sarà a disposizione del preparatore Montalbano.

sab

10

giu

2017

Alfiero alla Pro Sesto in D: "Grazie di cuore, Fossano". Per il bomber un cambio di vita

UFFICIALE, ALFIERO: "ANDRO' ALLA PRO SESTO"

Magnino: "Resto a Centallo". Deasti-Fossano: "Nessun contatto"

10 giugno 2017

 

Notizia ufficiale, notizia bomba: il superbomber Vincenzo Alfiero reduce da 35 gol in 30 gare col Fossano è un nuovo giocatore della Pro Sesto, squadra lombarda di serie D. Nell'ultima stagione la Pro è arrivata ottava davanti a Bra e Casale, a poca distanza da Caronnese, Gozzano, Chieri e Varese.

Alfiero, dunque, in soli due anni ha fatto il salto triplo passando dalla Promozione alla D. Un balzo verso l'alto meritatissimo, perchè la crescita del 24enne di Trofarello è stata devastante e nell'ultima annata ha messo alle spalle bomber navigati di Eccellenza lasciando un buco di una decina di gol tra lui e gli altri.

 

Alfiero: "Ringrazio tutti i componenti della splendida famiglia del Fossano. Grazie per per tutto quello che hanno fatto per me e mi riferisco a mister Viassi, ai dirigenti e compagni di squadra. Lascio un ambiente spettacolare e devo dire che non avrei mai cambiato, nonostante le ottime proposte, per un'altra squadra del girone di Eccellenza. La Pro Sesto ha ambizioni importanti, ha insistito come nessun altro club. In più è una piazza ambita, ha tanti tifosi e un passato in serie C. Non ho potuto che dire "sì". Tornando al Fossano voglio sottolineare come questa società ti faccia crescere tanto come persona prima che come giocatore. Una crescita dal punto di vista umano, comportamentale, tecnico e tattico. Auguro a loro il meglio e tiferò Fossano da lontano. Ma ripeto, devo molto ai miei compagni di squadra se oggi per me si è presentata questa opportunità".

Per Alfiero un cambio di vita: "Sì, col mio lavoro quasi certamente verrò trasferito di sede a Brugherio che è poco distante. Così non perderò il posto e continuerò a giocare in serie D. In questa categoria avrò solo da imparare e dimostrare. I 35 gol dell'Eccellenza non si buttano via assolutamente, ma dovrò impegnarmi tanto e tenere i piedi per terra. Inizieremo a lavorare il 24 luglio e in rosa conosco già Di Renzo, un '90 con cui ho giocato al Chisola".

Infine, sull'ipotesi serie B con l'Entella: "Fantascienza. Spero di ripagare la fiducia della Pro Sesto in tutti i modi possibili sul campo".

 

Abbiamo poi chiesto a mister Viassi e al gioiellino Filippo Deasti qualche conferma sulle voci che associano il classe '98 ai blues del Fossano. Il mister: "Mai contattato". Il giocatore: "Confermo. Devo incontrare in ogni caso prima il Chisola e il presidente Atzori". Ma siamo in tempo di mercato e sappiamo che tutto può succedere...Resteremo vigili su questa pista.

 

Passiamo poi al Settimo, dove mister Viola al 99% potrà contare in Promozione su un felice ritorno tra i pali: quello di Christian Pascarella, reduce dal campionato di Prima Categoria con il Collegno Paradiso (playoffs e 2° posto) e colonna proprio del Settimo fino a qualche anno fa. Pascarella: "Ufficiale. Torno a Settimo".

Si chiude così la possibilità di un trasferimento di Cantele del Borgaro tra i pali, ma i ben informati assicurano che è un sogno della Pianese.

 

Qui Rivoli: dopo le prime voci di "mercato fermo" ecco invece che qualcosa si muove. In via Isonzo brusca accellerata per le riconferme dei "big" anche per difendersi dagli attacchi di mercato: voci di corridoio assicurano che resteranno al Rivoli Volante, De Rosa, Grancitelli, Pantaleo, Piroli, Arcari, Gandiglio e al 90% Gallace. A breve tutte le riconferme ufficiali dal ds Azzolina e da mister Fornello.

 

Qui Pavarolo: la società di Tiddia è ufficialmente alla ricerca di un allenatore. Capobianco ha rassegnato le dimissioni e allenerà, sembra ormai certamente, la Pianese.

Lo conferma il ds Cipriani: "Tutto vero, anche perchè questa sera sono a cena proprio dal mister. Ha lavorato bene e salvato l'Eccellenza, quindi lo ringraziamo. Gli abbiamo detto di non aspettare noi, perchè siamo in trattativa col Chieri per una collaborazione. Al momento è questa la priorità della società e solo dopo aver messo nero su bianco penseremo alla guida tecnica. Sicuramente faremo una squadra giovane cercando di risparmiare sui costi di gestione in Eccellenza".

 

Ancora bomber, ma questa volta è una riconferma. L'attaccante Fabio Magnino del Centallo, 15 gol stagionali, continuerà a vestire la casacca rossoblù nonostante per lui ci risulta che fossero suonate anche le sirene dell'Eccellenza (Olmo, Pro Dronero). Lo ha confermato lui stesso: "Non mi muovo da qui, felice di ripartire col Centallo".

Tra le prime riconferme c'è anche quella di Viglione, uno dei factotum della squadra che ha centrato i playoffs con mister Bianco.

Deasti
Deasti

sab

10

giu

2017

Savio Rocchetta, riconfermato mister Raimondi: linea della continuita'

SAVIO ROCCHETTA, AVANTI CON RAIMONDI

Il mister al 5° anno in gialloverde: un grande ciclo

Raimondi al 5° anno al Sando
Raimondi al 5° anno al Sando

10 giugno 2017


Dopo la delusione per il mancato salto in Eccellenza sono stati giorni di grandi riflessioni e di un po' di amarezza per il Savio Rocchetta e per il presidente Scavino. Poi si e' deciso: avanti con la continuita' del percorso di crescita avvenuto negli ultimi anni, con la giusta attenzione agli aspetti da migliorare.


La grande considerazione per attivita' di base (gestita dal prof Burbello), settore agonistico (nuovo responsabile Giorgio Bravi) e settore giovanile, fiore all'occhiello della societa', saranno accompagnate dal solito importante lavoro in prima squadra. Il direttore generale sara' Diego Priamo.


Il primo acquisto? Sicuramente la riconferma di mister Raimondi, al quinto anno in gialloverde. Si apre dunque un piccolo ciclo alla 'Ferguson'. La societa' si e' ora fiondata sul mercato dove gran parte della rosa verra' riconfermata. Il 7 agosto iniziera' la preparazione.

VALDRUENTO, ECCO IL NUOVO MISTER: BIANCHIN

Pino Di Leone (Cavour): 'Restare? Difficile'

10 giugno 2017


In casa Valdruento scelto il tecnico per il dopo-Balla: si tratta dell'ex Villarbasse Alessandro Bianchin, allenatore capace e grintoso che ha disputato lo stesso girone dei druentini (Prima girone D) chiudendo la stagione con la retrocessione, amarissima, ai playout. Per questo grande voglia di voltare pagina per Bianchin, ufficializzato dal ds Pinard: 'E' stato lui la nostra prima scelta, crediamo nelle sue capacita' e nel suo carisma'.


Al Cavour, intanto, e' praticamente certo l'addio di Pino Di Leone: 'Difficile che resti...'., ci ha dichiarato oggi. Aggiungendo: 'Idee per il futuro ne ho parecchie, ma bisogna anche condividerle con qualcuno e incontrarlo...Ad oggi a parte un contatto col Pinerolo che era gia' imparolato con Didu non ho avuto altri incontri. Molte panchine sono gia' coperte, aspettero' e vedremo cosa succedera'.

ven

09

giu

2017

Ligato a San Mauro: "Sono un ambizioso, ambiente ideale". L'ex Usaf Marocco al Pralormo

LIGATO-SAN MAURO, INIZIA UNA NUOVA ERA

Marco Marocco riparte dal Pralormo: obiettivo Prima

9 giugno 2017

 

"Sono un ambizioso, è l'ambiente ideale". Il mister di Calabria Rosario Ligato, ex Allievi 2000 del Chieri, si presenta così al San Mauro assieme alla dirigenza. La chance è di quelle da prendere al volo visto che il mister ha un grande curriculum nei settori giovanili e visto che la società punta ai piani alti in Promozione affidandosi anche a molti giovani di qualità.

 

Ligato sembrava ad un passo dal Lucento un mese fa, poi l'accostamento al San Mauro e oggi la notizia che guiderà al tempo stesso gli Allievi 2001 oltre che la prima squadra. Una possibilità di valutare le risorse migliori dall'interno per poi valorizzarle facendole avvicinare alla Juniores e al salto in prima squadra.

Ancora Ligato: "Ringrazio la società per la fiducia che mi è stata concessa. L'obiettivo è quello di vincere ogni domenica, di fare sempre il massimo. A fine stagione conteremo i punti".

 

Una notizia anche in Seconda: il Pralormo ha ingaggiato il tecnico ex Usaf Favari Marco Marocco, che ripartirà dalla nuova panchina per inseguire il salto in Prima. Marocco, allenatore molto apprezzato, è stato uno dei "totem" dell'Usaf, società che a zero euro è riuscita a ritagliarsi un percorso tra le big di Prima Categoria balzando poi in una storica Promozione.

Marco Marocco
Marco Marocco

ven

09

giu

2017

Matteo Roccia e la favola Azzurra Cuneo in finale contro il Cit: "Nelle difficoltà ci esaltiamo"

FAVOLA AZZURRA CUNEO: DOMENICA E' FINALE

Matteo Roccia cavalca l'attesa del match contro il Cit

9 giugno 2017

 

SAVOIA-AZZURRA 1-3 - Semifinale playoffs Prima
Savoia
: Figini, Capuana, DI Balsamo, Borromeo, Cairo, Bidone, Perfumo, Cerutti, Cirio (1' st Corsi), Giordano, Corsaletti. A disp.: Tasca, Islamaj, Giordano, Giarrusso, Orsi, Vescovi, Dell'Aira.
Azzurra: Ferrero, Ghibaudo, Rinaudo, Caldano, Oggero, Mana S. (20' st Konate=, Roccia, Mana S., Fenoglio, Belmondo (28' st Vallati), Bono. A disp.: Bonelli, Burdisso, Delfino, Civalleri, Konate, Tomatis, Vallati. All.: Burgato.
Reti: 16' Roccia, 8' st Roccia, 14' st rig. Corsi, 44' st Fenoglio

 

Si avvicina la finale playoffs di Prima Categoria: Cit Turin, di cui abbiamo a lungo parlato ad inizio settimana, o Azzurra Cuneo direttamente in Promozione?

L'Azzurra domenica scorsa ha espugnato il campo degli alessandrini del Savoia per 1-3 in semifinale anche grazie alla doppietta di Matteo Roccia. Oggi è ai nostri microfoni.

 

Il classe 1997 Roccia, uno dei giovani del club di Burgato, ha giocato dall'età di 7 anni nell'Azzurra passando poi ad 11 anni al Fossano e continuando a vestire la casacca blues fino all'anno scorso quando "...sono tornato alle origini", ci dice.

Continua Roccia: "Non ho mai giocato una partita così importante come questa finale playoffs. L'Azzurra nelle difficoltà sa esaltarsi, siamo reduci da una domenica di grande festa. Lo spogliatoio è unito, compatto e questo conta molto per il rendimento della squadra sul campo. Ci sono leader come Simone Mana, il portiere Ferrero, Vallati, Rinaudo e Detto...e giovani molto interessanti, che hanno lavorato bene tutta la stagione. Cito in particolare Bonelli, protagonista di una grande annata".

Sensazioni per domenica? "Sappiamo che sarà difficile, ma sarà per tutta la società una domenica importante. Mister Burgato, un ex Juve, è un maestro nella gestione del gruppo e nella preparazione di queste partite. Finora i risultati gli hanno dato ragione. Tutti noi abbiamo dato oltre il 100 per cento in campo in queste gare playoffs, le più stimolanti, e anche domenica sarà così".

gio

08

giu

2017

Speranza Denso. Orizzonti, Carini: "Torno a casa". Pont, idea Lapadula. Rivarolese: Atzori?

ATTESA DENSO. TRINO: BERTOLA. BIELLESE: CRISTINO E FERRARESE

Le parole di Carini. Contatti Lapadula-Pont, Atzori-Rivarolese

Da sx: Lapadula, Atzori, Carini, Apezteguia
Da sx: Lapadula, Atzori, Carini, Apezteguia
Bandirola, Cammarota e Lerda a Fossano
Bandirola, Cammarota e Lerda a Fossano
Bertola dal BorgoVercelli al Trino
Bertola dal BorgoVercelli al Trino

8 giugno 2017

 

QUI DENSO

 

Colpo di scena clamoroso. I ben informati assicurano che la Denso ha ancora una possibilità di salvare l'Eccellenza e di iscriversi al prossimo campionato. Per l'ufficialità bisognerà però attendere circa una settimana, perchè pare che alcuni confronti interni aziendali abbiano portato l'amministratore delegato a valutare l'idea di permettere al pianeta calcio-Denso di andare avanti. Il ds Macchi, a questo proposito, non si è sbilanciato: "Non voglio illudermi, giorni fa ci sono rimasto troppo male per ciò che è stato comunicato con una nota. Vedremo cosa succederà...".

 

QUI CHISOLA: Mezzano nuovo allenatore

 

Al momento mister Riccardo Boschetto preferisce non commentare la mancata riconferma in panchina: "Parlerò la prossima settimana".

Il ds Gusella: "E' stato scelto Mezzano perchè il Chisola ha fatto una scelta precisa per l'Eccellenza, quella di non spendere cifre folli. Avremo la rosa molto ringiovanita per questioni di budget, dispiace per chi non è rimasto e ringraziamo tutti i giocatori che abbandoneranno la maglia del Chisola".

Il presidente Atzori: "Noi e Boschetto siamo cresciuti e ci siamo divertiti insieme. Non potremo mai dimenticare l'epilogo e tutto questo anno e mezzo passato a condividere grandi soddisfazioni calcistiche. Sono state fatte altre scelte, ma un grazie a Boschetto è doveroso".

 

QUI ORIZZONTI UNITED

 

Oggi parola all'ex Alpignano Ruben Carini, a tutti gli effetti un nuovo giocatore del club di Peritore: "Sono veramente felice, perchè è come tornare a casa. Ho visto che c'erano le condizioni perchè tutto andasse a buon fine, per questo non ho avuto dubbi. Tra l'altro il ds Acquadro sta facendo un ottimo lavoro sul mercato e questo mi ha spinto a dire sì oltre al fatto che la società mi ha cercato con insistenza da aprile facendomi sentire importante. Alpignano? Sono stato benissimo. Una famiglia. Ci sono semplicemente idee diverse per il futuro. Io, Cirillo e Visciglia abbiamo ancora un'età per fare determinati campionati, vogliamo provare a vincere o a lottare per i piani alti. Ad Alpignano non c'erano le premesse per tutto ciò. Aggiungo anche, giusto per rispondere a Gatta, che non mi sento accompagnato alla porta come ha dichiarato qualche giorno fa. Anzi, volevano tenermi...Solo una precisazione senza polemiche".

Il presidente Gianetto: "Sono contento della scelta di Ruben e continuiamo a lavorare sul mercato assieme ai validi collaboratori. Confermo oltre agli arrivi di Carini, Coppo, Cirillo e Visciglia che si ripartirà tra gli altri anche da Camilli, Beretta, Benincasa, Gnisci, Germano e dal '98 Modena".

 

QUI PONT DONNAZ

 

Quest'anno è mancato un bomber di razza, anche se Montari ha fatto molto bene da centrocampista offensivo. E allora ecco la pazza idea: voci di corridoio raccontano di come la società orange sia fortemente interessata a Davide Lapadula. L'ex Saluzzo a giorni incontrerà il Sondrio, che ha la priorità.

 

QUI FOSSANO: TRIPLETTA

 

Non ci sono naturalmente ancora le firme ma c'è l'ufficialità: tripletta a Fossano con tanto di foto sul web per Bandirola dell'Albese, il portiere ex Dronero, Cuneo e Lavagnese Cammarota e il centrocampista Mattia Lerda.

 

QUI BORGARO - TRINO - BIELLESE - RIVOLI

 

Il ds del Trino Ristagno per un punto sul mercato: "Confermo gli accordi totali coi giocatori Canino e Bertola del BorgoVercelli, per la punta Delorentis sempre dal BorgoVercelli e per Montari dal Pont Donnaz. Stiamo lavorando sul mercato per arrivare ad ufficializzare altre importante pedine. Nei prossimi giorni avremo tutte le riconferme, una sarà certamente quella di Lopes. L'idea è quella di ripartire da tutto il blocco di giocatori ad eccezione di Grillo e Soncini che hanno lasciato la squadra".

Dunque, nome nuovo in casa Trino: arriva anche l'ex capitano del "Borgo" Bertola, classe 1986 di grande esperienza a centrocampo.

 

Poi è un triangolo di mercato. Il roccioso Grillo, sul quale molti club si erano fiondati, farà infatti con ogni probabilità il viaggio Trino-Borgaro per tornare in serie D alla corte di Licio Russo.

Ecco nuove idee per i biellesi di Roano collegati proprio ai movimenti in uscita del Borgaro: è ormai ufficiale il passaggio di Cristino e Ferrarese a Biella. Due pedine d'esperienza per la difesa. Sarebbe stato fatto un sondaggio sempre in casa Borgaro anche per la punta Pierobon e per l'esterno Brugnera.

Il punto interrogativo a Borgaro è sul portiere Cantele, che ha offerte dall'Eccellenza e ottime proposte anche dalla Promozione. Potrebbe anche partire e nelle ultime ore è stato accostato al club il nome di Volante del Rivoli, altro "big" che come Grancitelli (idea proprio del Trino), Pantaleo, Sardo (avvicinato allo stesso Borgaro) e altri compagni di squadra aspetta notizie certe di mercato dalla dirigenza.

 

QUI LASCARIS - RIVAROLESE- BARCANOVA

 

Nicola Lavalle non si muoverà da via Claviere: lo assicura il presidente del Lascaris Gaeta nonostante le voci di mercato che lo riguardano. Confermato l'interesse per Preziosi del Collegno, sondato assieme a Capobianco del Carmagnola e a molti altri giocatori.

Dopo la notizia dell'addio di D'Agostino la Rivarolese, tra i molti sondaggi, pare essersi fiondata su Eugenio Atzori, ex River Mosso ed Atletico Chivaddo seguito anche da Esperanza, Barcanova, Bollengo e Gassino. Un'idea interessante per l'attacco di Gousse.

Al Barcanova intanto alla corte di mister Ambrosini potrebbero arrivare Schepis e Racioppi. Si sta facendo di tutto per trattenere Di Vanno in rossoblu'.

 

QUI VENARIA

 

L'asta è di quelle importanti, perchè Apezteguia piace a parecchi club (interessamenti anche dalla serie B svizzera) ma il Venaria ha deciso di partecipare e di presentare la sua proposta per il talento del Gassino. Apetzeguia ha un incontro con la società al quale sarà presente anche il suo procuratore.

gio

08

giu

2017

Chisola, ecco Mezzano: mezza squadra sul mercato, Boschetto incredulo

CHISOLA: MEZZANO IN PANCA, I "BIG" SUL MERCATO

Boschetto e Mezzano
Boschetto e Mezzano

8 giugno 2017

 

Manca solo l'ufficialità del presidente Atzori e del ds Gusella, ma la notizia è stata comunicata dallo stesso direttore sportivo ad un giocatore.

Lo scenario è ormai definito in casa Chisola: arriverà per la panchina in Eccellenza l'ex Toro Luca Mezzano, che rileverà il "re di Coppe" Riccardo Boschetto.

Al mister pare fosse stato inizialmente offerto un ruolo da allenatore-manager, all'inglese, ma questa situazione è finita nel dimenticatoio con l'arrivo a Vinovo del ds Alberto Gusella, ex Pro Vercelli ingaggiato dal club per affidarsi ad una nuova figura di riferimento. Da quel giorno Boschetto (400 panchine in Eccellenza, 5 finali di Coppa di cui 3 vinte, l'uomo che ha trascinato il Chisola dai bassifondi di Promozione al salto di categoria) si è lentamente allontanato dalla panchina, ora dopo ora. Atzori ci aveva anticipato queste parole qualche settimana fa: "Abbiamo tanti progetti e soluzioni, non è detto che ci si trovi per forza sulle stesse frequenze anche se Boschetto qui è la prima scelta per il futuro".

 

I "big" ora sono tutti sul mercato (e in molti non hanno perso tempo in queste settimane di contatti con altre società): Barison, Ussia, Casamassima, Bettega, Bortolas, Beltramo, Vitale, Audino e compagnia bella hanno alzato la Coppa per poi terminare l'avventura con il Chisola subito dopo. Più che altro, dicono i giocatori al di là delle scelte di mercato, in queste settimane "...è mancato il dialogo. Le notizie interne arrivavano col contagocce fino a che abbiamo capito che l'avventura al Chisola era finita".

 

A breve dichiarazioni ufficiali degli addetti ai lavori.

gio

08

giu

2017

Bomber D'Agostino lascia la Rivarolese: "122 gol in 6 anni in tutte le categorie. E' stato bellissimo"

D'AGOSTINO-RIVAROLESE, FINE DI UN'ERA

Futuro in Promozione? A breve lo scopriremo

8 giugno 2017

 

Lo ha confermato lui stesso: Antony D'Agostino lascia la Rivarolese del nuovo corso targato-Gousse. Un percorso bellissimo costellato di gol e di gioie. Ecco le parole del bomber:

 

"122 goal in 6 stagioni dalla serie d alla prima.. segnando in tutte le categorie con la stessa maglia.. 59 goal negli ultimi 3 anni.. mai più avrei pensato di cambiare.. ma nel calcio non c'è niente di scritto! Volevo solamente ringraziare ma tanto i miei compagni anzi i miei amici che hanno provato in tutti i modi a far sì che io rimanessi.. volevo ringraziarvi perché mi avete permesso di migliore prima di tutto come uomo e poi come giocatore! Grazie ancora! Vi voglio bene".

 

Il futuro? Tantissimi i contatti per D'Agostino che vorrebbe rimanere in Eccellenza, anche se - assicura il bomber - non potrà spostarsi molto lontano da Rivarolo: "Probabilmente la Promozione sarà la soluzione migliore per motivi di lavoro, ma vedremo...".

Le nostre fonti registrano i tentativi dei club "vicini" di casa di D'Agostino: Gassino (Serta, Atzori, Napoli i nomi comunque in pole position vista la partenza certa di Apezteguia), Nolese, Volpiano, Bollengo, Quincitava, Ivrea Banchette...

mer

07

giu

2017

Ufficiale, mister Caridi al Cuneo con Gardano: "Occasione di crescita personale". Sarà il vice

UFFICIALE: CARIDI CON GARDANO AL CUNEO

Via dalla pro Dronero dopo 6 anni: "Lascio il cuore"

7 giugno 2017

 

ULTIM'ORA

 

Notizia-bomba nel cuneese: termina dopo 6 anni l'avventura di un altro "Ferguson" della panchina. Ebbene sì, è ufficiale dopo l'incontro di poco fa (ore 19.30): Antonio Caridi lascia la Pro Dronero e diventa vice-allenatore di Gardano al Cuneo.

 

Caridi: "Termina un'avventura splendida. Mi sono trovato sempre bene a Dronero, lascio belle persone e tanti ricordi. Praticamente, un pezzo di cuore. Sono arrivato in questa società nel 2011, quindi è stato un bel percorso...".

La motivazione: "Ha prevalso la voglia di crescita personale. Con la Pro ci siamo incontrati tante volte, ma non è mai scattata di nuovo la scintilla come nelle altre stagioni. Volevo alcune garanzie su quanto si potesse essere competitivi e si potesse crescere in futuro. Non ci siamo trovati d'accordo, ma fa parte del gioco e non ci sono polemiche. Gardano? Abbiamo un ottimo rapporto, ma non abbiamo lavorato mai assieme. Poteva essere così ad Acireale, ma decisi di no...Proveremo a far bene".

mer

07

giu

2017

Corneliano Roero, arriva Corradino. Lascaris: Preziosi? Mirafiori, il saluto di De Vincenzo

CORNELIANO ROERO, IN PORTA ECCO CORRADINO

Lascaris, idee di mercato. Mirafiori, il saluto di De Vincenzo

7 giugno 2017

 

Qui Corneliano Roero: la società cuneese ufficializza (manca solo la firma, accordo totale) l'arrivo del portiere Corradino, classe '86 ex Albese, Rocchetta, Asti e Benevento. Subito un rinforzo di grande qualità per Telesca.

 

Qui Lascaris: contatto dei bianconeri per arrivare al superbomber Salvatore Preziosi, 30 gol quest'anno con il Collegno Paradiso. Il presidente Gaeta non smentisce anche un avvicinamento al centrale Bertolotto.

 

Qui Mirafiori: un addio molto sentito, quello del mister Aldo De Vincenzo, che pubblichiamo integralmente visto quanto l'allenatore è apprezzato nell'ambiente. Ecco le sue parole tratte dal profilo Facebook relativamente al termine dell'avventura in panchina con la società.

 

"Ringrazio la presidentessa Giovanna Corbo per avermi dato fiducia e l'opportunità di vivere due anni intensi in una società sana, i cui valori sono rappresentati in colei che la gestisce e per aver instaurato con me un rapporto sincero e fraterno. Però come spesso avviene nel mondo del calcio, arriva il momento di prendere decisioni per il bene comune al di là dei rapporti umani forti che si sono instaurati tra le parti coinvolte.

Ieri si è conclusa la mia avventura al Mirafiori e a seguito di ciò scrivo questo messaggio, il quale ha lo scopo di ringraziare tutte le persone che mi hanno sempre sostenuto, dimostrato rispetto e fiducia anche solo con un semplice "ciao Aldo/mister come va?" o con un semplice "dai mister che ce la facciamo". Spero di aver contraccambiato allo stesso modo....con educazione, professionalità, impegno e onorando sempre i colori che indossavo.

Ringrazio, inoltre, TUTTI i giocatori che mi hanno accompagnato in questi due anni, che hanno creduto nel lavoro proposto in campo e soprattutto nei valori che ho cercato di trasmettere.

Un mio ringraziamento va ai ragazzi, ai dirigenti e ai genitori della Juniores, i quali hanno contribuito, insieme a quelli della prima squadra, al raggiungimento di soddisfazioni personali sul campo e fuori. In merito a ciò ringrazio Massimo Pennella per aver accettato la mia proposta di lavorare insieme al gruppo Juniores, contribuendo al raggiungimento di obiettivi insperati fino a quel momento.

Se ho peccato in qualcosa, con qualcuno di voi, mi scuso perché fatto sicuramente in maniera involontaria e senza alcuna mia intenzione. Vogliate anche perdonarmi se a volte alcune mie prese di posizione possano aver creato malintesi o malumori....ma tutto aveva come scopo il miglioramento di situazioni a me non chiare in quel momento e solo per il bene del Mirafiori.

Alla luce di due anni trascorsi con voi, vi ringrazio per aver contribuito ad arricchire le mie conoscenze e il mio bagaglio di esperienze. Porterò con me l'esperienza fatta con voi in questi due anni, così come porto con me tutte le altre raccolte in più di 20 anni di attività e di lavoro svolto nelle altre società in cui ho allenato.

Avrò modo di esprimere di persona, e in opportuna sede, tutta la mia gratitudine e un ringraziamento particolare ai miei collaboratori più stretti che mi hanno sostenuto e accompagnato nelle scelte e nelle decisioni prese durante questo cammino!! Maurizio Zanella, Diego Di Nunno, Noema Carosso, Carlo Muzzupappa, Matteo Fagnano e Ruggiero Valentino.

Auguro al Mirafiori e ad ognuno di voi di raggiungere traguardi sempre più importanti e prestigiosi.

Con affetto....grazie di cuore ad ognuno voi!!!!

Aldo De Vincenzo.

mer

07

giu

2017

Angelo Zollo (Bianzè), tre rigori consecutivi parati ai playoffs: "Che domenica..."

ANGELO ZOLLO, IL PARA-RIGORI DEL BIANZE'

Una domenica da protagonista in semifinale playoffs

7 giugno 2017

 

BIANZE'-COLLEGNO PARADISO 4-1 ai rigori (1-1)

Semifinali playoffs Prima Categoria
Bianzè: Zollo; Rega, Balocco, Rigoni, Colangelo; Parrinello, Ciraulo (20' Siragusa), Bellardita (25' st Pola); Cistaro, Panipucci (42' Galuppini), Porcelli. A disp. Bagnis, Zanetti, Valrosso, Gallione. All. Putrino.
Collegno Paradiso: Pascarella; Dellaia (33' st Vecera), Dalla Guarda, Bertololotto, Colombano; Murphy, Piedi; Micheletti (9' st Naturale), Esposito (22' st Ferrigni), Preziosi; Serta. A disp. Fontana, Iacovelli, Demartini, Rossi. All. Mele.
Reti: 2' Panipucci; 49' st Murphy.

Sequenza rigori: Parrinello gol, Murphy parato, Colangelo gol, Colombano parato, Porcelli gol, Bertolotto parato.

Arbitro: Boreanaz di Bra

 

Tre parate consecutive ai rigori. Tre. Ai playoffs Prima Categoria il Bianzè fa fuori il Collegno Paradiso con una prova ai limiti della perfezione dagli 11 metri e strappa a morsi la finale soprattutto grazie ai riflessi e ai guantoni caldi del portiere Angelo Zollo, classe 1988, interista (che ama Buffon) impegnato nella vita nell'ambito della sicurezza sul lavoro.

 

Oggi l'ex numero 1 di Cavaglià, Biellese, Borgosesia, ancora Cavaglià. Alicese, Vigliano e Greggio è ai nostri microfoni.

Angelo, sei l'eroe del weekend: "Mi fa molto piacere questa definizione e non capita tutti i giorni di parare tre rigori lasciando a zero gol l'avversario. Se ho visto qualche video o studiato i giocatori del Collegno? Onestamente...no. Non avevo alcuna idea di dove calciassero, mi sono affidato alla lettura e interpretazione di piccoli movimenti...Ho pensato solo a una cosa, volevo che i rigoristi mi vedessero tranquillo".

Emozioni: "Tante...Il gol subìto al 94' pensavo potesse tagliarci le gambe, invece abbiamo reagito e tenuto botta. Io stesso ero carico, ho visto la squadra stare bene. Abbiamo sconfitto il caldo, le tante assenze, il ritorno del Collegno, ottima squadra...Insomma, è stata la nostra domenica, all'insegna certamente della felicità. Ora manca solo la ciliegina, tutto l'ambiente spera di portare a casa il salto di categoria in Promozione contro le Scuole Cristiane".

 

Zollo è un abbonato ai playoffs che ha già disputato un po' ovunque da Cavaglià a Borgosesia: "E' vero, quest'anno tenterò ancora l'assalto al 1° posto questa volta assieme ai fantastici compagni del Bianzè. Una grande famiglia. C'è stato un po' di rammarico per non aver vinto il titolo visto che la rosa è molto forte, ma ormai è acqua passata. Ci siamo catapultati nei playoffs e adesso vogliamo solo trionfare. Scaramanzie tra i pali? Le cambio in continuazione...Meglio dire che non ne ho".

Citazioni e pensieri finali: "Sicuramente per tutti i compagni di squadra, per mister Putrino, per il grande preparatore Capece che ho avuto a Biella a 18-19 anni e col quale sono cresciuto e maturato, e poi penso a Roberto Vallaro, maestro di calcio a Cavaglià, Enrico Erbari, Alessandro Ramella preparatore a Biella e ancora al mio compagno di reparto Gregorio Bagnis col quale si è creato un grande rapporto d'amicizia. Infine voglio ringraziare tutti i componenti delle varie società dove ho giocato, staff e volontari. Il dilettantismo è un mondo enorme, fatto di persone eccezionali e fondamentali anche dietro le quinte. Senza di loro il sistema che molti, come me, amano non andrebbe avanti...".

mer

07

giu

2017

Fari puntati su Rivoli e Denso. Sondaggi per Barison, riconferme Olmo. E Ragazzoni dice: "Carrara"

RIVOLI, DENSO E I "BIG". RAGAZZONI RESTA AL CARRARA

Gassino dinamico, il Susa aspetta Aloisi (ma non troppo)

7 giugno 2017

 

Eccellenza: il Rivoli dovrà blindare al più presto i suoi senatori. Da via Isonzo il ds Azzolina e mister Fornello non nascondono come il mercato dei Lupi sia al momento fermo, ma soprattutto lo confermano i giocatori. Ad oggi mancano proprio le riconferme ufficiali dei "big" ai quali, ci risulta, stia suonando parecchio il telefono.

Stiamo parlando di Grancitelli, Pantaleo, Volante, Piroli, Cravetto, Ferone...Se questi ultimi due sono già stati accostati al Vanchiglia (mancano ovviamente le firme) e se Pavan è praticamente un giocatore della Piscinese Riva, le voci raccontano di come tantissimi direttori sportivi abbiano messo gli occhi sui pezzi grossi del Rivoli. Una cosa è certa, per quasi tutti ii senatori la priorità è proprio ripartire dalla maglia gialloblù. A breve potrebbe esserci lo scossone sul mercato che tutti aspettano.

 

Ieri serata delicata anche a Susa: incontro tra società e Aloisi. La Piscinese Riva è alla finestra...Il nome più caldo per la sua eventuale sostituzione è quello di Scavone del Pavarolo ma è iniziato lo zoom anche su Trussardi del Mathi (già vicinissimo al Susa mesi fa) e su molti giocatori della Denso.

Ammendolea, Geografo, Dalla Costa, Zanchi, Carfora, De Miglio, Ferretti, Benedetto, Shtembari e compagni rischiano infatti di diventare le pedine più ricercate della sessione estiva.

Ancora Eccellenza: l'Olmo tramite sito web comunica di aver confermato per il prossimo campionato quattro giovani calciatori cresciuti nelle giovanili della società grigiorossa: il difensore Edoardo Bernardi ('97) e i centrocampisti Marco Magnaldi ('98), Davide Magnaldi ('99) e Matheus Biondi de Oliveira ('98).

 

In Promozione previsti grossi movimenti a Gassino, dove naturalmente l'ingresso di Berta ha spostato alcuni equilibri del calcio territoriale. I vari Serta del Collegno e Napoli del Venaria, vecchi pupilli del mister, sono stati già accostati al club assieme a Greco Ferlisi ("Priorità al San Mauro") e ad Eugenio Atzori ex River e Atletico Chivasso. In più il Gassino si è fiondato su Delfino del Mathi e come molte altre società sull'esterno offensivo Trussardi, sempre del Mathi. In uscita da San Mauro, invece, l'altro bomber Gabriele Saracino: attualmente è sul mercato.

 

Grande asta, come da copione, per Manuele Barison. Al Chisola stessa situazione del Rivoli: mancano molte riconferme, almeno ad oggi, e per molti il telefono è già suonato. Le nostre fonti indicano sondaggi da parte di Pancalieri Castagnole, Carmagnola, San Giacomo Chieri e Infernotto per Barison.

Intanto dopo le voci riguardanti Mezzano ecco quelle su Di Leone del Cavour tra i "papabili" per la panchina. E Boschetto? Sempre più defilato...

 

Una notizia anche in Prima Categoria. E' ufficiale: il tecnico Alessio Ragazzoni, avvicinato al Cenisia, al Mirafiori e al Fiano Plus ha preso la sua decisione. "Resto al Carrara", ha dichiarato il mister artefice di un salto verso l'alto importante per la società col 4° posto, 11 vittorie consecutive e playoffs.

Così Ragazzoni: "E' una sistemazione che mi permette di gestire anche questo periodo della mia vita extra-calcistica. Il blocco della squadra resterà immutato, anche se la rosa a disposizione per motivi di studio e lavoro si è un po' ridotta. Punteremo quindi ad alzare il livello dell'asticella in tutti i reparti, con un occhio particolare ad attacco e centrocampo. Chi si aggregherà alla squadra entrerà a far parte di un grande gruppo nel quale si lavoro sodo e ci si pone l'obiettivo costante di proporre calcio e cultura tattica, dove non esistono diritti preacquisiti e si viene scelti per merito. Certo, la disponibilità economica non è quella di grandi società, ma il rifacimento degli spogliatoi e nuovi ingressi a livello dirigenziale sono la dimostrazione che qualcosa si sta muovendo. Obiettivi? Non sarà facile ripetere la cavalcata della passata stagione, ma proveremo a stupire tutti ancora una volta. Partiremo senza proclami e con tanta umiltà, cercando di migliorarci sempre senza mai perdere il sorriso".

Ragazzoni
Ragazzoni

mer

07

giu

2017

Chianocco-Bussoleno, fusione all'orizzonte? Sarà Prima Categoria, al 90% con Calabrò

CHIANOCCO-BUSSOLENO, FUSIONE E IDEA PANCHINA

7 giugno 2017

 

Nuove idee in valle Susa. Voci di corridoio assicurano come Bussoleno e Chianocco siano sempre più vicine alla fusione.

Al 90% secondo le nostre fonti si tratterà di una sinergia/collaborazione tra società e dirigenti, con l'accorpamento dei giocatori. Dove? In Prima Categoria. Sarà quindi una bella opportunità per il Chianocco, che ha fatto sempre Seconda e Terza in questi ultimi anni.

Per la panchina un nome in pole position: Natalino Calabrò in uscita dal Lesna Gold, dove ieri sera (non a caso) ha fatto un'ultima cena di ritrovo coi suoi ragazzi dopo quattro anni...

mar

06

giu

2017

Ufficiale: il Pianezza riparte da mister Michele Bonafede

PIANEZZA: SI RIPARTE DA BONAFEDE

7 giugno 2017

 

E' ufficiale: il Pianezza del presidente Corrarati ripartira' in Prima Categoria dalla guida tecnica di mister Michele Bonafede, che con il piazzamento playoffs della stagione appena conclusa ha fatto registrare il piu' importante trend degli ultimi anni.

Bonafede: 'Felice di ripartire da qui. Per la prossima stagione riconferemo almeno l'80% della rosa, ma dovremo intervenire sul mercato per sostituire alcuni giocatori importanti che stanmo valutando di smettere come Rotunno, Marino, Navarra, Valastro, Furgato...Qualcuno di loro potrebbe rimanere nello staff, mi farebbe molto piacere'.

Molto interessante il progetto-sintetico confermato dallo stesso Bonafede, con la possibilita' di crescita negli allenamenti per tutte le squadre.

mar

06

giu

2017

Pianese, clamoroso: beffato Scardino, arrivera' Capobianco dal Pavarolo!

PIANESE, CAPOBIANCO SORPASSA SCARDINO

6 giugno 2017

     

ULTIM'ORA


Notizia ufficiosa ma ufficiale: ad allenare la Pianese inserita in Promozione 2017/2018 (via matricola Atletico Chivasso) non sara' Vito Scardino ma Carlo Capobianco in uscita dal Pavarolo.

Sorpassone clamoroso nelle ultime ore. Scardino: 'Avevo avuto la parola del ds Gepy Rosso, ma pare sia stata una scelta del presidente Tubino. Non ce l'ho con nessuno, sono dispiaciuto e perplesso'.

mar

06

giu

2017

Psicosi-sparizioni dei club. Denso, Savigliano e...Juve Domo? Il ds Massoni: "Follia pura"

JUVE DOMO, A BREVE IL NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO

Massoni: "Folle pensare che non ci iscriveremo"

Ricky Poi, 30 gol a Domodossola e oltre 200 in carriera: ora è sul mercato
Ricky Poi, 30 gol a Domodossola e oltre 200 in carriera: ora è sul mercato

6 giugno 2017

 

Il Savigliano rinuncerà all'Eccellenza (dichiarazione del presidente Crosetto, possibile la Promozione o soltanto un percorso con il settore giovanile, si vedrà a breve), la Denso al 99% sparirà completamente dal pianeta calcio (nota ufficiale clamorosa firmata Denso Fc di ieri sera) e la psicosi continua con voci che sbarcano a Torino e che riguardano un presunto smantellamento della Juventus Domo, che abbandonerebbe pure lei l'Eccellenza. Si parla di drastiche decisioni del presidente Scesa. Si parla, appunto...

 

Siccome la voce è stata riportata da dirigenti e giocatori ben radicati nell'ambiente del calcio piemontese è nostro dovere cercare la verità e riportare dichiarazioni ufficiali.

Il ds della Juventus Domo Daniele Massoni: "Follia pura...Nient'altro da aggiungere. E' completamente falso, tant'è che in settimana verrà nominato un nuovo consiglio direttivo. Poi inizieremo a costruire la nuova rosa".

 

Sicure le partenze del bomber Ricky Poi (proposta dell'InterFarmaci, tentativo dello Stresa, accostamenti anche al Trino e Baveno per il giocatore che ha realizzato 30 gol quest'anno ed oltre 200 in carriera tra Piemonte e Lombardia) e di Alessandro Elca (Omegna?).

Affinito, invece è stato avvicinato al Borgaro. Sul mercato almeno fino ad un incontro con la società c'è anche il portiere Bastianelli. Il Baveno ha fatto un sondaggio per l'altro superbomber Hado.

mar

06

giu

2017

Calcio piemontese in lutto: è scomparso Franco Ricci, ex ds di Asti e Bra

IERI SERA E' SCOMPARSO FRANCO RICCI

Brutta notizia per il calcio piemontese

6 giugno 2017

 

Una brutta notizia per il mondo del calcio piemontese e non solo: ieri sera è tristemente scomparso, pare a seguito di un malore nella sua abitazione di Torino, Franco Ricci, ex direttore sportuivo dell'Asti e del Bra del nuovo corso Daidola.

Ricci era un dirigente molto conosciuto e sempre impegnato nell'organizzazione di eventi sportivi e di beneficenza.

 

La redazione di Sportovest si stringe attorno alla famiglia esprimendo le più sentite condoglianze.

lun

05

giu

2017

Clamoroso: Denso, è tutto finito. Salterà l'iscrizione al 99%, un buco in Eccellenza

DENSO, DOCCIA GELATA: STOP AL CALCIO

Dalla possibile fusione col Chisola, al 99%, alla sparizione

Mister Panetta imbronciato, non può che essere così
Mister Panetta imbronciato, non può che essere così

5 giugno 2017

 

ULTIM'ORA

ore 19

 

Nota ufficiale Denso FC: "Da qualche giorno circolano voci insistenti riguardo ad una possibile rinuncia da parte di questa società all'iscrizione al prossimo campionato 2017/2018. Giusto per correttezza nei confronti di tutti gli addetti ai lavori, siamo a rendere noto che la proprietà Denso parrebbe avere orientamenti diversi da perseguire con investimenti a scopo sociale. Al momento la possibilità di proseguire l'avventura calcistica è ridotta al minimo; non è ancora detta l'ultima parola però, si lavora per cercare di cambiare la rotta".

 

Il Direttivo Denso FC

 

Una notizia veramente clamorosa, peraltro già anticipata da alcune voci giorni fa. Ora, però, c'è l'ufficialità ("Possibilità ridotte al minimo") anche se gli addetti ai lavori della Denso FC tenteranno di cambiare la sorte fino all'ultimo secondo e forse proveranno anche ad aprire un tavolo di trattative con l'amministratore delegato Marco Di Rao Marotta.

La storia della Denso, un "calcio dopolavoristico" previsto inizialmente per gli operai dell'azienda dalla proprietà giapponese dell'azienda di Poirino, è tutta qui: una crescita costante e continua, un campionato vinto dietro l'altro, il record delle 20 vittorie consecutive nel 2014/2015 (mai visto niente di simile in Prima Categoria negli ultimi 15 anni). Un mese fa la ciliegina, il salto in Eccellenza. Ora la possibile sparizione del club...

Dura lex, sed lex. Il calcio è fatto di piccoli grandi cicli, di società legate a doppio filo alle aziende, di investimenti e di scelte. Questo è il rischio che si corre...

Oggi sappiamo che è un giorno molto particolare e delicato per tutti gli addetti ai lavori che hanno messo anima e cuore nel progetto. Oltre a tutti i giocatori citiamo una figura su tutte in particolare: Beppe Macchi, il direttore sportivo, un grande appassionato di calcio col dna pallonaro nel sangue nato nel 1982, un anno che non si può non associare al trionfo italiano in Spagna ai Mondiali.

 

Le conseguenze? Inevitabili, anche se erano arrivati segnali emblematici in questo senso (il mercato era quasi fermo, cosa abbastanza strana per l'ambiziosa Denso): i giocatori al 99% saranno tutti svincolati, così come allenatori (Panetta), preparatori e dirigenti (Macchi, Gobetti...). La fortuna? Oggi, paradossalmente, è quella di non avere un settore giovanile costretto a leccarsi le ferite.

 

LA STORIA DELLA DENSO

 

2017/2018 Al 99% sparizione del club

2016/2017 Promozione, 1° posto e salto in Eccellenza

2015/2016 Promozione, 7° posto

2014/15 Prima categoria G, 1° posto
2013/14 Prima categoria E, 2° posto (spareggio "scudetto" perso vs Carignano e finale di Coppa piemonte persa vs Banchette)
2012/13 Seconda categoria L, 4° posto (ripescaggio)
2011/12 Terza categoria, 1° posto

lun

05

giu

2017

Piazzoli (Atletico Torino): "Arriveranno 3-4 pedine e giovani". Gurlino sul mercato: "Annata fantastica"

ATLETICO TORINO: MERCATO E SALUTO DI GURLINO

Piazzoli: "Stiamo lavorando molto, in silenzio..."

5 giugno 2017

 

QUI ATLETICO TORINO

 

Dopo uno spettacolare salto in Eccellenza la società del presidente Arcella sta facendo un mercato "strategico".

Ci spiega il significato di questo termine contestualizzato al club mister Vincenzo Piazzoli: "Un mercato silenzioso, perchè non ci piace far rumore, cosa che potrebbe solo danneggiarci. Un mercato ricco però di idee, di lavoro silenzioso e di obiettivi mirati. Dico solo che stiamo chiamando molti giocatori. In questo momento la pubblicità ci serve poco o nulla...Di certo non parteciperemo ad aste e arriveranno 3-4 pedine oltre ad altrettanti giovani del '99".

 

Uno di questi potrebbe essere Daniele Marino, che voci di corridoio assicurano sia ad un passo dal lasciare il Colline Alfieri per trasferirsi all'Atletico. Marino è un centrocampista classe 1994 con oltre 150 presenze nel club astigiano.

Le nostre fonti raccontano anche di come il club di via Palatucci (che ha tentato l'assalto anche a Grillo, difensore del Trino che passerà al 90% alla Pro Settimo, e a Davide Lapadula) possa ripartire da "senatori" come Piovesani, Sansone, Marmo, Di Matteo e probabilmente anche Curto e Gambardella. La lista (completa) dei riconfermati, in ogni caso, verrà ufficializzata a breve dalla società.

 

Non farà parte della rosa, invece, Stefano Gurlino, portiere affidabile, una sorta di "Sebastien Frey" tra genio e sregolatezza. Ora è sul mercato.

Gurlino, che ha avuto un contatto col Savio Rocchetta (dal quale secondo i ben informati partirà mister Raimondi direzione Santostefanese): "Mi sono divertito, è stata una cavalcata inaspettata. Una gran bella stagione. Dopo la vittoria col Lucento abbiamo capito che si poteva fare, che il titolo poteva veramente arrivare...Cosa confermata poi dalla vittoria contro il Villanova e fuori casa contro il Cenisia, un piccolo derby per me. La secca sconfitta contro il Savio Rocchetta poteva buttarci giù, poi abbiamo infilato una striscia pazzesca di successi consecutivi e abbiamo vinto credo con merito, pur consapevoli del fatto che chi ci precedeva in classifica ha fatto degli errori e ci ha servito l'Eccellenza sul piatto d'argento".

Chiude Gurlino: "Perchè vado via? Si è rotto qualcosa all'ultima giornata. Piazzoli è un bravo allenatore che stimo, tra l'altro dice sempre che mi vuole bene ed è così anche per me, ma sa quanto tenessi a giocare la partita della festa, l'ultima di campionato, che invece ho visto dalla panchina. Secondo me avrebbe potuto gestire meglio quella situazione, ma lo dico senza polemiche. E poi ci sono altri motivi. Voglio ringraziare, comunque, tutti i compagni e lo staff. Vincere è sempre bello, ma lo abbiamo fatto con un girone di ritorno memorabile. Un pensiero anche al collega Scardino, un '98 che ho visto crescere e migliorare. Mi sono rivisto in lui pensando alle mia avventure calcistiche di qualche anno fa".

lun

05

giu

2017

Mercato: panchine e fusioni, le situazioni in standby. Il mistero-Chisola. E i bomber...

VOCI, CONFERME, SMENTITE E SMANTELLAMENTI

E' il tempo delle chiacchiere: il punto

Voci Chisola: chi ripartirà in Eccellenza di questi giocatori?
Voci Chisola: chi ripartirà in Eccellenza di questi giocatori?
Da sinistra: Magnino, Amoruso, Greco Ferlisi e Cherchi
Da sinistra: Magnino, Amoruso, Greco Ferlisi e Cherchi

5 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

Quali sono le situazioni più misteriose in questo momento sul pianeta calcio dilettantistico piemontese (Eccellenza/Promozione)? Ecco un aggiornamento della situazione, che include voci di mercato.

 

Innanzitutto c'è il mistero-Chisola. Mentre tante società hanno già scattato foto con i nuovi allenatori e hanno già stretto primi accordi con i giocatori il ds Gusella (che abbiamo sentito giorni fa, ma non c'era alcuna notizia da riportare) sembra agire con calma e piedi di piombo. I ben informati raccontano di come questa tranquillità non stia però piacendo particolarmente nell'ambiente Chisola. In primis a mister Boschetto, ancora in bilico e costretto ad incassare le voci riguardanti Luca Mezzano, in secondo luogo ai giocatori. Ad oggi più di mezza squadra è sul mercato e nonostante il salto di categoria e la Coppa Promozione in bacheca non c'è, di fatto, un giocatore riconfermato almeno fino ai primi incontri ufficiali: da Barison a Casamassima, da Bettega (sul quale si è fiondato il Vanchiglia) a Deasti (nel mirino di club di serie D, piace molto anche al Fossano). Tira aria di smantellamento e fonti interne non smentiscono. Settimana decisiva per l'allenatore e per le prime mosse di mercato?

 

Nei prossimi giorni/settimane altre situazioni verranno poi definite. Si sta trascinando per le lunghe il dialogo Pro Dronero-Caridi (quarto incontro, riconferma o addio potrebbero arrivare in settimana); se è ormai certo che non sarà Eccellenza (per la gioia delle società in finale playoffs) non è detto che il Savigliano decida di fare la Promozione e stando alle parole di Crosetto riportate ai nostri microfoni non è da escludere un futuro che preveda soltanto il settore giovanile; rebus da svelare anche in casa Denso, dove tutti attendono decisioni ufficiali da parte dell'amministratore delegato di Denso Italia Marco Di Rao (ancora risorse per il pianeta-calcio o sparizione del club creando un nuovo buco in Eccellenza?).

E ancora: cosa succederà a Pinerolo? Ieri abbiamo scritto un messaggio al centrocampista Marco Didu, candidato per la panchina (in possesso del patentino Uefa B) assieme a Massimo Ricardo dagli Allievi. E lui: "Ancora nulla di ufficiale". Intanto c'è un nuovo dg, Claudio Giordano. Sostituisce il dimissionario Zennaro.

I misteri da svelare proseguono passando al Pavarolo: se non entreranno nuovi sponsor/sinergie si profila una stagione in Eccellenza puntando sui giovani. E quindi: pezzi da novanta come Scavone, D'Alessandro, Todaro e Monteleone sul mercato (hanno già molte richieste) e mister Capobianco verso nuovi lidi?

Se il Saluzzo ha riconfermato Rignanese (bomber Pinelli: "In questi giorni parlerò con la società, la volontà è quella di rimanere ma ci sono da mettere a posto un paio di cose") e se l'Asca potrebbe a breve ufficializzare l'ex Pro Settimo Nobili (via i senatori, squadra giovane), manca ancora un mister in Eccellenza al Romentinese/Cerano (RO.CE.): mister Giorgio Rotolo, ex Trino, ci conferma i contatti con la società ("Stiamo parlando") e potrebbe aver sorpassato Zanardi.

Infine, settimana decisiva per la ProSettimo Eureka, dove tutte le strade portano a Romagnino anche se il ds Tosoni non si è voluto sbilanciare e ha lasciato intendere che i nomi in ballo sono 2-3. L'ufficialità, ci ha detto Tosoni, arriverà tra martedì e mercoledì.

 

Scendendo in Promozione giorni bollenti a San Mauro (Ligato o non Ligato? Oppure l'ex Lucento Senatore?), punti interrogativi anche al Cavour (martelliamo da due settimane, Di Leone o cambio di rotta?), Savio Rocchetta (in settimana sapremo se resterà Raimondi, avvicinato anche alla Santostefanese dove ha lasciato la panchina Amandola e dove il mercato solitamente parte sempre con molta calma...), al Carignano (Caputo?), al Volpiano (via Conta, Santoro in panchina?), Pianese (domani la firma per rilevare la matricola dell'Atletico Chivasso? Scardino allenatore o inserimento clamoroso di Capobianco?) e mancano ancora gli allenatori in casa Cassine e Arquatese.

Sempre a proposito della fusione di Chivasso questa potrebbe in realtà diventare un accorpamento/collaborazione, con matricole separate. E questo potrebbe essere un segnale negativo per la Pianese, che proverebbe così' a sondare la disponibilità di cedere la matricola del Trofarello...

Se al San Giacomo Chieri potrebbe restare Bonello (che ha preso qualche giorno di vacanza dopo la salvezza ai playout) alla Valenzana Mado, invece, una new entry in panchina: l'esordiente Mattia Greco.

 

Giocatori. Si parte sempre dai bomber. E' caccia a Davide Lapadula, tornato a lavorare a Moncalieri e quindi a far parte del mercato piemontese. Il Sondrio, che gli ripresenterà una proposta, ha però la precedenza su tutte le squadre ma voci di corridoio confermano i tentativi di Saluzzo, Corneliano Roero, Settimo, Trino...e poi ci sono altri club di Lombardia molto vigili.

Torniamo al Trino: qui al 90% arriverà Simone Delorentis, oltre 50 gol in Eccellenza negli ultimi due anni. Il puntero potrebbe far parte della rosa di Cretaz assieme a Canino, Montari e forse Fiore dal Pont Donnaz. Per il centrocampo, se dovesse sfumare Didu (Pinerolo) si andrebbe "all in" sul forte regista del Baveno Cherchi, nome che giorni fa Cretaz ci ha fatto: "Sicuramente un bel giocatore".

L'Olmo tramite mister Magliano ha fatto un sondaggio per bomber Magnino del Centallo, sondato anche dal Revello e dal Busca.

La notizia riguardante Simone Aloisi dell'Union Susa (anticipazione esclusiva sabato scorso) ha scatenato un mezzo putiferio anche perchè molti danno per scontato che "Fanta" possa partire verso Piscina per formare un trio da sogno con Melle e Magno. A Susa i nomi caldi sono quelli di Scavone del Pavarolo e di Trussardi del Mathi Lanzese (a proposito del Mathi, Clori verso Moretta, Delfino verso Gassino - mister Berta conferma il tentativo).

 

Il ds dell'Union Susa Galluzzo: "Sul caso-Aloisi abbiamo preso atto di quanto lui ha dichiarato sabato sul sito. Da parte nostra non possiamo dire che sia mai stato in discussione, ma solo che in questi giorni c'è anche una valutazione tecnica in corso da parte del mister Falco sul fatto che nei prossimi mesi il giocatore possa essere sempre a completa disposizione in tutti gli allenamenti. Motivazioni extra-calcio, infatti, ci fanno pensare che possa non essere così. Dopodichè se vorrà andare via ce lo comunicherà. Noi continuiamo con la nostra filosofia. Niente cifre folli. E se gli altri possono raggiungerle, pazienza. Cravetto? La trattativa non è neanche partita, purtroppo sarebbe disponibile solo per due allenamenti su quattro".

Saluzzo, Favale e Pinelli
Saluzzo, Favale e Pinelli

Al Rivoli, per ora, notizie di possibili giocatori in uscita: Cravetto, Ferone e Cervino verso il Vanchiglia. Tutti gli altri sono in standby tra telefonate ricevute e fughe di notizie riguardanti le ambizioni della prima squadra (Grancitelli e Pantaleo sono stati già citati tra i riconfermati). Stallo completo anche per il ds Azzolina e mister Fornello che abbiamo sentito in questi giorni. Insomma, il mercato in entrata deve ancora decollare.

Il Settimo di Viola punta Cretazzo del Cavour (e c'è un sogno tra i pali, Cantele del Borgaro che ha una proposta molto interessante sempre dalla Promozione), Andrea Rognone dello stesso Settimo è finito sul taccuino del Corneliano Roero (dove visto l'ingresso di Telesca potrebbero arrivare Massimo e Moreo) e del BorgoVercelli (sappiamo però che Rognone piace anche all'Alpignano di Gatta), il bomber del Baveno Giancarlo Varvelli potrebbe tornare nel cuneese (Pro Dronero? Savigliano?) ma viene seguito da La Biellese per sostituire eventualmente Delorentis, la Pro Dronero intanto sta sondando anche Pepino del Pedona, che a sua volta si è avvicinata secondo fonti certe a Magnino del Centallo.
Il Baveno ha provato la pista-Hado (nessuna fumata bianca per il giocatore della Juve Domo) e sarebbe molto vicino a Luca Cabrini dello Stresa.

Al Fossano si parla dei possibili arrivi del portiere dell'ex Toro, Lavagnese, Cuneo e Pro Dronero Federico Cammarota (certo l'addio di Masneri) e del centrocampista Mattia Lerda dall'Olmo. Voci portano a Favale del Saluzzo, che per il momento ci dice: "Non ho avuto contatti con loro".

Il Pavarolo sta cercando di blindare i suoi gioielli ma difficilmente resteranno nel caso non subentrassero nuovi sponsor e sinergie: richiestissimi Fabio D'Alessandro in mezza Eccellenza, idem per Todaro (anche un'ottima proposta in Promozione) e Cellamaro (Settimo).

Il bomber Marco Capobianco in uscita dal Carmagnola è nel mirino di Grugliasco e Lascaris, così come Caria per il Carignano. I migliori giocatori del Savigliano, intanto, sono sul mercato: De Peralta potrebbe andare proprio al Carmagnola tornando da mister Milani (si parla anche di Pro Dronero), Mazzafera è un'idea di Pro Dronero, Corneliano e Olmo, piacciono a diversi club anche Caracciolo, Rosso e Serino.
Alla Piscinese Riva, se dovesse essere ufficializzato Aloisi, tornerebbe sul mercato Mattia Martin, che potrebbe essere un'idea per il nuovo Pinerolo.

Al Pancalieri ecco Michele Schinco dal San Mauro, Giuseppe Cedro dal Bsr Grugliasco e probabilmente anche Aiello dal Trofarello.

Il Gassino punterà a tenere Apezteguia, richiestissimo, ma potrebbe comunque arrivare (in sostituzione o affianco a lui) Nino Greco Ferlisi...E si parla anche di Atzori, vicino anche al Bollengo così come Mabritto dell'Ivrea.

 

Prima Categoria. Il Cafasse Balangero, fresco di titolo, potrebbe perdere bomber Arena (richiestissimo in Promozione) ma in quel caso si fionderebbe su Greco Ferlisi del San Mauro. Su di lui, secondo le noste fonti, resta in pole position il Gassino di Berta, naturalmente grande estimatore del bomber.

Greco Ferlisi non si sbilancia: "Prevedo una settimana calda...Diciamo che mi sento ancora molto bene, ho ancora tanta fame...Devo incontrare il San Mauro, al momento è questa la mia priorità. Intanto sto valutando le varie proposte".

 

A Pianezza giorni decisivi per la riconferma di Bonafede ("L'anno scorso sì, ero vicino al San Mauro, quest'anno devo dire di no e smentisco le voci"), il Lesna Gold al momento non ha un allenatore (Calabrò sul mercato), l'ex Cambiano Danese guiderà in panchina il Villastellone per il post-Profeta, Collegno Paradiso (Mele?) e Carrara (Ragazzoni?) a breve si esprimeranno su eventuali riconferme o cambiamenti.

Il Real Leinì di Livieri è in piena trattativa con Tancini, ex Borgaretto e Bacigalupo, Damiani, ex Atletico Volpiano, Boero ex Quincitava, il difensore dell'Atletico Camosso, Fichera del Rosa, Il portiere Liut e Minelli. Già trovato l'accordo per Ceste, '96 ex Caselle, e Mazzone.

lun

05

giu

2017

Lucento, finale playoffs e quasi Eccellenza. Revello, stagione super! Applausi per Perlo & C.

LUCENTO VICINISSIMO ALL'ECCELLENZA

3-1 al Revello: crescita enorme per il club cuneese

Dinocca, Perrone e Lepera
Dinocca, Perrone e Lepera

I GOL DELLA PARTITA

5 giugno 2017

 

LUCENTO-REVELLO 3-1 - Semifinale playoffs Promozione
Lucento: Dinocca; Pili, Bertinetti, Radin, Valeriano (35' st Riva Governanda); Rizzo (44' st Lo Giudice), Amato, Padroni, Luparia; Le Pera (45' st Ferlazzo), Perrone. A disp. Fornaro, Fogliato, Filograno, Vittone. All. Maione.
Revello: Lucignani (23' st Armando); Borello (35' st Martucci), Gaboardi, Bessone, Franco; Blua, Agù; Preci, S. Pedrini, Tevino; U. Pedrini. A disp. Dalmasso, Kambulla, Mardoda. All. Perlo.
Arbitro: Bertaina di Bra.
Marcatori: 14' Blua, 16' Pedrini aut., 29' st rig. Perrone, 43' st rig. Amato.
Note: ammoniti Radin, Amato, Lucignani, Tevino e Armando.

 

Lucento mai così vicino al ritorno in Eccellenza: il salto di categoria in corso Lombardia manca da 768 giorni, dalla stagione 2014/2015 e da quel Colline-Lucento del 19 aprile 2015.

Ora è praticamente fatta. Sì, perchè la finale playoffs alla quale il Lucento si è qualificato (3-1 al Revello in rimonta) varrà in ogni caso, anche in caso di sconfitta su campo neutro contro il Cavaglià, la possibilità quasi certa di essere ripescato tenendo conto dei possibili buchi lasciati liberi (vedi Savigliano).

 

La partita: al Lucento non piacciono le cose facili, come dimostra il finale di campionato, e al 14' c'è subito da rimettere in piedi la partita dopo lo 0-1 di Blua del Revello, bravo a sfruttare un errore di lettura di Bertinetti, che si fa beffare sull'out di sinistra. Bellissimo il piattone a giro del centrocampista.

Due minuti dopo è già 1-1: corner dalla destra e contemporaneo tocco di Bertinetti e Stefano Pedrini per un gol-autogol. Dinocca al 25' salva il Lucento da una sassata di Pedrini, risponde per le rime Lucignani su un tentativo di Perrone.

Nella ripresa cambio forzato tra i pali del Revello con Armando che rileva Lucignani. Poco dopo lo stesso Armando si ritrova di fronte ad 11 metri bomber Perrone, prontio a calciare un rigore conquistato da Lepera. Gol, 2-1 al 29' st.

Poi è ancora Dinocca show su Martucci con due parate che evitano i supplementari e che permettono al valdostano Amato di trovare il 3-1 a due minuti dalla fine sempre su rigore.

 

Titoli di coda: Lucento pronto per l'ultima battaglia contro il Cavaglià (57 punti per entrambe e secondo posto, sarà quindi campo neutro con l'eventualità dei calci di rigore), Revello che chiude con grandi applausi una stagione che l'ha vista per mesi in cima alla classifica davanti alle corazzate Denso, Pedona, Piscinese e Chisola. Un grandissimo lavoro per mister Perlo che con lo stesso gruppo, lavorando sul gioco e avendo a disposizione un budget molto inferiore rispetto a quello del Lucento, è passato dalla zona playout a quella playoffs in 365 giorni con la ciliegina-semifinale.

dom

04

giu

2017

Cit Turin-Pinasca 3-2: locali in finale playoffs! Pinasca, solo applausi!

CIT, FINALE MERITATA. PINASCA EPICO: APPLAUSI!

Playoffs Prima: partita divertente e ricca di colpi di scena

4 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

DOMANI: FOTOGALLERY

 

CIT TURIN-PINASCA 3-2 al 120' (2-2 al 90') - Semifinale playoffs

Cit Turin: Controvero, Sartori, Baudino, Cirillo, Moncalvo, Bongiovanni, Salis, Sandiano, Tarzia, Panarese, Salvador. A disp.: Orsini, D'Agostino, Canta, Cattaneo, Bacconi, Gianarro, Badura. All.: Garau.

Pinasca: Salusso, Daviero, Gardiol, Bruno, Issoglio, Pascal, Sanmartino, Prochietto, Dellaveda, Korri, Della Rocca. A disp.: Richar, Dell'Anno, Ramasotto, Donato, Coisson, Demin, Militello.

Arbitro: Loiodice di Collegno.

Reti: 10' Tarzia, 18' Bruno, 25' st rig. Della Rocca, 41' st Gianarro, 10' sts Tarzia.

 

Scoppia l'applausometro in corso Ferrucci a Torino. Per il Cit Turin di Garau, che vola in finale playoffs con la tecnica dei suoi giovani. E anche per il Pinasca, veramente straordinario: la squadra di Falco ha portato anche il Cit ai supplementari dopo aver battuto le squadre di Racconigi e si è arreso solo al 115' della terza gara playoffs sostenuto da un pubblico eccezionale.

Dunque, 3-2 tra Cit Turin e Pinasca in semifinale e locali a giocarsi la Promozione domenica prossima contro l'Azzurra Cuneo.

 

Grande spettacolo sul caldo sintetico davanti al Palazzo di Giustizia, dove il Cit aveva lasciato le penne in Coppa davanti alla Montatese, ritrovando poi smalto, risultati e gioco ai playoffs eliminando Carrara e Mirafiori nei primi due turni.

Si parte forte. Il Pinasca, paesino sotto al Sestriere dal grande cuore, sbarca a Torino nella città del grande calcio con le sue mille certezze e tanta voglia di continuare a sognare. I locali puntano subito sulla grande capacità di organizzare trame di gioco rapide e taglienti palla a terra (Sandiano, Salis, Panarese maestri nell'abilità) e al 10' sfondano su corner: cross dalla destra, mischia e tap-in vincente di Tarzia, numero 9, in mischia nell'area piccola.

Il Pinasca e i suoi tifosi, che faranno arrabbiare il portiere del Cit Controverso ("Stanno cantando solo loro!", ha gridato per spronare la tifoseria di casa), risponde per le rime al 18': Sanmartino-Prochietto, dialogo a metà campo e palla a Bruno per un destro carognesco sulla trequarti. Golasso, palla sotto l'incrocio! 1-1.

A questo punto sale in cattedra Salusso e respinge la prima di cinque palle-gol per il Cit Turin: interventi tra i pali straordinari per il portiere del Pinasca, che dice di no al colpo di testa di Moncalvo al 25' e poi alla punizione di Salvador. Gli ospiti non ci stanno: destro di Sanmartino. Poi ancora Salusso a sbarrare la strada a Salvador (mancino).

 

Si va alla ripresa con il sacrosanto temporale su Torino (rassegnamoci) e ritmi più bassi. Il Pinasca prova a rischiare qualcosa, ma è ancora Salusso a compiere la quarta parata decisiva di giornata sul destro di Salis (5'). Della Rocca, riferimento più avanzato degli ospiti, risponde con un sinistro sopra la traversa. Poi i cambi: dentro Cattaneo (grande mossa a centrocampo, ottimo l'impatto sul match), Gianarro e Badura (tecnica e qualità) per i locali mentre per il Pinasca ecco Donato, Demin e Militello. Il Cit sciupa una punizione a due e viene castigato su una ripartenza: lancio di Prochietto per Della Veda, steso da Moncalvo al 25' st. E' rigore. Della Rocca trasforma (1-2) e il Pinasca sogna ad occhi aperti...Delirio in tribuna per le super-tifose capeggiate dalla "pres" Barbero.

I locali iniziano ad avere paura dell'eliminazione, ma al 41' st Gianarro scaccia la paura con un missile che si infila nell'angolino grazie ad una deviazione. 2-2. Supplementari.

 

Il primo quarto d'ora scivola come se fosse una partita a scacchi dove nessuno muove le pedine importanti. Poi è tutto per tutto per il Pinasca, che nei secondi 15' manda anche Issoglio a spizzare palloni aerei dopo il cambio forzato di Della Rocca, stremato. Militello si sbatte qua e là, ma la benzina è finita un po' per tutti dopo una stagione nettamente al di sopra delle aspettative. La mazzata finale è di Tarzia, ancora lui, dopo un errore di Gianarro a tu per tu con Salusso: 3-2 con una cavalcata negli spazi liberi dell'area di rigore. Pinasca, ovviamente sbilanciatissimo. A Prochietto e Bruno saltano i nervi (doppio rosso), ma nulla riuscirà a macchiare la stagione del Pinasca. Epica.

Bravo, molto bravo, il Cit Turin a contenere e arginare l'entusiasmo ospite, che ad un certo punto era veramente dilagante anche sul sintetico di corso Ferrucci. Il Cit è una squadra che gioca a pallone come poche: finale meritata!

 

GUARDA IL FILMATO SU FACEBOOK

dom

04

giu

2017

Ecco le finali playoffs! Lucento-Cavaglià (Promozione), Cit-Azzurra e Bianzè-Scuole Cristiane (Prima)

CIT TURIN, FINALE CONTRO L'AZZURRA! COLLEGNO KO AI RIGORI

Playoffs Promozione, finale Lucento-Cavaglià. Gioia Scuole Cristiane

Baudino del Cit Turin
Baudino del Cit Turin
Selfie Scuole Cristiane, scatto di Marchese: che impresa!
Selfie Scuole Cristiane, scatto di Marchese: che impresa!

4 giugno 2017

 

Ecco i verdetti della domenica playoffs!

 

PROMOZIONE: 1°/2° posto Lucento-Cavaglià, 3°/4° Revello-San Maurizio

 

Il Cavaglià spezza il sogno del San Maurizio Canavese battendolo 1-0 in semifinale: basta un gol di Pallante al 30' del primo tempo.

Nell'altro incontro il Lucento va in vantaggio su autogol di Pedrini, il Revello torna a galla subito dopo con l'1-1 di Blua a metà primo tempo e poi nella ripresa ecco il 2-1 di Perrone su rigore e il 3-1 del valdostano Amato. Dunque, finale playoffs Lucento-Cavaglià! Sarà campo neutro (squadre seconde classificate, previsti anche i rigori).

Per il terzo e quarto posto, valido per la graduatoria ripescaggi, sarà sfida tra Revello e San Maurizio: partita importante visti alcuni "buchi" in Eccellenza...

 

PRIMA CATEGORIA: Cit, Bianzè, Scuole Cristiane e Azzurra, finale!

 

Grandi emozioni in corso Ferrucci a Torino tra sole, caldo, nuvole e temporali: 3-2 al 120' per il Cit Turin di Garau, che prima passa in vantaggio con Tarzia, poi viene ripreso e sorpassato da un grande Pinasca a segno con Bruno e Della Rocca su rigore.

Un bolide di Gianarro al 41' st porta la gara ai supplementari e soffoca la gioia del Pinasca, che stava sognando ad occhi aperti. Al 110' il 3-2 definitivo ancora di Gianarro che chiude i conti prima delle espulsioni di Bruno e Prochietto.

 

A BREVE, Cit-Pinasca 3-2:

HIGHLIGHTS SU FACEBOOK, CRONACA SUL SITO E IMMAGINI

 

Nelle altre semifinali il Collegno Paradiso di Mele trova l'insperato 1-1 contro il Bianzè sul neutro di Gassino grazie a Murphy al 92'. Ai supplementari il punteggio non cambia e trattandosi di una partita tra due seconde classificate la gara finisce ai rigori, dove trionfa il Bianzè. Sarà quindi finale contro le Scuole Cristiane, assolutamente devastanti in casa dello Sparta Novara: 0-4 perentorio, doppietta di Ciocca, gol di Marchese (ancora lui, 23esimo gol!) e Ferla. Domani approfondimenti!

 

L'altra finale sarà Cit Turin contro Azzurra Cuneo: anche qui impresa in trasferta 1-3 contro gli alessandrini del Savoia. Decisivo Roccia (doppietta) e Fenoglio.

dom

04

giu

2017

Lucento-Cavaglià finale playoffs Promozione. In Prima gioia Bianzè, Cit Turin e Scuole Cristiane

PLAYOFFS PROMOZIONE: FINALE LUCENTO-CAVAGLIA'!

Prima: Scuole Cristiane devastanti, in finale Bianzè, Cit e Azzurra!

Gioia Cit Turin
Gioia Cit Turin

4 giugno 2017

 

VERDETTI

 

FINALE PLAYOFFS PROMOZIONE: Lucento-Cavaglià (campo neutro)

Terzo quarto posto: San Maurizio C.se-Revello

 

FINALI PLAYOFFS PRIMA:

Scuole Cristiane-Bianzè

Cit Turin-Azzurra Cuneo

 

PROMOZIONE PLAYOFFS - Semifinali

 

Lucento-Revello 3-1 (25' Blua, 30' aut. Pedrini (L), 25' st Perrone, 36' st Amato)

Cavaglià-San Maurizio Canavese 1-0 (28' Pallante, campo neutro Vische)

 

PRIMA CATEGORIA PLAYOFFS - 3° Turno

 

Sparta Novara-Scuole Cristiane 0-4 (31' Ciocca, 35' Marchese, 40' Ferla, 10' st Ciocca - campo neutro Recetto)

Bianzè-Collegno Paradiso 1-1 - 4-1 ai rigori  (per gli ospiti gol al 92' Murphy, campo neutro Gassino)

Cit Turin-Pinasca 3-2 ai supplementari (12' Tarzia (C), 20' Bruno, 25' st rig. Della Rocca, 41' st Gianarro (C), 10' sts Tarzia (C)

Savoia-Azzurra Cuneo 1-3 (16'  e 5' st Roccia (A), 15' st Corsi, 44' st Fenoglio)

 

SECONDA CATEGORIA PLAYOFFS - Romagnano, Calliano e Carrù in Prima!

 

San Pietro Gravellona-Romagnano 0-1 

Calliano-Spazio Talent Soccer 3-1 (2 Incardona, Zichella (S), Ambrogio)

Carrù-Mornese 3-0 (2 Pecherino, Sarr)

dom

04

giu

2017

Il portiere Alessandro Ferro: "Ero in mezzo a piazza San Carlo, ho pensato di morire"

FERRO: "TRAVOLTO DA UNO TSUNAMI UMANO"

Il portiere in mezzo alla piazza: altro che finale di Champions

4 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

Il calcio? Lo sport? La Champions? Juventus-Real Madrid? Macchè. Un'altra storia. Un altro film. Ieri sera piazza San Carlo a Torino è diventata il teatro di una grande fuga dal terrore, il palcoscenico dal quale scappare, ebbene sì...per salvarsi la vita.

 

E' bastato un boato, un allarme, il crollo di una recinzione, forse addirittura uno scherzo ("C'è una bomba!") per creare tra migliaia di persone davanti ad un maxi schermo un'allucinante psicosi, per materializzare un passaparola al confine vita-morte costruito su idee, percezioni e immaginazioni di qualcosa che in realtà non era mai avvenuto: "E' un tir impazzito che sta travolgendo tutti! E' una bomba!".

 

Sentite Alessandro Ferro, per anni portiere nel calcio piemontese in club come Vianney e Borgo SanRemo e oggi in Seconda Categoria a Parma, dove lavora: "L'esperienza più brutta della mia vita. Ero esattamente in mezzo a piazza San Carlo a Torino vicino alla statua dedicata ad Emanuele Filiberto, il Cavallo di Bronzo. Sull'1-3 per il Real Madrid noi tifosi juventini eravamo delusi, qualcuno era anche distratto. Ormai c'era poca fiducia sul fatto di poter vincere la partita e la Coppa. C'è stato un momento in cui ero di spalle rispetto al maxi schermo, mi sono girato catturato da un suono che non scorderò mai. Il rumore grave di un'onda...come uno tsunami. Un muro di persone mi stava travolgendo. Sono finito per terra, ma sono riuscito a rialzarmi. Ho subito pensato che un tir o un camioncino stesse travolgendo le persone come a Nizza. Ho sentito urlare di tutto. Ho pensato solo a scappare, a correre...E così ho perso di vista i miei amici. Avevo un'unica via di scampo, buttarmi dalla parte della piazza che sfocia verso via Roma, piazza Castello e via Po".

 

Ferro parla ancora con tanta emozione e adrenalina in corpo: "Ho pensato "qui è la fine". Lo ammetto, ho pensato di morire. Sono caduto una seconda e terza volta, per terra tra l'altro c'era solo vetro e questo è un vero scandalo. Chi ha permesso la vendita di tutto quel materiale all'interno della piazza? Avevo tagli dappertutto, ho visto gente calpestata da centinaia di persone, perchè tutti pensavano soltanto a sopravvivere. Non c'erano più regole...".

Ma non finisce qui: "Arrivato davanti a via Roma dal lato verso via Po si è creato un incredibile imbuto, perchè la folla spingeva sulle recinzioni e la gente non riusciva ad uscire. I ragazzi magari potevano scavalcare facilmente, ma gli anziani no. Ho visto una persona scavalcare la recinzione e poi rimanere incastrata sotto, travolta da molte altre che le salivano sopra come fosse un gradino. A quel punto ho sfruttato una breccia, ho raggiunto una pizzeria e mi sono rinchiuso dentro. I proprietari sono stati gentilissimi, hanno ospitato tanti tifosi spaventati. A me batteva fortissimo il cuore, ho immaginato di tutto in pochi minuti".

 

Una frase emblematica di Alessandro: "Finchè guardi le cose in televisione è un conto, poi quando ci sei dentro è totalmente diverso...L'ho capito solo ieri. Ho capito cosa hanno provato veramente le persone coinvolte in questo tipo di situazioni come a Nizza, a Parigi, a Londra...Ripeto, è qualcosa che non dimenticherò mai. Mentre correvo pensavo a mia figlia di quattro anni, che era fortunatamente al mare coi nonni, anche perchè davanti a me c'erano una marea di bimbi, tanto sangue per terra e terrore negli occhi delle persone, molte delle quali con tagli, gambe o braccia rotte. In tutto ciò non riuscivo a contattare i miei amici perchè i cellulari non funzionavano. Pensavo di andare a vedere una partita di calcio, sono tornato a casa terrorizzato. Ancora adesso ho paura soltanto al ricordo...".

Alessandro Ferro
Alessandro Ferro

dom

04

giu

2017

Qui Pianese, una new entry in Promozione. Quotazione panchina: 90% Scardino, 10% Capobianco

MARTEDI'/MERCOLEDI' LE FIRME IN CASA PIANESE

Promozione via Atletico Chivasso? Panchina: Scardino al 90%

Vito Scardino
Vito Scardino

4 giugno 2017

 

Una nuova squadra, un nuovo corso. Se ne sta parlando da un mese a questa parte. La Pianese del presidente Tubino, "affiliata" prima al San Mauro e poi al River Mosso, sta per diventare un club che funzionerà senza sinergie e con un suo corso a tutti gli effetti privo di vincoli con altre società.

 

Tra martedì e mercoledì le firme. Quali? Quelle della cessione e compravendita della matricola (di Promozione) dell'Atletico Chivasso, club che andrà ad unirsi a La Chivasso per una fusione annunciata da tempo.

Dopo il matrimonio sportivo fallito con il Pavarolo (era praticamente fatto e dato per concluso) il ds della Pianese Gepy Rosso non vuole sbilanciarsi fino al nero su bianco. E quindi proprio fino a martedì sera/mercoledì mattina, quando tutto sarà ufficializzato a meno di clamorosi colpi di scena.

 

La situazione panchina. Perchè Scardino secondo noi è al 90%: domenica scorsa, assicurano le nostre fonti, il mister ex Rivarolese ha passato diverse ore in compagnia della cordata Tubino-Rosso, parlando di situazioni societarie e soprattutto di campo. Il suo profilo piace molto per l'ottimo lavoro (con budget ridottissimi) nelle ultime due stagioni a Rivarolo, dove è stato realizzato un miracolo sportivo e mezzo, ovvero un salto in Eccellenza con meno di 30mila euro e quasi una salvezza a 9 punti di vantaggio sul Cerano, che poi ha guadagnato la permanenza in categoria ai playout.

Perchè c'è ancora un 10% per Capobianco: le stesse voci di corridoio raccontano come i contatti con il mister del Pavarolo non manchino anche perchè il tecnico non è certo della sua posizione in panchina in Eccellenza. Ci sono diverse variabili da considerare per Capobianco: il fatto che ad oggi non sia stato ufficialmente riconfermato, la contemporanea ricerca di nuove sinergie del club di Tiddia (mai nascosta nè da lui nè dal ds Cipriani), le possibili nuove affiliazioni e l'idea di dover lavorare con una squadra giovanissima, probabilmente costruita attorno al serbatoio del Chieri (ma non è detto). Lo stesso Capobianco era già stato associato alla Rivarolese, dove però è stato trovato l'accordo con Gousse.

 

Insomma, scenari curiosi, interessanti e pronti a sorprese dell'ultim'ora all'orizzonte. Vi aggiorneremo nei prossimi giorni.

sab

03

giu

2017

Bomba-Piscinese: contatto con Aloisi del Susa. Il bomber: "Sono combattuto..."

CLAMOROSO: PISCINESE, "ALL IN" SU FANTALOISI

Il bomber del Susa al fianco di Melle e Magno?

3 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

 

Bomba Piscinese Riva. Giusto ieri, intervistando il nuovo allenatore Antonio Ballario (articolo), scrivevamo di come la squadra del presidente Marano si stia preparando a diventare sempre più ambiziosa. Ieri sera poi è arrivato un messaggio alla redazione e oggi...ecco le conferme sul nome nuovo per l'attacco.

 

Si tratta di Simone Aloisi, bomber che ha raggiunto e superato i 200 gol nel calcio piemontese lo scorso dicembre, reduce dal campionato di Promozione B (stra)vinto con l'Union Susa. La nostra fonte, esterna alla Piscinese Riva (dove tutto taceva...), ci ha assicurato che Aloisi ha avuto almeno un contatto con il ds Fabio Muratori.

Lo abbiamo chiesto proprio a lui, per tutti "FantAloisi": "Sapevo che prima o poi sarebbe venuto fuori qualcosa...Pazienza, non c'è nulla da nascondere. Tra maggio e giugno, fortunatamente, ho avuto sempre molte richieste da quando gioco a pallone e la Piscinese Riva è una delle squadre che mi ha contattato. Ho fatto una chiacchierata con Muratori dopo aver parlato una prima volta anche con il ds Galluzzo e mister Falco a Susa. Nulla è stato ancora deciso da parte mia, almeno per il momento. La prossima settimana sarà però decisiva e sceglierò se restare a Susa in Eccellenza, un ambiente bellissimo, o provare a rimettermi in gioco altrove con nuovi stimoli. Posso solo dire una cosa, sono combattuto".

 

Aloisi non si sbilancia, noi proviamo a farlo sulla base delle informazioni raccolte. La pista-Piscinese Riva sarebbe al momento più quotata di una permanenza a Susa (60% - 40%) anche per motivi extra-calcio che riguardano la sfera familiare del bomber e la fedelissima moglie-tifosa Federica. Di certo la grafica che vi abbiamo proposto è l'ipotesi della composizione di un trio letteralmente devastante per la Promozione: bomber Melle, "Re" Magno e...FantAloisi? Nei prossimi giorni lo scopriremo ufficialmente.

sab

03

giu

2017

Pro Settimo, martedì il nuovo allenatore. E al Chisola? Attesa a San Mauro e Volpiano (via Conta)

ORE DECISIVE PER ALCUNE PANCHINE...

Chisola, ProSettimo, San Mauro, Volpiano: cosa succederà?

3 giugno 2017

 

Manca ancora qualche casellina da riempire per quanto riguarda le panchine di Promozione B. Confermato l'addio di Luca Conta a Volpiano: voci di corridoio assicurano che le idee della società siano quelle di continuare a proporre una prima squadra ricca di giovani (soluzione già vincente, incassatot anche il premio per il miglior utilizzo dei fuoriquota) e con pochissime pedine d'esperienza. Per questo Napoli e Selvitano, così come il puntero Santoro, potrebbero essere tra i primi a tornare sul mercato.

Per il futuro in panchina il nome più chiacchierato in queste ore è quello di Vito Scardino in uscita dalla Rivarolese, sempre che la guida tecnica non venga affidata proprio a Santoro.

 

QUI SAN MAURO

 

Rosario Ligato, in uscita dagli Allievi 2000 del Chieri, continua a essere in pole position per la panchina della prima squadra lasciata vuota da Telesca. Il mister ci ha confermato: "Sono a disposizione della società". Ancora in nomination l'ex Corneliano Caricato.

 

QUI PRO SETTIMO EUREKA E CHISOLA

 

Passando all'Eccellenza, martedì secondo il ds Tosoni sarà il giorno del nuovo allenatore: Romagnino? Mezzano? Oppure una new entry, visto che i contatti non mancano?

Per Mezzano sarà importante monitorare anche la situazione in casa Chisola, visto che l'ex Toro è stato accostato proprio alla panchina di Vinovo e visto che l'annuncio della riconferma di Boschetto continua a slittarei...Potrebbero essere ore decisive per la comunicazione di notizie ufficiali da parte dei club.

sab

03

giu

2017

Delorentis-Biellese non si farà: 90% Trino. Orizzonti, primi movimenti di mercato: c'è Coppo

ORIZZONTI: COPPO+VISCIGLIA. DELORENTIS: TRINO?

Coppo e Delorentis
Coppo e Delorentis

3 giugno 2017

 

Ancora grandi movimenti a Nord Piemonte. Tutti vogliono bomber Simone Delorentis in uscita da BorgoVercelli (oltre 50 gol in 2 anni in Eccellenza). Dopo le voci di ieri e la conferma dello stesso attaccante sul fatto che non vestirà la casacca de La Biellese fonti decisamente attendibili ci continuano a confermare come il giocatore migrerà verso Trino: quotazioni oltre al 90 per cento.

Dovrebbe essere andata più o meno così: il giocatore e la Biellese avevano un'intesa di massima, ma parallelamente all'ingresso di Cretaz al Trino (ieri la presentazione) le carte in tavola sono totalmente cambiate. Nelle prossime settimane vedremo se quella di oggi è un'esatta ricostruzione della realtà e se Delorentis seguirà i già confermati Canino e Montari.

 

Lo Stresa ha fatto un sondaggio per Ricky Poi della Juventus Domo, corteggiato anche dall'InterFarmaci, il Baveno continua a tentare bomber Hado, al Trino sono stati accostati anche i nomi di Giancarlo Varvelli del Baveno, ex Savigliano ora pare anche sul taccuino della stessa Biellese, e di Davide Lapadula, richiesto da un mucchio di club anche nel cuneese con alcuni contatti in serie D.

Nei prossimi giorni un incontro tra il portiere Bastianelli e la Juventus Domo. Il numero uno è sul taccuino di diversi direttori sportivi (guarda qui il video della sua stagione).

 

E poi ecco le prime conferme dell'Orizzonti United. Da Villareggia subito ottimo lavoro sul mercato da parte del ds Acquadro e di mister Peritore perchè, ricordiamo, è già arrivato bomber Raffaele "Pinilla" Cirillo, uno degli attaccanti più prolifici di Eccellenza.

 

Notizie certe: si ripartirà dal centrale Camilli, dal jolly Beretta, da Benincasa, Gnisci, Germano, dal '98 Modena e sono ufficiali (manca solo la firma) gli ingaggi di Gabriele Coppo da La Biellese e Enzino Visciglia dall'Alpignano. Qualità e genialità a centrocampo.

Coppo questa mattina: "Vero, ho parlato col Trino ma alla fine ho trovato l'accordo con l'Orizzonti dove giocherò nella prossima stagione".

ven

02

giu

2017

Canelli, Marco Marramao: "Marketing, comunicazione e senso di appartenza le nostre priorità"

CANELLI: CALCIO E MARKETING NELL'ERA DEL WEB

Marramao: nuove idee per fidelizzare sponsor, giocatori e tifosi

2 giugno 2017 - di Michele Rizzitano

Un nome nuovo per il calcio dilettantistico piemontese, un factotum a Canelli: Marco Marramao. Non solo addetto stampa e comunicazione della società, ma anche assistente tecnico della Juniores e figura di riferimento per il "marketing", parola spesso sconosciuta nel dilettantismo, chissà perchè (ma qualcosa si muove...). Il suo profilo è molto interessante in un calcio regionale mai così in sofferenza, almeno per le prime squadre, che ha bisogno di entusiasmo e idee nuove.
Marco, prima esperienza nel calcio dilettantistico e già diverse novità: "E' stato un anno emozionante per me, iniziato con una scommessa fatta dalla società Canelli e da mister Dragone che hanno puntato su di me e sulla mia voglia di fare calcio come assistente tecnico della Juniores. Da lì invece giorno dopo giorno mi sono trovato all'interno di un gruppo di lavoro straordinario. Sono riuscito a portare nuove idee anche a livello dirigenziale, di questo sono molto orgoglioso".
L'esperienza con la Juniores? "La società veniva dal successo dell'anno prima. In estate tutto quel gruppo di gran valore sia tecnico che morale ci ha lasciato tra prima squadra e nuove destinazioni. Ci siamo così ritrovati ad agosto con una squadra totalmente nuova, con ragazzi giovani come Penna, Bonelli, Zaninoni che sono dei 2000, e altri. L'inizio non e' stato facile. La classifica era deficitaria ma con il mister Dragone non abbiamo mollato e grazie al supporto enorme del direttore Barotta e dell'umiltà dei ragazzi guidati da qualche senatore come Bosca, Terranova, Dessi, Tona e leader nati come Martini, Borgatta, Grasso e Cocco siamo riusciti a fare una cavalcata mostruosa che ci ha portato a perdere solo un match da novembre a maggio".

Il momento del calcio dilettantistico: "Di certo c'è bisogno di modernizzarsi se si vuole crescere. La crisi si fa sentire, ma credo che il tempo in cui gli sponsor davano una mano tanto per partecipare sia finito. Oggi bisogna dare un servizio, creare qualcosa che valorizzi il brand di ogni società e nello stesso tempo dia visibilità costante a chi ha deciso di sposare il progetto. Per questo a Canelli abbiamo impostato una TV web con la collaborazione anche di Acquiradioweb dedicata ai nostri colori. In più proponiamo slogan emozionali per presentare il prossimo match e invitare i tifosi allo stadio. Le visualizzazioni sono state tantissime, quasi 10mila a settimana e per una piccola realtà non sono poche...Questo è il portafoglio clienti che portiamo e porteremo a tutte le aziende che hanno investito o vorranno farlo su di noi. Una visibilità costante attraverso lo sport. Basta con i classici striscioni allo stadio".

Obiettivi per il futuro: "Due su tutti. Sul campo quello di continuare ad essere protagonisti con il giusto mix di giovani cresciuti dalle nostre giovanili e giocatori esperti. Quest'anno la prima squadra ha raggiunto i playoffs, la Juniores ha sfiorato il titolo, gli Allievi hanno fatto i Regionali e i Giovanissimi 2003 hanno vinto a punteggio pieno il campionato provinciale. Questa e' la strada giusta. Il secondo obiettivo e' quello di aumentare l'entrate cosa che pian pian sta accadendo. Cerchiamo sempre nuovi sponsor che siano pronti a sposare il nostro progetto. Tra l'altro abbiamo appena realizzato il nuovo logo del Canelli Calcio e prossimamente organizzeremo una manifestazione in città per presentarlo insieme alla nuova squadra. Nel nuovo luogo abbiamo rimesso al centro dell'attenzione lo stemma della città, perchè riteniamo che sia importantissimo il concetto di appartenenza. Bisogna fare innamorare i ragazzi delle vere bellezze di questo sport, fare loro capire quanto siano fortunati a rappresentare una città, quanto sia bella la gioia di vincere un derby o un campionato. Stessa cosa anche per il pubblico che viene al campo".

Sogni? "Tantissimi, tra cui quello di creare ed un giorno lasciare valori importanti in questa piazza e migliorare le infrastrutture. In società stiamo lavorando anche per questo con il direttore Barotta e il presidente Poggio".
Curiosità, ora ti aspetta un'altra avventura come sviluppatore del brand e narratore della spedizione all'Europeo con la Padania per gli stati non riconosciuti. Si disputerà a Cipro. Marramao: "Sono molto carico per questa avventura. Ci tengo a precisare che la Padania non ha nessun riferimento politico, ma è una nazionale che seleziona i migliori giocatori di D, Eccellenza e Promozione che giocano in questa regione per andare a confrontarsi con pari livello d'Europa e del mondo".

CORNELIANO, COLPO ERRERA. RIZZO: "ANDRO VIA' DA SETTIMO"

ULTIM'ORA: VOLPE NUOVO BOMBER DEL RIVER MOSSO PIANESE

Bomber Volpe domani firma al River Mosso P.
Bomber Volpe domani firma al River Mosso P.
Rizzo: "Non resterò al Settimo"
Rizzo: "Non resterò al Settimo"

4 luglio 2016 - Lo abbiamo scritto giusto oggi: con il passaggio al Victoria Ivest di Tony Fina, ex bomber di Cbs e Città di Rivoli, la girandola dei bomber spingeva Lucio Volpe verso altri lidi.

L'ex Nolese, Santenese, Ivest, Mathi e Orbassano si accasa così al River Mosso Pianese, club nuovo di zecca in Prima Categoria allenato dall'ex Asca Oscar Lesca con presidente Gino Pelella/Tubino e ds Lorenzo Gavazza.

Se Pelella sottolinea come "...soltanto da domani sera ci saranno le ufficialità, in quanto i giocatori firmeranno" è lo stesso bomber Volpe a confermare il buon esito della trattativa.

Tra gli altri giocatori in entrata si fanno i nomi di Marco Capraro della Rivarolese, il difensore classe '82 Doria dal BarcanovaSalus, il centrocampista del '91 Enrico Coretti dal Vanchiglia, l'ex Pavarolo, Brandizzo e Ivest Stefano Delli Santi, il difensore del '91 ex Vanchiglia Brusa, l'ex Baldissero Bini, l'ex San Mauro Emanuele Trunfio.

Tre allenamenti in vista per il River Mosso Pianese. Inizio del ritiro il 17 agosto a La Piana.

Alicese: Mancuso. Menegazzi sul mercato. Toro-Fossano, quanti baby

Da sx:  l'ex Palermo Errera al Corneliano, Agostini verso la Nolese, bomber Rolfo e Sperandio
Da sx: l'ex Palermo Errera al Corneliano, Agostini verso la Nolese, bomber Rolfo e Sperandio

4 luglio 2016 - di Michele Rizzitano

Un'indiscrezione che coinvolge le società di Eccellenza interessate ai movimenti in casa Varallo Pombia. Con ogni probabilità sarà l'InterFarmaci Verbania a rilevare il titolo sportivo del club che vive un momento di incertezza societaria. Per l'InterFarmaci (Prima Categoria) si tratterebbe di un doppio salto in alto.

Eccellenza: un altro grande colpo per il CornelianoRoero. Arriva Moreno Errera, centrocampista classe 1998 cresicuto nelle giovanili del Palermo, arrivando fino a giocare negli Allievi Nazionali. Errera nell'ultima stagione ha vestito la maglia della Sancataldese, squadra siciliana di Eccellenza con la quale ha sfiorato la promozione in Serie D.

Borgomanero: è praticamente ufficiale, il nuovo mister sarà Marco Poma, ex Vigevano e Lomello.

Pavarolo: venerdì 15 luglio presentazione ufficiale della squadra neopromossa di mister Ballario presso il Castello di Pavarolo, alle ore 18.
Fossano: mister Viassi conferma il ritorno di Babacar Tounkara, che nonostante una prima separazione continuerà a far parte della rosa fossanese 2016/2017. Poi una serie di giovani e qui bisogna fare molta attenzione perchè Viassi è un allenatore che valorizza e sforna talenti (gli ultimi sono Giraudo e Gemello, due 2000 al Torino): arrivano il '98 Amedeo La Sala, il '97 Alessandro Peirano (ex Bra e Corneliano) e quasi sicuramente il '96 Samuele Bottasso dal Bra (stasera un incontro per arrivare all'ufficialità del trasferimento). Viaggio in direzione opposta, Torino-Fossano, per Antonio Rapa, di proprietà del Torino, centrocampista. Anche lui ottimo giovane da tenere d'occhio nella Viassi band.
In casa Orizzonti United ecco la conferma del '97 Michele Pititto: "Devo solo firmare". La punta ex Volpiano si accaserà all'Orizzonti assieme al compagno di squadra Valsecchi, centrocampista del '96. Due giovani che vanno a rinforzare la rosa dopo gli arrivi di Giunta, Roccia e Cerutti.
Borgaro: la società di Perona (confermato Pierobon, strappato all'Alpignano il centrocampista Sinisi dal Bra) segue da almeno una settimana l'ex Valle d'Aosta Montari, '94 che però rientra nella lista della spesa del dg Padovano al Pont Donnaz.
Alicese: decolla il mercato della neopromossa che dopo la chiusura della trattativa per l'ex Pont Donnaz Antonio Moretto si avvicina all'ex Junior Biellese Stefano Mancuso, attaccante di proprietà del Ponderano. Il giocatore: "Confermo, ci siamo messi d'accordo. Ora l'Alicese dovrà solo più parlare col Ponderano per il prestito".
Città di Baveno: dopo Amoruso dal Borgomanero e Nazzari arriva anche il classe '83 Garin, centrocampista e trequartista argentino ex Cuneo. Vicinissimo Manzoni, classe '99 ex Virtus Verbania.
Settimo: è dato in partenza il centrocampista Stefano Rizzo, ex Lascaris. Il giocatore si trova attualmente ad Ibiza ma conferma questa voce: "Andrò via da Settimo, non so ancora la destinazione".

Promozione: il Pont Donnaz (dopo Sterrantino, per il quale è duello Ivrea Banchette-Quincitava) ad oggi non ha riconfermato il playmaker Menegazzi e il centrale Berger.

Berger (avvicinato allo Charvensod di Fermanelli) con ogni probabilità sarà sostituito dal grande obiettivo di Padovano & C., ovvero l'ex Valle d'Aosta Francesco Fiore, il cui cartellino è di proprietà della Triestina. Padovano: "E' uno dei giocatori che sicuramente ci interessa, ma ci sono 60 giorni alla fine del mercato e potrebbe succedere di tutto".
Per l'attacco, a Pont (già definito l'acquisto dell'ex ProSettimoEureka Lollo Parisi) si fanno anche i nomi di Donato e Porro, entrambi dai Red Devils. Padovano: "Confermo la pista Porro. Al momento più lontano Donato".

Tra i riconfermati (Caresio, Garbini, Dotelli, Borettaz, Della Rosa e Meraglia) c'è anche Vitale.
Aygreville: coppia d'attacco formidabile formata da Matteo Baldi, bomber fortissimo conosciuto in tutto il mondo-calcio a nord ovest, e Simone Turato, ex Alessandria. La società è in contatto con la Juventus per Stefano Monteleone, giovane cresciuto nell'Aygreville che potrebbe tornare in Valle d'Aosta. Glarey verso la Pro Vercelli Primavera.
Per il Red Devils Verres poche speranze di iscriversi alla Promozione (mister Cretaz, attualmente sul mercato, aveva fatto un ultimo tentativo la scorsa settimane, ma niente sinergie). A questo punto sarà o discesa in Seconda Categoria con la stessa denominazione o chiusura della società, i cui dirigenti potrebbero ripartire a Champdepraz.
Due colpi per il neopromosso San Sebastiano: il difensore ex Centallo Thomas Delsoglio e la punta ex Busca e Revello Enzo Donatacci.
Poi c'è un colpo di scena: Andrea Ligotti (destinato al Lucento) con ogni probabilità ripartirà invece dal Savio Rocchetta di Raimondi.

Vanchiglia: l'ex Lucento Racioppi, l'ex Gassino Talamo, il bomber dall'Atletico Chivasso Atzori, il centrale ex Settimo Di Benedetto, le conferme di Genzano e Moreo, il '97 Blini ex Alpignano tra i pali e la trattativa in corso per il '98 Perino dal Lascaris. Il Vanchiglia ha lavorato davvero molto bene sul mercato. Tra i riconfermati anche l'ex Lascaris Gianluca Bo.
Nolese: dopo i fuoriquota Farfallini e Longhitano la squadra di Stefanetto è ad un passo dal bomber ex Alpignano e ProSettimo Luca Agostini, che quest'anno ha fatto molto bene con la Juniores Nazionale proprio a Settimo. Sarebbe davvero un grande acquisto.
Il Volpiano ha più che un'idea per l'attacco: potrebbe arrivare l'ex Victoria Ivest Lucio Volpe, corteggiato anche dal RiverMossoPianese.
Al BarcanovaSalus è quasi fatta per la punta ex Cbs e Asti Francesco Rolfo, che giorni fa ci aveva confermato la trattativa ("L'idea mi piace, ho incontrato persone serie e professionali"). Oggi aggiunge: "Ho incontrato nuovamente la società per definire altri dettagli". Insomma, manca solo la firma.
Colline Alfieri: continua la trattativa per l'ex Lucento Daniele Monteleone. In casa Gassino confermate le new entry Francesco Zucco dal Città di Rivoli, esterno, e Muraku, '96 ex Olmo.

Prima Categoria: l'Olympic Collegno aspetta il "sì" definitivo del portiere ex Venaria Andrea Sperandio, che deve ancora parlare con la Valenzana (proprietaria del cartellino, "Comunque siamo a buon punto", dice il giocatore). Pronti anche tre ex Victoria Ivest: la punta Indino, il difensore Soranna e il centrocampista Guadagno. La punta Roma è sul mercato ma potrebbe smettere di giocare.
A proposito di Victoria Ivest: l'ingaggio dell'ex Cbs Tony Fina spinge il puntero Lucio Volpe verso nuovi lidi.
Valdruento: con bomber Galizia pronti a tornare nel club di Matteo Balla Garzia e Giuliani. Caselette: dopo il portiere ex Rosta Salaniti la squadra di Musso si avvicina al difensore ex Alpignano Barone.

 

Seconda Categoria: offerta importante del Cafasse (dove si accaserà mister Bollone, ex Fiano) per il superbomber Luca Arena, protagonista con 43 gol stagionali (!) dell'annata del Football Mappano. Il giocatore ha richieste anche da categorie superiori e a breve valuterà. Di sicuro il Cafasse ad oggi sembra favorito.

STAGIONE 2016/2017: AL VIA IL 24 AGOSTO, COPPA ECCELLENZA!

3 luglio 2016 - Ecco le date della stagione 2016/2017, ufficializzate dall pubblicazione del primo comunicato Lnd.

 

Sulla carta (mancate iscrizioni? altre fusioni?) parteciperanno:

 

35 squadre di Eccellenza

65 di Promozione

128 squadre di Prima Categoria

167 di Seconda

125 di Terza

 

Il termine ultimo per inoltrare la domanda di iscrizione online fino alla Seconda Categoria (inclusa la Coppa Piemonte) è il 15 luglio alle ore 18. Per la Seconda una settimana in più, per la Terza fino al 31 agosto.

Orari: fino al 2 ottobre si giocherà alle ore 15, dal 2 ottobre 2016 al 2 aprile 2017 fischio d'inizio alle 14.30, dal 2 aprile 2017 si torna a giocare alle 15. Playoffs e playout alle 15.30.

 

COPPE
Coppa Italia Dilettanti di Eccellenza               Mercoledì 24 Agosto 2016
Coppa Italia Dilettanti di Promozione                Mercoledì 31 Agosto 2016
Coppa Piemonte Valle d’Aosta Prima cat.           Giovedì 1 Settembre 2016
Coppa Piemonte Valle d’Aosta Seconda Cat.     Domenica 11 Settembre 2016
Coppa Piemonte Valle d’Aosta Terza categoria  Domenica 18 Settembre 2016


CAMPIONATI
Eccellenza                                                         Domenica 4 Settembre 2016
Promozione e Prima categoria                            Domenica 11 Settembre 2016
Juniores Regionale                                             Sabato 24 Settembre 2016
Seconda categoria                                             Domenica 18 Settembre 2016
Terza categoria                                                  Domenica 25 Settembre 2016

 

Maggio + giugno: quasi 150mila click su Sportovest.com - LEGGI TUTTE LE NOTIZIE

ECCO LA DENSO: PERSIANO, BUSTREO, GEOGRAFO, DE MIGLIO E...

Denso - In foto da sx: Persiano, Benedetto, Geografo, Bustreo, De Miglio
Denso - In foto da sx: Persiano, Benedetto, Geografo, Bustreo, De Miglio

2 luglio 2016 - Denso allo scoperto. Il ds Beppe Macchi ha messo a segno ottimi acquisti: il bomber Marco Persiano, ex Lascaris e MathiLanzese, è uno degli attaccanti più noti del calcio piemontese, assieme a lui il portierone De Miglio dall'Albese, l'esterno e attaccante Geografo (reduce da un ottimo secondo posto in Eccellenza col Borgaro), il centrocampista '96 ex Cuneo e MathiLanzese Riccardo Bustreo, in più i '97 Mainardi e il '98 Caristo presi entrambi dall'Usaf Favari, e il '97 Mazzone dall'Orizzonti United.

Il ds Macchi attende altre firme e ufficialità. A breve ulteriori dettagli.

QUARTETTO A CASELLE: GALLESIO, GREGUOLDO, APRA' E LEONE

Il difensore centrale ex Pavarolo Federico Benedicenti al SG Chieri

2 luglio 2016 - Rinforzo dall'Eccellenza per il San Giacomo Chieri: arriva il centrale Federico Benedicenti, ex Pavarolo che si aggiunge a Biagio Tucci dal MathiLanzese, Calzolai dall'Usaf e Mastroianni dal PancalieriCastagnole. Quattro movimenti di mercato davvero niente male per la squadra di Melega.

 

Ecco i movimenti del Caselle in Promozione (vedi foto). Agli ordini del mister ex Borgaro, Chisola e Lucento Mario Gentile (Aimone Gigio Andrea ai Giovanissimi) arrivano Riccardo Gallesio, difensore centrale ex Vianney, Matteo Greguoldo ('96) dalla Nolese, difensore centrale ed esterno, Alberto Aprà, centrocampista '98 ex Lascaris cresciuto nel Caselle, ed il portiere Alessandro Leone ('93) ex Juve e Volpiano, dal Cnh Industrial. Questi i colpi del ds Ramacogi, pronto ad ufficializzare altre trattative in corso.

Confermati tra gli altri Alessandro Pertosa, Marco Liuni e Vincenzo Abalsamo e sbarcheranno in pianta stabile in prima squadra i '97 Maccagno e Biseffi.

L'ALPIGNANO CHIUDE COL BOTTO: ECCO MARANGONE DALLA PRO

Monteleone: Colline? Marinaro, 90% Ivest. Brignolo ('95) a Saluzzo

2 luglio 2016 - Grande colpo dell'Alpignano in Eccellenza e il presidente Granieri dichiara "...con questo chiudiamo il mercato". Sì, col botto. A disposizione del mister Mario Gatta ora c'è anche il centrocampista ex ProSettimoEureka e Chieri Luca Marangone, classe 1992.

E dunque, ricapitolando: bomber "Pinilla" Cirillo dal Corneliano, l'esterno Barrella dal Bra, il centrocampista Carini dall'Orizzonti, l'attaccante Marangone dalla ProSettimo. L'Alpignano, piazzando tantissime conferme sul blocco della scorsa stagione (lo ricordiamo, Coppa Piemonte in bacheca battendo da 0-2 a 3-2 nientedimeno che il Casale, più una comoda salvezza) ha davvero lavorato benissimo sul mercato, riuscendo nella passata stagione a valorizzare tanti giovani. Mancano ancora un '88 ed un portiere, a giorni le ufficialità. Casassa, Bellino, Lorusso, Chisari, Barone, Zancanaro e Blini i giocatori in uscita.

 

Mercato: l'attaccante ex Lucento Daniele Monteleone è uno dei principali obiettivi del Colline Alfieri. L'ufficialità potrebbe arrivare la prossima settimana. Stiamo invece scrivendo parecchio di Emanuele Marinaro, protagonista di situazioni curiose, che cambiano velocemente: prima era stato accostato al River Mosso (ma aveva trovato l'accordo con Fabrizio Penna, al River è poi andato il mister Oscar Lesca) poi aveva trovato l'intesa su tutto con l'Alpignano di Granieri (ma i nuovi orari di lavoro non gli avrebbero consentito di raggiungere Alpignano da Torino in tempo per gli allenamenti).

E così si parla oggi di Victoria Ivest: tre motivi. Ci sono ex compagni di squadra pronti alla firma (Fina e Migliardi), l'orario di allenamento è perfetto per Marinaro e il campo è vicino. Dunque, Victoria Ivest probabile destinazione dell'esterno offensivo. O altre sorprese?

In Prima, come anticipato ieri, alcuni giocatori passano dal Carrara al Santa Rita: cambiano maglia Montone-Zaccone-Leone, più Garreffa, Robaudi e Tancredi.

A Saluzzo un gradito ritorno: il difensore '95 Brignolo torna in granata (casacca vestita per tre anni) dopo l'esperienza di 6 mesi al Pavarolo.

 

Sul mercato l'ex Boves e Corneliano Luca Giordanengo, portiere che si è trasferito a Torino dal cuneese.

Fonti certe assicurano che ci sia stato un tentativo di riavvicinamento tra Roberto Cretaz e i Red Devils Verres, club che però conferma le sue difficoltà nell'iscrizione alla prossima Promozione. La dirigenza continua a cercare sinergie. Alla fine, per Cretaz, nulla di fatto.

Giuseppe Napoli, corteggiato dalla Rivarolese e non solo: "Resto a Venaria. Ringrazio le società che si sono interessate a me, ma non mi muoverò da casa".

Per il bomber ex Pont Donnaz Francesco Sterrantino, secondo voci di corridoio, è duello Quincitava-Ivrea Banchette. Entro mercoledì il giocatore deciderà la sua prossima squadra.

Giuseppe Napoli: "Resto al Venaria". Sterrantino: Quincitava-Ivrea

Giuseppe Napoli resta al Venaria
Giuseppe Napoli resta al Venaria
Bomber Francesco Sterrantino sul mercato
Bomber Francesco Sterrantino sul mercato

E' TEMPO DI FOTO UFFICIALE A PONT: GIOVENZI+PARISI+CALLIERA

1 luglio 2016 - Esclusivo - Il colpo di mercato è di quelli roboanti. E' tempo di foto ufficiale per uno dei giocatori più talentuosi del calcio piemontese, l'attaccante ex ProSettimoEureka Lollo Parisi (90 gol in 4 anni), che fa ora ufficialmente parte della rosa del Pont Donnaz Hone Arnad. Domandone: Promozione o Eccellenza? Lo scopriremo presto, la domanda di ripescaggio è stata inoltrata, ma il progetto del Pdha è comunque di quelli a lungo termine.

Una trattativa, quella per Parisi, portata a termine con la sapienza e l'esperienza del nuovo dg Luca Padovano, che si è fiondato sul giocatore con il quale aveva già lavorato subito dopo aver saputo che non sarebbe rimasto alla ProSettimoEureka. Una serie di contatti, la sinergia con il team manager Giovenzi e con il presidente Calliera (due JeanPierre) fino alla conferma finale: molto felice anche mister Mauro Cusano, che così potrà costruire il suo puzzle con un pezzo da novanta come Lollo Parisi assieme ai giocatori da lui allenati al Valle d'Aosta (Giordano, Monetta, Bonel, Scala, Furfaro, Montari, più Pentimalli dal Red Devils Verres), ai riconfermati (Caresio, Garbini, Dotelli, Borettaz, Della Rosa e Meraglia, ci saranno altri nomi) e pare che il mercato non finisca qui...

SAN GIACOMO CHIERI: TUCCI, CALZOLAI E LA PUNTA MASTROIANNI

Mastroianni e Tucci alla corte di mister Melega (a dx) al San Giacomo Chieri
Mastroianni e Tucci alla corte di mister Melega (a dx) al San Giacomo Chieri

1 luglio 2016 - Il San Giacomo Chieri di Alan Melega si prepara per il prossimo campionato di Promozione dopo la salvezza ai playout contro l'Usaf Favari (2-1, poco più di un mese fa hanno segnato Grosso e Anselmi). E' stata l'ennesima impresa del mister dopo gli applausi raccolti a Susa in tanta stagioni ed il salto di categoria in Eccellenza centrato qualche anno fa tramite ripescaggio, sempre col San Giacomo, frutto di un ottimo lavoro sul campo.

Tre colpi importanti. In attacco ecco l'ex Alpignano, Chisola e CastagnolePancalieri Eugenio Mastroianni, classe '82 che ha giocato nel Novara in C2, poi Rivoli, Canavese e tante esperienze dalla D in giù. Sarà lui il riferimento offensivo del San Giacomo.

A centrocampo arriva l'ex Giaveno, Busca, Atletico Torino, Vanchiglia e MathiLanzese Biagio Tucci. Altro rinforzo d'esperienza. In difesa (dove è pronto ad arrivare una pedina dall'Eccellenza) ecco anche Dario Calzolai, nelle ultime tre stagioni all'Usaf Favari.

Tanta attenzione sui giovani, alcuni dei quali si sono messi in luce con una forte Juniores Regionale dietro alla corazzata Chisola: si ripartirà dai '98 Bordino (ex Toro) e Caponi, e dai '97 Presta, Nano, Anselmi e Favaro.

SALUZZO SI PRESENTA: SEI NUOVI ACQUISTI, ECCO GATTI E PINELLI

Montante: "Fossano? Se scendo in Eccellenza al 90% andrò da Viassi"

Con la maglia del Saluzzo: Gatti, Pinelli, Porporato, Micelotta e Bissacco - FOTO PAOLO COSTA
Con la maglia del Saluzzo: Gatti, Pinelli, Porporato, Micelotta e Bissacco - FOTO PAOLO COSTA

1 luglio 2016 - di Michele Rizzitano

 

Con la maglia del Saluzzo, pronti alla firma: ecco l'ex Legnano Gabriele Pinelli, l'altro '98 ex Chieri Porporato, l'ex Colline, Savio e Cavour Simone Bissacco e il '97 Micelotta dalla Cheraschese. Nelle foto (realizzate dal fotografo Paolo Costa) manca Alberto Favale, attaccante in arrivo dalla Denso, assente per motivi di lavoro ieri a Saluzzo.

 

Fossano-Montante. Di questo possibile trasferimento se ne parla da settimane. Più di un giocatore fossanese da noi raggiunto sarebbe contentissimo del suo eventuale acquisto, che innalzerebbe certamente il tasso tecnico della squadra. Marco Montante (attaccante dello Sporting Bellinzago) è stato allenato da Viassi nell'Aquanera, alla Novese e ad Alessandria. Tre indizi fanno una prova? Abbiamo raggiunto il diretto interessato.

Montante: "Con Viassi ho un rapporto speciale, che va al di là del campo da gioco. Mi ha allenato in diverse squadre e mi conosce bene. So come lavora lui e che tipo di progetto c'è a Fossano, sarebbe quindi una buona piazza per me. In questo momento non posso però sbilanciarmi, sto valutando la situazione allo Sporting Bellinzago e vedremo cosa succederà". E' vero che si è fatta avanti la Pro Dronero? "Un contatto c'è stato, ma se scendo in Eccellenza al 90 per cento andrò a Fossano perchè il rapporto con l'allenatore è fondamentale". Queste le parole, al di là delle voci, di Montante. Nei prossimi giorni se ne saprà di più.

MOMENTO-LEGGEREZZA: LESNA GOLD, NON E' UNA ROSA CALCISTICA

1 luglio 2016 - No. Non è una rosa calcistica...Cena di squadra in casa Lesna Gold: il portiere Boetto consegna una rosa al ds Culcasi, forse, per farsi perdonare qualcosa. Chissà. Forse per superare alcune incomprensioni sul mercato (Boetto inizialmente era dato in partenza, con Salaniti in arrivo), sicuramente per cercare la pace in maniera molto ironica prima di una bella mangiata di gruppo. Un momento-leggerezza a stagione ormai conclusa. Tutto ciò succede mentre mister Calabrò e i compagni di squadra se la ridono: "Questioni di calcio. Oppure...?".

ALPIGNANO: L'EX BRA BARRELLA, NO MARINARO. SINISI: BORGARO

RAGAZZONI, DALLA RAP AL CARRARA IN PRIMA. E BOMBER ROMA...?

Pinasca: preso il difensore centrale ex Luserna Matteo Issoglio

Bomber Roma
Bomber Roma
Marco Montante
Marco Montante

Matteo Barrella all'Alpignano da Gatta
Matteo Barrella all'Alpignano da Gatta

30 giugno 2016 - di Michele Rizzitano

 

Altro colpo per l'Alpignano di Mario Gatta in Eccellenza. Arriva l'esperto, ma giovane, classe '93 Matteo Barrella, esterno che ha giocato col Bra in Eccellenza e serie D per diverse stagioni. Per lui esperienze anche in Pinerolo, Lucento e Gassino.

Il presidente Savino Granieri annuncia un altro colpo in porta (vicinissimo un '98 molto interessante), un difensore ed un centrocampista. Proprio a centrocampo non arriverà Fabrizio Sinisi (anche lui ex Bra): destinazione Borgaro.

Per l'esterno ex Città di Rivoli "Pupi" Marinaro un cambio di rotta improvviso per la difficoltà di raggiungere il campo in tempo da Torino in uscita da lavoro: niente Alpignano. Marinaro con ogni probabilità valuterà un'offerta nel torinese, senza grandi spostamenti da dove lavora.

L'Alpignano ha così virato su Barrella e ora sono pronti altri tre colpi per chiudere il mercato in via Migliarone.

30 giugno 2016 - Inizia oggi la stagione 2016/2017. E da oggi, ufficialmente, il mister Alessio Ragazzoni mette in pausa il "Rap", cambia disco, saluta la Rappresentativa Giovanissimi Torino (con tanto di foto sul web) e torna ad allenare i grandi. Per lui è Prima Categoria col Carrara, la società che ha insistito più di tutte da un mese a questa parte.

I movimenti del club torinese: dal Pianezza è già stato confermato il trasferimento del difensore Giacomo Caporilli, in attacco potrebbe arrivare l'ex Pertusa e Pianezza Simone Minniti, e con loro si lavora per arrivare alla firma con Borrelli e De Santi del Santa Rita, e con gli ex Pertusa Luca De Rosa (portiere) e Giovanni Palomba (difensore).

Ma sono i giovani il vero valore aggiunto dei club e la squadra di Ragazzoni ha già confermato il '97 Lorenzo Lobascio (centrocampista), il '96 Matteo Basso (centrocampista), il '95 Luca Manzone (attaccante), il '94 Diego Costantino (difensore), i '93 Corrado Cornoni (centrocampista) e Marco Santoriello (centrocampista) assieme al classe '85, attaccante, Luigi Vernillo.

Il trio Montone-Zaccone-Leone (i più esperti del Carrara della passata stagione) potrebbero invece finire tutti e tre al Santa Rita.

 

Pinasca: con il grave infortunio subìto a fine stagione da Fabio Montiglio (rottura del crociato, operazione il 21 luglio) la società è corsa ai ripari ingaggiando l'ex Luserna, difensore centrale, Matteo Issoglio.

 

Bomber Fabrizio Roma: sul mercato uno dei grandi protagonisti della cavalcata orange dell'Olympic Collegno di Musso in Prima Categoria (articolo). Due gol su tutti da incastonare in questa stagione, entrambi segnati ai playoffs: quello al Collegno Paradiso (rinvio sbagliato del portiere, stop e tiro carognesco sotto la traversa) e quello all'Ardor Torino in finale playoffs (anticipo di Valastro a metà campo, bolide di collo pieno dal cerchio centrale all'incrocio dei pali, da oltre 30 metri).

E adesso? Bomber Roma, ex Barcanova, due anni alla Juve, Rivara, Leinì Lombardore, Pozzomaina e Rodallo, è sul mercato, ha deciso di non continuare con la maglia dell'Olympic dopo due stagioni ("Ero molto legato a mister Musso, non sento gli stessi stimoli ed entusiasmo") ma potrebbe anche decidere di smettere di giocare se non arriverà una proposta interessante ("E mia moglie sarebbe contenta...").

Da sottolineare come lo "zar" Musso avrebbe potuto portarsi dietro (o meglio, proporre alla dirigenza neroverde) mezza squadra arancione al Caselette, visto che i giocatori lo adoravano. Stando a quanto riportano più fonti pare proprio che Musso abbia voluto evitare che questa situazione si verificasse per non alterare gli ottimi equilibri creati in via Tampellini.

RIGNANESE-SAVIGLIANO NON SI FA: CENTROCAMPISTA SUL MERCATO

Il club di Milani ingaggia l'ex Bra Bossolasco. Pronti altri due acquisti

30 giugno 2016 - Una voce che arriva dal cuneese ed ecco una notizia in Eccellenza. A confermarla è lo stesso Giacinto Rignanese, playmaker di centrocampo, 14 anni al Toro prima di passare a Pro Vercelli, Rivarolese, Saint Cristophe, Bra, ProSettimoEureka, Cheraschese, Valenzana e Pinerolo: "Purtroppo gli orari di lavoro non potranno coincidere con quelli degli allenamenti. Le ho provate tutte ma non siamo riusciti a trovare la quadra col Savigliano, società che comunque ringrazio per l'interesse nei miei confronti. Ora sono fermo e valuterò ogni proposta".

Altre due notizie da Savigliano: preso il '97 Andrea Bossolasco dal Bra, jolly difensivo, terzino e centrale. Visto il mancato accordo con Rignanese arriveranno oltre a Tulino e bomber De Peralta un altro centrocampista (il ds Bergesio ha già il nome, manca solo l'ufficialità) e un difensore centrale.

PRIMO RADUNO PER IL CHISOLA DI BOSCHETTO: ATTACCO DA 50 GOL

30 giugno 2016 - di Michele Rizzitano

 

Casa Atletico Gabetto, strada delle Cacce: è da qui, da un primo raduno torinese, che parte la stagione 2016/2017 del Chisola di Riccardo Boschetto. Dirigenti e giocatori si sono ritrovati post-lavoro per fare il punto sulla situazione e per conoscere i dettagli della preparazione, prima di un rinfresco. All'orizzonte una nuova avventura in Promozione. E il Chisola (che senza sbilanciarsi troppo sogna "un bel campionato") sarà con ogni probabilità una delle protagoniste.

Alla presenza del patron Luca Atzori Langiu, dei vicepresidenti Antonio Caruzzo e Pierluigi Pairetto e di tutta la dirigenza, il primo a prendere la parola è stato il ds Francesco Selliti: "Siamo molto felici di aver radunato questo gruppo compatto, che pensiamo di aver rinforzato con ottimi giocatori prelevati sul mercato. Il processo di crescita è stato già evidenziato nell'ultima stagione, vogliamo che si continui così e che la prima squadra dia seguito a quanto di buono fatto finora. Ci sono poi altri progetti ambiziosi come quello riguardante il nuovo impianto, stiamo lavorando su più fronti. Chiediamo a tutti il massimo impegno per raggiungere i nostri traguardi". Pierluigi Pairetto, vicepresidente e tra i migliori arbitri italiani di sempre (secondo nel mondo nelle classifiche IFFHS del 1996): "Siamo reduci da un girone di ritorno eccezionale e sono felice delle tantissime riconferme. Abbiamo ritenuto che mancasse qualcosa in zona gol e sono arrivati due attaccanti importantissimi come Barison e Collino, oltre che validi rinforzi dal settore giovanile. In più il Chisola ha la fortuna di avere un allenatore come Boschetto, a cui la Promozione sta sicuramente stretta. Lui ha rappresentato la chiave di volta della scorsa stagione con un grandissimo lavoro. Insomma, ci sono tutte le condizioni per disputare un bel campionato. Più in alto arriveremo, meglio sarà". Niente proclami, tanta consapevolezza senza far accendere fari e abbaglianti sulla squadra, che così lavorerà più serenamente. Prima del discorso alla squadra di mister Boschetto parte un applauso speciale per Barison: "E' tornato...finalmente", dice il dg Luigi Calcia.

Boschetto: "Ringrazio la società per queste belle parole a me dedicate. Qui abbiamo tutti le idee chiare. Non c'è pressione, non è stata spesa una follia per costruire la squadra e continuiamo a guardare al settore giovanile, la nostra grande forza. Inoltre credo nell'ottica di bilancio, che va sempre tenuta in grande considerazione. E' quello che dà continuità ad una società. Quest'anno andrò verso le 500 panchine (e Barison verso i 250 gol, tanto per mettere giù due numeri, nda) e se questo club esiste ancora dai tempi del Piobesi Chisola, dove io ho iniziato, in tempi di fusioni e sparizioni delle società come lo Sciolze che io ho allenato, qualcosa vorrà pur dire. Ripeto, la continuità è tutto. Una struttura e un'organizzazione sono la base per raggiungere i risultati assieme a tutte le altre componenti tecniche che conosciamo". Boschetto in chiusura su Barison: "E' voluto tornare al Chisola lui in prima persona, la trattativa è stata fin troppo semplice. Significa che qui si era trovato bene, questo ci fa grande piacere e dovrà essere un segnale per tutti". A Barison e Collino, papale papale: "Se segnerete 32 gol o 50 a me non importerà un cavolo". Risate. "Quest'anno i gol andranno pesati, più che contati...". Per i due, messaggio ricevuto, mentre qualcuno ricorda che "...andrà benissimo vincere anche tutte le partite 1-0". Tutti d'accordo.

 

Zoom: ecco la rosa del Chisola, 2 portieri, 7 difensori, 7 centrocampisti e 4 attaccanti. La preparazione inizierà il 10 agosto 2016.

Portieri: Ussia, Mazzetti. Difensori: Ramundo ('98), Casamassima, Bortolas, Beltramo, Visconti, Nardiello ('99), Ribecchini ('98). Centrocampisti: Genovesi ('98), Bettega, Carulli, Ferrero ('98), Vitale, Forneris ('98), Di Leo. Attaccanti: Barison, Collino, Deasti ('98), Kingidila ('98)

ULTIM'ORA, CELLAMARO: "OK COL PAVAROLO". CARRARA: CAPORILLI

Cellamaro
Cellamaro
Caporilli
Caporilli

29 giugno 2016 - Il difensore centrale ex Borgaro, Sciolze e Chieri Danilo Cellamaro, reduce dal campionato vinto col Brandizzo, è un nuovo giocatore del Pavarolo. A confermarlo lui stesso. Cellamaro: "Mi hanno voluto fortemente e ho trovato subito un ottimo feeling col mister. Ho trovato una società che vive di passione, seria e ambiziosa. Ritrovando vecchi compagni di battaglia ed essendo più vicino a Chieri mi sentirò a casa. Sono contento di questa scelta".

Prima Categoria: in casa Carrara, da mister Alessio Ragazzoni, ecco il difensore ex Pianezza Giacomo Caporilli.

LOLLO PARISI: "HO SCELTO PONT". ACCORDO DEFINITO: CHE COLPO

Sei acquisti dal Valle d'Aosta. Ecco i primi riconfermati: c'è Borettaz

29 giugno 2016 - Altra ultim'ora, mercato sempre più rovente! Pochissime ore dopo il ritorno dalle vacanze del presidente Calliera e del team manager Giovenzi, il dg valdostano Luca Padovano, dopo un vertice, ufficializza in casa Pont Donnaz l'ingaggio di Lollo Parisi, ex genio della ProSettimoEureka (90 gol circa in 4 anni) ex Canavese, Pro Vercelli, Chieri, Rivoli, Giaveno e Cossatese.

E poi tanti trasferimenti interni dal Valle d'Aosta: seguono mister Cusano i '98 Giordano, Monetta e Bonel, più Scala ('91), Furfaro ('95) e Montari ('94, che aveva richieste dalla serie D). Dai Red Devils Verres, invece, arriva Pentimalli. Pronti ancora altri colpi.

Tra i primi riconfermati (lista non definitiva): Caresio, Garbini, Dotelli, Borettaz, Della Rosa e Meraglia.

In uscita (vedi sotto) Moretto. Padovano: "Lo ringraziamo per quanto fatto a Pont e gli facciamo un grande in bocca al lupo per la nuova avventura".

29 giugno 2016 - Ultim'ora - Il granitico difensore centrale del Pont Donnaz, Antonio Moretto, dichiara: "Vado all'Alicese". La Rivarolese aveva fatto più di un tentativo per ingaggiare il giocatore, corteggiato (fino ad oggi pomeriggio) anche dai dirigenti del nuovo corso a Pont Saint Martin per rimanere in maglia orange. Invece Moretto affronterà la prima, storica, avventura in Eccellenza ad Alice Castello, piccolo comune in provincia di Vercelli, ad ovest di Santhià.

ULTIM'ORA: E' SELLAM LA PUNTA INGAGGIATA DALLA PISCINESE RIVA

Saluzzo: con Lapadula al Sondrio l'obiettivo è l'ex Legnano Pinelli

Mohammed Sellam
Mohammed Sellam

29 giugno 2016 ore 15 - Un pizzico di peperoncino in questo pomeriggio infrasettimanale. La Piscinese Riva di Gambino ha una punta nuova di zecca (la cercava da alcune settimane dopo vari contatti con Collino, Cravetto, Greco Ferlisi, Pasqualone, Pollina, Boscaro e Moreo) ed è anche molto forte: è l'ex Moretta, Saviglianese, Revello e Cavour Mohammed Sellam, che ci dichiara "Confermo, vado a Piscina". Sarà lui il riferimento centrale per gli esterni Magno e Martin.

 

A Moretta non l'hanno presa benissimo. Il ds Daniele Capello: "Fa parte del mercato e del gioco, Sellam ha scelto così e volendo ci potrebbe anche stare, se non fosse per i modi e i tempi. Fino a questo momento (mercoledì, ore 15, nda) non ho ricevuto comunicazioni ufficiali da lui. Però avevo sentito la Piscinese, con la quale abbiamo un buon rapporto, e sapevo cosa stava succedendo. Giorni fa avevo semplicemente avvertito qualche tentennamento del giocatore...A questo punto sono ancora più contento dell'arrivo di Saponaro, con il quale ho chiuso la trattativa proprio dopo certi segnali, dopo quello già annunciato di Frigerio. Deluso da Sellam? Un po'. Devo pensare che la parola o la stretta di mano valgano ormai poco? Spero di no...Ci eravamo detti che ci saremmo visti alla presentazione dopo vari incontri e tutto sembrava definito. Ma va bene così. Non ci siamo fatti trovare impreparati, fortunatamente".

La risposta di Sellam: "Che avevamo un primo accordo è vero, nulla da dire, ma ci sono un insieme di cose che mi hanno portato a scegliere Piscina. Io non ero contento di alcune scelte che la società aveva fatto e tramite alcuni sms lo avevo ribadito. Poi dovevamo ancora chiarire una questione legata ad un premio, ma qui non voglio entrare nei dettagli. Ciò che mi ha portato a cambiare in realtà è la grande ambizione della Piscinese Riva. Il loro progetto mi è piaciuto e mi hanno voluto fortemente, pur sapendo che ero tra i riconfermati. Ad un certo punto hanno saputo che mi stavo guardando attorno e hanno insistito per risentirci, fino all'accordo".

 

Saluzzo: un'idea per il sostituto di Lapadula, passato al Sondrio. La società si è fiondata sull'attaccante del '92 nato a Chivasso Gabriele Pinelli, ex settore giovanile del Toro, Verbania, Folgore, Gozzano, Bra, Borgomanero e Legnano. Al momento non c'è l'ufficialità. Confermati invece Bissacco e Favale. Intanto il Saluzzo, esattamente come il Fcd Rivoli, resta ancora vigile sulla situazione-Gatti: nessuna novità ad oggi per il talento classe '98 del Pavarolo.

IVEST: ARRIVA FINA. ROSTA, ANCHE CESTONE. CASELETTE: SALANITI

Eccellenza: occhio al Savigliano di Milani, vuole anche Zammuto

28 giugno 2016 - Mercato: per il centrale difensivo del Chieri Zammuto è duello tra la ProSettimoEureka di Nobili in serie D e il Fc Savigliano di Milani.

Proprio il Savigliano si conferma protagonista in Eccellenza: dopo gli acquisti di Rignanese e De Peralta (e la riconferma di bomber Varvelli, 22 gol nel 2015/2016) ecco in porta una vecchia conoscenza nel Cuneo di mister Milani, ovvero il portiere Arden Tulino, ex Chisola, Pro Settimo, Giaveno, Saint Christophe, Chieri, Novese, Cuneo, Asti e Carmagnola. Se arrivasse anche Zammuto il club cuneese, già fortissimo così, metterebbe davvero una gran bella ciliegina sulla torta.

Nel cuneese si muove però benissimo anche il CornelianoRoero: che coppia in attacco Melle-Erbini! E poi ci sono le riconferme di Toscano, Delpiano, Anderson, Colaianni, Maja e Capuano.

La Cheraschese di Brovia ha risposto così: Prizio dal Chieri, Atomei dal Tortona, Pirrotta dal Savigliano, Nastasi dal Cuneo, Capocchiano dal Gassino ed Esposito dal Settimo.

Il Fossano, che già quest'anno aveva una rosa di Eccellenza quasi interamente riconfermato, ha ufficializzato l'ennesimo baby '98, ovvero Paolo Armando dal Pedona. Tantissimi i nomi che circolano attorno al club (Lassala, Costamagna, Sacco, Costamagna, Rapa del Toro) e bravissimo Viassi a dribblare le voci. Ciò che è filtrato è l'interesse proclamato per le 3M: Montante dello Sporting Bellinzago, Magno della Piscinese Riva e Morero del Saluzzo.

In casa Olmo staffetta in attacco: con Ligotti al Lucento è arrivato Caserio dal Saluzzo.

A Saluzzo ingaggiati Favale dalla Denso, oltre a Bissacco, al '97 Micelotta dalla Cheraschese e al '98 Porporato dal Chieri. Il sostituto di Lapadula potrebbe essere sarà l'ex Toro e Legnano Pinelli, classse '92.

Gatti resta un'incognita: lo seguono anche ProSettimoEureka, Fcd Rivoli, Cheraschese e molti altri club, incluso il Pavarolo dove potrebbe restare in prestito dall'Alessandria.

Favale dalla Denso e i giovani Micelotta (‘97) dalla Cheraschese e Porporato (‘98) dal Chieri, mentre è vicino l’ingaggio del ‘98 Gatti dal Pavarolo, in prestito dall’Alessandria.  - See more at: http://www.laguida.it/Sport/Calcio/Il-valzer-delle-punte-infiamma-il-calciomercato#sthash.7pr7nsNz.dpuf
Paolo Armando, classe ‘98 dal Pedona
Cheraschese: alla corte di Brovia ecco Pirrotta (da Savigliano), Prizio (Chieri), Atomei (Tortona) e i giovani Capocchiano (Gassino), Nastasi (Cuneo) ed Esposito (Settimo), liberati invece Marchetti e Chiatellino. - See more at: http://www.laguida.it/Sport/Calcio/Il-valzer-delle-punte-infiamma-il-calciomercato#sthash.7pr7nsNz.dpuf
Anderson, Colaianni, Toscano, Delpiano, Garrone, Capuano e Maja - See more at: http://www.laguida.it/Sport/Calcio/Il-valzer-delle-punte-infiamma-il-calciomercato#sthash.7pr7nsNz.dpuf
Anderson, Colaianni, Toscano, Delpiano, Garrone, Capuano e Maja.  - See more at: http://www.laguida.it/Sport/Calcio/Il-valzer-delle-punte-infiamma-il-calciomercato#sthash.7pr7nsNz.dpuf
Anderson, Colaianni, Toscano, Delpiano, Garrone, Capuano e Maja.  - See more at: http://www.laguida.it/Sport/Calcio/Il-valzer-delle-punte-infiamma-il-calciomercato#sthash.7pr7nsNz.dpuf
Anderson, Colaianni, Toscano, Delpiano, Garrone, Capuano e Maja.  - See more at: http://www.laguida.it/Sport/Calcio/Il-valzer-delle-punte-infiamma-il-calciomercato#sthash.7pr7nsNz.dpuf

 

Promozione e Prima: il bomber Igor Pepino (17 reti nel 2015/2016) passa dal Boves al Pedona, dove ritrova il direttore tecnico Macagno, ex allenatore del Boves.

Il bomber Tony Fina, ex Cbs e Città di Rivoli, è pronto alla firma in casa Victoria Ivest dopo aver valutato le varie proposte di mercato (il MathiLanzese sembrava a buon punto). Venerdì il nero su bianco con il club di mister Barbino, che ha sfiorato la Promozione diretta piazzandosi a -1 dal San Maurizio Canavese. L'attaccante ritroverà tra gli altri il compagno di squadra Migliardi.

Rosta: nella foto qui sotto i gemelli del '99 Andrea e Antonio Caputo (due colpi ex Lascaris firmati dal ds Di Gianni e strappati alla concorrenza), il leader Marco "Destro" Molino (17esimo anno in biancorosso), il nuovo acquisto dal Collegno Paradiso Emanuele Cestone (attaccante esterno, decisivo nella prima parte del campionato di Promozione 2015/2016) e il baby Gabriele Pignataro, che due anni fa andò a segno in Prima sull'assist del papà Giuseppe, per oltre 20 anni bomber del calcio piemontese. Tra i nuovi acquisti a disposizione del tecnico Baron ci sono anche bomber Tucci dal Vianney, il portiere Liut dal Rapid e l'esterno De Concilis dalla Pro Collegno. Molte trattative in corso.

Caselette: la società comunica di aver ingaggiato per la squadra di mister Musso il portiere ex Rosta Giuseppe Salaniti, in uno primo momento avvicinato al Lesna Gold (ma poi è stato riconfermato Boetto).

 

In Seconda Categoria c'è un gioiello che brilla: è Marco Frittella del FianoPlus, attaccante esterno talentuoso sul quale hanno messo gli occhi diversi club (era piaciuto molto anche ad alcuni dirigenti del Lg Trino in occasione della finale di Coppa Seconda Fiano-Castelnuovo che proprio a Trino si era disputata). Il FianoPlus tenterà di trattenerlo, giorni decisivi per la firma.

Ardor Torino: trattative in corso per la squadra di mister Alessio Negro con l'esterno offensivo Giovanni Coppola, un '96 che quest'anno era in prestito al Venaria e che sarebbe interessato al trasferimento. Un altro obiettivo è la punta Alberto Bianchi, '95 ex San Mauro, punta centrale. Un'altra trattativa, ma più complessa, è quella con la punta del Baldissero Dibernardo che con Negrescu andrebbe a completare un attacco dalle grandi qualità. La società lavora intanto sulla crescita dei giovani, a molti di loro sarà data la possibilità di mettersi in luce in prima squadra.

Bomber Fina
Bomber Fina
Salaniti a Caselette da mister Musso
Salaniti a Caselette da mister Musso

Dopo Grancitelli e Sardo (e non finisce qui), a Rivoli un '94 e un '95: Drago e Ghiglione.

FABIO PIROLI: GIRO D'ITALIA DA BOMBER PER IL PUNTERO DEL RIVOLI

Da Roma in Puglia, Abruzzo, Veneto, Trento, Lombardia, Liguria e Piemonte

28 giugno 2016 - di Michele Rizzitano

 

Zona Torpignattara, sud est di Roma, pochi passi da CineCittà. E' qui che nasce e cresce il classe 1985 Fabio Piroli, il bomber dell'Fcd Rivoli pronto a ricomporre un trio delle meraviglie in Eccellenza con gli ex compagni del Pinerolo Cravetto e Sardo.

E' arrivato in Piemonte a 14 anni, il tempo di vestire la casacca del Torino per cinque anni assieme ai vari Ogbonna, Negro e Bottone e di conoscere appena maggiorenne Myriam (che oggi è sua moglie). Poi un bellissimo giro d'Italia da bomber, da Sud a Nord. Tutto da raccontare. 

Cresciuto tra pallone (sport che ha iniziato a praticare ad 11 anni senza scuola calcio) e atletica, Piroli gioca per tre anni con il club che ha allevato un tale Francesco Totti, la Smit Trastevere. Poi i primi viaggi a Ladispoli, col treno, le prime separazioni dalla famiglia (che vive ancora a Roma) e il grande trasferimento: Torino. In stile Benvenuti al Nord.

Piroli si ritrova così sotto la Mole a 14 anni con gli Allievi Nazionali granata. Qui cresce, diventa il leader (lui '85) delle leve '86 e '87, arriva fino alla fascia di capitano in Beretti e Primavera (dove segna 17 gol), preparandosi anche con la prima squadra di serie A e B. Ma il Toro poi...fallisce. Intanto proprio a Torino il bomber conosce Miryam, ragazza piemontese di Torino: "Una fortuna incontrarla...Da quel momento l'ho avuta sempre accanto. Mi ha seguito in tutte le varie città e mi ha supportato in tutte le scelte che ho fatto"

Le scelte, appunto. Piroli si racconta: "A quel punto potevo andare a Taranto in C1 oppure a Varese o Biellese in C2. Avevo 18 anni e un primo procuratore, che mi consigliò Taranto. Una piazza straordinaria, con 10-15 mila tifosi allo stadio, matti per la squadra. Un'esperienza fantastica, che porto ancora adesso nel cuore"...

 

>>>>> LEGGI TUTTA L'INTERVISTA!

 

Mercato Fcd Rivoli: il nome nuovo che spunta per il centrocampo rivolese di mister Andreotti è quello di Giosuè Gallace, tre anni alla ProSettimoEureka e quest'anno in D con lo Sporting Bellinzago. Il ds Azzolina conferma la chiusura delle trattative per il difensore del '94 Giuseppe Drago e per il portiere '95 ex Denso Davide Ghiglione.

Drago, 10 anni nel settore giovanile del Torino, ex Chieri, Asti, Pro Vercelli, Pinerolo, Saluzzo e Mondovì: "Ho l'accordo su tutto, devo solo firmare. I contatti sono iniziati la scorsa settimana e siamo arrivati subito all'intesa. Sono molto felice di questa nuova possibilità e spero di ripetere la stagione con il Pinerolo di due anni fa, vissuta assieme ai vari Piroli, Cravetto e Pantaleo. L'anno scorso ho giocato nel Saluzzo fino a dicembre, poi sono passato alla Virtus Mondovì e purtroppo siamo retrocessi. Un'annata storta che voglio subito riscattare. Le mie caratteristiche? Posso fare il centrale o il terzino, sono due ruoli che ho sempre ricoperto". Dunque, un bel rinforzo per l'Eccellenza rivolese davanti all'uomo ragno Volante, affianco a Grancitelli e Pavan.

Il 20enne torinese Ghiglione, anche lui Scuola Calcio Toro, poi 7 anni al settore giovanile della Cbs: "Apprendere da un portiere come Volante sarà davvero molto importante per me. L'ho incrociato da avversario in due campionati, io cercherò di allenarmi al meglio e di sfruttare tutte le possibilità che mi verranno concesse. L'organico è molto valido, penso ci siano le carte in regola per una grande stagione. Ritrovarsi in una rosa con un allenatore come Andreotti e tanti giocatori con un grande Palmares alle spalle fa molto piacere. Per mia fortuna nelle varie esperienze calcistiche ho trovato buonissimi ambienti, l'ultimo alla Denso, e i cosiddetti vecchi mi hanno sempre aiutato. Spero che anche a Rivoli sarà così".

Ghiglione è reduce dall'Eccellenza con l'Atletico Gabetto, dall'esperienza a Saluzzo (si alternavano tra i pali lui e Peano) e poi da quella alla Denso. Nella vita studia Architettura, è milanista e il suo mito è...Buffon: "Un mostro sacro, perchè oltre ad essere un campione è anche un esempio come persona. Ieri è stato straordinario, in occasione dell'ultima parata contro la Spagna ho fatto un salto in alto sul divano...Curiosità? Sono uno scaramantico, rispetto sempre alcuni riti pre-partita". Un grande classico dei portieri...E a proposito di scaramanzie Ghiglione ha avuto tra i vari allenatori anche Oppedisano, il mister calabrese coi peperoncini in tasca durante le partite.

di Boetto Ivan & C.

Tel. 011-8240169

CANDIOTTO GOMME

Strada Borgaretto 48, ORBASSANO

Il sito - Servizi - Contatti

 

Manutenzione/meccanica

Sostituzione cinghia

Verifica/Sostituzione sospensioni

Verifica/Sostituzione freni

Tagliandi - Servizio Frizione

www.candiottogomme.it

ANIMALI: OFFERTE TOP

CRONACA ONLINE

Val Susa Val Sangone

Cintura Ovest

UN CAFFE' A RIVOLI?

Un must per chi ama il caffè

Il sito - I punti vendita

RELAX IN TOSCANA

Vacanza in Toscana? Casa Milla (Cecina, LI), mare a 3 km. Info.

IL MODULO 3-3-2-2

Breve guida per addetti ai lavori, tecnici, manager di società calcistiche, osservatori, talent scout: i segreti del modulo 3-3-2-2 coniato dai tecnici Delgado e Von Hoffmann.